Redazione     Informativa     Link  

Antonietta Langiu, la mia Isola

venerdì, 08 maggio 2020 09:22

condividi su facebook
Antonietta Langiu (foto realizzata durante la presentazione del suo ultimo romanzo a Fermo, nelle Marche)
Francesca Bianchi
E’ un’isola la mia isola/ lontana nel tempo/ e per millenni lontana dal mondo.// Vicina per i conquistatori/ la mia isola/ gli invasori razziatori.// La mia isola ammantata di storia/ antica come le sue genti/ fiere rigorose superbe.// La mia isola granitica/ dalle bianche sabbie ardenti/ su un mare di smeraldo.// Fatta di silenzi profondi la mia isola/ di belati lontani/ di profumi che inebriano./ Luogo di sogni remoti/ la mia isola ventosa/ di lontane memorie…di eterna nostalgia.//
Protagonista indiscussa della scrittura di Antonietta Langiu, apprezzata autrice di narrativa - il suo romanzo Tessiture di Donne (Manni Editore, 2017) è tra i tre finalisti del Premio letterario nazionale di narrativa “Grazia Deledda”- e poetessa è la Sardegna. La silloge poetica data alle stampe qualche mese fa, non a caso intitolata La mia isola, è un canto d'amore e fedeltà alla terra che ha accolto i suoi primi vagiti e che oggi le dona frammenti di una felicità antica e lontana, tenacemente radicata nella sua memoria.
Nata a Berchidda, borgo logudorese adagiato sulle pendici meridionali del Limbara, la Langiu intraprende un intenso itinerario dell'anima per tornare alle origini mai tradite e alla terra che è stata culla e nido dei momenti più felici della sua infanzia e oggi porto dove trovare riparo dai marosi dell'esistenza. Le prime liriche della raccolta esprimono un sentimento di orgogliosa e devota appartenenza a una terra ancestrale e misteriosa che ha forgiato il suo temperamento fiero e indomito di antica donna sarda: Sono impastata della tristezza/ della mia gente/ remota e rugosa come la corteccia/ di una vecchia quercia piegata dal vento. I suoi versi suggestivi celebrano la Sardegna, ammantata di storia, una storia e una civiltà millenarie di cui quasi mai, purtroppo, si legge sulle pagine dei libri di storia. La Sardegna, infatti, dai più è conosciuta e apprezzata solo per il suo mare cristallino e per le spiagge mozzafiato. Questi versi inducono a riflettere sullo sterminato patrimonio storico-culturale sardo, una ricchezza straordinaria, che oggi più che mai, se ben gestita e tutelata, aiuterebbe a promuovere e ad incrementare il turismo culturale, dando uno slancio all'economia di questa meravigliosa Isola.
Non manca il mare nei versi della Langiu: è un mare di smeraldo/ che si fa d'oro la sera/ un mare che l'allontana dal mondo/ e l'avvicina al cuore, un mare a cui, per un felice gioco di accostamento, si affiancano suoni, note e profumi di una terra magica: ecco apparire silenzi profondi e lunghi, interrotti solo dal flusso ininterrotto di pensieri e ricordi dell'autrice,belati lontani e profumi che inebriano. Colonna sonora di questa meditazione interiore è la dolce melodia del vento che diffonde i profumi di lentisco e di rosa canina, di asfodeli e di mirto selvaggio.
Sembra che nel vento, presente in Sardegna in ogni stagione, si materializzino le voci dei suoi genitori e delle persone care che hanno animato i giorni più felici della sua infanzia: è un vento che dona pace e ristoro, custodisce risate, desideri, sogni, sa di momenti intensi di condivisione volati via per sempre. Riaffiorano, così, memorie lontane ed eterna nostalgia, una nostalgia in cui a volte si avverte forte il peso del distacco e della lontananza, ma non c'è mai disperazione nei versi di Antonietta Langiu: anche i ricordi più dolorosi e malinconici sono addolciti dal ricordo sempre vivo degli amati genitori. Nell'anima dell'autrice è vivo più che mai il commovente ricordo della dolcezza fragile dell'amato padre - che oggi l'autrice rivede nel figlio Mauro - i cui occhi si riempivano di lacrime ogni volta che Antonietta andava via dalla sua terra. Ed è a questo punto che si materializza il desiderio di tornare bambina e vedere il padre che arriva/ col suo cesto d'uva/ di fichi e di mele.// I versi dedicati alla madre tradiscono una forte commozione: donna visceralmente legata alla sua casa/ piena dei ricordi/ di moglie e di madre/ poi solo di vuoto/ e di solitudine//, viene immortalata dalla Langiu mentre le sue mani bianche sulle pietre di granito lavano i miseri panni della nostra infanzia, panni che profumano di dignità, simbolo di un tempo ormai perduto, un tempo in cui si poteva assaporare il piacere della lentezza e vivere più intensamente le piccole gioie della vita, quelle che oggi molti di noi, purtroppo, considerano banali e non apprezzano. E proprio pensando a sua madre e alla sua dipartita, si chiede se un giorno, quando anche lei dovrà affrontare il momento estremo, i figli l'accompagneranno tenendole forte la mano, per accompagnarla nel viaggio verso il nulla, proprio come ha fatto lei a suo tempo con la donna che l'ha messa al mondo.
Sebastiana Scanu e Giovanni Langiu, genitori di Antonietta, al mare a Golfo Aranci
Questo viaggio verso l'ignoto, attraverso una sorta di metamorfosi panica, la restituirà finalmente all'immensa sinfonia della natura della sua Isola: Un giorno, quando non sarò più,/ non cercatemi in questa terra non mia/ ma laggiù tra gli scogli del mare tra le onde/ schiumose sospinte dal maestrale.// Laggiù tra i massi concavi dei graniti/ ove i sibili del vento hanno/ nei millenni scritto la loro storia.// Riposerò sotto una quercia in preghiera/ o un mirto amaro in fiore.// Sarò tra le radici contorte di un lentisco/ col mio cuore di pietra, in silenzio.// Ascolterò le preghiere non dette/ le parole rubate a una nenia lontana.// Ritroverò le origini perdute/ i volti dimenticati le voci spente.// Allora forse, nel silenzio dell’universo,/ innalzerò il mio canto e sarò di nuovo libera//.
Versi particolarmente evocativi sono dedicati a “Sa Contra”, un ammasso di rocce dietro la casa di campagna sita in località Puntagu, tra Monti e Berchidda, che ha dato il titolo al suo primo libro di racconti; protagonista assoluta di questo libro è la cultura sarda, filtrata attraverso i suoi ricordi d'infanzia. Sa Contra è per l’autrice il luogo magico del paesaggio interiore, un tempio sacro nel suo cuore, fedele compagno di vita: Sa Contra un luogo sacro, una mappa luminosa nel cuore, un luogo incantato mai dimenticato, memoria dei sogni e dei sospiri. Qui ritrova la giovinezza perduta, una giovinezza quasi trasfigurata, fonte di felicità infinita, ma volata via tanto fugacemente. Ed è in quel nido che la sua anima bambina può trovare riparo ora che il tempo fugge e la vita si avvicina al tramonto. Qui Antonietta Langiu abbatte le coordinate spazio-temporali e lascia parlare quel fanciullino di pascoliana memoria nascosto nella parte più profonda del suo cuore: con la fantasia riesce a fotografare e a cogliere il mistero e le emozioni che si celano in questo microcosmo incastonato nel mondo umile della campagna sarda e attraverso le sue liriche riesce a sublimarli e a trasmetterli ai lettori.
L'idea di maternità percorre tutta la silloge, ma è particolarmente evidente in una lirica dove sembra si manifesti quasi un atteggiamento di "regressione al grembo materno":Come il seme/ che ama tornare/ nel grembo della terra/ che lo ha generato/ voglio tornare anch'io/ nella mia casa/ nell'isola incantata/ dove l'acqua/ sogna la luna/ per ascoltare/ la musica atavica/ delle origini lontane.//
Anela di tornare alla sua Isola come una figlia desidera tornare tra le braccia forti e rassicuranti della propria madre, una dolce sensazione che può essere compresa bene da chi, per motivi vari, è stato costretto a strappare le sue radici per andare altrove. La Sardegna, isola ancestrale, generosa, selvaggia, terra che nutre, accoglie e riscalda come solo una madre amorevole sa fare, ti entra dentro e non ne esce più. Pur non essendo nata in Sardegna, la considero la mia "Isola Madre": mi sento sarda nell'anima e ogni mio viaggio nell'Isola è un ritorno a casa, per cui comprendo bene il senso di orgogliosa e filiale appartenenza di chi, come Antonietta, ha la sardità nel Dna. Leggendo i versi sopra citati, mi è tornata in mente l'emozione unica provata quando ho varcato per la prima volta la soglia di una Domus de Janas: ho avvertito l'impagabile sensazione di entrare in uno spazio sacro, di tornare nel grembo materno, alla condizione primigenia. Il pensiero è andato alle donne e agli uomini di 5000 anni fa, che nelle Domus de Janas, dimore eterne scavate nella roccia, consegnavano e affidavano alla Grande Madre i corpi dei defunti per il lungo viaggio ultraterreno. È potente l'energia che infondono questi monumenti costruiti dalle antiche genti sarde: sin da tempi antichissimi la sacralità, in modo particolare la sacralità del femminile, ha sempre permeato ogni aspetto dell'esistenza dei sardi. Le pietre e le rocce scolpite dai millenni sussurrano storie sacre e arcaiche; la voce della Sardegna, fatta di antiche nenie e suoni slabbrati, invita ad immergersi nelle sue spettacolari bellezze e a tornare nel grembo della Madre Terra che accoglie e rigenera.
Ho letto e riletto la poesia-preghiera sopra citata e tutte le volte il pensiero è andato al sonetto "A Zacinto", che Ugo Foscolo dedicò alla sua "materna terra", l'isola del mar Ionio - l'odierna Zante - dove nacque. Anche Foscolo cantò l'amore per la patria lontana e irraggiungibile; anche il sonetto foscoliano è pervaso dall'idea di maternità; anche lì è forte la funzione eternatrice della poesia, di cui si appropria la Langiu, sottraendo all'oblio i suoi genitori, la sua infanzia lontana, la terra che l'ha vista crescere e che lei in cuor suo non ha mai abbandonato. Con le sue riflessioni poetiche, attraverso il filtro della memoria, l'autrice dona l'immortalità a persone e cose che non sono più.
I genitori di Antonietta Langiu in campagna a Puntagu, tra Monti e Berchidda
Alcune liriche della raccolta sono dedicate ai figli e ai nipoti, destinati a volare lontano e a librarsi come farfalle nel cielo azzurro della vita. In questa sezione il passato si sposa con il presente e si proietta nel futuro: a raccordare le parti sempre la famiglia, quella di un tempo e quella di oggi, di cui Antonietta è la matriarca indiscussa. Pensando ai figli, ai nipoti e a tutti i giovani del mondo, a cui va spesso il suo pensiero affettuoso, la poetessa invita a credere nei sogni e a proteggerli/ perché ti danno/ la forza di raccogliere/ brandelli di cielo/ e di far splendere il sole/ dentro e fuori di te.// Sembra quasi che l'autrice abbia trasposto in versi la frase che le ripeteva sempre l'amata nonna: S’ischintidda de su divinu este in onzunu de noisi, 'una scintilla divina è in ognuna di noi'. Questa convinzione deve aiutarci ad avere il coraggio di coltivare con fiducia i nostri sogni, nascosti nel silenzio della notte, per far splendere quella scintilla divina che dimora nella nostra anima. Non potremo sapere ciò che ci attenderà, ma nessuno può impedirci, oggi più che mai, di sognare un "sole nuovo", un nuovo giorno, una vita migliore e più umana (Guarda la vita/ da lontano/ non chiedere mai/ ciò che sarà/ non potrai saperlo/ solo i sogni sono veri/ se saprai conservarli.//).
Le liriche di Antonietta Langiu sono un invito a vivere nella semplicità, a lasciarsi permeare dalle emozioni, ad assaporare la felicità nell'hic et nunc, contemplando con l'anima pura dei bambini quella natura che tante volte abbiamo maltrattato. A Lei apparteniamo, a Lei torneremo, da Lei, Madre saggia e generosa, oggi possiamo e dobbiamo attingere linfa vitale e spirito di resistenza.
Cara Antonietta, grazie per aver aperto in maniera così autentica lo scrigno segreto del tuo cuore, condividendo generosamente istanti, emozioni, profumi, suoni, della tua infanzia! Mi sono lasciata cullare dalla bellezza dei tuoi versi che profumano di vita: ho chiuso gli occhi e ho iniziato a viaggiare con la fantasia, sognando la magia della tua terra, che io considero la "mia Isola Madre". In un momento tanto buio e drammatico come quello che il mondo intero sta vivendo, i tuoi versi sono una dolce armonia per l'anima: insegnano a coltivare la speranza, ad apprezzare la bellezza delle piccole cose, a coltivare i valori e il rispetto per quello che abbiamo ereditato da chi non c'è più, insegnano che l'amore è più forte di tutto. Antonietta cara, tu appartieni alla Sardegna, sei figlia di questa terra antica, non l'hai mai lasciata del tutto, non sei mai partita: il tuo cuore è lì, tra le rocce sferzate dal vento, accanto al fico selvatico abbracciato alla tua casa, e un giorno lontanissimo tornerai lì per sempre, incontrerai finalmente i tuoi cari volati via e insieme riprenderete il vostro cammino che il tempo non potrà più interrompere.
Mostra altri Articoli di questo autore
info@freetopnews.it
- PandemicA, racconto corale per immagini - 21/05/2020 07:52:03
- Antonietta Langiu, la mia Isola - 08/05/2020 09:22:34
- Susanna Garavaglia: il risveglio della coscienza interiore - 29/04/2020 05:09:43
- Rosanna Raffaelli Ghedina: folclore, leggende e simboli delle Dolomiti - 16/04/2020 23:10:44
- Giorgio Murru: Spiriti e Dèi nella statuaria preistorica della Sardegn - 09/04/2020 13:50:32
- Una Maschera, un Volto, un Paese: il Carnevale in Sardegna - 07/03/2020 07:34:21
- Pe’ terre assaje luntane: al MANN l’emigrazione ischitana in America - 01/03/2020 19:33:00
- Thalassa: a Napoli le meraviglie sommerse dal Mediterraneo - 27/02/2020 23:09:38
- Nel segreto mare delle stelle di Marella Giovannelli - 25/02/2020 18:10:02
- Marcello Cabriolu, la Sardegna e il Mediterraneo Occidentale - 17/02/2020 21:27:55
- Erika Maderna, sulle tracce della medicina delle streghe e delle sant - 27/01/2020 06:48:31
- Federico Fellini: ironico, beffardo e centenario - 14/01/2020 07:56:24
- Pompei e Santorini, l'eternità in un giorno - 04/01/2020 08:29:04
- Andrea Icardi, un anno in Alta Valle Maira - 30/12/2019 14:15:42
- Archeologi italiani riportano alla luce i reperti assiri di Faida - 15/12/2019 09:45:07
- Augusto Mulas: l'orientamento astronomico dei nuraghi - 09/12/2019 19:01:03
- Margherita Massari: Ildegarda di Bingen, Sibilla e Dottore della Chies - 06/12/2019 09:18:37
- Il mito immortale di Cartagine in mostra a Roma - 04/12/2019 00:02:27
- Aquileia 2200. Porta di Roma verso i Balcani e l’Oriente - 29/11/2019 05:28:33
- Michele Porcaro: ASSTEAS - Storia del Vaso più bello del mondo - 19/11/2019 00:26:44
- Silvia Romani: credenze, miti e dei degli antichi - 11/11/2019 13:10:02
- All'Alba Radians di Albano (RM) il Filottete di Sofocle - 06/11/2019 16:36:58
- Mulino della Riviera di Dronero (CN), una storia firmata Cavanna - 29/10/2019 18:50:24
- Galluras, il Museo della Femina Agabbadòra - 22/10/2019 07:00:03
- Ugo Mancini: Sotto la cenere, storie di vita quotidiana durante il ven - 10/10/2019 20:51:11
- Alessandra Derriu: streghe, indovine e curatrici nella Sardegna del '7 - 04/10/2019 07:06:18
- Giuseppe Vito Internicola: Castellammare del Golfo, alle origini di un - 29/09/2019 18:15:59
- Città della Pieve (PG) si prepara ad accogliere Il Nostro Tempo - 25/09/2019 15:20:51
- Uno spazio per le Donne: alla scoperta del mondo femminile sardo e non - 23/09/2019 08:37:50
- Olmedo (SS), storia, tradizioni, folklore - 21/09/2019 09:21:49
- Silvia Giorcelli Bersani: I Romani e le Alpi - 16/09/2019 14:05:54
- Rossella Giglio: Segesta, tra teatro, musica, natura - 08/08/2019 15:56:16
- Enrico Caruso: la rinascita di Selinunte - 01/08/2019 14:29:05
- Lucina Gandolfo: alla scoperta di Monte Iato - 31/07/2019 07:33:07
- Sulle spiagge pontine tornano i Racconti di Sabaudia - 30/07/2019 08:47:45
- Tagliacozzo (AQ): XXXV Festival Internazionale di Mezza Estate - 22/07/2019 14:36:02
- Civiltà del sole: l'archeoastronomia nella Sicilia preistorica - 19/07/2019 07:30:13
- Cristina Muntoni, il potere delle parole nella storia della sacralità - 15/07/2019 18:12:54
- Francesco Bianco, un cammino tra verità nascoste - 13/07/2019 06:58:14
- Filippo Drago, mugnaio siciliano fra tradizione e modernità - 09/07/2019 07:28:20
- Con la KERNOS alla scoperta di Castellammare del Golfo - 02/07/2019 18:17:21
- Per una rinascita di Castelvetrano, città d'arte, storia, cultura - 27/06/2019 18:13:44
- Marinella Fiume: sapienza, virtù e misteri dell'universo simbolico fem - 11/06/2019 19:04:31
- Stefano Pucci: le incisioni rupestri delle Alpi Apuane - 07/06/2019 09:24:59
- Albano (RM), al via la Rassegna del Teatro Antico - 26/05/2019 18:33:37
- Max Dashu: Streghe e pagane, le donne nella cultura popolare europea - 14/05/2019 07:18:46
- Diego Maggio: profumi, aromi e sapori siculo-panteschi - 09/05/2019 08:15:34
- Regius, omaggio allo stupor mundi Federico II di Svevia - 03/05/2019 07:38:01
- Sentiero della Libertà, per tenere viva la Memoria - 01/05/2019 20:05:09
- Caccamo (PA), borgo di storia, arte, cultura - 28/04/2019 06:50:10
- C'era una volta Iato: omaggio dei ragazzi all'antica Iato - 23/04/2019 22:40:32
- U Pani ri Murriali: il pane genuino di una volta - 16/04/2019 17:20:40
- Recanati (MC): L'Infinito di Leopardi compie 200 anni - 13/04/2019 16:51:43
- A Camo (CN) torna PrimaVeraRegia - 11/04/2019 17:17:36
- Ivano Dionigi: Lucrezio, Seneca e noi - 04/04/2019 23:33:23
- Luca Mancini: Il caso dell'Ungheria di Horthy - 09/04/2019 19:14:05
- Il Foscolo di Albano (RM) trionfa al Festival Thauma - 30/03/2019 20:22:23
- Sotto il segno dei pesci: Camaiani celebra la Grecia - 28/03/2019 17:13:29
- Guido Cossard, viaggio nel mondo dell'Archeoastronomia - 25/03/2019 10:47:16
- Rosanna Oliva de Conciliis, una vita per la Parità - 17/03/2019 08:14:51
- Donna o Dea: le raffigurazioni femminili in Sardegna tra passato e pre - 02/03/2019 20:50:25
- Giorgio Ieranò: l'arcano fascino delle isole dell'Egeo - 25/02/2019 09:19:48
- Dea e Femminismo alla Roma Goddess Conference - 21/02/2019 09:10:27
- Elena Ianni: le feste e i falò del Messico - 17/02/2019 19:18:44
- Roma: l'olio d'oliva al Premio Filo della Torre - 15/02/2019 17:02:24
- I giovani attori del Foscolo alla Giornata del Greco - 06/02/2019 17:24:33
- La Penisola del Sinis (OR) tra storia, archeologia e natura - 29/01/2019 17:38:31
- King Camp Gillette: Il Turbine Umano - 19/01/2019 11:59:30
- Barumini (VS), archeologia, storia, cultura nel cuore della Sardegna - 14/01/2019 10:46:56
- Morena Luciani Russo: la ricerca della Dea e lo sciamanesimo - 09/01/2019 06:28:02
- Maurizio Bettini: Il Presepio, storia di un simbolo - 21/12/2018 08:22:38
- Venezia: Idoli, il potere dell'immagine - 12/12/2018 18:57:46
- Simona Modeo, Dioniso in Sicilia - 06/12/2018 17:48:35
- Violette Sauvage a Palazzo Colonna (RM) - 03/12/2018 07:01:13
- Pomezia (RM): Premio Donna d'Autore 2018 - 30/11/2018 06:37:50
- Massimo Blasi, l'incredibile storia degli imperatori romani - 28/11/2018 10:26:59
- Fabio Isman: 1938, l'Italia razzista - 25/11/2018 07:30:10
- Sacrum, lo Stabat Mater di Rossini all'Aracoeli di Roma - 22/11/2018 16:42:46
- Oriana Dal Bosco: il misterioso fascino del Nord Africa - 20/11/2018 17:17:03
- Natale inCHIOSTRO a Monastero di Dronero (CN) - 17/11/2018 07:53:51
- All'Alba Radians di Albano (RM): l'Ecuba di Euripide - 15/11/2018 16:59:16
- Autunno d'Autore a Ruralia, Conosci tu il paese dove... - 13/11/2018 18:40:36
- Marella Giovannelli, una vita tra giornalismo, fotografia e poesia - 09/11/2018 10:04:37
- Daniela Dao Ormena: Le radici chiamano, dolci melodie della Valle Mair - 30/10/2018 13:32:22
- Gli antichi pani di Sardegna protagonisti a Buddusò - 17/10/2018 14:23:34
- Torna a Lanuvio (RM) l'antico rituale della Maza - 04/10/2018 20:39:44
- Nonna Tommy, raccontaci ancora... - 02/10/2018 07:16:37
- A Buddusò (SS) torna Artes in Carrera - 30/09/2018 06:56:22
- Al Museo Africano di Verona la danza degli spiriti - 27/09/2018 00:12:36
- A. Cossard: Archeoastronomy, la prima app di archeoastronomia - 24/09/2018 09:21:18
- Firenze, Viaggio nell'altro e nell'altrove in ricordo di Paolo Grazios - 19/09/2018 08:31:44
- Lanuvio (RM): Buon compleanno, Antonino Pio! - 10/09/2018 06:04:22
- Raffaella De Sanctis, tra scuola e ricerca - 04/09/2018 17:45:49
- Màn. Vietnam Street Heroines in mostra al MAO (TO) - 26/08/2018 10:25:13
- Alessandra Comneno, una vita a contatto con la saggezza dei Nativi - 12/08/2018 19:38:51
- MAO (TO), ORIENTI. 7000 anni di arte asiatica dal Museo delle Civiltà - 07/08/2018 06:17:08
- Senorbì (CA), al MADN La Dea di Turriga, il mistero di un’icona senza - 01/08/2018 07:38:49
- Silvia Tenderini, una vita tra viaggi, ricerche e scrittura - 24/07/2018 19:40:34
- A Villa Giulia (Roma) la Scuola di Archeoastronomia 2018 - 19/07/2018 06:39:50
- Gabriella Mosso, I miei, i tuoi, i nostri - 17/07/2018 05:54:30
- Tagliacozzo (AQ), Festival Internazionale di Mezza Estate - 12/07/2018 06:39:05
- Franco Campus, Nuragici - un Territorio, un'Isola, il Mediterraneo - 09/07/2018 22:21:30
- Carmagnola (TO): Donne e Madonne nell’Arte dal XV secolo ad oggi - 04/07/2018 21:53:04
- Per una rinascita socio-culturale dei borghi della Valle dell'Amaseno - 25/06/2018 07:25:04
- Capalbio (GR), vacanza-laboratorio di Spiritualità Femminile con Devan - 22/06/2018 20:30:12
- Nicola Castangia, Ercole Contu e la scoperta della Tomba dei Vasi Tetr - 18/06/2018 06:44:49
- Castelfidardo (AN): gli studenti del Meucci per la valorizzazione del - 10/06/2018 17:30:57
- Papa Wojtyla in Comelico e in Cadore: il ricordo e l'emozione 30 anni - 27/05/2018 16:40:51
- Scrittori alla scoperta del mondo, una mostra sulla letteratura di via - 22/05/2018 06:00:18
- In viaggio tra le pagine di Elena Dak - 18/05/2018 09:31:20
- Convegno Internazionale contro Terrorismo, radicalizzazione e violenza - 08/05/2018 06:02:05
- Olimpia Biasi, la Viriditas di Ildegarda in mostra all'Hortu - 25/04/2018 15:09:19
- Con Marco Grippa alla scoperta del fascino segreto di Tagikistan e Kir - 18/04/2018 18:40:04
- Da Maenza a Fossanova sulle orme di San Tommaso d'Aquino - 13/04/2018 13:59:02
- Pierluigi Montalbano: l'alba della civiltà sarda - 10/04/2018 14:08:20
- Donne, Madri, Dee: la rappresentazione del femminile in mostra a Udine - 07/04/2018 07:14:26
- In mostra a Milano gli scavi di Achille Vogliano nel Fayum - 28/03/2018 18:52:37
- Sulle tracce della Dea: Viaggio nel Grembo della Storia - 17/03/2018 16:44:27
- Nadia Tarantini: Quando nascesti tu, stella lucente - 05/03/2018 21:14:35
- L'epopea dei Longobardi in mostra al MANN - 26/02/2018 10:45:11
- Verso il contratto di fiume dell'Amaseno - 22/02/2018 11:55:38
- Inside, la nuova collezione di Vittorio Camaiani - 11/02/2018 22:27:58
- Alla scoperta del matriarcato di Bali con Bruna Rotunno - 04/02/2018 13:48:05
- Giornata della Memoria, per non dimenticare - 25/01/2018 18:06:41
- Viaggio nei segreti della bellezza del corpo femminile - 21/01/2018 21:30:48
- Ildegarda di Bingen, maestra di sapienza nel suo tempo e oggi - 10/01/2018 22:22:54
- Selene Calloni: l'arte della ribellione zen per vincere la paura - 05/01/2018 22:57:08
- MANN: grande successo per la mostra sull'America precolombiana - 28/12/2017 14:29:51
- 2018 per Katike: i calendari di ...non lasciamoli soli - 19/12/2017 22:15:21
- Maenza: La rete dei cammini della Valle dell’Amaseno - 12/12/2017 22:31:25
- Al Convivium di Fiuggi i Pensieri sparsi di Daniela Gariglio - 07/12/2017 08:47:07
- Napoli: Il Natale dei 100 Alberi d’Autore - 03/12/2017 09:41:27
- Le donne dei Longobardi: urban-trekking con Michela Zucca - 28/11/2017 13:46:59
- San Martino di Stroppo: piccolo gioiello delle Valli Cuneesi - 24/11/2017 06:54:30
- Signa del Alma: per dire No alla violenza sulle donne - 19/11/2017 08:32:53
- Il nuovo romanzo di Maristella Lippolis: Raccontami tu - 07/11/2017 16:56:46
- Mama Africa: la maternità nell'arte africana - 03/11/2017 11:20:04
- Violette Sauvage: il vintage chic a Palazzo Colonna - 28/10/2017 11:28:12
- Il patrimonio archeologico del Lazio alla BMTA di Paestum - 26/10/2017 15:31:12
- Templari. Dal ducato di Puglia e Calabria, all’Italia del III Millenni - 22/10/2017 17:10:52
- Archeologia ferita: Volti di Palmira ad Aquileia - 11/10/2017 08:02:26
- Giancarlo Sani: alla scoperta delle incisioni rupestri toscane - 03/10/2017 13:36:14
- ... non lasciamoli soli: il progetto per il Nepal di Ilario Sedrani - 26/09/2017 08:24:26
- Giuliana Borghesani: La Maledizione della Liberta - 22/09/2017 14:28:02
- L'uomo, il Cancro del Pianeta - 04/09/2017 20:15:53
- Le caverne delle donne: la grotta di San Colombano - 25/08/2017 17:49:53
- Le figlie sono come le Madri: Donne lungo la Via della Seta - 30/08/2017 12:56:24
- Nemi: tornano i Nemoralia in onore della Dea Diana - 08/08/2017 17:21:44
- Donne e medicina: quale futuro per la medicina di genere? - 05/08/2017 08:48:58
- Arkeotrekking in Trentino: Sui sentieri delle Madri Antiche II - 31/07/2017 08:27:43
- Piero Verni: Tulku, viaggio nel cuore mistico della civiltà tibetana - 25/07/2017 07:11:56
- Ugo Mancini: ragioni e vicende degli antifascisti a Roma e nei Castell - 07/07/2017 18:23:52
- Festival di Tagliacozzo: conferenza stampa di presentazione a Palazzo - 05/07/2017 06:55:48
- Cuneo: Il lato nascosto delle Alpi - 04/07/2017 06:11:40
- Come con gli occhi dei bambini di Terezin - 28/06/2017 21:43:19
- Baby Giulia, storia di un'adolescenza rubata - 18/06/2017 13:18:11
- Francesca D'Amico: le donne nella tradizione contadina abruzzese - 11/06/2017 16:01:53
- Tutela e valorizzazione del patrimonio rurale nel Lazio - 07/06/2017 18:43:20
- Fiume che cammina. Transumanza dall’Adriatico al Lagorai - 03/06/2017 08:02:51
- Roma: VI raduno dei Linfoamici - 01/06/2017 14:32:42
- Atlantide, dal mito alla storia: intervista ad Alessandra Murgia - 20/05/2017 08:13:47
- Ignazio Didu: I Greci e la Sardegna. Il mito e la storia - 12/05/2017 09:18:37
- Sacra Nemora: la cultura del sacro in mostra a Lanuvio - 07/05/2017 23:09:38
- Pizzo d’Irlanda, merletto e ricamo protagonisti sul lago Trasimeno - 02/05/2017 07:59:39
- Arkeotrekking in Trexenta: Le Antiche Madri dei Monti e del Mare - 25/04/2017 19:47:13
- Le donne e il sapere medico-erboristico: un binomio da riscoprire - 07/04/2017 21:29:15
- Linfoamici a Venezia - 30/03/2017 18:13:31
- Com'è giusto che sia: il nuovo thriller di Marina Di Guardo - 29/03/2017 10:34:04
- Herbarie: le chiamavano Streghe - 24/03/2017 21:01:03
- Devana: il risveglio della spiritualità nativa dell'Antica Europa - 17/03/2017 18:33:42
- Andrea Loddo: l'archeologia sperimentale per comprendere le ancestrali - 11/02/2017 20:01:00
- Alla scoperta dell'origine genetica dei Sardi con il prof. Francala - 03/02/2017 08:01:01
- Diego Manzi: viaggio nel cuore della tradizione indiana - 28/01/2017 10:24:25
- Barbara Bonomi Romagnoli: storie di insette felici - 25/01/2017 23:15:02
- Alberto Pattini: Poesia del Trentino. La melodia della Grande Madre - 19/01/2017 21:24:29
- Rinascere dalle distruzioni. Ebla, Nimrud, Palmira - 12/01/2017 21:25:10
- Nori Corbucci: Marta Marzotto, una vita da ricordare - 05/01/2017 00:02:59
- La Sardegna antica nel cuore del Mediterraneo - 30/12/2016 01:04:16
- Sardegna nuragica e falso mistero della lingua etrusca con il linguist - 03/01/2017 07:32:46
- La Stirpe del Sole: una Medea inedita nell'ultimo romanzo di Giuliana - 23/12/2016 14:12:50
- Al Castello di Scilla i Popoli del Mare di Oreste Kessel Pace - 16/12/2016 12:53:26
- SACRUM: concerto dedicato a Papa Francesco all'Aracoeli - 08/12/2016 10:18:48
- Paola Biato: Viaggio nel mondo della Psicofiaba - 04/12/2016 19:28:59
- Il viaggio. Alchimie e Passioni: a Venezia la personale di Irene Manen - 29/11/2016 08:13:34
- Il Natale dei 100 alberi d’autore - 28/11/2016 20:22:54
- Carlo Buldrini: Pellegrinaggio buddhista - 16/11/2016 08:32:43
- A Spazio Mater l'arte digitale di Michele Grimaldi - 13/11/2016 19:50:50
- Gigantes de Perdas: alla scoperta dei nuraghi sardi - 04/11/2016 07:54:20
- Ivo Nardi: Riflessioni sul senso della vita - 24/10/2016 08:27:11
- Fabrizio Manzetti: Nascosti davanti a tutti - 18/10/2016 00:13:25
- Bambine e bambini: divino gioco di pace nel mondo - 28/10/2016 08:24:38
- La Danza degli Archetipi: alle radici del linguaggio simbolico - 13/10/2016 22:41:28
- Alla scoperta dei Fiori di Bach con Gerardo Chirò - 09/10/2016 08:44:23
- Sardegna: curiosità, aneddoti e misteri sardi con Gianmichele Lisai - 04/10/2016 06:59:28
- Roma per Amatrice: Concerto di Beneficenza - 25/09/2016 15:45:16
- Sulle tracce dell' archeologia dell'evanescente con Paola Di Si - 22/09/2016 15:21:18
- Sebastiano Brocchi: alchimia, esoterismo, simbologia sacra e mistero - 18/09/2016 08:55:07
- Milano: appuntamento per il World Lymphoma Awareness Day - 13/09/2016 07:41:13
- Sulla via degli sciamani del Sudamerica con Stefano Lioni - 29/08/2016 08:00:22
- Sulle orme dei Moso con l'antropologa Francesca Rosati Freeman - 16/08/2016 07:13:59
- Sui sentieri dei luoghi di culto della Grande Dea con Luisella Veroli - 11/08/2016 08:48:06
- Un Altro Mondo per i Diritti della Pachamama - 27/07/2016 07:32:44
- Alessandra Di Gesù: viaggio nelle Tradizioni Misteriche del Mediterran - 05/07/2016 08:00:50
- Abbracci gratis contro il linfoma: a Roma il V raduno dei Linfoami - 31/05/2016 23:23:59
- Out of Tibet: il foto-racconto della diaspora tibetana sbarca a Roma - 23/05/2016 00:04:09
- Il Canto delle Sirene in mostra a Bologna - 22/05/2016 10:02:01
- La cultura dei Moso arriva al Ramadù di Cisterna - 16/04/2016 21:08:59
- Donne e scienza: un binomio per troppo tempo ignorato - 24/03/2016 07:51:18
- Suffragette 2.0: approda al Peano di Roma - 14/03/2016 22:06:13
- Palazzo Visconti: Alta Moda della Sartoria Angela - 09/03/2016 08:47:43
- Il respiro profondo di una Nuova Era - 04/03/2016 14:17:21
- Festa grande per i 35 anni di attività di Erno Rossi - 01/03/2016 14:29:34
- I Sentieri della Terra: come restituire vita e dignità alla Mad - 20/02/2016 09:06:03
- Le remote origini del tatuaggio con l'antropologa Michela Zucca - 23/01/2016 09:46:08
- Mantra Madre e Il profumo della luna: libri per il risveglio dell'anim - 24/12/2015 10:37:15
- Roma: il Rito del Grembo - 12/12/2015 00:42:29
- Alla scoperta delle vere origini di Halloween con Monica - 31/10/2015 20:24:53
I COMMENTI RELATIVI ALL'ARTICOLO
Invia un commento alla Redazione
Email
Nome e Cognome
Messaggio
Gentile lettore, prima di inviare il Suo messaggio:

compilare il codice di sicurezza sottostante copiando l'immagine raffigurata;

CAPTCHA 
cambia codice

inserisci codice



Per pubblicare, in fondo all'articolo, il suo commento selezionare il pulsante sottostante.

Pubblicazione
  Si    solo nome
  Si    nome e cognome
  No


Grazie della collaborazione.

© 2014 - ftNews è una testata di libera informazione.