Redazione     Informativa     Link  

Una Maschera, un Volto, un Paese: il Carnevale in Sardegna

sabato, 07 marzo 2020 07:34

condividi su facebook
"Is Arestes e S'Urtzu Pretistu" - vittima sacrificale - Sorgono (NU), "I Disertori della Vanga" photo team
Francesca Bianchi
In ogni luogo e in ogni tempo le maschere furono considerate portatrici di prosperità e benessere. Quando bussavano alle porte delle case erano accolte con gioia e ogni famiglia dava loro quel che poteva. Non vi era alcun diniego, perché si credeva che le maschere portassero una buona annata con l'arrivo della pioggia e la rigenerazione della terra. (Dolores Turchi, I carnevali e le maschere tradizionali della Sardegna)

Domenica 1 marzo ha chiuso i battenti la bella mostra fotograficaUna Maschera, un Volto, un Paese, curata dai fotografi Carlo Andreani, Fabrizio Baldazzi, Fabrizio Cimini e Paolo Lolletti e allestita al Museo Civico "Mario Antonacci" di Albano Laziale (RM). Per quattro anni i fotografi si sono dedicati a un'affascinante ricerca sulle tradizioni ancestrali del Carnevale in Sardegna, su Carrasegare, con particolare attenzione a quelle di Fonni, Lula, Mamoiada, Orotelli, Ottana, Sorgono, Ula Tirso. Le tante foto di cui si compone il ricco percorso espositivo documentano riti e cerimonie tradizionali, simbolo e orgoglio dell'appartenenza ad un popolo; si tratta di un patrimonio identitario antichissimo che si tramanda da sempre di padre in figlio.
Domenica ho avuto modo di fare una bella chiacchierata con i curatori di questa esposizione, che il prossimo 8 aprile verrà inaugurata nella Spazio espositivo "Search" del Comune di Cagliari e il prossimo anno probabilmente varcherà i confini nazionali per approdare in Spagna. I quattro fotografi hanno ripercorso per i nostri lettori le fasi del loro lavoro, raccontando curiosità e dettagli di questo ricco percorso etno-antropologico alla ricerca delle origini di riti, cerimonie e tradizioni che si perdono nella notte dei tempi. Hanno raccontato curiosità, rappresentazioni e simbologia delle maschere tradizionali del carnevale dei sette paesi oggetto della loro ricerca: S’Urthu e Sos Buttùdos a Fonni; Su Battileddu a Lula; Mamuthones e Issohadores a Mamoiada; Sos Thurpos a Orotelli; Boes e Merdules a Ottana; Is Arestes e S’Urtzu Pretistu a Sorgono; S’Urtzu a Ula Tirso. Si scopre che queste cerimonie propiziatorie dell'abbondanza affondano le loro radici in una civiltà contadina e agropastorale tipica di molti contesti barbaricini, su cui si è innestata l'influenza degli antichi culti dionisiaci. Per tale motivo ho voluto che ad introdurre questo mio articolo dedicato alla mostra fossero le parole della saggista Dolores Turchi, studiosa di cultura e tradizioni popolari, che tante pubblicazioni ha dedicato al carnevale e alle maschere tradizionali della Sardegna, l'Isola più magica e misteriosa del Mediterraneo che ancora oggi, attraverso i suoi spettacolari riti millenari, riesce a parlare al nostro inconscio più profondo.

Andreani, come è nato, in cosa consiste e quali obiettivi si propone il progetto confluito nella mostra fotografica Una Maschera, un Volto, un Paese?
La mostra fotografica “Una Maschera, un Volto, un Paese” fa parte di un progetto ideato da me insieme agli amici fotografi Fabrizio Baldazzi, Fabrizio Cimini e Paolo Lolletti. Tutti facciamo parte del photo team “I Disertori della Vanga”, che opera attraverso la documentazione fotografica sul territorio italiano ed estero. Oggetto della nostra ricerca sono le varie realtà sociali, culturali e tradizionali tipiche di ogni comunità.
Le fotografie che abbiamo inserito in questa mostra fanno parte di una raccolta di decine di migliaia di scatti che abbiamo realizzato in Sardegna. Tutte le immagini hanno un forte impatto emotivo. L’oggetto della mostra, la maschera, è un forte simbolo di identità e di appartenenza ad un popolo. L’esposizione assume, pertanto, un carattere formativo oggetto di studio artistico e antropologico.
Il nostro obiettivo è sempre stato quello di trasmettere emozioni. Documentare un evento, del resto, implica il coinvolgimento totale dei fotografi con le realtà locali, al punto da condividerne le emozioni e assorbirne gli stimoli. Abbiamo estrapolato dalle manifestazioni cui abbiamo assistito la vera essenza di cui si nutrono i partecipanti; abbiamo ricercato l’aspetto sociale, tentando il più possibile di entrare a far parte dei clan che alimentano i cerimoniali, respirando la loro stessa passione.

Baldazzi, perché avete scelto di documentare il fascino ancestrale dei riti del Carnevale sardo? Dove vanno rintracciate le origini di certi riti? Come vi ha accolto la popolazione locale?
La Sardegna è la culla di rituali apotropaici propiziatori di origine pagana, arcaici cerimoniali che resistono tenacemente anche in altre remote zone della nostra Penisola. L'area geografica interessata da questi riti è la Barbagia, nel Nuorese, dove la gente mantiene viva la memoria e le tradizioni di riti e credenze precristiane che si esprimono al meglio nel periodo del Carnevale. In Barbagia ogni paese assume una sua fisionomia nei cerimoniali, mostrando maschere e danze diverse. Si mettono oggi in scena maschere antropomorfe e animalesche, con vestiti che spesso prendono in dote la pelliccia dei caproni. Si ricorre anche a campanacci messi sulle spalle che producono un cupo rumore. Si usa, inoltre, la cenere per scurire il volto o unguenti misti tra olio, cenere, sughero finemente sbriciolato e altri elementi che vanno a coprire buona parte del corpo. In alcuni casi i riti sono anche sacrificali e si inscena per questo la fuoriuscita di sangue animale.
"Boes e Merdules" - Il Bue viene ricondotto alla calma e all'ordine, allontanando così il maligno - Ottana (NU), "I Disertori della Vanga" photo team
Il Carnevale sardo, "su Carrasegare", è uno degli ultimi avamposti contro lo svilimento delle leggende. Poter osservare oggi le loro maschere e vivere da protagonisti le loro cerimonie è un privilegio.
In Barbagia ci siamo sentiti a casa, la gente è gentilissima, disponibile a fornire delucidazioni e informazioni a chiunque mostri interesse, mettendosi a completa disposizione del turista sinceramente interessato a conoscere le tradizioni locali e ad indagarne il significato profondo. Di solito gli incontri con la gente del posto si sono conclusi sempre con un bel bicchiere di rosso Cannonau, generosamente offertoci per brindare insieme a loro.

Cimini, quanto è durata la vostra ricerca? A quali paesi avete deciso di dedicare la vostra attenzione?
La nostra mostra fotografica sulle tradizioni della Sardegna è frutto di un lavoro durato quattro anni. Abbiamo condotto molte ricerche e scelto, tra le varie manifestazioni, quelle che per noi erano tra le più interessanti sotto il profilo comunicativo, estetico e culturale. Abbiamo deciso di concentrare la nostra attenzione su sette paesi, documentando i loro costumi e le loro tradizioni; di sei paesi documentiamo i riti del carnevale, di uno i riti che si esprimono attraverso i fuochi di Sant’Antonio, a gennaio. Questi i paesi presi in considerazione: Fonni, con lo spericolato ritmo di “S’Urthu e Sos Buttùdos”; Lula, con il rito primordiale di “Su Battileddu”; Mamoiada, con la danza inebriante di “Mamuthones" e "Issohadores”; Orotelli, con il cerimoniale propiziatorio di “Sos Thurpos”; Ottana, con il caos frenetico di “Boes" e "Merdules”; Sorgono, con la possente rappresentazione di “Is Arestes e S’Urtzu Pretistu”; Ula Tirso, con la raffigurazione misteriosa e tribale di “S’Urtzu”.

Lolletti, ci sveli pure qualche dettaglio di queste arcaiche manifestazioni e delle maschere tradizionali dei sette paesi protagonisti della mostra fotografica...
La lotta dell'uomo contro la natura fa da sfondo al carnevale di Fonni. "S'Urthu", la figura centrale riconducibile all’orco, il dio delle tenebre e dei morti, e "sos Buttùdos" sono le maschere caratteristiche.
La prima, vestita con pelli di montone o caprone, porta un grosso campanaccio al collo e ha la faccia annerita dal sughero bruciato. Viene tenuto al guinzaglio con una rumorosa catena di ferro da "sos Buttùdos", che indossano un possente cappotto e dei campanacci sulle spalle. "S'Urthu" tenta di liberarsi, è irrequieto, ribelle, si arrampica sugli alberi e si avventa sulle donne; "sos Buttùdos" resistono e con difficoltà cercano di domarlo. "S'Urthu" è una tra le maschere più spettacolari del carnevale in Sardegna. A Lula, invece, la maschera protagonista del Carnevale è "su Battileddu", la vittima. È vestito di pelli di pecora o montone, ha il volto sporco di fuliggine e sangue e la testa coperta da un fazzoletto femminile nero. Ha un copricapo con corna caprine, bovine o di cervo, tra le quali è sistemato uno stomaco di capra. Sul petto porta i campanacci, sulla pancia, seminascosto dai campanacci, porta uno stomaco di bue pieno di sangue e acqua, che ogni tanto viene bucato per bagnare la terra per fertilizzare i campi. "Su Battileddu" è seguito nel suo cammino dai "Battileddos Gattias", uomini travestiti da vedove che indossano gambali maschili. Queste maschere cullano una bambola di pezza che porgono alle donne tra la folla, chiedendo loro di allattarla, mentre intonano canti funebri in onore della vittima del carnevale.
Spostandoci a Mamoiada, troviamo “Mamuthones" e "Issohadores”. Il "Mamuthone" è probabilmente la più nota tra le maschere del carnevale dell'intera Sardegna. Vestito di pelli, porta dei pesanti e rumorosi campanacci sulle spalle. Il viso è celato dietro un'affascinante e allo stesso tempo inquietante maschera di legno di pero. I "Mamuthones" sfilano in gruppi di dodici, come i mesi dell'anno, disposti in due file. Il loro passo solenne e ritmato è a meta tra una danza e una processione. Intorno a loro si muovono i coloratissimi "Issohadores", che indossano una maschera bianca. Il passo cadenzato dei "Mamuthones" è una danza che ha valore apotropaico, risveglia la natura e allontana il male. Gli "Issohadores", veloci e agili, danno il tempo ai "Mamuthones", mentre lanciano un laccio di vimini tra il pubblico che assiste, facendo prigionieri donne o amici. In passato venivano fatti prigionieri i nobili o i ricchi per augurare loro una buona annata; questi, per sdebitarsi dell'onore ricevuto, offrivano vino e dolci a tutto il gruppo. Oggi vengono catturate autorità locali.
Il carnevale di Orotelli è uno degli eventi più sentiti del Carnevale in Sardegna. I "Thurpos" (gli storpi) hanno le facce dipinte di nero e vestono lunghi pastrani in orbace, impersonando dei pastori che inscenano diverse situazioni legate alla tradizione contadina. Fanno risuonare dei campanacci per allontanare gli spiriti maligni. Con loro ci sono i "Thurpos Boes", che sfilano appaiati come fossero buoi sotto il giogo, guidati da un "Thurpu". Alcuni di loro sono seminatori, per questo spargono crusca durante il loro cammino, mentre il "Thurpu Vrailarzu" (il fabbro) finge di ferrare i "Thurpos Boes". A volte i "Thurpos" catturano qualche spettatore e lo costringono a offrir loro da bere.
A Ottana le figure principali del carnevale sono "sos Boes" (i buoi), che indossano maschere di legno con lunghe corna, e "sos Merdules" (i contadini), che tentano di tenere a bada i "Boes". Questi, però, si ribellano al contadino, tentano di fuggire e creano scompiglio. "Sos Merdules" con corde e bastoni cercano di farli calmare e ricondurli all'ordine. Bisogna ricordare che durante il periodo neolitico il toro era simbolo di forza e vitalità per molte culture mediterranee, tra cui quella sarda. Un'altra maschera importante del carnevale di Ottana è "Sa Filonzana", che rappresenta una vecchia di cui tutti hanno paura. Piegata dall'età, sempre vestita di nero e con il volto nascosto da una maschera lignea oppure dipinto con la fuliggine, che contrasta col bianco di una dentiera ricavata da una patata, ha fra le mani il fuso, la canocchia e la lana; fila e predice un futuro più o meno prospero o infausto, a seconda della qualità del vino che le viene offerto.
) "Mamuthonrs e Issohadores" - Il loro rito è un ritmo ipnotico tra la danza e la processione per allontanare le negatività - Mamoiada (NU), "I Disertori della Vanga" photo team
A Sorgono "sos Arestes" (gli agresti, i selvatici) indossano pelli di capra, pecora e mucca, sul dorso portano ossi di animali, il capo è ricoperto da un copricapo in sughero foderato completamente di pelle lanosa e sormontato da corna di caprone, daino, cervo e toro. Il viso e le braccia sono annerite con sughero bruciato. Armati di bastoni possenti, mazze di legno e forconi, si muovono provocando con dei saltelli il suono apotropaico degli ossi che hanno legati sulle spalle. Alcuni hanno in dotazione un corno di bue, che suonano per tutta la durata della cerimonia. In testa al corteo uno o due "Arestes" tengono legata con una catena la vittima predestinata al sacrificio, "s’Urtzu Pretistu", un uomo che indossa un’intera pelle di pecora, capra o toro, con il copricapo sormontato da maestose corna di Toro, che verrà percosso e pungolato da tutti gli "Arestes" del gruppo. Il rito del sacrificio culmina con l’uccisione de "s’Urtzu", colpito a morte dai bastoni, forconi e mazze di legno degli "Arestes".
"S’Urtzu" è la vittima del carnevale di Ula Tirso. Si tratta di una maschera tragica, per metà uomo e per metà animale, che è la rappresentazione concreta del dio delle tenebre e dei morti. La particolarità di questa maschera consiste nel portare come copricapo una grossa testa di cinghiale. Sotto le pelli indossa un lungo pezzo di sughero che serve a proteggerlo dai colpi de "sos Bardianos" (i guardiani), che inveiscono contro di lui. Quando "su Omadore" (il domatore) invita "s'Urtzu" a ballare, tutte le maschere iniziano a ballare intorno a lui. Con le sue danze scomposte "s’Urtzu" allontana le maledizioni e porta alla comunità benessere e fertilità.

Cimini, in che modo questi rituali arcaici sono arrivati ai giorni nostri? Hanno subito delle evoluzioni nel corso dei secoli?
Ogni rappresentazione tra quelle indicate ha un suo rituale, una sua maschera e una sua storia. L’essenza di tutto ciò è il rapporto che hanno i cittadini con la natura e con le loro arcaiche credenze popolari. I culti non si sono mantenuti intatti nel corso del tempo a causa del controllo della Chiesa, che ne intaccò le vere origini. Un tempo, infatti, tutti i riti avevano maschere animali e antropomorfe con lunghe corna e si muovevano con danze spasmodiche e convulse. Inoltre, in alcuni casi i rituali comprendevano anche sacrifici. Riti del genere, in tempi di rigida ortodossia religiosa, erano visti come espressione del demonio e andavano sconfitti con ogni mezzo. Si arriva ai giorni nostri e molti paesi, terminato il periodo ultraconservatore e oltranzista della Chiesa, hanno riscoperto e riproposto in termini turistici, con rituali in qualche modo addolciti, i cerimoniali dell’abbondanza. Questi piccoli paesi, in alcuni casi con pochi abitanti, si popolano a dismisura quando avviene la ricorrenza del carnevale sardo, facendo accorrere persone da ogni parte del mondo. I turisti, amanti delle tradizioni, diventano dei veri e propri "supporters" e "reporters" con le loro macchine fotografiche e le loro telecamere, documentando tutto il documentabile.

Quale messaggio vi augurate possa arrivare a tutti coloro che avranno l'opportunità di ammirare le splendide foto che compongono questo percorso espositivo?
Più che un messaggio, ci auguriamo che questa mostra diventi una esortazione ad andare in Barbagia, nella Sardegna più genuina e sincera, dove i visitatori potranno ammirare, nei periodi del Carnevale, le tradizioni e i riti arcaici di un'Italia che sta scomparendo sotto il peso della vita moderna e della tecnologia più sfrenata. Lasciare il proprio salotto, dove impera oramai ovunque la televisione e si è perennemente connessi alla rete, per andare a vedere di persona le scene che abbiamo fotografato. Crediamo che il nostro lavoro abbia un senso se stimolerà un interesse, se innescherà quella scintilla di curiosità che ogni essere umano ha. Per chi volesse andare, consigliamo di aprirsi al dialogo per comprendere i tanti perché dei costumi e delle tradizioni di una società rimasta ancora franca e schietta.
Aggiungo anche due parole per la loro cucina sincera e per il loro vino che sembra essere un elisir: anche solo il suo profumo riporta indietro nei tempi, quando i rituali delle maschere erano di origine ancestrale e divinatoria. Il nostro lavoro è rivolto anche agli studiosi di etno-antropologia. Infatti i riti propiziatori e dell’abbondanza resistono quasi originari qui, su questo spicchio di terra sarda. Si possono notare certamente molti particolari che fanno unica ogni rappresentazione dei paesi; ogni piccolo centro ha le sue caratteristiche. Anche per i fotografi, i videomaker e i giornalisti, questo è il terreno adatto per sviluppare qualsiasi concetto, effettuando reportage di assoluto rilievo documentale.
Con questa mostra fotografica il nostro messaggio più importante è e rimane anche il senso della bellezza di una zona ricchissima di richiami culturali unici in tutto il bacino del Mediterraneo: anche solo portandola in visione nelle sale espositive, genera meraviglia e bramosia di conoscenza.
Ci auguriamo che le immagini rendano il senso di intimità e confidenza creatosi tra fotografi e soggetti ritratti, trasmettendo a chiunque le osservi le emozioni che abbiamo provato noi.
Chi vuole tuffarsi in questa realtà rimarrà coinvolto in un turbine adrenalinico di una massa eterogenea di persone che inneggia alla propria maschera, simbolo di appartenenza alle proprie usanze, ai propri costumi, alle tradizioni, alle proprie radici identitarie. Buon viaggio a tutti, quindi, e che con la visita inizi il vostro stupore!
Mostra altri Articoli di questo autore
info@freetopnews.it
- Giorgio Murru: Spiriti e Dèi nella statuaria preistorica della Sardegn - 09/04/2020 13:50:32
- Una Maschera, un Volto, un Paese: il Carnevale in Sardegna - 07/03/2020 07:34:21
- Pe’ terre assaje luntane: al MANN l’emigrazione ischitana in America - 01/03/2020 19:33:00
- Thalassa: a Napoli le meraviglie sommerse dal Mediterraneo - 27/02/2020 23:09:38
- Nel segreto mare delle stelle di Marella Giovannelli - 25/02/2020 18:10:02
- Marcello Cabriolu, la Sardegna e il Mediterraneo Occidentale - 17/02/2020 21:27:55
- Erika Maderna, sulle tracce della medicina delle streghe e delle sant - 27/01/2020 06:48:31
- Federico Fellini: ironico, beffardo e centenario - 14/01/2020 07:56:24
- Pompei e Santorini, l'eternità in un giorno - 04/01/2020 08:29:04
- Andrea Icardi, un anno in Alta Valle Maira - 30/12/2019 14:15:42
- Archeologi italiani riportano alla luce i reperti assiri di Faida - 15/12/2019 09:45:07
- Augusto Mulas: l'orientamento astronomico dei nuraghi - 09/12/2019 19:01:03
- Margherita Massari: Ildegarda di Bingen, Sibilla e Dottore della Chies - 06/12/2019 09:18:37
- Il mito immortale di Cartagine in mostra a Roma - 04/12/2019 00:02:27
- Aquileia 2200. Porta di Roma verso i Balcani e l’Oriente - 29/11/2019 05:28:33
- Michele Porcaro: ASSTEAS - Storia del Vaso più bello del mondo - 19/11/2019 00:26:44
- Silvia Romani: credenze, miti e dei degli antichi - 11/11/2019 13:10:02
- All'Alba Radians di Albano (RM) il Filottete di Sofocle - 06/11/2019 16:36:58
- Mulino della Riviera di Dronero (CN), una storia firmata Cavanna - 29/10/2019 18:50:24
- Galluras, il Museo della Femina Agabbadòra - 22/10/2019 07:00:03
- Ugo Mancini: Sotto la cenere, storie di vita quotidiana durante il ven - 10/10/2019 20:51:11
- Alessandra Derriu: streghe, indovine e curatrici nella Sardegna del '7 - 04/10/2019 07:06:18
- Giuseppe Vito Internicola: Castellammare del Golfo, alle origini di un - 29/09/2019 18:15:59
- Città della Pieve (PG) si prepara ad accogliere Il Nostro Tempo - 25/09/2019 15:20:51
- Uno spazio per le Donne: alla scoperta del mondo femminile sardo e non - 23/09/2019 08:37:50
- Olmedo (SS), storia, tradizioni, folklore - 21/09/2019 09:21:49
- Silvia Giorcelli Bersani: I Romani e le Alpi - 16/09/2019 14:05:54
- Rossella Giglio: Segesta, tra teatro, musica, natura - 08/08/2019 15:56:16
- Enrico Caruso: la rinascita di Selinunte - 01/08/2019 14:29:05
- Lucina Gandolfo: alla scoperta di Monte Iato - 31/07/2019 07:33:07
- Sulle spiagge pontine tornano i Racconti di Sabaudia - 30/07/2019 08:47:45
- Tagliacozzo (AQ): XXXV Festival Internazionale di Mezza Estate - 22/07/2019 14:36:02
- Civiltà del sole: l'archeoastronomia nella Sicilia preistorica - 19/07/2019 07:30:13
- Cristina Muntoni, il potere delle parole nella storia della sacralità - 15/07/2019 18:12:54
- Francesco Bianco, un cammino tra verità nascoste - 13/07/2019 06:58:14
- Filippo Drago, mugnaio siciliano fra tradizione e modernità - 09/07/2019 07:28:20
- Con la KERNOS alla scoperta di Castellammare del Golfo - 02/07/2019 18:17:21
- Per una rinascita di Castelvetrano, città d'arte, storia, cultura - 27/06/2019 18:13:44
- Marinella Fiume: sapienza, virtù e misteri dell'universo simbolico fem - 11/06/2019 19:04:31
- Stefano Pucci: le incisioni rupestri delle Alpi Apuane - 07/06/2019 09:24:59
- Albano (RM), al via la Rassegna del Teatro Antico - 26/05/2019 18:33:37
- Max Dashu: Streghe e pagane, le donne nella cultura popolare europea - 14/05/2019 07:18:46
- Diego Maggio: profumi, aromi e sapori siculo-panteschi - 09/05/2019 08:15:34
- Regius, omaggio allo stupor mundi Federico II di Svevia - 03/05/2019 07:38:01
- Sentiero della Libertà, per tenere viva la Memoria - 01/05/2019 20:05:09
- Caccamo (PA), borgo di storia, arte, cultura - 28/04/2019 06:50:10
- C'era una volta Iato: omaggio dei ragazzi all'antica Iato - 23/04/2019 22:40:32
- U Pani ri Murriali: il pane genuino di una volta - 16/04/2019 17:20:40
- Recanati (MC): L'Infinito di Leopardi compie 200 anni - 13/04/2019 16:51:43
- A Camo (CN) torna PrimaVeraRegia - 11/04/2019 17:17:36
- Ivano Dionigi: Lucrezio, Seneca e noi - 04/04/2019 23:33:23
- Luca Mancini: Il caso dell'Ungheria di Horthy - 09/04/2019 19:14:05
- Il Foscolo di Albano (RM) trionfa al Festival Thauma - 30/03/2019 20:22:23
- Sotto il segno dei pesci: Camaiani celebra la Grecia - 28/03/2019 17:13:29
- Guido Cossard, viaggio nel mondo dell'Archeoastronomia - 25/03/2019 10:47:16
- Rosanna Oliva de Conciliis, una vita per la Parità - 17/03/2019 08:14:51
- Donna o Dea: le raffigurazioni femminili in Sardegna tra passato e pre - 02/03/2019 20:50:25
- Giorgio Ieranò: l'arcano fascino delle isole dell'Egeo - 25/02/2019 09:19:48
- Dea e Femminismo alla Roma Goddess Conference - 21/02/2019 09:10:27
- Elena Ianni: le feste e i falò del Messico - 17/02/2019 19:18:44
- Roma: l'olio d'oliva al Premio Filo della Torre - 15/02/2019 17:02:24
- I giovani attori del Foscolo alla Giornata del Greco - 06/02/2019 17:24:33
- La Penisola del Sinis (OR) tra storia, archeologia e natura - 29/01/2019 17:38:31
- King Camp Gillette: Il Turbine Umano - 19/01/2019 11:59:30
- Barumini (VS), archeologia, storia, cultura nel cuore della Sardegna - 14/01/2019 10:46:56
- Morena Luciani Russo: la ricerca della Dea e lo sciamanesimo - 09/01/2019 06:28:02
- Maurizio Bettini: Il Presepio, storia di un simbolo - 21/12/2018 08:22:38
- Venezia: Idoli, il potere dell'immagine - 12/12/2018 18:57:46
- Simona Modeo, Dioniso in Sicilia - 06/12/2018 17:48:35
- Violette Sauvage a Palazzo Colonna (RM) - 03/12/2018 07:01:13
- Pomezia (RM): Premio Donna d'Autore 2018 - 30/11/2018 06:37:50
- Massimo Blasi, l'incredibile storia degli imperatori romani - 28/11/2018 10:26:59
- Fabio Isman: 1938, l'Italia razzista - 25/11/2018 07:30:10
- Sacrum, lo Stabat Mater di Rossini all'Aracoeli di Roma - 22/11/2018 16:42:46
- Oriana Dal Bosco: il misterioso fascino del Nord Africa - 20/11/2018 17:17:03
- Natale inCHIOSTRO a Monastero di Dronero (CN) - 17/11/2018 07:53:51
- All'Alba Radians di Albano (RM): l'Ecuba di Euripide - 15/11/2018 16:59:16
- Autunno d'Autore a Ruralia, Conosci tu il paese dove... - 13/11/2018 18:40:36
- Marella Giovannelli, una vita tra giornalismo, fotografia e poesia - 09/11/2018 10:04:37
- Daniela Dao Ormena: Le radici chiamano, dolci melodie della Valle Mair - 30/10/2018 13:32:22
- Gli antichi pani di Sardegna protagonisti a Buddusò - 17/10/2018 14:23:34
- Torna a Lanuvio (RM) l'antico rituale della Maza - 04/10/2018 20:39:44
- Nonna Tommy, raccontaci ancora... - 02/10/2018 07:16:37
- A Buddusò (SS) torna Artes in Carrera - 30/09/2018 06:56:22
- Al Museo Africano di Verona la danza degli spiriti - 27/09/2018 00:12:36
- A. Cossard: Archeoastronomy, la prima app di archeoastronomia - 24/09/2018 09:21:18
- Firenze, Viaggio nell'altro e nell'altrove in ricordo di Paolo Grazios - 19/09/2018 08:31:44
- Lanuvio (RM): Buon compleanno, Antonino Pio! - 10/09/2018 06:04:22
- Raffaella De Sanctis, tra scuola e ricerca - 04/09/2018 17:45:49
- Màn. Vietnam Street Heroines in mostra al MAO (TO) - 26/08/2018 10:25:13
- Alessandra Comneno, una vita a contatto con la saggezza dei Nativi - 12/08/2018 19:38:51
- MAO (TO), ORIENTI. 7000 anni di arte asiatica dal Museo delle Civiltà - 07/08/2018 06:17:08
- Senorbì (CA), al MADN La Dea di Turriga, il mistero di un’icona senza - 01/08/2018 07:38:49
- Silvia Tenderini, una vita tra viaggi, ricerche e scrittura - 24/07/2018 19:40:34
- A Villa Giulia (Roma) la Scuola di Archeoastronomia 2018 - 19/07/2018 06:39:50
- Gabriella Mosso, I miei, i tuoi, i nostri - 17/07/2018 05:54:30
- Tagliacozzo (AQ), Festival Internazionale di Mezza Estate - 12/07/2018 06:39:05
- Franco Campus, Nuragici - un Territorio, un'Isola, il Mediterraneo - 09/07/2018 22:21:30
- Carmagnola (TO): Donne e Madonne nell’Arte dal XV secolo ad oggi - 04/07/2018 21:53:04
- Per una rinascita socio-culturale dei borghi della Valle dell'Amaseno - 25/06/2018 07:25:04
- Capalbio (GR), vacanza-laboratorio di Spiritualità Femminile con Devan - 22/06/2018 20:30:12
- Nicola Castangia, Ercole Contu e la scoperta della Tomba dei Vasi Tetr - 18/06/2018 06:44:49
- Castelfidardo (AN): gli studenti del Meucci per la valorizzazione del - 10/06/2018 17:30:57
- Papa Wojtyla in Comelico e in Cadore: il ricordo e l'emozione 30 anni - 27/05/2018 16:40:51
- Scrittori alla scoperta del mondo, una mostra sulla letteratura di via - 22/05/2018 06:00:18
- In viaggio tra le pagine di Elena Dak - 18/05/2018 09:31:20
- Convegno Internazionale contro Terrorismo, radicalizzazione e violenza - 08/05/2018 06:02:05
- Olimpia Biasi, la Viriditas di Ildegarda in mostra all'Hortu - 25/04/2018 15:09:19
- Con Marco Grippa alla scoperta del fascino segreto di Tagikistan e Kir - 18/04/2018 18:40:04
- Da Maenza a Fossanova sulle orme di San Tommaso d'Aquino - 13/04/2018 13:59:02
- Pierluigi Montalbano: l'alba della civiltà sarda - 10/04/2018 14:08:20
- Donne, Madri, Dee: la rappresentazione del femminile in mostra a Udine - 07/04/2018 07:14:26
- In mostra a Milano gli scavi di Achille Vogliano nel Fayum - 28/03/2018 18:52:37
- Sulle tracce della Dea: Viaggio nel Grembo della Storia - 17/03/2018 16:44:27
- Nadia Tarantini: Quando nascesti tu, stella lucente - 05/03/2018 21:14:35
- L'epopea dei Longobardi in mostra al MANN - 26/02/2018 10:45:11
- Verso il contratto di fiume dell'Amaseno - 22/02/2018 11:55:38
- Inside, la nuova collezione di Vittorio Camaiani - 11/02/2018 22:27:58
- Alla scoperta del matriarcato di Bali con Bruna Rotunno - 04/02/2018 13:48:05
- Giornata della Memoria, per non dimenticare - 25/01/2018 18:06:41
- Viaggio nei segreti della bellezza del corpo femminile - 21/01/2018 21:30:48
- Ildegarda di Bingen, maestra di sapienza nel suo tempo e oggi - 10/01/2018 22:22:54
- Selene Calloni: l'arte della ribellione zen per vincere la paura - 05/01/2018 22:57:08
- MANN: grande successo per la mostra sull'America precolombiana - 28/12/2017 14:29:51
- 2018 per Katike: i calendari di ...non lasciamoli soli - 19/12/2017 22:15:21
- Maenza: La rete dei cammini della Valle dell’Amaseno - 12/12/2017 22:31:25
- Al Convivium di Fiuggi i Pensieri sparsi di Daniela Gariglio - 07/12/2017 08:47:07
- Napoli: Il Natale dei 100 Alberi d’Autore - 03/12/2017 09:41:27
- Le donne dei Longobardi: urban-trekking con Michela Zucca - 28/11/2017 13:46:59
- San Martino di Stroppo: piccolo gioiello delle Valli Cuneesi - 24/11/2017 06:54:30
- Signa del Alma: per dire No alla violenza sulle donne - 19/11/2017 08:32:53
- Il nuovo romanzo di Maristella Lippolis: Raccontami tu - 07/11/2017 16:56:46
- Mama Africa: la maternità nell'arte africana - 03/11/2017 11:20:04
- Violette Sauvage: il vintage chic a Palazzo Colonna - 28/10/2017 11:28:12
- Il patrimonio archeologico del Lazio alla BMTA di Paestum - 26/10/2017 15:31:12
- Templari. Dal ducato di Puglia e Calabria, all’Italia del III Millenni - 22/10/2017 17:10:52
- Archeologia ferita: Volti di Palmira ad Aquileia - 11/10/2017 08:02:26
- Giancarlo Sani: alla scoperta delle incisioni rupestri toscane - 03/10/2017 13:36:14
- ... non lasciamoli soli: il progetto per il Nepal di Ilario Sedrani - 26/09/2017 08:24:26
- Giuliana Borghesani: La Maledizione della Liberta - 22/09/2017 14:28:02
- L'uomo, il Cancro del Pianeta - 04/09/2017 20:15:53
- Le caverne delle donne: la grotta di San Colombano - 25/08/2017 17:49:53
- Le figlie sono come le Madri: Donne lungo la Via della Seta - 30/08/2017 12:56:24
- Nemi: tornano i Nemoralia in onore della Dea Diana - 08/08/2017 17:21:44
- Donne e medicina: quale futuro per la medicina di genere? - 05/08/2017 08:48:58
- Arkeotrekking in Trentino: Sui sentieri delle Madri Antiche II - 31/07/2017 08:27:43
- Piero Verni: Tulku, viaggio nel cuore mistico della civiltà tibetana - 25/07/2017 07:11:56
- Ugo Mancini: ragioni e vicende degli antifascisti a Roma e nei Castell - 07/07/2017 18:23:52
- Festival di Tagliacozzo: conferenza stampa di presentazione a Palazzo - 05/07/2017 06:55:48
- Cuneo: Il lato nascosto delle Alpi - 04/07/2017 06:11:40
- Come con gli occhi dei bambini di Terezin - 28/06/2017 21:43:19
- Baby Giulia, storia di un'adolescenza rubata - 18/06/2017 13:18:11
- Francesca D'Amico: le donne nella tradizione contadina abruzzese - 11/06/2017 16:01:53
- Tutela e valorizzazione del patrimonio rurale nel Lazio - 07/06/2017 18:43:20
- Fiume che cammina. Transumanza dall’Adriatico al Lagorai - 03/06/2017 08:02:51
- Roma: VI raduno dei Linfoamici - 01/06/2017 14:32:42
- Atlantide, dal mito alla storia: intervista ad Alessandra Murgia - 20/05/2017 08:13:47
- Ignazio Didu: I Greci e la Sardegna. Il mito e la storia - 12/05/2017 09:18:37
- Sacra Nemora: la cultura del sacro in mostra a Lanuvio - 07/05/2017 23:09:38
- Pizzo d’Irlanda, merletto e ricamo protagonisti sul lago Trasimeno - 02/05/2017 07:59:39
- Arkeotrekking in Trexenta: Le Antiche Madri dei Monti e del Mare - 25/04/2017 19:47:13
- Le donne e il sapere medico-erboristico: un binomio da riscoprire - 07/04/2017 21:29:15
- Linfoamici a Venezia - 30/03/2017 18:13:31
- Com'è giusto che sia: il nuovo thriller di Marina Di Guardo - 29/03/2017 10:34:04
- Herbarie: le chiamavano Streghe - 24/03/2017 21:01:03
- Devana: il risveglio della spiritualità nativa dell'Antica Europa - 17/03/2017 18:33:42
- Andrea Loddo: l'archeologia sperimentale per comprendere le ancestrali - 11/02/2017 20:01:00
- Alla scoperta dell'origine genetica dei Sardi con il prof. Francala - 03/02/2017 08:01:01
- Diego Manzi: viaggio nel cuore della tradizione indiana - 28/01/2017 10:24:25
- Barbara Bonomi Romagnoli: storie di insette felici - 25/01/2017 23:15:02
- Alberto Pattini: Poesia del Trentino. La melodia della Grande Madre - 19/01/2017 21:24:29
- Rinascere dalle distruzioni. Ebla, Nimrud, Palmira - 12/01/2017 21:25:10
- Nori Corbucci: Marta Marzotto, una vita da ricordare - 05/01/2017 00:02:59
- La Sardegna antica nel cuore del Mediterraneo - 30/12/2016 01:04:16
- Sardegna nuragica e falso mistero della lingua etrusca con il linguist - 03/01/2017 07:32:46
- La Stirpe del Sole: una Medea inedita nell'ultimo romanzo di Giuliana - 23/12/2016 14:12:50
- Al Castello di Scilla i Popoli del Mare di Oreste Kessel Pace - 16/12/2016 12:53:26
- SACRUM: concerto dedicato a Papa Francesco all'Aracoeli - 08/12/2016 10:18:48
- Paola Biato: Viaggio nel mondo della Psicofiaba - 04/12/2016 19:28:59
- Il viaggio. Alchimie e Passioni: a Venezia la personale di Irene Manen - 29/11/2016 08:13:34
- Il Natale dei 100 alberi d’autore - 28/11/2016 20:22:54
- Carlo Buldrini: Pellegrinaggio buddhista - 16/11/2016 08:32:43
- A Spazio Mater l'arte digitale di Michele Grimaldi - 13/11/2016 19:50:50
- Gigantes de Perdas: alla scoperta dei nuraghi sardi - 04/11/2016 07:54:20
- Ivo Nardi: Riflessioni sul senso della vita - 24/10/2016 08:27:11
- Fabrizio Manzetti: Nascosti davanti a tutti - 18/10/2016 00:13:25
- Bambine e bambini: divino gioco di pace nel mondo - 28/10/2016 08:24:38
- La Danza degli Archetipi: alle radici del linguaggio simbolico - 13/10/2016 22:41:28
- Alla scoperta dei Fiori di Bach con Gerardo Chirò - 09/10/2016 08:44:23
- Sardegna: curiosità, aneddoti e misteri sardi con Gianmichele Lisai - 04/10/2016 06:59:28
- Roma per Amatrice: Concerto di Beneficenza - 25/09/2016 15:45:16
- Sulle tracce dell' archeologia dell'evanescente con Paola Di Si - 22/09/2016 15:21:18
- Sebastiano Brocchi: alchimia, esoterismo, simbologia sacra e mistero - 18/09/2016 08:55:07
- Milano: appuntamento per il World Lymphoma Awareness Day - 13/09/2016 07:41:13
- Sulla via degli sciamani del Sudamerica con Stefano Lioni - 29/08/2016 08:00:22
- Sulle orme dei Moso con l'antropologa Francesca Rosati Freeman - 16/08/2016 07:13:59
- Sui sentieri dei luoghi di culto della Grande Dea con Luisella Veroli - 11/08/2016 08:48:06
- Un Altro Mondo per i Diritti della Pachamama - 27/07/2016 07:32:44
- Alessandra Di Gesù: viaggio nelle Tradizioni Misteriche del Mediterran - 05/07/2016 08:00:50
- Abbracci gratis contro il linfoma: a Roma il V raduno dei Linfoami - 31/05/2016 23:23:59
- Out of Tibet: il foto-racconto della diaspora tibetana sbarca a Roma - 23/05/2016 00:04:09
- Il Canto delle Sirene in mostra a Bologna - 22/05/2016 10:02:01
- La cultura dei Moso arriva al Ramadù di Cisterna - 16/04/2016 21:08:59
- Donne e scienza: un binomio per troppo tempo ignorato - 24/03/2016 07:51:18
- Suffragette 2.0: approda al Peano di Roma - 14/03/2016 22:06:13
- Palazzo Visconti: Alta Moda della Sartoria Angela - 09/03/2016 08:47:43
- Il respiro profondo di una Nuova Era - 04/03/2016 14:17:21
- Festa grande per i 35 anni di attività di Erno Rossi - 01/03/2016 14:29:34
- I Sentieri della Terra: come restituire vita e dignità alla Mad - 20/02/2016 09:06:03
- Le remote origini del tatuaggio con l'antropologa Michela Zucca - 23/01/2016 09:46:08
- Mantra Madre e Il profumo della luna: libri per il risveglio dell'anim - 24/12/2015 10:37:15
- Roma: il Rito del Grembo - 12/12/2015 00:42:29
- Alla scoperta delle vere origini di Halloween con Monica - 31/10/2015 20:24:53
I COMMENTI RELATIVI ALL'ARTICOLO
Invia un commento alla Redazione
Email
Nome e Cognome
Messaggio
Gentile lettore, prima di inviare il Suo messaggio:

compilare il codice di sicurezza sottostante copiando l'immagine raffigurata;

CAPTCHA 
cambia codice

inserisci codice



Per pubblicare, in fondo all'articolo, il suo commento selezionare il pulsante sottostante.

Pubblicazione
  Si    solo nome
  Si    nome e cognome
  No


Grazie della collaborazione.

© 2014 - ftNews è una testata di libera informazione.