Redazione     Informativa     Link  

Duilio Cambellotti, artista ingiustamente osteggiato dalla critica

domenica, 25 febbraio 2018 19:27

condividi su facebook
Foto di Veronica Piraccini
Fabrizio Federici
A Roma, per iniziativa delle Gallerie d’arte “Il Laocoonte” e “W.Apolloni”, è stato ricordato Duilio Cambellotti(1876-1960), l’artista veramente poliedrico (incisore, xilografo, pittore, scenografo,architetto, decoratore, arredatore, designer, grafico, cartellonista pubblicitario, progettista di suppellettili, oggettistica e componenti d’arredo, scultore, ceramista e illustratore), inizialmente seguace dell’Art Nouveau, che ha segnato come pochi altri il panorama artistico nazionale - e, in parte, europeo - tra le due guerre.
A Cambellotti – nel contesto della mostra “Io sono Cambellotti “, che presso la galleria “Apolloni” in Via Margutta, sino a fine febbraio espone quadri, sculture, disegni, cartelloni pubblicitari, scenografie teatrali del maestro – sono state dedicate 2 serate: nella prima, il 1 febbraio, Francesco Tetro e Francesco Parisi hanno parlato, rispettivamente, di Cambellotti e la guerra e de Le leggende romane di Cambellotti.
Nell’altra, dedicata invece a Gli arredi di Cambellotti, il pubblico ha potuto ammirare una serie di mobili realizzati dall’artista (ad esempio per il Palazzo dell’Acquedotto Pugliese a Bari negli anni ’30) che tuttora colpiscono per la modernità del design e la varietà dell’ispirazione.
“L’ostracismo mostrato più volte, negli anni ’70-’80, verso quest’artista dalla critica tradizionale – ha ricordato, nella sua relazione, la critica d’arte Maria Paola Maino - nasceva anzitutto dalla sua partecipazione, negli anni ’30-’40, a varie iniziative artistiche promosse dal regime fascista, ad esempio per la storica bonifica delle Paludi pontine (zona dove, peraltro, Cambellotti - con altri intellettuali come Sibilla Aleramo, Giovanni Cena, Giacomo Balla – era stato attivo sin dai primi del secolo, impegnandosi per il miglioramento delle condizioni di vita dei contadini)”.
“Un ostracismo, questo”, ha aggiunto lo storico dell’arte Fabio Benzi, “che, partendo da motivi prettamente ideologici, ha colpito ingiustamente tanti artisti italiani della prima metà del ‘900, ora rivalutati dalla critica. E che, diciamolo pure, rientrava in quel più generale fenomeno di rimozione di tutto quel che riguardava il Ventennio che, a guardar bene, spesso celava, in realtà, la pretesa di gran parte degli italiani di considerarsi estranei a quel che era successo in quegli anni, e soprattutto – col comodo alibi degli “Italiani brava gente” - ai massacri e alle pulizie etniche del tempo di guerra (da notare che la voce su Cambellotti in “Wikipedia” si ferma, incredibilmente, al 1912, N.d.R.)”.
Contro quest’artista, infine, ha giocato anche quel tipico pregiudizio della nostra critica d’arte (d’origine sostanzialmente pseudocrociana) ostile alle arti applicate e al design destinato più al mercato (cose in cui eccelsero, invece, vari artisti del ‘900, da Depero a Sironi).
Mostra altri Articoli di questo autore
info@freetopnews.it
I COMMENTI RELATIVI ALL'ARTICOLO
Invia un commento alla Redazione
Email
Nome e Cognome
Messaggio
Gentile lettore, prima di inviare il Suo messaggio:

compilare il codice di sicurezza sottostante copiando l'immagine raffigurata;

CAPTCHA 
cambia codice

inserisci codice



Per pubblicare, in fondo all'articolo, il suo commento selezionare il pulsante sottostante.

Pubblicazione
  Si    solo nome
  Si    nome e cognome
  No


Grazie della collaborazione.

© 2014 - ftNews è una testata di libera informazione.
© 2014 - FreeTopNews è una testata di libera informazione senza fini di lucro e conseguentemente le collaborazioni sono fornite assolutamente a titolo gratuito.
Se vuoi collaborare con la redazione e rendere sempre più ricchi i contenuti e accrescere la qualità del servizio offerto, inviaci articoli, segnalazioni e note per la eventuale pubblicazione. (Continua)

Iscrizione presso Registro della Stampa del Tribunale di Ancona , n. 17/2014 del 16/12/2014.