Redazione     Informativa     Link  

Marida Lombardo Pijola: l'imperfezione delle madri

mercoledì, 25 novembre 2020 14:08

condividi su facebook
Dal nostro inviato
Francesca Bianchi
Per FtNews ho intervistato la giornalista e scrittrice Marida Lombardo Pijola, per trent'anni inviata speciale del Messaggero. Nel corso della sua carriera si è occupata di infanzia, adolescenza, famiglia, donne, in particolar modo della violenza sulle donne. Per la casa editrice La nave di Teseo lo scorso gennaio ha pubblicato il romanzo L'imperfezione delle madri, una saga familiare al femminile in cui ha cercato di indagare i meccanismi che conducono alla degenerazione della famiglia, che spesso diventa un luogo di tormenti, insicurezze, inquietudini. Le protagoniste di questo romanzo, Agata, Angela e Azzurra, rispettivamente nonna, figlia e nipote, appartengono a generazioni diverse, a contesti socio-culturali completamente diversi, hanno un livello di emancipazione differente, ma scoprono che le loro esperienze e i loro caratteri sono più simili di quanto si possa immaginare. Si scopriranno l'una lo specchio dell'altra e troveranno il coraggio di riscattarsi e riprendere in mano la loro vita. Il legame tra le generazioni non si spezza, è più saldo che mai grazie a quello che Marida chiama grumo di sofferenze, di inquietudini, di ansie, di dolori che ci accomuna a tutte le donne della nostra famiglia e a ogni donna, come se ci fossero dei dolori che si trasmettono di generazione in generazione ed entrano a far parte del corredo genetico delle donne, come se ogni donna, in un modo o nell'altro, finisca per pagare le sofferenze, le repressioni, le segregazioni subite dalle altre nei secoli.
Le parole di Marida mi hanno indotto a riflettere, a oltre dieci anni di distanza dalla sua scomparsa, sul rapporto con la mia mamma, a cui ancora oggi rimprovero tanti comportamenti. Il legame con la propria madre, si sa, non è stato, non è e non sarà mai tutto rose e fiori. Come Marida stessa ha affermato, tutte noi abbiamo desiderato non diventare mai come le nostre madri per non condurre mai la loro vita, per non sopportare quello che hanno tollerato loro, per non ripetere i loro stessi errori e non imitare i loro atteggiamenti, che a noi sembrano illogici e incomprensibili, proprio perché non ci riconosciamo nel loro modo di affrontare la vita. Arriva un tempo, però, in cui la distanza generazionale si annulla e affiorano con dolcezza, nei momenti più impensabili, ricordi vicini e lontani, questi ultimi addolciti dallo scorrere del tempo. Allora comprendiamo che quello che abbiamo sempre criticato in loro rappresenta il nostro lato oscuro, la zona d'ombra che non abbiamo riconosciuto e che fatichiamo a riconoscere e ad accettare. Non eravamo ancora nella pancia delle nostre madri quando accaddero chissà quali eventi che avrebbero segnato per sempre la vita delle nostre mamme, delle nostre nonne, delle nostre bisnonne, qualcosa che finirà inevitabilmente per segnare anche la nostra vita. Una sorta di ereditarietà dei traumi e del dolore che forse finirà quando impareremo ad accettare il nostro dolore e a fare pace con il nostro passato, che da prigione diventa occasione per rinascere e brillare, perché il dolore, la sofferenza, le fragilità sono un'occasione preziosa per evolvere, acquisire consapevolezza della nostra inesauribile forza e raggiungere la guarigione.
Madre di tre figli maschi, Marida ricorda che l'imperfezione è un grande talento che ci rende più vere e sensibili ed invita tutte noi a liberarci dallo stereotipo della madre perfetta, uno dei tanti stereotipi di genere che la società ci ha inculcato, provocandoci non pochi sensi di colpa, se veniamo meno a questa aspettativa e osiamo concederci qualche libertà. La perfezione e l'obbedienza non sono virtù, sono catene che ci rendono prigioniere di una vita fatta di privazioni, paure, insoddisfazioni. Da questi condizionamenti dobbiamo liberarci, perché non abbiamo bisogno di elemosinare uno sguardo di approvazione maschile per sentirci vive e utili; noi sappiamo bastare a noi stesse, possediamo il talento della cura per tutto ciò che ci circonda: questa è la nostra più grande forza, questo rende tutte le donne madri, anche se non sono madri biologiche.
Stimo profondamente Marida, una donna che ce l'ha fatta, una donna che si è affermata in ambito professionale e non solo, una donna che, nonostante le inevitabili difficoltà che la vita le ha messo davanti, si è sempre rialzata a testa alta, più forte e coraggiosa di prima. Donne come Marida sono un esempio per tante giovanissime ragazze. Guerriera armata d'amore, eleganza, equilibrio, compostezza, con la sua classe innata ha sempre dimostrato che non è necessario urlare volgarità o imitare gli uomini per affermarsi nel mondo del lavoro e nella società.
Prima di proporre la bella intervista che mi ha rilasciato, vorrei citare le parole del discorso che Kamala Harris, la prima donna della storia ad essere eletta vicepresidente degli Stati Uniti d'America, ha pronunciato dopo la vittoria: Anche se sono la prima a ricoprire questa carica, non sarò l’ultima. Ogni bambina, ogni ragazza che stasera ci guarda vede che questo è un paese pieno di possibilità. Il nostro paese vi manda un messaggio: sognate con grande ambizione, guidate con cognizione, guardatevi in un modo in cui gli altri potrebbero non vedervi. Noi saremo lì con voi. Ecco, la speranza è che anche in Italia una donna possa pronunciare parole simili e che sempre più donne possano ricoprire incarichi di primo piano nel mondo della politica e in quello del lavoro. Noi faremo di tutto per far sì che ciò possa accadere quanto prima; noi giovani donne combatteremo per i nostri diritti, porteremo a compimento la rivoluzione che le donne della generazione di Marida hanno iniziato, ci faremo promotrici di un cambiamento culturale profondo, affinché nascere donna in Italia non sia più un ostacolo e nessuna pieghi più la testa davanti a discriminazioni retrograde. E voi, cara Marida, sarete lì con noi!

Nel libro L'imperfezione delle madri racconta la vita di Agata, Angela e Azzurra, rispettivamente nonna, figlia e nipote, tre donne che trovano il coraggio di riscattarsi e riprendere in mano la loro vita? Come è nato questo romanzo? Questo romanzo nasce in continuità con il lavoro cui mi sono dedicata per decenni, sia come giornalista che come autrice di libri, sul tema della famiglia: della deriva di formazione e di comportamenti che talvolta travolge i figli, della vita delle donne, delle sopraffazioni, discriminazioni, violenze, umiliazioni, che tuttora, e non di rado, subiscono. Credo che la famiglia continui spesso ad essere una trappola, un luogo di agguati e inquietudini, e che talvolta metta in circolazione soggetti feriti e disturbati, costretti a trascinarsi dietro vuoti, dolori, ansie, drammi interiori e solitudini che li accompagneranno per tutta la vita. Di queste famiglie hanno fatto parte, e spesso accade ancora, donne frustrate e infelici, e questo ha contribuito ad appesantire il clima domestico, a sfarinare i rapporti, a compromettere la formazione dei figli e l’armonia.
Per parlare di questo, anche di questo, ho voluto narrare una piccola saga familiare attraverso le voci di tre generazioni di donne: Agata, la nonna; Angela, la mamma; Azzurra, la nipote. Ho fatto una specie di percorso a ritroso, dagli anni Sessanta ai giorni nostri, per capire quando e come può mettere radici l’infelicità e soprattutto se e come la si può trasformare nel suo opposto, rovesciandola come un calzino.
Cosa accomuna queste tre donne all'apparenza profondamente diverse?
Agata appartiene a una struttura familiare e sociale fortemente patriarcale e maschilista. Molte donne a quel tempo erano costrette a investire tutto il loro futuro in un matrimonio che spesso le imprigionava in una gabbia fatta di tradimenti subiti a lungo, di disamore, di negazione di sé, di solitudine. Angela, invece, è una delle donne che hanno conquistato libertà, orgoglio e coraggio dalla rivoluzione femminista, e tuttavia anche lei si trova intrappolata in un matrimonio inadeguato, opaco e sbilanciato che non le dà nulla di quello che aveva sognato. Azzurra è una ragazza coraggiosa, che galoppa verso il futuro come un puledro imbizzarrito, portata a cercare sfogo alla propria rabbia attraverso soluzioni chimiche, prepotente e ricca di speranze. Con la sua determinazione, riesce ad essere l'elemento dominante nel rapporto di coppia, quasi come in un riscatto delle storie precedenti.
Nonostante i diversi caratteri, le diverse scelte e i diversi contesti sociali, le tre donne sono accomunate da uno stesso grumo di disagio, di malinconia, di mancanza di autostima, che spesso segna ancora la vita delle donne. È come se ogni donna fosse l'ultimo anello di una catena secolare di soprusi e continuasse a pagare in qualche forma secoli di frustrazioni, di repressioni di talenti e ambizioni, di sofferenze, di segregazione. Ognuna di queste donne serba rancore nei confronti della propria madre, le rimprovera la sua e la propria infelicità. E tuttavia, senza saperlo, le tre sono molto simili; le loro storie, che sembrano molto distanti, sono invece profondamente intrecciate. Solo alla fine Agata, Angela e Azzurra scopriranno che le loro affinità prevalgono sulle diversità. Hanno in comune il coraggio, la capacità di prendersi cura degli altri, la capacità di sperare e sognare e attraversare le difficoltà senza rompersi, la capacità di spendere l'amore in maniera totalizzante e generosa, che da sempre caratterizza tutte noi donne. Agata, Angela e Azzurra alla fine arrivano a intrecciare una rete femminile fatta di solidarietà, sostegno reciproco, tenerezza, quella sorellanza che aiuta noi donne a sopravvivere alle difficoltà.

Dunque sembra quasi che il dolore e le emozioni positive e negative che ci portiamo dietro siano ereditarie. Secondo lei, è possibile che un lontano dolore di famiglia possa tramandarsi alle generazioni successive? Come possiamo convivere e fare pace con il nostro dolore?
Proprio così! C'è una continuità sorprendente nel dolore delle donne. Al di là della diversità di generazione, caratteri, contesti sociali, tante di noi si trascinano dietro un bagaglio di inquietudini, di insicurezze, di ansie, di solitudini, di delusioni, le stesse che spesso riconoscono nelle altre. È come esistessero dolori che, sotto forme mutanti, si trasmettono di generazione in generazione come la fisionomia o i caratteri, e che entrano a far parte del corredo genetico delle donne. Il fatto è che per imparare a convivere con il proprio dolore bisogna imparare a perdonare, tutto qui, e allora il dolore diventa quasi una cura per l’anima e per il corpo, rende più forti e più belle. Aiuta persino a esercitare l’ironia, ovvero imparare a sorridere e a far sorridere delle stesse sofferenze, anzi a riderne e a farne ridere, come fanno le mie tre protagoniste in un romanzo che non a caso ho voluto fosse anche un po’ comico.

Perché l’ "imperfezione" delle madri? A cosa fa riferimento questa imperfezione?
Siamo spesso prigioniere dello stereotipo della madre perfetta, malefica eredità che ci portiamo dentro e da cui mi auguro potremo liberarci presto. L'imperfezione è una liberazione, è un talento straordinario, perché rende le donne e le madri più sensibili, più vere, più attraenti, più creative, più slanciate lungo un percorso di crescita e di miglioramento della propria vita e di sé stesse. Anche nella maternità, abbiamo il diritto e il dovere di essere imperfette e di mettere in gioco tutte le nostre fragilità per trasformale in tenerezza, in forza, in responsabilità affettiva e formativa. Le tre protagoniste del romanzo scoprono di aver ereditato l'una dall'altra questa splendida imperfezione, e, come hanno fatto le altre, di poterla trasformare in energia, sensibilità, capacità di cambiamento. Queste tre donne sono tutte diversamente infelici, si sono tutte imbattute in una forma diversa di delusione, ma tutte e tre troveranno la forza, la fantasia e l'ostinazione necessarie per ricominciare, anche attraverso quella straordinaria rete di solidarietà femminile che è la salvezza delle donne e che può nascere anche all'interno di una famiglia, trasformandola da luogo degli agguati a luogo del riscatto. Ho voluto sognare un po', non lo nego, ma nel sogno è custodita l’energia della vita, no?
Marida Lombardo Pijola con i suoi tre figli
Il romanzo è dedicato a sua madre. Per la creazione delle tre protagoniste a chi si è ispirata?
Sì, ho dedicato il libro alla mia mamma, che è mancata poco prima che il romanzo uscisse e non ha fatto in tempo a leggerlo. In Agata c'è molto di lei e delle donne della sua generazione, prigioniere di tradimenti e di abbandoni, prese in ostaggio da situazioni familiari repressive e sbilanciate che le hanno trascinate per tutta una vita lungo un percorso di frustrazione e di dolore. In Angela c’è qualcosa di me e delle donne della mia generazione, sospese tra passato e futuro, tra un modello di vita e di famiglia ancora ottocentesco tatuato nella memoria della loro infanzia e la rivoluzione femminista che ha ribaltato completamente la loro prospettiva, aprendo la strada alla liberazione e alla parità di genere.
Con Azzurra sono andata di fantasia. Ho solo figli maschi. Ma ho voluto fare un regalo a me stessa; ho voluto inventare, proprio attraverso Azzurra, un epilogo che avevo sognato e che avrei voluto condividere con mia madre, se fosse stato possibile.
Questo libro è il mio elogio al mondo delle donne, è un omaggio a tutte le donne, che sono tutte madri perfette nelle loro imperfezioni, tutte, anche quelle che non hanno figli biologici: anche loro sono folletti strepitosi nell’arte del prendersi cura: dei genitori, del lavoro, della società, delle amiche, dei sogni. L'esigenza, il bisogno profondo di prendersi cura di tutto ciò che ci circonda è uno straordinario talento che potrebbe cambiare il futuro, se trasformato in potere, ma che purtroppo in Italia è ancora in gran parte sprecato.

Un talento che la società maschilista ha mortificato in passato e ancora oggi fa fatica a riconoscere...
Purtroppo sì. Lo sciupio di talento femminile da parte della politica e del mondo del lavoro condanna il mondo a una serie di patologie che hanno a che fare con l'odio, con la violenza, con l’attaccamento al potere e al prepotere, e che le donne potrebbero o avrebbero potuto almeno in parte correggere.
E invece... che società è una società che ancora costringe le donne a scegliere tra lavoro e maternità? Quante sono le donne il cui precariato si trascina fino a un’età non più fertile, e sono perciò costrette a subire un ricatto innaturale e mostruoso: o l’occupazione o i figli. Quante sono quelle che ancora oggi sono costrette a lasciare il lavoro dopo il primo figlio perché non c’è nessuno che le aiuti. E non è solo un problema privato o di genere.
Quale prezzo pagheremo tutti in un mondo senza bambini, davanti a una spaventosa denatalità che ci priva del futuro? Quanto è grande il danno per il mondo del lavoro, per la politica, per la società che si priva e ci priva del talento straordinario delle donne, del loro coraggio, della loro capacità di ideazione, di pazienza, di acume, di lavoro, soprattutto quando viene amplificata da un’esperienza dì maternità?

Marida, da piccola pensava a cosa avrebbe voluto fare da grande? Quando ha deciso di diventare giornalista e scrittrice?
Come tanti di noi sono stata una bambina abbastanza inquieta, sola, infelice. Ma è stata una fortuna. Ho riempito la mia solitudine leggendo forsennatamente e di tutto sin dalla più tenera età. La lettura non solo è stata una grande via di fuga dalla malinconia, non solo mi ha permesso di scappare, di imparare, di viaggiare, ma ha fatto nascere in me una vera e propria passione per la parola, per la narrazione. Questo mi ha portato a fare una scelta molto difficile, perché quello del giornalista, come mi fu rinfacciato più volte, non era considerato un mestiere per donne. Ricordo che quando arrivai alla Gazzetta del Mezzogiorno, il primo grande giornale in cui ho lavorato, eravamo in tre. Poi, con immenso orgoglio, quasi con commozione, nei decenni ho avuto la fortuna di assistere a una progressiva femminilizzazione di questo mestiere, quasi un sorpasso. Purtroppo non sono arrivata a vedere le donne sfondare il soffitto di cristallo: raramente, infatti, le donne arrivano ai vertici dei giornali, così come ai vertici di qualunque struttura o istituzione. Succederà. Ci vorrà ancora un po' di tempo. Non so se riuscirò a vederlo, ma questo non conta. So che accadrà. Quel giorno arriverà e il mondo diventerà migliore.

Di cosa siamo ancora prigioniere noi donne?
Socialmente siamo ancora prigioniere di rigurgiti di sessismo, di violenza, di culture ancora arcaiche, di attività predatorie come fossimo oggetti sessuali, di un ostinato e geloso attaccamento degli uomini al potere. Veniamo ancora ferite, svilite molestate ed emarginate perché ci mostriamo libere, forti, competenti e orgogliose; perché, avendo avuto maggiori possibilità rispetto al passato di mostrare i nostri talenti, agli uomini facciamo paura. Sul piano affettivo è diverso: siamo riuscite ad emanciparci e a liberarci da ogni dipendenza, tranne una: il bisogno di amore. Aggiungerei la paura della solitudine. È questo che ci rende fragili e ci assoggetta ancora ai ricatti maschili. È questo che accomuna le tre protagoniste del mio romanzo, le quali, nonostante le abissali diversità sociali, generazionali e caratteriali, comprenderanno di condividere una stessa dipendenza in grado di renderle terribilmente vulnerabili, esposte alla possibilità di dolore.
Quando tutto questo finirà? Dovrebbe essere già finito da un pezzo, è inverosimile che non lo sia. C’è ancora tanto da fare, ma siamo sulla strada giusta, e sono convinta che sarete voi ragazze ad abbattere le barriere residue, a realizzare davvero la parità di genere, a portare a compimento la grande rivoluzione, ancora incompiuta, che noi avevamo iniziato diversi anni fa.

Quale messaggio si augura possa arrivare a coloro che leggeranno il suo romanzo?
Mi auguro che colgano o rilancino il valore del prendersi cura, dell’impiegare ogni energia per cercare di far girare meglio il mondo, per cercare di aiutare a essere felici le persone che hanno attorno. Tutto il bene dato tornerà indietro quasi sempre come concime per il futuro. Questa è un'arte straordinaria custodita da sempre nel patrimonio delle donne. E tuttavia chissà, prima o poi, magari proprio in un modo governato delle donne o assieme alle donne, magari la impareranno anche gli uomini.
Mostra altri Articoli di questo autore
info@freetopnews.it
- Filomena Giannotti: Caproni, Il mio Enea - 20/01/2021 07:36:54
- Mamma Margherita: la mia Nadia, la forza dell'amore - 04/01/2021 17:57:43
- Anny Romand, mia nonna d'Armenia - 22/12/2020 07:09:20
- Giorgio Ieranò: I Greci e noi - 21/12/2020 07:17:10
- Pietro Pisciottu: L'Agnata, storia e memoria di uno stazzo gallurese - 14/12/2020 10:36:18
- Sopravvivere alla morte: la vita nelle iscrizioni funerarie latine - 07/12/2020 21:46:29
- Olivo: l'albero della civiltà - 05/12/2020 07:38:58
- Marida Lombardo Pijola: l'imperfezione delle madri - 25/11/2020 14:08:22
- Pietro Greco: Trotula, la prima donna medico d'Europa - 10/11/2020 08:28:11
- Gian Enrico Manzoni: la peste di Atene ai tempi del Covid - 29/10/2020 08:13:41
- Fiorenzo Caterini: ricostruzione della memoria in Sardegna - 23/10/2020 09:01:57
- Paolo Carboni: Tutt'a pedi - Alla scoperta del territorio di Aggius (S - 12/10/2020 10:44:57
- Agostino Asara, l'ultimo Patriarca degli stazzi galluresi - 06/10/2020 07:41:33
- Aggius (SS): storia, tradizioni, banditismo nel cuore della Gallura - 02/10/2020 06:54:06
- Tenuta Coda di Lupo, eccellenze sarde per un'agricoltura sostenibile - 22/09/2020 19:35:55
- Luigi Lehnus: Wilamowitz e il monte delle Muse - 15/09/2020 17:25:33
- Paola Mancini: viaggio nella storia di Loiri Porto San Paolo (SS) - 10/09/2020 18:14:11
- Alla scoperta dell'Area Marina Protetta di Tavolara (SS) con Augusto - 01/09/2020 21:32:17
- Giuseppe Festa: Ursula e Lupinella, orsi e lupi sulle montagne italian - 28/08/2020 07:59:34
- Pa punyat: con Antonio Masia alla scoperta delle eccellenze algheresi - 24/08/2020 08:51:11
- Sa Mandra, anima barbaricina nel cuore della Nurra - 19/08/2020 07:30:34
- Giuliano Dal Mas, una vita tra le Dolomiti - 13/08/2020 17:36:13
- Valle d'Aosta, presentata la XXIII edizione del Gran Paradiso Film Fe - 27/07/2020 19:42:54
- Irene Borgna: Louis Oreiller, il pastore di stambecchi - 20/07/2020 07:47:15
- Genzano, a Casa Mamre QUESTO MARE E’ PIENO DI VOCI - 16/07/2020 09:22:00
- Corrado Ruggeri, una vita in viaggio - 13/07/2020 07:30:17
- Lungo i sentieri del Cammino Ibleo con Nanni Di Falco - 06/07/2020 16:49:35
- Alla scoperta del nuraghe Majori di Tempio Pausania - 30/06/2020 07:39:09
- Lorenzo Braccesi: Olimpiade e Zenobia, quando il potere è donna - 24/06/2020 05:26:37
- Ove abitai fanciullo: a Recanati aprono le stanze private di Giacomo L - 15/06/2020 14:18:28
- I reperti assiri di Faida al premio mondiale in memoria di Khaled al-A - 08/06/2020 07:43:10
- Mauro Bonazzi: i Greci e il mistero dell'esistenza - 01/06/2020 07:22:54
- PandemicA, racconto corale per immagini - 21/05/2020 07:52:03
- Antonietta Langiu, la mia Isola - 08/05/2020 09:22:34
- Susanna Garavaglia: il risveglio della coscienza interiore - 29/04/2020 05:09:43
- Rosanna Raffaelli Ghedina: folclore, leggende e simboli delle Dolomiti - 16/04/2020 23:10:44
- Giorgio Murru: Spiriti e Dèi nella statuaria preistorica della Sardegn - 09/04/2020 13:50:32
- Una Maschera, un Volto, un Paese: il Carnevale in Sardegna - 07/03/2020 07:34:21
- Pe’ terre assaje luntane: al MANN l’emigrazione ischitana in America - 01/03/2020 19:33:00
- Thalassa: a Napoli le meraviglie sommerse dal Mediterraneo - 27/02/2020 23:09:38
- Nel segreto mare delle stelle di Marella Giovannelli - 25/02/2020 18:10:02
- Marcello Cabriolu, la Sardegna e il Mediterraneo Occidentale - 17/02/2020 21:27:55
- Erika Maderna, sulle tracce della medicina delle streghe e delle sant - 27/01/2020 06:48:31
- Federico Fellini: ironico, beffardo e centenario - 14/01/2020 07:56:24
- Pompei e Santorini, l'eternità in un giorno - 04/01/2020 08:29:04
- Andrea Icardi, un anno in Alta Valle Maira - 30/12/2019 14:15:42
- Archeologi italiani riportano alla luce i reperti assiri di Faida - 15/12/2019 09:45:07
- Augusto Mulas: l'orientamento astronomico dei nuraghi - 09/12/2019 19:01:03
- Margherita Massari: Ildegarda di Bingen, Sibilla e Dottore della Chies - 06/12/2019 09:18:37
- Il mito immortale di Cartagine in mostra a Roma - 04/12/2019 00:02:27
- Aquileia 2200. Porta di Roma verso i Balcani e l’Oriente - 29/11/2019 05:28:33
- Michele Porcaro: ASSTEAS - Storia del Vaso più bello del mondo - 19/11/2019 00:26:44
- Silvia Romani: credenze, miti e dei degli antichi - 11/11/2019 13:10:02
- All'Alba Radians di Albano (RM) il Filottete di Sofocle - 06/11/2019 16:36:58
- Mulino della Riviera di Dronero (CN), una storia firmata Cavanna - 29/10/2019 18:50:24
- Galluras, il Museo della Femina Agabbadòra - 22/10/2019 07:00:03
- Ugo Mancini: Sotto la cenere, storie di vita quotidiana durante il ven - 10/10/2019 20:51:11
- Alessandra Derriu: streghe, indovine e curatrici nella Sardegna del '7 - 04/10/2019 07:06:18
- Giuseppe Vito Internicola: Castellammare del Golfo, alle origini di un - 29/09/2019 18:15:59
- Città della Pieve (PG) si prepara ad accogliere Il Nostro Tempo - 25/09/2019 15:20:51
- Uno spazio per le Donne: alla scoperta del mondo femminile sardo e non - 23/09/2019 08:37:50
- Olmedo (SS), storia, tradizioni, folklore - 21/09/2019 09:21:49
- Silvia Giorcelli Bersani: I Romani e le Alpi - 16/09/2019 14:05:54
- Rossella Giglio: Segesta, tra teatro, musica, natura - 08/08/2019 15:56:16
- Enrico Caruso: la rinascita di Selinunte - 01/08/2019 14:29:05
- Lucina Gandolfo: alla scoperta di Monte Iato - 31/07/2019 07:33:07
- Sulle spiagge pontine tornano i Racconti di Sabaudia - 30/07/2019 08:47:45
- Tagliacozzo (AQ): XXXV Festival Internazionale di Mezza Estate - 22/07/2019 14:36:02
- Civiltà del sole: l'archeoastronomia nella Sicilia preistorica - 19/07/2019 07:30:13
- Cristina Muntoni, il potere delle parole nella storia della sacralità - 15/07/2019 18:12:54
- Francesco Bianco, un cammino tra verità nascoste - 13/07/2019 06:58:14
- Filippo Drago, mugnaio siciliano fra tradizione e modernità - 09/07/2019 07:28:20
- Con la KERNOS alla scoperta di Castellammare del Golfo - 02/07/2019 18:17:21
- Per una rinascita di Castelvetrano, città d'arte, storia, cultura - 27/06/2019 18:13:44
- Marinella Fiume: sapienza, virtù e misteri dell'universo simbolico fem - 11/06/2019 19:04:31
- Stefano Pucci: le incisioni rupestri delle Alpi Apuane - 07/06/2019 09:24:59
- Albano (RM), al via la Rassegna del Teatro Antico - 26/05/2019 18:33:37
- Max Dashu: Streghe e pagane, le donne nella cultura popolare europea - 14/05/2019 07:18:46
- Diego Maggio: profumi, aromi e sapori siculo-panteschi - 09/05/2019 08:15:34
- Regius, omaggio allo stupor mundi Federico II di Svevia - 03/05/2019 07:38:01
- Sentiero della Libertà, per tenere viva la Memoria - 01/05/2019 20:05:09
- Caccamo (PA), borgo di storia, arte, cultura - 28/04/2019 06:50:10
- C'era una volta Iato: omaggio dei ragazzi all'antica Iato - 23/04/2019 22:40:32
- U Pani ri Murriali: il pane genuino di una volta - 16/04/2019 17:20:40
- Recanati (MC): L'Infinito di Leopardi compie 200 anni - 13/04/2019 16:51:43
- A Camo (CN) torna PrimaVeraRegia - 11/04/2019 17:17:36
- Ivano Dionigi: Lucrezio, Seneca e noi - 04/04/2019 23:33:23
- Luca Mancini: Il caso dell'Ungheria di Horthy - 09/04/2019 19:14:05
- Il Foscolo di Albano (RM) trionfa al Festival Thauma - 30/03/2019 20:22:23
- Sotto il segno dei pesci: Camaiani celebra la Grecia - 28/03/2019 17:13:29
- Guido Cossard, viaggio nel mondo dell'Archeoastronomia - 25/03/2019 10:47:16
- Rosanna Oliva de Conciliis, una vita per la Parità - 17/03/2019 08:14:51
- Donna o Dea: le raffigurazioni femminili in Sardegna tra passato e pre - 02/03/2019 20:50:25
- Giorgio Ieranò: l'arcano fascino delle isole dell'Egeo - 25/02/2019 09:19:48
- Dea e Femminismo alla Roma Goddess Conference - 21/02/2019 09:10:27
- Elena Ianni: le feste e i falò del Messico - 17/02/2019 19:18:44
- Roma: l'olio d'oliva al Premio Filo della Torre - 15/02/2019 17:02:24
- I giovani attori del Foscolo alla Giornata del Greco - 06/02/2019 17:24:33
- La Penisola del Sinis (OR) tra storia, archeologia e natura - 29/01/2019 17:38:31
- King Camp Gillette: Il Turbine Umano - 19/01/2019 11:59:30
- Barumini (VS), archeologia, storia, cultura nel cuore della Sardegna - 14/01/2019 10:46:56
- Morena Luciani Russo: la ricerca della Dea e lo sciamanesimo - 09/01/2019 06:28:02
- Maurizio Bettini: Il Presepio, storia di un simbolo - 21/12/2018 08:22:38
- Venezia: Idoli, il potere dell'immagine - 12/12/2018 18:57:46
- Simona Modeo, Dioniso in Sicilia - 06/12/2018 17:48:35
- Violette Sauvage a Palazzo Colonna (RM) - 03/12/2018 07:01:13
- Pomezia (RM): Premio Donna d'Autore 2018 - 30/11/2018 06:37:50
- Massimo Blasi, l'incredibile storia degli imperatori romani - 28/11/2018 10:26:59
- Fabio Isman: 1938, l'Italia razzista - 25/11/2018 07:30:10
- Sacrum, lo Stabat Mater di Rossini all'Aracoeli di Roma - 22/11/2018 16:42:46
- Oriana Dal Bosco: il misterioso fascino del Nord Africa - 20/11/2018 17:17:03
- Natale inCHIOSTRO a Monastero di Dronero (CN) - 17/11/2018 07:53:51
- All'Alba Radians di Albano (RM): l'Ecuba di Euripide - 15/11/2018 16:59:16
- Autunno d'Autore a Ruralia, Conosci tu il paese dove... - 13/11/2018 18:40:36
- Marella Giovannelli, una vita tra giornalismo, fotografia e poesia - 09/11/2018 10:04:37
- Daniela Dao Ormena: Le radici chiamano, dolci melodie della Valle Mair - 30/10/2018 13:32:22
- Gli antichi pani di Sardegna protagonisti a Buddusò - 17/10/2018 14:23:34
- Torna a Lanuvio (RM) l'antico rituale della Maza - 04/10/2018 20:39:44
- Nonna Tommy, raccontaci ancora... - 02/10/2018 07:16:37
- A Buddusò (SS) torna Artes in Carrera - 30/09/2018 06:56:22
- Al Museo Africano di Verona la danza degli spiriti - 27/09/2018 00:12:36
- A. Cossard: Archeoastronomy, la prima app di archeoastronomia - 24/09/2018 09:21:18
- Firenze, Viaggio nell'altro e nell'altrove in ricordo di Paolo Grazios - 19/09/2018 08:31:44
- Lanuvio (RM): Buon compleanno, Antonino Pio! - 10/09/2018 06:04:22
- Raffaella De Sanctis, tra scuola e ricerca - 04/09/2018 17:45:49
- Màn. Vietnam Street Heroines in mostra al MAO (TO) - 26/08/2018 10:25:13
- Alessandra Comneno, una vita a contatto con la saggezza dei Nativi - 12/08/2018 19:38:51
- MAO (TO), ORIENTI. 7000 anni di arte asiatica dal Museo delle Civiltà - 07/08/2018 06:17:08
- Senorbì (CA), al MADN La Dea di Turriga, il mistero di un’icona senza - 01/08/2018 07:38:49
- Silvia Tenderini, una vita tra viaggi, ricerche e scrittura - 24/07/2018 19:40:34
- A Villa Giulia (Roma) la Scuola di Archeoastronomia 2018 - 19/07/2018 06:39:50
- Gabriella Mosso, I miei, i tuoi, i nostri - 17/07/2018 05:54:30
- Tagliacozzo (AQ), Festival Internazionale di Mezza Estate - 12/07/2018 06:39:05
- Franco Campus, Nuragici - un Territorio, un'Isola, il Mediterraneo - 09/07/2018 22:21:30
- Carmagnola (TO): Donne e Madonne nell’Arte dal XV secolo ad oggi - 04/07/2018 21:53:04
- Per una rinascita socio-culturale dei borghi della Valle dell'Amaseno - 25/06/2018 07:25:04
- Capalbio (GR), vacanza-laboratorio di Spiritualità Femminile con Devan - 22/06/2018 20:30:12
- Nicola Castangia, Ercole Contu e la scoperta della Tomba dei Vasi Tetr - 18/06/2018 06:44:49
- Castelfidardo (AN): gli studenti del Meucci per la valorizzazione del - 10/06/2018 17:30:57
- Papa Wojtyla in Comelico e in Cadore: il ricordo e l'emozione 30 anni - 27/05/2018 16:40:51
- Scrittori alla scoperta del mondo, una mostra sulla letteratura di via - 22/05/2018 06:00:18
- In viaggio tra le pagine di Elena Dak - 18/05/2018 09:31:20
- Convegno Internazionale contro Terrorismo, radicalizzazione e violenza - 08/05/2018 06:02:05
- Olimpia Biasi, la Viriditas di Ildegarda in mostra all'Hortu - 25/04/2018 15:09:19
- Con Marco Grippa alla scoperta del fascino segreto di Tagikistan e Kir - 18/04/2018 18:40:04
- Da Maenza a Fossanova sulle orme di San Tommaso d'Aquino - 13/04/2018 13:59:02
- Pierluigi Montalbano: l'alba della civiltà sarda - 10/04/2018 14:08:20
- Donne, Madri, Dee: la rappresentazione del femminile in mostra a Udine - 07/04/2018 07:14:26
- In mostra a Milano gli scavi di Achille Vogliano nel Fayum - 28/03/2018 18:52:37
- Sulle tracce della Dea: Viaggio nel Grembo della Storia - 17/03/2018 16:44:27
- Nadia Tarantini: Quando nascesti tu, stella lucente - 05/03/2018 21:14:35
- L'epopea dei Longobardi in mostra al MANN - 26/02/2018 10:45:11
- Verso il contratto di fiume dell'Amaseno - 22/02/2018 11:55:38
- Inside, la nuova collezione di Vittorio Camaiani - 11/02/2018 22:27:58
- Alla scoperta del matriarcato di Bali con Bruna Rotunno - 04/02/2018 13:48:05
- Giornata della Memoria, per non dimenticare - 25/01/2018 18:06:41
- Viaggio nei segreti della bellezza del corpo femminile - 21/01/2018 21:30:48
- Ildegarda di Bingen, maestra di sapienza nel suo tempo e oggi - 10/01/2018 22:22:54
- Selene Calloni: l'arte della ribellione zen per vincere la paura - 05/01/2018 22:57:08
- MANN: grande successo per la mostra sull'America precolombiana - 28/12/2017 14:29:51
- 2018 per Katike: i calendari di ...non lasciamoli soli - 19/12/2017 22:15:21
- Maenza: La rete dei cammini della Valle dell’Amaseno - 12/12/2017 22:31:25
- Al Convivium di Fiuggi i Pensieri sparsi di Daniela Gariglio - 07/12/2017 08:47:07
- Napoli: Il Natale dei 100 Alberi d’Autore - 03/12/2017 09:41:27
- Le donne dei Longobardi: urban-trekking con Michela Zucca - 28/11/2017 13:46:59
- San Martino di Stroppo: piccolo gioiello delle Valli Cuneesi - 24/11/2017 06:54:30
- Signa del Alma: per dire No alla violenza sulle donne - 19/11/2017 08:32:53
- Il nuovo romanzo di Maristella Lippolis: Raccontami tu - 07/11/2017 16:56:46
- Mama Africa: la maternità nell'arte africana - 03/11/2017 11:20:04
- Violette Sauvage: il vintage chic a Palazzo Colonna - 28/10/2017 11:28:12
- Il patrimonio archeologico del Lazio alla BMTA di Paestum - 26/10/2017 15:31:12
- Templari. Dal ducato di Puglia e Calabria, all’Italia del III Millenni - 22/10/2017 17:10:52
- Archeologia ferita: Volti di Palmira ad Aquileia - 11/10/2017 08:02:26
- Giancarlo Sani: alla scoperta delle incisioni rupestri toscane - 03/10/2017 13:36:14
- ... non lasciamoli soli: il progetto per il Nepal di Ilario Sedrani - 26/09/2017 08:24:26
- Giuliana Borghesani: La Maledizione della Liberta - 22/09/2017 14:28:02
- L'uomo, il Cancro del Pianeta - 04/09/2017 20:15:53
- Le caverne delle donne: la grotta di San Colombano - 25/08/2017 17:49:53
- Le figlie sono come le Madri: Donne lungo la Via della Seta - 30/08/2017 12:56:24
- Nemi: tornano i Nemoralia in onore della Dea Diana - 08/08/2017 17:21:44
- Donne e medicina: quale futuro per la medicina di genere? - 05/08/2017 08:48:58
- Arkeotrekking in Trentino: Sui sentieri delle Madri Antiche II - 31/07/2017 08:27:43
- Piero Verni: Tulku, viaggio nel cuore mistico della civiltà tibetana - 25/07/2017 07:11:56
- Ugo Mancini: ragioni e vicende degli antifascisti a Roma e nei Castell - 07/07/2017 18:23:52
- Festival di Tagliacozzo: conferenza stampa di presentazione a Palazzo - 05/07/2017 06:55:48
- Cuneo: Il lato nascosto delle Alpi - 04/07/2017 06:11:40
- Come con gli occhi dei bambini di Terezin - 28/06/2017 21:43:19
- Baby Giulia, storia di un'adolescenza rubata - 18/06/2017 13:18:11
- Francesca D'Amico: le donne nella tradizione contadina abruzzese - 11/06/2017 16:01:53
- Tutela e valorizzazione del patrimonio rurale nel Lazio - 07/06/2017 18:43:20
- Fiume che cammina. Transumanza dall’Adriatico al Lagorai - 03/06/2017 08:02:51
- Roma: VI raduno dei Linfoamici - 01/06/2017 14:32:42
- Atlantide, dal mito alla storia: intervista ad Alessandra Murgia - 20/05/2017 08:13:47
- Ignazio Didu: I Greci e la Sardegna. Il mito e la storia - 12/05/2017 09:18:37
- Sacra Nemora: la cultura del sacro in mostra a Lanuvio - 07/05/2017 23:09:38
- Pizzo d’Irlanda, merletto e ricamo protagonisti sul lago Trasimeno - 02/05/2017 07:59:39
- Arkeotrekking in Trexenta: Le Antiche Madri dei Monti e del Mare - 25/04/2017 19:47:13
- Le donne e il sapere medico-erboristico: un binomio da riscoprire - 07/04/2017 21:29:15
- Linfoamici a Venezia - 30/03/2017 18:13:31
- Com'è giusto che sia: il nuovo thriller di Marina Di Guardo - 29/03/2017 10:34:04
- Herbarie: le chiamavano Streghe - 24/03/2017 21:01:03
- Devana: il risveglio della spiritualità nativa dell'Antica Europa - 17/03/2017 18:33:42
- Andrea Loddo: l'archeologia sperimentale per comprendere le ancestrali - 11/02/2017 20:01:00
- Alla scoperta dell'origine genetica dei Sardi con il prof. Francala - 03/02/2017 08:01:01
- Diego Manzi: viaggio nel cuore della tradizione indiana - 28/01/2017 10:24:25
- Barbara Bonomi Romagnoli: storie di insette felici - 25/01/2017 23:15:02
- Alberto Pattini: Poesia del Trentino. La melodia della Grande Madre - 19/01/2017 21:24:29
- Rinascere dalle distruzioni. Ebla, Nimrud, Palmira - 12/01/2017 21:25:10
- Nori Corbucci: Marta Marzotto, una vita da ricordare - 05/01/2017 00:02:59
- La Sardegna antica nel cuore del Mediterraneo - 30/12/2016 01:04:16
- Sardegna nuragica e falso mistero della lingua etrusca con il linguist - 03/01/2017 07:32:46
- La Stirpe del Sole: una Medea inedita nell'ultimo romanzo di Giuliana - 23/12/2016 14:12:50
- Al Castello di Scilla i Popoli del Mare di Oreste Kessel Pace - 16/12/2016 12:53:26
- SACRUM: concerto dedicato a Papa Francesco all'Aracoeli - 08/12/2016 10:18:48
- Paola Biato: Viaggio nel mondo della Psicofiaba - 04/12/2016 19:28:59
- Il viaggio. Alchimie e Passioni: a Venezia la personale di Irene Manen - 29/11/2016 08:13:34
- Il Natale dei 100 alberi d’autore - 28/11/2016 20:22:54
- Carlo Buldrini: Pellegrinaggio buddhista - 16/11/2016 08:32:43
- A Spazio Mater l'arte digitale di Michele Grimaldi - 13/11/2016 19:50:50
- Gigantes de Perdas: alla scoperta dei nuraghi sardi - 04/11/2016 07:54:20
- Ivo Nardi: Riflessioni sul senso della vita - 24/10/2016 08:27:11
- Fabrizio Manzetti: Nascosti davanti a tutti - 18/10/2016 00:13:25
- Bambine e bambini: divino gioco di pace nel mondo - 28/10/2016 08:24:38
- La Danza degli Archetipi: alle radici del linguaggio simbolico - 13/10/2016 22:41:28
- Alla scoperta dei Fiori di Bach con Gerardo Chirò - 09/10/2016 08:44:23
- Sardegna: curiosità, aneddoti e misteri sardi con Gianmichele Lisai - 04/10/2016 06:59:28
- Roma per Amatrice: Concerto di Beneficenza - 25/09/2016 15:45:16
- Sulle tracce dell' archeologia dell'evanescente con Paola Di Si - 22/09/2016 15:21:18
- Sebastiano Brocchi: alchimia, esoterismo, simbologia sacra e mistero - 18/09/2016 08:55:07
- Milano: appuntamento per il World Lymphoma Awareness Day - 13/09/2016 07:41:13
- Sulla via degli sciamani del Sudamerica con Stefano Lioni - 29/08/2016 08:00:22
- Sulle orme dei Moso con l'antropologa Francesca Rosati Freeman - 16/08/2016 07:13:59
- Sui sentieri dei luoghi di culto della Grande Dea con Luisella Veroli - 11/08/2016 08:48:06
- Un Altro Mondo per i Diritti della Pachamama - 27/07/2016 07:32:44
- Alessandra Di Gesù: viaggio nelle Tradizioni Misteriche del Mediterran - 05/07/2016 08:00:50
- Abbracci gratis contro il linfoma: a Roma il V raduno dei Linfoami - 31/05/2016 23:23:59
- Out of Tibet: il foto-racconto della diaspora tibetana sbarca a Roma - 23/05/2016 00:04:09
- Il Canto delle Sirene in mostra a Bologna - 22/05/2016 10:02:01
- La cultura dei Moso arriva al Ramadù di Cisterna - 16/04/2016 21:08:59
- Donne e scienza: un binomio per troppo tempo ignorato - 24/03/2016 07:51:18
- Suffragette 2.0: approda al Peano di Roma - 14/03/2016 22:06:13
- Palazzo Visconti: Alta Moda della Sartoria Angela - 09/03/2016 08:47:43
- Il respiro profondo di una Nuova Era - 04/03/2016 14:17:21
- Festa grande per i 35 anni di attività di Erno Rossi - 01/03/2016 14:29:34
- I Sentieri della Terra: come restituire vita e dignità alla Mad - 20/02/2016 09:06:03
- Le remote origini del tatuaggio con l'antropologa Michela Zucca - 23/01/2016 09:46:08
- Mantra Madre e Il profumo della luna: libri per il risveglio dell'anim - 24/12/2015 10:37:15
- Roma: il Rito del Grembo - 12/12/2015 00:42:29
- Alla scoperta delle vere origini di Halloween con Monica - 31/10/2015 20:24:53
I COMMENTI RELATIVI ALL'ARTICOLO
Invia un commento alla Redazione
Email
Nome e Cognome
Messaggio
Gentile lettore, prima di inviare il Suo messaggio:

compilare il codice di sicurezza sottostante copiando l'immagine raffigurata;

CAPTCHA 
cambia codice

inserisci codice



Per pubblicare, in fondo all'articolo, il suo commento selezionare il pulsante sottostante.

Pubblicazione
  Si    solo nome
  Si    nome e cognome
  No


Grazie della collaborazione.

© 2014 - ftNews è una testata di libera informazione.