Redazione     Informativa     Link  

Caprera: Compendio Garibaldino e vita privata di Giuseppe Garibaldi

mercoledì, 03 agosto 2022 17:45

condividi su facebook
La Casa Bianca di Garibaldi, facciata principale, lato cortile, incorniciata dal pino che il Generale piantò il 16 febbraio 1867, in onore della nascita della figlia Clelia.
Dal nostro inviato
Francesca Bianchi
A Caprera, nel verde rigoglioso della vegetazione mediterranea, circondata dal mare incontaminato dell'arcipelago di La Maddalena, sorge la casa di Giuseppe Garibaldi. A partire dagli anni '70 del secolo scorso l'abitazione è stata aperta come Compendio Garibaldino Si tratta di un luogo di straordinaria bellezza in cui è ricostruita in maniera rigorosa la vita intima di uno dei personaggi più celebri dell’Ottocento. A Caprera Garibaldi visse dal 1856 al 1882, anno della morte. Qui avviò la sua azienda agricola, coltivando personalmente l’orto, il frutteto, il vigneto e l'uliveto. Fu lui, nel 1867, in occasione della nascita della figlia Clelia, a piantare il maestoso pino che si può ammirare ancora oggi al centro del giardino. In questa dimensione bucolica visse momenti sereni, lontano dalla politica e dalle grandi imprese. A Caprera è sepolto, nel piccolo cimitero di famiglia.
Guidata da Giovanna Milia, assistente tecnico dei Musei Garibaldini, qualche settimana fa ho avuto il piacere di realizzare un reportage in questo luogo della memoria, alla scoperta della vita più intima e degli aspetti meno noti dell' "Eroe dei Due Mondi". La dott.ssa Milia ha rilasciato a FtNews una bella intervista in cui ha ripercorso la storia di questo posto tanto amato da Garibaldi. Ho visitato la celebre “Casa Bianca”, una dimora semplice, con stanze comunicanti e la camera in cui Garibaldi morì e da cui, nelle giornate più serene, lo sguardo può spaziare fino alla Corsica. Giovanna Milia ha affermato che la casa è stata concepita in funzione della disabilità di Garibaldi, un aspetto su cui i libri di storia non si soffermano molto. Garibaldi era disabile e non nascose mai la sua condizione: soffriva di artrite deformante, a cui si aggiunsero i postumi della ferita riportata in Aspromonte il 29 agosto 1862. La Milia ha parlato del mito di Garibaldi, dei suoi interessi, del rapporto con la fede, dell'amore per gli animali; si è soffermata su alcune curiosità relative alla vita che Garibaldi e la sua famiglia trascorsero a Caprera, facendo luce su multi aspetti sconosciuti dell'eroe del Risorgimento italiano.

Giovanna, ci racconti come e quando nacque il legame tra Caprera e Garibaldi. Quando decise di acquistare l'isola? Come si presentava originariamente la casa?
Garibaldi era il proprietario di buona parte dell'isola di Caprera. Aveva acquistato diversi lotti di terreno a partire dal 1855. Era stato a Caprera quasi casualmente nel 1849, quando, dopo la caduta della Repubblica Romana e la morte della prima moglie Anita, venne arrestato e mandato in esilio. Quando decise di acquistare un terreno in Sardegna, sondò prima la zona di Santa Teresa di Gallura, poi, viste le conoscenze che già aveva a La Maddalena, gli consigliarono di acquistare un terreno a Caprera. In uno di quei terreni esisteva un piccolo fabbricato, un rudere, che probabilmente un pastore corso utilizzò come ovile per i propri animali. Garibaldi lo ristrutturò e lo ampliò; con il legname portato da Nizza, sua città natale, costruì una casa di legno. A partire da quel momento si stabilì sull'isola. Nel frattempo iniziò la costruzione della cosiddetta "Casa Bianca", che si ispira molto alle facciate delle "fazende" sudamericane. Per costruire la casa è stato utilizzato il granito dissodato dal terreno. A partire dal 1861, dopo la spedizione dei Mille, ampliò il lato della casa che fino al 1959 è stato abitato da Clelia, la prima figlia avuta da Francesca Armosino e l'ultima a morire. Alla nascita di Clelia, avvenuta il 16 febbraio 1867, il Generale piantò un pino monumentale che ancora oggi si può ammirare.

Cosa sappiamo dell'azienda agricola che Garibaldi impiantò a Caprera?
Nel gennaio del '57, a seguito di un incidente con la sua imbarcazione, Garibaldi rinunciò all'attività marinara e si dedicò completamente all'agricoltura. Tra un'impresa e l'altra riuscì a impiantare un'azienda agricola. Incontrò più di qualche difficoltà, perché l'isola è sempre stata particolarmente rocciosa e non c'è mai stata acqua. Tutto ciò che si vede è macchia mediterranea, vegetazione spontanea: c'è il mirto, il lentischio, gli olivastri, alcuni olivi li ha piantati lui stesso. Qui a Caprera visse con la sua famiglia e una trentina di uomini, alcuni dei quali lo seguivano sin dai tempi dell'esilio sudamericano. Al fine di migliorare la qualità di vita a Caprera, si circondò di ingegneri, tecnici, personale qualificato. Tutto questo, mentre conduceva le imprese che noi conosciamo grazie ai libri di storia.

Riuscì ad avere anche l'acqua diretta all'interno dell'abitazione, una cosa eccezionale a quei tempi...
In un'isola in cui non c'era acqua, Garibaldi era riuscito ad avere acqua potabile diretta all'interno della sua abitazione. A quei tempi non era cosa da poco. Tutti questi miglioramenti sono arrivati con gli anni grazie al suo intuito e anche grazie ai consigli che riceveva dagli esperti. A Caprera, nel 1862, Garibaldi è stato il primo a possedere una macchina a vapore, che era un generatore di energia al cui interno c'era una caldaia.

L'ambiente che ospita la cucina era semplice, ma fornito di tutto. Cosa sappiamo delle abitudini alimentari di Garibaldi?
Garibaldi era di buona forchetta: seguiva una cucina semplice, contadina, con tante contaminazioni, a cominciare da quelle liguri, come il minestrone alla genovese e il pesto, passando per la cucina tradizionale gallurese, fino ad arrivare a quella sudamericana. Mangiava spesso la carne secondo l'uso argentino. Esternamente c'è un forno, una delle prime costruzioni ricavate nella roccia, che sfornava anche cinquanta pagnotte al giorno. Il pane si conservava per tutta la settimana. Il grano lo producevano loro; producevano tutto ciò che consumavano.
Scultura in marmo bianco di Carrara, realizzata dallo scultore Luigi Bistolfi nel 1883 e rappresentante il busto di Garibaldi; a sinistra si vede il primo mulino a vento costruito da Garibaldi a Caprera (1856 circa)
Oggi cosa è conservato all'interno dell'edificio che ospitava la stalla? Nella stalla, che ospitava le mucche e i cavalli, sono esposti tanti oggetti, nel tempo divenuti cimeli, molti dei quali avevano un'altra collocazione. Ci sono strumenti marinari e attrezzi agricoli. Due selle argentine, risalenti agli anni '40 dell'Ottocento, sono tra i cimeli più vecchi custoditi nella stalla. C'è anche una vasca da bagno che dice molto delle abitudini di Garibaldi, il quale soffriva di artrite deformante ed era un igienista: aveva l'abitudine di fare spesso bagni di acqua fredda o calda. Probabilmente faceva il bagno nella stalla perché l'ambiente era caldo, vista la presenza degli animali.

A Caprera si circondò di animali: cani, ma anche pecore e mucche, che servivano per la produzione di beni per la famiglia. Aveva un grande rispetto nei confronti di tutti gli animali...
Non bisogna dimenticare che Garibaldi è stato tra i soci fondatori dell'ENPA (Ente Nazionale Protezione Animali). Aveva una grande sensibilità nei confronti degli animali, anche per le api e gli insetti. A proposito di api, si dedicava anche all'apicoltura. Uno dei simboli del suo amore per gli animali è la cavalla che gli venne donata a Marsala dopo lo sbarco dei Mille, avvenuto l'11 maggio 1860. La cavalla l'ha accompagnato durante la spedizione dei Mille, lui poi l'ha portata a Caprera, facendola vivere in libertà tra gli altri animali. Quando morì, vecchissima, a 30 anni, Garibaldi la seppellì e gli dedicò una lapide, oggi custodita nella stalla.

Quali funzioni aveva la cosiddetta "Casa di ferro", in cui oggi è esposta una parte della biblioteca del Generale?
La "Casa di ferro" è rivestita di una particolare copertura di rame ondulato che protegge gli interni, tutti in legno. La casa gli è stata spedita tutta smontata da Londra; Garibaldi e i suoi amici l'hanno rimontata qui sull'isola. Inizialmente è stata utilizzata come casa d'appoggio per gli ospiti, poi come segreteria. Lui riceveva tanti pacchi postali, centinaia di migliaia di lettere. Accatastava la posta qui e lentamente, insieme ai suoi segretari, rispondeva alle numerose lettere. Ultimamente all'interno della "Casa di ferro", e in parte anche all'interno della "Casa Bianca", è stata allestita la biblioteca di Garibaldi, che possedeva migliaia di libri, una parte dei quali è stata venduta. Circa 3000 sono rimasti a Caprera.

Cosa ci dicono questi libri degli interessi di Garibaldi?
Da questi libri si capiscono gli interessi di Garibaldi. I libri più sfogliati sono quelli di agricoltura, apicoltura, letteratura; leggeva Foscolo e Dante, che spesso citava nei suoi discorsi pubblici. Tra l'altro, si dice che sul letto di morte avesse accanto a sé la Divina Commedia. Ci sono diverse raccolte dedicate all'astronomia, alla massoneria, all'emancipazione femminile; facevano parte della ricca biblioteca di Garibaldi anche molti libri sugli animali e alcuni volumi contro la pena di morte. Leggere per lui era un momento di riposo e di pace. Molti libri sono intonsi.

Garibaldi aveva seri problemi di deambulazione a causa dell'artrite deformante. Riceveva diversi ausili ortopedici direttamente dai vari produttori. La casa è stata costruita tenendo ben presente la disabilità del Generale, un aspetto che spesso molti ignorano...
La casa ha una planimetria con stanze intercomunicanti. Tutte ruotano intorno all'ambiente centrale, dove c'è la scala a chiocciola che conduce alla torretta e, quindi, alla terrazza. La casa è stata costruita con criterio e resa accessibile ai problemi motori di Garibaldi. Tanti produttori di ausili ortopedici del tempo erano particolarmente sensibili all'artrite deformante di cui Garibaldi soffriva già dai tempi dell'esilio in Sudamerica. Molti ausili ortopedici gli venivano regalati: lui li pubblicizzava; oggi diremmo che veniva usato come sponsor. Una carrozzina gli è stata spedita da Londra nel 1862-1863, dopo il ferimento sull'Aspromonte del 29 agosto 1862. Nel 1880 dalla ditta Baldinelli di Milano gli venne regalato un lettino che si trasforma in poltrona e lettiga. Una poltrona in pelle, regolabile in funzione dei suoi movimenti, gli venne donata nel 1877 dalla futura regina Margherita di Savoia. Gli storici hanno cercato quasi di nascondere questo lato, nonostante lui non avesse mai nascosto di soffrire di questa malattia degenerante, che peggiorava ogni volta che subiva delle ferite in battaglia.

Quanto alla vita privata di Garibaldi, è noto che ebbe moltissime donne. Quante mogli e quanti figli ha avuto?
Ha avuto tre mogli e otto figli. La prima moglie, Anita, è la più nota, considerata l'amore per eccellenza di Garibaldi. Anita gli ha dato quattro figli. È mancata prima che Garibaldi arrivasse a Caprera. Nella vita del Generale sono entrate moltissime donne. Ha avuto relazioni anche con donne straniere e una figlia nata da una relazione con una governante. Lui ha riconosciuto questa figlia, dandole il nome di Anita. Si è sposato una seconda volta, poco prima di partire per la spedizione dei Mille. A Como, infatti, conobbe la figlia illegittima del marchese Giorgio Raimondi Mantica Odescalchi, la marchesa Giuseppina Raimondi; nel giro di un mese i due si fidanzarono, ma il giorno stesso delle nozze Garibaldi scoprì che la nobildonna aspettava un figlio da un altro uomo. L'ha ripudiata, ma ha dovuto aspettare vent'anni per ottenere l'annullamento del matrimonio. Nel frattempo conobbe Francesca Armosino, astigiana, che aveva 40 anni meno di lui e arrivò a Caprera nel 1866 per fare da balia ai nipoti del Generale, figli di Teresita, che era quasi coetanea di Francesca. Fu lei ad accudirlo negli anni della malattia e ad assisterlo fino all'ultimo. Da lei ebbe gli ultimi figli: Clelia, Manlio e Rosa, che purtroppo morì a 18 mesi e fu la prima ad essere seppellita nel piccolo cimitero di famiglia.

La camicia rossa, diventata il simbolo dei garibaldini, è entrata nel mito. Qual è l'origine di questa divisa? Perché Garibaldi scelse camicie rosse per i suoi volontari?
Garibaldi curava sempre il suo aspetto: camicia rossa, jeans (è stato uno dei primi ad indossarli), il famoso "poncho", che ha conosciuto in Sudamerica e non ha mai smesso di indossare. Anche la camicia rossa è originaria del Sudamerica. Garibaldi doveva vestire il suo esercito di legionari italiani che combattevano per difendere la Repubblica dell’Uruguay dal dittatore argentino Juan Manuel de Rosas. Intercettò uno stock di camicie rosse destinate ai "saladeros", ossia ai macellai argentini. Il rosso doveva servire a confondere il sangue delle bestie macellate. Dopo vennero cucite appositamente per la spedizione dei Mille, quindi l'ultimo modello è stato adottato come divisa ufficiale dei Garibaldini.
Memoriale Giuseppe Garibaldi, scultura lamellare in corten. Fortezza di Arbuticci, Caprera
Quali cimeli sono esposti nella casa-museo di Giuseppe Garibaldi?
Esistono in Italia reliquie vere e proprie appartenute a Garibaldi: unghie, capelli, peli del ginocchio. Rientra tutto nel mito e nella leggenda sorti attorno alla sua figura. Al museo è esposto anche il calco originale della pallottola che ha ferito Garibaldi all'Aspromonte. Lo fecero eseguire i medici che estrassero la pallottola, al fine di studiare tutta la dinamica della ferita. Sono esposti fucili, sciabole, il mantello bianco, che si dice sia quello indossato quando ha incontrato a Teano il re Vittorio Emanuele e gli ha consegnato l'Italia del Sud.

Quando fu costruita l'ultima stanza di Garibaldi, quella che ospita il letto di morte?
Nel 1880 la moglie Francesca Armosino fece un regalo a Garibaldi, che aveva manifestato il desiderio di avere una finestra che gli permettesse una vista solo sul mare: fece ampliare la casa, aggiungendo una stanza per permettere al Generale di muoversi facilmente con la carrozzina. Venne costruito un corridoio per la camera matrimoniale, la cui porta era più larga; in questa maniera il Generale poteva passare agilmente. Garibaldi si fece posizionare un letto in questa stanza, proprio di fronte alla finestra che gli offriva la vista più bella. All'orizzonte, infatti, c'è la Corsica. Pare che il suo sguardo si perdesse nostalgicamente oltre la Corsica, rivolto forse a Nizza, sua città natale che Cavour cedette alla Francia, con grande dolore di Garibaldi, che tanto aveva lottato per unire l'Italia. In questa stanza c'è anche una piccola farmacia: non dimentichiamo che non esisteva il ponte di Caprera, quindi c'era bisogno di avere qui un piccolo pronto soccorso. Ci sono medicine e tanti prodotti a base di erbe. Tra i vari prodotti conservati, ci sono medicinali usati per trattare la gotta e i dolori causati dall'artrite. Il calendario è fermo alla data della sua morte: i familiari decisero di non sfogliarlo più e bloccarono anche le lancette dell'orologio.

Che rapporto aveva con la fede?
Aveva un pessimo rapporto con la Chiesa, ma aveva un suo credo, che era molto legato al rispetto della natura, delle piante, degli animali. Credeva in Dio, ma non nella Chiesa cattolica e nei preti.

Garibaldi è sepolto a Caprera, nel piccolo cimitero di famiglia. Chi riposa nelle altre tombe presenti nel cimitero? Cosa sappiamo delle ultime volontà del Generale?
La prima tomba è la tomba di Rosa, figlia di Francesca e sorella di Manlio e Clelia, morta a 18 mesi, quando Garibaldi era impegnato in Francia nell'ultima sua battaglia. Francesca decise di conservare la salma di questa figlia. Con una lettera annunciò a Garibaldi la morte della piccola. Lui al suo ritorno volle seppellirla a Caprera. Qualche anno dopo, all'età di 16 anni, morì Anita, la figlia avuta da una governante. Teresita è l'unica dei quattro figli avuti da Anita ad essere seppellita qui. La tomba del Generale è al centro. Garibaldi aveva espresso su un testamento più volte rivisto la volontà di essere cremato all'aperto su una pira. Voleva che una parte delle sue ceneri venisse custodita all'interno di un'urna di granito e che questa fosse posizionata vicino alle tombe delle figlie che già erano state seppellite qui. Quando Garibaldi spirò, la notizia della morte arrivò subito a Roma al Governo, così le sue volontà divennero di dominio pubblico. Il Governo non voleva che il corpo dell'eroe della patria andasse bruciato e disperso. La tendenza all'epoca era quella di conservare. Mentre si discuteva per prendere una decisione finale, il corpo di Garibaldi è stato sottoposto a un trattamento chimico per tardarne il processo di decomposizione. Il Governo spingeva perché il suo corpo fosse trasportato a Roma, in quanto voleva che i funerali di Stato fossero celebrati a Roma e il corpo venisse seppellito al Pantheon. I familiari tennero duro e l'8 giugno 1882, sei giorni dopo la sua morte, i funerali vennero celebrati a Caprera alla presenza di tante persone. Oltre a Rosa, ad Anita e a Teresita, nel piccolo cimitero di Caprera è sepolta la famiglia che ha vissuto qui nell'ultimo periodo: il figlio Manlio, morto nel 1900, Francesca Armosino, l'ultima moglie, morta nel 1923, e infine la figlia Clelia, morta nel 1959. Clelia è stata l'ultima dei figli di Garibaldi a morire; fino al 1959 ha potuto conoscere tutti i politici del tempo che venivano qui nelle grandi occasioni.

Veniamo a Forte Arbuticci, fortezza che dieci anni fa è stata trasformata nel Memoriale Giuseppe Garibaldi. Come è stato concepito e cosa rappresenta oggi il Forte? Come è strutturato? Il Memoriale è una fortezza militare costruita intorno al 1890, quando Garibaldi era già morto. In quegli anni tutta la Sardegna nord-occidentale, compreso l'arcipelago de La Maddalena, fu interessata da un importante progetto difensivo delle coste. Questo progetto ha visto la costruzione di molti fortini e altre opere difensive. Arbuticci è la zona che ha dato il nome al fortino. Con la ristrutturazione di Arbuticci, nel 2012 è stato aperto il Memoriale, che rappresenta un museo multimediale dedicato alla vita di Garibaldi, dalla nascita alla morte. Al Compendio, che rappresenta la casa di Garibaldi, vengono raccontate la sua intimità, la sua storia privata e pubblica. Al Memoriale, invece, viene amplificato tutto ciò che si legge sui libri di storia, ma in maniera moderna e coinvolgente: c'è una ricostruzione storica che si avvale di apparati multimediali, come proiezioni e strumenti vari che colpiscono la parte sensoriale. Un museo innovativo - il primo in Italia interamente dedicato ad una figura storica - che offre un viaggio virtuale nella vita e nelle imprese del Generale. I quattro corpi principali del forte sono divisi in tredici sezioni, ciascuna dedicata ad un periodo o ad un aspetto significativo della vita del Generale. Al loro interno circa duecento pezzi, fra opere e documenti, ripercorrono la sua vita, le sue gesta e il suo peregrinare nei cinque continenti. La maggior parte dei pezzi esposti appartiene alla raccolta del collezionista maddalenino Mario Birardi, con alcuni importanti documenti dall'archivio storico del Comune di La Maddalena. Dagli spalti si gode una meravigliosa vista sull’arcipelago e sulle coste della Corsica.
Mostra altri Articoli di questo autore
info@freetopnews.it
- Caprera: Compendio Garibaldino e vita privata di Giuseppe Garibaldi - 03/08/2022 17:45:34
- M'ammentu lu stazzu: la cultura degli stazzi nella mostra di Giuseppe - 26/07/2022 06:09:25
- Mieli Manias, la tradizione apistica più antica della Sardegna - 19/07/2022 06:47:54
- Sardo Sole, la Filiera del Grano Duro coltivato e trasformato in Sard - 12/07/2022 16:40:02
- Marella Giovannelli, Oltremare fra incontri e poesie - 03/07/2022 13:40:42
- Claudio Panaia: Caulonia, storia di una polis - 20/06/2022 06:49:06
- Silvana Cirillo: Tutto Pasolini, dalla A alla Z - 07/06/2022 10:39:03
- Francesca Saitta: Abitata dalla Fantasia - 01/06/2022 07:31:50
- Quartetto Cetra: la storia di un gruppo immortale - 24/05/2022 10:27:26
- Guido Guerrera: Franco Battiato, un mito senza tempo - 17/05/2022 09:10:25
- M’ammèntu lu stazzu: ad Arzachena una mostra fotografica sugli stazzi - 13/05/2022 07:51:08
- Adriano Teso: L’ABC per vivere bene - 09/05/2022 22:38:06
- Enzo Di Pasquale, Viaggio allo Zingaro - 02/05/2022 20:24:40
- Eric Salerno: Gerusalemme, la città culla delle grandi religioni - 24/04/2022 09:08:33
- Giovanni Zidda: Sas meres de su prantu, il rituale funerario di Orune - 13/04/2022 19:13:49
- Serri (SU): le radici agropastorali di un borgo del Sarcidano - 07/04/2022 18:01:42
- Adzovios a Luvula: a Milano una mostra su Lula - 25/03/2022 16:41:18
- Giuseppe Castellana, la Sicilia del Tardo Bronzo - 16/03/2022 10:06:27
- Dolores Turchi: Su Carrasecare, fascino e mistero di un rito ancestral - 01/03/2022 09:07:41
- Marco Peresani: Come eravamo, viaggio nell'Italia paleolitica - 24/02/2022 08:13:42
- Dora Marchese: l’Egitto nell’immaginario letterario italiano - 16/02/2022 16:56:33
- Michele Fresi: l'ultima Gallura, la storia degli stazzi narrata da un - 05/02/2022 09:51:36
- Nativi Americani, oggi: intervista a Raffaella Milandri - 03/01/2022 09:44:37
- Pasquale Pirodda, Balaiana vissuta nello stazzo - 28/12/2021 17:07:23
- Panificio Ciloche: l'arte del pane paulese - 19/12/2021 06:55:27
- Iride Peis: racconto, perché qualcosa di me resti - 08/12/2021 08:35:48
- Nabui, un'eccellenza del miele di Sardegna - 03/12/2021 08:21:25
- Petrarca, dal Secretum al regresso emotivo - 23/11/2021 08:13:54
- LabENur, il Nuragico da toccare con mano - 18/11/2021 16:25:18
- L’erba dell’oblio non cresce ad Arzachena - 04/11/2021 08:16:19
- Archeotour, da oltre trent'anni con il patrimonio culturale di Paulila - 21/10/2021 07:34:05
- Santa Cristina, simbolo millenario del culto delle acque - 13/10/2021 08:30:07
- Le vie de sos Pinnettos, alla scoperta della cultura pastorale sarda - 06/10/2021 09:22:20
- Giulio Gelardi: la manna, l'oro bianco delle Madonie - 30/09/2021 09:55:32
- Bergi, paradiso della biodiversità nel cuore delle Madonie - 22/09/2021 08:11:23
- Fondazione P.G. 5 Cuori, da Polizzi un omaggio alla Bellezza - 17/09/2021 07:46:06
- Francesca Fontanella: l'impero e la storia di Roma in Dante - 13/09/2021 08:42:45
- Tra cento miliardi di stelle: Montalbano Elicona ricorda Battiato - 09/09/2021 08:08:55
- Happy Glamping Madonie, il campeggio di lusso a 850 metri di quota - 06/09/2021 06:22:38
- La rinascita di Verbumcaudo, feudo di Polizzi sottratto alla mafia - 03/09/2021 05:57:50
- Il canto e il veleno: bucolici greci minori - 30/08/2021 07:22:33
- Angelo Merlino: le Madonie tra cultura, natura, geologia - 25/08/2021 06:18:50
- Baglio Bonsignore, vini di qualità nel territorio della Valle dei Temp - 11/08/2021 06:55:30
- Il Giardino della Kolymbetra, un gioiello nel cuore della Valle dei - 05/08/2021 06:33:00
- Archeologia, cinema, musica, teatro: l'estate della Valle dei Templi - 27/07/2021 06:44:21
- Val Paradiso: nel cuore della Sicilia, il miglior Olio IGP d'Italia - 20/07/2021 07:34:18
- Molino Ferrara: semole, farine e pasta di grani antichi siciliani - 14/07/2021 22:31:11
- La Donna e il Sacro: divinità femminili arcaiche nell'Abruzzo antico - 22/06/2021 09:03:47
- L’isola più bella: la Sicilia nella 'Biblioteca storica' di Diodoro Si - 09/06/2021 09:04:43
- Heinrich Schliemann a Napoli - 03/06/2021 07:09:16
- Rita Pirisi: l'agnello nella tradizione culinaria sarda - 27/05/2021 08:13:25
- Zungri: archeologia di un villaggio rupestre calabrese di epoca mediev - 26/04/2021 09:18:50
- Corleone, storia archeologica a fumetti - 19/04/2021 14:33:41
- Pupi Avati: il mio Dante, poeta forgiato dal dolore - 13/04/2021 10:18:09
- Massimiliano Finazzer Flory: Dante, per nostra fortuna - 26/03/2021 10:05:28
- Divina Sardegna, con il FAI alla scoperta dei luoghi legati alla Comme - 16/03/2021 09:55:54
- 8 Marzo: combattere le differenze per la parità di genere - 08/03/2021 07:24:27
- Ivano Dionigi: Segui il tuo demone - 05/03/2021 09:33:38
- La Musa Inquieta, il corto dedicato a Marta Marzotto - 23/02/2021 14:58:40
- Gabriele Gallo: ritratti alpini, racconti di un anno in montagna - 12/02/2021 16:50:51
- Giulio Guidorizzi: il mito immortale di Edipo ed Enea - 04/02/2021 08:00:35
- Laura Efrikian: tra Armenia e Africa, una vita all'insegna dell'amore - 29/01/2021 11:10:15
- Filomena Giannotti: Caproni, Il mio Enea - 20/01/2021 07:36:54
- Mamma Margherita: la mia Nadia, la forza dell'amore - 04/01/2021 17:57:43
- Anny Romand, mia nonna d'Armenia - 22/12/2020 07:09:20
- Giorgio Ieranò: I Greci e noi - 21/12/2020 07:17:10
- Pietro Pisciottu: L'Agnata, storia e memoria di uno stazzo gallurese - 14/12/2020 10:36:18
- Sopravvivere alla morte: la vita nelle iscrizioni funerarie latine - 07/12/2020 21:46:29
- Olivo: l'albero della civiltà - 05/12/2020 07:38:58
- Marida Lombardo Pijola: l'imperfezione delle madri - 25/11/2020 14:08:22
- Pietro Greco: Trotula, la prima donna medico d'Europa - 10/11/2020 08:28:11
- Gian Enrico Manzoni: la peste di Atene ai tempi del Covid - 29/10/2020 08:13:41
- Fiorenzo Caterini: ricostruzione della memoria in Sardegna - 23/10/2020 09:01:57
- Paolo Carboni: Tutt'a pedi - Alla scoperta del territorio di Aggius (S - 12/10/2020 10:44:57
- Agostino Asara, l'ultimo Patriarca degli stazzi galluresi - 06/10/2020 07:41:33
- Aggius (SS): storia, tradizioni, banditismo nel cuore della Gallura - 02/10/2020 06:54:06
- Tenuta Coda di Lupo, eccellenze sarde per un'agricoltura sostenibile - 22/09/2020 19:35:55
- Luigi Lehnus: Wilamowitz e il monte delle Muse - 15/09/2020 17:25:33
- Paola Mancini: viaggio nella storia di Loiri Porto San Paolo (SS) - 10/09/2020 18:14:11
- Alla scoperta dell'Area Marina Protetta di Tavolara (SS) con Augusto - 01/09/2020 21:32:17
- Giuseppe Festa: Ursula e Lupinella, orsi e lupi sulle montagne italian - 28/08/2020 07:59:34
- Pa punyat: con Antonio Masia alla scoperta delle eccellenze algheresi - 24/08/2020 08:51:11
- Sa Mandra, anima barbaricina nel cuore della Nurra - 19/08/2020 07:30:34
- Giuliano Dal Mas, una vita tra le Dolomiti - 13/08/2020 17:36:13
- Valle d'Aosta, presentata la XXIII edizione del Gran Paradiso Film Fe - 27/07/2020 19:42:54
- Irene Borgna: Louis Oreiller, il pastore di stambecchi - 20/07/2020 07:47:15
- Genzano, a Casa Mamre QUESTO MARE E’ PIENO DI VOCI - 16/07/2020 09:22:00
- Corrado Ruggeri, una vita in viaggio - 13/07/2020 07:30:17
- Lungo i sentieri del Cammino Ibleo con Nanni Di Falco - 06/07/2020 16:49:35
- Alla scoperta del nuraghe Majori di Tempio Pausania - 30/06/2020 07:39:09
- Lorenzo Braccesi: Olimpiade e Zenobia, quando il potere è donna - 24/06/2020 05:26:37
- Ove abitai fanciullo: a Recanati aprono le stanze private di Giacomo L - 15/06/2020 14:18:28
- I reperti assiri di Faida al premio mondiale in memoria di Khaled al-A - 08/06/2020 07:43:10
- Mauro Bonazzi: i Greci e il mistero dell'esistenza - 01/06/2020 07:22:54
- PandemicA, racconto corale per immagini - 21/05/2020 07:52:03
- Antonietta Langiu, la mia Isola - 08/05/2020 09:22:34
- Susanna Garavaglia: il risveglio della coscienza interiore - 29/04/2020 05:09:43
- Rosanna Raffaelli Ghedina: folclore, leggende e simboli delle Dolomiti - 16/04/2020 23:10:44
- Giorgio Murru: Spiriti e Dèi nella statuaria preistorica della Sardegn - 09/04/2020 13:50:32
- Una Maschera, un Volto, un Paese: il Carnevale in Sardegna - 07/03/2020 07:34:21
- Pe’ terre assaje luntane: al MANN l’emigrazione ischitana in America - 01/03/2020 19:33:00
- Thalassa: a Napoli le meraviglie sommerse dal Mediterraneo - 27/02/2020 23:09:38
- Nel segreto mare delle stelle di Marella Giovannelli - 25/02/2020 18:10:02
- Marcello Cabriolu, la Sardegna e il Mediterraneo Occidentale - 17/02/2020 21:27:55
- Erika Maderna, sulle tracce della medicina delle streghe e delle sant - 27/01/2020 06:48:31
- Federico Fellini: ironico, beffardo e centenario - 14/01/2020 07:56:24
- Pompei e Santorini, l'eternità in un giorno - 04/01/2020 08:29:04
- Andrea Icardi, un anno in Alta Valle Maira - 30/12/2019 14:15:42
- Archeologi italiani riportano alla luce i reperti assiri di Faida - 15/12/2019 09:45:07
- Augusto Mulas: l'orientamento astronomico dei nuraghi - 09/12/2019 19:01:03
- Margherita Massari: Ildegarda di Bingen, Sibilla e Dottore della Chies - 06/12/2019 09:18:37
- Il mito immortale di Cartagine in mostra a Roma - 04/12/2019 00:02:27
- Aquileia 2200. Porta di Roma verso i Balcani e l’Oriente - 29/11/2019 05:28:33
- Michele Porcaro: ASSTEAS - Storia del Vaso più bello del mondo - 19/11/2019 00:26:44
- Silvia Romani: credenze, miti e dei degli antichi - 11/11/2019 13:10:02
- All'Alba Radians di Albano (RM) il Filottete di Sofocle - 06/11/2019 16:36:58
- Mulino della Riviera di Dronero (CN), una storia firmata Cavanna - 29/10/2019 18:50:24
- Galluras, il Museo della Femina Agabbadòra - 22/10/2019 07:00:03
- Ugo Mancini: Sotto la cenere, storie di vita quotidiana durante il ven - 10/10/2019 20:51:11
- Alessandra Derriu: streghe, indovine e curatrici nella Sardegna del '7 - 04/10/2019 07:06:18
- Giuseppe Vito Internicola: Castellammare del Golfo, alle origini di un - 29/09/2019 18:15:59
- Città della Pieve (PG) si prepara ad accogliere Il Nostro Tempo - 25/09/2019 15:20:51
- Uno spazio per le Donne: alla scoperta del mondo femminile sardo e non - 23/09/2019 08:37:50
- Olmedo (SS), storia, tradizioni, folklore - 21/09/2019 09:21:49
- Silvia Giorcelli Bersani: I Romani e le Alpi - 16/09/2019 14:05:54
- Rossella Giglio: Segesta, tra teatro, musica, natura - 08/08/2019 15:56:16
- Enrico Caruso: la rinascita di Selinunte - 01/08/2019 14:29:05
- Lucina Gandolfo: alla scoperta di Monte Iato - 31/07/2019 07:33:07
- Sulle spiagge pontine tornano i Racconti di Sabaudia - 30/07/2019 08:47:45
- Tagliacozzo (AQ): XXXV Festival Internazionale di Mezza Estate - 22/07/2019 14:36:02
- Civiltà del sole: l'archeoastronomia nella Sicilia preistorica - 19/07/2019 07:30:13
- Cristina Muntoni, il potere delle parole nella storia della sacralità - 15/07/2019 18:12:54
- Francesco Bianco, un cammino tra verità nascoste - 13/07/2019 06:58:14
- Filippo Drago, mugnaio siciliano fra tradizione e modernità - 09/07/2019 07:28:20
- Con la KERNOS alla scoperta di Castellammare del Golfo - 02/07/2019 18:17:21
- Per una rinascita di Castelvetrano, città d'arte, storia, cultura - 27/06/2019 18:13:44
- Marinella Fiume: sapienza, virtù e misteri dell'universo simbolico fem - 11/06/2019 19:04:31
- Stefano Pucci: le incisioni rupestri delle Alpi Apuane - 07/06/2019 09:24:59
- Albano (RM), al via la Rassegna del Teatro Antico - 26/05/2019 18:33:37
- Max Dashu: Streghe e pagane, le donne nella cultura popolare europea - 14/05/2019 07:18:46
- Diego Maggio: profumi, aromi e sapori siculo-panteschi - 09/05/2019 08:15:34
- Regius, omaggio allo stupor mundi Federico II di Svevia - 03/05/2019 07:38:01
- Sentiero della Libertà, per tenere viva la Memoria - 01/05/2019 20:05:09
- Caccamo (PA), borgo di storia, arte, cultura - 28/04/2019 06:50:10
- C'era una volta Iato: omaggio dei ragazzi all'antica Iato - 23/04/2019 22:40:32
- U Pani ri Murriali: il pane genuino di una volta - 16/04/2019 17:20:40
- Recanati (MC): L'Infinito di Leopardi compie 200 anni - 13/04/2019 16:51:43
- A Camo (CN) torna PrimaVeraRegia - 11/04/2019 17:17:36
- Ivano Dionigi: Lucrezio, Seneca e noi - 04/04/2019 23:33:23
- Luca Mancini: Il caso dell'Ungheria di Horthy - 09/04/2019 19:14:05
- Il Foscolo di Albano (RM) trionfa al Festival Thauma - 30/03/2019 20:22:23
- Sotto il segno dei pesci: Camaiani celebra la Grecia - 28/03/2019 17:13:29
- Guido Cossard, viaggio nel mondo dell'Archeoastronomia - 25/03/2019 10:47:16
- Rosanna Oliva de Conciliis, una vita per la Parità - 17/03/2019 08:14:51
- Donna o Dea: le raffigurazioni femminili in Sardegna tra passato e pre - 02/03/2019 20:50:25
- Giorgio Ieranò: l'arcano fascino delle isole dell'Egeo - 25/02/2019 09:19:48
- Dea e Femminismo alla Roma Goddess Conference - 21/02/2019 09:10:27
- Elena Ianni: le feste e i falò del Messico - 17/02/2019 19:18:44
- Roma: l'olio d'oliva al Premio Filo della Torre - 15/02/2019 17:02:24
- I giovani attori del Foscolo alla Giornata del Greco - 06/02/2019 17:24:33
- La Penisola del Sinis (OR) tra storia, archeologia e natura - 29/01/2019 17:38:31
- King Camp Gillette: Il Turbine Umano - 19/01/2019 11:59:30
- Barumini (VS), archeologia, storia, cultura nel cuore della Sardegna - 14/01/2019 10:46:56
- Morena Luciani Russo: la ricerca della Dea e lo sciamanesimo - 09/01/2019 06:28:02
- Maurizio Bettini: Il Presepio, storia di un simbolo - 21/12/2018 08:22:38
- Venezia: Idoli, il potere dell'immagine - 12/12/2018 18:57:46
- Simona Modeo, Dioniso in Sicilia - 06/12/2018 17:48:35
- Violette Sauvage a Palazzo Colonna (RM) - 03/12/2018 07:01:13
- Pomezia (RM): Premio Donna d'Autore 2018 - 30/11/2018 06:37:50
- Massimo Blasi, l'incredibile storia degli imperatori romani - 28/11/2018 10:26:59
- Fabio Isman: 1938, l'Italia razzista - 25/11/2018 07:30:10
- Sacrum, lo Stabat Mater di Rossini all'Aracoeli di Roma - 22/11/2018 16:42:46
- Oriana Dal Bosco: il misterioso fascino del Nord Africa - 20/11/2018 17:17:03
- Natale inCHIOSTRO a Monastero di Dronero (CN) - 17/11/2018 07:53:51
- All'Alba Radians di Albano (RM): l'Ecuba di Euripide - 15/11/2018 16:59:16
- Autunno d'Autore a Ruralia, Conosci tu il paese dove... - 13/11/2018 18:40:36
- Marella Giovannelli, una vita tra giornalismo, fotografia e poesia - 09/11/2018 10:04:37
- Daniela Dao Ormena: Le radici chiamano, dolci melodie della Valle Mair - 30/10/2018 13:32:22
- Gli antichi pani di Sardegna protagonisti a Buddusò - 17/10/2018 14:23:34
- Torna a Lanuvio (RM) l'antico rituale della Maza - 04/10/2018 20:39:44
- Nonna Tommy, raccontaci ancora... - 02/10/2018 07:16:37
- A Buddusò (SS) torna Artes in Carrera - 30/09/2018 06:56:22
- Al Museo Africano di Verona la danza degli spiriti - 27/09/2018 00:12:36
- A. Cossard: Archeoastronomy, la prima app di archeoastronomia - 24/09/2018 09:21:18
- Firenze, Viaggio nell'altro e nell'altrove in ricordo di Paolo Grazios - 19/09/2018 08:31:44
- Lanuvio (RM): Buon compleanno, Antonino Pio! - 10/09/2018 06:04:22
- Raffaella De Sanctis, tra scuola e ricerca - 04/09/2018 17:45:49
- Màn. Vietnam Street Heroines in mostra al MAO (TO) - 26/08/2018 10:25:13
- Alessandra Comneno, una vita a contatto con la saggezza dei Nativi - 12/08/2018 19:38:51
- MAO (TO), ORIENTI. 7000 anni di arte asiatica dal Museo delle Civiltà - 07/08/2018 06:17:08
- Senorbì (CA), al MADN La Dea di Turriga, il mistero di un’icona senza - 01/08/2018 07:38:49
- Silvia Tenderini, una vita tra viaggi, ricerche e scrittura - 24/07/2018 19:40:34
- A Villa Giulia (Roma) la Scuola di Archeoastronomia 2018 - 19/07/2018 06:39:50
- Gabriella Mosso, I miei, i tuoi, i nostri - 17/07/2018 05:54:30
- Tagliacozzo (AQ), Festival Internazionale di Mezza Estate - 12/07/2018 06:39:05
- Franco Campus, Nuragici - un Territorio, un'Isola, il Mediterraneo - 09/07/2018 22:21:30
- Carmagnola (TO): Donne e Madonne nell’Arte dal XV secolo ad oggi - 04/07/2018 21:53:04
- Per una rinascita socio-culturale dei borghi della Valle dell'Amaseno - 25/06/2018 07:25:04
- Capalbio (GR), vacanza-laboratorio di Spiritualità Femminile con Devan - 22/06/2018 20:30:12
- Nicola Castangia, Ercole Contu e la scoperta della Tomba dei Vasi Tetr - 18/06/2018 06:44:49
- Castelfidardo (AN): gli studenti del Meucci per la valorizzazione del - 10/06/2018 17:30:57
- Papa Wojtyla in Comelico e in Cadore: il ricordo e l'emozione 30 anni - 27/05/2018 16:40:51
- Scrittori alla scoperta del mondo, una mostra sulla letteratura di via - 22/05/2018 06:00:18
- In viaggio tra le pagine di Elena Dak - 18/05/2018 09:31:20
- Convegno Internazionale contro Terrorismo, radicalizzazione e violenza - 08/05/2018 06:02:05
- Olimpia Biasi, la Viriditas di Ildegarda in mostra all'Hortu - 25/04/2018 15:09:19
- Con Marco Grippa alla scoperta del fascino segreto di Tagikistan e Kir - 18/04/2018 18:40:04
- Da Maenza a Fossanova sulle orme di San Tommaso d'Aquino - 13/04/2018 13:59:02
- Pierluigi Montalbano: l'alba della civiltà sarda - 10/04/2018 14:08:20
- Donne, Madri, Dee: la rappresentazione del femminile in mostra a Udine - 07/04/2018 07:14:26
- In mostra a Milano gli scavi di Achille Vogliano nel Fayum - 28/03/2018 18:52:37
- Sulle tracce della Dea: Viaggio nel Grembo della Storia - 17/03/2018 16:44:27
- Nadia Tarantini: Quando nascesti tu, stella lucente - 05/03/2018 21:14:35
- L'epopea dei Longobardi in mostra al MANN - 26/02/2018 10:45:11
- Verso il contratto di fiume dell'Amaseno - 22/02/2018 11:55:38
- Inside, la nuova collezione di Vittorio Camaiani - 11/02/2018 22:27:58
- Alla scoperta del matriarcato di Bali con Bruna Rotunno - 04/02/2018 13:48:05
- Giornata della Memoria, per non dimenticare - 25/01/2018 18:06:41
- Viaggio nei segreti della bellezza del corpo femminile - 21/01/2018 21:30:48
- Ildegarda di Bingen, maestra di sapienza nel suo tempo e oggi - 10/01/2018 22:22:54
- Selene Calloni: l'arte della ribellione zen per vincere la paura - 05/01/2018 22:57:08
- MANN: grande successo per la mostra sull'America precolombiana - 28/12/2017 14:29:51
- 2018 per Katike: i calendari di ...non lasciamoli soli - 19/12/2017 22:15:21
- Maenza: La rete dei cammini della Valle dell’Amaseno - 12/12/2017 22:31:25
- Al Convivium di Fiuggi i Pensieri sparsi di Daniela Gariglio - 07/12/2017 08:47:07
- Napoli: Il Natale dei 100 Alberi d’Autore - 03/12/2017 09:41:27
- Le donne dei Longobardi: urban-trekking con Michela Zucca - 28/11/2017 13:46:59
- San Martino di Stroppo: piccolo gioiello delle Valli Cuneesi - 24/11/2017 06:54:30
- Signa del Alma: per dire No alla violenza sulle donne - 19/11/2017 08:32:53
- Il nuovo romanzo di Maristella Lippolis: Raccontami tu - 07/11/2017 16:56:46
- Mama Africa: la maternità nell'arte africana - 03/11/2017 11:20:04
- Violette Sauvage: il vintage chic a Palazzo Colonna - 28/10/2017 11:28:12
- Il patrimonio archeologico del Lazio alla BMTA di Paestum - 26/10/2017 15:31:12
- Templari. Dal ducato di Puglia e Calabria, all’Italia del III Millenni - 22/10/2017 17:10:52
- Archeologia ferita: Volti di Palmira ad Aquileia - 11/10/2017 08:02:26
- Giancarlo Sani: alla scoperta delle incisioni rupestri toscane - 03/10/2017 13:36:14
- ... non lasciamoli soli: il progetto per il Nepal di Ilario Sedrani - 26/09/2017 08:24:26
- Giuliana Borghesani: La Maledizione della Liberta - 22/09/2017 14:28:02
- L'uomo, il Cancro del Pianeta - 04/09/2017 20:15:53
- Le caverne delle donne: la grotta di San Colombano - 25/08/2017 17:49:53
- Le figlie sono come le Madri: Donne lungo la Via della Seta - 30/08/2017 12:56:24
- Nemi: tornano i Nemoralia in onore della Dea Diana - 08/08/2017 17:21:44
- Donne e medicina: quale futuro per la medicina di genere? - 05/08/2017 08:48:58
- Arkeotrekking in Trentino: Sui sentieri delle Madri Antiche II - 31/07/2017 08:27:43
- Piero Verni: Tulku, viaggio nel cuore mistico della civiltà tibetana - 25/07/2017 07:11:56
- Ugo Mancini: ragioni e vicende degli antifascisti a Roma e nei Castell - 07/07/2017 18:23:52
- Festival di Tagliacozzo: conferenza stampa di presentazione a Palazzo - 05/07/2017 06:55:48
- Cuneo: Il lato nascosto delle Alpi - 04/07/2017 06:11:40
- Come con gli occhi dei bambini di Terezin - 28/06/2017 21:43:19
- Baby Giulia, storia di un'adolescenza rubata - 18/06/2017 13:18:11
- Francesca D'Amico: le donne nella tradizione contadina abruzzese - 11/06/2017 16:01:53
- Tutela e valorizzazione del patrimonio rurale nel Lazio - 07/06/2017 18:43:20
- Fiume che cammina. Transumanza dall’Adriatico al Lagorai - 03/06/2017 08:02:51
- Roma: VI raduno dei Linfoamici - 01/06/2017 14:32:42
- Atlantide, dal mito alla storia: intervista ad Alessandra Murgia - 20/05/2017 08:13:47
- Ignazio Didu: I Greci e la Sardegna. Il mito e la storia - 12/05/2017 09:18:37
- Sacra Nemora: la cultura del sacro in mostra a Lanuvio - 07/05/2017 23:09:38
- Pizzo d’Irlanda, merletto e ricamo protagonisti sul lago Trasimeno - 02/05/2017 07:59:39
- Arkeotrekking in Trexenta: Le Antiche Madri dei Monti e del Mare - 25/04/2017 19:47:13
- Le donne e il sapere medico-erboristico: un binomio da riscoprire - 07/04/2017 21:29:15
- Linfoamici a Venezia - 30/03/2017 18:13:31
- Com'è giusto che sia: il nuovo thriller di Marina Di Guardo - 29/03/2017 10:34:04
- Herbarie: le chiamavano Streghe - 24/03/2017 21:01:03
- Devana: il risveglio della spiritualità nativa dell'Antica Europa - 17/03/2017 18:33:42
- Andrea Loddo: l'archeologia sperimentale per comprendere le ancestrali - 11/02/2017 20:01:00
- Alla scoperta dell'origine genetica dei Sardi con il prof. Francala - 03/02/2017 08:01:01
- Diego Manzi: viaggio nel cuore della tradizione indiana - 28/01/2017 10:24:25
- Barbara Bonomi Romagnoli: storie di insette felici - 25/01/2017 23:15:02
- Alberto Pattini: Poesia del Trentino. La melodia della Grande Madre - 19/01/2017 21:24:29
- Rinascere dalle distruzioni. Ebla, Nimrud, Palmira - 12/01/2017 21:25:10
- Nori Corbucci: Marta Marzotto, una vita da ricordare - 05/01/2017 00:02:59
- La Sardegna antica nel cuore del Mediterraneo - 30/12/2016 01:04:16
- Sardegna nuragica e falso mistero della lingua etrusca con il linguist - 03/01/2017 07:32:46
- La Stirpe del Sole: una Medea inedita nell'ultimo romanzo di Giuliana - 23/12/2016 14:12:50
- Al Castello di Scilla i Popoli del Mare di Oreste Kessel Pace - 16/12/2016 12:53:26
- SACRUM: concerto dedicato a Papa Francesco all'Aracoeli - 08/12/2016 10:18:48
- Paola Biato: Viaggio nel mondo della Psicofiaba - 04/12/2016 19:28:59
- Il viaggio. Alchimie e Passioni: a Venezia la personale di Irene Manen - 29/11/2016 08:13:34
- Il Natale dei 100 alberi d’autore - 28/11/2016 20:22:54
- Carlo Buldrini: Pellegrinaggio buddhista - 16/11/2016 08:32:43
- A Spazio Mater l'arte digitale di Michele Grimaldi - 13/11/2016 19:50:50
- Gigantes de Perdas: alla scoperta dei nuraghi sardi - 04/11/2016 07:54:20
- Ivo Nardi: Riflessioni sul senso della vita - 24/10/2016 08:27:11
- Fabrizio Manzetti: Nascosti davanti a tutti - 18/10/2016 00:13:25
- Bambine e bambini: divino gioco di pace nel mondo - 28/10/2016 08:24:38
- La Danza degli Archetipi: alle radici del linguaggio simbolico - 13/10/2016 22:41:28
- Alla scoperta dei Fiori di Bach con Gerardo Chirò - 09/10/2016 08:44:23
- Sardegna: curiosità, aneddoti e misteri sardi con Gianmichele Lisai - 04/10/2016 06:59:28
- Roma per Amatrice: Concerto di Beneficenza - 25/09/2016 15:45:16
- Sulle tracce dell' archeologia dell'evanescente con Paola Di Si - 22/09/2016 15:21:18
- Sebastiano Brocchi: alchimia, esoterismo, simbologia sacra e mistero - 18/09/2016 08:55:07
- Milano: appuntamento per il World Lymphoma Awareness Day - 13/09/2016 07:41:13
- Sulla via degli sciamani del Sudamerica con Stefano Lioni - 29/08/2016 08:00:22
- Sulle orme dei Moso con l'antropologa Francesca Rosati Freeman - 16/08/2016 07:13:59
- Sui sentieri dei luoghi di culto della Grande Dea con Luisella Veroli - 11/08/2016 08:48:06
- Un Altro Mondo per i Diritti della Pachamama - 27/07/2016 07:32:44
- Alessandra Di Gesù: viaggio nelle Tradizioni Misteriche del Mediterran - 05/07/2016 08:00:50
- Abbracci gratis contro il linfoma: a Roma il V raduno dei Linfoami - 31/05/2016 23:23:59
- Out of Tibet: il foto-racconto della diaspora tibetana sbarca a Roma - 23/05/2016 00:04:09
- Il Canto delle Sirene in mostra a Bologna - 22/05/2016 10:02:01
- La cultura dei Moso arriva al Ramadù di Cisterna - 16/04/2016 21:08:59
- Donne e scienza: un binomio per troppo tempo ignorato - 24/03/2016 07:51:18
- Suffragette 2.0: approda al Peano di Roma - 14/03/2016 22:06:13
- Palazzo Visconti: Alta Moda della Sartoria Angela - 09/03/2016 08:47:43
- Il respiro profondo di una Nuova Era - 04/03/2016 14:17:21
- Festa grande per i 35 anni di attività di Erno Rossi - 01/03/2016 14:29:34
- I Sentieri della Terra: come restituire vita e dignità alla Mad - 20/02/2016 09:06:03
- Le remote origini del tatuaggio con l'antropologa Michela Zucca - 23/01/2016 09:46:08
- Mantra Madre e Il profumo della luna: libri per il risveglio dell'anim - 24/12/2015 10:37:15
- Roma: il Rito del Grembo - 12/12/2015 00:42:29
- Alla scoperta delle vere origini di Halloween con Monica - 31/10/2015 20:24:53
I COMMENTI RELATIVI ALL'ARTICOLO
Invia un commento alla Redazione
Email
Nome e Cognome
Messaggio
Gentile lettore, prima di inviare il Suo messaggio:

compilare il codice di sicurezza sottostante copiando l'immagine raffigurata;

CAPTCHA 
cambia codice

inserisci codice



Per pubblicare, in fondo all'articolo, il suo commento selezionare il pulsante sottostante.

Pubblicazione
  Si    solo nome
  Si    nome e cognome
  No


Grazie della collaborazione.

© 2014 - ftNews è una testata di libera informazione.