Redazione     Informativa     Link  

Ivano Dionigi: Segui il tuo demone

venerdì, 05 marzo 2021 09:33

condividi su facebook
Dal nostro inviato
Francesca Bianchi
FtNews ha intervistato il prof. Ivano Dionigi, già professore ordinario di Lingua e letteratura latina all'Alma Mater di Bologna, di cui è stato Rettore dal 2009 al 2015. Fondatore e direttore del Centro Studi "La permanenza del Classico" dell'Università di Bologna e Presidente della Pontificia Accademia di Latinità, il noto filologo ha presentato ai nostri lettori il suo ultimo libro, pubblicato da Laterza qualche mese fa e intitolato Segui il tuo demone. Quattro precetti più uno.
'Obbedire al tempo' (parere tempori), 'seguire il demone' (deum sequi), 'conoscere se stessi' (se noscere), 'non eccedere in nulla' (nihil nimis): questi quattro precetti, richiamati da Cicerone in un passo del De finibus bonorum et malorum, racchiudono, secondo lo studioso, la summa della saggezza dei classici, così lontani da noi, eppure così prepotentemente vicini alla nostra sensibilità. Il titolo del libro riecheggia la risposta che Max Weber diede ad alcuni giovani tedeschi che, nel clima di incertezza e devastazione che caratterizzò il periodo immediatamente successivo alla fine del primo conflitto mondiale, gli chiesero chi dovessero seguire e cosa dovessero fare. Weber, facendo appello alla responsabilità individuale, rispose loro: "Ognuno segua il demone che tiene i fili della sua vita".
Il prof. Dionigi è tornato a interrogare i classici, ha cercato ancora una volta di metterli in contatto con gli uomini del nostro tempo, ha affidato loro un compito impegnativo e indispensabile: rivolgersi ai nostri giovani, la cui straordinaria bellezza è pari alla loro fragilità. Le nostre ragazze e i nostri ragazzi stanno pagando il prezzo più alto di questa pandemia; sempre più soli, quasi "addomesticati", privi di punti di riferimento, mai come oggi hanno bisogno di qualcuno che sappia parlare a loro e di loro, aiutandoli a scoprire la propria unicità, a coltivare il proprio dáimon, a soddisfare la loro ansia di verità, a recuperare quel legame indissolubile tra il sapere e il potere.
Ivano Dionigi conosce bene le nuove generazioni: nel corso della sua carriera ha incontrato migliaia di studenti, così uguali dal profondo Sud al profondo Nord, con gli stessi interrogativi; ha dialogato con loro, li ha ascoltati; nei loro confronti ha maturato una fiducia sincera.
L'illustre latinista invita tutti gli adulti, soprattutto chi ha la fortuna di poter contribuire ogni giorno alla formazione delle nostre ragazze e dei nostri ragazzi, a leggere nei loro occhi la bellezza della loro età, i sogni, i desideri, le speranze, ma anche le angosce, le paure, le inquietudini che si agitano nella loro anima. Un invito a prenderli per mano e guidarli in questo tempo sospeso e incerto, esortandoli a reagire contro l'istigazione quotidiana alla superficialità e a far sentire con forza la loro voce. Sono loro che fanno l'unità, la bellezza, la speranza di questo nostro Paese provvidenzialmente ricco di talenti e maledettamente incurante di essi.

Prof. Dionigi, lo scorso ottobre è uscito il suo ultimo libro, intitolato Segui il tuo demone. Quattro precetti più uno. Come è nata questa pubblicazione? A quali precetti si fa riferimento?
Quando ho finito ufficialmente la carriera accademica, al compimento del 70esimo anno, ho tenuto a tutta la comunità universitaria una lectio molto meditata, intitolata "Quattro precetti più uno". In un passaggio del De finibus bonorum et malorum, Cicerone sintetizza in quattro precetti tutta la saggezza classica: tempori parere, 'obbedire al tempo'; sequi deum, 'seguire il demone'; se noscere, 'conoscere sé stessi'; nihil nimis, 'non eccedere'. Avevo individuato questo passo di Cicerone che in 41 lettere e 8 parole riassume tutta la sapientia veterum. Successivamente ho pensato di arricchire quella lectio, perché mi sembrava che quei quattro precetti segnassero la sintesi della saggezza classica e avessero forza fondativa e nello stesso tempo antagonistica del nostro presente. Cicerone afferma che tutti e quattro sono confinati alla saggezza interiore e hanno una vis maxima se sono inseriti nello studio della scientia. Questo mi ha confortato all'approfondimento, perché tale affermazione di Cicerone fa giustizia del pregiudizio che la classicità sia sorda al pensiero scientifico. Molti si chiedono sorpresi come mai, tra questi quattro precetti, paradossalmente sia assente la politica. In realtà questa domanda è frutto di un'anomalia, di un enorme paradosso dei nostri giorni, in cui vige un assurdo e osceno apartheid tra il sapere e il potere, una separazione anomala tra cultura e politica. La politica o è anche cultura o non è politica. Con il termine cultura intendo essenzialmente la presenza di tre condizioni: il recupero della dimensione del tempo, il sapersi porre domande e il possesso della visione dell'insieme. Oggi è fondamentale riappacificarsi col tempo: noi siamo tempo. La grande rete dello spazio ha mandato in esilio il tempo; abbiamo staccato ai giovani la spina della storia. Quanto al secondo punto, bisogna dire che i classici sono maestri nell'ars interrogandi: hanno ansia di verità, ci pongono le domande ultime e penultime della vita. Noi oggi siamo ansiosi di dare risposte, mentre il porci domande è un grande alleato della politica. Nel libro cerco di incrociare queste domande con le domande degli uomini dei nostri giorni; è un modo, un tentativo di mettere in contatto i grandi del passato con gli uomini di oggi. Altra caratteristica importante riguarda il possesso di una visione dell'insieme: in un'epoca come la nostra, in cui tutto è iper-specialistico e i linguaggi rischiano di non comunicare tra loro, è fondamentale possedere l'arte della sintesi, la 'scienza dell'intero'. Queste tre condizioni sono le mie tre stelle polari. Avrei potuto scrivere un libro di 500 pagine, ma ho preferito dire piuttosto che chiacchierare, perché, parafrasando Agostino, quanto più blateriamo, tanto più siamo muti. Ecco, così è nato questo libro, che nel titolo richiama l’invito a seguire il demone che tiene i fili della propria vita, invito che Max Weber rivolse ai giovani alla fine della della prima guerra mondiale.
prof. Ivano Dionigi
Nel corso della sua carriera ha incontrato tantissimi giovani e ancora oggi continua instancabilmente a girare l'Italia in lungo e in largo per incontrare studentesse e studenti e far conoscere loro la bellezza e l'immortalità dei classici. Come reagiscono quando sentono parlare di Cicerone, Lucrezio, Virgilio, Orazio, Seneca? Di cosa hanno bisogno oggi i nostri ragazzi?
Oggi tutti rincorrono i verba obvia, tutti fanno ricorso alle stesse parole; nei confronti di chi dissente c'è anche una sorta di criminalizzazione della critica. Nessuno osa andare controcorrente. Questo è il linguaggio di oggi, ma è questo che giova ai ragazzi? Nel mio lungo viaggio in giro per l'Italia, che mi ha consentito di incontrare oltre 15.000 giovani, ho constatato il loro interesse nei confronti degli autori classici. Anche i giovani, non quando sono in gruppo, ma quando sono più silenziosi o in particolari momenti, avvertono che questo il linguaggio diffuso oggi suona come una moneta falsa. Hanno bisogno di adulti che siano in grado di ascoltarli. Oggi tutti parlano a questi ragazzi, ma non parlano né di loro né a loro. Se uno parla a loro e di loro può usare qualunque linguaggio, invece gli si dà un po' di anestetico. Questa DAD li ha addomesticati, li ha ridotti ad animali domestici. Che siano benvenute la tecnologia e tutte le forme del sapere, ma non sono sufficienti. Sono contro questa modernità che inganna i ragazzi e propone loro dosi di veleno quotidiano. I classici non consolano, ma interrogano, e i giovani sono attratti da queste domande; spesso se le pongono anche loro. I classici sono competenti in umanità, hanno ansia di verità, quella verità e quella umanità che i nostri ragazzi ci chiedono.

Oggi i ragazzi sono sempre più soli, privi di punti di riferimento e senza prospettive. Cosa possiamo fare per aiutarli a trovare il proprio demone e renderli consapevoli dell'unicità e dell'importanza della vita di ognuno di loro?
I giovani oggi non frequentano più la chiesa, le famiglie non sono più luogo di formazione, i partiti sono disfatti, l'unica risorsa che hanno è la scuola. Le uniche risorse che abbiamo sono la scuola e l'università, ultimi avamposti civili di cui nessuno parla e pochi si curano. Penso sia necessario mettere in contatto il mondo dell'università con il mondo della scuola: in questo momento, chi ha più vantaggio - culturalmente parlando, intendo - più deve dare. L'università deve assistere il mondo della scuola superiore. Non sono severo con la modernità, sono severo con questa politica che ha scisso il sapere dal potere. Hanno ridotto tutto a tecnica, abuso, scandalo. Il monito "segui il tuo demone" ha questo valore: dobbiamo far capire ai ragazzi che ognuno ha la propria identità, la propria storia, il proprio valore, ognuno deve cercare di scoprire il demone che tende i fili della propria vita. Bisogna creare le condizioni affinché questi ragazzi scoprano il proprio demone e si rendano attori e non semplici spettatori della loro vita. Qui entra in gioco la scuola, luogo della formazione dello spirito critico, del confronto, della discussione. La scuola dovrebbe essere aperta 24 ore su 24; i professori dovrebbero avere uno stipendio raddoppiato e, per essere all'altezza del loro nome, devono professare la bellezza del sapere, l'etica della competenza, la coscienza civile. Ai giovani che, dopo le macerie della prima guerra mondiale, gli chiesero chi seguire, Weber rispose: "Ognuno segua il demone che tira i fili della propria vita". Questo è un messaggio di conforto: ogni giovane deve capire di essere irripetibile. Dobbiamo iniettare una dose di ottimismo nei nostri ragazzi e anche un consapevole senso di responsabilizzazione.

Nel libro definisce una oscenità la separazione tra cultura e politica. Di cosa abbiamo bisogno oggi per recuperare quel legame inscindibile tra il sapere e il potere?
Platone ha cercato di far politica attiva, poi ha fallito. Eschilo ha combattuto a Maratona e ha voluto che sulla sua tomba venisse ricordato non come tragediografo, ma come soldato di Maratona; Sofocle è stato stratega a Samo. Tra i precetti non compare il precetto politico perché era scontato: tutto era politica. Quella di oggi è una anomalia: da una parte c'è l'intellettuale che studia, dall'altro il politico che gestisce. Cicerone e Seneca ci hanno lasciato scritti ispirati alla politica, all'etica, al pensiero religioso, sociale, civile, educativo, ma sono stati anche esponenti di primo piano rispettivamente della repubblica e dell'impero. Noi abbiamo bisogno di costretti della politica, non di volontari. Lo statista non sta in mezzo al popolo per sondarne gli istinti. Lo statista non è un acclamato dalle folle, sta solo, è un isolato. Oggi abbiamo bisogno di un átopos, come Socrate, un irregolare, un fuoriposto, un uomo non omologabile, uno che segua non il pensiero comune, ma il sapere scientificamente fondato, e sappia ascoltare la voce del dáimon del pensiero. I ragazzi, quando vedono un irregolare, lo seguono. Basti pensare al successo che riscuotono presso i giovani personaggi eccentrici come Jim Morrison o Vasco Rossi. Noi, invece, abbiamo messo questi nostri giovani tutti in serie, creando quello che il filosofo sudcoreano Byung-Chul Han chiama l' "inferno dell'uguale", senza l'eros della differenza. Ogni giovane nel suo piccolo deve essere eccentrico.

Cosa implica la nozione del dáimon classico?
Dáimon a ciascuno è il suo modo di essere, sentenzia Eraclito. Socrate ammette di aver avuto fin da ragazzo una voce interiore che gli suggeriva quando tacere e quando parlare. Socrate ebbe l'intuizione della voce interiore, che noi traduciamo con il termine coscienza. Il dáimon aveva una duplice dimensione: era una realtà interna, ma anche esterna all'uomo. Riguardava tanto il pensiero religioso, quanto quello filosofico. Da Socrate, facendo un salto di venti secoli, sono arrivato a Weber. Il termine dáimonè alla radice della parola greca che noi traduciamo con il termine felicità, ovvero eudaimonía, una parola che ho pudore a pronunciare.

Nel 2018 ha dato alle stampe il libro Quando la vita ti viene a trovare. Lucrezio, Seneca e noi (Laterza), un dialogo immaginario tra Lucrezio e Seneca, due giganti della classicità che cita spesso anche in Segui il tuo demone. Ha dichiarato più volte che i giovani preferiscono Seneca a Lucrezio. Perché, secondo lei? Come deve essere interpretato questo dato?
Il 90% dei giovani e dei giovanissimi preferisce Seneca. Quando mi sono laureato, correva l'anno 1972, andava di moda Lucrezio. Era il periodo dell'iconoclastia, della rottura, della contestazione. Il fatto che oggi i giovani preferiscano Seneca, terapeuta dell'anima umana, non deve essere interpretato come un segno di rassegnazione. Tutt'altro: significa che i giovani preferiscono l'interiorità, per cui c'è terreno fertile perché questo demone emerga. I giovani hanno bisogno di guide che li confortino, non di profeti che li convertano.
Come mai ha dedicato questo libro a Massimo Cacciari?
L'amico Massimo Cacciari ci insegna l'interrogazione dei classici, come scrivo nel frontespizio del libro. Sono i classici a interrogare noi, ma siamo anche noi a interrogare i classici. L'apertura interrogante dei classici è il loro miracolo: quando leggo i classici, leggo me stesso. Con Cacciari c'è una consuetudine che ci lega dagli anni Novanta, quando insegnavo a Venezia. Lui ha sempre detto che quella dei filologi classici è una gran bella compagnia. Nel 2014, nelle vesti di Magnifico Rettore dell'Alma Mater Studiorum di Bologna, gli ho anche conferito la laurea honoris causa in Filologia, letteratura e tradizione classica. In quell'occasione tenne una bellissima lezione magistrale.

Sant'Agostino alla domanda Tu quis es? rispose Homo vivens mortaliter, un uomo destinato alla morte. Oggi noi cosa rispondiamo a questa domanda?
Fino a un anno fa eravamo nel regno in cui tutto era possibile. Poi è arrivata questa pandemia che ci ha dato un bel ridimensionamento, una bella sberla. La scienza e la tecnologia miravano all'allungamento della vita, alla tensione a non morire, alla delegittimazione del limite, che gli antichi consideravano un sacrilegio. Oggi per noi, invece, è vietato vietare. Oggi dobbiamo cercare chi è l'uomo. L'uomo ha infinite possibilità: può diventare Dio o decadere a bestia. Oggi si tenta di diventare Dio, di delegittimare il limite. Qui non si tratta di essere contro la scienza, ma perché uno sia completamente scienziato o tecnologo deve avere anche il pensiero lungo. Guai a smentire il valore della scienza o della tecnologia, ma perché un pensiero scientifico sia ricco, produttivo, pieno, non può fare a meno di quelle tre componenti di cui ho parlato prima: la riscoperta del pensiero interrogante, la riappacificazione con il tempo e il possesso di una visione complessiva delle cose. Se il pensiero scientifico e quello tecnologico vanno avanti muniti del pensiero socratico, sono più tranquillo. Penso, infatti, che si correranno meno rischi, si avranno più effetti benefici, magari decelerando un po', perché la grande velocità costituisce un problema dei nostri tempi. Un vero scienziato e un vero tecnologo sanno guardare contemporaneamente al notum e al novum, cercando di esplorare le possibilità inespresse dal notum e ripensandone la vocazione, sempre con lo sguardo rivolto al domani.

Quale messaggio si augura possa arrivare a coloro che leggeranno questo libro?
Mi auguro che ognuno inizi a trasformarsi in un confessore con le persone che gli stanno accanto, per capire se qualcuno abbia trovato o meno il proprio demone. Questo è un libro che possono leggere tranquillamente i nostri giovani. L'ho scritto pensando a loro; credo che in queste pagine ci siano dosi di antidoto per i guai dei nostri giovani, la cui straordinaria bellezza è pari alla loro fragilità. Ed è proprio a loro che vorrei giungesse il messaggio più potente di questo libro: fate sentire la vostra voce, non siate clandestini; il vostro tempo non è domani, è ora. Seguite il vostro demone, ma vi sia di esempio quella pagina in cui Marco Aurelio ricorda e ringrazia per nome tutti coloro che lo hanno formato: nonno, padre, madre, bisnonno, precettore, tutti i maestri, i parenti, gli amici e i bravi servitori. Impegnatevi in politica. Fatelo con passione e orgoglio, non solo per affermare voi stessi, ma anche per una sorta di pietas verso di noi, che non ce l'abbiamo fatta a lasciarvi un mondo migliore. Siate consapevoli della vostra forza, perché il tempo vi è amico: avete il futuro nel sangue e il privilegio di dare del tu al tempo. Siate insoddisfatti, siate esigenti, siate rigorosi. Adesso tocca a voi, cari ragazzi: dipendiamo da voi, siete fondamentali!
Mostra altri Articoli di questo autore
info@freetopnews.it
- Corleone, storia archeologica a fumetti - 19/04/2021 14:33:41
- Pupi Avati: il mio Dante, poeta forgiato dal dolore - 13/04/2021 10:18:09
- Massimiliano Finazzer Flory: Dante, per nostra fortuna - 26/03/2021 10:05:28
- Divina Sardegna, con il FAI alla scoperta dei luoghi legati alla Comme - 16/03/2021 09:55:54
- 8 Marzo: combattere le differenze per la parità di genere - 08/03/2021 07:24:27
- Ivano Dionigi: Segui il tuo demone - 05/03/2021 09:33:38
- La Musa Inquieta, il corto dedicato a Marta Marzotto - 23/02/2021 14:58:40
- Gabriele Gallo: ritratti alpini, racconti di un anno in montagna - 12/02/2021 16:50:51
- Giulio Guidorizzi: il mito immortale di Edipo ed Enea - 04/02/2021 08:00:35
- Laura Efrikian: tra Armenia e Africa, una vita all'insegna dell'amore - 29/01/2021 11:10:15
- Filomena Giannotti: Caproni, Il mio Enea - 20/01/2021 07:36:54
- Mamma Margherita: la mia Nadia, la forza dell'amore - 04/01/2021 17:57:43
- Anny Romand, mia nonna d'Armenia - 22/12/2020 07:09:20
- Giorgio Ieranò: I Greci e noi - 21/12/2020 07:17:10
- Pietro Pisciottu: L'Agnata, storia e memoria di uno stazzo gallurese - 14/12/2020 10:36:18
- Sopravvivere alla morte: la vita nelle iscrizioni funerarie latine - 07/12/2020 21:46:29
- Olivo: l'albero della civiltà - 05/12/2020 07:38:58
- Marida Lombardo Pijola: l'imperfezione delle madri - 25/11/2020 14:08:22
- Pietro Greco: Trotula, la prima donna medico d'Europa - 10/11/2020 08:28:11
- Gian Enrico Manzoni: la peste di Atene ai tempi del Covid - 29/10/2020 08:13:41
- Fiorenzo Caterini: ricostruzione della memoria in Sardegna - 23/10/2020 09:01:57
- Paolo Carboni: Tutt'a pedi - Alla scoperta del territorio di Aggius (S - 12/10/2020 10:44:57
- Agostino Asara, l'ultimo Patriarca degli stazzi galluresi - 06/10/2020 07:41:33
- Aggius (SS): storia, tradizioni, banditismo nel cuore della Gallura - 02/10/2020 06:54:06
- Tenuta Coda di Lupo, eccellenze sarde per un'agricoltura sostenibile - 22/09/2020 19:35:55
- Luigi Lehnus: Wilamowitz e il monte delle Muse - 15/09/2020 17:25:33
- Paola Mancini: viaggio nella storia di Loiri Porto San Paolo (SS) - 10/09/2020 18:14:11
- Alla scoperta dell'Area Marina Protetta di Tavolara (SS) con Augusto - 01/09/2020 21:32:17
- Giuseppe Festa: Ursula e Lupinella, orsi e lupi sulle montagne italian - 28/08/2020 07:59:34
- Pa punyat: con Antonio Masia alla scoperta delle eccellenze algheresi - 24/08/2020 08:51:11
- Sa Mandra, anima barbaricina nel cuore della Nurra - 19/08/2020 07:30:34
- Giuliano Dal Mas, una vita tra le Dolomiti - 13/08/2020 17:36:13
- Valle d'Aosta, presentata la XXIII edizione del Gran Paradiso Film Fe - 27/07/2020 19:42:54
- Irene Borgna: Louis Oreiller, il pastore di stambecchi - 20/07/2020 07:47:15
- Genzano, a Casa Mamre QUESTO MARE E’ PIENO DI VOCI - 16/07/2020 09:22:00
- Corrado Ruggeri, una vita in viaggio - 13/07/2020 07:30:17
- Lungo i sentieri del Cammino Ibleo con Nanni Di Falco - 06/07/2020 16:49:35
- Alla scoperta del nuraghe Majori di Tempio Pausania - 30/06/2020 07:39:09
- Lorenzo Braccesi: Olimpiade e Zenobia, quando il potere è donna - 24/06/2020 05:26:37
- Ove abitai fanciullo: a Recanati aprono le stanze private di Giacomo L - 15/06/2020 14:18:28
- I reperti assiri di Faida al premio mondiale in memoria di Khaled al-A - 08/06/2020 07:43:10
- Mauro Bonazzi: i Greci e il mistero dell'esistenza - 01/06/2020 07:22:54
- PandemicA, racconto corale per immagini - 21/05/2020 07:52:03
- Antonietta Langiu, la mia Isola - 08/05/2020 09:22:34
- Susanna Garavaglia: il risveglio della coscienza interiore - 29/04/2020 05:09:43
- Rosanna Raffaelli Ghedina: folclore, leggende e simboli delle Dolomiti - 16/04/2020 23:10:44
- Giorgio Murru: Spiriti e Dèi nella statuaria preistorica della Sardegn - 09/04/2020 13:50:32
- Una Maschera, un Volto, un Paese: il Carnevale in Sardegna - 07/03/2020 07:34:21
- Pe’ terre assaje luntane: al MANN l’emigrazione ischitana in America - 01/03/2020 19:33:00
- Thalassa: a Napoli le meraviglie sommerse dal Mediterraneo - 27/02/2020 23:09:38
- Nel segreto mare delle stelle di Marella Giovannelli - 25/02/2020 18:10:02
- Marcello Cabriolu, la Sardegna e il Mediterraneo Occidentale - 17/02/2020 21:27:55
- Erika Maderna, sulle tracce della medicina delle streghe e delle sant - 27/01/2020 06:48:31
- Federico Fellini: ironico, beffardo e centenario - 14/01/2020 07:56:24
- Pompei e Santorini, l'eternità in un giorno - 04/01/2020 08:29:04
- Andrea Icardi, un anno in Alta Valle Maira - 30/12/2019 14:15:42
- Archeologi italiani riportano alla luce i reperti assiri di Faida - 15/12/2019 09:45:07
- Augusto Mulas: l'orientamento astronomico dei nuraghi - 09/12/2019 19:01:03
- Margherita Massari: Ildegarda di Bingen, Sibilla e Dottore della Chies - 06/12/2019 09:18:37
- Il mito immortale di Cartagine in mostra a Roma - 04/12/2019 00:02:27
- Aquileia 2200. Porta di Roma verso i Balcani e l’Oriente - 29/11/2019 05:28:33
- Michele Porcaro: ASSTEAS - Storia del Vaso più bello del mondo - 19/11/2019 00:26:44
- Silvia Romani: credenze, miti e dei degli antichi - 11/11/2019 13:10:02
- All'Alba Radians di Albano (RM) il Filottete di Sofocle - 06/11/2019 16:36:58
- Mulino della Riviera di Dronero (CN), una storia firmata Cavanna - 29/10/2019 18:50:24
- Galluras, il Museo della Femina Agabbadòra - 22/10/2019 07:00:03
- Ugo Mancini: Sotto la cenere, storie di vita quotidiana durante il ven - 10/10/2019 20:51:11
- Alessandra Derriu: streghe, indovine e curatrici nella Sardegna del '7 - 04/10/2019 07:06:18
- Giuseppe Vito Internicola: Castellammare del Golfo, alle origini di un - 29/09/2019 18:15:59
- Città della Pieve (PG) si prepara ad accogliere Il Nostro Tempo - 25/09/2019 15:20:51
- Uno spazio per le Donne: alla scoperta del mondo femminile sardo e non - 23/09/2019 08:37:50
- Olmedo (SS), storia, tradizioni, folklore - 21/09/2019 09:21:49
- Silvia Giorcelli Bersani: I Romani e le Alpi - 16/09/2019 14:05:54
- Rossella Giglio: Segesta, tra teatro, musica, natura - 08/08/2019 15:56:16
- Enrico Caruso: la rinascita di Selinunte - 01/08/2019 14:29:05
- Lucina Gandolfo: alla scoperta di Monte Iato - 31/07/2019 07:33:07
- Sulle spiagge pontine tornano i Racconti di Sabaudia - 30/07/2019 08:47:45
- Tagliacozzo (AQ): XXXV Festival Internazionale di Mezza Estate - 22/07/2019 14:36:02
- Civiltà del sole: l'archeoastronomia nella Sicilia preistorica - 19/07/2019 07:30:13
- Cristina Muntoni, il potere delle parole nella storia della sacralità - 15/07/2019 18:12:54
- Francesco Bianco, un cammino tra verità nascoste - 13/07/2019 06:58:14
- Filippo Drago, mugnaio siciliano fra tradizione e modernità - 09/07/2019 07:28:20
- Con la KERNOS alla scoperta di Castellammare del Golfo - 02/07/2019 18:17:21
- Per una rinascita di Castelvetrano, città d'arte, storia, cultura - 27/06/2019 18:13:44
- Marinella Fiume: sapienza, virtù e misteri dell'universo simbolico fem - 11/06/2019 19:04:31
- Stefano Pucci: le incisioni rupestri delle Alpi Apuane - 07/06/2019 09:24:59
- Albano (RM), al via la Rassegna del Teatro Antico - 26/05/2019 18:33:37
- Max Dashu: Streghe e pagane, le donne nella cultura popolare europea - 14/05/2019 07:18:46
- Diego Maggio: profumi, aromi e sapori siculo-panteschi - 09/05/2019 08:15:34
- Regius, omaggio allo stupor mundi Federico II di Svevia - 03/05/2019 07:38:01
- Sentiero della Libertà, per tenere viva la Memoria - 01/05/2019 20:05:09
- Caccamo (PA), borgo di storia, arte, cultura - 28/04/2019 06:50:10
- C'era una volta Iato: omaggio dei ragazzi all'antica Iato - 23/04/2019 22:40:32
- U Pani ri Murriali: il pane genuino di una volta - 16/04/2019 17:20:40
- Recanati (MC): L'Infinito di Leopardi compie 200 anni - 13/04/2019 16:51:43
- A Camo (CN) torna PrimaVeraRegia - 11/04/2019 17:17:36
- Ivano Dionigi: Lucrezio, Seneca e noi - 04/04/2019 23:33:23
- Luca Mancini: Il caso dell'Ungheria di Horthy - 09/04/2019 19:14:05
- Il Foscolo di Albano (RM) trionfa al Festival Thauma - 30/03/2019 20:22:23
- Sotto il segno dei pesci: Camaiani celebra la Grecia - 28/03/2019 17:13:29
- Guido Cossard, viaggio nel mondo dell'Archeoastronomia - 25/03/2019 10:47:16
- Rosanna Oliva de Conciliis, una vita per la Parità - 17/03/2019 08:14:51
- Donna o Dea: le raffigurazioni femminili in Sardegna tra passato e pre - 02/03/2019 20:50:25
- Giorgio Ieranò: l'arcano fascino delle isole dell'Egeo - 25/02/2019 09:19:48
- Dea e Femminismo alla Roma Goddess Conference - 21/02/2019 09:10:27
- Elena Ianni: le feste e i falò del Messico - 17/02/2019 19:18:44
- Roma: l'olio d'oliva al Premio Filo della Torre - 15/02/2019 17:02:24
- I giovani attori del Foscolo alla Giornata del Greco - 06/02/2019 17:24:33
- La Penisola del Sinis (OR) tra storia, archeologia e natura - 29/01/2019 17:38:31
- King Camp Gillette: Il Turbine Umano - 19/01/2019 11:59:30
- Barumini (VS), archeologia, storia, cultura nel cuore della Sardegna - 14/01/2019 10:46:56
- Morena Luciani Russo: la ricerca della Dea e lo sciamanesimo - 09/01/2019 06:28:02
- Maurizio Bettini: Il Presepio, storia di un simbolo - 21/12/2018 08:22:38
- Venezia: Idoli, il potere dell'immagine - 12/12/2018 18:57:46
- Simona Modeo, Dioniso in Sicilia - 06/12/2018 17:48:35
- Violette Sauvage a Palazzo Colonna (RM) - 03/12/2018 07:01:13
- Pomezia (RM): Premio Donna d'Autore 2018 - 30/11/2018 06:37:50
- Massimo Blasi, l'incredibile storia degli imperatori romani - 28/11/2018 10:26:59
- Fabio Isman: 1938, l'Italia razzista - 25/11/2018 07:30:10
- Sacrum, lo Stabat Mater di Rossini all'Aracoeli di Roma - 22/11/2018 16:42:46
- Oriana Dal Bosco: il misterioso fascino del Nord Africa - 20/11/2018 17:17:03
- Natale inCHIOSTRO a Monastero di Dronero (CN) - 17/11/2018 07:53:51
- All'Alba Radians di Albano (RM): l'Ecuba di Euripide - 15/11/2018 16:59:16
- Autunno d'Autore a Ruralia, Conosci tu il paese dove... - 13/11/2018 18:40:36
- Marella Giovannelli, una vita tra giornalismo, fotografia e poesia - 09/11/2018 10:04:37
- Daniela Dao Ormena: Le radici chiamano, dolci melodie della Valle Mair - 30/10/2018 13:32:22
- Gli antichi pani di Sardegna protagonisti a Buddusò - 17/10/2018 14:23:34
- Torna a Lanuvio (RM) l'antico rituale della Maza - 04/10/2018 20:39:44
- Nonna Tommy, raccontaci ancora... - 02/10/2018 07:16:37
- A Buddusò (SS) torna Artes in Carrera - 30/09/2018 06:56:22
- Al Museo Africano di Verona la danza degli spiriti - 27/09/2018 00:12:36
- A. Cossard: Archeoastronomy, la prima app di archeoastronomia - 24/09/2018 09:21:18
- Firenze, Viaggio nell'altro e nell'altrove in ricordo di Paolo Grazios - 19/09/2018 08:31:44
- Lanuvio (RM): Buon compleanno, Antonino Pio! - 10/09/2018 06:04:22
- Raffaella De Sanctis, tra scuola e ricerca - 04/09/2018 17:45:49
- Màn. Vietnam Street Heroines in mostra al MAO (TO) - 26/08/2018 10:25:13
- Alessandra Comneno, una vita a contatto con la saggezza dei Nativi - 12/08/2018 19:38:51
- MAO (TO), ORIENTI. 7000 anni di arte asiatica dal Museo delle Civiltà - 07/08/2018 06:17:08
- Senorbì (CA), al MADN La Dea di Turriga, il mistero di un’icona senza - 01/08/2018 07:38:49
- Silvia Tenderini, una vita tra viaggi, ricerche e scrittura - 24/07/2018 19:40:34
- A Villa Giulia (Roma) la Scuola di Archeoastronomia 2018 - 19/07/2018 06:39:50
- Gabriella Mosso, I miei, i tuoi, i nostri - 17/07/2018 05:54:30
- Tagliacozzo (AQ), Festival Internazionale di Mezza Estate - 12/07/2018 06:39:05
- Franco Campus, Nuragici - un Territorio, un'Isola, il Mediterraneo - 09/07/2018 22:21:30
- Carmagnola (TO): Donne e Madonne nell’Arte dal XV secolo ad oggi - 04/07/2018 21:53:04
- Per una rinascita socio-culturale dei borghi della Valle dell'Amaseno - 25/06/2018 07:25:04
- Capalbio (GR), vacanza-laboratorio di Spiritualità Femminile con Devan - 22/06/2018 20:30:12
- Nicola Castangia, Ercole Contu e la scoperta della Tomba dei Vasi Tetr - 18/06/2018 06:44:49
- Castelfidardo (AN): gli studenti del Meucci per la valorizzazione del - 10/06/2018 17:30:57
- Papa Wojtyla in Comelico e in Cadore: il ricordo e l'emozione 30 anni - 27/05/2018 16:40:51
- Scrittori alla scoperta del mondo, una mostra sulla letteratura di via - 22/05/2018 06:00:18
- In viaggio tra le pagine di Elena Dak - 18/05/2018 09:31:20
- Convegno Internazionale contro Terrorismo, radicalizzazione e violenza - 08/05/2018 06:02:05
- Olimpia Biasi, la Viriditas di Ildegarda in mostra all'Hortu - 25/04/2018 15:09:19
- Con Marco Grippa alla scoperta del fascino segreto di Tagikistan e Kir - 18/04/2018 18:40:04
- Da Maenza a Fossanova sulle orme di San Tommaso d'Aquino - 13/04/2018 13:59:02
- Pierluigi Montalbano: l'alba della civiltà sarda - 10/04/2018 14:08:20
- Donne, Madri, Dee: la rappresentazione del femminile in mostra a Udine - 07/04/2018 07:14:26
- In mostra a Milano gli scavi di Achille Vogliano nel Fayum - 28/03/2018 18:52:37
- Sulle tracce della Dea: Viaggio nel Grembo della Storia - 17/03/2018 16:44:27
- Nadia Tarantini: Quando nascesti tu, stella lucente - 05/03/2018 21:14:35
- L'epopea dei Longobardi in mostra al MANN - 26/02/2018 10:45:11
- Verso il contratto di fiume dell'Amaseno - 22/02/2018 11:55:38
- Inside, la nuova collezione di Vittorio Camaiani - 11/02/2018 22:27:58
- Alla scoperta del matriarcato di Bali con Bruna Rotunno - 04/02/2018 13:48:05
- Giornata della Memoria, per non dimenticare - 25/01/2018 18:06:41
- Viaggio nei segreti della bellezza del corpo femminile - 21/01/2018 21:30:48
- Ildegarda di Bingen, maestra di sapienza nel suo tempo e oggi - 10/01/2018 22:22:54
- Selene Calloni: l'arte della ribellione zen per vincere la paura - 05/01/2018 22:57:08
- MANN: grande successo per la mostra sull'America precolombiana - 28/12/2017 14:29:51
- 2018 per Katike: i calendari di ...non lasciamoli soli - 19/12/2017 22:15:21
- Maenza: La rete dei cammini della Valle dell’Amaseno - 12/12/2017 22:31:25
- Al Convivium di Fiuggi i Pensieri sparsi di Daniela Gariglio - 07/12/2017 08:47:07
- Napoli: Il Natale dei 100 Alberi d’Autore - 03/12/2017 09:41:27
- Le donne dei Longobardi: urban-trekking con Michela Zucca - 28/11/2017 13:46:59
- San Martino di Stroppo: piccolo gioiello delle Valli Cuneesi - 24/11/2017 06:54:30
- Signa del Alma: per dire No alla violenza sulle donne - 19/11/2017 08:32:53
- Il nuovo romanzo di Maristella Lippolis: Raccontami tu - 07/11/2017 16:56:46
- Mama Africa: la maternità nell'arte africana - 03/11/2017 11:20:04
- Violette Sauvage: il vintage chic a Palazzo Colonna - 28/10/2017 11:28:12
- Il patrimonio archeologico del Lazio alla BMTA di Paestum - 26/10/2017 15:31:12
- Templari. Dal ducato di Puglia e Calabria, all’Italia del III Millenni - 22/10/2017 17:10:52
- Archeologia ferita: Volti di Palmira ad Aquileia - 11/10/2017 08:02:26
- Giancarlo Sani: alla scoperta delle incisioni rupestri toscane - 03/10/2017 13:36:14
- ... non lasciamoli soli: il progetto per il Nepal di Ilario Sedrani - 26/09/2017 08:24:26
- Giuliana Borghesani: La Maledizione della Liberta - 22/09/2017 14:28:02
- L'uomo, il Cancro del Pianeta - 04/09/2017 20:15:53
- Le caverne delle donne: la grotta di San Colombano - 25/08/2017 17:49:53
- Le figlie sono come le Madri: Donne lungo la Via della Seta - 30/08/2017 12:56:24
- Nemi: tornano i Nemoralia in onore della Dea Diana - 08/08/2017 17:21:44
- Donne e medicina: quale futuro per la medicina di genere? - 05/08/2017 08:48:58
- Arkeotrekking in Trentino: Sui sentieri delle Madri Antiche II - 31/07/2017 08:27:43
- Piero Verni: Tulku, viaggio nel cuore mistico della civiltà tibetana - 25/07/2017 07:11:56
- Ugo Mancini: ragioni e vicende degli antifascisti a Roma e nei Castell - 07/07/2017 18:23:52
- Festival di Tagliacozzo: conferenza stampa di presentazione a Palazzo - 05/07/2017 06:55:48
- Cuneo: Il lato nascosto delle Alpi - 04/07/2017 06:11:40
- Come con gli occhi dei bambini di Terezin - 28/06/2017 21:43:19
- Baby Giulia, storia di un'adolescenza rubata - 18/06/2017 13:18:11
- Francesca D'Amico: le donne nella tradizione contadina abruzzese - 11/06/2017 16:01:53
- Tutela e valorizzazione del patrimonio rurale nel Lazio - 07/06/2017 18:43:20
- Fiume che cammina. Transumanza dall’Adriatico al Lagorai - 03/06/2017 08:02:51
- Roma: VI raduno dei Linfoamici - 01/06/2017 14:32:42
- Atlantide, dal mito alla storia: intervista ad Alessandra Murgia - 20/05/2017 08:13:47
- Ignazio Didu: I Greci e la Sardegna. Il mito e la storia - 12/05/2017 09:18:37
- Sacra Nemora: la cultura del sacro in mostra a Lanuvio - 07/05/2017 23:09:38
- Pizzo d’Irlanda, merletto e ricamo protagonisti sul lago Trasimeno - 02/05/2017 07:59:39
- Arkeotrekking in Trexenta: Le Antiche Madri dei Monti e del Mare - 25/04/2017 19:47:13
- Le donne e il sapere medico-erboristico: un binomio da riscoprire - 07/04/2017 21:29:15
- Linfoamici a Venezia - 30/03/2017 18:13:31
- Com'è giusto che sia: il nuovo thriller di Marina Di Guardo - 29/03/2017 10:34:04
- Herbarie: le chiamavano Streghe - 24/03/2017 21:01:03
- Devana: il risveglio della spiritualità nativa dell'Antica Europa - 17/03/2017 18:33:42
- Andrea Loddo: l'archeologia sperimentale per comprendere le ancestrali - 11/02/2017 20:01:00
- Alla scoperta dell'origine genetica dei Sardi con il prof. Francala - 03/02/2017 08:01:01
- Diego Manzi: viaggio nel cuore della tradizione indiana - 28/01/2017 10:24:25
- Barbara Bonomi Romagnoli: storie di insette felici - 25/01/2017 23:15:02
- Alberto Pattini: Poesia del Trentino. La melodia della Grande Madre - 19/01/2017 21:24:29
- Rinascere dalle distruzioni. Ebla, Nimrud, Palmira - 12/01/2017 21:25:10
- Nori Corbucci: Marta Marzotto, una vita da ricordare - 05/01/2017 00:02:59
- La Sardegna antica nel cuore del Mediterraneo - 30/12/2016 01:04:16
- Sardegna nuragica e falso mistero della lingua etrusca con il linguist - 03/01/2017 07:32:46
- La Stirpe del Sole: una Medea inedita nell'ultimo romanzo di Giuliana - 23/12/2016 14:12:50
- Al Castello di Scilla i Popoli del Mare di Oreste Kessel Pace - 16/12/2016 12:53:26
- SACRUM: concerto dedicato a Papa Francesco all'Aracoeli - 08/12/2016 10:18:48
- Paola Biato: Viaggio nel mondo della Psicofiaba - 04/12/2016 19:28:59
- Il viaggio. Alchimie e Passioni: a Venezia la personale di Irene Manen - 29/11/2016 08:13:34
- Il Natale dei 100 alberi d’autore - 28/11/2016 20:22:54
- Carlo Buldrini: Pellegrinaggio buddhista - 16/11/2016 08:32:43
- A Spazio Mater l'arte digitale di Michele Grimaldi - 13/11/2016 19:50:50
- Gigantes de Perdas: alla scoperta dei nuraghi sardi - 04/11/2016 07:54:20
- Ivo Nardi: Riflessioni sul senso della vita - 24/10/2016 08:27:11
- Fabrizio Manzetti: Nascosti davanti a tutti - 18/10/2016 00:13:25
- Bambine e bambini: divino gioco di pace nel mondo - 28/10/2016 08:24:38
- La Danza degli Archetipi: alle radici del linguaggio simbolico - 13/10/2016 22:41:28
- Alla scoperta dei Fiori di Bach con Gerardo Chirò - 09/10/2016 08:44:23
- Sardegna: curiosità, aneddoti e misteri sardi con Gianmichele Lisai - 04/10/2016 06:59:28
- Roma per Amatrice: Concerto di Beneficenza - 25/09/2016 15:45:16
- Sulle tracce dell' archeologia dell'evanescente con Paola Di Si - 22/09/2016 15:21:18
- Sebastiano Brocchi: alchimia, esoterismo, simbologia sacra e mistero - 18/09/2016 08:55:07
- Milano: appuntamento per il World Lymphoma Awareness Day - 13/09/2016 07:41:13
- Sulla via degli sciamani del Sudamerica con Stefano Lioni - 29/08/2016 08:00:22
- Sulle orme dei Moso con l'antropologa Francesca Rosati Freeman - 16/08/2016 07:13:59
- Sui sentieri dei luoghi di culto della Grande Dea con Luisella Veroli - 11/08/2016 08:48:06
- Un Altro Mondo per i Diritti della Pachamama - 27/07/2016 07:32:44
- Alessandra Di Gesù: viaggio nelle Tradizioni Misteriche del Mediterran - 05/07/2016 08:00:50
- Abbracci gratis contro il linfoma: a Roma il V raduno dei Linfoami - 31/05/2016 23:23:59
- Out of Tibet: il foto-racconto della diaspora tibetana sbarca a Roma - 23/05/2016 00:04:09
- Il Canto delle Sirene in mostra a Bologna - 22/05/2016 10:02:01
- La cultura dei Moso arriva al Ramadù di Cisterna - 16/04/2016 21:08:59
- Donne e scienza: un binomio per troppo tempo ignorato - 24/03/2016 07:51:18
- Suffragette 2.0: approda al Peano di Roma - 14/03/2016 22:06:13
- Palazzo Visconti: Alta Moda della Sartoria Angela - 09/03/2016 08:47:43
- Il respiro profondo di una Nuova Era - 04/03/2016 14:17:21
- Festa grande per i 35 anni di attività di Erno Rossi - 01/03/2016 14:29:34
- I Sentieri della Terra: come restituire vita e dignità alla Mad - 20/02/2016 09:06:03
- Le remote origini del tatuaggio con l'antropologa Michela Zucca - 23/01/2016 09:46:08
- Mantra Madre e Il profumo della luna: libri per il risveglio dell'anim - 24/12/2015 10:37:15
- Roma: il Rito del Grembo - 12/12/2015 00:42:29
- Alla scoperta delle vere origini di Halloween con Monica - 31/10/2015 20:24:53
I COMMENTI RELATIVI ALL'ARTICOLO
Invia un commento alla Redazione
Email
Nome e Cognome
Messaggio
Gentile lettore, prima di inviare il Suo messaggio:

compilare il codice di sicurezza sottostante copiando l'immagine raffigurata;

CAPTCHA 
cambia codice

inserisci codice



Per pubblicare, in fondo all'articolo, il suo commento selezionare il pulsante sottostante.

Pubblicazione
  Si    solo nome
  Si    nome e cognome
  No


Grazie della collaborazione.

© 2014 - ftNews è una testata di libera informazione.