Redazione     Informativa     Link  

Anny Romand, mia nonna d'Armenia

martedì, 22 dicembre 2020 07:09

condividi su facebook
In copertina: La famiglia di Serpouhi (1904)
Dal nostro inviato
Francesca Bianchi
C'è gente che si ritrova schiacciata sotto il peso di mille difficoltà, mentre altrove, seduti a casa circondati dai loro bambini, altri trascorrono la vita in tranquillità. Chi vive sereno non capirà mai la situazione di chi soffre. Puoi raccontare e spiegare tutto quanto vuoi, ma ti capirà solo chi ha condiviso con te la catastrofe. La gente leggerà il nostro dolore stampato nei libri, seduta in poltrona. Ma un libro potrà mai descrivere sul serio l’insieme dei nostri dolori? (Serpouhi Hovaghian)
Come possiamo comprendere l'orrore subito da tanti innocenti, orfani di questo mondo, senza patria, senza focolare, che si sono ritrovati a camminare per ore e ore sulle montagne turche, senza acqua né cibo, per sfuggire alle persecuzioni perpetrate dall'esercito turco? Come possiamo anche soltanto immaginare la disperazione e lo strazio di una madre - a cui alcuni criminali hanno già ammazzato la figlioletta - che si vede costretta ad affidare suo figlio a una contadina turca, un'estranea, nella speranza di salvargli la vita? Come si può capire il dolore di chi ha visto gettare nel fiume Eufrate, con spietata crudeltà, due carretti pieni di bambini? Questa scena ce l'avrò sempre davanti agli occhi, non riesco a togliermela dalla mente e non penso che ci riuscirò mai. Quei mostri guardavano i corpicini dei bambini con un sorrisino sarcastico - questo scrive Serpouhi Hovaghian nel suo diario, commentando quella scena. Come si può non essere segnati per sempre da tanta cieca crudeltà? Sarei stata felice se, chiudendo gli occhi, il sonno eterno mi avesse serrato le palpebre: soltanto stando comodamente seduti in poltrona, negli agi delle nostre case e indifferenti a ciò che ci circonda, possiamo non comprendere il desiderio di questa donna di chiudere gli occhi per sempre ed evitare, così, di continuare ad assistere allo sterminio di un popolo intero, all'annientamento della dignità umana, alla morte dell'anima.
Tutto questo troviamo nel libro Mia nonna d'Armenia (La Lepre Edizioni, 2020), scritto dall'attrice, scrittrice e fotografa francese Anny Romand. Nel libro si racconta una delle pagine più tragiche della storia del Novecento, il genocidio degli Armeni, di cui purtroppo troppe persone ignorano l'esistenza. Il massacro di tante vittime innocenti è narrato attraverso la testimonianza della nonna di Anny, Serpouhi Hovaghian, che quell'orrore l'ha vissuto in prima persona e ne ha annotato le tappe in un diario. Alla testimonianza diretta dell'anziana protagonista della vicenda è affiancata la voce innocente e incredula di Anny bambina, che rievoca il ricordo delle tante conversazioni avute da bambina con l'amata nonna. Un libro di memoria, un omaggio a quella nonna che nessuno in famiglia era disposto ad ascoltare, preferendo chiudere gli occhi e passare oltre, lasciandola sola nel suo dolore, nel suo tormento senza fine. Solo Anny ascoltava la rievocazione di episodi tanto orribili e piangeva insieme alla nonna, nei cui confronti aveva un atteggiamento di tenera protezione per l'orrore che aveva subito: proteggerò la nonna dai banditi.
Per FtNews ho intervistato Alessandro Orlandi, fondatore e direttore editoriale della casa editrice La Lepre, che per la sua casa editrice ha pubblicato la traduzione italiana del libro, con prefazione curata da Dacia Maraini. Orlandi, che ha avuto modo di conoscere Anny Romand, racconta il motivo che ha spinto l'attrice a pubblicare questo libro e spiega come l'enormità della strage descritta sia rafforzata dal fatto che questi episodi sono narrati dalla voce di una bambina. Orlandi parla anche dei progetti a cui sta lavorando con Anny, a cominciare dalla pubblicazione in Italia, presumibilmente nel 2022, del diario della signora Serpouhi con un'edizione critica.
In futuro tornerò a parlare di questo lavoro e del genocidio degli Armeni, una pagina della storia del Novecento purtroppo sconosciuta ai più. Mi auguro che questo libro possa entrare presto nelle scuole italiane, dove lo sterminio degli Armeni, quando si studia, viene affrontato molto superficialmente. Abbiamo il dovere di riportare alla memoria questo massacro: lo dobbiamo ai tanti innocenti che non hanno potuto testimoniare l'orrore, affinché il loro dolore e le loro voci non si dissolvano come fumo di sigaretta. Prima di lasciarvi alla lettura dell'intervista rilasciatami da Alessandro Orlandi, voglio ricordare un pensiero tratto dal diario della signora Serpouhi Hovaghian, una riflessione di cui penso tutti noi dovremmo fare tesoro: Su questa terra non si deve dire mai: "Sono debole, non resisterò a niente, a nessuna difficoltà". Il fisico dell'uomo è capace di sopportare qualunque cosa. Sono stupita di me stessa: come avrò fatto a sopravvivere? A volte avevamo soltanto pane secco da mangiare, che sapeva di fango, ma lo mangiavamo lo stesso. Teniamo bene a mente queste parole tutte le volte che ci sembra di non farcela e vediamo solo il buio davanti a noi, quando vogliamo mollare, spesso per motivi futili, e urlare al mondo la nostra disperazione: Serpouhi Hovaghian ha assistito allo sterminio di un intero popolo, ha subito angherie, vessazioni, soprusi di ogni tipo, eppure ha amato la vita fino all'ultimo e nel dolore ci ricorda che siamo più forti di quanto si possa pensare. Leggendo la sua testimonianza si comprende bene come la forza della vita riesca a sconfiggere qualsiasi ostacolo e a germogliare anche nell'oscurità più cupa.
Anny Romand
Sig. Orlandi, nel 2015 Anny Romand ha pubblicato in Francia il libro Ma grand'mère d'Arménie ("Mia nonna d'Armenia"), in cui racconta il genocidio degli Armeni attraverso la testimonianza della nonna Serpouhi Hovaghian, che quell'orrore l'ha vissuto in prima persona, annotando in un diario le tappe di quel massacro. Alla testimonianza diretta della nonna è affiancata la voce innocente di Anny bambina, che rievoca il ricordo delle tante conversazioni avute con la nonna. Come è nata l'idea di pubblicare questo libro di memoria?
Nel 2014, riordinando le cose di famiglia, Anny Romand ha scoperto un diario di settanta pagine, scritto da sua nonna nel 1915 in armeno, francese e greco e parzialmente riportato nel libro. Lì si racconta l'odissea di un gruppo di donne e bambini armeni sulle strade dell'Anatolia, per cercare di sfuggire alle persecuzioni dell'esercito turco. Anny confrontò i dati presenti sul diario, in cui si descrivono in maniera forte e diretta i massacri spietati che venivano perpetrati, il genocidio di un intero popolo, con il ricordo delle tante conversazioni avute da bambina con sua nonna. Rivive l'infinito dolore degli Armeni e decide di dare alle stampe questo libro per l'amore nei confronti di sua nonna. Le atrocità presenti nel diario sono filtrate attraverso gli occhi e la sensibilità di Anny bambina, l'unica in famiglia ad ascoltare il grande dolore della nonna. Il libro ha avuto un grande successo in Francia, è stato tradotto in svedese, armeno e italiano.

Lei è il fondatore e il direttore editoriale della casa editrice La Lepre. Cosa l'ha colpita di questo libro? Quando ha deciso di pubblicarne la traduzione italiana?
Una sera mi trovavo a cena a casa di cari amici. C'era anche Dacia Maraini, amica di Anny Romand, che mi parlò di questo libro, che tanto successo aveva avuto in Francia, e mi propose di pubblicarlo per la mia casa editrice. Ho letto il libro e ho subito accettato la proposta di Dacia Maraini. Di questo libro mi ha colpito l'alternanza di fatti storici, crudi e spietati, descritti dalla nonna nel diario, con la poesia di questi stessi fatti filtrati dalla memoria di una bambina, che restituisce agli eventi narrati la loro tremenda immediatezza, la loro crudeltà. Il libro è diventato di drammatica attualità con la guerra tra armeni e azeri conclusasi il 10 novembre scorso. Non viene mai meno il tentativo di cancellare questa minoranza dal territorio che occupa.

La madre di Anny, figlia di Serpouhi, non voleva che Anny ascoltasse questi racconti ed era piuttosto contrariata quando trovava nonna e nipote in lacrime. Perché in famiglia, eccetto la piccola Anny, nessuno prestava ascolto al dolore della nonna?
Bisogna mettersi nei panni di chi vive drammi simili. Pensiamo ai reduci della seconda guerra mondiale o a quelli del Vietnam, ma anche ai sopravvissuti ai campi di sterminio nazisti: tutti vogliono raccontare l'orrore vissuto, le atrocità patite durante la guerra. Dopo tragedie di simili proporzioni, però, la gente non ha nessuna voglia di ascoltare chi ha vissuto l'orrore, vuole allontanare lo spettro della sofferenza. Tutti pensano oltre, non vogliono essere ricondotti alla tragedia vissuta dalle persone che li hanno preceduti.

Che rapporto ha oggi Anny Romand con le comunità armene?
Quando Anny è venuta in Italia, siamo stati insieme all'Istituto Culturale Armeno a Roma. Ho appreso che ha una grande quantità di rapporti con gli armeni francesi e con le comunità armene che si trovano a Venezia, a Roma e in Toscana.

Con Anny state lavorando a qualche progetto?
Recentemente mi ha contattato la Biblioteca Nazionale Francese per informarmi che il diario della signora Serpouhi Hovaghian, nonna di Anny, sarà editato in Francia a cura dello Stato. Mi hanno chiesto di pubblicarlo anche in Italia con un'edizione critica. Io ho accettato e penso che questo lavoro vedrà la luce nel 2022.

Perché si sa poco e niente del genocidio degli Armeni?
Il genocidio degli Armeni, avvenuto tra il 1915 e il 1918, è stato oscurato dall'immane tragedia della Shoah, nonostante abbia causato un numero enorme di vittime che può essere paragonato proprio allo sterminio degli Ebrei, di cui si resero responsabili i nazisti. Molta gente non conosce neppure l'esistenza del genocidio armeno. Bisogna dire anche che non ci sono tanti armeni che scrivono in italiano e hanno accesso ai media italiani e questo non aiuta.
L'editore Alessandro Orlandi
Che ricordo conserva Anny della nonna e dei tanti momenti trascorsi con lei quando era bambina?
Anny ha vissuto radicalmente quello che la nonna le ha raccontato. L'orrore, lo sdegno, la paura sono stati ereditati da Anny: una bambina è una spugna che assorbe e interpreta con gli strumenti che ha a disposizione tutto quello che ascolta. Anny è stata segnata per sempre dai racconti della nonna, una donna che ha visto l'orrore, è riuscita ad emigrare sana e salva in Francia e a testimoniare l'accaduto, affidando un importante compito all'amata nipote: testimoniare affinché nessuno dimentichi. Anny ha un vero e proprio culto della nonna: ha fatto tutto ciò per tenere viva la memoria di colei che per lei ha rappresentato e rappresenta le radici. Anny ha avvertito la necessità di testimoniare questa sofferenza perché non venisse dimenticata. Ha allestito anche una mostra attorno alla vicenda di sua nonna.

Anny oggi è nonna di una bambina di nome Alicia, autrice del disegno che si trova sulla retrocopertina...
Sì, Anny ha voluto mettere in retrocopertina il disegno realizzato dalla nipotina Alicia, a cui ha dedicato il libro, perché interpreta il filo della memoria come qualcosa che deve essere tramandato di generazione in generazione, una sorta di continuità di rapporto con le radici, affinché tali crimini non vengano dimenticati mai.

Perché l'autrice ha scelto che fosse la sua voce bambina a narrare la strage degli Armeni e il genocidio di cui si è macchiato l'esercito turco?
Lei ha scelto di alternare la voce della bambina che ascolta attonita le storie della nonna con quella della nonna di allora, a ridosso dei fatti narrati, che racconta la dura cronaca dei fatti che stava vivendo. La storia contenuta nel diario è un pugno nello stomaco. Ogni tentativo di romanzare e parafrasare quella cronaca avrebbe indebolito la voce degli eventi narrati. Il fatto che questi episodi siano narrati dalla voce di una bambina rafforza l'orrore; la bimba ascolta stupita cose tanto atroci che sembra assurdo siano accadute. In questa maniera si sottolinea l'enormità di quello che è avvenuto.

Quando diventerò una bambina grande racconterò il seguito della storia. Adesso che sono una bambina piccola, la mia storia con nonna finisce qui. Con queste parole si conclude il libro. Cosa vorrebbe raccontare ancora Anny?
Anny vorrebbe raccontare lo sbarco in Francia della sua famiglia e le cose che sono successe da allora, compresa la nascita di sua madre Rose. Mi ha promesso che lo farà. Adesso, però, si sta concentrando sulla mostra, che è stata esposta a Parigi e in altre città francesi e spero possa arrivare presto anche in Italia.

Quale messaggio si augura possa arrivare alle lettrici e ai lettori di Mia nonna d'Armenia?
Mi auguro che il libro aiuti a riportare alla memoria collettiva questa terribile vicenda, risalente a oltre cento anni fa, che però ci rammenta molte vicende attuali in cui le minoranze etniche, religiose, linguistiche rischiano di essere spazzate via. La memoria di eventi di questo genere non deve essere cancellata mai, deve rimanere viva nella cultura affinché l'orrore non si ripeta.
Mostra altri Articoli di questo autore
info@freetopnews.it
- Filomena Giannotti: Caproni, Il mio Enea - 20/01/2021 07:36:54
- Mamma Margherita: la mia Nadia, la forza dell'amore - 04/01/2021 17:57:43
- Anny Romand, mia nonna d'Armenia - 22/12/2020 07:09:20
- Giorgio Ieranò: I Greci e noi - 21/12/2020 07:17:10
- Pietro Pisciottu: L'Agnata, storia e memoria di uno stazzo gallurese - 14/12/2020 10:36:18
- Sopravvivere alla morte: la vita nelle iscrizioni funerarie latine - 07/12/2020 21:46:29
- Olivo: l'albero della civiltà - 05/12/2020 07:38:58
- Marida Lombardo Pijola: l'imperfezione delle madri - 25/11/2020 14:08:22
- Pietro Greco: Trotula, la prima donna medico d'Europa - 10/11/2020 08:28:11
- Gian Enrico Manzoni: la peste di Atene ai tempi del Covid - 29/10/2020 08:13:41
- Fiorenzo Caterini: ricostruzione della memoria in Sardegna - 23/10/2020 09:01:57
- Paolo Carboni: Tutt'a pedi - Alla scoperta del territorio di Aggius (S - 12/10/2020 10:44:57
- Agostino Asara, l'ultimo Patriarca degli stazzi galluresi - 06/10/2020 07:41:33
- Aggius (SS): storia, tradizioni, banditismo nel cuore della Gallura - 02/10/2020 06:54:06
- Tenuta Coda di Lupo, eccellenze sarde per un'agricoltura sostenibile - 22/09/2020 19:35:55
- Luigi Lehnus: Wilamowitz e il monte delle Muse - 15/09/2020 17:25:33
- Paola Mancini: viaggio nella storia di Loiri Porto San Paolo (SS) - 10/09/2020 18:14:11
- Alla scoperta dell'Area Marina Protetta di Tavolara (SS) con Augusto - 01/09/2020 21:32:17
- Giuseppe Festa: Ursula e Lupinella, orsi e lupi sulle montagne italian - 28/08/2020 07:59:34
- Pa punyat: con Antonio Masia alla scoperta delle eccellenze algheresi - 24/08/2020 08:51:11
- Sa Mandra, anima barbaricina nel cuore della Nurra - 19/08/2020 07:30:34
- Giuliano Dal Mas, una vita tra le Dolomiti - 13/08/2020 17:36:13
- Valle d'Aosta, presentata la XXIII edizione del Gran Paradiso Film Fe - 27/07/2020 19:42:54
- Irene Borgna: Louis Oreiller, il pastore di stambecchi - 20/07/2020 07:47:15
- Genzano, a Casa Mamre QUESTO MARE E’ PIENO DI VOCI - 16/07/2020 09:22:00
- Corrado Ruggeri, una vita in viaggio - 13/07/2020 07:30:17
- Lungo i sentieri del Cammino Ibleo con Nanni Di Falco - 06/07/2020 16:49:35
- Alla scoperta del nuraghe Majori di Tempio Pausania - 30/06/2020 07:39:09
- Lorenzo Braccesi: Olimpiade e Zenobia, quando il potere è donna - 24/06/2020 05:26:37
- Ove abitai fanciullo: a Recanati aprono le stanze private di Giacomo L - 15/06/2020 14:18:28
- I reperti assiri di Faida al premio mondiale in memoria di Khaled al-A - 08/06/2020 07:43:10
- Mauro Bonazzi: i Greci e il mistero dell'esistenza - 01/06/2020 07:22:54
- PandemicA, racconto corale per immagini - 21/05/2020 07:52:03
- Antonietta Langiu, la mia Isola - 08/05/2020 09:22:34
- Susanna Garavaglia: il risveglio della coscienza interiore - 29/04/2020 05:09:43
- Rosanna Raffaelli Ghedina: folclore, leggende e simboli delle Dolomiti - 16/04/2020 23:10:44
- Giorgio Murru: Spiriti e Dèi nella statuaria preistorica della Sardegn - 09/04/2020 13:50:32
- Una Maschera, un Volto, un Paese: il Carnevale in Sardegna - 07/03/2020 07:34:21
- Pe’ terre assaje luntane: al MANN l’emigrazione ischitana in America - 01/03/2020 19:33:00
- Thalassa: a Napoli le meraviglie sommerse dal Mediterraneo - 27/02/2020 23:09:38
- Nel segreto mare delle stelle di Marella Giovannelli - 25/02/2020 18:10:02
- Marcello Cabriolu, la Sardegna e il Mediterraneo Occidentale - 17/02/2020 21:27:55
- Erika Maderna, sulle tracce della medicina delle streghe e delle sant - 27/01/2020 06:48:31
- Federico Fellini: ironico, beffardo e centenario - 14/01/2020 07:56:24
- Pompei e Santorini, l'eternità in un giorno - 04/01/2020 08:29:04
- Andrea Icardi, un anno in Alta Valle Maira - 30/12/2019 14:15:42
- Archeologi italiani riportano alla luce i reperti assiri di Faida - 15/12/2019 09:45:07
- Augusto Mulas: l'orientamento astronomico dei nuraghi - 09/12/2019 19:01:03
- Margherita Massari: Ildegarda di Bingen, Sibilla e Dottore della Chies - 06/12/2019 09:18:37
- Il mito immortale di Cartagine in mostra a Roma - 04/12/2019 00:02:27
- Aquileia 2200. Porta di Roma verso i Balcani e l’Oriente - 29/11/2019 05:28:33
- Michele Porcaro: ASSTEAS - Storia del Vaso più bello del mondo - 19/11/2019 00:26:44
- Silvia Romani: credenze, miti e dei degli antichi - 11/11/2019 13:10:02
- All'Alba Radians di Albano (RM) il Filottete di Sofocle - 06/11/2019 16:36:58
- Mulino della Riviera di Dronero (CN), una storia firmata Cavanna - 29/10/2019 18:50:24
- Galluras, il Museo della Femina Agabbadòra - 22/10/2019 07:00:03
- Ugo Mancini: Sotto la cenere, storie di vita quotidiana durante il ven - 10/10/2019 20:51:11
- Alessandra Derriu: streghe, indovine e curatrici nella Sardegna del '7 - 04/10/2019 07:06:18
- Giuseppe Vito Internicola: Castellammare del Golfo, alle origini di un - 29/09/2019 18:15:59
- Città della Pieve (PG) si prepara ad accogliere Il Nostro Tempo - 25/09/2019 15:20:51
- Uno spazio per le Donne: alla scoperta del mondo femminile sardo e non - 23/09/2019 08:37:50
- Olmedo (SS), storia, tradizioni, folklore - 21/09/2019 09:21:49
- Silvia Giorcelli Bersani: I Romani e le Alpi - 16/09/2019 14:05:54
- Rossella Giglio: Segesta, tra teatro, musica, natura - 08/08/2019 15:56:16
- Enrico Caruso: la rinascita di Selinunte - 01/08/2019 14:29:05
- Lucina Gandolfo: alla scoperta di Monte Iato - 31/07/2019 07:33:07
- Sulle spiagge pontine tornano i Racconti di Sabaudia - 30/07/2019 08:47:45
- Tagliacozzo (AQ): XXXV Festival Internazionale di Mezza Estate - 22/07/2019 14:36:02
- Civiltà del sole: l'archeoastronomia nella Sicilia preistorica - 19/07/2019 07:30:13
- Cristina Muntoni, il potere delle parole nella storia della sacralità - 15/07/2019 18:12:54
- Francesco Bianco, un cammino tra verità nascoste - 13/07/2019 06:58:14
- Filippo Drago, mugnaio siciliano fra tradizione e modernità - 09/07/2019 07:28:20
- Con la KERNOS alla scoperta di Castellammare del Golfo - 02/07/2019 18:17:21
- Per una rinascita di Castelvetrano, città d'arte, storia, cultura - 27/06/2019 18:13:44
- Marinella Fiume: sapienza, virtù e misteri dell'universo simbolico fem - 11/06/2019 19:04:31
- Stefano Pucci: le incisioni rupestri delle Alpi Apuane - 07/06/2019 09:24:59
- Albano (RM), al via la Rassegna del Teatro Antico - 26/05/2019 18:33:37
- Max Dashu: Streghe e pagane, le donne nella cultura popolare europea - 14/05/2019 07:18:46
- Diego Maggio: profumi, aromi e sapori siculo-panteschi - 09/05/2019 08:15:34
- Regius, omaggio allo stupor mundi Federico II di Svevia - 03/05/2019 07:38:01
- Sentiero della Libertà, per tenere viva la Memoria - 01/05/2019 20:05:09
- Caccamo (PA), borgo di storia, arte, cultura - 28/04/2019 06:50:10
- C'era una volta Iato: omaggio dei ragazzi all'antica Iato - 23/04/2019 22:40:32
- U Pani ri Murriali: il pane genuino di una volta - 16/04/2019 17:20:40
- Recanati (MC): L'Infinito di Leopardi compie 200 anni - 13/04/2019 16:51:43
- A Camo (CN) torna PrimaVeraRegia - 11/04/2019 17:17:36
- Ivano Dionigi: Lucrezio, Seneca e noi - 04/04/2019 23:33:23
- Luca Mancini: Il caso dell'Ungheria di Horthy - 09/04/2019 19:14:05
- Il Foscolo di Albano (RM) trionfa al Festival Thauma - 30/03/2019 20:22:23
- Sotto il segno dei pesci: Camaiani celebra la Grecia - 28/03/2019 17:13:29
- Guido Cossard, viaggio nel mondo dell'Archeoastronomia - 25/03/2019 10:47:16
- Rosanna Oliva de Conciliis, una vita per la Parità - 17/03/2019 08:14:51
- Donna o Dea: le raffigurazioni femminili in Sardegna tra passato e pre - 02/03/2019 20:50:25
- Giorgio Ieranò: l'arcano fascino delle isole dell'Egeo - 25/02/2019 09:19:48
- Dea e Femminismo alla Roma Goddess Conference - 21/02/2019 09:10:27
- Elena Ianni: le feste e i falò del Messico - 17/02/2019 19:18:44
- Roma: l'olio d'oliva al Premio Filo della Torre - 15/02/2019 17:02:24
- I giovani attori del Foscolo alla Giornata del Greco - 06/02/2019 17:24:33
- La Penisola del Sinis (OR) tra storia, archeologia e natura - 29/01/2019 17:38:31
- King Camp Gillette: Il Turbine Umano - 19/01/2019 11:59:30
- Barumini (VS), archeologia, storia, cultura nel cuore della Sardegna - 14/01/2019 10:46:56
- Morena Luciani Russo: la ricerca della Dea e lo sciamanesimo - 09/01/2019 06:28:02
- Maurizio Bettini: Il Presepio, storia di un simbolo - 21/12/2018 08:22:38
- Venezia: Idoli, il potere dell'immagine - 12/12/2018 18:57:46
- Simona Modeo, Dioniso in Sicilia - 06/12/2018 17:48:35
- Violette Sauvage a Palazzo Colonna (RM) - 03/12/2018 07:01:13
- Pomezia (RM): Premio Donna d'Autore 2018 - 30/11/2018 06:37:50
- Massimo Blasi, l'incredibile storia degli imperatori romani - 28/11/2018 10:26:59
- Fabio Isman: 1938, l'Italia razzista - 25/11/2018 07:30:10
- Sacrum, lo Stabat Mater di Rossini all'Aracoeli di Roma - 22/11/2018 16:42:46
- Oriana Dal Bosco: il misterioso fascino del Nord Africa - 20/11/2018 17:17:03
- Natale inCHIOSTRO a Monastero di Dronero (CN) - 17/11/2018 07:53:51
- All'Alba Radians di Albano (RM): l'Ecuba di Euripide - 15/11/2018 16:59:16
- Autunno d'Autore a Ruralia, Conosci tu il paese dove... - 13/11/2018 18:40:36
- Marella Giovannelli, una vita tra giornalismo, fotografia e poesia - 09/11/2018 10:04:37
- Daniela Dao Ormena: Le radici chiamano, dolci melodie della Valle Mair - 30/10/2018 13:32:22
- Gli antichi pani di Sardegna protagonisti a Buddusò - 17/10/2018 14:23:34
- Torna a Lanuvio (RM) l'antico rituale della Maza - 04/10/2018 20:39:44
- Nonna Tommy, raccontaci ancora... - 02/10/2018 07:16:37
- A Buddusò (SS) torna Artes in Carrera - 30/09/2018 06:56:22
- Al Museo Africano di Verona la danza degli spiriti - 27/09/2018 00:12:36
- A. Cossard: Archeoastronomy, la prima app di archeoastronomia - 24/09/2018 09:21:18
- Firenze, Viaggio nell'altro e nell'altrove in ricordo di Paolo Grazios - 19/09/2018 08:31:44
- Lanuvio (RM): Buon compleanno, Antonino Pio! - 10/09/2018 06:04:22
- Raffaella De Sanctis, tra scuola e ricerca - 04/09/2018 17:45:49
- Màn. Vietnam Street Heroines in mostra al MAO (TO) - 26/08/2018 10:25:13
- Alessandra Comneno, una vita a contatto con la saggezza dei Nativi - 12/08/2018 19:38:51
- MAO (TO), ORIENTI. 7000 anni di arte asiatica dal Museo delle Civiltà - 07/08/2018 06:17:08
- Senorbì (CA), al MADN La Dea di Turriga, il mistero di un’icona senza - 01/08/2018 07:38:49
- Silvia Tenderini, una vita tra viaggi, ricerche e scrittura - 24/07/2018 19:40:34
- A Villa Giulia (Roma) la Scuola di Archeoastronomia 2018 - 19/07/2018 06:39:50
- Gabriella Mosso, I miei, i tuoi, i nostri - 17/07/2018 05:54:30
- Tagliacozzo (AQ), Festival Internazionale di Mezza Estate - 12/07/2018 06:39:05
- Franco Campus, Nuragici - un Territorio, un'Isola, il Mediterraneo - 09/07/2018 22:21:30
- Carmagnola (TO): Donne e Madonne nell’Arte dal XV secolo ad oggi - 04/07/2018 21:53:04
- Per una rinascita socio-culturale dei borghi della Valle dell'Amaseno - 25/06/2018 07:25:04
- Capalbio (GR), vacanza-laboratorio di Spiritualità Femminile con Devan - 22/06/2018 20:30:12
- Nicola Castangia, Ercole Contu e la scoperta della Tomba dei Vasi Tetr - 18/06/2018 06:44:49
- Castelfidardo (AN): gli studenti del Meucci per la valorizzazione del - 10/06/2018 17:30:57
- Papa Wojtyla in Comelico e in Cadore: il ricordo e l'emozione 30 anni - 27/05/2018 16:40:51
- Scrittori alla scoperta del mondo, una mostra sulla letteratura di via - 22/05/2018 06:00:18
- In viaggio tra le pagine di Elena Dak - 18/05/2018 09:31:20
- Convegno Internazionale contro Terrorismo, radicalizzazione e violenza - 08/05/2018 06:02:05
- Olimpia Biasi, la Viriditas di Ildegarda in mostra all'Hortu - 25/04/2018 15:09:19
- Con Marco Grippa alla scoperta del fascino segreto di Tagikistan e Kir - 18/04/2018 18:40:04
- Da Maenza a Fossanova sulle orme di San Tommaso d'Aquino - 13/04/2018 13:59:02
- Pierluigi Montalbano: l'alba della civiltà sarda - 10/04/2018 14:08:20
- Donne, Madri, Dee: la rappresentazione del femminile in mostra a Udine - 07/04/2018 07:14:26
- In mostra a Milano gli scavi di Achille Vogliano nel Fayum - 28/03/2018 18:52:37
- Sulle tracce della Dea: Viaggio nel Grembo della Storia - 17/03/2018 16:44:27
- Nadia Tarantini: Quando nascesti tu, stella lucente - 05/03/2018 21:14:35
- L'epopea dei Longobardi in mostra al MANN - 26/02/2018 10:45:11
- Verso il contratto di fiume dell'Amaseno - 22/02/2018 11:55:38
- Inside, la nuova collezione di Vittorio Camaiani - 11/02/2018 22:27:58
- Alla scoperta del matriarcato di Bali con Bruna Rotunno - 04/02/2018 13:48:05
- Giornata della Memoria, per non dimenticare - 25/01/2018 18:06:41
- Viaggio nei segreti della bellezza del corpo femminile - 21/01/2018 21:30:48
- Ildegarda di Bingen, maestra di sapienza nel suo tempo e oggi - 10/01/2018 22:22:54
- Selene Calloni: l'arte della ribellione zen per vincere la paura - 05/01/2018 22:57:08
- MANN: grande successo per la mostra sull'America precolombiana - 28/12/2017 14:29:51
- 2018 per Katike: i calendari di ...non lasciamoli soli - 19/12/2017 22:15:21
- Maenza: La rete dei cammini della Valle dell’Amaseno - 12/12/2017 22:31:25
- Al Convivium di Fiuggi i Pensieri sparsi di Daniela Gariglio - 07/12/2017 08:47:07
- Napoli: Il Natale dei 100 Alberi d’Autore - 03/12/2017 09:41:27
- Le donne dei Longobardi: urban-trekking con Michela Zucca - 28/11/2017 13:46:59
- San Martino di Stroppo: piccolo gioiello delle Valli Cuneesi - 24/11/2017 06:54:30
- Signa del Alma: per dire No alla violenza sulle donne - 19/11/2017 08:32:53
- Il nuovo romanzo di Maristella Lippolis: Raccontami tu - 07/11/2017 16:56:46
- Mama Africa: la maternità nell'arte africana - 03/11/2017 11:20:04
- Violette Sauvage: il vintage chic a Palazzo Colonna - 28/10/2017 11:28:12
- Il patrimonio archeologico del Lazio alla BMTA di Paestum - 26/10/2017 15:31:12
- Templari. Dal ducato di Puglia e Calabria, all’Italia del III Millenni - 22/10/2017 17:10:52
- Archeologia ferita: Volti di Palmira ad Aquileia - 11/10/2017 08:02:26
- Giancarlo Sani: alla scoperta delle incisioni rupestri toscane - 03/10/2017 13:36:14
- ... non lasciamoli soli: il progetto per il Nepal di Ilario Sedrani - 26/09/2017 08:24:26
- Giuliana Borghesani: La Maledizione della Liberta - 22/09/2017 14:28:02
- L'uomo, il Cancro del Pianeta - 04/09/2017 20:15:53
- Le caverne delle donne: la grotta di San Colombano - 25/08/2017 17:49:53
- Le figlie sono come le Madri: Donne lungo la Via della Seta - 30/08/2017 12:56:24
- Nemi: tornano i Nemoralia in onore della Dea Diana - 08/08/2017 17:21:44
- Donne e medicina: quale futuro per la medicina di genere? - 05/08/2017 08:48:58
- Arkeotrekking in Trentino: Sui sentieri delle Madri Antiche II - 31/07/2017 08:27:43
- Piero Verni: Tulku, viaggio nel cuore mistico della civiltà tibetana - 25/07/2017 07:11:56
- Ugo Mancini: ragioni e vicende degli antifascisti a Roma e nei Castell - 07/07/2017 18:23:52
- Festival di Tagliacozzo: conferenza stampa di presentazione a Palazzo - 05/07/2017 06:55:48
- Cuneo: Il lato nascosto delle Alpi - 04/07/2017 06:11:40
- Come con gli occhi dei bambini di Terezin - 28/06/2017 21:43:19
- Baby Giulia, storia di un'adolescenza rubata - 18/06/2017 13:18:11
- Francesca D'Amico: le donne nella tradizione contadina abruzzese - 11/06/2017 16:01:53
- Tutela e valorizzazione del patrimonio rurale nel Lazio - 07/06/2017 18:43:20
- Fiume che cammina. Transumanza dall’Adriatico al Lagorai - 03/06/2017 08:02:51
- Roma: VI raduno dei Linfoamici - 01/06/2017 14:32:42
- Atlantide, dal mito alla storia: intervista ad Alessandra Murgia - 20/05/2017 08:13:47
- Ignazio Didu: I Greci e la Sardegna. Il mito e la storia - 12/05/2017 09:18:37
- Sacra Nemora: la cultura del sacro in mostra a Lanuvio - 07/05/2017 23:09:38
- Pizzo d’Irlanda, merletto e ricamo protagonisti sul lago Trasimeno - 02/05/2017 07:59:39
- Arkeotrekking in Trexenta: Le Antiche Madri dei Monti e del Mare - 25/04/2017 19:47:13
- Le donne e il sapere medico-erboristico: un binomio da riscoprire - 07/04/2017 21:29:15
- Linfoamici a Venezia - 30/03/2017 18:13:31
- Com'è giusto che sia: il nuovo thriller di Marina Di Guardo - 29/03/2017 10:34:04
- Herbarie: le chiamavano Streghe - 24/03/2017 21:01:03
- Devana: il risveglio della spiritualità nativa dell'Antica Europa - 17/03/2017 18:33:42
- Andrea Loddo: l'archeologia sperimentale per comprendere le ancestrali - 11/02/2017 20:01:00
- Alla scoperta dell'origine genetica dei Sardi con il prof. Francala - 03/02/2017 08:01:01
- Diego Manzi: viaggio nel cuore della tradizione indiana - 28/01/2017 10:24:25
- Barbara Bonomi Romagnoli: storie di insette felici - 25/01/2017 23:15:02
- Alberto Pattini: Poesia del Trentino. La melodia della Grande Madre - 19/01/2017 21:24:29
- Rinascere dalle distruzioni. Ebla, Nimrud, Palmira - 12/01/2017 21:25:10
- Nori Corbucci: Marta Marzotto, una vita da ricordare - 05/01/2017 00:02:59
- La Sardegna antica nel cuore del Mediterraneo - 30/12/2016 01:04:16
- Sardegna nuragica e falso mistero della lingua etrusca con il linguist - 03/01/2017 07:32:46
- La Stirpe del Sole: una Medea inedita nell'ultimo romanzo di Giuliana - 23/12/2016 14:12:50
- Al Castello di Scilla i Popoli del Mare di Oreste Kessel Pace - 16/12/2016 12:53:26
- SACRUM: concerto dedicato a Papa Francesco all'Aracoeli - 08/12/2016 10:18:48
- Paola Biato: Viaggio nel mondo della Psicofiaba - 04/12/2016 19:28:59
- Il viaggio. Alchimie e Passioni: a Venezia la personale di Irene Manen - 29/11/2016 08:13:34
- Il Natale dei 100 alberi d’autore - 28/11/2016 20:22:54
- Carlo Buldrini: Pellegrinaggio buddhista - 16/11/2016 08:32:43
- A Spazio Mater l'arte digitale di Michele Grimaldi - 13/11/2016 19:50:50
- Gigantes de Perdas: alla scoperta dei nuraghi sardi - 04/11/2016 07:54:20
- Ivo Nardi: Riflessioni sul senso della vita - 24/10/2016 08:27:11
- Fabrizio Manzetti: Nascosti davanti a tutti - 18/10/2016 00:13:25
- Bambine e bambini: divino gioco di pace nel mondo - 28/10/2016 08:24:38
- La Danza degli Archetipi: alle radici del linguaggio simbolico - 13/10/2016 22:41:28
- Alla scoperta dei Fiori di Bach con Gerardo Chirò - 09/10/2016 08:44:23
- Sardegna: curiosità, aneddoti e misteri sardi con Gianmichele Lisai - 04/10/2016 06:59:28
- Roma per Amatrice: Concerto di Beneficenza - 25/09/2016 15:45:16
- Sulle tracce dell' archeologia dell'evanescente con Paola Di Si - 22/09/2016 15:21:18
- Sebastiano Brocchi: alchimia, esoterismo, simbologia sacra e mistero - 18/09/2016 08:55:07
- Milano: appuntamento per il World Lymphoma Awareness Day - 13/09/2016 07:41:13
- Sulla via degli sciamani del Sudamerica con Stefano Lioni - 29/08/2016 08:00:22
- Sulle orme dei Moso con l'antropologa Francesca Rosati Freeman - 16/08/2016 07:13:59
- Sui sentieri dei luoghi di culto della Grande Dea con Luisella Veroli - 11/08/2016 08:48:06
- Un Altro Mondo per i Diritti della Pachamama - 27/07/2016 07:32:44
- Alessandra Di Gesù: viaggio nelle Tradizioni Misteriche del Mediterran - 05/07/2016 08:00:50
- Abbracci gratis contro il linfoma: a Roma il V raduno dei Linfoami - 31/05/2016 23:23:59
- Out of Tibet: il foto-racconto della diaspora tibetana sbarca a Roma - 23/05/2016 00:04:09
- Il Canto delle Sirene in mostra a Bologna - 22/05/2016 10:02:01
- La cultura dei Moso arriva al Ramadù di Cisterna - 16/04/2016 21:08:59
- Donne e scienza: un binomio per troppo tempo ignorato - 24/03/2016 07:51:18
- Suffragette 2.0: approda al Peano di Roma - 14/03/2016 22:06:13
- Palazzo Visconti: Alta Moda della Sartoria Angela - 09/03/2016 08:47:43
- Il respiro profondo di una Nuova Era - 04/03/2016 14:17:21
- Festa grande per i 35 anni di attività di Erno Rossi - 01/03/2016 14:29:34
- I Sentieri della Terra: come restituire vita e dignità alla Mad - 20/02/2016 09:06:03
- Le remote origini del tatuaggio con l'antropologa Michela Zucca - 23/01/2016 09:46:08
- Mantra Madre e Il profumo della luna: libri per il risveglio dell'anim - 24/12/2015 10:37:15
- Roma: il Rito del Grembo - 12/12/2015 00:42:29
- Alla scoperta delle vere origini di Halloween con Monica - 31/10/2015 20:24:53
I COMMENTI RELATIVI ALL'ARTICOLO
Invia un commento alla Redazione
Email
Nome e Cognome
Messaggio
Gentile lettore, prima di inviare il Suo messaggio:

compilare il codice di sicurezza sottostante copiando l'immagine raffigurata;

CAPTCHA 
cambia codice

inserisci codice



Per pubblicare, in fondo all'articolo, il suo commento selezionare il pulsante sottostante.

Pubblicazione
  Si    solo nome
  Si    nome e cognome
  No


Grazie della collaborazione.

© 2014 - ftNews è una testata di libera informazione.