Redazione     Informativa     Link  

E l’Epifania ogni festa porta via

giovedì, 11 gennaio 2018 19:20

condividi su facebook
Rosario Pesce
E l’Epifania, per davvero, ogni festa porta via.
Quest’anno, le vacanze natalizie sono state un po’ più lunghe del solito, visto che il giorno del 6 gennaio è coinciso con un sabato e, quindi, ne è derivato un ponte ulteriore.
L’immagine del Paese, che è uscita da queste lunghe vacanze, è quella di una realtà leggermente in ripresa, che però deve ancora risolvere molte problematiche importanti.
I consumi, come dicono i dati statistici, sono in lieve aumento, ma la crescita riguarda, in particolare, quelli della fascia sociale alta, mentre quelli afferenti ai ceti meno abbienti sono, tuttora, frenati.
È chiaro che nessun Paese può uscire dalla crisi dell’ultimo decennio in modo repentino, ma è altrettanto evidente che l’Italia, come altre realtà d’Europa, vive oggi in particolare un’instabilità politica, che non fa avvertire gli effetti positivi degli avanzamenti dell’ultimo quinquennio.
Tale condizione non è, appunto, esclusiva dell’Italia, ma riguarda molte altre nazioni del vecchio continente: il contrasto fra le forze europeiste e quelle sovraniste non può che continuare nei prossimi mesi e le conseguenze, che possono derivarne, sono effettivamente ignote.
È evidente che il sentimento antieuropeista diviene il collettore di un disagio, a volte, molte forte: è altrettanto ovvio che l’eventuale uscita dell’Italia dall’Europa non comporterebbe miglioramenti della condizione complessiva, ma accentuerebbe una crisi che, in modo più o meno pervasivo, colpisce l’Occidente per effetto del trasferimento delle produzioni fuori dai luoghi, che le hanno ospitato per interi decenni.
Si sapeva bene che la globalizzazione avrebbe indotto un effetto simile, per cui l’Occidente è, oggi, la terra dei consumi per definizione, mentre molti dei beni realizzati provengono dalle aree in crescita del mondo, africane o asiatiche o dell’America latina.
Pertanto, la conclusione delle festività natalizie ci rimette di fronte alle problematiche consuete, con cui ci relazioniamo da tempo.
In tale ottica, è necessario che, nei prossimi mesi, uno scatto di orgoglio possa far sì che il Paese continui sulla strada percorsa nell’ultimo quinquennio, esaltando gli elementi di continuità positiva ed inserendo elementi di discontinuità, laddove necessari: il Paese può e deve tornare ad essere quella locomotiva dell’Europa del Mediterraneo, come lo è stato nel corso degli anni Ottanta del Novecento.
E, uniti tutti insieme, gli Italiani potranno tornare ad essere i protagonisti, come lo siamo stati per moltissimo tempo: d’altronde, anche l’Europa, senza il protagonismo dell’Italia, sarebbe molto più povera di prima.
Mostra altri Articoli di questo autore
info@freetopnews.it
I COMMENTI RELATIVI ALL'ARTICOLO
Invia un commento alla Redazione
Email
Nome e Cognome
Messaggio
Gentile lettore, prima di inviare il Suo messaggio:

compilare il codice di sicurezza sottostante copiando l'immagine raffigurata;

CAPTCHA 
cambia codice

inserisci codice



Per pubblicare, in fondo all'articolo, il suo commento selezionare il pulsante sottostante.

Pubblicazione
  Si    solo nome
  Si    nome e cognome
  No


Grazie della collaborazione.

© 2014 - ftNews è una testata di libera informazione.
© 2014 - FreeTopNews è una testata di libera informazione senza fini di lucro e conseguentemente le collaborazioni sono fornite assolutamente a titolo gratuito.
Se vuoi collaborare con la redazione e rendere sempre più ricchi i contenuti e accrescere la qualità del servizio offerto, inviaci articoli, segnalazioni e note per la eventuale pubblicazione. (Continua)

Iscrizione presso Registro della Stampa del Tribunale di Ancona , n. 17/2014 del 16/12/2014.