Redazione     Informativa     Link  

Agostino Asara, l'ultimo Patriarca degli stazzi galluresi

martedì, 06 ottobre 2020 07:41

condividi su facebook
La complicità di Agostino con i suoi amici animali
Dal nostro inviato
Francesca Bianchi
A Madre Natura,
che mi ha permesso di vivere libero
ogni giorno della mia vita,
e a mia moglie Anna Rosa,
che dando alla luce i nostri cinque figli
ha coronato il nostro sogno

(Agostino Asara, A sangu e latti. La vita di un mezzadro negli stazzi della Gallura)
Uno degli incontri più belli che la Sardegna mi ha generosamente donato in questi ultimi anni è stato quello con Agostino Asara e sua moglie Anna Rosa Pattitoni. Ho sempre desiderato approfondire l'argomento relativo alla cultura degli stazzi in Gallura e intervistare chi quella civiltà l'ha conosciuta bene e gelosamente ne custodisce i valori e le tradizioni. Agostino, che oggi ha 90 anni, è nato nello stazzo di Lu Rustu, tra Berchidda (SS) e Calangianus (SS). Dopo aver trascorso una vita intera lavorando come mezzadro negli stazzi galluresi, un decennio fa si è stabilito a Olbia. Qualche anno fa ha pubblicato un libro-intervista autobiografico intitolato A sangu e latti. La vita di un mezzadro negli stazzi della Gallura (NOR Edizioni, 2015), curato da Augusto Morbiducci e Riccardo Mura.
La realtà socio-economica degli stazzi era fatta di sacrifici e lavoro duro, ma era fortissimo il legame di solidarietà, fratellanza e collaborazione tra gli abitanti dei vari stazzi: ci si aiutava come possibile e si trovavano le occasioni per riunirsi tutti insieme nelle ricorrenze che scandivano i ritmi della vita agricola e contadina.
Considero Agostino e Anna Rosa i miei nonni galluresi: mi hanno trattato come una nipote sin dalla prima volta che ho avuto l'immensa fortuna di conoscerli. Prima di aprirmi la porta di casa, mi hanno generosamente aperto la porta del loro cuore, rendendomi partecipe dei loro ricordi, della loro bellezza, del loro amore indistruttibile. Guardarli negli occhi e leggere nei loro sguardi emozione e gratitudine è un privilegio che auguro a chiunque.
Questa estate, in un assolato pomeriggio di inizio agosto, mi sono lasciata coccolare dalla loro saggezza, dal loro affetto sincero, dalla loro innata generosità. Dalla lunga conversazione con Agostino è nata questa bella intervista. Attraverso i suoi racconti intrisi d'amore e nostalgia per un mondo ormai scomparso, un mondo di cui è stato protagonista indiscusso e di cui oggi è testimone e custode, mi sono immersa nella realtà degli stazzi di Gallura. Mi ha parlato del trauma vissuto quando si è trasferito a Olbia, lui abituato a vivere in mezzo alla natura, tra gli animali, con cui ha sempre avuto un rapporto simbiotico. I suoi occhi si sono illuminati quando ha ricordato le feste campestri, parte fondamentale della vita dei Galluresi: definirle meravigliose è riduttivo.
Agostino ha affrontato anche l'argomento relativo all'avvento della Costa Smeralda, che purtroppo ha contribuito allo spopolamento degli stazzi e, spesso, al disprezzo nei confronti di chi lì viveva e lavorava. Con pacatezza ha espresso anche la sua delusione per la politica, che non ha fatto nulla per migliorare le condizioni di chi viveva in campagna, contribuendo, così, allo spopolamento delle campagne e a rendere la Gallura un deserto. Non c'è mai odio o rabbia nelle parole di Agostino. In un mondo in cui tutti urlano, questo elegante novantenne sa parlare a voce bassa, con equilibrio, cognizione di causa e autorevolezza.
Con Agostino e Anna Rosa riflettevo sul fatto che i giovani non possono non conoscere la storia del posto in cui vivono: i giovani devono ereditare le tradizioni che i nonni dei loro nonni, i nonni dei loro padri hanno praticato e incarnato. Quanto sarebbe bello se qualche insegnante gallurese facesse leggere il libro-intervista di Agostino ai suoi studenti! Abituati ad avere tutto e a desiderare sempre di più, ai nostri ragazzi farebbe bene leggere la testimonianza di una vita fatta di sacrifici e fatica, di sudore e rinunce, una vita in cui, nonostante tutte le difficoltà, non mancavano mai l'accoglienza, la solidarietà, l'aiuto reciproco, e si respirava profumo di dignità, un valore oggi quasi sconosciuto. Quanto sarebbe bello se i nostri ragazzi, "drogati" di pc, tablet, tv e ignari della bellezza che li circonda, conoscessero l'amore e il rispetto di Agostino per quella Natura che lui, con devozione filiale, definisce Madre! Quella degli stazzi, infatti, era una realtà in cui l'uomo viveva in simbiosi con la Natura e con tutte le sue creature. Del resto, dalla Madre Terra veniamo e a Lei torneremo alla fine dei nostri giorni. I suoi cicli, i suoi ritmi, il suo equilibrio, la sua bellezza e, soprattutto, la sua infinita pazienza sono un grande insegnamento per noi. Agostino mi ha detto: "Siamo tutti figli di Madre Natura, siamo tutti fratelli, tutti uguali". In un'epoca come la nostra in cui si innalzano muri e barriere e si fa leva sui concetti di diversità e disuguaglianza, queste parole sono un balsamo per l'anima.
Ho promesso ai miei "nonni" galluresi Agostino e Anna Rosa che, nel mio piccolo, non smetterò mai di far conoscere quello che hanno fatto, perché non possiamo permettere che muoiano il passato e le tradizioni che chi ci ha preceduto ha portato avanti con amore; non possiamo permettere che il nostro patrimonio identitario venga cancellato ed ignorato, come se non fosse mai esistito. L'affetto, la gratitudine, la stima che provo nei loro confronti è grande. Come diciamo spesso, ci separa il mare, ma i nostri cuori sono più vicini che mai.
Prima di proporvi la splendida intervista che Agostino ha rilasciato a FtNews voglio ringraziare di cuore Rosaria, l'ultima dei cinque figli di Agostino e Anna Rosa: quando ha saputo del mio interesse per il mondo degli stazzi e per il libro che il padre aveva pubblicato qualche anno prima, subito ha parlato di me ai suoi genitori, organizzando il nostro incontro e facendomi, così, un grande regalo di cui le sarò sempre grata.
Un sincero ringraziamento all'antropologo Fiorenzo Caterini: quando gli ho chiesto se conoscesse o meno qualche rappresentante della cultura degli stazzi, subito mi ha fatto il nome di Agostino, parlandomi del libro intervista di cui lui aveva curato la presentazione. Grazie a te, carissimo Fiorenzo, ho conosciuto il simbolo di una cultura ormai scomparsa, uno degli ultimi testimoni di tutti quei valori di cui la nostra società agonizzante tanto avrebbe bisogno.

Agostino, tu sei uno degli ultimi testimoni della cultura degli stazzi, sei l'emblema di quella cultura, dei suoi valori. Nel 2004, dopo aver trascorso una vita intera lavorando come mezzadro negli stazzi galluresi, hai lasciato la campagna, il tuo mondo, per trasferirti a Olbia. Cosa ha significato per te questo repentino cambiamento di vita? Cosa ti è mancato di più della vita dello stazzo?
Trasferirmi a Olbia, dopo aver trascorso una vita intera a contatto con la natura, è stato un vero trauma, un dolore indicibile. Io sono nato in campagna, per 74 anni la mia vita è stata la vita degli stazzi che ho frequentato. Trasferirmi in città a quasi 80 anni e trovarmi catapultato in un mondo che non sentivo mio è stato un dramma. Mi mancava la natura, che è stata la mia compagna e la mia protezione; mi mancava la campagna, il cielo stellato della campagna. Quante volte, nel corso della mia lunga vita, ho alzato gli occhi al cielo per osservare la Luna, le stelle e prevedere il tempo dell'indomani e dei giorni successivi! Mi mancavano gli amici animali. Sì, gli animali sono amici, e posso assicurarti che a volte sanno essere più amici degli esseri umani. Io parlavo con gli animali, che mi volevano bene e comprendevano perfettamente quello che dicevo loro; ad alcuni mancava solo la parola.
Mi mancava il mio mondo, mi mancavano i vicini. Ricordo che quando ci si trasferiva in un nuovo stazzo, tutti gli abitanti della cussorgia erano solito recarsi dai nuovi arrivati per dare loro il benvenuto e fare la loro conoscenza. Le occasioni di incontro con i vicini non mancavano, perché ci si aiutava reciprocamente per i lavori stagionali. Quando qualcuno si ammalava e doveva stare a riposo, gli amici degli stazzi vicini si precipitavano a dare una mano. Ricordo come fosse ieri che una volta mi suocero si ammalò e dovette restare a letto per una ventina di giorni. Da tutta la cussorgia vennero ad arare e a seminare al posto suo. C'era generosità, fratellanza, solidarietà, tanti valori che la modernità ha spazzato via.
Mi mancavano, inoltre, le feste campestri, che definire meravigliose è riduttivo. Dopo il trasferimento a Olbia, è capitato sovente di tornare in qualche stazzo per partecipare alle feste campestri. Andavo sempre con gioia per rivedere i vecchi amici, per cantare e ballare, per il clima che si respirava, unico e irripetibile, anche se devo dire che le feste campestri che fanno adesso sono più turistiche rispetto a quelle che facevamo 40-50 anni fa, c'è molta gente che viene da fuori. Ricordo che vicino allo stazzo de La Caldòsa, lo stazzo del mio cuore, quello dove ho trascorso 33 lunghi anni, c'era una chiesa dedicata a San Marco, per cui le feste campestri iniziavano il 24 aprile in occasione di San Marco e proseguivano fino al 30 novembre, con la festa campestre dedicata a Sant'Andrea.
Non mi è mai piaciuta l'atmosfera della città. Mi sono trasferito a Olbia per accontentare Anna Rosa, che non se la sentiva più di rimanere sola tutto il giorno. In effetti, negli ultimi anni le campagne si stavano spopolando, negli stazzi confinanti non c'era quasi più nessuno. Inoltre, i figli erano grandi, lavoravano, per cui lei si ritrovava sempre sola.
Agostino con la sua Anna Rosa in occasione dei festeggiamenti dei 62 anni di matrimonio
A Olbia hai cercato di riprodurre quello che è sempre stato il tuo mondo, con i suoi valori, la sua atmosfera, le sue abitudini...
Nell'appartamento dove viviamo a Olbia Anna Rosa ed io abbiamo cercato di riprodurre il clima, i valori di una vita intera trascorsa negli stazzi, l'atmosfera che vi si respirava, il senso di accoglienza e ospitalità. Non avremmo potuto fare diversamente: avremmo tradito noi stessi, i valori che ci hanno sempre accompagnato e che abbiamo trasmesso ai nostri figli. La nostra casa di Olbia è stata, è e continuerà ad essere sempre aperta per tutti coloro che vengono a farci visita. Figli e nipoti passano spesso a trovarci. I nostri vicini di casa Domenica e Salvatore, con cui si è creato da subito un legame di sincera amicizia, sono ormai diventati persone di famiglia, così come una famiglia cinese che abita qui vicino, gente davvero meravigliosa.

Dopo il trasferimento in città, per un certo periodo hai mantenuto anche il bestiame...
Sì, non sapevo proprio stare fermo, tanto che ho deciso di tenere i bovini che avevo a La Caldòsa. Li ho portati prima nei pressi di Luogosanto, poi in un terreno situato vicino ad Arzachena. Ho guadagnato poco e niente, perché le spese erano davvero tante, ma per me era un modo per mantenere le mie abitudini, quella che era stata la mia quotidianità per quasi 80 anni. Nel 2013 ho venduto tutto e mi sono sentito davvero morire. È stato come perdere i compagni di una vita, ma ogni cosa ha la sua fine, cara Francesca: tutto è destinato a morire, a cominciare da noi; è una legge della natura a cui non possiamo opporci o ribellarci, perché questa è la vita.

Tu sei nato in uno stazzo. Che ricordo hai degli stazzi che hai frequentato da bambino?
Sono nato nello stazzo di Lu Rustu, tra i paesi di Berchidda e Calangianus. Nello stazzo c'erano centocinquanta capre, qualche vacca, maiali, galline, cani, gatti: era pieno di animali. Il mio amore per gli animali è nato lì; sono cresciuto con loro. Anche se ero davvero piccolo, i ricordi più belli sono legati agli anni trascorsi a L'Agnata, tra Tempio Pausania e Oschiri, una proprietà immensa. Lì ho imparato a nuotare in un fiumiciattolo. Mio padre, però, aveva bisogno di un terreno più adatto alla coltivazione dei cereali, così ci trasferimmo a Telti. Ricordo che quando mio padre decise di trasferirsi in un altro stazzo, il padrone de L'Agnata, sinceramente affranto, disse a mio padre che se avesse cambiato idea, la porta de L'Agnata sarebbe stata sempre aperta per noi. A Telti ho frequentato quelle che oggi sono considerate le scuole medie, allora era l'avviamento professionale. Ricordo che andavo a scuola insieme ai figli dei vicini e ai figli dei proprietari del nuovo stazzo. Era così bello andare a scuola tutti insieme! A scuola ho imparato a parlare l'italiano; io capivo l'italiano, ma parlavo solo il gallurese. Mi piaceva la scuola, me la cavavo abbastanza bene, anche se non eccellevo.

Quando eri piccolo, pensavi a cosa avresti voluto fare da grande?
Sì. Ricordo che tra i miei amici io ero l'unico che ha sempre desiderato lavorare la terra e fare il pastore. Sin da piccolo ho avvertito forte il richiamo della natura. La maggior parte dei miei amici non voleva fare il pastore. Dei miei fratelli uno si è arruolato, uno ha fatto l'autista, un altro il camionista. Io sognavo di lavorare la terra e di vivere a contatto con gli animali. Il mio sogno si è realizzato. Quanto ero felice di fare il pastore! Mi sentivo così libero e fortunato...

In quali circostanze hai conosciuto Anna Rosa, l'unico grande amore della tua vita? Quando vi siete sposati?
Ho conosciuto Anna Rosa, la compagna di tutta la mia vita, nello stazzo di Canùcciu, vicino a Telti, dove ho trascorso gli anni della gioventù. Anna Rosa viveva nello stazzo vicino al mio. Ci siamo sposati nel 1958 a Telti, dopo due anni di fidanzamento. Il matrimonio, così come tutta la nostra lunga vita, si è svolto nello stazzo alla presenza di circa 200 persone tra parenti, amici e vicini di stazzo. L'anno dopo è nata Giacomina, la nostra prima figlia. Il primo stazzo dove Anna Rosa ed io siamo stati si trovava a Luras. Lì è nata Caterina. Nel '67 è nato Raimondo, il nostro unico figlio maschio; nel '70 è arrivata Piera e nel '74 Rosaria, l'ultima figlia. Tutti sono nati a casa, come si usava all'epoca. Con Anna Rosa abbiamo condiviso tutto. Oggi abbiamo tre nipoti, Alessia, Francesco e Agostino, e due pronipoti, Gabriele ed Eleonora, che amiamo profondamente.

Qual era il ruolo della donna all'interno dello stazzo?
Le donne avevano un ruolo importantissimo nello stazzo. La moglie del pastore non si limitava a badare ai bambini e a seguirli nello studio, ma svolgeva molte attività importanti nello stazzo: preparava il formaggio, si occupava degli animali e dell'orto, inoltre preparava il pranzo, mandava avanti la casa, due volte a settimana preparava il pane.

Nello stazzo producevate tutto ciò che occorreva per provvedere al sostentamento di tutta la famiglia...
Lo stazzo ci dava tutto ciò di cui avevamo bisogno e anche di più. Avevamo frutta e verdure fresche di stagione, verdure, legumi a volontà, carne, formaggi. Che sapore squisito avevano quei prodotti! Ora tutto è insipido: la frutta che compriamo al supermercato o in frutteria non sa di nulla, non sembra neppure frutta. Io ero abituato a raccoglierla dall'albero e a mangiarla subito dopo, sentivo proprio il sapore genuino. Cosa darei per poter sentire di nuovo quei sapori e quei profumi inconfondibili!

Come si svolgevano le tue giornate? A che ora suonava la sveglia?
La mattina la sveglia suonava alle quattro, soprattutto se dovevo andare a lavorare lontano da casa. Prima di uscire andavo a mungere le vacche. Mi svegliavo alle quattro durante la stagione della scorzatura del sughero, che va da metà maggio fino ai primi di agosto. Solitamente si iniziava a metà maggio, perché se faceva ancora freddo era impossibile procedere. Con il caldo, invece, il legno trattiene l'acqua e diventa più semplice staccare la corteccia. Mi piaceva molto lavorare all'estrazione del sughero; è un lavoro che richiede una certa perizia.
D'estate, invece, la sveglia suonava anche alle cinque, in quanto c'erano meno lavori da fare. Si cenava presto, anche se spesso, soprattutto quando lavoravo fuori, tornavo alle 10 di sera e cenavo a quell'ora insieme ad Anna Rosa, che aveva già messo a letto i bambini.
La domenica ci si riposava un po', dal momento che si lavorava meno, per cui ci piaceva ricevere ospiti a pranzo. Ricordo che al termine del pranzo non mancavano mai acciuléddhi, cucciuléddhi, papassini, i dolci tipici galluresi.

Cinque anni fa hai pubblicato un libro-intervista autobiografico intitolato A sangu e latti. La vita di un mezzadro negli stazzi della Gallura, curato da Augusto Morbiducci e Riccardo Mura. Nel libro affermi di aver deciso di lasciare lo stazzo di Campanadòlzu perché il bestiame non era in mezzadria e a te spettava solo un manzo all'anno. Tu avevi proposto al padrone di prendere anche le vacche in mezzadria per avere un guadagno più consistente, visto che la tua famiglia era numerosa, ma lui non aveva accettato. Cos'è la mezzadria e, soprattutto, cosa si intende con l'espressione "a sangu e latti", che dà il titolo al libro?
La mezzadria era un contratto tra il padrone e il pastore. Che poi era un contratto di mezzadria e di "sòccida". Quest'ultimo riguardava l'allevamento, mentre la mezzadria era un contratto prevalentemente agrario. Il bestiame rappresentava la parte più consistente della rendita. Soltanto le pecore, le capre, i maiali erano "a sangu e latti", che significa 'a sangue e latte', cioè con carne e latte condivisi; il bestiame vaccino non era incluso, perché era una fonte di rendita molto importante per i padroni, che erano soliti concedere solo un manzo all'anno ai pastori. Il padrone doveva impegnarsi a fornire al pastore e alla sua famiglia una casa dignitosa. Il pastore doveva abitare nello stazzo con la sua famiglia e curare la casa e il terreno. Moglie e figli dovevano lavorare nello stazzo. Se il pastore decideva di farsi aiutare da terzi, spettava a lui pagarli. Il pastore era l'unico responsabile del bestiame, degli attrezzi agricoli, di tutto quello che si trovava nello stazzo, ma poteva organizzare il lavoro come voleva.
Qual è lo stazzo che più di tutti ti è rimasto nel cuore?
Io mi sono trovato bene ovunque, ho sempre avuto buoni rapporti con i proprietari; ho mantenuto buoni rapporti nel corso degli anni anche con i loro figli. Però, lo stazzo che più ho nel cuore è La Caldòsa, a Luogosanto, dove sono rimasto per ben 33 anni, dal 1971 al 2004. La Caldòsa è stato il mio ultimo stazzo. Lì è nata Rosaria. Voglio portarti a visitare lo stazzo, cara Francesca! Non appena tornerai in Gallura, ci ritaglieremo una giornata e ti porterò in quello che è stato il mio regno, uno dei posti che custodisce i miei ricordi più belli.
A Luogosanto mi sono sentito subito a casa: la gente mi ha accolto come uno del posto. I luogosantesi sono sempre nel mio cuore.

Io non vedo l'ora di visitare La Caldòsa insieme a te, che per 33 anni ne sei stato il sovrano indiscusso! Com'era la Gallura quando eri ragazzino? Come è cambiata nel corso degli anni?
Quando ero piccolo, la Gallura era veramente un giardino fiorito, proprio come il meraviglioso giardino che curava mia madre nello stazzo in cui sono nato e in cui ho trascorso i primi quattro anni della mia vita. Quanto erano belle le campagne negli anni della mia gioventù! Si piantavano i cereali, c'erano animali ovunque.
Negli anni Sessanta qualcosa iniziò a cambiare, purtroppo in negativo; poi, con l'arrivo della Costa Smeralda, è iniziato lo spopolamento delle campagne. La Costa Smeralda ha decretato la fine della civiltà degli stazzi. La gente che lavorava in campagna, infatti, si trasferiva là, perché lavorava meno e guadagnava di più. La politica ha una colpa imperdonabile: i politici non hanno fatto assolutamente nulla per aiutare la campagna, per far sì che i proprietari facessero lavorare la terra ai pastori con contratti giusti e dignitosi. La politica ha firmato la condanna a morte della campagna.

Tu, però, con la tua tenacia, non ti sei scoraggiato: orgoglioso delle tue origini, sei rimasto lassù finché hai potuto, accogliendo del progresso solo le novità e le comodità che potevano migliorare le condizioni di vita, rifiutando ogni eccesso.
Io sono rimasto perché ho sempre desiderato fare il contadino-pastore, ho sempre amato lavorare la campagna. Mi sentivo libero e felice; sono sempre riuscito a sostenere tutta la mia numerosa famiglia. Non condanno chi è andato via, condanno la politica. E non condanno neppure il progresso, che ha portato molte cose buone, molte comodità che hanno migliorato le condizioni di vita: la luce, il telefono, il frigorifero (quando non c'era, potevamo mangiare la carne quasi esclusivamente d'inverno), i trattori. Ad un certo punto, però, l'uomo ha voluto strafare, pretendendo sempre di più e autocondannandosi all'infelicità. L'uomo, infatti, desideroso di ottenere sempre di più, è perennemente insoddisfatto. La via di mezzo è stata ignorata. Non si vive di solo pane, questo è vero, ma a tutto deve esserci un limite. Abbiamo perso il senso della misura, dell'equilibrio. Abbiamo letteralmente massacrato la natura. Ti confesso, cara Francesca, che io avevo previsto da tempo questo periodo orribile che stiamo vivendo. Speriamo ci serva da lezione!

A proposito di equilibrio e senso della misura, stai scrivendo un libro che si intitolerà "La via di mezzo", un omaggio a quella giusta misura che ti è tanto cara. Quando uscirà?
Francesca cara, se mi avessi intervistato qualche anno fa, un libro sulla mia vita avresti potuto scriverlo tu. Dico sul serio: non avrei più smesso di raccontarti i miei ricordi. Ora la memoria mi tradisce, però, come riesco a concentrarmi, mi dedico con tutto l'impegno possibile a questo nuovo libro che vorrei far uscire quanto prima. Ho scritto già un numero consistente di pagine.

Ti sei mai allontanato dalla tua Gallura?
Sì, ma poche volte. Nel 1951 sono partito per fare il servizio militare a Bologna. Era la prima volta che mi allontanavo dalla Sardegna. Bologna è una città bellissima; amavo passeggiare sotto ai suoi portici, visitare i luoghi più significativi della città, ammirare le dolci colline che la circondano, visitare i paesi dei dintorni. Le campagne bolognesi, poi, erano qualcosa di spettacolare ai miei occhi: tutte erano coltivate con cura. In Italia ho visitato anche Torino, Verona, Milano e Roma. A Milano ho potuto ammirare il Cenacolo di Leonardo da Vinci, che ritengo di una bellezza straordinaria. A Roma sono stato due volte. Mi piaceva andare alla ricerca delle testimonianze storiche dell'antica Roma, a cominciare dal Colosseo. Ho visitato anche la Basilica di San Pietro in Vaticano. Sono tornato a Roma con Anna Rosa quando si è laureata Rosaria.
Qualche anno fa, invece, Anna Rosa ed io siamo stati a Monaco di Baviera da alcuni amici. Abbiamo ricevuto un'accoglienza che ci ha commosso. A Monaco abbiamo visto un senso dell'ospitalità che ci ha ricordato l'ospitalità della Gallura ai tempi degli stazzi. Siamo stati anche in Francia, in Alta Savoia, per fare visita ad alcuni parenti: anche lì siamo stati accolti benissimo.

Agostino, tu hai amato profondamente il tuo lavoro, ma anche gli svaghi che la dura vita dei campi ti concedeva. Sei sempre stato un amante del ballo e del canto. Le tue doti canore non sono passate inosservate a un famoso cantante gallurese, di cui ora non ricordo il nome, che sentendoti cantare ti invitò ad esibirti insieme a lui a una festa. Raccontaci qualche curiosità... Quando hai imparato a ballare? Durante le feste organizzate negli stazzi si ballava?
Il cantante era Luigino Cossu, molto famoso qui in Gallura; mi sentì cantare mentre stavo portando le capre al pascolo e mi chiese subito di cantare con lui a una festa. Ho sempre avuto una grande passione per il canto; penso di averla ereditata da mio padre. Lui sì che aveva una gran bella voce! Quanto al ballo, invece, ho iniziato a ballare a 12 anni, durante una festa in uno stazzo. Nel corso delle feste che si organizzavano negli stazzi non mancavano mai i balli. Anche i bambini si divertivano ad apprendere qualche passo di danza. L'inverno le feste si susseguivano quasi tutte le sere; una sera ci si riuniva in uno stazzo, la sera successiva nell'altro. Spesso queste feste finivano a notte inoltrata. Quante volte sono tornato a casa di buon mattino e sono partito subito per la lunga giornata lavorativa, senza neppure vedere il letto! Ora che sono vecchio e le forze vengono meno, mi sembra impossibile. Che bei tempi erano quelli, beata giovinezza! Ma è la vita e ringrazio Dio di essere arrivato a 90 anni. Non tutti hanno il dono di poter invecchiare. Io sono invecchiato e ho sempre avuto al mio fianco la compagna di una vita; insieme a lei ho visto crescere figli e nipoti.
Siamo diventati anche bisnonni. Inoltre, con Anna Rosa abbiamo ovunque, persino in Africa, quelli che io definisco figli e nipoti spirituali. Tu, Francesca, sei la nostra nipote romana.
Sono davvero orgoglioso della mia vita: ho fatto quello che mi piaceva, mi sono sentito sempre libero; ho avuto tanti amici, di ogni estrazione sociale, che sono stati la mia compagnia e la mia protezione. Molti di loro sono volati via da tempo, ma il loro ricordo è ben vivo nel mio cuore. Come potrei non essere grato alla vita? Certo, mi piacerebbe tanto poter tornare indietro, anche solo di 40 anni, ma non si può. La morte fa parte della vita e noi non possiamo fare altro che accettarla. Non possiamo vivere contro natura. L'uomo non può competere con la Natura, perché perderebbe.

Come vorresti essere ricordato?
Come un gran lavoratore, come un uomo onesto che ha cercato sempre, nel suo piccolo, di ascoltare e aiutare chiunque avesse bisogno. Questo è quello che ho trasmesso ai miei figli e ai miei nipoti. Del resto, i miei genitori, così come i miei nonni, erano amati da tutti coloro che li hanno conosciuti. Tutti li ricordano come persone buone, oneste, come grandi lavoratori. Ecco, mi piacerebbe che la gente avesse di me questa considerazione e mi ricordasse proprio così.

Cosa auguri ai tuoi figli, ai tuoi nipoti, ai giovani?
Ai miei figli, ai miei nipoti e a tutti, anche a quelli che non conosco, auguro salute, lavoro, felicità. Auguro il bene anche ai miei nemici, anche se, devo essere sincero, non ho nemici, non ne ho mai avuti: non sono capace di fare del male agli animali, figuriamoci agli uomini!
Ai giovani, invece, voglio dire di riscoprire la bellezza della giusta misura e di lasciar andare il superfluo. È vero che non si vive di solo pane, ma non bisogna esagerare: è così bello rimanere nella via di mezzo!

Per il futuro della Gallura, invece, cosa ti auguri?
Mi auguro che possa tornare ad essere il meraviglioso giardino che era negli anni della mia infanzia e della mia giovinezza. Sai, Francesca, ti confesso di non avere molta speranza in tal senso: per far sì che la Gallura torni a splendere, deve cambiare la politica e la gente deve fare un passo indietro. Tornare indietro è impossibile, ma fare umilmente un piccolo passo indietro si può. Fino a quando queste cose non cambieranno, la Gallura, che già adesso è un deserto, sarà sempre più povera.
Mi auguro di cuore che cambi la mentalità dei politici e della gente comune e che tutti possano riscoprire la necessità e la bellezza del contatto quotidiano con la Natura, quella Madre generosa che mi ha permesso di vivere libero ogni giorno della mia lunga vita.
Mostra altri Articoli di questo autore
info@freetopnews.it
- Paolo Carboni: Tutt'a pedi - Alla scoperta del territorio di Aggius (S - 12/10/2020 10:44:57
- Agostino Asara, l'ultimo Patriarca degli stazzi galluresi - 06/10/2020 07:41:33
- Aggius (SS): storia, tradizioni, banditismo nel cuore della Gallura - 02/10/2020 06:54:06
- Tenuta Coda di Lupo, eccellenze sarde per un'agricoltura sostenibile - 22/09/2020 19:35:55
- Luigi Lehnus: Wilamowitz e il monte delle Muse - 15/09/2020 17:25:33
- Paola Mancini: viaggio nella storia di Loiri Porto San Paolo (SS) - 10/09/2020 18:14:11
- Alla scoperta dell'Area Marina Protetta di Tavolara (SS) con Augusto - 01/09/2020 21:32:17
- Giuseppe Festa: Ursula e Lupinella, orsi e lupi sulle montagne italian - 28/08/2020 07:59:34
- Pa punyat: con Antonio Masia alla scoperta delle eccellenze algheresi - 24/08/2020 08:51:11
- Sa Mandra, anima barbaricina nel cuore della Nurra - 19/08/2020 07:30:34
- Giuliano Dal Mas, una vita tra le Dolomiti - 13/08/2020 17:36:13
- Valle d'Aosta, presentata la XXIII edizione del Gran Paradiso Film Fe - 27/07/2020 19:42:54
- Irene Borgna: Louis Oreiller, il pastore di stambecchi - 20/07/2020 07:47:15
- Genzano, a Casa Mamre QUESTO MARE E’ PIENO DI VOCI - 16/07/2020 09:22:00
- Corrado Ruggeri, una vita in viaggio - 13/07/2020 07:30:17
- Lungo i sentieri del Cammino Ibleo con Nanni Di Falco - 06/07/2020 16:49:35
- Alla scoperta del nuraghe Majori di Tempio Pausania - 30/06/2020 07:39:09
- Lorenzo Braccesi: Olimpiade e Zenobia, quando il potere è donna - 24/06/2020 05:26:37
- Ove abitai fanciullo: a Recanati aprono le stanze private di Giacomo L - 15/06/2020 14:18:28
- I reperti assiri di Faida al premio mondiale in memoria di Khaled al-A - 08/06/2020 07:43:10
- Mauro Bonazzi: i Greci e il mistero dell'esistenza - 01/06/2020 07:22:54
- PandemicA, racconto corale per immagini - 21/05/2020 07:52:03
- Antonietta Langiu, la mia Isola - 08/05/2020 09:22:34
- Susanna Garavaglia: il risveglio della coscienza interiore - 29/04/2020 05:09:43
- Rosanna Raffaelli Ghedina: folclore, leggende e simboli delle Dolomiti - 16/04/2020 23:10:44
- Giorgio Murru: Spiriti e Dèi nella statuaria preistorica della Sardegn - 09/04/2020 13:50:32
- Una Maschera, un Volto, un Paese: il Carnevale in Sardegna - 07/03/2020 07:34:21
- Pe’ terre assaje luntane: al MANN l’emigrazione ischitana in America - 01/03/2020 19:33:00
- Thalassa: a Napoli le meraviglie sommerse dal Mediterraneo - 27/02/2020 23:09:38
- Nel segreto mare delle stelle di Marella Giovannelli - 25/02/2020 18:10:02
- Marcello Cabriolu, la Sardegna e il Mediterraneo Occidentale - 17/02/2020 21:27:55
- Erika Maderna, sulle tracce della medicina delle streghe e delle sant - 27/01/2020 06:48:31
- Federico Fellini: ironico, beffardo e centenario - 14/01/2020 07:56:24
- Pompei e Santorini, l'eternità in un giorno - 04/01/2020 08:29:04
- Andrea Icardi, un anno in Alta Valle Maira - 30/12/2019 14:15:42
- Archeologi italiani riportano alla luce i reperti assiri di Faida - 15/12/2019 09:45:07
- Augusto Mulas: l'orientamento astronomico dei nuraghi - 09/12/2019 19:01:03
- Margherita Massari: Ildegarda di Bingen, Sibilla e Dottore della Chies - 06/12/2019 09:18:37
- Il mito immortale di Cartagine in mostra a Roma - 04/12/2019 00:02:27
- Aquileia 2200. Porta di Roma verso i Balcani e l’Oriente - 29/11/2019 05:28:33
- Michele Porcaro: ASSTEAS - Storia del Vaso più bello del mondo - 19/11/2019 00:26:44
- Silvia Romani: credenze, miti e dei degli antichi - 11/11/2019 13:10:02
- All'Alba Radians di Albano (RM) il Filottete di Sofocle - 06/11/2019 16:36:58
- Mulino della Riviera di Dronero (CN), una storia firmata Cavanna - 29/10/2019 18:50:24
- Galluras, il Museo della Femina Agabbadòra - 22/10/2019 07:00:03
- Ugo Mancini: Sotto la cenere, storie di vita quotidiana durante il ven - 10/10/2019 20:51:11
- Alessandra Derriu: streghe, indovine e curatrici nella Sardegna del '7 - 04/10/2019 07:06:18
- Giuseppe Vito Internicola: Castellammare del Golfo, alle origini di un - 29/09/2019 18:15:59
- Città della Pieve (PG) si prepara ad accogliere Il Nostro Tempo - 25/09/2019 15:20:51
- Uno spazio per le Donne: alla scoperta del mondo femminile sardo e non - 23/09/2019 08:37:50
- Olmedo (SS), storia, tradizioni, folklore - 21/09/2019 09:21:49
- Silvia Giorcelli Bersani: I Romani e le Alpi - 16/09/2019 14:05:54
- Rossella Giglio: Segesta, tra teatro, musica, natura - 08/08/2019 15:56:16
- Enrico Caruso: la rinascita di Selinunte - 01/08/2019 14:29:05
- Lucina Gandolfo: alla scoperta di Monte Iato - 31/07/2019 07:33:07
- Sulle spiagge pontine tornano i Racconti di Sabaudia - 30/07/2019 08:47:45
- Tagliacozzo (AQ): XXXV Festival Internazionale di Mezza Estate - 22/07/2019 14:36:02
- Civiltà del sole: l'archeoastronomia nella Sicilia preistorica - 19/07/2019 07:30:13
- Cristina Muntoni, il potere delle parole nella storia della sacralità - 15/07/2019 18:12:54
- Francesco Bianco, un cammino tra verità nascoste - 13/07/2019 06:58:14
- Filippo Drago, mugnaio siciliano fra tradizione e modernità - 09/07/2019 07:28:20
- Con la KERNOS alla scoperta di Castellammare del Golfo - 02/07/2019 18:17:21
- Per una rinascita di Castelvetrano, città d'arte, storia, cultura - 27/06/2019 18:13:44
- Marinella Fiume: sapienza, virtù e misteri dell'universo simbolico fem - 11/06/2019 19:04:31
- Stefano Pucci: le incisioni rupestri delle Alpi Apuane - 07/06/2019 09:24:59
- Albano (RM), al via la Rassegna del Teatro Antico - 26/05/2019 18:33:37
- Max Dashu: Streghe e pagane, le donne nella cultura popolare europea - 14/05/2019 07:18:46
- Diego Maggio: profumi, aromi e sapori siculo-panteschi - 09/05/2019 08:15:34
- Regius, omaggio allo stupor mundi Federico II di Svevia - 03/05/2019 07:38:01
- Sentiero della Libertà, per tenere viva la Memoria - 01/05/2019 20:05:09
- Caccamo (PA), borgo di storia, arte, cultura - 28/04/2019 06:50:10
- C'era una volta Iato: omaggio dei ragazzi all'antica Iato - 23/04/2019 22:40:32
- U Pani ri Murriali: il pane genuino di una volta - 16/04/2019 17:20:40
- Recanati (MC): L'Infinito di Leopardi compie 200 anni - 13/04/2019 16:51:43
- A Camo (CN) torna PrimaVeraRegia - 11/04/2019 17:17:36
- Ivano Dionigi: Lucrezio, Seneca e noi - 04/04/2019 23:33:23
- Luca Mancini: Il caso dell'Ungheria di Horthy - 09/04/2019 19:14:05
- Il Foscolo di Albano (RM) trionfa al Festival Thauma - 30/03/2019 20:22:23
- Sotto il segno dei pesci: Camaiani celebra la Grecia - 28/03/2019 17:13:29
- Guido Cossard, viaggio nel mondo dell'Archeoastronomia - 25/03/2019 10:47:16
- Rosanna Oliva de Conciliis, una vita per la Parità - 17/03/2019 08:14:51
- Donna o Dea: le raffigurazioni femminili in Sardegna tra passato e pre - 02/03/2019 20:50:25
- Giorgio Ieranò: l'arcano fascino delle isole dell'Egeo - 25/02/2019 09:19:48
- Dea e Femminismo alla Roma Goddess Conference - 21/02/2019 09:10:27
- Elena Ianni: le feste e i falò del Messico - 17/02/2019 19:18:44
- Roma: l'olio d'oliva al Premio Filo della Torre - 15/02/2019 17:02:24
- I giovani attori del Foscolo alla Giornata del Greco - 06/02/2019 17:24:33
- La Penisola del Sinis (OR) tra storia, archeologia e natura - 29/01/2019 17:38:31
- King Camp Gillette: Il Turbine Umano - 19/01/2019 11:59:30
- Barumini (VS), archeologia, storia, cultura nel cuore della Sardegna - 14/01/2019 10:46:56
- Morena Luciani Russo: la ricerca della Dea e lo sciamanesimo - 09/01/2019 06:28:02
- Maurizio Bettini: Il Presepio, storia di un simbolo - 21/12/2018 08:22:38
- Venezia: Idoli, il potere dell'immagine - 12/12/2018 18:57:46
- Simona Modeo, Dioniso in Sicilia - 06/12/2018 17:48:35
- Violette Sauvage a Palazzo Colonna (RM) - 03/12/2018 07:01:13
- Pomezia (RM): Premio Donna d'Autore 2018 - 30/11/2018 06:37:50
- Massimo Blasi, l'incredibile storia degli imperatori romani - 28/11/2018 10:26:59
- Fabio Isman: 1938, l'Italia razzista - 25/11/2018 07:30:10
- Sacrum, lo Stabat Mater di Rossini all'Aracoeli di Roma - 22/11/2018 16:42:46
- Oriana Dal Bosco: il misterioso fascino del Nord Africa - 20/11/2018 17:17:03
- Natale inCHIOSTRO a Monastero di Dronero (CN) - 17/11/2018 07:53:51
- All'Alba Radians di Albano (RM): l'Ecuba di Euripide - 15/11/2018 16:59:16
- Autunno d'Autore a Ruralia, Conosci tu il paese dove... - 13/11/2018 18:40:36
- Marella Giovannelli, una vita tra giornalismo, fotografia e poesia - 09/11/2018 10:04:37
- Daniela Dao Ormena: Le radici chiamano, dolci melodie della Valle Mair - 30/10/2018 13:32:22
- Gli antichi pani di Sardegna protagonisti a Buddusò - 17/10/2018 14:23:34
- Torna a Lanuvio (RM) l'antico rituale della Maza - 04/10/2018 20:39:44
- Nonna Tommy, raccontaci ancora... - 02/10/2018 07:16:37
- A Buddusò (SS) torna Artes in Carrera - 30/09/2018 06:56:22
- Al Museo Africano di Verona la danza degli spiriti - 27/09/2018 00:12:36
- A. Cossard: Archeoastronomy, la prima app di archeoastronomia - 24/09/2018 09:21:18
- Firenze, Viaggio nell'altro e nell'altrove in ricordo di Paolo Grazios - 19/09/2018 08:31:44
- Lanuvio (RM): Buon compleanno, Antonino Pio! - 10/09/2018 06:04:22
- Raffaella De Sanctis, tra scuola e ricerca - 04/09/2018 17:45:49
- Màn. Vietnam Street Heroines in mostra al MAO (TO) - 26/08/2018 10:25:13
- Alessandra Comneno, una vita a contatto con la saggezza dei Nativi - 12/08/2018 19:38:51
- MAO (TO), ORIENTI. 7000 anni di arte asiatica dal Museo delle Civiltà - 07/08/2018 06:17:08
- Senorbì (CA), al MADN La Dea di Turriga, il mistero di un’icona senza - 01/08/2018 07:38:49
- Silvia Tenderini, una vita tra viaggi, ricerche e scrittura - 24/07/2018 19:40:34
- A Villa Giulia (Roma) la Scuola di Archeoastronomia 2018 - 19/07/2018 06:39:50
- Gabriella Mosso, I miei, i tuoi, i nostri - 17/07/2018 05:54:30
- Tagliacozzo (AQ), Festival Internazionale di Mezza Estate - 12/07/2018 06:39:05
- Franco Campus, Nuragici - un Territorio, un'Isola, il Mediterraneo - 09/07/2018 22:21:30
- Carmagnola (TO): Donne e Madonne nell’Arte dal XV secolo ad oggi - 04/07/2018 21:53:04
- Per una rinascita socio-culturale dei borghi della Valle dell'Amaseno - 25/06/2018 07:25:04
- Capalbio (GR), vacanza-laboratorio di Spiritualità Femminile con Devan - 22/06/2018 20:30:12
- Nicola Castangia, Ercole Contu e la scoperta della Tomba dei Vasi Tetr - 18/06/2018 06:44:49
- Castelfidardo (AN): gli studenti del Meucci per la valorizzazione del - 10/06/2018 17:30:57
- Papa Wojtyla in Comelico e in Cadore: il ricordo e l'emozione 30 anni - 27/05/2018 16:40:51
- Scrittori alla scoperta del mondo, una mostra sulla letteratura di via - 22/05/2018 06:00:18
- In viaggio tra le pagine di Elena Dak - 18/05/2018 09:31:20
- Convegno Internazionale contro Terrorismo, radicalizzazione e violenza - 08/05/2018 06:02:05
- Olimpia Biasi, la Viriditas di Ildegarda in mostra all'Hortu - 25/04/2018 15:09:19
- Con Marco Grippa alla scoperta del fascino segreto di Tagikistan e Kir - 18/04/2018 18:40:04
- Da Maenza a Fossanova sulle orme di San Tommaso d'Aquino - 13/04/2018 13:59:02
- Pierluigi Montalbano: l'alba della civiltà sarda - 10/04/2018 14:08:20
- Donne, Madri, Dee: la rappresentazione del femminile in mostra a Udine - 07/04/2018 07:14:26
- In mostra a Milano gli scavi di Achille Vogliano nel Fayum - 28/03/2018 18:52:37
- Sulle tracce della Dea: Viaggio nel Grembo della Storia - 17/03/2018 16:44:27
- Nadia Tarantini: Quando nascesti tu, stella lucente - 05/03/2018 21:14:35
- L'epopea dei Longobardi in mostra al MANN - 26/02/2018 10:45:11
- Verso il contratto di fiume dell'Amaseno - 22/02/2018 11:55:38
- Inside, la nuova collezione di Vittorio Camaiani - 11/02/2018 22:27:58
- Alla scoperta del matriarcato di Bali con Bruna Rotunno - 04/02/2018 13:48:05
- Giornata della Memoria, per non dimenticare - 25/01/2018 18:06:41
- Viaggio nei segreti della bellezza del corpo femminile - 21/01/2018 21:30:48
- Ildegarda di Bingen, maestra di sapienza nel suo tempo e oggi - 10/01/2018 22:22:54
- Selene Calloni: l'arte della ribellione zen per vincere la paura - 05/01/2018 22:57:08
- MANN: grande successo per la mostra sull'America precolombiana - 28/12/2017 14:29:51
- 2018 per Katike: i calendari di ...non lasciamoli soli - 19/12/2017 22:15:21
- Maenza: La rete dei cammini della Valle dell’Amaseno - 12/12/2017 22:31:25
- Al Convivium di Fiuggi i Pensieri sparsi di Daniela Gariglio - 07/12/2017 08:47:07
- Napoli: Il Natale dei 100 Alberi d’Autore - 03/12/2017 09:41:27
- Le donne dei Longobardi: urban-trekking con Michela Zucca - 28/11/2017 13:46:59
- San Martino di Stroppo: piccolo gioiello delle Valli Cuneesi - 24/11/2017 06:54:30
- Signa del Alma: per dire No alla violenza sulle donne - 19/11/2017 08:32:53
- Il nuovo romanzo di Maristella Lippolis: Raccontami tu - 07/11/2017 16:56:46
- Mama Africa: la maternità nell'arte africana - 03/11/2017 11:20:04
- Violette Sauvage: il vintage chic a Palazzo Colonna - 28/10/2017 11:28:12
- Il patrimonio archeologico del Lazio alla BMTA di Paestum - 26/10/2017 15:31:12
- Templari. Dal ducato di Puglia e Calabria, all’Italia del III Millenni - 22/10/2017 17:10:52
- Archeologia ferita: Volti di Palmira ad Aquileia - 11/10/2017 08:02:26
- Giancarlo Sani: alla scoperta delle incisioni rupestri toscane - 03/10/2017 13:36:14
- ... non lasciamoli soli: il progetto per il Nepal di Ilario Sedrani - 26/09/2017 08:24:26
- Giuliana Borghesani: La Maledizione della Liberta - 22/09/2017 14:28:02
- L'uomo, il Cancro del Pianeta - 04/09/2017 20:15:53
- Le caverne delle donne: la grotta di San Colombano - 25/08/2017 17:49:53
- Le figlie sono come le Madri: Donne lungo la Via della Seta - 30/08/2017 12:56:24
- Nemi: tornano i Nemoralia in onore della Dea Diana - 08/08/2017 17:21:44
- Donne e medicina: quale futuro per la medicina di genere? - 05/08/2017 08:48:58
- Arkeotrekking in Trentino: Sui sentieri delle Madri Antiche II - 31/07/2017 08:27:43
- Piero Verni: Tulku, viaggio nel cuore mistico della civiltà tibetana - 25/07/2017 07:11:56
- Ugo Mancini: ragioni e vicende degli antifascisti a Roma e nei Castell - 07/07/2017 18:23:52
- Festival di Tagliacozzo: conferenza stampa di presentazione a Palazzo - 05/07/2017 06:55:48
- Cuneo: Il lato nascosto delle Alpi - 04/07/2017 06:11:40
- Come con gli occhi dei bambini di Terezin - 28/06/2017 21:43:19
- Baby Giulia, storia di un'adolescenza rubata - 18/06/2017 13:18:11
- Francesca D'Amico: le donne nella tradizione contadina abruzzese - 11/06/2017 16:01:53
- Tutela e valorizzazione del patrimonio rurale nel Lazio - 07/06/2017 18:43:20
- Fiume che cammina. Transumanza dall’Adriatico al Lagorai - 03/06/2017 08:02:51
- Roma: VI raduno dei Linfoamici - 01/06/2017 14:32:42
- Atlantide, dal mito alla storia: intervista ad Alessandra Murgia - 20/05/2017 08:13:47
- Ignazio Didu: I Greci e la Sardegna. Il mito e la storia - 12/05/2017 09:18:37
- Sacra Nemora: la cultura del sacro in mostra a Lanuvio - 07/05/2017 23:09:38
- Pizzo d’Irlanda, merletto e ricamo protagonisti sul lago Trasimeno - 02/05/2017 07:59:39
- Arkeotrekking in Trexenta: Le Antiche Madri dei Monti e del Mare - 25/04/2017 19:47:13
- Le donne e il sapere medico-erboristico: un binomio da riscoprire - 07/04/2017 21:29:15
- Linfoamici a Venezia - 30/03/2017 18:13:31
- Com'è giusto che sia: il nuovo thriller di Marina Di Guardo - 29/03/2017 10:34:04
- Herbarie: le chiamavano Streghe - 24/03/2017 21:01:03
- Devana: il risveglio della spiritualità nativa dell'Antica Europa - 17/03/2017 18:33:42
- Andrea Loddo: l'archeologia sperimentale per comprendere le ancestrali - 11/02/2017 20:01:00
- Alla scoperta dell'origine genetica dei Sardi con il prof. Francala - 03/02/2017 08:01:01
- Diego Manzi: viaggio nel cuore della tradizione indiana - 28/01/2017 10:24:25
- Barbara Bonomi Romagnoli: storie di insette felici - 25/01/2017 23:15:02
- Alberto Pattini: Poesia del Trentino. La melodia della Grande Madre - 19/01/2017 21:24:29
- Rinascere dalle distruzioni. Ebla, Nimrud, Palmira - 12/01/2017 21:25:10
- Nori Corbucci: Marta Marzotto, una vita da ricordare - 05/01/2017 00:02:59
- La Sardegna antica nel cuore del Mediterraneo - 30/12/2016 01:04:16
- Sardegna nuragica e falso mistero della lingua etrusca con il linguist - 03/01/2017 07:32:46
- La Stirpe del Sole: una Medea inedita nell'ultimo romanzo di Giuliana - 23/12/2016 14:12:50
- Al Castello di Scilla i Popoli del Mare di Oreste Kessel Pace - 16/12/2016 12:53:26
- SACRUM: concerto dedicato a Papa Francesco all'Aracoeli - 08/12/2016 10:18:48
- Paola Biato: Viaggio nel mondo della Psicofiaba - 04/12/2016 19:28:59
- Il viaggio. Alchimie e Passioni: a Venezia la personale di Irene Manen - 29/11/2016 08:13:34
- Il Natale dei 100 alberi d’autore - 28/11/2016 20:22:54
- Carlo Buldrini: Pellegrinaggio buddhista - 16/11/2016 08:32:43
- A Spazio Mater l'arte digitale di Michele Grimaldi - 13/11/2016 19:50:50
- Gigantes de Perdas: alla scoperta dei nuraghi sardi - 04/11/2016 07:54:20
- Ivo Nardi: Riflessioni sul senso della vita - 24/10/2016 08:27:11
- Fabrizio Manzetti: Nascosti davanti a tutti - 18/10/2016 00:13:25
- Bambine e bambini: divino gioco di pace nel mondo - 28/10/2016 08:24:38
- La Danza degli Archetipi: alle radici del linguaggio simbolico - 13/10/2016 22:41:28
- Alla scoperta dei Fiori di Bach con Gerardo Chirò - 09/10/2016 08:44:23
- Sardegna: curiosità, aneddoti e misteri sardi con Gianmichele Lisai - 04/10/2016 06:59:28
- Roma per Amatrice: Concerto di Beneficenza - 25/09/2016 15:45:16
- Sulle tracce dell' archeologia dell'evanescente con Paola Di Si - 22/09/2016 15:21:18
- Sebastiano Brocchi: alchimia, esoterismo, simbologia sacra e mistero - 18/09/2016 08:55:07
- Milano: appuntamento per il World Lymphoma Awareness Day - 13/09/2016 07:41:13
- Sulla via degli sciamani del Sudamerica con Stefano Lioni - 29/08/2016 08:00:22
- Sulle orme dei Moso con l'antropologa Francesca Rosati Freeman - 16/08/2016 07:13:59
- Sui sentieri dei luoghi di culto della Grande Dea con Luisella Veroli - 11/08/2016 08:48:06
- Un Altro Mondo per i Diritti della Pachamama - 27/07/2016 07:32:44
- Alessandra Di Gesù: viaggio nelle Tradizioni Misteriche del Mediterran - 05/07/2016 08:00:50
- Abbracci gratis contro il linfoma: a Roma il V raduno dei Linfoami - 31/05/2016 23:23:59
- Out of Tibet: il foto-racconto della diaspora tibetana sbarca a Roma - 23/05/2016 00:04:09
- Il Canto delle Sirene in mostra a Bologna - 22/05/2016 10:02:01
- La cultura dei Moso arriva al Ramadù di Cisterna - 16/04/2016 21:08:59
- Donne e scienza: un binomio per troppo tempo ignorato - 24/03/2016 07:51:18
- Suffragette 2.0: approda al Peano di Roma - 14/03/2016 22:06:13
- Palazzo Visconti: Alta Moda della Sartoria Angela - 09/03/2016 08:47:43
- Il respiro profondo di una Nuova Era - 04/03/2016 14:17:21
- Festa grande per i 35 anni di attività di Erno Rossi - 01/03/2016 14:29:34
- I Sentieri della Terra: come restituire vita e dignità alla Mad - 20/02/2016 09:06:03
- Le remote origini del tatuaggio con l'antropologa Michela Zucca - 23/01/2016 09:46:08
- Mantra Madre e Il profumo della luna: libri per il risveglio dell'anim - 24/12/2015 10:37:15
- Roma: il Rito del Grembo - 12/12/2015 00:42:29
- Alla scoperta delle vere origini di Halloween con Monica - 31/10/2015 20:24:53
I COMMENTI RELATIVI ALL'ARTICOLO
Invia un commento alla Redazione
Email
Nome e Cognome
Messaggio
Gentile lettore, prima di inviare il Suo messaggio:

compilare il codice di sicurezza sottostante copiando l'immagine raffigurata;

CAPTCHA 
cambia codice

inserisci codice



Per pubblicare, in fondo all'articolo, il suo commento selezionare il pulsante sottostante.

Pubblicazione
  Si    solo nome
  Si    nome e cognome
  No


Grazie della collaborazione.

© 2014 - ftNews è una testata di libera informazione.