Redazione     Informativa     Link  

Sotto il segno dei pesci: Camaiani celebra la Grecia

giovedì, 28 marzo 2019 17:13

condividi su facebook
Ph Alessandro Calligaro
Francesca Bianchi
Sabato 30 marzo, nell'elegante cornice della Coffee House di Palazzo Colonna, a Roma,Vittorio Camaiani presenterà Sotto il segno dei pesci, la collezione primavera/estate 2019, un viaggio creativo che celebra il mare, partendo dalla nativa San Benedetto del Tronto per approdare al bianco abbagliante e al blu profondo delle isole greche. Lo sguardo del couturier marchigiano è partito dai pesci del mosaico anni Trenta della Palazzina Azzurra di San Benedetto.
Durante i suoi viaggi in Grecia, Vittorio Camaiani si è lasciato rapire dalla bellezza assoluta che caratterizza le Cicladi, da Paros, a Santorini, ad Amorgos, perle bianche spazzate dal vento e sospese in quel mare dai colori cangianti. E’ un viaggio simbolico dal noto all’ignoto, dai luoghi conosciuti e familiari alla scoperta di isole remote e ammantate dal mito che galleggiano nel blu dell’Egeo. L'elemento ricorrente di questa collezione è costituito dai pesci, simbolo per eccellenza del mare. Sono i pesci che lo stilista marchigiano ha visto sui pescherecci dell’isola di Paros e che ha trasformato in dettagli decorativi:
Ph Alessandro Calligaro
i pesci si appoggiano con garbo su maglie a righe di sapore marinaro, definiscono l’orlo di abiti di lino, “migrano”, sapientemente ricamati, su cappe da sera di seta color tortora, vanno a chiudere in vita, tempestati di preziosi cristalli, abiti-scultura che omaggiano l’antica Grecia, “volano” dipinti a mano su disegno dello stilista sui batik di top, pantaloni e caftani.
Nei completi in lino della parte giorno triangoli di tessuto impalpabile si appoggiano al capo con la leggerezza di vele al vento, mentre le corde decorano bermuda azzurri e blu e chiudono pantaloni sciolti di lino color sabbia.
Nella parte dedicata a Santorini Vittorio Camaiani fa rivivere anche l’architettura tipica delle isole greche. Le cupole delle chiese si ritrovano dipinte a mano nei batik di completi-caftano dal taglio asimmetrico, le croci delle chiese vengono citate nel taglio di tute e abiti da sera in cady e duchesse e nei ricami di cristalli swarovski su abiti e pantaloni in marocaine e organza. Le tipiche scale del villaggio di Oia vengono riprodotte nell’orlo di gonne in lino e dell’abito da sera rosso in seta jacquard che simboleggia il tramonto dell'antica Thera.
Tra le nuances marine del bianco, dell’azzurro e del blu profondo, tra il color sabbia e il rosso, questa collezione fortemente evocativa veste una donna originale e ironica, moderna esploratrice di luoghi che sono al contempo reali e immaginari, simbolo di una bellezza antica e senza tempo.
Condurrà la serata Elena Parmegiani, direttrice della Coffee House.
Domenica 31 marzo, sempre nella Coffee House, dalle ore 11,00 alle ore 19,00 Vittorio Camaiani accoglierà clienti ed amici in occasione dell’evento AtelierPerUnGiorno. Gli ospiti potranno toccare con mano gli abiti della nuova collezione e ricevere consigli personalizzati sui look proposti.
Mostra altri Articoli di questo autore
info@freetopnews.it
I COMMENTI RELATIVI ALL'ARTICOLO
Invia un commento alla Redazione
Email
Nome e Cognome
Messaggio
Gentile lettore, prima di inviare il Suo messaggio:

compilare il codice di sicurezza sottostante copiando l'immagine raffigurata;

CAPTCHA 
cambia codice

inserisci codice



Per pubblicare, in fondo all'articolo, il suo commento selezionare il pulsante sottostante.

Pubblicazione
  Si    solo nome
  Si    nome e cognome
  No


Grazie della collaborazione.

© 2014 - ftNews è una testata di libera informazione.
© 2014 - FreeTopNews è una testata di libera informazione senza fini di lucro e conseguentemente le collaborazioni sono fornite assolutamente a titolo gratuito.
Se vuoi collaborare con la redazione e rendere sempre più ricchi i contenuti e accrescere la qualità del servizio offerto, inviaci articoli, segnalazioni e note per la eventuale pubblicazione. (Continua)

Iscrizione presso Registro della Stampa del Tribunale di Ancona , n. 17/2014 del 16/12/2014.