Redazione     Informativa     Link  

Confessioni di uno zero

martedì, 01 maggio 2018 08:50

condividi su facebook
Fabrizio Federici
Una favola postmoderna. E al tempo stesso,una moderna rivisitazione della storia di Romeo e Giulietta. Queste, le principali caratteristiche di “Confessioni di uno zero”, singolare romanzo di Giovanni Di Iacovo (Roma, Castelvecchi, 2017, €. 16,50): giovane scrittore autore di saggi e romanzi, già tra i vincitori della Biennale dei Giovani Artisti d’Europa e del Mediterraneo ( Serajevo, 2001), attualmente ricercatore di Letteratura italiana moderna e contemporanea all’ Università “Gabriele D’ Annunzio di Chieti-Pescara, e assessore alla cultura e Pubblica istruzione del Comune di Pescara.
“Confessioni” è un romanzo a dir poco singolare, che ruota intorno alla sfortunata storia d’amore di Vienna e Sebastiano (“nomen omen”… come non pensare al soldato romano, martire cristiano, eroe, tra l’altro, del bel film di Derek Jarman del ’76? Ma anche, parlando di rapporti affettivi, alla “coppia” “Belle et Sebastien” , dei telefilm francesi anni ’60 e del film di Nicolas Vanier del 2013). Ambientato tra gli anni ’90 e i nostri giorni, tra la Pescara di oggi (importante fucina di cultura multimediale e al tempo stesso, diremmo col suo figlio Ennio Flaiano, città cosmopolita e inguaribilmente provinciale) e quella Londra che non è più la “swinging London” anni 60-’70, ma è sempre – pur insidiata da Berlino – tra le capitali della cultura giovanile , “Confessioni” mescola abilmente ricordi dei grandi romanzi del ‘900 e fumetti d’autore, musica rock e pop, cinema, arte postmoderna e ricordi personali.
Narrando una storia d’amore – quella, appunto, di Vienna e Sebastiano – dagli anni ’90, dai primi esordi della cultura giovanile postpunk, ad oggi, alla piena, libertaria esplosione dell’universo, da un lato, punk-gothic- leather; e, dall’altro, gay-lesbian-transgender- BDSM. Fra le montagne d’ Abruzzo e il “Torture Garden” di Londra (mitico tempio della cultura BDSM), fra le spiagge di Pescara e le nebbie del nord Europa, fra Tarantino e Almodovar, Di Iacovo narra una storia che si dipana, per trent’anni, sino alla sua tragica conclusione. Con uno stile personalissimo, nervoso quanto fantasmagorico e cinematografico, punteggiato, di neologismi e costruzioni particolari che quasi ricordano Marinetti e Joyce.
Mostra altri Articoli di questo autore
info@freetopnews.it
I COMMENTI RELATIVI ALL'ARTICOLO
Invia un commento alla Redazione
Email
Nome e Cognome
Messaggio
Gentile lettore, prima di inviare il Suo messaggio:

compilare il codice di sicurezza sottostante copiando l'immagine raffigurata;

CAPTCHA 
cambia codice

inserisci codice



Per pubblicare, in fondo all'articolo, il suo commento selezionare il pulsante sottostante.

Pubblicazione
  Si    solo nome
  Si    nome e cognome
  No


Grazie della collaborazione.

© 2014 - ftNews è una testata di libera informazione.
© 2014 - FreeTopNews è una testata di libera informazione senza fini di lucro e conseguentemente le collaborazioni sono fornite assolutamente a titolo gratuito.
Se vuoi collaborare con la redazione e rendere sempre più ricchi i contenuti e accrescere la qualità del servizio offerto, inviaci articoli, segnalazioni e note per la eventuale pubblicazione. (Continua)

Iscrizione presso Registro della Stampa del Tribunale di Ancona , n. 17/2014 del 16/12/2014.