Redazione     Informativa     Link  

Alla scoperta della storia di La Maddalena

lunedì, 05 settembre 2022 07:58

condividi su facebook
Razzoli, conca fraicata utilizzata in passato come ricovero per gli animali (foto di Fabio Presutti)
Dal nostro inviato
Francesca Bianchi
FtNews ha intervistato i proff. Giovanna Sotgiu e Antonio Frau, soci fondatori del Comitato Ricerche Storiche Maddalenine (Co.Ri.S.Ma.), un'associazione che raccoglie documenti d'archivio, notizie e testimonianze su La Maddalena e pubblica periodicamente un Almanacco Maddalenino (Paolo Sorba Editore). La prof.ssa Sotgiu ha insegnato al Liceo Classico di La Maddalena; il prof. Frau alla scuola secondaria di primo grado.
Le loro interessanti e rigorose ricerche di carattere storico sono finalizzate alla conoscenza della comunità isolana studiata nei suoi molteplici aspetti e nelle varie fasi della sua storia. Nel corso della nostra conversazione abbiamo parlato di alcuni argomenti affrontati nei loro numerosi libri, pubblicati in gran parte dall'editore Paolo Sorba: la situazione scolastica maddalenina a partire dalla fine del Settecento fino ad arrivare agli anni Sessanta del Novecento; l'atmosfera magica e insolita della scuola dei fari; la figura di Garibaldi; l'apertura mentale della società maddalenina, basata sulla Marina Militare e sul commercio marittimo; l'alto livello di alfabetizzazione degli isolani; la condizione delle donne maddalenine, più emancipate rispetto alle donne galluresi; la presenza francese e inglese alla Maddalena; il ruolo della famiglia Millelire durante le guerre napoleoniche. I due studiosi hanno parlato anche dei progetti a cui sta lavorando l'associazione Co.Ri.S.Ma. e delle loro speranze per il futuro della comunità.

Prof. Frau, ripercorriamo la storia del Co.Ri.S.Ma (Comitato Ricerche Storiche Maddalenine), autorevole realtà nell'ambito degli studi e delle ricerche sulla storia de La Maddalena. Quando è stata fondata l'Associazione? Qual è il suo punto di forza?
L'Associazione si è costituita nel 2001. Siamo una decina di soci. Quando abbiamo cominciato a lavorare, ognuno di noi era geloso delle proprie ricerche, dei propri documenti. Quando abbiamo costituito l'Associazione, abbiamo capito che saremmo stati molto più produttivi ragionando insieme, scambiandoci il materiale, unendo le nostre forze. Da questo scambio continuo deriva l'approfondimento fatto nel corso degli anni: abbiamo portato a termine tante ricerche approfondite sulla nostra storia. La nostra fortuna è stata ed è quella di avere a disposizione gli archivi di Cagliari, Genova, Sassari e anche gli archivi esteri. Quando abbiamo svolto le ricerche circa la presenza inglese a La Maddalena, abbiamo pagato una ricercatrice di Londra che per conto nostro andava a mettere mano agli archivi da consultare per questa ricerca. In questa maniera abbiamo avuto notizie di prima mano che in alcuni casi hanno smentito completamente tutto quello che si era detto fino a quel momento in merito a un determinato fatto o personaggio. È fondamentale basarsi sui documenti. Capita che le scuole facciano ricerche sulla storia di La Maddalena; ogni volta si rivolgono a noi, in quanto conoscono il nostro scrupolo nella ricostruzione degli eventi e la serietà delle nostre ricerche.
In qualità di soci di Co.Ri.S.Ma pubblichiamo l'Almanacco Maddalenino, una rivista che è nata con l'associazione. Siamo all'ottavo numero. Il nostro editore ufficiale è Paolo Sorba, che ha pubblicato anche la maggior parte dei nostri libri.

Prof.ssa Sotgiu, lei ha condotto molte ricerche sull'istruzione alla Maddalena. Quali dinamiche portarono alla fondazione del ginnasio, negli anni Trenta, dell'istituto magistrale, nel 1949, infine del liceo classico, nel 1954. Che ruolo ha avuto la scuola in quegli anni?
Dal punto di vista dell'istruzione, La Maddalena dopo la guerra è stata veramente un faro. C'è stata un'intelligente politica da parte dei nostri amministratori. Il ginnasio venne creato nel 1934 perché le famiglie dei militari che stavano alla Maddalena lamentavano che i figli dopo la scuola media non potevano proseguire gli studi. Così, grazie all'aiuto di un ammiraglio, fu creato il ginnasio. Alla fine della guerra, però, con l'Italia sconfitta, La Maddalena era condannata dalla volontà della Francia a dismettere tutte le occupazioni militari; contemporaneamente, si accettò di trasferire qua i corsi per gli allievi sottufficiali. In una visione di modernizzazione e di miglioramento delle condizioni economiche e sociali, gli amministratori decisero di istituire una scuola superiore: non sapevano se optare per il classico, per l'istituto magistrale o per il nautico. Alla fine scelsero le Magistrali (1949), istituto che ebbe un successo enorme: gli iscritti venivano anche dalla Gallura e i nostri diplomati divennero i maestri che ricoprirono le cattedre nelle campagne galluresi, negli stazzi, nei piccoli agglomerati. Ho parlato tanto con le maestre di allora: non deve essere stato facile per loro andare a fare scuola in posti sperduti. Nel '54 venne aperto il liceo classico. Gli anni dopo la guerra erano segnati da grandi divisioni tra comunisti e socialisti da una parte e democrazia cristiana e conservatori dall'altra. C'era una frattura enorme nella popolazione. Io credo che la scuola abbia rappresentato un elemento di ricomposizione: i ragazzi andavano insieme, le loro attività culturali e sportive le frequentavano insieme, a prescindere dall'appartenenza politica dei loro genitori.

Come si inserisce, in questo contesto, la cosiddetta scuola dei fari?
Giovanna Sotgiu: La creazione di scuole superiori fu accompagnata da quella della scuola dei fari, proposta nel '56 e iniziata nel '57. In Gallura fu attivata una scuola volante: con il pullman i maestri raggiungevano le campagne per consentire ai bambini delle elementari di frequentare la scuola. Alla Maddalena c'era l'esigenza dei figli dei fanalisti che stavano a Razzoli e a Santa Maria, ma anche dei figli dei contadini che stavano a Spargi. La sig.ra Clementina Morlè, una donna di grande tenacia, insisteva perché i suoi bambini e i figli degli altri fanalisti avessero una scuola. Inizialmente questa doveva comprendere Razzoli, Santa Maria e Spargi, ma il collegamento era affidato ad un rimorchiatore della Marina che settimanalmente arrivava a Santa Maria e a Razzoli, ma non toccava Spargi. Il primo anno c'è stata scuola solo al faro di Santa Maria, perché a Razzoli c'era un solo bambino, che però frequentava alla Maddalena. In un secondo momento si è attivata la scuola anche a Spargi. I maestri nominati non erano preparati per affrontare una situazione così particolare, ma a giudicare dai loro diari, dalle loro esperienze, da quello che hanno scritto, hanno saputo gestire le cose molto bene: hanno imparato dai loro bambini ad entrare nella mentalità di persone che vivevano completamente isolate. L'esperienza è stata positiva ed è durata circa dieci anni.

Prof.ssa Sotgiu, poco fa ha parlato dei diari che questi maestri scrivevano. Lei ha avuto modo di leggerne qualcuno? Dove sono conservati?
Sì, li ho letti e spesso mi sono commossa. Uno di questi maestri si rammaricava perché non si riteneva abbastanza preparato per intervenire in certe situazioni. Descrive il freddo dell'aula di Punta Filetto, costituita da una camera all'interno del faro, con le finestre che traballavano per la tramontana. Leggendo questi diari si denota una grande passione dei maestri per il loro lavoro, per cui si percepisce la loro sincera partecipazione ai problemi dei bambini.
Questi diari sono tutti conservati nell'archivio della scuola elementare.
Faro di Razzoli (foto di Fabio Presutti)
Lei ha ricostruito un quadro della situazione scolastica maddalenina già a partire dal '700, quando erano i cappellani o i parroci a fare lezione. Quando è stata istituita alla Maddalena la scuola pubblica?
Giovanna Sotgiu: La scuola pubblica nel Regno di Sardegna è stata istituita nel 1823 da Carlo Felice. Si trattava di una scuola elementare che secondo lui doveva essere obbligatoria e gestita dai comuni, che però erano poveri e tendevano a risparmiare. A La Maddalena già alla fine del Settecento appare saltuariamente una scuola, anche se con pochi alunni, gestita da sacerdoti, e questo è molto interessante perché fa capire l'apertura mentale della società maddalenina, del resto simile a quella di tutte le società isolane non legate solo ed esclusivamente alla pesca. Una società che si basa sul commercio marittimo e sulla Marina Militare, proprio per gli scambi continui con l'esterno, è molto più aperta. Non è un caso che nel 1803 sia nata una scuola privata, pagata dai genitori che si misero d'accordo con il viceparroco e stipularono un contratto per sei anni, pagandolo, assicurandogli una casa decente dove potesse fare lezione e affidando alle sue cure 16 bambini. Di questi genitori solo pochissimi non sapevano leggere e scrivere, la maggior parte sapeva firmare, quindi il grado di alfabetizzazione era piuttosto alto. Soprattutto, erano tutti o padroni marittimi o funzionari mercantili e questo la dice lunga sull'apertura della società maddalenina rispetto alle altre realtà del resto della Gallura. La nostra società, così come quella di Santa Teresa, che si basava sulle stesse attività economiche, era una società molto aperta, anche dal punto di vista morale; dal punto di vista della cultura e della scuola era molto più avanti rispetto ad altre realtà sarde.

Prof. Frau, lei ha studiato molto la figura di Garibaldi. Negli anni Ottanta ha pubblicato il libro Garibaldi a Caprera. Bibliografia cronologica della vita privata di Garibaldi nell'isola, scritto insieme a Gin Racheli. Chi era, secondo lei, Giuseppe Garibaldi? Che idea si è fatto?
Garibaldi è il nostro vecchio. Ognuno di noi nella propria famiglia ha avuto un avo che l'ha conosciuto. Devo dire che la popolazione maddalenina è molto informata su Garibaldi; tutti sono stati al Museo almeno una volta. Io ho avuto il piacere di studiare la vita di Garibaldi relativamente ai 27 anni trascorsi a Caprera; l'ho analizzata da tutti i punti di vista. In occasione dei 170 anni della prima venuta di Garibaldi come esule alla Maddalena, nel 1849, abbiamo organizzato un convegno di studi invitando studiosi che avevano trattato l'argomento. Abbiamo voluto analizzare in maniera precisa, documenti alla mano, ciò che l'Eroe ha vissuto, quello che ha fatto, le amicizie che ha instaurato. Con l'associazione Co.Ri.S.Ma. abbiamo pubblicato anche dei libri specifici. Garibaldi era una persona meravigliosa che metteva davanti a tutto l'amicizia, come si evince dalle lettere, ma anche e soprattutto dai fatti. Era una persona onesta, pulita, un uomo romantico: aveva degli innamoramenti folli, anche platonici, se vogliamo. Certo, ha fatto qualche errore, ma non era un guerrafondaio. Le guerre a cui prendeva parte non sono state mai guerre di conquista, ma di difesa, guerre per l'indipendenza, per aiutare i popoli oppressi.

Prof. Frau, nelle sue pubblicazioni quali altri argomenti ha affrontato? Ho insegnato arte alla scuola secondaria di primo grado, quindi mi sono occupato molto della parte artistica. Mi sono interessato in particolare di Santa Maria Maddalena e della vicenda che la lega all'isola; ho fatto uno studio specifico su questo. Abbiamo scoperto che nella parrocchia era presente un piccolo libro tratto dalla Legenda Aurea di Jacopo da Varagine, dove si narrava del miracolo di Santa Maria Maddalena nell'isola del Miracolo. Da Giotto in poi, chi ha rappresentato il miracolo del Principe di Marsiglia, che è legato alla Maddalena, ha dovuto in qualche modo rappresentare l'isola del Miracolo.

Nel 2018 avete pubblicato il libro Le bocche di Bonifacio. Il tempo e i luoghi di una regione di frontiera (Paolo Sorba Editore). Con quali finalità è nata questa pubblicazione?
Antonio Frau: In questo libro è confluito materiale che abbiamo raccolto da una vita, come mappe e carte geografiche, con il fine di concentrare in un tomo tutto quello che è stato detto sulle Bocche di Bonifacio. Non è un saggio, naturalmente, per cui noi abbiamo inserito tutte le varie discipline, senza prendere posizione. Una delle parti più importanti del libro è la bibliografia, aggiornata al 2019. Esistevano degli studi sulle mappe della Sardegna, ma non si trattava mai di mappe riferite solo all'arcipelago. Noi abbiamo trovato tantissime mappe poco conosciute dell'arcipelago, il che è stato interessante sia per la parte corsa che per quella sarda. La collega e amica Giovanna Sotgiu le ha analizzate in maniera certosina una ad una ed è venuto fuori un lavoro davvero interessante.

Prof.ssa Sotgiu, alla Maddalena c'è stata la cultura degli stazzi così come si è affermata in Gallura? Quali differenze c'erano tra queste due realtà?
Qui si chiamavano "pasciali", non stazzi. I primi corsi che abitavano qua, sia a La Maddalena che a Caprera e a Spargi, erano dediti ad agricoltura e pastorizia, magari con bestie che erano inizialmente di proprietà dei padroni bonifacini. C'erano continui contatti tra Gallura del nord costiera e i nostri corsi maddalenini. C'era un rapporto continuo, anche di contrabbando, che per loro era un commercio regolare: il fatto che la Corsica appartenesse alla Francia e la Gallura al Regno di Sardegna poco interessava a queste comunità frontaliere. Gli stazzi galluresi dipendevano dai signori tempiesi e da feudatari, con un rapporto severo, una soccida piuttosto dura; gli abitanti degli stazzi maddalenini, invece, che dipendevano da padroni bonifacini, sembra che avessero un rapporto molto più tranquillo con i loro padroni. Le abitudini, però, erano le stesse, derivate dalla vita solitaria lontana dai centri di amministrazione e di potere. Il contratto base prevedeva che il padrone desse loro un certo numero di capi di bestiame per un certo numero di anni, generalmente nove, nel corso dei quali l'incremento doveva essere diviso a metà. Alla fine dei nove anni il pastore, che magari era arrivato qui senza niente, se non con il bestiame che aveva ricevuto dal proprietario, si ritrovava con un certo numero di bestie. Se, però, perdeva i capi di bestiame, era obbligato a risarcire il padrone.
Disegno di un aeroplano all'interno del faro di Razzoli (foto di Fabio Presutti)
Con la sua opera L'isola e le donne (Paolo Sorba Editore, 2016) ha ottenuto il XLIV Premio Scanno per Antropologia Culturale e Tradizioni Popolari. Cosa l'ha colpita della condizione delle donne maddalenine?
Giovanna Sotgiu:<7b> Ricercando con scrupolo e basandosi sui documenti, si trovano molte curiosità. Ad esempio si viene a conoscenza della libertà delle donne maddalenine rispetto alle donne galluresi. In Gallura, fino agli anni recenti, una donna separata dal marito doveva vivere quasi segregata, se voleva mantenere una buona reputazione; alla Maddalena questo non è mai avvenuto. Tutt'altro: si registrano da sempre molte unioni extraconiugali già a partire dalla fine del Settecento, e questo, secondo me, è il segno di una visione più ampia della vita. Dal punto di vista dell'istruzione, poi, quello che ho notato è che alcune di queste donne erano capaci di scrivere e di difendere da sole i loro diritti. Una figlia di Domenico Millelire, rimasta vedova, gestiva i suoi affari commerciali con la Corsica e non esitava a mettere per iscritto le sue ragioni per difendere i propri interessi.

Nel 2021, sempre per l'editore Paolo Sorba, ha pubblicato il libro Spargi, con un ricchissimo apparato fotografico curato dal fotografo maddalenino Fabio Presutti. Questo libro dovrebbe essere il primo di una serie che il Co.Ri.S.Ma. si propone di dedicare alle isole minori dell’arcipelago. Ci sveli qualche dettaglio di questa pubblicazione...
Giovanna Sotgiu: Scrivere questo libro per me è stato raccontare una storia di persone che nessuno conosceva, perché le vite solitarie e a volte drammatiche di quei pastori sono particolari, interessanti e appassionanti. Spargi, con la sua storia millenaria, ci fa rivivere il cammino degli uomini del Neolitico che abitarono le sue grotte nelle soste durante i loro viaggi verso il nord, la misera e pericolosa vita dei pastori corsi, il sogno di Natale Berretta, che si illuse di mantenerne il possesso esclusivo, la trasformazione del suo aspro paesaggio naturale in fortezze potenti che dovevano resistere alle temute invasioni. Con il fotografo Fabio Presutti collaboriamo da sempre; le immagini del libro sono sue. Io conosco bene Spargi, ma è una conoscenza ferma a 30 anni fa. Fabio, invece, continua a frequentarla ancora adesso, per cui il suo contributo è stato fondamentale.

Prof.ssa Sotgiu, lei ha dedicato alcune pubblicazioni alla famiglia Millelire, da sempre punto di riferimento per la comunità maddalenina. Su basi rigorosamente documentarie, ha cercato di ricostruire la storia della famiglia e dei suoi esponenti di maggiore rilievo. Quali informazioni è riuscita a ricavare da questa sua ricerca?
Nel riferire notizie sulla famiglia Millelire, c'è sempre stata una sorta di monopolio di Domenico, medaglia d'oro per il suo eroismo nel 1793, che però non è stato il solo ad essere così importante e determinante per la storia della Maddalena. Antonio Millelire, ad esempio, non si conosceva, fino a quando non abbiamo fatto ricerche rigorose per recuperare questa figura, che è stata importantissima. Durante il periodo delle guerre napoleoniche, quando il regno di Sardegna era in una posizione di forte inferiorità rispetto a inglesi e francesi, La Maddalena era diventata un centro di smistamento di notizie, di attività di corsari, di approvvigionamento della flotta di Nelson che, dal 1803 al 1805, sostò nell'arcipelago otto volte. In tutto ciò Antonio Millelire ha avuto un ruolo importantissimo: collaborava con Desgeneys, ammiraglio della piccola flotta sarda, supportandolo anche con l'acquisto di una casa demaniale, la cosiddetta "casa del re", dove abitava il Comandante della Marina nei periodi precedenti. Desgeneys aveva bisogno di soldi per rafforzare l'isola ed evitare il temuto attacco francese che, dopo il 1793, ogni tanto si riproponeva. Quindi, per queste necessità di avere subito del denaro, aveva deciso di vendere la casa, ma non riusciva a farlo per le condizioni strutturali precarie. Antonio si offrì di comprarla. Catturato dai Barbareschi, usò il periodo di schiavitù per osservare e descrivere attentamente tutte le opere di difesa della città di Tunisi. Era un bravissimo cartografo; ha creato la mappa delle isole che poi è stata utilizzata dai cartografi successivi. Antonio aveva due figli: Giovanni e Francesco. Quest'ultimo ha avuto un ruolo determinante nell'arrivo di Garibaldi alla Maddalena, dal momento che era al comando dell'imbarcazione che nel 1849 doveva trasferire Garibaldi a Tunisi, da dove, però, venne respinto e rimandato indietro. Allora Francesco, che conosceva bene la sua isola e sapeva come Garibaldi avrebbe potuto essere ospitato, convinse le autorità a portarlo qua. Se non ci fosse stato Francesco Millelire, Garibaldi non sarebbe mai arrivato alla Maddalena. Giovanni, invece, era ufficiale dell'artiglieria di Marina. Nel 1821 partecipò ai moti liberali di Genova in appoggio a quelli di Alessandria e di Torino, per questo fu degradato e mandato alla Maddalena come privato cittadino. Qui si mostrò pieno di attenzioni per la sua isola, aiutando i suoi concittadini con consigli e offerte di denaro.

Attualmente Co.Ri.S.Ma. a quali progetti sta lavorando?
Antonio Frau:Abbiamo in programma il nuovo numero della rivista. Generalmente mandiamo lettere a studiosi che hanno affrontato argomenti meno conosciuti, come può essere quello relativo alla storia medievale dell'arcipelago. Alcuni ci forniscono del materiale. L'idea è quella di dare sempre più spazio alla saggistica e meno alla poesia o al racconto, in quanto l'associazione si occupa di ricerche maddalenine.
Qualche giorno fa è uscito il libro Storia di La Maddalena e del suo Arcipelago. Le vicende storiche, l'economia e gli avvenimenti più importanti dall'antichità ai giorni nostri, curato da Giovanna Sotgiu. Ci siamo accorti, infatti, che mancava un’opera di carattere divulgativo che potesse raccontare, in breve, le vicende storiche che hanno interessato l’Isola madre e il suo Arcipelago. Il libro rappresenta una sintesi della storia millenaria che contraddistingue questo territorio e i suoi abitanti. È ricco di foto storiche; ci sono tante foto aeree. Trattandosi di un compendio, la storia è raccontata a grandi linee, ma il lettore, attraverso le numerose note e la bibliografia, potrà approfondire i singoli argomenti.

Cosa vi augurate per il futuro della Maddalena?
Antonio Frau: In vent'anni Co.Ri.S.Ma. ha fatto tanto e continuerà ad approfondire argomenti che abbiano un riscontro oggettivo. Noi vogliamo risolvere gli enigmi, con la consapevolezza che questo è possibile solo trovando i documenti, non con la fantasia. Inoltre, Co.Ri.S.Ma. avrebbe bisogno di forze nuove: noi iniziamo a diventare anziani, per cui è importante accogliere linfa nuova. Certo, continueremo a fare ricerche, ma bisogna dare spazio a nuovi nomi, per questo è fondamentale coinvolgere le giovani generazioni.
Giovanna Sotgiu: Mi auguro che, nella migliore accoglienza possibile per chi arriva qui, si cerchi di mantenere lo spirito che La Maddalena ha sempre avuto, che non diventi altro, che non apra troppo le porte a esterni che poi ci "fagocitano". Sarebbe molto importante riuscire a mantenere la nostra cultura, le nostre abitudini, il nostro modo di pensare. Devo dire che molti giovani la pensano così ed è fondamentale far sì che possano legarsi sempre più al territorio in cui vivono. Ci sono ragazzi che non vedono l'ora di partire, ma ci sono molti che qui vogliono rimanere, anche a costo di penalizzarsi un pochino, pur di restare e continuare a vivere come sono stati abituati a fare.
Mostra altri Articoli di questo autore
info@freetopnews.it
- Apicoltura Milluzzo, l'eccellenza del Miele Ibleo - 28/09/2022 05:59:25
- Barbara Calanca: fari e forti di La Maddalena - 24/09/2022 06:18:31
- Sesamo d'Ispica, un'eccellenza siciliana firmata Gambuzza - 19/09/2022 17:25:47
- Fabio Presutti: una vita tra le isole dell'Arcipelago di La Maddalena - 13/09/2022 07:40:22
- Paola Marzotto: Ode alla Natura - 08/09/2022 05:27:01
- Alla scoperta della storia di La Maddalena - 05/09/2022 07:58:51
- Daniela Santonocito: Il Dialogo tra Epitteto e l'imperatore Adriano - 28/08/2022 18:31:20
- Alla scoperta dei luoghi energetici della Sardegna con Arianna Mendo - 23/08/2022 09:45:59
- Caprera: Compendio Garibaldino e vita privata di Giuseppe Garibaldi - 03/08/2022 17:45:34
- M'ammentu lu stazzu: la cultura degli stazzi nella mostra di Giuseppe - 26/07/2022 06:09:25
- Mieli Manias, la tradizione apistica più antica della Sardegna - 19/07/2022 06:47:54
- Sardo Sole, la Filiera del Grano Duro coltivato e trasformato in Sard - 12/07/2022 16:40:02
- Marella Giovannelli, Oltremare fra incontri e poesie - 03/07/2022 13:40:42
- Claudio Panaia: Caulonia, storia di una polis - 20/06/2022 06:49:06
- Silvana Cirillo: Tutto Pasolini, dalla A alla Z - 07/06/2022 10:39:03
- Francesca Saitta: Abitata dalla Fantasia - 01/06/2022 07:31:50
- Quartetto Cetra: la storia di un gruppo immortale - 24/05/2022 10:27:26
- Guido Guerrera: Franco Battiato, un mito senza tempo - 17/05/2022 09:10:25
- M’ammèntu lu stazzu: ad Arzachena una mostra fotografica sugli stazzi - 13/05/2022 07:51:08
- Adriano Teso: L’ABC per vivere bene - 09/05/2022 22:38:06
- Enzo Di Pasquale, Viaggio allo Zingaro - 02/05/2022 20:24:40
- Eric Salerno: Gerusalemme, la città culla delle grandi religioni - 24/04/2022 09:08:33
- Giovanni Zidda: Sas meres de su prantu, il rituale funerario di Orune - 13/04/2022 19:13:49
- Serri (SU): le radici agropastorali di un borgo del Sarcidano - 07/04/2022 18:01:42
- Adzovios a Luvula: a Milano una mostra su Lula - 25/03/2022 16:41:18
- Giuseppe Castellana, la Sicilia del Tardo Bronzo - 16/03/2022 10:06:27
- Dolores Turchi: Su Carrasecare, fascino e mistero di un rito ancestral - 01/03/2022 09:07:41
- Marco Peresani: Come eravamo, viaggio nell'Italia paleolitica - 24/02/2022 08:13:42
- Dora Marchese: l’Egitto nell’immaginario letterario italiano - 16/02/2022 16:56:33
- Michele Fresi: l'ultima Gallura, la storia degli stazzi narrata da un - 05/02/2022 09:51:36
- Nativi Americani, oggi: intervista a Raffaella Milandri - 03/01/2022 09:44:37
- Pasquale Pirodda, Balaiana vissuta nello stazzo - 28/12/2021 17:07:23
- Panificio Ciloche: l'arte del pane paulese - 19/12/2021 06:55:27
- Iride Peis: racconto, perché qualcosa di me resti - 08/12/2021 08:35:48
- Nabui, un'eccellenza del miele di Sardegna - 03/12/2021 08:21:25
- Petrarca, dal Secretum al regresso emotivo - 23/11/2021 08:13:54
- LabENur, il Nuragico da toccare con mano - 18/11/2021 16:25:18
- L’erba dell’oblio non cresce ad Arzachena - 04/11/2021 08:16:19
- Archeotour, da oltre trent'anni con il patrimonio culturale di Paulila - 21/10/2021 07:34:05
- Santa Cristina, simbolo millenario del culto delle acque - 13/10/2021 08:30:07
- Le vie de sos Pinnettos, alla scoperta della cultura pastorale sarda - 06/10/2021 09:22:20
- Giulio Gelardi: la manna, l'oro bianco delle Madonie - 30/09/2021 09:55:32
- Bergi, paradiso della biodiversità nel cuore delle Madonie - 22/09/2021 08:11:23
- Fondazione P.G. 5 Cuori, da Polizzi un omaggio alla Bellezza - 17/09/2021 07:46:06
- Francesca Fontanella: l'impero e la storia di Roma in Dante - 13/09/2021 08:42:45
- Tra cento miliardi di stelle: Montalbano Elicona ricorda Battiato - 09/09/2021 08:08:55
- Happy Glamping Madonie, il campeggio di lusso a 850 metri di quota - 06/09/2021 06:22:38
- La rinascita di Verbumcaudo, feudo di Polizzi sottratto alla mafia - 03/09/2021 05:57:50
- Il canto e il veleno: bucolici greci minori - 30/08/2021 07:22:33
- Angelo Merlino: le Madonie tra cultura, natura, geologia - 25/08/2021 06:18:50
- Baglio Bonsignore, vini di qualità nel territorio della Valle dei Temp - 11/08/2021 06:55:30
- Il Giardino della Kolymbetra, un gioiello nel cuore della Valle dei - 05/08/2021 06:33:00
- Archeologia, cinema, musica, teatro: l'estate della Valle dei Templi - 27/07/2021 06:44:21
- Val Paradiso: nel cuore della Sicilia, il miglior Olio IGP d'Italia - 20/07/2021 07:34:18
- Molino Ferrara: semole, farine e pasta di grani antichi siciliani - 14/07/2021 22:31:11
- La Donna e il Sacro: divinità femminili arcaiche nell'Abruzzo antico - 22/06/2021 09:03:47
- L’isola più bella: la Sicilia nella 'Biblioteca storica' di Diodoro Si - 09/06/2021 09:04:43
- Heinrich Schliemann a Napoli - 03/06/2021 07:09:16
- Rita Pirisi: l'agnello nella tradizione culinaria sarda - 27/05/2021 08:13:25
- Zungri: archeologia di un villaggio rupestre calabrese di epoca mediev - 26/04/2021 09:18:50
- Corleone, storia archeologica a fumetti - 19/04/2021 14:33:41
- Pupi Avati: il mio Dante, poeta forgiato dal dolore - 13/04/2021 10:18:09
- Massimiliano Finazzer Flory: Dante, per nostra fortuna - 26/03/2021 10:05:28
- Divina Sardegna, con il FAI alla scoperta dei luoghi legati alla Comme - 16/03/2021 09:55:54
- 8 Marzo: combattere le differenze per la parità di genere - 08/03/2021 07:24:27
- Ivano Dionigi: Segui il tuo demone - 05/03/2021 09:33:38
- La Musa Inquieta, il corto dedicato a Marta Marzotto - 23/02/2021 14:58:40
- Gabriele Gallo: ritratti alpini, racconti di un anno in montagna - 12/02/2021 16:50:51
- Giulio Guidorizzi: il mito immortale di Edipo ed Enea - 04/02/2021 08:00:35
- Laura Efrikian: tra Armenia e Africa, una vita all'insegna dell'amore - 29/01/2021 11:10:15
- Filomena Giannotti: Caproni, Il mio Enea - 20/01/2021 07:36:54
- Mamma Margherita: la mia Nadia, la forza dell'amore - 04/01/2021 17:57:43
- Anny Romand, mia nonna d'Armenia - 22/12/2020 07:09:20
- Giorgio Ieranò: I Greci e noi - 21/12/2020 07:17:10
- Pietro Pisciottu: L'Agnata, storia e memoria di uno stazzo gallurese - 14/12/2020 10:36:18
- Sopravvivere alla morte: la vita nelle iscrizioni funerarie latine - 07/12/2020 21:46:29
- Olivo: l'albero della civiltà - 05/12/2020 07:38:58
- Marida Lombardo Pijola: l'imperfezione delle madri - 25/11/2020 14:08:22
- Pietro Greco: Trotula, la prima donna medico d'Europa - 10/11/2020 08:28:11
- Gian Enrico Manzoni: la peste di Atene ai tempi del Covid - 29/10/2020 08:13:41
- Fiorenzo Caterini: ricostruzione della memoria in Sardegna - 23/10/2020 09:01:57
- Paolo Carboni: Tutt'a pedi - Alla scoperta del territorio di Aggius (S - 12/10/2020 10:44:57
- Agostino Asara, l'ultimo Patriarca degli stazzi galluresi - 06/10/2020 07:41:33
- Aggius (SS): storia, tradizioni, banditismo nel cuore della Gallura - 02/10/2020 06:54:06
- Tenuta Coda di Lupo, eccellenze sarde per un'agricoltura sostenibile - 22/09/2020 19:35:55
- Luigi Lehnus: Wilamowitz e il monte delle Muse - 15/09/2020 17:25:33
- Paola Mancini: viaggio nella storia di Loiri Porto San Paolo (SS) - 10/09/2020 18:14:11
- Alla scoperta dell'Area Marina Protetta di Tavolara (SS) con Augusto - 01/09/2020 21:32:17
- Giuseppe Festa: Ursula e Lupinella, orsi e lupi sulle montagne italian - 28/08/2020 07:59:34
- Pa punyat: con Antonio Masia alla scoperta delle eccellenze algheresi - 24/08/2020 08:51:11
- Sa Mandra, anima barbaricina nel cuore della Nurra - 19/08/2020 07:30:34
- Giuliano Dal Mas, una vita tra le Dolomiti - 13/08/2020 17:36:13
- Valle d'Aosta, presentata la XXIII edizione del Gran Paradiso Film Fe - 27/07/2020 19:42:54
- Irene Borgna: Louis Oreiller, il pastore di stambecchi - 20/07/2020 07:47:15
- Genzano, a Casa Mamre QUESTO MARE E’ PIENO DI VOCI - 16/07/2020 09:22:00
- Corrado Ruggeri, una vita in viaggio - 13/07/2020 07:30:17
- Lungo i sentieri del Cammino Ibleo con Nanni Di Falco - 06/07/2020 16:49:35
- Alla scoperta del nuraghe Majori di Tempio Pausania - 30/06/2020 07:39:09
- Lorenzo Braccesi: Olimpiade e Zenobia, quando il potere è donna - 24/06/2020 05:26:37
- Ove abitai fanciullo: a Recanati aprono le stanze private di Giacomo L - 15/06/2020 14:18:28
- I reperti assiri di Faida al premio mondiale in memoria di Khaled al-A - 08/06/2020 07:43:10
- Mauro Bonazzi: i Greci e il mistero dell'esistenza - 01/06/2020 07:22:54
- PandemicA, racconto corale per immagini - 21/05/2020 07:52:03
- Antonietta Langiu, la mia Isola - 08/05/2020 09:22:34
- Susanna Garavaglia: il risveglio della coscienza interiore - 29/04/2020 05:09:43
- Rosanna Raffaelli Ghedina: folclore, leggende e simboli delle Dolomiti - 16/04/2020 23:10:44
- Giorgio Murru: Spiriti e Dèi nella statuaria preistorica della Sardegn - 09/04/2020 13:50:32
- Una Maschera, un Volto, un Paese: il Carnevale in Sardegna - 07/03/2020 07:34:21
- Pe’ terre assaje luntane: al MANN l’emigrazione ischitana in America - 01/03/2020 19:33:00
- Thalassa: a Napoli le meraviglie sommerse dal Mediterraneo - 27/02/2020 23:09:38
- Nel segreto mare delle stelle di Marella Giovannelli - 25/02/2020 18:10:02
- Marcello Cabriolu, la Sardegna e il Mediterraneo Occidentale - 17/02/2020 21:27:55
- Erika Maderna, sulle tracce della medicina delle streghe e delle sant - 27/01/2020 06:48:31
- Federico Fellini: ironico, beffardo e centenario - 14/01/2020 07:56:24
- Pompei e Santorini, l'eternità in un giorno - 04/01/2020 08:29:04
- Andrea Icardi, un anno in Alta Valle Maira - 30/12/2019 14:15:42
- Archeologi italiani riportano alla luce i reperti assiri di Faida - 15/12/2019 09:45:07
- Augusto Mulas: l'orientamento astronomico dei nuraghi - 09/12/2019 19:01:03
- Margherita Massari: Ildegarda di Bingen, Sibilla e Dottore della Chies - 06/12/2019 09:18:37
- Il mito immortale di Cartagine in mostra a Roma - 04/12/2019 00:02:27
- Aquileia 2200. Porta di Roma verso i Balcani e l’Oriente - 29/11/2019 05:28:33
- Michele Porcaro: ASSTEAS - Storia del Vaso più bello del mondo - 19/11/2019 00:26:44
- Silvia Romani: credenze, miti e dei degli antichi - 11/11/2019 13:10:02
- All'Alba Radians di Albano (RM) il Filottete di Sofocle - 06/11/2019 16:36:58
- Mulino della Riviera di Dronero (CN), una storia firmata Cavanna - 29/10/2019 18:50:24
- Galluras, il Museo della Femina Agabbadòra - 22/10/2019 07:00:03
- Ugo Mancini: Sotto la cenere, storie di vita quotidiana durante il ven - 10/10/2019 20:51:11
- Alessandra Derriu: streghe, indovine e curatrici nella Sardegna del '7 - 04/10/2019 07:06:18
- Giuseppe Vito Internicola: Castellammare del Golfo, alle origini di un - 29/09/2019 18:15:59
- Città della Pieve (PG) si prepara ad accogliere Il Nostro Tempo - 25/09/2019 15:20:51
- Uno spazio per le Donne: alla scoperta del mondo femminile sardo e non - 23/09/2019 08:37:50
- Olmedo (SS), storia, tradizioni, folklore - 21/09/2019 09:21:49
- Silvia Giorcelli Bersani: I Romani e le Alpi - 16/09/2019 14:05:54
- Rossella Giglio: Segesta, tra teatro, musica, natura - 08/08/2019 15:56:16
- Enrico Caruso: la rinascita di Selinunte - 01/08/2019 14:29:05
- Lucina Gandolfo: alla scoperta di Monte Iato - 31/07/2019 07:33:07
- Sulle spiagge pontine tornano i Racconti di Sabaudia - 30/07/2019 08:47:45
- Tagliacozzo (AQ): XXXV Festival Internazionale di Mezza Estate - 22/07/2019 14:36:02
- Civiltà del sole: l'archeoastronomia nella Sicilia preistorica - 19/07/2019 07:30:13
- Cristina Muntoni, il potere delle parole nella storia della sacralità - 15/07/2019 18:12:54
- Francesco Bianco, un cammino tra verità nascoste - 13/07/2019 06:58:14
- Filippo Drago, mugnaio siciliano fra tradizione e modernità - 09/07/2019 07:28:20
- Con la KERNOS alla scoperta di Castellammare del Golfo - 02/07/2019 18:17:21
- Per una rinascita di Castelvetrano, città d'arte, storia, cultura - 27/06/2019 18:13:44
- Marinella Fiume: sapienza, virtù e misteri dell'universo simbolico fem - 11/06/2019 19:04:31
- Stefano Pucci: le incisioni rupestri delle Alpi Apuane - 07/06/2019 09:24:59
- Albano (RM), al via la Rassegna del Teatro Antico - 26/05/2019 18:33:37
- Max Dashu: Streghe e pagane, le donne nella cultura popolare europea - 14/05/2019 07:18:46
- Diego Maggio: profumi, aromi e sapori siculo-panteschi - 09/05/2019 08:15:34
- Regius, omaggio allo stupor mundi Federico II di Svevia - 03/05/2019 07:38:01
- Sentiero della Libertà, per tenere viva la Memoria - 01/05/2019 20:05:09
- Caccamo (PA), borgo di storia, arte, cultura - 28/04/2019 06:50:10
- C'era una volta Iato: omaggio dei ragazzi all'antica Iato - 23/04/2019 22:40:32
- U Pani ri Murriali: il pane genuino di una volta - 16/04/2019 17:20:40
- Recanati (MC): L'Infinito di Leopardi compie 200 anni - 13/04/2019 16:51:43
- A Camo (CN) torna PrimaVeraRegia - 11/04/2019 17:17:36
- Ivano Dionigi: Lucrezio, Seneca e noi - 04/04/2019 23:33:23
- Luca Mancini: Il caso dell'Ungheria di Horthy - 09/04/2019 19:14:05
- Il Foscolo di Albano (RM) trionfa al Festival Thauma - 30/03/2019 20:22:23
- Sotto il segno dei pesci: Camaiani celebra la Grecia - 28/03/2019 17:13:29
- Guido Cossard, viaggio nel mondo dell'Archeoastronomia - 25/03/2019 10:47:16
- Rosanna Oliva de Conciliis, una vita per la Parità - 17/03/2019 08:14:51
- Donna o Dea: le raffigurazioni femminili in Sardegna tra passato e pre - 02/03/2019 20:50:25
- Giorgio Ieranò: l'arcano fascino delle isole dell'Egeo - 25/02/2019 09:19:48
- Dea e Femminismo alla Roma Goddess Conference - 21/02/2019 09:10:27
- Elena Ianni: le feste e i falò del Messico - 17/02/2019 19:18:44
- Roma: l'olio d'oliva al Premio Filo della Torre - 15/02/2019 17:02:24
- I giovani attori del Foscolo alla Giornata del Greco - 06/02/2019 17:24:33
- La Penisola del Sinis (OR) tra storia, archeologia e natura - 29/01/2019 17:38:31
- King Camp Gillette: Il Turbine Umano - 19/01/2019 11:59:30
- Barumini (VS), archeologia, storia, cultura nel cuore della Sardegna - 14/01/2019 10:46:56
- Morena Luciani Russo: la ricerca della Dea e lo sciamanesimo - 09/01/2019 06:28:02
- Maurizio Bettini: Il Presepio, storia di un simbolo - 21/12/2018 08:22:38
- Venezia: Idoli, il potere dell'immagine - 12/12/2018 18:57:46
- Simona Modeo, Dioniso in Sicilia - 06/12/2018 17:48:35
- Violette Sauvage a Palazzo Colonna (RM) - 03/12/2018 07:01:13
- Pomezia (RM): Premio Donna d'Autore 2018 - 30/11/2018 06:37:50
- Massimo Blasi, l'incredibile storia degli imperatori romani - 28/11/2018 10:26:59
- Fabio Isman: 1938, l'Italia razzista - 25/11/2018 07:30:10
- Sacrum, lo Stabat Mater di Rossini all'Aracoeli di Roma - 22/11/2018 16:42:46
- Oriana Dal Bosco: il misterioso fascino del Nord Africa - 20/11/2018 17:17:03
- Natale inCHIOSTRO a Monastero di Dronero (CN) - 17/11/2018 07:53:51
- All'Alba Radians di Albano (RM): l'Ecuba di Euripide - 15/11/2018 16:59:16
- Autunno d'Autore a Ruralia, Conosci tu il paese dove... - 13/11/2018 18:40:36
- Marella Giovannelli, una vita tra giornalismo, fotografia e poesia - 09/11/2018 10:04:37
- Daniela Dao Ormena: Le radici chiamano, dolci melodie della Valle Mair - 30/10/2018 13:32:22
- Gli antichi pani di Sardegna protagonisti a Buddusò - 17/10/2018 14:23:34
- Torna a Lanuvio (RM) l'antico rituale della Maza - 04/10/2018 20:39:44
- Nonna Tommy, raccontaci ancora... - 02/10/2018 07:16:37
- A Buddusò (SS) torna Artes in Carrera - 30/09/2018 06:56:22
- Al Museo Africano di Verona la danza degli spiriti - 27/09/2018 00:12:36
- A. Cossard: Archeoastronomy, la prima app di archeoastronomia - 24/09/2018 09:21:18
- Firenze, Viaggio nell'altro e nell'altrove in ricordo di Paolo Grazios - 19/09/2018 08:31:44
- Lanuvio (RM): Buon compleanno, Antonino Pio! - 10/09/2018 06:04:22
- Raffaella De Sanctis, tra scuola e ricerca - 04/09/2018 17:45:49
- Màn. Vietnam Street Heroines in mostra al MAO (TO) - 26/08/2018 10:25:13
- Alessandra Comneno, una vita a contatto con la saggezza dei Nativi - 12/08/2018 19:38:51
- MAO (TO), ORIENTI. 7000 anni di arte asiatica dal Museo delle Civiltà - 07/08/2018 06:17:08
- Senorbì (CA), al MADN La Dea di Turriga, il mistero di un’icona senza - 01/08/2018 07:38:49
- Silvia Tenderini, una vita tra viaggi, ricerche e scrittura - 24/07/2018 19:40:34
- A Villa Giulia (Roma) la Scuola di Archeoastronomia 2018 - 19/07/2018 06:39:50
- Gabriella Mosso, I miei, i tuoi, i nostri - 17/07/2018 05:54:30
- Tagliacozzo (AQ), Festival Internazionale di Mezza Estate - 12/07/2018 06:39:05
- Franco Campus, Nuragici - un Territorio, un'Isola, il Mediterraneo - 09/07/2018 22:21:30
- Carmagnola (TO): Donne e Madonne nell’Arte dal XV secolo ad oggi - 04/07/2018 21:53:04
- Per una rinascita socio-culturale dei borghi della Valle dell'Amaseno - 25/06/2018 07:25:04
- Capalbio (GR), vacanza-laboratorio di Spiritualità Femminile con Devan - 22/06/2018 20:30:12
- Nicola Castangia, Ercole Contu e la scoperta della Tomba dei Vasi Tetr - 18/06/2018 06:44:49
- Castelfidardo (AN): gli studenti del Meucci per la valorizzazione del - 10/06/2018 17:30:57
- Papa Wojtyla in Comelico e in Cadore: il ricordo e l'emozione 30 anni - 27/05/2018 16:40:51
- Scrittori alla scoperta del mondo, una mostra sulla letteratura di via - 22/05/2018 06:00:18
- In viaggio tra le pagine di Elena Dak - 18/05/2018 09:31:20
- Convegno Internazionale contro Terrorismo, radicalizzazione e violenza - 08/05/2018 06:02:05
- Olimpia Biasi, la Viriditas di Ildegarda in mostra all'Hortu - 25/04/2018 15:09:19
- Con Marco Grippa alla scoperta del fascino segreto di Tagikistan e Kir - 18/04/2018 18:40:04
- Da Maenza a Fossanova sulle orme di San Tommaso d'Aquino - 13/04/2018 13:59:02
- Pierluigi Montalbano: l'alba della civiltà sarda - 10/04/2018 14:08:20
- Donne, Madri, Dee: la rappresentazione del femminile in mostra a Udine - 07/04/2018 07:14:26
- In mostra a Milano gli scavi di Achille Vogliano nel Fayum - 28/03/2018 18:52:37
- Sulle tracce della Dea: Viaggio nel Grembo della Storia - 17/03/2018 16:44:27
- Nadia Tarantini: Quando nascesti tu, stella lucente - 05/03/2018 21:14:35
- L'epopea dei Longobardi in mostra al MANN - 26/02/2018 10:45:11
- Verso il contratto di fiume dell'Amaseno - 22/02/2018 11:55:38
- Inside, la nuova collezione di Vittorio Camaiani - 11/02/2018 22:27:58
- Alla scoperta del matriarcato di Bali con Bruna Rotunno - 04/02/2018 13:48:05
- Giornata della Memoria, per non dimenticare - 25/01/2018 18:06:41
- Viaggio nei segreti della bellezza del corpo femminile - 21/01/2018 21:30:48
- Ildegarda di Bingen, maestra di sapienza nel suo tempo e oggi - 10/01/2018 22:22:54
- Selene Calloni: l'arte della ribellione zen per vincere la paura - 05/01/2018 22:57:08
- MANN: grande successo per la mostra sull'America precolombiana - 28/12/2017 14:29:51
- 2018 per Katike: i calendari di ...non lasciamoli soli - 19/12/2017 22:15:21
- Maenza: La rete dei cammini della Valle dell’Amaseno - 12/12/2017 22:31:25
- Al Convivium di Fiuggi i Pensieri sparsi di Daniela Gariglio - 07/12/2017 08:47:07
- Napoli: Il Natale dei 100 Alberi d’Autore - 03/12/2017 09:41:27
- Le donne dei Longobardi: urban-trekking con Michela Zucca - 28/11/2017 13:46:59
- San Martino di Stroppo: piccolo gioiello delle Valli Cuneesi - 24/11/2017 06:54:30
- Signa del Alma: per dire No alla violenza sulle donne - 19/11/2017 08:32:53
- Il nuovo romanzo di Maristella Lippolis: Raccontami tu - 07/11/2017 16:56:46
- Mama Africa: la maternità nell'arte africana - 03/11/2017 11:20:04
- Violette Sauvage: il vintage chic a Palazzo Colonna - 28/10/2017 11:28:12
- Il patrimonio archeologico del Lazio alla BMTA di Paestum - 26/10/2017 15:31:12
- Templari. Dal ducato di Puglia e Calabria, all’Italia del III Millenni - 22/10/2017 17:10:52
- Archeologia ferita: Volti di Palmira ad Aquileia - 11/10/2017 08:02:26
- Giancarlo Sani: alla scoperta delle incisioni rupestri toscane - 03/10/2017 13:36:14
- ... non lasciamoli soli: il progetto per il Nepal di Ilario Sedrani - 26/09/2017 08:24:26
- Giuliana Borghesani: La Maledizione della Liberta - 22/09/2017 14:28:02
- L'uomo, il Cancro del Pianeta - 04/09/2017 20:15:53
- Le caverne delle donne: la grotta di San Colombano - 25/08/2017 17:49:53
- Le figlie sono come le Madri: Donne lungo la Via della Seta - 30/08/2017 12:56:24
- Nemi: tornano i Nemoralia in onore della Dea Diana - 08/08/2017 17:21:44
- Donne e medicina: quale futuro per la medicina di genere? - 05/08/2017 08:48:58
- Arkeotrekking in Trentino: Sui sentieri delle Madri Antiche II - 31/07/2017 08:27:43
- Piero Verni: Tulku, viaggio nel cuore mistico della civiltà tibetana - 25/07/2017 07:11:56
- Ugo Mancini: ragioni e vicende degli antifascisti a Roma e nei Castell - 07/07/2017 18:23:52
- Festival di Tagliacozzo: conferenza stampa di presentazione a Palazzo - 05/07/2017 06:55:48
- Cuneo: Il lato nascosto delle Alpi - 04/07/2017 06:11:40
- Come con gli occhi dei bambini di Terezin - 28/06/2017 21:43:19
- Baby Giulia, storia di un'adolescenza rubata - 18/06/2017 13:18:11
- Francesca D'Amico: le donne nella tradizione contadina abruzzese - 11/06/2017 16:01:53
- Tutela e valorizzazione del patrimonio rurale nel Lazio - 07/06/2017 18:43:20
- Fiume che cammina. Transumanza dall’Adriatico al Lagorai - 03/06/2017 08:02:51
- Roma: VI raduno dei Linfoamici - 01/06/2017 14:32:42
- Atlantide, dal mito alla storia: intervista ad Alessandra Murgia - 20/05/2017 08:13:47
- Ignazio Didu: I Greci e la Sardegna. Il mito e la storia - 12/05/2017 09:18:37
- Sacra Nemora: la cultura del sacro in mostra a Lanuvio - 07/05/2017 23:09:38
- Pizzo d’Irlanda, merletto e ricamo protagonisti sul lago Trasimeno - 02/05/2017 07:59:39
- Arkeotrekking in Trexenta: Le Antiche Madri dei Monti e del Mare - 25/04/2017 19:47:13
- Le donne e il sapere medico-erboristico: un binomio da riscoprire - 07/04/2017 21:29:15
- Linfoamici a Venezia - 30/03/2017 18:13:31
- Com'è giusto che sia: il nuovo thriller di Marina Di Guardo - 29/03/2017 10:34:04
- Herbarie: le chiamavano Streghe - 24/03/2017 21:01:03
- Devana: il risveglio della spiritualità nativa dell'Antica Europa - 17/03/2017 18:33:42
- Andrea Loddo: l'archeologia sperimentale per comprendere le ancestrali - 11/02/2017 20:01:00
- Alla scoperta dell'origine genetica dei Sardi con il prof. Francala - 03/02/2017 08:01:01
- Diego Manzi: viaggio nel cuore della tradizione indiana - 28/01/2017 10:24:25
- Barbara Bonomi Romagnoli: storie di insette felici - 25/01/2017 23:15:02
- Alberto Pattini: Poesia del Trentino. La melodia della Grande Madre - 19/01/2017 21:24:29
- Rinascere dalle distruzioni. Ebla, Nimrud, Palmira - 12/01/2017 21:25:10
- Nori Corbucci: Marta Marzotto, una vita da ricordare - 05/01/2017 00:02:59
- La Sardegna antica nel cuore del Mediterraneo - 30/12/2016 01:04:16
- Sardegna nuragica e falso mistero della lingua etrusca con il linguist - 03/01/2017 07:32:46
- La Stirpe del Sole: una Medea inedita nell'ultimo romanzo di Giuliana - 23/12/2016 14:12:50
- Al Castello di Scilla i Popoli del Mare di Oreste Kessel Pace - 16/12/2016 12:53:26
- SACRUM: concerto dedicato a Papa Francesco all'Aracoeli - 08/12/2016 10:18:48
- Paola Biato: Viaggio nel mondo della Psicofiaba - 04/12/2016 19:28:59
- Il viaggio. Alchimie e Passioni: a Venezia la personale di Irene Manen - 29/11/2016 08:13:34
- Il Natale dei 100 alberi d’autore - 28/11/2016 20:22:54
- Carlo Buldrini: Pellegrinaggio buddhista - 16/11/2016 08:32:43
- A Spazio Mater l'arte digitale di Michele Grimaldi - 13/11/2016 19:50:50
- Gigantes de Perdas: alla scoperta dei nuraghi sardi - 04/11/2016 07:54:20
- Ivo Nardi: Riflessioni sul senso della vita - 24/10/2016 08:27:11
- Fabrizio Manzetti: Nascosti davanti a tutti - 18/10/2016 00:13:25
- Bambine e bambini: divino gioco di pace nel mondo - 28/10/2016 08:24:38
- La Danza degli Archetipi: alle radici del linguaggio simbolico - 13/10/2016 22:41:28
- Alla scoperta dei Fiori di Bach con Gerardo Chirò - 09/10/2016 08:44:23
- Sardegna: curiosità, aneddoti e misteri sardi con Gianmichele Lisai - 04/10/2016 06:59:28
- Roma per Amatrice: Concerto di Beneficenza - 25/09/2016 15:45:16
- Sulle tracce dell' archeologia dell'evanescente con Paola Di Si - 22/09/2016 15:21:18
- Sebastiano Brocchi: alchimia, esoterismo, simbologia sacra e mistero - 18/09/2016 08:55:07
- Milano: appuntamento per il World Lymphoma Awareness Day - 13/09/2016 07:41:13
- Sulla via degli sciamani del Sudamerica con Stefano Lioni - 29/08/2016 08:00:22
- Sulle orme dei Moso con l'antropologa Francesca Rosati Freeman - 16/08/2016 07:13:59
- Sui sentieri dei luoghi di culto della Grande Dea con Luisella Veroli - 11/08/2016 08:48:06
- Un Altro Mondo per i Diritti della Pachamama - 27/07/2016 07:32:44
- Alessandra Di Gesù: viaggio nelle Tradizioni Misteriche del Mediterran - 05/07/2016 08:00:50
- Abbracci gratis contro il linfoma: a Roma il V raduno dei Linfoami - 31/05/2016 23:23:59
- Out of Tibet: il foto-racconto della diaspora tibetana sbarca a Roma - 23/05/2016 00:04:09
- Il Canto delle Sirene in mostra a Bologna - 22/05/2016 10:02:01
- La cultura dei Moso arriva al Ramadù di Cisterna - 16/04/2016 21:08:59
- Donne e scienza: un binomio per troppo tempo ignorato - 24/03/2016 07:51:18
- Suffragette 2.0: approda al Peano di Roma - 14/03/2016 22:06:13
- Palazzo Visconti: Alta Moda della Sartoria Angela - 09/03/2016 08:47:43
- Il respiro profondo di una Nuova Era - 04/03/2016 14:17:21
- Festa grande per i 35 anni di attività di Erno Rossi - 01/03/2016 14:29:34
- I Sentieri della Terra: come restituire vita e dignità alla Mad - 20/02/2016 09:06:03
- Le remote origini del tatuaggio con l'antropologa Michela Zucca - 23/01/2016 09:46:08
- Mantra Madre e Il profumo della luna: libri per il risveglio dell'anim - 24/12/2015 10:37:15
- Roma: il Rito del Grembo - 12/12/2015 00:42:29
- Alla scoperta delle vere origini di Halloween con Monica - 31/10/2015 20:24:53
I COMMENTI RELATIVI ALL'ARTICOLO
Invia un commento alla Redazione
Email
Nome e Cognome
Messaggio
Gentile lettore, prima di inviare il Suo messaggio:

compilare il codice di sicurezza sottostante copiando l'immagine raffigurata;

CAPTCHA 
cambia codice

inserisci codice



Per pubblicare, in fondo all'articolo, il suo commento selezionare il pulsante sottostante.

Pubblicazione
  Si    solo nome
  Si    nome e cognome
  No


Grazie della collaborazione.

© 2014 - ftNews è una testata di libera informazione.