Redazione     Informativa     Link  

La lucida follìa della Medea di Euripide

domenica, 29 ottobre 2017 13:06

condividi su facebook
Fabrizio Federici
Al Teatro “Quirino”, sino al 5 novembre, uno spettacolo d’eccezione: la “Medea” di Euripide, nella traduzione di Umberto Albini, e nella storica regìa di Luca Ronconi, ripresa da Daniele Salvo. Si tratta, anzitutto, d’un doveroso omaggio a Ronconi (scomparso nel 2015, e celebre per varie regie di questo capolavoro euripideo, come a Zurigo nel 1981 e a Bergamo nel 1996): con uno spettacolo che è una pietra miliare nella storia del teatro nazionale, e dove l’attore (qui il bravissimo Franco Branciaroli), in tradizione pre-shakespeariana, veste i panni femminili di Medea.
“Medea” andò in scena per la prima volta nell’ Atene del 431 a.C., alla fine della mitica “Età di Pericle”, di poco precedente quella Guerra del Peloponneso che avrebbe tragicamente condotto alla fine dell’indipendenza greca. Domina quest’opera, un cupo senso di disperazione, di rabbia dell’uomo per la crudeltà dell’“Ananke”, il destino “cinico e baro”, superiore agli stessi déi: i quali, non a caso, in questo dramma euripideo (che precorre singolarmente, di circa un secolo, le note teorie di Epicuro sulla loro indifferenza alle tragedie umane) non intervengono minimamente nelle vicende di Medea, Giasone e dei loro figli.
“Medea – leggiamo nelle note di regia dello stesso Ronconi – è una ‘minaccia’, una ‘minaccia’ che incombe imminente anche sul pubblico”. Per questo suo essere misteriosa e mostruosa, può essere interpretata da un uomo.
La sua non è una tragedia della femminilità. In questa donna, già determinante per la vittoria di Giasone (Alfonso Veneroso) nell’impresa del vello d’oro in Colchide, poi sua sposa a Corinto (osteggiata dall’ establishment locale, in quanto “barbara”), madre di due figli; e, infine, assassina , per vendetta, di Glauce, nuova promessa sposa di Giasone (figlia del re locale, Creonte), di Creonte (Antonio Zanoletti) e, addirittura, dei suoi stessi figli, non si può certo leggere una sorta di femminista ante litteram.
Troviamo, semmai, una follia alla Kubrick, e l’incarnazione proprio di quello spirito greco, ultra dionisiaco sino appunto alla follia, descritto da Nietsche nel geniale “La nascita della tragedia”. Medea, “dallo sguardo di toro” (ecco anche un richiamo, diremmo, al mostruoso Minotauro cretese), è smisurata, dotata d’un potere sinistro che s’accanisce (consapevolmente, non in preda all’ebbrezza, come sarà poi per Agave, protagonista de “Le Baccanti”) sulle nuove generazioni, i suoi figli (qui, i piccoli Matteo e Raffaele Bisegna).
In tempi moderni, per incredibile, cinico ricorso storico, nella Berlino di fine aprile del ’45, sarà Magda Goebbels, gelida consorte del ministro della Propaganda Josef, e perfetta "Medea nazista", a uccidere i suoi figli a pochi giorni dalla caduta del bunker, non volendo farli crescere in un mondo senza il Fuhrer…
Scene (Francesco Calcagnini, riprese da Antonella Conte) e costumi (Jacques Reynaud, ripresi da Gianluca Sbicca) sono in chiave moderna. Il tutto, si deve al lavoro congiunto di CTB, Centro Teatrale Bresciano, Teatro de Gli Incamminati e Piccolo Teatro di Milano-Teatro d’Europa.
Mostra altri Articoli di questo autore
info@freetopnews.it
I COMMENTI RELATIVI ALL'ARTICOLO
Invia un commento alla Redazione
Email
Nome e Cognome
Messaggio
Gentile lettore, prima di inviare il Suo messaggio:

compilare il codice di sicurezza sottostante copiando l'immagine raffigurata;

CAPTCHA 
cambia codice

inserisci codice



Per pubblicare, in fondo all'articolo, il suo commento selezionare il pulsante sottostante.

Pubblicazione
  Si    solo nome
  Si    nome e cognome
  No


Grazie della collaborazione.

© 2014 - ftNews è una testata di libera informazione.
© 2014 - FreeTopNews è una testata di libera informazione senza fini di lucro e conseguentemente le collaborazioni sono fornite assolutamente a titolo gratuito.
Se vuoi collaborare con la redazione e rendere sempre più ricchi i contenuti e accrescere la qualità del servizio offerto, inviaci articoli, segnalazioni e note per la eventuale pubblicazione. (Continua)

Iscrizione presso Registro della Stampa del Tribunale di Ancona , n. 17/2014 del 16/12/2014.