Redazione     Informativa     Link  

Alla scoperta del nuraghe Majori di Tempio Pausania

martedì, 30 giugno 2020 07:39

condividi su facebook
Scala del nuraghe Majori (foto di Andrea Taddia)
Francesca Bianchi
FtNews ha intervistato l'archeologa Miriam Spano, rappresentante della società di servizi turistici Balares, che da 16 anni gestisce il nuraghe Majori. Ubicato a circa due chilometri da Tempio Pausania (SS), in località Conca Marina, in prossimità di una collinetta granitica situata a 498 metri di altezza sul livello del mare e ricoperta da un fitto bosco misto di sughera, leccio, roverella, frassino e ontano, è considerato il nuraghe più importante e conosciuto della Gallura. Il monumento è situato in una posizione strategica da cui era possibile controllare il territorio circostante..
Come racconta Miriam Spano, grazie ai risultati degli scavi diretti dalla dott.ssa Angela Antona nel 1986 e nel 1995-97, si può ritenere che la fondazione del nuraghe risalga al Bronzo Medio Avanzato, attorno al XIV sec. a.C., mentre l'abbandono è da ascriversi all'età del Ferro, tra il IX e l'VIII sec. a.C.
Il nuraghe Majori ospita al suo interno una colonia di piccoli pipistrelli. Questi arrivano al nuraghe a metà aprile, partoriscono a giugno e migrano a ottobre. Quando, l'estate scorsa, ho visitato il nuraghe accompagnata dalla gentilissima Miriam, ho potuto ammirarli "sulla volta a falsa cupola della camera "buia", appesi come tante piccole more" (così li descrive la dott.ssa Antona). Ho avuto anche il piacere di assistere ad una scena davvero dolce: mentre, in religioso silenzio, varcavo la soglia della camera buia, una mamma pipistrello stava allattando il suo piccolo.
Lo scorso anno, per il quinto anno consecutivo, il nuraghe Majori ha ottenuto il Certificato di Eccellenza di TripAdvisor.
Miriam Spano si è soffermata ad illustrare le tante attività della "Balares" e ha affermato che il nuraghe Majori e il bosco in cui sorge sono oggetto di una manutenzione quotidiana accurata da parte della Società. Ha ribadito con orgoglio che la gestione del monumento avviene grazie all'autofinanziamento, senza ricevere alcun sostegno finanziario pubblico. Un connubio di professionalità, passione e profonda dedizione profuse a difesa della salvaguardia e della valorizzazione del patrimonio storico-culturale del territorio gallurese.

Dott.ssa Spano, lei è la legale rappresentante della società di servizi turistici “Balares”, che da 16 anni si occupa della gestione del nuraghe Majori, considerato il nuraghe più importante e conosciuto della Gallura. Cosa sappiamo della storia di questo monumento inserito in un contesto naturalistico tanto ricco e variegato? Quali valutazioni determinarono la scelta di questo luogo?
Nel Comune di Tempio Pausania sono attestati ventidue siti nuragici; fra i meglio conservati, vi è il nuraghe Majori, che è anche l'unico accessibile. Il nuraghe, che è stato oggetto di scavi archeologici recenti, sorge a 498 s.l.m., su una cupola granitica, in posizione strategica di controllo del territorio insieme ai numerosi nuraghi disposti sulle alture circostanti.
Di pianta sub-circolare, è realizzato con blocchi granitici di grandi e medie dimensioni appena sbozzati e meglio lavorati presso l’ingresso, che è rivolto ad Est-Sud-Est, come per ripararsi dal vento di maestrale e per sfruttare meglio la luce del sole. Il monumento può essere definito di tipo misto, poiché presenta sia le caratteristiche del nuraghe a corridoio che quelle del tipo a tholos. Dall’ingresso architravato si accede ad un corridoio che conduce direttamente al cortile semicircolare dal quale si diparte la scala per il piano superiore; qui sembra di essere sospesi tra le querce da sughero e la vista spazia sul Monte Limbara a Sud-Est e su Aggius a Nord-Ovest. Gli scavi archeologici effettuati dalla Soprintendenza Archeologica e diretti dalla dott.ssa Angela Antona hanno consentito di ricostruire le fasi di vita del nuraghe, la cui fondazione risale all’Età del Bronzo Medio maturo, attorno al XIV secolo a.C., mentre la fase di abbandono è da ascriversi all’età del Ferro non avanzata, tra il IX e I’VIII sec. a.C. Durante i suddetti lavori sono stati rinvenuti materiali ceramici di uso quotidiano, come ciotole carenate, tazze, olle, teglie e tegami, che confermano un utilizzo civile abitativo del monumento. La natura è stata molto generosa con questo monumento, ha teso la sua mano incorniciandolo con un rigoglioso manto boscoso costituito da frassini, lecci, ontani, filliree, querce da sughero e da un sottobosco ricco di pungitopo, ciclamini e piccole orchidee selvatiche che danno colore e ravvivano il granito grigio dei suoi massi. Noi abbiamo puntato molto sull'aspetto naturalistico e cerchiamo di valorizzarlo il più possibile attraverso la salvaguardia degli habitat degli animali del bosco.
Veduta aerea del nuraghe Majori (foto del Comune di Tempio Pausania)
Il nuraghe Majori ospita una colonia di piccoli pipistrelli che arrivano al nuraghe a metà aprile, partoriscono a giugno e migrano a ottobre. Se si è fortunati, durante la visita è possibile ammirarli "sulla volta a falsa cupola della camera "buia", appesi come tante piccole more" (così li descrive la dott.ssa Angela Antona)...
Sì, all’interno del nuraghe vive una colonia di piccoli pipistrelli. Questi arrivano al nuraghe a metà aprile, partoriscono a giugno e migrano ad ottobre. Si tratta di una colonia storica, perché abbiamo testimonianze che risalgono ad almeno un centinaio di anni fa, ma è probabile ci fosse anche da prima. Il Rhinolophus hipposideros, o ferro di cavallo minore, è una tra le specie di Chirotteri più piccole al mondo: la sua lunghezza arriva a 6 cm e pesa tra i 5 e i 9 grammi. Può avere solo un cucciolo all'anno e vive in media 20 anni. Per la salvaguardia dei pipistrelli le persone devono entrare all’interno del nuraghe, a piccoli gruppi, in silenzio. Per non disturbarli, è vietato l'uso di flash. Se si è fortunati, durante la visita può capitare di imbattersi in una mamma che insegna al piccolino a volare. Quello del nuraghe Majori è l'unico caso in Sardegna di una "nursery" situata all'interno di un nuraghe e la colonia viene monitorata dal Centro Pipistrelli Sardegna.
I piccoli pipistrelli sono stati sempre protetti e abbiamo rinunciato allo svolgimento di visite guidate notturne o eventi che potessero disturbarli.
La società di servizi turistici “Balares” è nata grazie all’iniziativa sua e della dott.ssa Anna Maria Ragnedda. Quali obiettivi vi siete poste con la creazione di questa realtà? Oggi in cosa consiste l'attività principale della "Balares"?
La società di servizi turistici “Balares” è nata nel 2003 grazie a un'iniziativa mia e della prof.ssa Anna Maria Ragnedda. Spinte dall’amore per l’archeologia, abbiamo deciso di mettere a disposizione il nostro tempo e la nostra competenza (laureate in Lettere Classiche, con indirizzo archeologico e Specializzazione in Beni Archeologici per me) per far conoscere il patrimonio archeologico sardo, in particolare quello del Comune di Tempio Pausania che ha fortemente creduto in primis nel progetto di scavo e valorizzazione da parte della Soprintendenza e nella successiva gestione con noi.
Abbiamo sempre cercato di avvalerci di collaboratori specializzati nel lavoro di gestione, puntando sulle risorse umane a discapito della tecnologia, a volte.
La Società propone un modello di gestione “dinamico” che si discosta dalle ormai sorpassate logiche conservative e passive della pura e semplice fruibilità del sito. Siamo consapevoli che il valore economico prodotto dall’industria culturale è sempre più legato alla capacità di coinvolgere il cliente/visitatore in un’esperienza dalla quale esca arricchito, infatti proponiamo una partecipazione attiva: con il visitatore interagiamo continuamente durante il percorso di visita, che diventa, così, un viaggio di conoscenza archeologica, botanica, folkloristica e territoriale. Vogliamo rendere “vivi” i monumenti attraverso le nostre visite guidate, fornendo ai visitatori le informazioni scientifiche aggiornate. L’obiettivo principale è quello di non perdere mai di vista l’aspetto scientifico e il lavoro degli studiosi che continuano con sacrificio a fornire la linfa vitale per accrescere la conoscenza del patrimonio.
Per arricchire la visita al sito, attorno al monumento abbiamo realizzato, a nostre spese, un orto botanico.
Gli effetti del lavoro svolto per far conoscere il sito e l’apprezzamento da parte di agenzie e di visitatori provenienti da diverse parti del mondo costituiscono una piccola eredità che si sta lasciando a Tempio Pausania, una città che deve tutelare le proprie risorse e continuare ad investire fondi sulla loro valorizzazione.
Oggi le nostre attività principali sono la gestione dell'area archeologica, con servizio di accompagnamento e visite guidate con personale qualificato, regolarmente registrato all’albo regionale delle guide turistiche, manutenzione ordinaria dell'area archeologica e guardiania.
Rhinolophus hipposideros (foto di Andrea Taddia)
Nell'orto botanico a primavera si tengono i laboratori didattici con i bambini delle scuole primarie. Che tipo di laboratori proponete per sensibilizzare i più piccoli alla conoscenza dell'immenso patrimonio storico, culturale e naturalistico del territorio?
Principalmente organizziamo laboratori di scavo archeologico simulato. I bambini sono contentissimi e molto professionali. Dapprima visitano il nuraghe Majori, successivamente fanno uno scavo stratigrafico simulato. Un'équipe si occupa della classificazione di reperti e del restauro. Inoltre, attorno al nuraghe abbiamo segnalato con cartelli esplicativi la presenza di orzo, avena e altri cereali e questo offre l'occasione per ricostruire l'alimentazione dei nuragici, grazie al fondamentale contributo dell'insegnante di scienze.
I bambini riescono anche a svolgere, con i binocoli messi a disposizione da noi, attività di "birdwatching" e a dedicarsi all’osservazione diretta, durante la visita, di tutte le specie di volatili presenti nel bosco.

L’attività di gestione richiede un impegno economico non indifferente. Nonostante ciò, come affermava poco fa, non ricevete nessun sostegno finanziario pubblico. Come vi finanziate?
Sì, solo la grande passione per questo lavoro sostiene l’impegno della gestione. Ci autofinanziamo con i proventi derivanti dalla vendita dei biglietti, dei souvenir e dei libri del bookshop. Bisogna dire, infatti, che la biglietteria, integrata nella natura del luogo, oltre che da punto informazioni, funge anche da punto vendita di numerose pubblicazioni attinenti all’ambito archeologico e naturalistico. Abbiamo investito molto in questo progetto. La nostra sfida è stata quella di credere di poter lavorare in un paese dell'interno dell’isola, come Tempio Pausania, e di poter portare, per così dire, il mare alla montagna. Quello del nuraghe Majori rappresenta un piccolo miracolo, perché siamo riuscite con tanta forza di volontà a realizzare il nostro sogno.

Il territorio dell’Alta Gallura è ricco di numerose testimonianze archeologiche, culturali e naturalistiche e offre tanti motivi d’interesse per la visita. Questa zona, che molti purtroppo conoscono soltanto per la vicina e lussuosa Costa Smeralda, potrebbe proporre un'offerta turistica ben più ampia, puntando molto sul turismo culturale...
Esattamente! Proprio per questo motivo la "Balares", sin dal primo anno, ha stampato mappe naturalistiche e culturali dei luoghi della cultura attorno al nuraghe. A breve distanza dal nuraghe Majori, infatti, si trovano numerosi siti d’interesse archeologico, culturale e naturalistico, come il Museo "Galluras", meglio noto come Museo della "Femina Agabbadòra", a Luras, il Museo del Sughero di Calangianus, i Musei di Aggius, gli Olivastri millenari, sempre a Luras, e i percorsi naturalistici per gli amanti del trekking a Bortigiadas.

Come vi state preparando ad affrontare questa stagione estiva ancora incerta a causa dell'emergenza sanitaria? Come avverrà la visita al sito?
Ci stiamo preparando al meglio, adottando tutte le prescrizioni imposte dal Ministero. I visitatori potranno entrare solo con la mascherina, rispettando il distanziamento, per cui non potranno entrare più di sei persone all'interno del monumento. Nell'area intorno, invece, potranno esserci anche più persone contemporaneamente, purché ci sia il dovuto distanziamento. È gradita la prenotazione per poter organizzare tutto al meglio. In ogni caso, il sito resterà aperto tutti i giorni dalle 9,30 alle 19, per cui, anche coloro che dovessero venire senza aver prenotato, potranno visitare il monumento attendendo il loro turno.

Cosa si augura per il futuro del nuraghe Majori e dei tanti monumenti archeologici galluresi?
Mi auguro che anche in questa stagione difficile vengano a trovarci tanti visitatori per portare avanti il nostro lavoro. Spero vivamente che le agenzie che hanno sempre creduto in questo progetto culturale continuino a collaborare con noi. Il primo anno di gestione il sito era poco conosciuto e aveva pochi visitatori; grazie al lavoro di promozione, di partecipazione a fiere di settore, e ben oltre le nostre aspettative, in poco tempo siamo passati da zero a 20000 visitatori, senza aiuti pubblici. Come dicevo poco fa, quello del nuraghe Majori è la dimostrazione che l’impegno, la professionalità, l’amore per la natura e la salvaguardia degli habitat degli animali del bosco possono diventare una scelta di vita e un’opportunità di lavoro.
"Non c’è futuro per noi se distruggiamo l’ambiente che ci sostiene" (Papa Francesco).
Mostra altri Articoli di questo autore
info@freetopnews.it
- Lungo i sentieri del Cammino Ibleo con Nanni Di Falco - 06/07/2020 16:49:35
- Alla scoperta del nuraghe Majori di Tempio Pausania - 30/06/2020 07:39:09
- Lorenzo Braccesi: Olimpiade e Zenobia, quando il potere è donna - 24/06/2020 05:26:37
- Ove abitai fanciullo: a Recanati aprono le stanze private di Giacomo L - 15/06/2020 14:18:28
- I reperti assiri di Faida al premio mondiale in memoria di Khaled al-A - 08/06/2020 07:43:10
- Mauro Bonazzi: i Greci e il mistero dell'esistenza - 01/06/2020 07:22:54
- PandemicA, racconto corale per immagini - 21/05/2020 07:52:03
- Antonietta Langiu, la mia Isola - 08/05/2020 09:22:34
- Susanna Garavaglia: il risveglio della coscienza interiore - 29/04/2020 05:09:43
- Rosanna Raffaelli Ghedina: folclore, leggende e simboli delle Dolomiti - 16/04/2020 23:10:44
- Giorgio Murru: Spiriti e Dèi nella statuaria preistorica della Sardegn - 09/04/2020 13:50:32
- Una Maschera, un Volto, un Paese: il Carnevale in Sardegna - 07/03/2020 07:34:21
- Pe’ terre assaje luntane: al MANN l’emigrazione ischitana in America - 01/03/2020 19:33:00
- Thalassa: a Napoli le meraviglie sommerse dal Mediterraneo - 27/02/2020 23:09:38
- Nel segreto mare delle stelle di Marella Giovannelli - 25/02/2020 18:10:02
- Marcello Cabriolu, la Sardegna e il Mediterraneo Occidentale - 17/02/2020 21:27:55
- Erika Maderna, sulle tracce della medicina delle streghe e delle sant - 27/01/2020 06:48:31
- Federico Fellini: ironico, beffardo e centenario - 14/01/2020 07:56:24
- Pompei e Santorini, l'eternità in un giorno - 04/01/2020 08:29:04
- Andrea Icardi, un anno in Alta Valle Maira - 30/12/2019 14:15:42
- Archeologi italiani riportano alla luce i reperti assiri di Faida - 15/12/2019 09:45:07
- Augusto Mulas: l'orientamento astronomico dei nuraghi - 09/12/2019 19:01:03
- Margherita Massari: Ildegarda di Bingen, Sibilla e Dottore della Chies - 06/12/2019 09:18:37
- Il mito immortale di Cartagine in mostra a Roma - 04/12/2019 00:02:27
- Aquileia 2200. Porta di Roma verso i Balcani e l’Oriente - 29/11/2019 05:28:33
- Michele Porcaro: ASSTEAS - Storia del Vaso più bello del mondo - 19/11/2019 00:26:44
- Silvia Romani: credenze, miti e dei degli antichi - 11/11/2019 13:10:02
- All'Alba Radians di Albano (RM) il Filottete di Sofocle - 06/11/2019 16:36:58
- Mulino della Riviera di Dronero (CN), una storia firmata Cavanna - 29/10/2019 18:50:24
- Galluras, il Museo della Femina Agabbadòra - 22/10/2019 07:00:03
- Ugo Mancini: Sotto la cenere, storie di vita quotidiana durante il ven - 10/10/2019 20:51:11
- Alessandra Derriu: streghe, indovine e curatrici nella Sardegna del '7 - 04/10/2019 07:06:18
- Giuseppe Vito Internicola: Castellammare del Golfo, alle origini di un - 29/09/2019 18:15:59
- Città della Pieve (PG) si prepara ad accogliere Il Nostro Tempo - 25/09/2019 15:20:51
- Uno spazio per le Donne: alla scoperta del mondo femminile sardo e non - 23/09/2019 08:37:50
- Olmedo (SS), storia, tradizioni, folklore - 21/09/2019 09:21:49
- Silvia Giorcelli Bersani: I Romani e le Alpi - 16/09/2019 14:05:54
- Rossella Giglio: Segesta, tra teatro, musica, natura - 08/08/2019 15:56:16
- Enrico Caruso: la rinascita di Selinunte - 01/08/2019 14:29:05
- Lucina Gandolfo: alla scoperta di Monte Iato - 31/07/2019 07:33:07
- Sulle spiagge pontine tornano i Racconti di Sabaudia - 30/07/2019 08:47:45
- Tagliacozzo (AQ): XXXV Festival Internazionale di Mezza Estate - 22/07/2019 14:36:02
- Civiltà del sole: l'archeoastronomia nella Sicilia preistorica - 19/07/2019 07:30:13
- Cristina Muntoni, il potere delle parole nella storia della sacralità - 15/07/2019 18:12:54
- Francesco Bianco, un cammino tra verità nascoste - 13/07/2019 06:58:14
- Filippo Drago, mugnaio siciliano fra tradizione e modernità - 09/07/2019 07:28:20
- Con la KERNOS alla scoperta di Castellammare del Golfo - 02/07/2019 18:17:21
- Per una rinascita di Castelvetrano, città d'arte, storia, cultura - 27/06/2019 18:13:44
- Marinella Fiume: sapienza, virtù e misteri dell'universo simbolico fem - 11/06/2019 19:04:31
- Stefano Pucci: le incisioni rupestri delle Alpi Apuane - 07/06/2019 09:24:59
- Albano (RM), al via la Rassegna del Teatro Antico - 26/05/2019 18:33:37
- Max Dashu: Streghe e pagane, le donne nella cultura popolare europea - 14/05/2019 07:18:46
- Diego Maggio: profumi, aromi e sapori siculo-panteschi - 09/05/2019 08:15:34
- Regius, omaggio allo stupor mundi Federico II di Svevia - 03/05/2019 07:38:01
- Sentiero della Libertà, per tenere viva la Memoria - 01/05/2019 20:05:09
- Caccamo (PA), borgo di storia, arte, cultura - 28/04/2019 06:50:10
- C'era una volta Iato: omaggio dei ragazzi all'antica Iato - 23/04/2019 22:40:32
- U Pani ri Murriali: il pane genuino di una volta - 16/04/2019 17:20:40
- Recanati (MC): L'Infinito di Leopardi compie 200 anni - 13/04/2019 16:51:43
- A Camo (CN) torna PrimaVeraRegia - 11/04/2019 17:17:36
- Ivano Dionigi: Lucrezio, Seneca e noi - 04/04/2019 23:33:23
- Luca Mancini: Il caso dell'Ungheria di Horthy - 09/04/2019 19:14:05
- Il Foscolo di Albano (RM) trionfa al Festival Thauma - 30/03/2019 20:22:23
- Sotto il segno dei pesci: Camaiani celebra la Grecia - 28/03/2019 17:13:29
- Guido Cossard, viaggio nel mondo dell'Archeoastronomia - 25/03/2019 10:47:16
- Rosanna Oliva de Conciliis, una vita per la Parità - 17/03/2019 08:14:51
- Donna o Dea: le raffigurazioni femminili in Sardegna tra passato e pre - 02/03/2019 20:50:25
- Giorgio Ieranò: l'arcano fascino delle isole dell'Egeo - 25/02/2019 09:19:48
- Dea e Femminismo alla Roma Goddess Conference - 21/02/2019 09:10:27
- Elena Ianni: le feste e i falò del Messico - 17/02/2019 19:18:44
- Roma: l'olio d'oliva al Premio Filo della Torre - 15/02/2019 17:02:24
- I giovani attori del Foscolo alla Giornata del Greco - 06/02/2019 17:24:33
- La Penisola del Sinis (OR) tra storia, archeologia e natura - 29/01/2019 17:38:31
- King Camp Gillette: Il Turbine Umano - 19/01/2019 11:59:30
- Barumini (VS), archeologia, storia, cultura nel cuore della Sardegna - 14/01/2019 10:46:56
- Morena Luciani Russo: la ricerca della Dea e lo sciamanesimo - 09/01/2019 06:28:02
- Maurizio Bettini: Il Presepio, storia di un simbolo - 21/12/2018 08:22:38
- Venezia: Idoli, il potere dell'immagine - 12/12/2018 18:57:46
- Simona Modeo, Dioniso in Sicilia - 06/12/2018 17:48:35
- Violette Sauvage a Palazzo Colonna (RM) - 03/12/2018 07:01:13
- Pomezia (RM): Premio Donna d'Autore 2018 - 30/11/2018 06:37:50
- Massimo Blasi, l'incredibile storia degli imperatori romani - 28/11/2018 10:26:59
- Fabio Isman: 1938, l'Italia razzista - 25/11/2018 07:30:10
- Sacrum, lo Stabat Mater di Rossini all'Aracoeli di Roma - 22/11/2018 16:42:46
- Oriana Dal Bosco: il misterioso fascino del Nord Africa - 20/11/2018 17:17:03
- Natale inCHIOSTRO a Monastero di Dronero (CN) - 17/11/2018 07:53:51
- All'Alba Radians di Albano (RM): l'Ecuba di Euripide - 15/11/2018 16:59:16
- Autunno d'Autore a Ruralia, Conosci tu il paese dove... - 13/11/2018 18:40:36
- Marella Giovannelli, una vita tra giornalismo, fotografia e poesia - 09/11/2018 10:04:37
- Daniela Dao Ormena: Le radici chiamano, dolci melodie della Valle Mair - 30/10/2018 13:32:22
- Gli antichi pani di Sardegna protagonisti a Buddusò - 17/10/2018 14:23:34
- Torna a Lanuvio (RM) l'antico rituale della Maza - 04/10/2018 20:39:44
- Nonna Tommy, raccontaci ancora... - 02/10/2018 07:16:37
- A Buddusò (SS) torna Artes in Carrera - 30/09/2018 06:56:22
- Al Museo Africano di Verona la danza degli spiriti - 27/09/2018 00:12:36
- A. Cossard: Archeoastronomy, la prima app di archeoastronomia - 24/09/2018 09:21:18
- Firenze, Viaggio nell'altro e nell'altrove in ricordo di Paolo Grazios - 19/09/2018 08:31:44
- Lanuvio (RM): Buon compleanno, Antonino Pio! - 10/09/2018 06:04:22
- Raffaella De Sanctis, tra scuola e ricerca - 04/09/2018 17:45:49
- Màn. Vietnam Street Heroines in mostra al MAO (TO) - 26/08/2018 10:25:13
- Alessandra Comneno, una vita a contatto con la saggezza dei Nativi - 12/08/2018 19:38:51
- MAO (TO), ORIENTI. 7000 anni di arte asiatica dal Museo delle Civiltà - 07/08/2018 06:17:08
- Senorbì (CA), al MADN La Dea di Turriga, il mistero di un’icona senza - 01/08/2018 07:38:49
- Silvia Tenderini, una vita tra viaggi, ricerche e scrittura - 24/07/2018 19:40:34
- A Villa Giulia (Roma) la Scuola di Archeoastronomia 2018 - 19/07/2018 06:39:50
- Gabriella Mosso, I miei, i tuoi, i nostri - 17/07/2018 05:54:30
- Tagliacozzo (AQ), Festival Internazionale di Mezza Estate - 12/07/2018 06:39:05
- Franco Campus, Nuragici - un Territorio, un'Isola, il Mediterraneo - 09/07/2018 22:21:30
- Carmagnola (TO): Donne e Madonne nell’Arte dal XV secolo ad oggi - 04/07/2018 21:53:04
- Per una rinascita socio-culturale dei borghi della Valle dell'Amaseno - 25/06/2018 07:25:04
- Capalbio (GR), vacanza-laboratorio di Spiritualità Femminile con Devan - 22/06/2018 20:30:12
- Nicola Castangia, Ercole Contu e la scoperta della Tomba dei Vasi Tetr - 18/06/2018 06:44:49
- Castelfidardo (AN): gli studenti del Meucci per la valorizzazione del - 10/06/2018 17:30:57
- Papa Wojtyla in Comelico e in Cadore: il ricordo e l'emozione 30 anni - 27/05/2018 16:40:51
- Scrittori alla scoperta del mondo, una mostra sulla letteratura di via - 22/05/2018 06:00:18
- In viaggio tra le pagine di Elena Dak - 18/05/2018 09:31:20
- Convegno Internazionale contro Terrorismo, radicalizzazione e violenza - 08/05/2018 06:02:05
- Olimpia Biasi, la Viriditas di Ildegarda in mostra all'Hortu - 25/04/2018 15:09:19
- Con Marco Grippa alla scoperta del fascino segreto di Tagikistan e Kir - 18/04/2018 18:40:04
- Da Maenza a Fossanova sulle orme di San Tommaso d'Aquino - 13/04/2018 13:59:02
- Pierluigi Montalbano: l'alba della civiltà sarda - 10/04/2018 14:08:20
- Donne, Madri, Dee: la rappresentazione del femminile in mostra a Udine - 07/04/2018 07:14:26
- In mostra a Milano gli scavi di Achille Vogliano nel Fayum - 28/03/2018 18:52:37
- Sulle tracce della Dea: Viaggio nel Grembo della Storia - 17/03/2018 16:44:27
- Nadia Tarantini: Quando nascesti tu, stella lucente - 05/03/2018 21:14:35
- L'epopea dei Longobardi in mostra al MANN - 26/02/2018 10:45:11
- Verso il contratto di fiume dell'Amaseno - 22/02/2018 11:55:38
- Inside, la nuova collezione di Vittorio Camaiani - 11/02/2018 22:27:58
- Alla scoperta del matriarcato di Bali con Bruna Rotunno - 04/02/2018 13:48:05
- Giornata della Memoria, per non dimenticare - 25/01/2018 18:06:41
- Viaggio nei segreti della bellezza del corpo femminile - 21/01/2018 21:30:48
- Ildegarda di Bingen, maestra di sapienza nel suo tempo e oggi - 10/01/2018 22:22:54
- Selene Calloni: l'arte della ribellione zen per vincere la paura - 05/01/2018 22:57:08
- MANN: grande successo per la mostra sull'America precolombiana - 28/12/2017 14:29:51
- 2018 per Katike: i calendari di ...non lasciamoli soli - 19/12/2017 22:15:21
- Maenza: La rete dei cammini della Valle dell’Amaseno - 12/12/2017 22:31:25
- Al Convivium di Fiuggi i Pensieri sparsi di Daniela Gariglio - 07/12/2017 08:47:07
- Napoli: Il Natale dei 100 Alberi d’Autore - 03/12/2017 09:41:27
- Le donne dei Longobardi: urban-trekking con Michela Zucca - 28/11/2017 13:46:59
- San Martino di Stroppo: piccolo gioiello delle Valli Cuneesi - 24/11/2017 06:54:30
- Signa del Alma: per dire No alla violenza sulle donne - 19/11/2017 08:32:53
- Il nuovo romanzo di Maristella Lippolis: Raccontami tu - 07/11/2017 16:56:46
- Mama Africa: la maternità nell'arte africana - 03/11/2017 11:20:04
- Violette Sauvage: il vintage chic a Palazzo Colonna - 28/10/2017 11:28:12
- Il patrimonio archeologico del Lazio alla BMTA di Paestum - 26/10/2017 15:31:12
- Templari. Dal ducato di Puglia e Calabria, all’Italia del III Millenni - 22/10/2017 17:10:52
- Archeologia ferita: Volti di Palmira ad Aquileia - 11/10/2017 08:02:26
- Giancarlo Sani: alla scoperta delle incisioni rupestri toscane - 03/10/2017 13:36:14
- ... non lasciamoli soli: il progetto per il Nepal di Ilario Sedrani - 26/09/2017 08:24:26
- Giuliana Borghesani: La Maledizione della Liberta - 22/09/2017 14:28:02
- L'uomo, il Cancro del Pianeta - 04/09/2017 20:15:53
- Le caverne delle donne: la grotta di San Colombano - 25/08/2017 17:49:53
- Le figlie sono come le Madri: Donne lungo la Via della Seta - 30/08/2017 12:56:24
- Nemi: tornano i Nemoralia in onore della Dea Diana - 08/08/2017 17:21:44
- Donne e medicina: quale futuro per la medicina di genere? - 05/08/2017 08:48:58
- Arkeotrekking in Trentino: Sui sentieri delle Madri Antiche II - 31/07/2017 08:27:43
- Piero Verni: Tulku, viaggio nel cuore mistico della civiltà tibetana - 25/07/2017 07:11:56
- Ugo Mancini: ragioni e vicende degli antifascisti a Roma e nei Castell - 07/07/2017 18:23:52
- Festival di Tagliacozzo: conferenza stampa di presentazione a Palazzo - 05/07/2017 06:55:48
- Cuneo: Il lato nascosto delle Alpi - 04/07/2017 06:11:40
- Come con gli occhi dei bambini di Terezin - 28/06/2017 21:43:19
- Baby Giulia, storia di un'adolescenza rubata - 18/06/2017 13:18:11
- Francesca D'Amico: le donne nella tradizione contadina abruzzese - 11/06/2017 16:01:53
- Tutela e valorizzazione del patrimonio rurale nel Lazio - 07/06/2017 18:43:20
- Fiume che cammina. Transumanza dall’Adriatico al Lagorai - 03/06/2017 08:02:51
- Roma: VI raduno dei Linfoamici - 01/06/2017 14:32:42
- Atlantide, dal mito alla storia: intervista ad Alessandra Murgia - 20/05/2017 08:13:47
- Ignazio Didu: I Greci e la Sardegna. Il mito e la storia - 12/05/2017 09:18:37
- Sacra Nemora: la cultura del sacro in mostra a Lanuvio - 07/05/2017 23:09:38
- Pizzo d’Irlanda, merletto e ricamo protagonisti sul lago Trasimeno - 02/05/2017 07:59:39
- Arkeotrekking in Trexenta: Le Antiche Madri dei Monti e del Mare - 25/04/2017 19:47:13
- Le donne e il sapere medico-erboristico: un binomio da riscoprire - 07/04/2017 21:29:15
- Linfoamici a Venezia - 30/03/2017 18:13:31
- Com'è giusto che sia: il nuovo thriller di Marina Di Guardo - 29/03/2017 10:34:04
- Herbarie: le chiamavano Streghe - 24/03/2017 21:01:03
- Devana: il risveglio della spiritualità nativa dell'Antica Europa - 17/03/2017 18:33:42
- Andrea Loddo: l'archeologia sperimentale per comprendere le ancestrali - 11/02/2017 20:01:00
- Alla scoperta dell'origine genetica dei Sardi con il prof. Francala - 03/02/2017 08:01:01
- Diego Manzi: viaggio nel cuore della tradizione indiana - 28/01/2017 10:24:25
- Barbara Bonomi Romagnoli: storie di insette felici - 25/01/2017 23:15:02
- Alberto Pattini: Poesia del Trentino. La melodia della Grande Madre - 19/01/2017 21:24:29
- Rinascere dalle distruzioni. Ebla, Nimrud, Palmira - 12/01/2017 21:25:10
- Nori Corbucci: Marta Marzotto, una vita da ricordare - 05/01/2017 00:02:59
- La Sardegna antica nel cuore del Mediterraneo - 30/12/2016 01:04:16
- Sardegna nuragica e falso mistero della lingua etrusca con il linguist - 03/01/2017 07:32:46
- La Stirpe del Sole: una Medea inedita nell'ultimo romanzo di Giuliana - 23/12/2016 14:12:50
- Al Castello di Scilla i Popoli del Mare di Oreste Kessel Pace - 16/12/2016 12:53:26
- SACRUM: concerto dedicato a Papa Francesco all'Aracoeli - 08/12/2016 10:18:48
- Paola Biato: Viaggio nel mondo della Psicofiaba - 04/12/2016 19:28:59
- Il viaggio. Alchimie e Passioni: a Venezia la personale di Irene Manen - 29/11/2016 08:13:34
- Il Natale dei 100 alberi d’autore - 28/11/2016 20:22:54
- Carlo Buldrini: Pellegrinaggio buddhista - 16/11/2016 08:32:43
- A Spazio Mater l'arte digitale di Michele Grimaldi - 13/11/2016 19:50:50
- Gigantes de Perdas: alla scoperta dei nuraghi sardi - 04/11/2016 07:54:20
- Ivo Nardi: Riflessioni sul senso della vita - 24/10/2016 08:27:11
- Fabrizio Manzetti: Nascosti davanti a tutti - 18/10/2016 00:13:25
- Bambine e bambini: divino gioco di pace nel mondo - 28/10/2016 08:24:38
- La Danza degli Archetipi: alle radici del linguaggio simbolico - 13/10/2016 22:41:28
- Alla scoperta dei Fiori di Bach con Gerardo Chirò - 09/10/2016 08:44:23
- Sardegna: curiosità, aneddoti e misteri sardi con Gianmichele Lisai - 04/10/2016 06:59:28
- Roma per Amatrice: Concerto di Beneficenza - 25/09/2016 15:45:16
- Sulle tracce dell' archeologia dell'evanescente con Paola Di Si - 22/09/2016 15:21:18
- Sebastiano Brocchi: alchimia, esoterismo, simbologia sacra e mistero - 18/09/2016 08:55:07
- Milano: appuntamento per il World Lymphoma Awareness Day - 13/09/2016 07:41:13
- Sulla via degli sciamani del Sudamerica con Stefano Lioni - 29/08/2016 08:00:22
- Sulle orme dei Moso con l'antropologa Francesca Rosati Freeman - 16/08/2016 07:13:59
- Sui sentieri dei luoghi di culto della Grande Dea con Luisella Veroli - 11/08/2016 08:48:06
- Un Altro Mondo per i Diritti della Pachamama - 27/07/2016 07:32:44
- Alessandra Di Gesù: viaggio nelle Tradizioni Misteriche del Mediterran - 05/07/2016 08:00:50
- Abbracci gratis contro il linfoma: a Roma il V raduno dei Linfoami - 31/05/2016 23:23:59
- Out of Tibet: il foto-racconto della diaspora tibetana sbarca a Roma - 23/05/2016 00:04:09
- Il Canto delle Sirene in mostra a Bologna - 22/05/2016 10:02:01
- La cultura dei Moso arriva al Ramadù di Cisterna - 16/04/2016 21:08:59
- Donne e scienza: un binomio per troppo tempo ignorato - 24/03/2016 07:51:18
- Suffragette 2.0: approda al Peano di Roma - 14/03/2016 22:06:13
- Palazzo Visconti: Alta Moda della Sartoria Angela - 09/03/2016 08:47:43
- Il respiro profondo di una Nuova Era - 04/03/2016 14:17:21
- Festa grande per i 35 anni di attività di Erno Rossi - 01/03/2016 14:29:34
- I Sentieri della Terra: come restituire vita e dignità alla Mad - 20/02/2016 09:06:03
- Le remote origini del tatuaggio con l'antropologa Michela Zucca - 23/01/2016 09:46:08
- Mantra Madre e Il profumo della luna: libri per il risveglio dell'anim - 24/12/2015 10:37:15
- Roma: il Rito del Grembo - 12/12/2015 00:42:29
- Alla scoperta delle vere origini di Halloween con Monica - 31/10/2015 20:24:53
I COMMENTI RELATIVI ALL'ARTICOLO
Invia un commento alla Redazione
Email
Nome e Cognome
Messaggio
Gentile lettore, prima di inviare il Suo messaggio:

compilare il codice di sicurezza sottostante copiando l'immagine raffigurata;

CAPTCHA 
cambia codice

inserisci codice



Per pubblicare, in fondo all'articolo, il suo commento selezionare il pulsante sottostante.

Pubblicazione
  Si    solo nome
  Si    nome e cognome
  No


Grazie della collaborazione.

© 2014 - ftNews è una testata di libera informazione.