Redazione     Informativa     Link  

Don Francesco Cossu: una vita dedicata ad Arzachena

martedì, 04 ottobre 2022 06:06

condividi su facebook
Benedizione delle Palme in piazza
Dal nostro inviato
Francesca Bianchi
Questa estate, durante la mia permanenza in Gallura, ho conosciuto il rev.do don Francesco Cossu, per quasi quarant'anni parroco della chiesa di Santa Maria della Neve di Arzachena (SS). Profondo conoscitore della cultura agro-pastorale, nel corso della sua lunga vita don Cossu ha salvato la cultura orale gallurese. Convinto che con la morte dei vecchi, autentiche "biblioteche viventi", sarebbe scomparso tutto il patrimonio di tradizioni, storie e racconti che questi custodivano, ha deciso di andare di casa in casa per raccogliere le testimonianze di tanti, preziosi custodi della memoria, e registrare sui quaderni tutto quello che era destinato ad essere dimenticato per sempre. Nativo di Badesi, don Francesco è cresciuto con i nonni materni, semplici e saggi contadini e si è nutrito delle loro storie, delle leggende intrise di fede e di religiosità semplice. Il religioso ha fatto tesoro di tutto ciò. Nei suoi numerosi libri ha trascritto molti racconti orali tramandati attorno al focolare nelle veglie d'inverno o durante le lunghe sere estive alla ricerca di un refrigerio con i vicini di casa.
Nel corso del suo lungo apostolato ad Arzachena, il religioso è stato testimone della nascita della Costa Smeralda, dell'esplosione del turismo, delle profonde trasformazioni della comunità arzachenese e di tutta la Gallura. Don Francesco Cossu ha rilasciato una bella intervista a FtNews, partendo dalla ricorrenza dei cento anni dall'autonomia di Arzachena da Tempio Pausania e dal libro che ha pubblicato per l'occasione: Arzachena. Cent'anni di autonomia. Da Lu'nfarru a Lu Paradisu. Durante la nostra ricca conversazione ha affrontato molti argomenti: dalle condizioni di totale abbandono in cui vivevano cento anni fa gli arzachenesi alla lotta per la conquista dell'autonomia, dalla vita dura di chi viveva negli stazzi alle chiese campestri e al ruolo fondamentale esercitato dai parroci. A tal proposito ha spiegato che la parrocchia ha avuto un ruolo importantissimo nel creare il borgo, civilizzare la gente e obbligarla a coltivare la terra per poter vivere dei suoi frutti. Si è soffermato anche sull'avvento del turismo con la nascita della Costa Smeralda, di cui quest'anno è stato celebrato il sessantesimo anniversario. Ha ricordato l'Aga Khan, una persona intelligente e lungimirante che credeva nell'importanza del dialogo, nella libertà, nella pace. Ha infine invitato gli arzachenesi e tutti i galluresi ad accogliere i turisti, senza rinnegare le loro origini, la loro storia, le loro tradizioni, la loro identità.

Don Francesco, dal 1962 vive ad Arzachena, di cui è stato parroco dal 1977 al 2016. Ancora oggi rappresenta una guida autorevole e un punto di riferimento indiscusso per tutta la comunità arzachenese. Quest'anno, in occasione del centesimo anniversario dell'indipendenza comunale di Arzachena da Tempio Pausania, ha pubblicato il libro Arzachena: cent'anni di autonomia. Da Lu'nfarru a Lu Paradisu, dove ha ripercorso la storia di Arzachena prima che diventasse comune. Ci parli pure di questo suo lavoro, spiegando cosa ha permesso ad Arzachena di ottenere l'autonomia. Qual è stato il punto di forza degli arzachenesi?
Per rispondere a questa domanda bisogna partire dalla situazione di abbandono in cui si trovavano gli arzachenesi. Arzachena era completamente isolata: senza strade, senza luce elettrica, senza acqua potabile, senza fognature, senza scuole, senza medico, senza levatrice, senza l'ufficio dello Stato civile, senza l'ufficio di Conciliazione, senza uno spazzino, un necroforo, una guardia comunale, senza i carabinieri, senza un rappresentante nel Consiglio comunale di Tempio. Specialmente in 'Monti di Mola', oggi Costa Smeralda, priva anche del cimitero, quando vi era maltempo, capitava che le famiglie dovessero tenere in casa i cadaveri dei propri cari, a volte anche per una settimana.
Tempio si ricordava di Arzachena quando bisognava pagare le tasse. Le condizioni disperate degli arzachenesi furono la scintilla che fece scoppiare l'incendio della lotta per la conquista dell'autonomia. Nel libro: Arzachena: cent'anni di autonomia. Da Lu'nfarru a Lu Paradisu ho preso lo spunto dalla celebrazione del settimo centenario della morte di Dante Alighieri e dalla presenza nel comune di Arzachena di un monolite chiamato Lu Capu di Dante (la testa di Dante), di una località chiamata Lu Canale di Lu'nfarru (il canale dell'inferno) e, verso la zona Pantogia, che sovrasta la Baia del Pevero, di uno stazzo chiamato Lu'nfarru (l'Inferno). Ho pensato di intrecciare l'Inferno di Dante con la situazione infernale in cui si trovavano gli arzachenesi cento anni fa. In queste condizioni di abbandono totale era forte il desiderio di essere liberi da Tempio e conquistare l'autonomia e realizzare il proprio Risorgimento. Un movimento popolare per uscire dall'Inferno fino ad arrivare, attraverso il Purgatorio, in Paradiso.
Il punto di forza degli arzachenesi è stato non solo la disperazione della loro situazione sociale, ma soprattutto la loro unione intorno a Salvatore e a Michele Ruzittu, i condottieri, come Mosè ed Aronne, verso la conquista dell'autonomia. Una lotta di tutto il popolo contro l'indifferenza di Tempio. Salvatore Ruzittu riuscì a unire tutte le frazioni del comune di Tempio contro il predominio del Capoluogo. Insieme i frazionisti riuscirono a vincere le elezioni comunali tenute nel 1914 e ad eleggere l'arzachenese Salvatore Ruzittu sindaco di Tempio. Nel ruolo di primo cittadino riuscì a sensibilizzare tutti i vari enti (Comune, Provincia, Parlamento, Senato) sulla necessità di promuovere l'autonomia di Arzachena, ottenuta il 4 ottobre 1920.
L'insediamento del primo consiglio comunale di Arzachena, il 14 maggio 1922, fu la conquista del paradiso.

A quei tempi ad Arzachena, così come in tutta la Gallura, era diffusa la cosiddetta cultura degli stazzi. Come si viveva all'interno degli stazzi? Quali erano le condizioni di vita della popolazione?
La maggior parte delle famiglie galluresi viveva nell'habitat disperso delle campagne, in luoghi impervi, in un totale isolamento, sfruttando, tuttavia, in modo razionale il territorio con gli alveari, con il taglio del legname, l'allevamento dei maiali, con l'utilizzo della quantità delle ghiande per la loro alimentazione, diversificando l'ambiente per l'allevamento del bestiame bovino e caprino e le terre riservate all'agricoltura. I pastori e i contadini erano molto legati alla loro terra. Quando i contadini, dopo la mietitura, riuscivano a introdurre il grano nella propria casa, erano felici perché consapevoli di avere il necessario per vivere. Era grande la gioia di avere il pane per tutto l'anno: il pane e il vino erano tutto. Per festeggiare la farina del nuovo grano, il 1° agosto le donne preparavano li chjusoni, gli gnocchetti lavorati a mano e conditi con la salsa di pomodoro del proprio orto. Questa usanza continua ancora oggi. Era una vita di sacrifici, una lotta per la sopravvivenza, ma vi erano anche la solidarietà, l'ospitalità, la fede. Si seguivano i ritmi della natura e il calendario liturgico.
Processione rionale guidata dal rev.do don Francesco Cossu
Ha affermato che si seguivano i ritmi della natura. In merito, ci racconti pure qualche curioso aneddoto.
Io sono arrivato ad Arzachena nel 1962 in qualità di viceparroco e sono ripartito nel 1965, per tornare, poi, nel 1973. Ho avuto la possibilità di conoscere la società agro-pastorale e l'inizio del fenomeno turistico, ho incontrato tanti anziani, custodi del prezioso patrimonio che trasmettevano oralmente. Ho raccolto parte di quella cultura agro-pastorale del tempo. Una signora mi raccontò che suo padre, un uomo molto anziano, nel tepore di una giornata quasi primaverile di febbraio, convinto fosse in estate, si tolse il maglione e rimase in canottiera. Questo accadde perché lei aveva comprato un melone e il padre, profondamente legato alla società agro-pastorale e ai suoi cicli naturali, sapeva bene che il melone è un frutto tipicamente estivo.

Quanto l'avvento della Costa Smeralda ha contributo a far cadere nell'oblio la cultura agro-pastorale e le tradizioni galluresi? La nascita improvvisa della Costa Smeralda fu come un repentino terremoto, una rivoluzione che sconvolse non solo il territorio, con la costruzione di ville, alberghi, discoteche, night e chalet, ma mutò l'economia, la vita sociale della comunità, le tradizioni e le usanze e la stessa struttura psicologica delle persone. Braccianti, contadini, pastori si allontanarono dalle campagne per trovare lavoro nell'edilizia e nel settore alberghiero. Soprattutto i loro figli frequentarono le scuole e si laurearono, indossarono i colletti bianchi. L'arrivo di turisti, ricchi e potenti, di teste coronate e di divi con macchine costose, panfili ed anche con elicotteri ed aerei personali suscitò e stimolò gli indigeni alla loro imitazione, alla corsa al denaro. Si ebbe un forte disorientamento, soprattutto fra i giovani, che si orientarono tutti verso il nuovo mondo del turismo, mentre gli anziani si sentirono come naufraghi, smarriti: la loro vita erano la terra e gli animali, la ciclicità delle stagioni, un mondo che il turismo spazzò via improvvisamente.

I giovani arzachenesi di oggi quanto sanno di quella che è stata la civiltà dei loro nonni, dei loro bisnonni?
Oggi si constata un ritorno e una ricerca di quella civiltà. Spesso vengono a farmi visita coloro che devono preparare tesi di laurea o studi particolari; le maestre mi invitano frequentemente nelle scuole per parlare ai bambini di quella cultura. Negli anni passati, invece, ci si vergognava della civiltà agro-pastorale, dei propri nonni che erano stati pastori nelle campagne. Si arrivò addirittura a non parlare più il gallurese e a buttare al macero i mobili, le poesie in gallurese, quel patrimonio prezioso dei loro avi. Adesso, invece, noto un ritorno alle origini.

Don Francesco, oltre ad essere la memoria storica di Arzachena e un pastore di anime stimato e benvoluto, lei è uno scrittore prolifico. Quanti e quali libri ha pubblicato nel corso della sua vita?
Ho pubblicato 26 libri che si possono dividere in tre settori: libri sulla Gallura e sulle tradizioni popolari galluresi, libri sulla storia e sulla cultura di Arzachena, libri sulla pastorale che ho svolto ad Arzachena. Il primo libro pubblicato, Tradizioni popolari di Gallura, è stata la mia tesi di laurea. Della cultura gallurese ho raccolto le preghiere in gallurese che i fedeli recitavano durante la loro giornata e in tutte le circostanze della loro vita, la tradizionale ospitalità, molte composizioni poetiche e musicali, la gastronomia, i proverbi, i racconti e, soprattutto, il Vangelo apocrifo di Gesù che i genitori raccontavano ai loro figli. Secondo i galluresi, infatti, Gesù non sarebbe fuggito in Egitto, ma in Gallura, dove sarebbe stato battezzato da San Giovanni Battista a Luogosanto.
Avrebbe visitato gli stazzi insegnando l'ospitalità, punendo chi non condivideva il pane con gli indigenti e premiando coloro che, pur non avendo nulla, erano pronti ad aprire la porta per accogliere chiunque, anche i mendicanti. Ho dedicato questo libro ai miei nonni materni e paterni, a tutti gli anziani di Aglientu e, soprattutto, di Arzachena, che mi hanno confidato i loro tesori.
I tanti racconti orali venivano tramandati attorno al focolare nelle veglie d'inverno o durante le lunghe sere estive alla ricerca di un refrigerio con i vicini di casa. Ho deciso di pubblicarli perché non venissero dimenticate per sempre le nostre radici, le nostre tradizioni, i nostri valori: in poche parole, per ricordare chi siamo.

Ha parlato di libri sulla pastorale che ha fatto ad Arzachena. Che tipo di pastorale ha esercitato?
Ad Arzachena ho esercitato una pastorale nuova voluta dal Concilio Vaticano II e dalla particolare situazione della comunità arzachenese. Constatai subito che il paese cresceva in maniera smisurata dal punto di vista demografico: negli anni Cinquanta Arzachena aveva 3500 abitanti, poi improvvisamente è diventata la seconda città della Gallura, dopo Olbia. Trovandomi parroco di questa immensa moltitudine di gente di diversa estrazione sociale, proveniente da tutte le parti del mondo, ho pensato subito che queste persone avessero necessità di incontrarsi, conoscersi, dialogare e vivere insieme fraternamente. Allora divisi il paese in 14 rioni, in ognuno dei quali cercai una decina di collaboratori con funzioni diverse. In ogni mese si organizzavano incontri con le famiglie nei garage e nelle stesse abitazioni: assemblee per discutere dei problemi delle singole comunità e prendere delle decisioni, celebrazioni del mese mariano nelle famiglie e la celebrazione di sante messe, anche la festa rionale con la processione, la messa e la cena comunitaria con i balli popolari. Abbiamo organizzato anche due sinodi e due congressi eucaristici, coinvolgendo tutta la comunità. Questa, per me, è la chiesa sinodale di Papa Francesco.

Che ricordo conserva di quel periodo e cosa ha provato quando ha dovuto lasciare la parrocchia?
Ho un ricordo bellissimo di tutti gli anni trascorsi ad Arzachena come parroco. Il sacerdote che inizia il suo ministero sposa la parrocchia per sempre e si sente sempre affezionato alla gente, per cui, quando mi staccai dalla parrocchia, nel primo periodo provai una grande sofferenza, ma subito dopo il Signore mi ha aperto le porte di tutte le parrocchie, facendo altre belle esperienze. Essendo in pensione e godendo ancora di buona salute, sono stato chiamato dai confratelli a collaborare nelle loro comunità. Ho visitato tutte le parrocchie della Gallura, tutte le chiese campestri. Durante questa estate, poi, sono stato nominato amministratore della parrocchia di Stella Maris, in Porto Cervo, un'esperienza interessantissima in un mondo particolare, durante l'estate, quando arrivano fedeli da tutto il mondo.
Giochi popolari in piazza
A proposito delle chiese campestri galluresi, come sono nati questi gioielli di pace e sacralità, disseminati solitari in tutto il territorio della Gallura?
Molte chiese campestri sorsero in conseguenza del fenomeno della transumanza dei pastori galluresi transumanti e spesso anche violenti. Ab immemorabili i pastori si spostavano alla ricerca di luoghi più idonei alla pastura degli animali: agli inizi di novembre verso le marine, dove trovavano un clima più mite, e alla fine di giugno verso le montagne, alla ricerca di pascoli e di acqua. Il protagonista era il cammino della transumanza, punteggiato di soste, di luoghi di riposo e di ristoro: nasceva l'esigenza di prendere fiato, di far pascolare e dissetare gli animali prima di arrivare alla meta. Nel cammino della transumanza, soprattutto negli incroci di varie strade dove c'era acqua e qualche struttura di accoglienza, quegli uomini sentivano il bisogno di sacralizzare il percorso, creando luoghi di culto per pregare e socializzare. Per evitare che avvenissero degli scontri violenti, si metteva una croce, la statua di un santo, si costruiva una cappella, come a suo tempo aveva fatto Matilde di Canossa lungo il cammino dei suoi pastori nomadi. Così sorsero molte chiese campestri che divennero luoghi di preghiera, di convivialità, di amicizia e di riconciliazione.

Che ruolo ha avuto la chiesa nella nascita dei vari borghi galluresi e nella civilizzazione di quelle zone?
Ha avuto un compito storico fondamentale, specialmente le chiese campestri di San Francesco d'Aglientu, di San Pasquale, di Santa Maria di Arzachena, di San Teodoro e di Trinità d'Agultu. La presenza dei parroci fissi, che alla predicazione del Vangelo e alla celebrazione dei sacramenti aggiunsero anche il compito di impartire la scuola ed insegnare alcune nozioni di agricoltura, favorirono lentamente la nascita delle varie comunità intorno alle chiese. Per poter frequentare la scuola, i pastori chiesero di costruire le loro case intorno alla parrocchia, dando così inizio ai vari agglomerati. Il parroco aveva anche l'obbligo di coltivare un lotto di terreno per invogliare i pastori a coltivare la terra e a diventare residenti, curava anche l'anagrafe per conto del Comune di Tempio. La parrocchia ha avuto un ruolo importantissimo nel creare il borgo e civilizzare quelli genti, invitandole a coltivare la terra per poterne raccogliere i frutti. Il prete era il confidente delle famiglie: i bambini lo chiamavano 'Babbai' , mentre gli adulti lo chiamavano con rispetto ed affetto 'compare'. La loro opera trasformò i pastori nomadi in agricoltori sedentari che si distinsero nell'onestà e nell'operosità.

Quanti anziani ha intervistato per realizzare la sua tesi di laurea dal titolo Tradizioni popolari di Gallura?
Tanti, e di tanti paesi della Gallura! Nei loro confronti provo molta gratitudine perché mi hanno donato non solo i loro racconti, ma anche le loro poesie, le foto, i loro vecchi libri: sapevano che li avrei custoditi e conservati come i loro tesori culturali; era come un passaggio di testimone. Pensi che i miei professori dell'Università Lateranense mi obiettarono di aver omesso nella tesi la bibliografia. Trovai molta difficoltà a far capire che la tesi era il risultato di un lavoro di raccolta della cultura orale, andando di casa in casa e registrando sui quaderni tutto quello che era destinato a morire: i vecchi erano delle biblioteche viventi e con la loro morte sarebbe scomparso tutto quel patrimonio.

Quest'anno sono stati celebrati anche i 60 anni della Costa Smeralda, intramontabile mito di fama mondiale. Il 14 marzo 1962, infatti, il Principe Karim Aga Khan, avendo subito intuito le potenzialità turistiche di questo angolo di Gallura, istituì il Consorzio Costa Smeralda. Lei ha conosciuto l'Aga Khan; che ricordo ne conserva? Com'era?
Sì, l'ho conosciuto, è anche mio coetaneo! L'Aga Khan è stata una persona illuminata, preparata: ha avuto un grande rispetto del territorio, delle caratteristiche dei luoghi, degli alberi, delle rocce; ha portato qui i migliori architetti del mondo. Il complesso edilizio ed urbanistico che ha realizzato è di particolare pregio, è il risultato di studi, di approcci, di progetti preparati sempre con attenzione maniacale verso una natura unica, inimitabile, un paesaggio fantastico composto armonicamente di emergenze rocciose, essenze arboree nobili e straordinarie, fra i quali domina, come vero re, il ginepro nella sua varietà di forme e di colori. La Costa Smeralda è, nella sua gran parte, un intervento turistico-ricettivo unico in Europa per la sua bellezza naturale e l’attenta connotazione progettuale, ammirata e rispettata da tutti i suoi visitatori occasionali o fissi. La nascita della Costa ha avuto risvolti sul turismo e in ambiti diversi su vasta scala, che ha interessato tutta la Gallura e particolarmente Arzachena.
L'Aga Khan ha avuto un grande rispetto anche nei confronti della nostra cultura, della nostra religione, decidendo di regalare subito alla Diocesi il terreno per poter costruire la Chiesa. Al termine delle funzioni religiose veniva sempre a salutare tutti; incontrava il vescovo, perché credeva importanza del dialogo, nella libertà, nella pace e nel benessere comune.

La nascita della Costa Smeralda ha indubbiamente migliorato le condizioni di vita di tanti galluresi.
Certamente. L'avvento della Costa Smeralda ha portato benessere non solo ad Arzachena, ma a tutta la Gallura. Dopo la guerra, molti abbandonarono le campagne, si arruolarono in Marina e tra i carabinieri, emigrarono nel triangolo industriale o all'estero per poter sopravvivere. Quando iniziarono i lavori in Costa, viste le possibilità di lavoro, quasi tutti tornarono in Gallura. Alcuni lasciarono il servizio militare e si inserirono nei lavori che offriva la Costa Smeralda.

È vero che ha scritto anche un libro per esortare i turisti a visitare le bellezze della Gallura interna?
Ho scritto due libri per i turisti: Nuraghi, stazzi e chiesette della Costa Smeralda e Il volo del Gabbiano. Nel primo invitai i turisti a non fermarsi nelle spiagge della Costa Smeralda, ma a conoscere anche il territorio dell'interno, che è un giardino, e ad incontrare le persone che vivevano ancora negli stazzi. Fino a qualche anno fa proponevo quattro itinerari per visitare tutto il territorio di Arzachena. I turisti partecipavano con entusiasmo; li portavo nelle chiese campestri, dove gli indigeni li accoglievano con la loro tipica ospitalità, con il sorriso, con dolci tipici e bevande. Nella Chiesa di Santa Lucia ho organizzato anche un incontro tra i turisti e i locali.
Nel secondo libro, più poetico, descrissi le bellezze della Gallura e invitai i turisti a non fermarsi a guardarle e a fotografarle, ma a rivolgere una preghiera e pensare al Creatore, autore di quelle bellezze.

Cosa si augura per il futuro di Arzachena e della Gallura tutta?
Mi auguro che gli arzachenesi si fermino a meditare e a riflettere. Nel mio ultimo libro ho immaginato una sorta di assemblea popolare, ho proposto di immaginare di voler vivere nell'Arzachena del futuro, come vorrebbero la loro città. Salvatore Ruzittu disse e scrisse più volte che la conquista dell'autonomia comunale fu il risultato dei sacrifici e di una lotta comune di tutti gli arzachenesi. Mi auguro anche che i galluresi e i turisti che vengono tra noi durante l'estate possano incontrarsi per abbattere i muri dei pregiudizi, per creare ponti e comunicazione, per riconoscersi fratelli e promuovere la pace. Anche il turismo è un segno dei tempi. I turisti siano i benvenuti, ma nel rispetto del territorio e della nostra cultura. E noi saremo aperti al turismo, ma senza rinnegare la nostra storia, la nostra cultura, la nostra identità, promuovendo sempre il dialogo fra le persone e le varie culture.
Mostra altri Articoli di questo autore
info@freetopnews.it
- Il Supramonte di Gianluca Chiai in mostra a Nuoro - 30/11/2022 15:28:34
- Jean-Yves Frétigné: storia della Sicilia da Odisseo ai giorni nostri - 26/11/2022 14:17:32
- Floridia (SR): inaugurata la Biblioteca delle Donne - 20/11/2022 17:47:38
- Alessia Pecchioli: l'Incontro. Storia di un'adozione - 16/11/2022 10:31:46
- Cònti e Canzòni, l'omaggio di Iana De Muro alla memoria del non - 09/11/2022 06:03:27
- Piazza Armerina (EN): due giorni dedicati ai libri e alla letteratura - 05/11/2022 07:21:42
- Azienda Agricola Sparacino, sapori autentici del Val di Noto - 28/10/2022 05:15:42
- Cieli neri: con Irene Borgna alla scoperta dei cieli stellati d'Europa - 23/10/2022 05:02:28
- Apicoltura Pala, il sapore autentico del miele di Gallura - 17/10/2022 21:33:40
- LAeQUA, il laboratorio equo e solidale nel cuore di Modica - 11/10/2022 05:30:41
- Don Francesco Cossu: una vita dedicata ad Arzachena - 04/10/2022 06:06:37
- Apicoltura Milluzzo, l'eccellenza del Miele Ibleo - 28/09/2022 05:59:25
- Barbara Calanca: fari e forti di La Maddalena - 24/09/2022 06:18:31
- Sesamo d'Ispica, un'eccellenza siciliana firmata Gambuzza - 19/09/2022 17:25:47
- Fabio Presutti: una vita tra le isole dell'Arcipelago di La Maddalena - 13/09/2022 07:40:22
- Paola Marzotto: Ode alla Natura - 08/09/2022 05:27:01
- Alla scoperta della storia di La Maddalena - 05/09/2022 07:58:51
- Daniela Santonocito: Il Dialogo tra Epitteto e l'imperatore Adriano - 28/08/2022 18:31:20
- Alla scoperta dei luoghi energetici della Sardegna con Arianna Mendo - 23/08/2022 09:45:59
- Caprera: Compendio Garibaldino e vita privata di Giuseppe Garibaldi - 03/08/2022 17:45:34
- M'ammentu lu stazzu: la cultura degli stazzi nella mostra di Giuseppe - 26/07/2022 06:09:25
- Mieli Manias, la tradizione apistica più antica della Sardegna - 19/07/2022 06:47:54
- Sardo Sole, la Filiera del Grano Duro coltivato e trasformato in Sard - 12/07/2022 16:40:02
- Marella Giovannelli, Oltremare fra incontri e poesie - 03/07/2022 13:40:42
- Claudio Panaia: Caulonia, storia di una polis - 20/06/2022 06:49:06
- Silvana Cirillo: Tutto Pasolini, dalla A alla Z - 07/06/2022 10:39:03
- Francesca Saitta: Abitata dalla Fantasia - 01/06/2022 07:31:50
- Quartetto Cetra: la storia di un gruppo immortale - 24/05/2022 10:27:26
- Guido Guerrera: Franco Battiato, un mito senza tempo - 17/05/2022 09:10:25
- M’ammèntu lu stazzu: ad Arzachena una mostra fotografica sugli stazzi - 13/05/2022 07:51:08
- Adriano Teso: L’ABC per vivere bene - 09/05/2022 22:38:06
- Enzo Di Pasquale, Viaggio allo Zingaro - 02/05/2022 20:24:40
- Eric Salerno: Gerusalemme, la città culla delle grandi religioni - 24/04/2022 09:08:33
- Giovanni Zidda: Sas meres de su prantu, il rituale funerario di Orune - 13/04/2022 19:13:49
- Serri (SU): le radici agropastorali di un borgo del Sarcidano - 07/04/2022 18:01:42
- Adzovios a Luvula: a Milano una mostra su Lula - 25/03/2022 16:41:18
- Giuseppe Castellana, la Sicilia del Tardo Bronzo - 16/03/2022 10:06:27
- Dolores Turchi: Su Carrasecare, fascino e mistero di un rito ancestral - 01/03/2022 09:07:41
- Marco Peresani: Come eravamo, viaggio nell'Italia paleolitica - 24/02/2022 08:13:42
- Dora Marchese: l’Egitto nell’immaginario letterario italiano - 16/02/2022 16:56:33
- Michele Fresi: l'ultima Gallura, la storia degli stazzi narrata da un - 05/02/2022 09:51:36
- Nativi Americani, oggi: intervista a Raffaella Milandri - 03/01/2022 09:44:37
- Pasquale Pirodda, Balaiana vissuta nello stazzo - 28/12/2021 17:07:23
- Panificio Ciloche: l'arte del pane paulese - 19/12/2021 06:55:27
- Iride Peis: racconto, perché qualcosa di me resti - 08/12/2021 08:35:48
- Nabui, un'eccellenza del miele di Sardegna - 03/12/2021 08:21:25
- Petrarca, dal Secretum al regresso emotivo - 23/11/2021 08:13:54
- LabENur, il Nuragico da toccare con mano - 18/11/2021 16:25:18
- L’erba dell’oblio non cresce ad Arzachena - 04/11/2021 08:16:19
- Archeotour, da oltre trent'anni con il patrimonio culturale di Paulila - 21/10/2021 07:34:05
- Santa Cristina, simbolo millenario del culto delle acque - 13/10/2021 08:30:07
- Le vie de sos Pinnettos, alla scoperta della cultura pastorale sarda - 06/10/2021 09:22:20
- Giulio Gelardi: la manna, l'oro bianco delle Madonie - 30/09/2021 09:55:32
- Bergi, paradiso della biodiversità nel cuore delle Madonie - 22/09/2021 08:11:23
- Fondazione P.G. 5 Cuori, da Polizzi un omaggio alla Bellezza - 17/09/2021 07:46:06
- Francesca Fontanella: l'impero e la storia di Roma in Dante - 13/09/2021 08:42:45
- Tra cento miliardi di stelle: Montalbano Elicona ricorda Battiato - 09/09/2021 08:08:55
- Happy Glamping Madonie, il campeggio di lusso a 850 metri di quota - 06/09/2021 06:22:38
- La rinascita di Verbumcaudo, feudo di Polizzi sottratto alla mafia - 03/09/2021 05:57:50
- Il canto e il veleno: bucolici greci minori - 30/08/2021 07:22:33
- Angelo Merlino: le Madonie tra cultura, natura, geologia - 25/08/2021 06:18:50
- Baglio Bonsignore, vini di qualità nel territorio della Valle dei Temp - 11/08/2021 06:55:30
- Il Giardino della Kolymbetra, un gioiello nel cuore della Valle dei - 05/08/2021 06:33:00
- Archeologia, cinema, musica, teatro: l'estate della Valle dei Templi - 27/07/2021 06:44:21
- Val Paradiso: nel cuore della Sicilia, il miglior Olio IGP d'Italia - 20/07/2021 07:34:18
- Molino Ferrara: semole, farine e pasta di grani antichi siciliani - 14/07/2021 22:31:11
- La Donna e il Sacro: divinità femminili arcaiche nell'Abruzzo antico - 22/06/2021 09:03:47
- L’isola più bella: la Sicilia nella 'Biblioteca storica' di Diodoro Si - 09/06/2021 09:04:43
- Heinrich Schliemann a Napoli - 03/06/2021 07:09:16
- Rita Pirisi: l'agnello nella tradizione culinaria sarda - 27/05/2021 08:13:25
- Zungri: archeologia di un villaggio rupestre calabrese di epoca mediev - 26/04/2021 09:18:50
- Corleone, storia archeologica a fumetti - 19/04/2021 14:33:41
- Pupi Avati: il mio Dante, poeta forgiato dal dolore - 13/04/2021 10:18:09
- Massimiliano Finazzer Flory: Dante, per nostra fortuna - 26/03/2021 10:05:28
- Divina Sardegna, con il FAI alla scoperta dei luoghi legati alla Comme - 16/03/2021 09:55:54
- 8 Marzo: combattere le differenze per la parità di genere - 08/03/2021 07:24:27
- Ivano Dionigi: Segui il tuo demone - 05/03/2021 09:33:38
- La Musa Inquieta, il corto dedicato a Marta Marzotto - 23/02/2021 14:58:40
- Gabriele Gallo: ritratti alpini, racconti di un anno in montagna - 12/02/2021 16:50:51
- Giulio Guidorizzi: il mito immortale di Edipo ed Enea - 04/02/2021 08:00:35
- Laura Efrikian: tra Armenia e Africa, una vita all'insegna dell'amore - 29/01/2021 11:10:15
- Filomena Giannotti: Caproni, Il mio Enea - 20/01/2021 07:36:54
- Mamma Margherita: la mia Nadia, la forza dell'amore - 04/01/2021 17:57:43
- Anny Romand, mia nonna d'Armenia - 22/12/2020 07:09:20
- Giorgio Ieranò: I Greci e noi - 21/12/2020 07:17:10
- Pietro Pisciottu: L'Agnata, storia e memoria di uno stazzo gallurese - 14/12/2020 10:36:18
- Sopravvivere alla morte: la vita nelle iscrizioni funerarie latine - 07/12/2020 21:46:29
- Olivo: l'albero della civiltà - 05/12/2020 07:38:58
- Marida Lombardo Pijola: l'imperfezione delle madri - 25/11/2020 14:08:22
- Pietro Greco: Trotula, la prima donna medico d'Europa - 10/11/2020 08:28:11
- Gian Enrico Manzoni: la peste di Atene ai tempi del Covid - 29/10/2020 08:13:41
- Fiorenzo Caterini: ricostruzione della memoria in Sardegna - 23/10/2020 09:01:57
- Paolo Carboni: Tutt'a pedi - Alla scoperta del territorio di Aggius (S - 12/10/2020 10:44:57
- Agostino Asara, l'ultimo Patriarca degli stazzi galluresi - 06/10/2020 07:41:33
- Aggius (SS): storia, tradizioni, banditismo nel cuore della Gallura - 02/10/2020 06:54:06
- Tenuta Coda di Lupo, eccellenze sarde per un'agricoltura sostenibile - 22/09/2020 19:35:55
- Luigi Lehnus: Wilamowitz e il monte delle Muse - 15/09/2020 17:25:33
- Paola Mancini: viaggio nella storia di Loiri Porto San Paolo (SS) - 10/09/2020 18:14:11
- Alla scoperta dell'Area Marina Protetta di Tavolara (SS) con Augusto - 01/09/2020 21:32:17
- Giuseppe Festa: Ursula e Lupinella, orsi e lupi sulle montagne italian - 28/08/2020 07:59:34
- Pa punyat: con Antonio Masia alla scoperta delle eccellenze algheresi - 24/08/2020 08:51:11
- Sa Mandra, anima barbaricina nel cuore della Nurra - 19/08/2020 07:30:34
- Giuliano Dal Mas, una vita tra le Dolomiti - 13/08/2020 17:36:13
- Valle d'Aosta, presentata la XXIII edizione del Gran Paradiso Film Fe - 27/07/2020 19:42:54
- Irene Borgna: Louis Oreiller, il pastore di stambecchi - 20/07/2020 07:47:15
- Genzano, a Casa Mamre QUESTO MARE E’ PIENO DI VOCI - 16/07/2020 09:22:00
- Corrado Ruggeri, una vita in viaggio - 13/07/2020 07:30:17
- Lungo i sentieri del Cammino Ibleo con Nanni Di Falco - 06/07/2020 16:49:35
- Alla scoperta del nuraghe Majori di Tempio Pausania - 30/06/2020 07:39:09
- Lorenzo Braccesi: Olimpiade e Zenobia, quando il potere è donna - 24/06/2020 05:26:37
- Ove abitai fanciullo: a Recanati aprono le stanze private di Giacomo L - 15/06/2020 14:18:28
- I reperti assiri di Faida al premio mondiale in memoria di Khaled al-A - 08/06/2020 07:43:10
- Mauro Bonazzi: i Greci e il mistero dell'esistenza - 01/06/2020 07:22:54
- PandemicA, racconto corale per immagini - 21/05/2020 07:52:03
- Antonietta Langiu, la mia Isola - 08/05/2020 09:22:34
- Susanna Garavaglia: il risveglio della coscienza interiore - 29/04/2020 05:09:43
- Rosanna Raffaelli Ghedina: folclore, leggende e simboli delle Dolomiti - 16/04/2020 23:10:44
- Giorgio Murru: Spiriti e Dèi nella statuaria preistorica della Sardegn - 09/04/2020 13:50:32
- Una Maschera, un Volto, un Paese: il Carnevale in Sardegna - 07/03/2020 07:34:21
- Pe’ terre assaje luntane: al MANN l’emigrazione ischitana in America - 01/03/2020 19:33:00
- Thalassa: a Napoli le meraviglie sommerse dal Mediterraneo - 27/02/2020 23:09:38
- Nel segreto mare delle stelle di Marella Giovannelli - 25/02/2020 18:10:02
- Marcello Cabriolu, la Sardegna e il Mediterraneo Occidentale - 17/02/2020 21:27:55
- Erika Maderna, sulle tracce della medicina delle streghe e delle sant - 27/01/2020 06:48:31
- Federico Fellini: ironico, beffardo e centenario - 14/01/2020 07:56:24
- Pompei e Santorini, l'eternità in un giorno - 04/01/2020 08:29:04
- Andrea Icardi, un anno in Alta Valle Maira - 30/12/2019 14:15:42
- Archeologi italiani riportano alla luce i reperti assiri di Faida - 15/12/2019 09:45:07
- Augusto Mulas: l'orientamento astronomico dei nuraghi - 09/12/2019 19:01:03
- Margherita Massari: Ildegarda di Bingen, Sibilla e Dottore della Chies - 06/12/2019 09:18:37
- Il mito immortale di Cartagine in mostra a Roma - 04/12/2019 00:02:27
- Aquileia 2200. Porta di Roma verso i Balcani e l’Oriente - 29/11/2019 05:28:33
- Michele Porcaro: ASSTEAS - Storia del Vaso più bello del mondo - 19/11/2019 00:26:44
- Silvia Romani: credenze, miti e dei degli antichi - 11/11/2019 13:10:02
- All'Alba Radians di Albano (RM) il Filottete di Sofocle - 06/11/2019 16:36:58
- Mulino della Riviera di Dronero (CN), una storia firmata Cavanna - 29/10/2019 18:50:24
- Galluras, il Museo della Femina Agabbadòra - 22/10/2019 07:00:03
- Ugo Mancini: Sotto la cenere, storie di vita quotidiana durante il ven - 10/10/2019 20:51:11
- Alessandra Derriu: streghe, indovine e curatrici nella Sardegna del '7 - 04/10/2019 07:06:18
- Giuseppe Vito Internicola: Castellammare del Golfo, alle origini di un - 29/09/2019 18:15:59
- Città della Pieve (PG) si prepara ad accogliere Il Nostro Tempo - 25/09/2019 15:20:51
- Uno spazio per le Donne: alla scoperta del mondo femminile sardo e non - 23/09/2019 08:37:50
- Olmedo (SS), storia, tradizioni, folklore - 21/09/2019 09:21:49
- Silvia Giorcelli Bersani: I Romani e le Alpi - 16/09/2019 14:05:54
- Rossella Giglio: Segesta, tra teatro, musica, natura - 08/08/2019 15:56:16
- Enrico Caruso: la rinascita di Selinunte - 01/08/2019 14:29:05
- Lucina Gandolfo: alla scoperta di Monte Iato - 31/07/2019 07:33:07
- Sulle spiagge pontine tornano i Racconti di Sabaudia - 30/07/2019 08:47:45
- Tagliacozzo (AQ): XXXV Festival Internazionale di Mezza Estate - 22/07/2019 14:36:02
- Civiltà del sole: l'archeoastronomia nella Sicilia preistorica - 19/07/2019 07:30:13
- Cristina Muntoni, il potere delle parole nella storia della sacralità - 15/07/2019 18:12:54
- Francesco Bianco, un cammino tra verità nascoste - 13/07/2019 06:58:14
- Filippo Drago, mugnaio siciliano fra tradizione e modernità - 09/07/2019 07:28:20
- Con la KERNOS alla scoperta di Castellammare del Golfo - 02/07/2019 18:17:21
- Per una rinascita di Castelvetrano, città d'arte, storia, cultura - 27/06/2019 18:13:44
- Marinella Fiume: sapienza, virtù e misteri dell'universo simbolico fem - 11/06/2019 19:04:31
- Stefano Pucci: le incisioni rupestri delle Alpi Apuane - 07/06/2019 09:24:59
- Albano (RM), al via la Rassegna del Teatro Antico - 26/05/2019 18:33:37
- Max Dashu: Streghe e pagane, le donne nella cultura popolare europea - 14/05/2019 07:18:46
- Diego Maggio: profumi, aromi e sapori siculo-panteschi - 09/05/2019 08:15:34
- Regius, omaggio allo stupor mundi Federico II di Svevia - 03/05/2019 07:38:01
- Sentiero della Libertà, per tenere viva la Memoria - 01/05/2019 20:05:09
- Caccamo (PA), borgo di storia, arte, cultura - 28/04/2019 06:50:10
- C'era una volta Iato: omaggio dei ragazzi all'antica Iato - 23/04/2019 22:40:32
- U Pani ri Murriali: il pane genuino di una volta - 16/04/2019 17:20:40
- Recanati (MC): L'Infinito di Leopardi compie 200 anni - 13/04/2019 16:51:43
- A Camo (CN) torna PrimaVeraRegia - 11/04/2019 17:17:36
- Ivano Dionigi: Lucrezio, Seneca e noi - 04/04/2019 23:33:23
- Luca Mancini: Il caso dell'Ungheria di Horthy - 09/04/2019 19:14:05
- Il Foscolo di Albano (RM) trionfa al Festival Thauma - 30/03/2019 20:22:23
- Sotto il segno dei pesci: Camaiani celebra la Grecia - 28/03/2019 17:13:29
- Guido Cossard, viaggio nel mondo dell'Archeoastronomia - 25/03/2019 10:47:16
- Rosanna Oliva de Conciliis, una vita per la Parità - 17/03/2019 08:14:51
- Donna o Dea: le raffigurazioni femminili in Sardegna tra passato e pre - 02/03/2019 20:50:25
- Giorgio Ieranò: l'arcano fascino delle isole dell'Egeo - 25/02/2019 09:19:48
- Dea e Femminismo alla Roma Goddess Conference - 21/02/2019 09:10:27
- Elena Ianni: le feste e i falò del Messico - 17/02/2019 19:18:44
- Roma: l'olio d'oliva al Premio Filo della Torre - 15/02/2019 17:02:24
- I giovani attori del Foscolo alla Giornata del Greco - 06/02/2019 17:24:33
- La Penisola del Sinis (OR) tra storia, archeologia e natura - 29/01/2019 17:38:31
- King Camp Gillette: Il Turbine Umano - 19/01/2019 11:59:30
- Barumini (VS), archeologia, storia, cultura nel cuore della Sardegna - 14/01/2019 10:46:56
- Morena Luciani Russo: la ricerca della Dea e lo sciamanesimo - 09/01/2019 06:28:02
- Maurizio Bettini: Il Presepio, storia di un simbolo - 21/12/2018 08:22:38
- Venezia: Idoli, il potere dell'immagine - 12/12/2018 18:57:46
- Simona Modeo, Dioniso in Sicilia - 06/12/2018 17:48:35
- Violette Sauvage a Palazzo Colonna (RM) - 03/12/2018 07:01:13
- Pomezia (RM): Premio Donna d'Autore 2018 - 30/11/2018 06:37:50
- Massimo Blasi, l'incredibile storia degli imperatori romani - 28/11/2018 10:26:59
- Fabio Isman: 1938, l'Italia razzista - 25/11/2018 07:30:10
- Sacrum, lo Stabat Mater di Rossini all'Aracoeli di Roma - 22/11/2018 16:42:46
- Oriana Dal Bosco: il misterioso fascino del Nord Africa - 20/11/2018 17:17:03
- Natale inCHIOSTRO a Monastero di Dronero (CN) - 17/11/2018 07:53:51
- All'Alba Radians di Albano (RM): l'Ecuba di Euripide - 15/11/2018 16:59:16
- Autunno d'Autore a Ruralia, Conosci tu il paese dove... - 13/11/2018 18:40:36
- Marella Giovannelli, una vita tra giornalismo, fotografia e poesia - 09/11/2018 10:04:37
- Daniela Dao Ormena: Le radici chiamano, dolci melodie della Valle Mair - 30/10/2018 13:32:22
- Gli antichi pani di Sardegna protagonisti a Buddusò - 17/10/2018 14:23:34
- Torna a Lanuvio (RM) l'antico rituale della Maza - 04/10/2018 20:39:44
- Nonna Tommy, raccontaci ancora... - 02/10/2018 07:16:37
- A Buddusò (SS) torna Artes in Carrera - 30/09/2018 06:56:22
- Al Museo Africano di Verona la danza degli spiriti - 27/09/2018 00:12:36
- A. Cossard: Archeoastronomy, la prima app di archeoastronomia - 24/09/2018 09:21:18
- Firenze, Viaggio nell'altro e nell'altrove in ricordo di Paolo Grazios - 19/09/2018 08:31:44
- Lanuvio (RM): Buon compleanno, Antonino Pio! - 10/09/2018 06:04:22
- Raffaella De Sanctis, tra scuola e ricerca - 04/09/2018 17:45:49
- Màn. Vietnam Street Heroines in mostra al MAO (TO) - 26/08/2018 10:25:13
- Alessandra Comneno, una vita a contatto con la saggezza dei Nativi - 12/08/2018 19:38:51
- MAO (TO), ORIENTI. 7000 anni di arte asiatica dal Museo delle Civiltà - 07/08/2018 06:17:08
- Senorbì (CA), al MADN La Dea di Turriga, il mistero di un’icona senza - 01/08/2018 07:38:49
- Silvia Tenderini, una vita tra viaggi, ricerche e scrittura - 24/07/2018 19:40:34
- A Villa Giulia (Roma) la Scuola di Archeoastronomia 2018 - 19/07/2018 06:39:50
- Gabriella Mosso, I miei, i tuoi, i nostri - 17/07/2018 05:54:30
- Tagliacozzo (AQ), Festival Internazionale di Mezza Estate - 12/07/2018 06:39:05
- Franco Campus, Nuragici - un Territorio, un'Isola, il Mediterraneo - 09/07/2018 22:21:30
- Carmagnola (TO): Donne e Madonne nell’Arte dal XV secolo ad oggi - 04/07/2018 21:53:04
- Per una rinascita socio-culturale dei borghi della Valle dell'Amaseno - 25/06/2018 07:25:04
- Capalbio (GR), vacanza-laboratorio di Spiritualità Femminile con Devan - 22/06/2018 20:30:12
- Nicola Castangia, Ercole Contu e la scoperta della Tomba dei Vasi Tetr - 18/06/2018 06:44:49
- Castelfidardo (AN): gli studenti del Meucci per la valorizzazione del - 10/06/2018 17:30:57
- Papa Wojtyla in Comelico e in Cadore: il ricordo e l'emozione 30 anni - 27/05/2018 16:40:51
- Scrittori alla scoperta del mondo, una mostra sulla letteratura di via - 22/05/2018 06:00:18
- In viaggio tra le pagine di Elena Dak - 18/05/2018 09:31:20
- Convegno Internazionale contro Terrorismo, radicalizzazione e violenza - 08/05/2018 06:02:05
- Olimpia Biasi, la Viriditas di Ildegarda in mostra all'Hortu - 25/04/2018 15:09:19
- Con Marco Grippa alla scoperta del fascino segreto di Tagikistan e Kir - 18/04/2018 18:40:04
- Da Maenza a Fossanova sulle orme di San Tommaso d'Aquino - 13/04/2018 13:59:02
- Pierluigi Montalbano: l'alba della civiltà sarda - 10/04/2018 14:08:20
- Donne, Madri, Dee: la rappresentazione del femminile in mostra a Udine - 07/04/2018 07:14:26
- In mostra a Milano gli scavi di Achille Vogliano nel Fayum - 28/03/2018 18:52:37
- Sulle tracce della Dea: Viaggio nel Grembo della Storia - 17/03/2018 16:44:27
- Nadia Tarantini: Quando nascesti tu, stella lucente - 05/03/2018 21:14:35
- L'epopea dei Longobardi in mostra al MANN - 26/02/2018 10:45:11
- Verso il contratto di fiume dell'Amaseno - 22/02/2018 11:55:38
- Inside, la nuova collezione di Vittorio Camaiani - 11/02/2018 22:27:58
- Alla scoperta del matriarcato di Bali con Bruna Rotunno - 04/02/2018 13:48:05
- Giornata della Memoria, per non dimenticare - 25/01/2018 18:06:41
- Viaggio nei segreti della bellezza del corpo femminile - 21/01/2018 21:30:48
- Ildegarda di Bingen, maestra di sapienza nel suo tempo e oggi - 10/01/2018 22:22:54
- Selene Calloni: l'arte della ribellione zen per vincere la paura - 05/01/2018 22:57:08
- MANN: grande successo per la mostra sull'America precolombiana - 28/12/2017 14:29:51
- 2018 per Katike: i calendari di ...non lasciamoli soli - 19/12/2017 22:15:21
- Maenza: La rete dei cammini della Valle dell’Amaseno - 12/12/2017 22:31:25
- Al Convivium di Fiuggi i Pensieri sparsi di Daniela Gariglio - 07/12/2017 08:47:07
- Napoli: Il Natale dei 100 Alberi d’Autore - 03/12/2017 09:41:27
- Le donne dei Longobardi: urban-trekking con Michela Zucca - 28/11/2017 13:46:59
- San Martino di Stroppo: piccolo gioiello delle Valli Cuneesi - 24/11/2017 06:54:30
- Signa del Alma: per dire No alla violenza sulle donne - 19/11/2017 08:32:53
- Il nuovo romanzo di Maristella Lippolis: Raccontami tu - 07/11/2017 16:56:46
- Mama Africa: la maternità nell'arte africana - 03/11/2017 11:20:04
- Violette Sauvage: il vintage chic a Palazzo Colonna - 28/10/2017 11:28:12
- Il patrimonio archeologico del Lazio alla BMTA di Paestum - 26/10/2017 15:31:12
- Templari. Dal ducato di Puglia e Calabria, all’Italia del III Millenni - 22/10/2017 17:10:52
- Archeologia ferita: Volti di Palmira ad Aquileia - 11/10/2017 08:02:26
- Giancarlo Sani: alla scoperta delle incisioni rupestri toscane - 03/10/2017 13:36:14
- ... non lasciamoli soli: il progetto per il Nepal di Ilario Sedrani - 26/09/2017 08:24:26
- Giuliana Borghesani: La Maledizione della Liberta - 22/09/2017 14:28:02
- L'uomo, il Cancro del Pianeta - 04/09/2017 20:15:53
- Le caverne delle donne: la grotta di San Colombano - 25/08/2017 17:49:53
- Le figlie sono come le Madri: Donne lungo la Via della Seta - 30/08/2017 12:56:24
- Nemi: tornano i Nemoralia in onore della Dea Diana - 08/08/2017 17:21:44
- Donne e medicina: quale futuro per la medicina di genere? - 05/08/2017 08:48:58
- Arkeotrekking in Trentino: Sui sentieri delle Madri Antiche II - 31/07/2017 08:27:43
- Piero Verni: Tulku, viaggio nel cuore mistico della civiltà tibetana - 25/07/2017 07:11:56
- Ugo Mancini: ragioni e vicende degli antifascisti a Roma e nei Castell - 07/07/2017 18:23:52
- Festival di Tagliacozzo: conferenza stampa di presentazione a Palazzo - 05/07/2017 06:55:48
- Cuneo: Il lato nascosto delle Alpi - 04/07/2017 06:11:40
- Come con gli occhi dei bambini di Terezin - 28/06/2017 21:43:19
- Baby Giulia, storia di un'adolescenza rubata - 18/06/2017 13:18:11
- Francesca D'Amico: le donne nella tradizione contadina abruzzese - 11/06/2017 16:01:53
- Tutela e valorizzazione del patrimonio rurale nel Lazio - 07/06/2017 18:43:20
- Fiume che cammina. Transumanza dall’Adriatico al Lagorai - 03/06/2017 08:02:51
- Roma: VI raduno dei Linfoamici - 01/06/2017 14:32:42
- Atlantide, dal mito alla storia: intervista ad Alessandra Murgia - 20/05/2017 08:13:47
- Ignazio Didu: I Greci e la Sardegna. Il mito e la storia - 12/05/2017 09:18:37
- Sacra Nemora: la cultura del sacro in mostra a Lanuvio - 07/05/2017 23:09:38
- Pizzo d’Irlanda, merletto e ricamo protagonisti sul lago Trasimeno - 02/05/2017 07:59:39
- Arkeotrekking in Trexenta: Le Antiche Madri dei Monti e del Mare - 25/04/2017 19:47:13
- Le donne e il sapere medico-erboristico: un binomio da riscoprire - 07/04/2017 21:29:15
- Linfoamici a Venezia - 30/03/2017 18:13:31
- Com'è giusto che sia: il nuovo thriller di Marina Di Guardo - 29/03/2017 10:34:04
- Herbarie: le chiamavano Streghe - 24/03/2017 21:01:03
- Devana: il risveglio della spiritualità nativa dell'Antica Europa - 17/03/2017 18:33:42
- Andrea Loddo: l'archeologia sperimentale per comprendere le ancestrali - 11/02/2017 20:01:00
- Alla scoperta dell'origine genetica dei Sardi con il prof. Francala - 03/02/2017 08:01:01
- Diego Manzi: viaggio nel cuore della tradizione indiana - 28/01/2017 10:24:25
- Barbara Bonomi Romagnoli: storie di insette felici - 25/01/2017 23:15:02
- Alberto Pattini: Poesia del Trentino. La melodia della Grande Madre - 19/01/2017 21:24:29
- Rinascere dalle distruzioni. Ebla, Nimrud, Palmira - 12/01/2017 21:25:10
- Nori Corbucci: Marta Marzotto, una vita da ricordare - 05/01/2017 00:02:59
- La Sardegna antica nel cuore del Mediterraneo - 30/12/2016 01:04:16
- Sardegna nuragica e falso mistero della lingua etrusca con il linguist - 03/01/2017 07:32:46
- La Stirpe del Sole: una Medea inedita nell'ultimo romanzo di Giuliana - 23/12/2016 14:12:50
- Al Castello di Scilla i Popoli del Mare di Oreste Kessel Pace - 16/12/2016 12:53:26
- SACRUM: concerto dedicato a Papa Francesco all'Aracoeli - 08/12/2016 10:18:48
- Paola Biato: Viaggio nel mondo della Psicofiaba - 04/12/2016 19:28:59
- Il viaggio. Alchimie e Passioni: a Venezia la personale di Irene Manen - 29/11/2016 08:13:34
- Il Natale dei 100 alberi d’autore - 28/11/2016 20:22:54
- Carlo Buldrini: Pellegrinaggio buddhista - 16/11/2016 08:32:43
- A Spazio Mater l'arte digitale di Michele Grimaldi - 13/11/2016 19:50:50
- Gigantes de Perdas: alla scoperta dei nuraghi sardi - 04/11/2016 07:54:20
- Ivo Nardi: Riflessioni sul senso della vita - 24/10/2016 08:27:11
- Fabrizio Manzetti: Nascosti davanti a tutti - 18/10/2016 00:13:25
- Bambine e bambini: divino gioco di pace nel mondo - 28/10/2016 08:24:38
- La Danza degli Archetipi: alle radici del linguaggio simbolico - 13/10/2016 22:41:28
- Alla scoperta dei Fiori di Bach con Gerardo Chirò - 09/10/2016 08:44:23
- Sardegna: curiosità, aneddoti e misteri sardi con Gianmichele Lisai - 04/10/2016 06:59:28
- Roma per Amatrice: Concerto di Beneficenza - 25/09/2016 15:45:16
- Sulle tracce dell' archeologia dell'evanescente con Paola Di Si - 22/09/2016 15:21:18
- Sebastiano Brocchi: alchimia, esoterismo, simbologia sacra e mistero - 18/09/2016 08:55:07
- Milano: appuntamento per il World Lymphoma Awareness Day - 13/09/2016 07:41:13
- Sulla via degli sciamani del Sudamerica con Stefano Lioni - 29/08/2016 08:00:22
- Sulle orme dei Moso con l'antropologa Francesca Rosati Freeman - 16/08/2016 07:13:59
- Sui sentieri dei luoghi di culto della Grande Dea con Luisella Veroli - 11/08/2016 08:48:06
- Un Altro Mondo per i Diritti della Pachamama - 27/07/2016 07:32:44
- Alessandra Di Gesù: viaggio nelle Tradizioni Misteriche del Mediterran - 05/07/2016 08:00:50
- Abbracci gratis contro il linfoma: a Roma il V raduno dei Linfoami - 31/05/2016 23:23:59
- Out of Tibet: il foto-racconto della diaspora tibetana sbarca a Roma - 23/05/2016 00:04:09
- Il Canto delle Sirene in mostra a Bologna - 22/05/2016 10:02:01
- La cultura dei Moso arriva al Ramadù di Cisterna - 16/04/2016 21:08:59
- Donne e scienza: un binomio per troppo tempo ignorato - 24/03/2016 07:51:18
- Suffragette 2.0: approda al Peano di Roma - 14/03/2016 22:06:13
- Palazzo Visconti: Alta Moda della Sartoria Angela - 09/03/2016 08:47:43
- Il respiro profondo di una Nuova Era - 04/03/2016 14:17:21
- Festa grande per i 35 anni di attività di Erno Rossi - 01/03/2016 14:29:34
- I Sentieri della Terra: come restituire vita e dignità alla Mad - 20/02/2016 09:06:03
- Le remote origini del tatuaggio con l'antropologa Michela Zucca - 23/01/2016 09:46:08
- Mantra Madre e Il profumo della luna: libri per il risveglio dell'anim - 24/12/2015 10:37:15
- Roma: il Rito del Grembo - 12/12/2015 00:42:29
- Alla scoperta delle vere origini di Halloween con Monica - 31/10/2015 20:24:53
I COMMENTI RELATIVI ALL'ARTICOLO
05/10/2022 20:15:39
da: giovannicarta1943@gmail.com a: info@ftnews.it
Oggetto: INVIA UN COMMENTO ALLA REDAZIONE
Nome: Giovanni Carta
Messaggio: Don Francesco Cossu è un sacerdote che stimo moltissimo, sia perché oltre ad aver dedicato la sua missione alla comunità arzachenese ha saputo cogliere tutti gli aspetti culturali della nostra parrocchia. Ha saputo leggere nelle coscienze di tutte le famiglie cristiane e non gli affetti che caratterizzano i sentimenti dei singoli, per poi fonderli insieme in paese e nelle singole frazioni Il suo grande merito è stato quello fissare, con molte pubblicazioni, tradizioni che altrimenti sarebbero andate perse.
Invia un commento alla Redazione
Email
Nome e Cognome
Messaggio
Gentile lettore, prima di inviare il Suo messaggio:

compilare il codice di sicurezza sottostante copiando l'immagine raffigurata;

CAPTCHA 
cambia codice

inserisci codice



Per pubblicare, in fondo all'articolo, il suo commento selezionare il pulsante sottostante.

Pubblicazione
  Si    solo nome
  Si    nome e cognome
  No


Grazie della collaborazione.

© 2014 - ftNews è una testata di libera informazione.