Redazione     Informativa     Link  

Tenuta Coda di Lupo, eccellenze sarde per un'agricoltura sostenibile

martedì, 22 settembre 2020 19:35

condividi su facebook
Uno dei campi dell'Azienda "Coda di Lupo"
Francesca Bianchi
A Scalìa, nell’agro di Arzachena (SS), in piena Gallura, sorge la Tenuta Coda di Lupo, www.tenutacodadilupo.com, azienda agricola fondata nel 2016 dalla famiglia Di Niglio.
Il mese scorso ho avuto il piacere di visitare questa bella realtà situata in un'area di 18 ettari di macchia mediterranea, a pochi chilometri dalle spiagge più belle della Gallura. Accolta e guidata dal "padrone di casa" Diego Di Niglio, ho visitato i campi dell'azienda, "sorvegliati" e protetti da maestose rocce granitiche scolpite dal vento e dai millenni. Diego ha rilasciato a FtNews una bella intervista in cui ha ripercorso la storia dell'azienda di famiglia, avviata quattro anni fa dai suoi genitori e dal fratello Stefano.
Diego - che, come sua moglie Lia, ha all'attivo una Laurea in Relazioni internazionali e diverse esperienze con ONG di cooperazione internazionale in qualità di responsabile di progetti umanitari di sviluppo sociale, economico e ambientale in Asia, Africa, e America Latina - ha sottolineato che l'Azienda ha puntato sin dal primo momento alla coltivazione di materie prime legate al territorio, trasformate in collaborazione con mulini, panifici e pastifici artigianali sardi al fine di creare una filiera locale e promuovere lo sviluppo e l'economia del territorio. In particolare, i Di Niglio producono, nel rispetto delle pratiche dell’agricoltura biologica, senza l'uso di pesticidi o diserbanti, il grano duro Senatore Cappelli e il Tricu cossu, frumento tenero antico originario della Gallura, risalente ai primi del Settecento. Da poco hanno avviato la coltivazione sperimentale dell’orzo distico per la maltazione e di alcune varietà di luppolo, con cui produrranno birra artigianale in collaborazione con un birrificio agricolo sardo.
Nel 2019 hanno iniziato anche l'attività di apicoltura e quest'anno hanno fatto la prima smielatura, ottenendo 60 chili di millefiori di macchia mediterranea, un miele squisito che da più di un mese è una presenza fissa nella mia colazione, una coccola che ogni mattina mi dona la dolce, impagabile sensazione di essere in terra sarda, immersa nei profumi inebrianti della macchia mediterranea.
Di Niglio ha parlato anche del mirteto dell'azienda, di circa 1500 piante, con varietà selezionate dall'Università di Sassari. Qualche mese fa hanno prodotto le prime 1000 bottiglie, in collaborazione con un'azienda agricola locale.
Diego – che insieme a sua moglie Lia e con altri produttori galluresi ha fondato l'Associazione Gallura Biodiversa - ha parlato dei tanti progetti per il futuro, tutti indirizzati a sostenere e a incentivare la biodiversità, lo sviluppo locale, la promozione e la tutela del territorio.
Di Diego Di Niglio colpiscono l'entusiasmo e la dedizione profusi nell'attività di famiglia e la voglia di mettersi in gioco per rilanciare l'economia e le risorse del territorio gallurese. A lui il mio più sentito ringraziamento per avermi aperto le porte della sua azienda e per avermi raccontato la storia dell'attività di famiglia e i tanti progetti coltivati per il futuro, tutti indirizzati alla promozione di un'agricoltura sostenibile che rispetti l'ambiente, produca alimenti benefici per la salute e valorizzi la biodiversità.
Tutti i prodotti della tenuta agricola Tenuta "Coda di Lupo" possono essere acquistati sulla piattaforma "SardiniaE-commerce".

Diego, lei è milanese; la sua famiglia vive al nord da diversi anni. Come e quando è nata l'idea di fondare un'azienda agricola nel cuore della Gallura? Cosa producete?
La fondazione dell'Azienda "Coda di Lupo" risale al 2016, quando insieme alla mia famiglia decidemmo di acquistare alcuni terreni a Scalìa, nell’agro di Arzachena (SS), in piena Gallura. Nel 2018, di ritorno dal Brasile, ci siamo inseriti anche mia moglie Lia ed io. Entrambi abbiamo esperienza nella cooperazione internazionale. La mia famiglia ha origini contadine; mio padre è calabrese, mia madre napoletana. Da bambini si sono trasferiti al Nord. Entrambi hanno contribuito in modo fondamentale alla nascita della nostra tenuta agricola. Mia madre, che con la sua lunga esperienza di amministratrice d’azienda cura gli aspetti fiscali e amministrativi, e mio padre, con il suo lavoro costante, il suo spirito di iniziativa e la sua energia inesauribile, ogni giorno contribuiscono attivamente alla crescita e al raggiungimento di nuovi traguardi.
Il mio legame con la Sardegna, in particolare con la Gallura, è di vecchia data. Sin da ragazzino con la mia famiglia venivo in vacanza alla Maddalena. Io mi definisco gallurese per scelta, ispirandomi a Fabrizio De André. E non è un caso che l'azienda si chiami Coda di Lupo, proprio come la canzone del celebre cantautore genovese.
Nella tenuta produciamo, nel rispetto delle pratiche dell’agricoltura biologica, il grano duro Senatore Cappelli, storica varietà selezionata in Italia ai primi del ‘900, e il Tricu cossu, frumento tenero antico originario della Gallura, risalente ai primi del 1700. Nel 2017 c'è stata la prima semina del Senatore Cappelli. Abbiamo preso le sementi da un piccolo produttore di Guspini, nel sud Sardegna. Nel 2018 c'è stata la prima mietitura.

Con quali obiettivi è nata la vostra azienda agricola? Qual è stata e qual è l'idea che ha animato sin dal primo momento la vostra attività? Oggi qual è la vostra missione?
Sin da subito, insieme a Lia, abbiamo iniziato a studiare il contesto locale per capire cosa significasse impostare un'azienda agricola e abbiamo iniziato il processo per la certificazione biologica, che finalmente abbiamo ottenuto qualche mese fa. Abbiamo impostato il discorso sulla certificazione di materie prime legate al territorio. La nostra idea è stata subito quella di produrre materia prima di qualità, biologica e legata al territorio, e trasformarla in collaborazione con una rete di partner locali per arrivare al prodotto finito al 100% a livello locale. Da lì abbiamo iniziato a costruire contatti con panifici, mulini, aziende agricole che fanno produzioni di liquori, anche con un birrificio agricolo. Il concetto fondamentale è quello della cooperazione per la creazione di una filiera locale. Questo ci ha permesso di conoscere tanti produttori e di scoprire grani antichi come il Tricu cossu, varietà antica di grano tenero. Abbiamo iniziato a collaborare con gli anziani del paese e, insieme a un gruppo di agricoltori locali, abbiamo dato vita all'associazione "Gallura Biodiversa", al cui interno ci sono circa venti produttori galluresi, e Marianna Virdis e Francesco Mascia dell'Azienda Agricola "Sa Laurera" di Villanovaforru (SD), in Marmilla. L'obiettivo è quello di riuscire a recuperare e a reintrodurre questo antico grano tenero, che è storicamente utilizzato in Gallura per la produzione di paste fresche (i chjiusoni, gli gnocchi tradizionali), pane e dolci delle feste.
Pianta spontaea di mirto della tenuta
Proprio per la riscoperta di questa varietà di grano tenero avete aderito ad un progetto promosso dall'Università di Sassari e dal Parco di Porto Conte...
Sì, lo scorso autunno abbiamo aderito al progetto cluster AVIPROFO, dedicato alla sperimentazione e alla valorizzazione delle antiche varietà di grano. Questo progetto ha coinvolto il Dipartimento di Agraria dell’Università degli Studi di Sassari, Porto Conte Ricerche, alcuni mulini e alcune aziende produttrici di grano. Con i produttori dell’associazione abbiamo fornito la farina di "Tricu cossu", che è stata analizzata nei laboratori dell’Università e con la quale sono state realizzate diverse prove sia nei dolci, con la produzione dei biscotti savoiardi da parte di un laboratorio di pasticceria, che nella pizza, da parte di una pizzeria di Alghero. Entrambe le prove hanno dato ottimi risultati, ottenendo un grande apprezzamento da parte dei consumatori.

Quanto al Senatore Cappelli, cosa sappiamo di questo grano duro e delle sue proprietà? Come viene salvaguardato il suo valore? Inoltre, quali sono le caratteristiche della vostra pasta prodotta con questo tipo di grano?
Considerato il "padre" dei grani duri moderni, il Senatore Cappelli è stato il grano duro maggiormente coltivato in Italia fino agli anni Cinquanta/Sessanta. Adattabile, rustico, resistente a terreni poco fertili e caratterizzato dalla eccellente qualità della sua semola, ancora oggi è coltivato soprattutto in biologico, proprio per le sue caratteristiche di adattabilità a suoli non diserbati e fertilizzati, per le eccellenti qualità organolettiche dei suoi sfarinati e la qualità dei prodotti della panificazione e delle paste che se ne ottengono. Il suo glutine è particolarmente digeribile e “non tossico”, quindi adatto anche a molte persone che soffrono di intolleranza alimentare al glutine, ma non ai celiaci. Oltre al pane, con gli sfarinati del grano Cappelli coltivato in modo naturale, senza pesticidi o diserbanti, macinato a pietra e trasformato artigianalmente (tutto, dalla semina al confezionamento, avviene in Sardegna), alcuni pastifici artigianali sardi, nel rispetto dei metodi tradizionali della trafilatura al bronzo e con un processo di lenta essicazione (fino a 24-32 ore a basse temperature), preparano per noi una pasta di eccellenza che conserva tutte le proprietà organolettiche del grano. Facciamo sia la macinatura a pietra, che preserva tutta la parte nutriente, sia quella meccanica con il mulino a cilindri, indicato per ottenere una semola più pura. Offriamo formati della tradizione sarda, insieme ad altri più diffusi su tutto il territorio nazionale, anche in formato integrale.

Quest'anno avete partecipato al Sardinia Food Awards, premio per le eccellenze agroalimentari sarde, ottenendo un premio per la vostra pasta e una menzione speciale per il vostro pane carasau. Cosa ha significato per la vostra azienda questo importante riconoscimento?
Abbiamo partecipato al "Sardinia Food Awards 2020", ottenendo il primo premio nella categoria "Pasta Tradizionale". Inoltre, il nostro pane carasau di grano duro Senatore Cappelli macinato a pietra ha ricevuto la menzione speciale nella categoria "Pane Tradizionale". Superfluo dire che è stata un'enorme soddisfazione aver partecipato a un'iniziativa che coinvolge importanti e consolidate aziende sarde nel settore "food&beverage" e aver ottenuto riconoscimenti così importanti per i nostri prodotti e soprattutto per il progetto di azienda agricola che portiamo avanti giorno dopo giorno con entusiasmo e impegno. Vogliamo condividere questo riconoscimento con tutti i nostri partner che rendono possibile la filiera di lavoro dal campo al prodotto finito: da chi ci aiuta a lavorare la terra, ai produttori sardi con i quali condividiamo la passione per la coltivazione del grano, dai mulini che macinano con cura e dedizione gli sfarinati che utilizziamo, agli straordinari pastai che trasformano la semola in prodotti di eccellenza, fino ad arrivare ai consumatori, ai negozianti, ai ristoratori che utilizzano i nostri prodotti e ci offrono consigli per migliorarci. Tutta questa rete di partner condivide con noi la filosofia e i valori di un'agricoltura sostenibile che valorizza la biodiversità, le produzioni tradizionali e le eccellenze del nostro territorio. Con questi partner cerchiamo di promuovere un percorso di sviluppo locale che includa un numero sempre più grande di attori.

A proposito del vostro pane, io ho avuto modo di assaggiare sia il carasau che il guttiau e posso confermare che sono squisiti. Come vengono prodotti?
Con le nostre farine, nel rispetto delle pratiche tradizionali, un forno tradizionale della città di Oliena, nel cuore della Barbagia, lavora i nostri sfarinati, realizzando per noi un pane di eccellenza. Il nostro pane è prodotto con lievito madre naturale e cotto in forno a legna secondo la tradizione. Il pane carasau, nato come il pane dei pastori della regione del nuorese, è oggi uno degli alimenti simbolo della Sardegna a livello nazionale e internazionale.
Produciamo anche il carasau integrale e il guttiau, la versione condita del pane carasau, con Olio Extra Vergine di Oliva e sale.

Quest'anno avete iniziato a produrre anche mirto e miele e a breve inizierete a produrre la prima birra. Anche in questo caso avete aderito ad un progetto coordinato da Sardegna Ricerche, Porto Conte Ricerche e Università di Sassari. Quali finalità si propone tale progetto?
Nei nostri complessivi 18 ettari di terreno abbiamo un'area di macchia mediterranea in cui lo scorso anno abbiamo impiantato un mirteto di circa 1500 piante con varietà selezionate dall'Università di Sassari. Quest'anno c'è stata la prima produzione di mille bottiglie in collaborazione con un'azienda agricola che produce infusi.
Un'arnia dell'apiario aziendale
Dal 2018 coltiviamo orzo distico destinato alla maltazione per la produzione della birra agricola. Collaboriamo con il birrificio agricolo "Marduk" di Irgòli, vicino Orosei, e a breve inizieremo a produrre una birra con una ricetta originale che comprende anche il "tricu cossu". Proprio in questi giorni abbiamo raccolto il nostro luppolo Cascade dalle piante che stiamo coltivando dallo scorso anno. Adesso sta essiccando e nei prossimi giorni sarà pronto per le prime sperimentazioni di birrificazione.
Quest'anno abbiamo trebbiato anche una particella pilota di 1000mq di orzo autoctono sardo, Uniss 2, una popolazione collezionata e messa a disposizione dall'Università di Sassari, nell'ambito del progetto Cluster per i birrifici artigianali sardi, coordinato da Sardegna Ricerche, Porto Conte Ricerche e Università di Sassari, progetto di cui siamo partner. Un grande piacere partecipare a questa iniziativa e collaborare con istituzioni pubbliche, birrifici artigianali e aziende agricole, contribuendo allo sviluppo del settore birrario sardo, con l'obiettivo di promuovere la produzione di birra con materie prime coltivate in Sardegna, una filiera della birra agricola e artigianale.
Sempre nel 2019 abbiamo iniziato anche attività di apicoltura con cinque arnie. Quest'anno a giugno abbiamo fatto la prima smielatura, ottenendo circa 60 chili di millefiori di macchia mediterranea con prevalenza di cardo selvatico.

Tenete molto ai progetti educativi nelle scuole: lo scorso anno avete coinvolto i bambini della scuola elementare di Cannigione in un progetto sul "Tricu cossu". Quanto è importante oggi sensibilizzare i bambini allo sviluppo sostenibile e alla tutela del territorio in cui vivono? Attualmente a quali progetti state lavorando?
Con la scuola elementare di Cannigione, frequentata dai nostri due figli, Santiago e Pablo, lo scorso anno Lia ed io abbiamo avviato un piccolo progetto sulla coltivazione del "Tricu cossu". Abbiamo coinvolto anche un anziano coltivatore del paese che ha seminato il grano insieme ai bambini. È stata un'esperienza bellissima per tutti i partecipanti e ci piacerebbe ripeterla presto, non appena le condizioni sanitarie lo consentiranno. È importantissimo parlare ai bambini di agricoltura sostenibile e sviluppo del territorio per sensibilizzarli su temi cardine come la tutela dell’ambiente e l'attenzione alla salute.
Quanto ai progetti che ci vedono impegnati, attualmente stiamo lavorando alla costruzione di una struttura multifunzionale, uno spazio dedicato allo stoccaggio e alla lavorazione di materie prime con un mulino a pietra, un laboratorio per la lavorazione di liquori e trasformazione e confezionamento di prodotti vegetali, ma anche una sede dove fare degustazioni, eventi culturali, piccoli corsi di formazione, attività con le scuole, progetti di agricoltura sociale con categorie più a rischio, che intendiamo intraprendere a breve. Sarà una grande sfida per noi, ma ce la metteremo tutta, con l'entusiasmo che ha sempre animato tutti noi.

Cosa si augura per il futuro della sua Azienda e per il settore agroalimentare della Sardegna?
Per il futuro mi auguro di continuare il percorso intrapreso per dimostrare, nel nostro piccolo, che con creatività, iniziativa e tenacia è possibile fare impresa in agricoltura, promuovendo lo sviluppo locale del territorio, la tutela dell'ambiente, la salute alimentare, la cultura, la ricerca, l’educazione e l’inclusione sociale, puntando sul grande valore delle nostre unicità locali. Un universo, quello dell'agroalimentare sardo, in cui, con impegno e umiltà, abbiamo l'onore di fare la nostre piccola parte; un settore fondamentale per la storia e l'economia della nostra isola, che merita di essere sostenuto il più possibile per valorizzare il patrimonio di biodiversità, cultura e sapere dei nostri anziani e per promuovere la visione innovativa e lo spirito di iniziativa dei giovani che sempre più si impegnano e investono in questa bellissima scommessa.
Mostra altri Articoli di questo autore
info@freetopnews.it
- Paolo Carboni: Tutt'a pedi - Alla scoperta del territorio di Aggius (S - 12/10/2020 10:44:57
- Agostino Asara, l'ultimo Patriarca degli stazzi galluresi - 06/10/2020 07:41:33
- Aggius (SS): storia, tradizioni, banditismo nel cuore della Gallura - 02/10/2020 06:54:06
- Tenuta Coda di Lupo, eccellenze sarde per un'agricoltura sostenibile - 22/09/2020 19:35:55
- Luigi Lehnus: Wilamowitz e il monte delle Muse - 15/09/2020 17:25:33
- Paola Mancini: viaggio nella storia di Loiri Porto San Paolo (SS) - 10/09/2020 18:14:11
- Alla scoperta dell'Area Marina Protetta di Tavolara (SS) con Augusto - 01/09/2020 21:32:17
- Giuseppe Festa: Ursula e Lupinella, orsi e lupi sulle montagne italian - 28/08/2020 07:59:34
- Pa punyat: con Antonio Masia alla scoperta delle eccellenze algheresi - 24/08/2020 08:51:11
- Sa Mandra, anima barbaricina nel cuore della Nurra - 19/08/2020 07:30:34
- Giuliano Dal Mas, una vita tra le Dolomiti - 13/08/2020 17:36:13
- Valle d'Aosta, presentata la XXIII edizione del Gran Paradiso Film Fe - 27/07/2020 19:42:54
- Irene Borgna: Louis Oreiller, il pastore di stambecchi - 20/07/2020 07:47:15
- Genzano, a Casa Mamre QUESTO MARE E’ PIENO DI VOCI - 16/07/2020 09:22:00
- Corrado Ruggeri, una vita in viaggio - 13/07/2020 07:30:17
- Lungo i sentieri del Cammino Ibleo con Nanni Di Falco - 06/07/2020 16:49:35
- Alla scoperta del nuraghe Majori di Tempio Pausania - 30/06/2020 07:39:09
- Lorenzo Braccesi: Olimpiade e Zenobia, quando il potere è donna - 24/06/2020 05:26:37
- Ove abitai fanciullo: a Recanati aprono le stanze private di Giacomo L - 15/06/2020 14:18:28
- I reperti assiri di Faida al premio mondiale in memoria di Khaled al-A - 08/06/2020 07:43:10
- Mauro Bonazzi: i Greci e il mistero dell'esistenza - 01/06/2020 07:22:54
- PandemicA, racconto corale per immagini - 21/05/2020 07:52:03
- Antonietta Langiu, la mia Isola - 08/05/2020 09:22:34
- Susanna Garavaglia: il risveglio della coscienza interiore - 29/04/2020 05:09:43
- Rosanna Raffaelli Ghedina: folclore, leggende e simboli delle Dolomiti - 16/04/2020 23:10:44
- Giorgio Murru: Spiriti e Dèi nella statuaria preistorica della Sardegn - 09/04/2020 13:50:32
- Una Maschera, un Volto, un Paese: il Carnevale in Sardegna - 07/03/2020 07:34:21
- Pe’ terre assaje luntane: al MANN l’emigrazione ischitana in America - 01/03/2020 19:33:00
- Thalassa: a Napoli le meraviglie sommerse dal Mediterraneo - 27/02/2020 23:09:38
- Nel segreto mare delle stelle di Marella Giovannelli - 25/02/2020 18:10:02
- Marcello Cabriolu, la Sardegna e il Mediterraneo Occidentale - 17/02/2020 21:27:55
- Erika Maderna, sulle tracce della medicina delle streghe e delle sant - 27/01/2020 06:48:31
- Federico Fellini: ironico, beffardo e centenario - 14/01/2020 07:56:24
- Pompei e Santorini, l'eternità in un giorno - 04/01/2020 08:29:04
- Andrea Icardi, un anno in Alta Valle Maira - 30/12/2019 14:15:42
- Archeologi italiani riportano alla luce i reperti assiri di Faida - 15/12/2019 09:45:07
- Augusto Mulas: l'orientamento astronomico dei nuraghi - 09/12/2019 19:01:03
- Margherita Massari: Ildegarda di Bingen, Sibilla e Dottore della Chies - 06/12/2019 09:18:37
- Il mito immortale di Cartagine in mostra a Roma - 04/12/2019 00:02:27
- Aquileia 2200. Porta di Roma verso i Balcani e l’Oriente - 29/11/2019 05:28:33
- Michele Porcaro: ASSTEAS - Storia del Vaso più bello del mondo - 19/11/2019 00:26:44
- Silvia Romani: credenze, miti e dei degli antichi - 11/11/2019 13:10:02
- All'Alba Radians di Albano (RM) il Filottete di Sofocle - 06/11/2019 16:36:58
- Mulino della Riviera di Dronero (CN), una storia firmata Cavanna - 29/10/2019 18:50:24
- Galluras, il Museo della Femina Agabbadòra - 22/10/2019 07:00:03
- Ugo Mancini: Sotto la cenere, storie di vita quotidiana durante il ven - 10/10/2019 20:51:11
- Alessandra Derriu: streghe, indovine e curatrici nella Sardegna del '7 - 04/10/2019 07:06:18
- Giuseppe Vito Internicola: Castellammare del Golfo, alle origini di un - 29/09/2019 18:15:59
- Città della Pieve (PG) si prepara ad accogliere Il Nostro Tempo - 25/09/2019 15:20:51
- Uno spazio per le Donne: alla scoperta del mondo femminile sardo e non - 23/09/2019 08:37:50
- Olmedo (SS), storia, tradizioni, folklore - 21/09/2019 09:21:49
- Silvia Giorcelli Bersani: I Romani e le Alpi - 16/09/2019 14:05:54
- Rossella Giglio: Segesta, tra teatro, musica, natura - 08/08/2019 15:56:16
- Enrico Caruso: la rinascita di Selinunte - 01/08/2019 14:29:05
- Lucina Gandolfo: alla scoperta di Monte Iato - 31/07/2019 07:33:07
- Sulle spiagge pontine tornano i Racconti di Sabaudia - 30/07/2019 08:47:45
- Tagliacozzo (AQ): XXXV Festival Internazionale di Mezza Estate - 22/07/2019 14:36:02
- Civiltà del sole: l'archeoastronomia nella Sicilia preistorica - 19/07/2019 07:30:13
- Cristina Muntoni, il potere delle parole nella storia della sacralità - 15/07/2019 18:12:54
- Francesco Bianco, un cammino tra verità nascoste - 13/07/2019 06:58:14
- Filippo Drago, mugnaio siciliano fra tradizione e modernità - 09/07/2019 07:28:20
- Con la KERNOS alla scoperta di Castellammare del Golfo - 02/07/2019 18:17:21
- Per una rinascita di Castelvetrano, città d'arte, storia, cultura - 27/06/2019 18:13:44
- Marinella Fiume: sapienza, virtù e misteri dell'universo simbolico fem - 11/06/2019 19:04:31
- Stefano Pucci: le incisioni rupestri delle Alpi Apuane - 07/06/2019 09:24:59
- Albano (RM), al via la Rassegna del Teatro Antico - 26/05/2019 18:33:37
- Max Dashu: Streghe e pagane, le donne nella cultura popolare europea - 14/05/2019 07:18:46
- Diego Maggio: profumi, aromi e sapori siculo-panteschi - 09/05/2019 08:15:34
- Regius, omaggio allo stupor mundi Federico II di Svevia - 03/05/2019 07:38:01
- Sentiero della Libertà, per tenere viva la Memoria - 01/05/2019 20:05:09
- Caccamo (PA), borgo di storia, arte, cultura - 28/04/2019 06:50:10
- C'era una volta Iato: omaggio dei ragazzi all'antica Iato - 23/04/2019 22:40:32
- U Pani ri Murriali: il pane genuino di una volta - 16/04/2019 17:20:40
- Recanati (MC): L'Infinito di Leopardi compie 200 anni - 13/04/2019 16:51:43
- A Camo (CN) torna PrimaVeraRegia - 11/04/2019 17:17:36
- Ivano Dionigi: Lucrezio, Seneca e noi - 04/04/2019 23:33:23
- Luca Mancini: Il caso dell'Ungheria di Horthy - 09/04/2019 19:14:05
- Il Foscolo di Albano (RM) trionfa al Festival Thauma - 30/03/2019 20:22:23
- Sotto il segno dei pesci: Camaiani celebra la Grecia - 28/03/2019 17:13:29
- Guido Cossard, viaggio nel mondo dell'Archeoastronomia - 25/03/2019 10:47:16
- Rosanna Oliva de Conciliis, una vita per la Parità - 17/03/2019 08:14:51
- Donna o Dea: le raffigurazioni femminili in Sardegna tra passato e pre - 02/03/2019 20:50:25
- Giorgio Ieranò: l'arcano fascino delle isole dell'Egeo - 25/02/2019 09:19:48
- Dea e Femminismo alla Roma Goddess Conference - 21/02/2019 09:10:27
- Elena Ianni: le feste e i falò del Messico - 17/02/2019 19:18:44
- Roma: l'olio d'oliva al Premio Filo della Torre - 15/02/2019 17:02:24
- I giovani attori del Foscolo alla Giornata del Greco - 06/02/2019 17:24:33
- La Penisola del Sinis (OR) tra storia, archeologia e natura - 29/01/2019 17:38:31
- King Camp Gillette: Il Turbine Umano - 19/01/2019 11:59:30
- Barumini (VS), archeologia, storia, cultura nel cuore della Sardegna - 14/01/2019 10:46:56
- Morena Luciani Russo: la ricerca della Dea e lo sciamanesimo - 09/01/2019 06:28:02
- Maurizio Bettini: Il Presepio, storia di un simbolo - 21/12/2018 08:22:38
- Venezia: Idoli, il potere dell'immagine - 12/12/2018 18:57:46
- Simona Modeo, Dioniso in Sicilia - 06/12/2018 17:48:35
- Violette Sauvage a Palazzo Colonna (RM) - 03/12/2018 07:01:13
- Pomezia (RM): Premio Donna d'Autore 2018 - 30/11/2018 06:37:50
- Massimo Blasi, l'incredibile storia degli imperatori romani - 28/11/2018 10:26:59
- Fabio Isman: 1938, l'Italia razzista - 25/11/2018 07:30:10
- Sacrum, lo Stabat Mater di Rossini all'Aracoeli di Roma - 22/11/2018 16:42:46
- Oriana Dal Bosco: il misterioso fascino del Nord Africa - 20/11/2018 17:17:03
- Natale inCHIOSTRO a Monastero di Dronero (CN) - 17/11/2018 07:53:51
- All'Alba Radians di Albano (RM): l'Ecuba di Euripide - 15/11/2018 16:59:16
- Autunno d'Autore a Ruralia, Conosci tu il paese dove... - 13/11/2018 18:40:36
- Marella Giovannelli, una vita tra giornalismo, fotografia e poesia - 09/11/2018 10:04:37
- Daniela Dao Ormena: Le radici chiamano, dolci melodie della Valle Mair - 30/10/2018 13:32:22
- Gli antichi pani di Sardegna protagonisti a Buddusò - 17/10/2018 14:23:34
- Torna a Lanuvio (RM) l'antico rituale della Maza - 04/10/2018 20:39:44
- Nonna Tommy, raccontaci ancora... - 02/10/2018 07:16:37
- A Buddusò (SS) torna Artes in Carrera - 30/09/2018 06:56:22
- Al Museo Africano di Verona la danza degli spiriti - 27/09/2018 00:12:36
- A. Cossard: Archeoastronomy, la prima app di archeoastronomia - 24/09/2018 09:21:18
- Firenze, Viaggio nell'altro e nell'altrove in ricordo di Paolo Grazios - 19/09/2018 08:31:44
- Lanuvio (RM): Buon compleanno, Antonino Pio! - 10/09/2018 06:04:22
- Raffaella De Sanctis, tra scuola e ricerca - 04/09/2018 17:45:49
- Màn. Vietnam Street Heroines in mostra al MAO (TO) - 26/08/2018 10:25:13
- Alessandra Comneno, una vita a contatto con la saggezza dei Nativi - 12/08/2018 19:38:51
- MAO (TO), ORIENTI. 7000 anni di arte asiatica dal Museo delle Civiltà - 07/08/2018 06:17:08
- Senorbì (CA), al MADN La Dea di Turriga, il mistero di un’icona senza - 01/08/2018 07:38:49
- Silvia Tenderini, una vita tra viaggi, ricerche e scrittura - 24/07/2018 19:40:34
- A Villa Giulia (Roma) la Scuola di Archeoastronomia 2018 - 19/07/2018 06:39:50
- Gabriella Mosso, I miei, i tuoi, i nostri - 17/07/2018 05:54:30
- Tagliacozzo (AQ), Festival Internazionale di Mezza Estate - 12/07/2018 06:39:05
- Franco Campus, Nuragici - un Territorio, un'Isola, il Mediterraneo - 09/07/2018 22:21:30
- Carmagnola (TO): Donne e Madonne nell’Arte dal XV secolo ad oggi - 04/07/2018 21:53:04
- Per una rinascita socio-culturale dei borghi della Valle dell'Amaseno - 25/06/2018 07:25:04
- Capalbio (GR), vacanza-laboratorio di Spiritualità Femminile con Devan - 22/06/2018 20:30:12
- Nicola Castangia, Ercole Contu e la scoperta della Tomba dei Vasi Tetr - 18/06/2018 06:44:49
- Castelfidardo (AN): gli studenti del Meucci per la valorizzazione del - 10/06/2018 17:30:57
- Papa Wojtyla in Comelico e in Cadore: il ricordo e l'emozione 30 anni - 27/05/2018 16:40:51
- Scrittori alla scoperta del mondo, una mostra sulla letteratura di via - 22/05/2018 06:00:18
- In viaggio tra le pagine di Elena Dak - 18/05/2018 09:31:20
- Convegno Internazionale contro Terrorismo, radicalizzazione e violenza - 08/05/2018 06:02:05
- Olimpia Biasi, la Viriditas di Ildegarda in mostra all'Hortu - 25/04/2018 15:09:19
- Con Marco Grippa alla scoperta del fascino segreto di Tagikistan e Kir - 18/04/2018 18:40:04
- Da Maenza a Fossanova sulle orme di San Tommaso d'Aquino - 13/04/2018 13:59:02
- Pierluigi Montalbano: l'alba della civiltà sarda - 10/04/2018 14:08:20
- Donne, Madri, Dee: la rappresentazione del femminile in mostra a Udine - 07/04/2018 07:14:26
- In mostra a Milano gli scavi di Achille Vogliano nel Fayum - 28/03/2018 18:52:37
- Sulle tracce della Dea: Viaggio nel Grembo della Storia - 17/03/2018 16:44:27
- Nadia Tarantini: Quando nascesti tu, stella lucente - 05/03/2018 21:14:35
- L'epopea dei Longobardi in mostra al MANN - 26/02/2018 10:45:11
- Verso il contratto di fiume dell'Amaseno - 22/02/2018 11:55:38
- Inside, la nuova collezione di Vittorio Camaiani - 11/02/2018 22:27:58
- Alla scoperta del matriarcato di Bali con Bruna Rotunno - 04/02/2018 13:48:05
- Giornata della Memoria, per non dimenticare - 25/01/2018 18:06:41
- Viaggio nei segreti della bellezza del corpo femminile - 21/01/2018 21:30:48
- Ildegarda di Bingen, maestra di sapienza nel suo tempo e oggi - 10/01/2018 22:22:54
- Selene Calloni: l'arte della ribellione zen per vincere la paura - 05/01/2018 22:57:08
- MANN: grande successo per la mostra sull'America precolombiana - 28/12/2017 14:29:51
- 2018 per Katike: i calendari di ...non lasciamoli soli - 19/12/2017 22:15:21
- Maenza: La rete dei cammini della Valle dell’Amaseno - 12/12/2017 22:31:25
- Al Convivium di Fiuggi i Pensieri sparsi di Daniela Gariglio - 07/12/2017 08:47:07
- Napoli: Il Natale dei 100 Alberi d’Autore - 03/12/2017 09:41:27
- Le donne dei Longobardi: urban-trekking con Michela Zucca - 28/11/2017 13:46:59
- San Martino di Stroppo: piccolo gioiello delle Valli Cuneesi - 24/11/2017 06:54:30
- Signa del Alma: per dire No alla violenza sulle donne - 19/11/2017 08:32:53
- Il nuovo romanzo di Maristella Lippolis: Raccontami tu - 07/11/2017 16:56:46
- Mama Africa: la maternità nell'arte africana - 03/11/2017 11:20:04
- Violette Sauvage: il vintage chic a Palazzo Colonna - 28/10/2017 11:28:12
- Il patrimonio archeologico del Lazio alla BMTA di Paestum - 26/10/2017 15:31:12
- Templari. Dal ducato di Puglia e Calabria, all’Italia del III Millenni - 22/10/2017 17:10:52
- Archeologia ferita: Volti di Palmira ad Aquileia - 11/10/2017 08:02:26
- Giancarlo Sani: alla scoperta delle incisioni rupestri toscane - 03/10/2017 13:36:14
- ... non lasciamoli soli: il progetto per il Nepal di Ilario Sedrani - 26/09/2017 08:24:26
- Giuliana Borghesani: La Maledizione della Liberta - 22/09/2017 14:28:02
- L'uomo, il Cancro del Pianeta - 04/09/2017 20:15:53
- Le caverne delle donne: la grotta di San Colombano - 25/08/2017 17:49:53
- Le figlie sono come le Madri: Donne lungo la Via della Seta - 30/08/2017 12:56:24
- Nemi: tornano i Nemoralia in onore della Dea Diana - 08/08/2017 17:21:44
- Donne e medicina: quale futuro per la medicina di genere? - 05/08/2017 08:48:58
- Arkeotrekking in Trentino: Sui sentieri delle Madri Antiche II - 31/07/2017 08:27:43
- Piero Verni: Tulku, viaggio nel cuore mistico della civiltà tibetana - 25/07/2017 07:11:56
- Ugo Mancini: ragioni e vicende degli antifascisti a Roma e nei Castell - 07/07/2017 18:23:52
- Festival di Tagliacozzo: conferenza stampa di presentazione a Palazzo - 05/07/2017 06:55:48
- Cuneo: Il lato nascosto delle Alpi - 04/07/2017 06:11:40
- Come con gli occhi dei bambini di Terezin - 28/06/2017 21:43:19
- Baby Giulia, storia di un'adolescenza rubata - 18/06/2017 13:18:11
- Francesca D'Amico: le donne nella tradizione contadina abruzzese - 11/06/2017 16:01:53
- Tutela e valorizzazione del patrimonio rurale nel Lazio - 07/06/2017 18:43:20
- Fiume che cammina. Transumanza dall’Adriatico al Lagorai - 03/06/2017 08:02:51
- Roma: VI raduno dei Linfoamici - 01/06/2017 14:32:42
- Atlantide, dal mito alla storia: intervista ad Alessandra Murgia - 20/05/2017 08:13:47
- Ignazio Didu: I Greci e la Sardegna. Il mito e la storia - 12/05/2017 09:18:37
- Sacra Nemora: la cultura del sacro in mostra a Lanuvio - 07/05/2017 23:09:38
- Pizzo d’Irlanda, merletto e ricamo protagonisti sul lago Trasimeno - 02/05/2017 07:59:39
- Arkeotrekking in Trexenta: Le Antiche Madri dei Monti e del Mare - 25/04/2017 19:47:13
- Le donne e il sapere medico-erboristico: un binomio da riscoprire - 07/04/2017 21:29:15
- Linfoamici a Venezia - 30/03/2017 18:13:31
- Com'è giusto che sia: il nuovo thriller di Marina Di Guardo - 29/03/2017 10:34:04
- Herbarie: le chiamavano Streghe - 24/03/2017 21:01:03
- Devana: il risveglio della spiritualità nativa dell'Antica Europa - 17/03/2017 18:33:42
- Andrea Loddo: l'archeologia sperimentale per comprendere le ancestrali - 11/02/2017 20:01:00
- Alla scoperta dell'origine genetica dei Sardi con il prof. Francala - 03/02/2017 08:01:01
- Diego Manzi: viaggio nel cuore della tradizione indiana - 28/01/2017 10:24:25
- Barbara Bonomi Romagnoli: storie di insette felici - 25/01/2017 23:15:02
- Alberto Pattini: Poesia del Trentino. La melodia della Grande Madre - 19/01/2017 21:24:29
- Rinascere dalle distruzioni. Ebla, Nimrud, Palmira - 12/01/2017 21:25:10
- Nori Corbucci: Marta Marzotto, una vita da ricordare - 05/01/2017 00:02:59
- La Sardegna antica nel cuore del Mediterraneo - 30/12/2016 01:04:16
- Sardegna nuragica e falso mistero della lingua etrusca con il linguist - 03/01/2017 07:32:46
- La Stirpe del Sole: una Medea inedita nell'ultimo romanzo di Giuliana - 23/12/2016 14:12:50
- Al Castello di Scilla i Popoli del Mare di Oreste Kessel Pace - 16/12/2016 12:53:26
- SACRUM: concerto dedicato a Papa Francesco all'Aracoeli - 08/12/2016 10:18:48
- Paola Biato: Viaggio nel mondo della Psicofiaba - 04/12/2016 19:28:59
- Il viaggio. Alchimie e Passioni: a Venezia la personale di Irene Manen - 29/11/2016 08:13:34
- Il Natale dei 100 alberi d’autore - 28/11/2016 20:22:54
- Carlo Buldrini: Pellegrinaggio buddhista - 16/11/2016 08:32:43
- A Spazio Mater l'arte digitale di Michele Grimaldi - 13/11/2016 19:50:50
- Gigantes de Perdas: alla scoperta dei nuraghi sardi - 04/11/2016 07:54:20
- Ivo Nardi: Riflessioni sul senso della vita - 24/10/2016 08:27:11
- Fabrizio Manzetti: Nascosti davanti a tutti - 18/10/2016 00:13:25
- Bambine e bambini: divino gioco di pace nel mondo - 28/10/2016 08:24:38
- La Danza degli Archetipi: alle radici del linguaggio simbolico - 13/10/2016 22:41:28
- Alla scoperta dei Fiori di Bach con Gerardo Chirò - 09/10/2016 08:44:23
- Sardegna: curiosità, aneddoti e misteri sardi con Gianmichele Lisai - 04/10/2016 06:59:28
- Roma per Amatrice: Concerto di Beneficenza - 25/09/2016 15:45:16
- Sulle tracce dell' archeologia dell'evanescente con Paola Di Si - 22/09/2016 15:21:18
- Sebastiano Brocchi: alchimia, esoterismo, simbologia sacra e mistero - 18/09/2016 08:55:07
- Milano: appuntamento per il World Lymphoma Awareness Day - 13/09/2016 07:41:13
- Sulla via degli sciamani del Sudamerica con Stefano Lioni - 29/08/2016 08:00:22
- Sulle orme dei Moso con l'antropologa Francesca Rosati Freeman - 16/08/2016 07:13:59
- Sui sentieri dei luoghi di culto della Grande Dea con Luisella Veroli - 11/08/2016 08:48:06
- Un Altro Mondo per i Diritti della Pachamama - 27/07/2016 07:32:44
- Alessandra Di Gesù: viaggio nelle Tradizioni Misteriche del Mediterran - 05/07/2016 08:00:50
- Abbracci gratis contro il linfoma: a Roma il V raduno dei Linfoami - 31/05/2016 23:23:59
- Out of Tibet: il foto-racconto della diaspora tibetana sbarca a Roma - 23/05/2016 00:04:09
- Il Canto delle Sirene in mostra a Bologna - 22/05/2016 10:02:01
- La cultura dei Moso arriva al Ramadù di Cisterna - 16/04/2016 21:08:59
- Donne e scienza: un binomio per troppo tempo ignorato - 24/03/2016 07:51:18
- Suffragette 2.0: approda al Peano di Roma - 14/03/2016 22:06:13
- Palazzo Visconti: Alta Moda della Sartoria Angela - 09/03/2016 08:47:43
- Il respiro profondo di una Nuova Era - 04/03/2016 14:17:21
- Festa grande per i 35 anni di attività di Erno Rossi - 01/03/2016 14:29:34
- I Sentieri della Terra: come restituire vita e dignità alla Mad - 20/02/2016 09:06:03
- Le remote origini del tatuaggio con l'antropologa Michela Zucca - 23/01/2016 09:46:08
- Mantra Madre e Il profumo della luna: libri per il risveglio dell'anim - 24/12/2015 10:37:15
- Roma: il Rito del Grembo - 12/12/2015 00:42:29
- Alla scoperta delle vere origini di Halloween con Monica - 31/10/2015 20:24:53
I COMMENTI RELATIVI ALL'ARTICOLO
Invia un commento alla Redazione
Email
Nome e Cognome
Messaggio
Gentile lettore, prima di inviare il Suo messaggio:

compilare il codice di sicurezza sottostante copiando l'immagine raffigurata;

CAPTCHA 
cambia codice

inserisci codice



Per pubblicare, in fondo all'articolo, il suo commento selezionare il pulsante sottostante.

Pubblicazione
  Si    solo nome
  Si    nome e cognome
  No


Grazie della collaborazione.

© 2014 - ftNews è una testata di libera informazione.