Redazione     Informativa     Link  

Pietro Greco: Trotula, la prima donna medico d'Europa

martedì, 10 novembre 2020 08:28

condividi su facebook
Copertina: illustrazione tratta dal "De passionibus mulierum ante in et post partum"
Dal nostro inviato
Francesca Bianchi
Per FtNews ho intervistato Pietro Greco, giornalista scientifico e scrittore, nonché conduttore di Radio 3 Scienza. Per la collana Profilo di donna de L'Asino d'oro edizioni ha pubblicato il libro Trotula. La prima donna medico d'Europa. Nel volume lo scrittore presenta al grande pubblico la figura di Trotula, prima ginecologa della storia, vissuta nella Salerno cosmopolita dell'XI secolo: l'Hippocratica Civitas in quegli anni era caratterizzata da una forte contaminazione culturale di tutte le culture religiose e filosofiche del Mediterraneo. Proprio a Salerno sorgeva la celebre Scuola Medica, d'impronta ippocratico-galenica, la più antica e celebre istituzione medica del mondo occidentale, di cui Trotula divenne magistra. La cultura di Trotula affondava le sue radici nella medicina galenica e ippocratica, ma rinnovata dalle recenti acquisizioni della medicina islamica. La sapiens matrona, che probabilmente apparteneva alla nobile famiglia dei De Ruggiero, scrisse opere di medicina all'avanguardia per quei tempi, tra cui il primo trattato di ginecologia della storia, che segnò la nascita dell’ostetricia e della ginecologia come scienze mediche. Trotula ebbe il merito di introdurre la ginecologia in Europa: fino ad allora i ginecologi uomini non potevano visitare le donne, per cui spesso le diagnosi erano approssimative. Trotula può visitare, può toccare le sue pazienti, instaurando con loro un clima di confidenza e fiducia totale.
Trotula conosce i bisogni delle donne, ascolta le loro richieste, si rende promotrice di una medicina per le donne assolutamente laica, priva di qualsiasi condizionamento morale o religioso. Colpisce la modernità dell'illustre mulier salernitana, che mille anni fa sosteneva che la salute non deve essere intesa come assenza di malattie, ma come una situazione di benessere psicofisico della persona: una visione olistica della medicina che anche l'Organizzazione Mondiale della Sanità ha fatto propria nel XX secolo.
In un'epoca caratterizzata dalla superiorità fisica e intellettuale degli uomini, Trotula fu la prima ad affermare che la sterilità non è causata solo dalle donne, ma può essere anche maschile.
Nel corso degli anni, alcuni studiosi arrivarono addirittura a negare l'esistenza di Trotula, perché la professione medica e le attività intellettuali erano ritenute una prerogativa solo ed unicamente maschile. Era impensabile che una donna potesse eccellere a tal punto da diventare magistra della Scuola Medica Salernitana. Pioniera della medicina di genere e fautrice di una medicina preventiva e non invasiva, Trotula ha dimostrato che le donne non sono affatto inferiori agli uomini intellettualmente, anche se il suo mirabile esempio non è riuscito ad abbattere questo atavico pregiudizio culturale, che ancora oggi, purtroppo, stenta a morire.
In questo pregevole testo Pietro Greco ripercorre la vita della magistra, distinguendo tra i fatti storicamente documentati che la riguardano e quelli che si possono confinare nella leggenda e nel mito, con l'intenzione di restituire giustizia e dignità a una donna che, in pieno Medioevo, si è fatta promotrice di una medicina per le donne, con l'unico scopo di salvaguardare la salute e il benessere psichico, fisico e sessuale delle donne di ogni estrazione sociale.
Nelle parole del giornalista emerge la speranza che la modernità di Trotula, la sua concezione laica e preventiva della medicina, l'interpretazione della salute come benessere complessivo della persona diventino messaggi universali e aiutino a riflettere sulla portata rivoluzionaria del magistero di Trotula e sul ruolo fondamentale svolto dalle donne nella storia.

Come è nata l'idea di scrivere un libro dedicato a Trotula De Ruggiero, la più illustre delle Mulieres Salernitanae, autrice del primo trattato di ginecologia in Europa, nonché prima donna medico d'Europa?
Dirigo la serie "Donne e Scienza" della collana "Profilo di donna" dell'editore "L'Asino d'oro". In questa collana ho scritto Margherita Hack e Lise Meitner. Ho studiato per un altro libro la storia della scienza in Europa, una storia iniziata intorno all'XI-XII secolo. Conoscevo bene, quindi, la Scuola Medica di Salerno, la prima scuola medica e scientifica europea. Studiando la storia della scienza in Europa, mi sono imbattuto nella figura di Trotula, personaggio di cui sapevo poco che mi ha subito affascinato. Ho saputo che era una medica di una modernità sconcertante per l'approccio che aveva alla medicina, in particolare alla medicina delle donne. Ho pensato, così, di scrivere un libro su questa donna, tra le prime a portare la scienza in Europa. Pochi sanno di lei e della sua importanza nella storia della scienza. Questo libro, infatti, è pensato proprio per i non addetti ai lavori, per far conoscere questa figura al grande pubblico, per riconoscere il suo lavoro e l'importanza che ha avuto nella storia della medicina di genere. Ho voluto restituirle dignità e giustizia storica.

La figura di Trotula spesso è stata sottratta alla storia per essere collocata nel mistero e nella leggenda. Alcuni arrivarono persino a dubitare della sua esistenza. Cosa sappiamo con certezza di lei e della sua famiglia?
Nulla sappiamo di lei, se non che è esistita e che è vissuta a Salerno tra l'XI e il XII secolo, anche se la sua principale biografa, la statunitense Monica H. Green, di cui io spesso non condivido molte tesi, sostiene in maniera autorevole, ma secondo me non convincente, che sia vissuta nel XII secolo e non nell'XI. Poco cambia.
Pietro Greco
È probabile che fosse una nobile e che appartenesse alla famiglia dei De Ruggiero, una delle famiglie nobili più ricche e influenti di Salerno, famosa per aver donato parte dei propri beni e dei propri terreni a Roberto il Guiscardo, della famiglia normanna degli Altavilla, affinché portasse a termine la costruzione del Duomo di Salerno.
Le vengono attribuiti tre figli e un matrimonio con Giovanni Plateario, un importante maestro della Scuola Medica Salernitana, al cui interno Trotula è stata insegnante, clinica e autrice di testi.
Secondo alcuni, divenne anche magistra, il massimo riconoscimento della Scuola. Oggi il magister sarebbe un professore ordinario. Trotula potrebbe essere stata la prima e unica donna ad esseremagistra. Secondo molti altri studiosi, tra cui Monica H. Green, Trotula meritò soltanto l'appellativo di quasi magistra o anche sapiens matrona. Sappiamo con certezza che nel periodo in cui è vissuta, la Scuola Medica Salernitana ha prodotto un libro collettaneo in cui hanno scritto sette magistri, tra cui figura anche Trotula. Questo ci fa capire che doveva essere a tutti gli effetti magistra: come avrebbero potuto concedere a lei, una donna, di scrivere su un collettaneo, se non fosse stata magistra?

In quale contesto culturale vive Trotula? Di quali conoscenze dispone?
Trotula vive in una Salerno cosmopolita, quasi multietnica, che aveva commerci con tutto il Mediterraneo. Secondo una leggenda, la Scuola Medica nacque quando quattro medici, uno cristiano latino, uno ebreo, un altro bizantino e uno arabo si incontrarono sotto un ponte di Salerno. Questa non è solo una leggenda, ma una metafora di quella che era la Salerno di quel periodo, quando divenne famosa in tutta Europa grazie alla sua Scuola Medica, un centro di alta formazione e ricerca in campo medico, la più antica e celebre istituzione medica del mondo occidentale. La contaminazione culturale di tutte le culture religiose e filosofiche del Mediterraneo verrà ripresa nel XII secolo da Ruggero II il normanno, che divenne re in Sicilia e iniziò a unificare il Mezzogiorno sotto il dominio normanno, e poi da suo nipote Federico II. Lo stupor mundi, infatti, valorizzò molto quella Scuola, imponendo per legge che potesse esercitare la professione medica solo chi si fosse diplomato o laureato alla Scuola Medica di Salerno.
La corte di Ruggero II divenne approdo di intellettuali di ogni provenienza: cristiani d'Occidente, Bizantini, islamici, Ebrei. Si iniziarono a tradurre i classici della filosofia greca e quelli della scienza ellenistica dall'arabo in latino; maestri greci, ebrei, arabi e latini integrarono tutte le grandi correnti del pensiero medico-antico, la tradizione greco-latina e quelle araba ed islamica. Quando l'Europa era ancora al buio, a Salerno è stata accesa la prima luce. Salerno era la città più avanzata d'Europa, nonché una delle più ricche. In questo contesto fortemente innovativo operò Trotula che, come scrisse Eva Cantarella, "ebbe una gran fortuna a nascere a Salerno". Nell'XI secolo, infatti, in nessun altro luogo d'Italia e d'Europa una donna avrebbe potuto disporre della sua vita con sufficiente libertà e vivere in un contesto così culturalmente ricco.
Trotula è imbevuta di una cultura all'avanguardia per quel periodo, una cultura che affonda le sue radici nella medicina galenica e ippocratica, ma rinnovata dalla medicina islamica. Di questa modernità c'è traccia nei suoi testi. La scienza moderna, compresa quella medica, è nata in epoca ellenistica, soprattutto ad Alessandria d'Egitto, e si è sviluppata in seguito. La Scuola medica aveva un'impronta ippocratico-galenica. Inoltre, proprio negli anni in cui Trotula iniziava a studiare la medicina, giunse a Salerno Costantino l'Africano, un medico proveniente dal Nordafrica che iniziò a tradurre in latino le opere islamiche di alta cultura medica e scientifica, quasi interamente copie di opere greco-ellenistiche. Costantino l'Africano introdusse per la prima volta in Italia questi testi, che per l'epoca erano assolutamente innovativi e sui quali, molto probabilmente, la sanatrix salernitana ha studiato medicina.

Quando sono iniziati gli studi storici approfonditi su Trotula e sui suoi libri? Perché alcuni studiosi misero in dubbio che fosse esistita?
Trotula ha avuto una vicenda altalenante nel corso de secoli: per molti secoli, fino al Cinquecento, venne considerata una grande medichessa. Poi, quando nel Cinquecento i suoi libri vennero pubblicati in un corpo unico da George Kraut, in Germania, nacque una contro reazione. Alcuni studiosi non solo negarono che Trotula avesse scritto quei libri, ma arrivarono addirittura a negare l'esistenza della sanatrix. Attribuirono quei libri a uno schiavo di epoca romana che probabilmente non è mai esistito, mentre è assolutamente certo e verificabile il fatto che i testi attribuiti a Trotula sono stati scritti tra XI e XII secolo. Venne respinta l'idea che una donna potesse essere tanto brava da diventare quasi magistra o addirittura magistra della Scuola Medica Salernitana: si pensava che le attività intellettuali o quelle di altissima tecnica, come la professione medica, potessero essere una prerogativa maschile. C'è stata una ripresa della figura storica di Trotula nell'Ottocento da parte del medico e storico napoletano Salvatore de Renzi, che ha contribuito alla riscoperta delle mulieres salernitanae, impedendo che la memoria di Trotula venisse cancellata per sempre e confinata nella leggenda. Nel Novecento, infine, tante donne mediche e storiche della medicina hanno rivalutato la figura di Trotula ed è proprio negli anni Settanta e Ottanta del secolo scorso che Trotula entrò nella moderna storia della medicina. In tal senso fu fondamentale il ruolo del femminismo.
Quel che è certo è che Trotula è esistita e ha prodotto una cultura medica importante che si estrinseca attraverso tre libri pubblicati da Kraut nel XVI secolo: il Liber de sinthomatibus mulierum ("Libro sulle malattie delle donne") o De passionibus mulierum ante in et post partum ("Sulle malattie delle donne prima e dopo il parto"), il De curis mulierum ("Sui trattamenti delle donne") e il De ornatu mulierum ("Sulla cosmetica delle donne"). Da molti studiosi questi testi non vennero attribuiti a Trotula, ma a collaboratrici o collaboratori della sanatrix. Questo probabilmente è vero, ma è altrettanto vero che questi testi esprimono il pensiero di Trotula, raccolto fedelmente da sue allieve o collaboratrici. La prova inconfutabile dell'esistenza di Trotula è stata trovata a Madrid negli anni Ottanta del secolo scorso ed è costituita da un testo che si ritiene sia stato scritto di proprio pugno da Trotula, un testo che, quindi, costituirebbe la prova provata della sua esistenza. Alcuni studiosi italiani sostengono e dimostrano che lo stile di scrittura e i contenuti sono tutti attribuibili a una stessa mano, che si rivela essere la mano di Trotula.
Particolare dell'illustrazione tratta dal "De passionibus mulierum ante in et post partum"
Stando al contenuto dei libri che ha menzionato poco fa, quali sono i principi fondamentali della medicina proposta da Trotula? Perché possiamo definire moderno e laico il suo approccio terapeutico?
Trotula ha realizzato due tipi di opere: il primo tipo comprende manuali di medicina rivolti ai medici, ai suoi colleghi, mentre l'altro è destinato alle donne. Nei manuali di medicina scritti per i colleghi medici affronta il tema della malattia in generale, soffermandosi in particolare sulla medicina per le donne, i cui capisaldi sono la prevenzione e la non invasività, quindi una medicina preventiva che interviene nel modo più dolce e meno invasivo possibile: si tratta di un approccio estremamente moderno alla medicina.
In particolare, il De passionibus segna la nascita in Europa dell'ostetricia, della ginecologia e della puericultura come discipline scientifiche. Il testo esprime tutta la modernità di Trotula e della Scuola Medica Salernitana: Trotula vi parla da medico, non da appartenente a una qualche religione o corrente culturale, senza ideologie e senza preconcetti, mettendo al centro del suo pensiero medico il corpo della donna con il suo equilibrio, i suoi bisogni, la sua igiene. Si concentra sulla ricerca del benessere fisico, psichico e sessuale delle donne e lo fa con un approccio del tutto laico, considerando la sessualità come una dimensione normale sia dell'uomo che della donna, non come qualcosa di peccaminoso. Riconosce la legittimità del desiderio sessuale femminile, sostenendo che i medici debbano farsi carico non di assecondare il dettato religioso secondo cui gli unici rapporti sessuali legittimi sono quelli tra marito e moglie a fini procreativi, ma anche il desiderio delle donne di avere rapporti sessuali solo per piacere, per soddisfare le loro naturali pulsioni. Forse scandalizzando, in una società profondamente segnata dall'idea della superiorità del maschio e dall'inferiorità della donna, affermò che la causa della sterilità di una coppia poteva essere costituita anche dall'uomo, ma non si limitò a quello: parlò anche di mancanza di appetito sessuale. Indicò alle donne non più vergini come restaurare la verginità perduta, suggerendo tecniche che potessero ingannare chiunque, soprattutto i futuri mariti. Si potrebbe pensare che Trotula legittimasse la bugia e l'inganno, in realtà parlava da medico, senza esprimere giudizi morali e preservando unicamente la libertà sessuale e la salute delle donne.

Per quanto riguarda il contenuto delle opere destinate alle donne, invece, Trotula si soffermò sulla bellezza femminile, suggerendo alle donne accorgimenti che potessero renderle più belle. Perché la medichessa salernitana ha scritto un trattato di cosmetica? Cosa rappresentava per Trotula la bellezza?
Il De Ornatu mulierum è il primo trattato di cosmetica della storia; è un testo scritto per le donne e riguarda la bellezza delle donne.
La modernità di Trotula sta nel fatto che lei aveva una visione olistica della medicina, concependo la salute piena, proprio come oggi la concepisce l'Organizzazione Mondiale della Sanità: non solo come assenza delle malattie, ma considerando il benessere fisico e psichico della persona. La bellezza è il segno di un corpo sano e della sua armonia con l'universo. In questa luce si inquadra anche il testo in cui Trotula indica alle donne strumenti per rendersi più belle e piacevoli e vivere, così, in maniera più serena il rapporto con il proprio corpo e con la propria psiche. La cosmesi proposta da Trotula non si riduce mai all'aspetto puramente ornamentale, ma si inserisce nella medicina come ricerca del benessere complessivo, con la consapevolezza che l'armonia del corpo è parte dell'armonia cosmica. L'igiene, che aumenta la bellezza e preserva dalle malattie, e la prevenzione sono gli assunti fondamentali di questa filosofia medica.

Quali riferimenti culturali troviamo in questo trattato?
In primis emerge il riferimento alla cosmesi delle donne nel mondo islamico, la più ricca e sofisticata nel bacino mediterraneo, che Trotula ha avuto modo di conoscere da vicino grazie sia alle donne islamiche presenti a Salerno sia alle saracene presenti in Sicilia, una delle terre più avanzate dell'Islam nell'XI secolo, da Trotula visitata più volte. In Sicilia la sanatrix salernitana ha avuto modo di discutere con le donne saracene presenti nell'isola, studiando sia la medicina che l'estetica islamiche. Trotula propone cure per migliorare la bellezza che sono di chiara matrice islamica. In questo settore le donne arabe erano specializzate.

Dove risiede la portata rivoluzionaria del magistero di Trotula?
Come ginecologa è stata una pioniera. Prima, infatti, la medicina era studiata, esercitata e praticata da maschi e veniva applicata alle donne. A quell'epoca e fino a non molto tempo fa i ginecologi uomini non potevano visitare le donne, essendo loro impedito di vedere o toccare donne nude. C'era una grande difficoltà dei medici maschi a curare le donne, a fare medicina per le donne. Trotula ha la possibilità di avere un contatto fisico con le donne: mette le mani, tocca, verifica, palpa, con la piena fiducia delle donne che intende curare. In questo è favorita dal suo essere donna. Il suo approccio alle donne è sempre di tipo gentile, empatico, mai freddo o distaccato. Anche questa è una novità assoluta. Si rende conto di quali sono i bisogni delle donne. Lei non dà mai giudizi morali: il suo è un approccio rigorosamente laico. Quando parla delle prostitute, le critica perché curano poco l'igiene e si affidano troppo al "fai da te" senza consulto medico, il che potrebbe costituire un serio pericolo per la loro salute e per quella dei loro clienti, ma non le giudica mai. Quanto coraggio ebbe Trotula per rompere una tradizione secondo cui solo i maschi potevano essere medici! Lei dimostra che non era vero e si fece promotrice di una medicina che teneva conto dei bisogni e della fisiologia delle donne, una medicina per le donne, fatta da una donna. Anche e soprattutto in questo è stata una figura straordinaria, una pioniera della medicina di genere; in questo risiede l'eccezionalità del suo magistero.

Cosa può insegnare oggi una figura come Trotula? Quanto sono attuali i suoi insegnamenti?
Innanzitutto può insegnarci che la medicina può anche essere anche diversa tra maschi e femmine e che entrambi hanno pari dignità; che le donne devono essere considerate esseri viventi che meritano attenzione da parte dei medici, un'attenzione di tipo laico: ribadisco che Trotula seppe osservare la natura con occhi scientifici, non magici o religiosi. Insegna che la salute è il benessere complessivo della persona, non solo l'assenza di malattie. Inoltre, in questo particolare momento storico, ci insegna che la prevenzione delle malattie è importante ed è il modo migliore per fronteggiare agenti patogeni come il Covid. Se avessimo la capacità di prevenire l'attacco, si potrebbero evitare molte morti.

Quale messaggio si augura possa arrivare alle lettrici e ai lettori di questo suo libro?
Trotula dimostra che le donne non sono affatto inferiori agli uomini, anche in campo scientifico. Non appena alle donne viene data la possibilità di fare l'ingegnera, la poeta, la medica, le donne ci riescono alla grande, anche meglio degli uomini. Non c'è differenza tra uomini e donne nelle attività intellettuali. Mi auguro che questo messaggio, insieme alla concezione laica, preventiva e non invasiva delle terapie e all'interpretazione della medicina come benessere completo diventino messaggi universali.
Mostra altri Articoli di questo autore
info@freetopnews.it
- Marida Lombardo Pijola: l'imperfezione delle madri - 25/11/2020 14:08:22
- Pietro Greco: Trotula, la prima donna medico d'Europa - 10/11/2020 08:28:11
- Gian Enrico Manzoni: la peste di Atene ai tempi del Covid - 29/10/2020 08:13:41
- Fiorenzo Caterini: ricostruzione della memoria in Sardegna - 23/10/2020 09:01:57
- Paolo Carboni: Tutt'a pedi - Alla scoperta del territorio di Aggius (S - 12/10/2020 10:44:57
- Agostino Asara, l'ultimo Patriarca degli stazzi galluresi - 06/10/2020 07:41:33
- Aggius (SS): storia, tradizioni, banditismo nel cuore della Gallura - 02/10/2020 06:54:06
- Tenuta Coda di Lupo, eccellenze sarde per un'agricoltura sostenibile - 22/09/2020 19:35:55
- Luigi Lehnus: Wilamowitz e il monte delle Muse - 15/09/2020 17:25:33
- Paola Mancini: viaggio nella storia di Loiri Porto San Paolo (SS) - 10/09/2020 18:14:11
- Alla scoperta dell'Area Marina Protetta di Tavolara (SS) con Augusto - 01/09/2020 21:32:17
- Giuseppe Festa: Ursula e Lupinella, orsi e lupi sulle montagne italian - 28/08/2020 07:59:34
- Pa punyat: con Antonio Masia alla scoperta delle eccellenze algheresi - 24/08/2020 08:51:11
- Sa Mandra, anima barbaricina nel cuore della Nurra - 19/08/2020 07:30:34
- Giuliano Dal Mas, una vita tra le Dolomiti - 13/08/2020 17:36:13
- Valle d'Aosta, presentata la XXIII edizione del Gran Paradiso Film Fe - 27/07/2020 19:42:54
- Irene Borgna: Louis Oreiller, il pastore di stambecchi - 20/07/2020 07:47:15
- Genzano, a Casa Mamre QUESTO MARE E’ PIENO DI VOCI - 16/07/2020 09:22:00
- Corrado Ruggeri, una vita in viaggio - 13/07/2020 07:30:17
- Lungo i sentieri del Cammino Ibleo con Nanni Di Falco - 06/07/2020 16:49:35
- Alla scoperta del nuraghe Majori di Tempio Pausania - 30/06/2020 07:39:09
- Lorenzo Braccesi: Olimpiade e Zenobia, quando il potere è donna - 24/06/2020 05:26:37
- Ove abitai fanciullo: a Recanati aprono le stanze private di Giacomo L - 15/06/2020 14:18:28
- I reperti assiri di Faida al premio mondiale in memoria di Khaled al-A - 08/06/2020 07:43:10
- Mauro Bonazzi: i Greci e il mistero dell'esistenza - 01/06/2020 07:22:54
- PandemicA, racconto corale per immagini - 21/05/2020 07:52:03
- Antonietta Langiu, la mia Isola - 08/05/2020 09:22:34
- Susanna Garavaglia: il risveglio della coscienza interiore - 29/04/2020 05:09:43
- Rosanna Raffaelli Ghedina: folclore, leggende e simboli delle Dolomiti - 16/04/2020 23:10:44
- Giorgio Murru: Spiriti e Dèi nella statuaria preistorica della Sardegn - 09/04/2020 13:50:32
- Una Maschera, un Volto, un Paese: il Carnevale in Sardegna - 07/03/2020 07:34:21
- Pe’ terre assaje luntane: al MANN l’emigrazione ischitana in America - 01/03/2020 19:33:00
- Thalassa: a Napoli le meraviglie sommerse dal Mediterraneo - 27/02/2020 23:09:38
- Nel segreto mare delle stelle di Marella Giovannelli - 25/02/2020 18:10:02
- Marcello Cabriolu, la Sardegna e il Mediterraneo Occidentale - 17/02/2020 21:27:55
- Erika Maderna, sulle tracce della medicina delle streghe e delle sant - 27/01/2020 06:48:31
- Federico Fellini: ironico, beffardo e centenario - 14/01/2020 07:56:24
- Pompei e Santorini, l'eternità in un giorno - 04/01/2020 08:29:04
- Andrea Icardi, un anno in Alta Valle Maira - 30/12/2019 14:15:42
- Archeologi italiani riportano alla luce i reperti assiri di Faida - 15/12/2019 09:45:07
- Augusto Mulas: l'orientamento astronomico dei nuraghi - 09/12/2019 19:01:03
- Margherita Massari: Ildegarda di Bingen, Sibilla e Dottore della Chies - 06/12/2019 09:18:37
- Il mito immortale di Cartagine in mostra a Roma - 04/12/2019 00:02:27
- Aquileia 2200. Porta di Roma verso i Balcani e l’Oriente - 29/11/2019 05:28:33
- Michele Porcaro: ASSTEAS - Storia del Vaso più bello del mondo - 19/11/2019 00:26:44
- Silvia Romani: credenze, miti e dei degli antichi - 11/11/2019 13:10:02
- All'Alba Radians di Albano (RM) il Filottete di Sofocle - 06/11/2019 16:36:58
- Mulino della Riviera di Dronero (CN), una storia firmata Cavanna - 29/10/2019 18:50:24
- Galluras, il Museo della Femina Agabbadòra - 22/10/2019 07:00:03
- Ugo Mancini: Sotto la cenere, storie di vita quotidiana durante il ven - 10/10/2019 20:51:11
- Alessandra Derriu: streghe, indovine e curatrici nella Sardegna del '7 - 04/10/2019 07:06:18
- Giuseppe Vito Internicola: Castellammare del Golfo, alle origini di un - 29/09/2019 18:15:59
- Città della Pieve (PG) si prepara ad accogliere Il Nostro Tempo - 25/09/2019 15:20:51
- Uno spazio per le Donne: alla scoperta del mondo femminile sardo e non - 23/09/2019 08:37:50
- Olmedo (SS), storia, tradizioni, folklore - 21/09/2019 09:21:49
- Silvia Giorcelli Bersani: I Romani e le Alpi - 16/09/2019 14:05:54
- Rossella Giglio: Segesta, tra teatro, musica, natura - 08/08/2019 15:56:16
- Enrico Caruso: la rinascita di Selinunte - 01/08/2019 14:29:05
- Lucina Gandolfo: alla scoperta di Monte Iato - 31/07/2019 07:33:07
- Sulle spiagge pontine tornano i Racconti di Sabaudia - 30/07/2019 08:47:45
- Tagliacozzo (AQ): XXXV Festival Internazionale di Mezza Estate - 22/07/2019 14:36:02
- Civiltà del sole: l'archeoastronomia nella Sicilia preistorica - 19/07/2019 07:30:13
- Cristina Muntoni, il potere delle parole nella storia della sacralità - 15/07/2019 18:12:54
- Francesco Bianco, un cammino tra verità nascoste - 13/07/2019 06:58:14
- Filippo Drago, mugnaio siciliano fra tradizione e modernità - 09/07/2019 07:28:20
- Con la KERNOS alla scoperta di Castellammare del Golfo - 02/07/2019 18:17:21
- Per una rinascita di Castelvetrano, città d'arte, storia, cultura - 27/06/2019 18:13:44
- Marinella Fiume: sapienza, virtù e misteri dell'universo simbolico fem - 11/06/2019 19:04:31
- Stefano Pucci: le incisioni rupestri delle Alpi Apuane - 07/06/2019 09:24:59
- Albano (RM), al via la Rassegna del Teatro Antico - 26/05/2019 18:33:37
- Max Dashu: Streghe e pagane, le donne nella cultura popolare europea - 14/05/2019 07:18:46
- Diego Maggio: profumi, aromi e sapori siculo-panteschi - 09/05/2019 08:15:34
- Regius, omaggio allo stupor mundi Federico II di Svevia - 03/05/2019 07:38:01
- Sentiero della Libertà, per tenere viva la Memoria - 01/05/2019 20:05:09
- Caccamo (PA), borgo di storia, arte, cultura - 28/04/2019 06:50:10
- C'era una volta Iato: omaggio dei ragazzi all'antica Iato - 23/04/2019 22:40:32
- U Pani ri Murriali: il pane genuino di una volta - 16/04/2019 17:20:40
- Recanati (MC): L'Infinito di Leopardi compie 200 anni - 13/04/2019 16:51:43
- A Camo (CN) torna PrimaVeraRegia - 11/04/2019 17:17:36
- Ivano Dionigi: Lucrezio, Seneca e noi - 04/04/2019 23:33:23
- Luca Mancini: Il caso dell'Ungheria di Horthy - 09/04/2019 19:14:05
- Il Foscolo di Albano (RM) trionfa al Festival Thauma - 30/03/2019 20:22:23
- Sotto il segno dei pesci: Camaiani celebra la Grecia - 28/03/2019 17:13:29
- Guido Cossard, viaggio nel mondo dell'Archeoastronomia - 25/03/2019 10:47:16
- Rosanna Oliva de Conciliis, una vita per la Parità - 17/03/2019 08:14:51
- Donna o Dea: le raffigurazioni femminili in Sardegna tra passato e pre - 02/03/2019 20:50:25
- Giorgio Ieranò: l'arcano fascino delle isole dell'Egeo - 25/02/2019 09:19:48
- Dea e Femminismo alla Roma Goddess Conference - 21/02/2019 09:10:27
- Elena Ianni: le feste e i falò del Messico - 17/02/2019 19:18:44
- Roma: l'olio d'oliva al Premio Filo della Torre - 15/02/2019 17:02:24
- I giovani attori del Foscolo alla Giornata del Greco - 06/02/2019 17:24:33
- La Penisola del Sinis (OR) tra storia, archeologia e natura - 29/01/2019 17:38:31
- King Camp Gillette: Il Turbine Umano - 19/01/2019 11:59:30
- Barumini (VS), archeologia, storia, cultura nel cuore della Sardegna - 14/01/2019 10:46:56
- Morena Luciani Russo: la ricerca della Dea e lo sciamanesimo - 09/01/2019 06:28:02
- Maurizio Bettini: Il Presepio, storia di un simbolo - 21/12/2018 08:22:38
- Venezia: Idoli, il potere dell'immagine - 12/12/2018 18:57:46
- Simona Modeo, Dioniso in Sicilia - 06/12/2018 17:48:35
- Violette Sauvage a Palazzo Colonna (RM) - 03/12/2018 07:01:13
- Pomezia (RM): Premio Donna d'Autore 2018 - 30/11/2018 06:37:50
- Massimo Blasi, l'incredibile storia degli imperatori romani - 28/11/2018 10:26:59
- Fabio Isman: 1938, l'Italia razzista - 25/11/2018 07:30:10
- Sacrum, lo Stabat Mater di Rossini all'Aracoeli di Roma - 22/11/2018 16:42:46
- Oriana Dal Bosco: il misterioso fascino del Nord Africa - 20/11/2018 17:17:03
- Natale inCHIOSTRO a Monastero di Dronero (CN) - 17/11/2018 07:53:51
- All'Alba Radians di Albano (RM): l'Ecuba di Euripide - 15/11/2018 16:59:16
- Autunno d'Autore a Ruralia, Conosci tu il paese dove... - 13/11/2018 18:40:36
- Marella Giovannelli, una vita tra giornalismo, fotografia e poesia - 09/11/2018 10:04:37
- Daniela Dao Ormena: Le radici chiamano, dolci melodie della Valle Mair - 30/10/2018 13:32:22
- Gli antichi pani di Sardegna protagonisti a Buddusò - 17/10/2018 14:23:34
- Torna a Lanuvio (RM) l'antico rituale della Maza - 04/10/2018 20:39:44
- Nonna Tommy, raccontaci ancora... - 02/10/2018 07:16:37
- A Buddusò (SS) torna Artes in Carrera - 30/09/2018 06:56:22
- Al Museo Africano di Verona la danza degli spiriti - 27/09/2018 00:12:36
- A. Cossard: Archeoastronomy, la prima app di archeoastronomia - 24/09/2018 09:21:18
- Firenze, Viaggio nell'altro e nell'altrove in ricordo di Paolo Grazios - 19/09/2018 08:31:44
- Lanuvio (RM): Buon compleanno, Antonino Pio! - 10/09/2018 06:04:22
- Raffaella De Sanctis, tra scuola e ricerca - 04/09/2018 17:45:49
- Màn. Vietnam Street Heroines in mostra al MAO (TO) - 26/08/2018 10:25:13
- Alessandra Comneno, una vita a contatto con la saggezza dei Nativi - 12/08/2018 19:38:51
- MAO (TO), ORIENTI. 7000 anni di arte asiatica dal Museo delle Civiltà - 07/08/2018 06:17:08
- Senorbì (CA), al MADN La Dea di Turriga, il mistero di un’icona senza - 01/08/2018 07:38:49
- Silvia Tenderini, una vita tra viaggi, ricerche e scrittura - 24/07/2018 19:40:34
- A Villa Giulia (Roma) la Scuola di Archeoastronomia 2018 - 19/07/2018 06:39:50
- Gabriella Mosso, I miei, i tuoi, i nostri - 17/07/2018 05:54:30
- Tagliacozzo (AQ), Festival Internazionale di Mezza Estate - 12/07/2018 06:39:05
- Franco Campus, Nuragici - un Territorio, un'Isola, il Mediterraneo - 09/07/2018 22:21:30
- Carmagnola (TO): Donne e Madonne nell’Arte dal XV secolo ad oggi - 04/07/2018 21:53:04
- Per una rinascita socio-culturale dei borghi della Valle dell'Amaseno - 25/06/2018 07:25:04
- Capalbio (GR), vacanza-laboratorio di Spiritualità Femminile con Devan - 22/06/2018 20:30:12
- Nicola Castangia, Ercole Contu e la scoperta della Tomba dei Vasi Tetr - 18/06/2018 06:44:49
- Castelfidardo (AN): gli studenti del Meucci per la valorizzazione del - 10/06/2018 17:30:57
- Papa Wojtyla in Comelico e in Cadore: il ricordo e l'emozione 30 anni - 27/05/2018 16:40:51
- Scrittori alla scoperta del mondo, una mostra sulla letteratura di via - 22/05/2018 06:00:18
- In viaggio tra le pagine di Elena Dak - 18/05/2018 09:31:20
- Convegno Internazionale contro Terrorismo, radicalizzazione e violenza - 08/05/2018 06:02:05
- Olimpia Biasi, la Viriditas di Ildegarda in mostra all'Hortu - 25/04/2018 15:09:19
- Con Marco Grippa alla scoperta del fascino segreto di Tagikistan e Kir - 18/04/2018 18:40:04
- Da Maenza a Fossanova sulle orme di San Tommaso d'Aquino - 13/04/2018 13:59:02
- Pierluigi Montalbano: l'alba della civiltà sarda - 10/04/2018 14:08:20
- Donne, Madri, Dee: la rappresentazione del femminile in mostra a Udine - 07/04/2018 07:14:26
- In mostra a Milano gli scavi di Achille Vogliano nel Fayum - 28/03/2018 18:52:37
- Sulle tracce della Dea: Viaggio nel Grembo della Storia - 17/03/2018 16:44:27
- Nadia Tarantini: Quando nascesti tu, stella lucente - 05/03/2018 21:14:35
- L'epopea dei Longobardi in mostra al MANN - 26/02/2018 10:45:11
- Verso il contratto di fiume dell'Amaseno - 22/02/2018 11:55:38
- Inside, la nuova collezione di Vittorio Camaiani - 11/02/2018 22:27:58
- Alla scoperta del matriarcato di Bali con Bruna Rotunno - 04/02/2018 13:48:05
- Giornata della Memoria, per non dimenticare - 25/01/2018 18:06:41
- Viaggio nei segreti della bellezza del corpo femminile - 21/01/2018 21:30:48
- Ildegarda di Bingen, maestra di sapienza nel suo tempo e oggi - 10/01/2018 22:22:54
- Selene Calloni: l'arte della ribellione zen per vincere la paura - 05/01/2018 22:57:08
- MANN: grande successo per la mostra sull'America precolombiana - 28/12/2017 14:29:51
- 2018 per Katike: i calendari di ...non lasciamoli soli - 19/12/2017 22:15:21
- Maenza: La rete dei cammini della Valle dell’Amaseno - 12/12/2017 22:31:25
- Al Convivium di Fiuggi i Pensieri sparsi di Daniela Gariglio - 07/12/2017 08:47:07
- Napoli: Il Natale dei 100 Alberi d’Autore - 03/12/2017 09:41:27
- Le donne dei Longobardi: urban-trekking con Michela Zucca - 28/11/2017 13:46:59
- San Martino di Stroppo: piccolo gioiello delle Valli Cuneesi - 24/11/2017 06:54:30
- Signa del Alma: per dire No alla violenza sulle donne - 19/11/2017 08:32:53
- Il nuovo romanzo di Maristella Lippolis: Raccontami tu - 07/11/2017 16:56:46
- Mama Africa: la maternità nell'arte africana - 03/11/2017 11:20:04
- Violette Sauvage: il vintage chic a Palazzo Colonna - 28/10/2017 11:28:12
- Il patrimonio archeologico del Lazio alla BMTA di Paestum - 26/10/2017 15:31:12
- Templari. Dal ducato di Puglia e Calabria, all’Italia del III Millenni - 22/10/2017 17:10:52
- Archeologia ferita: Volti di Palmira ad Aquileia - 11/10/2017 08:02:26
- Giancarlo Sani: alla scoperta delle incisioni rupestri toscane - 03/10/2017 13:36:14
- ... non lasciamoli soli: il progetto per il Nepal di Ilario Sedrani - 26/09/2017 08:24:26
- Giuliana Borghesani: La Maledizione della Liberta - 22/09/2017 14:28:02
- L'uomo, il Cancro del Pianeta - 04/09/2017 20:15:53
- Le caverne delle donne: la grotta di San Colombano - 25/08/2017 17:49:53
- Le figlie sono come le Madri: Donne lungo la Via della Seta - 30/08/2017 12:56:24
- Nemi: tornano i Nemoralia in onore della Dea Diana - 08/08/2017 17:21:44
- Donne e medicina: quale futuro per la medicina di genere? - 05/08/2017 08:48:58
- Arkeotrekking in Trentino: Sui sentieri delle Madri Antiche II - 31/07/2017 08:27:43
- Piero Verni: Tulku, viaggio nel cuore mistico della civiltà tibetana - 25/07/2017 07:11:56
- Ugo Mancini: ragioni e vicende degli antifascisti a Roma e nei Castell - 07/07/2017 18:23:52
- Festival di Tagliacozzo: conferenza stampa di presentazione a Palazzo - 05/07/2017 06:55:48
- Cuneo: Il lato nascosto delle Alpi - 04/07/2017 06:11:40
- Come con gli occhi dei bambini di Terezin - 28/06/2017 21:43:19
- Baby Giulia, storia di un'adolescenza rubata - 18/06/2017 13:18:11
- Francesca D'Amico: le donne nella tradizione contadina abruzzese - 11/06/2017 16:01:53
- Tutela e valorizzazione del patrimonio rurale nel Lazio - 07/06/2017 18:43:20
- Fiume che cammina. Transumanza dall’Adriatico al Lagorai - 03/06/2017 08:02:51
- Roma: VI raduno dei Linfoamici - 01/06/2017 14:32:42
- Atlantide, dal mito alla storia: intervista ad Alessandra Murgia - 20/05/2017 08:13:47
- Ignazio Didu: I Greci e la Sardegna. Il mito e la storia - 12/05/2017 09:18:37
- Sacra Nemora: la cultura del sacro in mostra a Lanuvio - 07/05/2017 23:09:38
- Pizzo d’Irlanda, merletto e ricamo protagonisti sul lago Trasimeno - 02/05/2017 07:59:39
- Arkeotrekking in Trexenta: Le Antiche Madri dei Monti e del Mare - 25/04/2017 19:47:13
- Le donne e il sapere medico-erboristico: un binomio da riscoprire - 07/04/2017 21:29:15
- Linfoamici a Venezia - 30/03/2017 18:13:31
- Com'è giusto che sia: il nuovo thriller di Marina Di Guardo - 29/03/2017 10:34:04
- Herbarie: le chiamavano Streghe - 24/03/2017 21:01:03
- Devana: il risveglio della spiritualità nativa dell'Antica Europa - 17/03/2017 18:33:42
- Andrea Loddo: l'archeologia sperimentale per comprendere le ancestrali - 11/02/2017 20:01:00
- Alla scoperta dell'origine genetica dei Sardi con il prof. Francala - 03/02/2017 08:01:01
- Diego Manzi: viaggio nel cuore della tradizione indiana - 28/01/2017 10:24:25
- Barbara Bonomi Romagnoli: storie di insette felici - 25/01/2017 23:15:02
- Alberto Pattini: Poesia del Trentino. La melodia della Grande Madre - 19/01/2017 21:24:29
- Rinascere dalle distruzioni. Ebla, Nimrud, Palmira - 12/01/2017 21:25:10
- Nori Corbucci: Marta Marzotto, una vita da ricordare - 05/01/2017 00:02:59
- La Sardegna antica nel cuore del Mediterraneo - 30/12/2016 01:04:16
- Sardegna nuragica e falso mistero della lingua etrusca con il linguist - 03/01/2017 07:32:46
- La Stirpe del Sole: una Medea inedita nell'ultimo romanzo di Giuliana - 23/12/2016 14:12:50
- Al Castello di Scilla i Popoli del Mare di Oreste Kessel Pace - 16/12/2016 12:53:26
- SACRUM: concerto dedicato a Papa Francesco all'Aracoeli - 08/12/2016 10:18:48
- Paola Biato: Viaggio nel mondo della Psicofiaba - 04/12/2016 19:28:59
- Il viaggio. Alchimie e Passioni: a Venezia la personale di Irene Manen - 29/11/2016 08:13:34
- Il Natale dei 100 alberi d’autore - 28/11/2016 20:22:54
- Carlo Buldrini: Pellegrinaggio buddhista - 16/11/2016 08:32:43
- A Spazio Mater l'arte digitale di Michele Grimaldi - 13/11/2016 19:50:50
- Gigantes de Perdas: alla scoperta dei nuraghi sardi - 04/11/2016 07:54:20
- Ivo Nardi: Riflessioni sul senso della vita - 24/10/2016 08:27:11
- Fabrizio Manzetti: Nascosti davanti a tutti - 18/10/2016 00:13:25
- Bambine e bambini: divino gioco di pace nel mondo - 28/10/2016 08:24:38
- La Danza degli Archetipi: alle radici del linguaggio simbolico - 13/10/2016 22:41:28
- Alla scoperta dei Fiori di Bach con Gerardo Chirò - 09/10/2016 08:44:23
- Sardegna: curiosità, aneddoti e misteri sardi con Gianmichele Lisai - 04/10/2016 06:59:28
- Roma per Amatrice: Concerto di Beneficenza - 25/09/2016 15:45:16
- Sulle tracce dell' archeologia dell'evanescente con Paola Di Si - 22/09/2016 15:21:18
- Sebastiano Brocchi: alchimia, esoterismo, simbologia sacra e mistero - 18/09/2016 08:55:07
- Milano: appuntamento per il World Lymphoma Awareness Day - 13/09/2016 07:41:13
- Sulla via degli sciamani del Sudamerica con Stefano Lioni - 29/08/2016 08:00:22
- Sulle orme dei Moso con l'antropologa Francesca Rosati Freeman - 16/08/2016 07:13:59
- Sui sentieri dei luoghi di culto della Grande Dea con Luisella Veroli - 11/08/2016 08:48:06
- Un Altro Mondo per i Diritti della Pachamama - 27/07/2016 07:32:44
- Alessandra Di Gesù: viaggio nelle Tradizioni Misteriche del Mediterran - 05/07/2016 08:00:50
- Abbracci gratis contro il linfoma: a Roma il V raduno dei Linfoami - 31/05/2016 23:23:59
- Out of Tibet: il foto-racconto della diaspora tibetana sbarca a Roma - 23/05/2016 00:04:09
- Il Canto delle Sirene in mostra a Bologna - 22/05/2016 10:02:01
- La cultura dei Moso arriva al Ramadù di Cisterna - 16/04/2016 21:08:59
- Donne e scienza: un binomio per troppo tempo ignorato - 24/03/2016 07:51:18
- Suffragette 2.0: approda al Peano di Roma - 14/03/2016 22:06:13
- Palazzo Visconti: Alta Moda della Sartoria Angela - 09/03/2016 08:47:43
- Il respiro profondo di una Nuova Era - 04/03/2016 14:17:21
- Festa grande per i 35 anni di attività di Erno Rossi - 01/03/2016 14:29:34
- I Sentieri della Terra: come restituire vita e dignità alla Mad - 20/02/2016 09:06:03
- Le remote origini del tatuaggio con l'antropologa Michela Zucca - 23/01/2016 09:46:08
- Mantra Madre e Il profumo della luna: libri per il risveglio dell'anim - 24/12/2015 10:37:15
- Roma: il Rito del Grembo - 12/12/2015 00:42:29
- Alla scoperta delle vere origini di Halloween con Monica - 31/10/2015 20:24:53
I COMMENTI RELATIVI ALL'ARTICOLO
Invia un commento alla Redazione
Email
Nome e Cognome
Messaggio
Gentile lettore, prima di inviare il Suo messaggio:

compilare il codice di sicurezza sottostante copiando l'immagine raffigurata;

CAPTCHA 
cambia codice

inserisci codice



Per pubblicare, in fondo all'articolo, il suo commento selezionare il pulsante sottostante.

Pubblicazione
  Si    solo nome
  Si    nome e cognome
  No


Grazie della collaborazione.

© 2014 - ftNews è una testata di libera informazione.