Redazione     Informativa     Link  

Scorranese: Portami dove sei nata (l’Abruzzo tanto amato e tanto a rischio)

venerdì, 17 maggio 2019 14:38

condividi su facebook
Mafalda Bruno
Capita spesso che a volte leggi un trafiletto, poche righe su un luogo o una situazione, un fatto qualsiasi, che la maestrìa con la quale sono scritte quelle poche parole, fanno sì che ti ci trovi catapultata dentro, quasi da protagonista. Scrivere è certamente un’arte, ma alla fin fine se non riesci a trasmettere le emozioni con cui butti giù un pezzo, a far percepire a chi ti legge le tue stesse, identiche sensazioni provate mentre scrivevi, lo scrivere rimane fine a sé stesso. Te lo rileggi, magari te ne compiaci, ma rimane lì… a tuo unico uso e consumo. E non è una bella sensazione alla lunga. Una noia mortale, diciamolo pure.
Ecco, mi è capitato di avere un sussulto di emozione con il libro di Roberta Scorranese: Portami dove sei nata (editore Bompiani Overlook). Sfogliavo il mio settimanale di fiducia, C7 Corsera, e mi sono saltate all’occhio subito alcune parole del tipo ammidia, Sangabriè, pummadorata per capire che quelle righe mi riguardavano, eccome, perché si trattava della zona in cui sono nata e cresciuta, di termini dialettali che hanno accompagnato la mia fanciullezza e adolescenza. Tornata a casa ho letto tutto l’articolo facendo poi partecipe, con entusiasmo, la famiglia di questa perla scoperta, dove per perla intendo proprio perla. Capirai: coniuge salernitano, figlio di origini brasiliane, non è che il mio entusiasmo sia stato poi tanto condiviso se non con laconici “uhmmm, si…bello…”
Il giorno della Festa della Mamma, a sorpresa arriva un pacco per me: libri su libri arrivano al capo famiglia, al figlio qualche componente del computer…. Insomma: curiosa come una biscia, apro e trovo il libro di Roberta. La famiglia aveva registrato il mio entusiasmo e lo avevano tenuto in serbo per una festa. Bene, bravi, bis.
Ho già detto grazie a Roberta sui social, il suo libro spesso mi diverte, così come spesso mi fa pensare, ma una cosa è certa: in ogni riga mi pare di essere lì, in quel paesino che nonostante sia poco distante dal mio non ho mai visitato, sentito nominare certo, ma solo questo. Sono a mio agio lì sia nel 1942 (anche se sono nata 8 anni dopo) sia negli anni successivi. Sento vive le voci di Chiarina, Menichetta, tatà Pasquale, Don Bernardo (il mio si chiamava Don Eusanio, pace all’anima di entrambi) lu Marescià ecc. ecc.
Il passaggio che riguarda San Gabriele e i richiedenti i miracoli è incantevole, oltremodo suggestivo ma anche realistico: auà Sangabriè, io ti accendo il cero, faccio il fioretto, ma tu mi fai questa o quella grazia: se qualcosa va storto, si verifica una mancanza verso un patto stipulato tra un Santo e consumati contadini: quindi gente seria che non ha tempo da perdere e non sta lì a cinsichiare su cose inutili: e se Sangapriel Nusctr latita… i contadini se la legano al dito e glielo rinfacciano, oh se glielo rinfacciano, sempre con rispetto parlando però.
Ora, io capisco che questo libro è principalmente ad uso e consumo di noi teramani e dintorni… ma sarà gradevole lettura anche per chi ama scoprire usi e costumi di questa nostra bella Regione, ricca e profumata…. di cosa? Di tutto.
Roberta Scorranese
Tuttavia mi domando: quante belle abitudini, usi, costumi rischiamo di perdere e di scordare? (scordare= dal latino ex corde, fuori dal cuore) I nostri paesini si sono svuotati, specie dal sisma di Amatrice in poi, la gente preferisce zone più sicure e si rifugia al mare.. mentre Chiese, Monumenti, case e strade, sono lì in silenziosa, spettrale attesa che vengano sistemate va a sapere quando. I miei amici Isolani staranno sorridendo: sanno che gira gira il dente che mi duole è quello. Ma da inguaribile e tosta abruzzese quale sono, spero che il libro di Roberta apra gli occhi a chi di dovere, Non possiamo disperdere questo tesoro, ricchissimo, immenso, di usi, abitudini, modi di dire perché il terremoto ci ha quasi annientato. Dobbiamo riprenderci quello che è nostro da tempo immemore, trasmetterlo ai giovani abruzzesi perché a loro volta lo tramandino alle generazioni successive.
Riprendiamoci l’Abruzzo, così come sapientemente descritto da Roberta, diamoci un pizzicotto di orgoglio testardo (in questo siamo maestri!) non lasciamo che detriti e macerie seppelliscano le nostre tradizioni, i nostri modi di dire, il nostro modo di accogliere un ospite, di chiedergli se ha bisogno di usare il bagno (ahahah) di fare lu suc.. le virtù, lu timbane, la pezza doce… ma anche di criticare (anche questo fa parte del pacchetto: all included!) tutto e tutti… magari se si punzecchiasse il prossimo cristiano senza tanta malizia, sarebbe meglio.
Mica vulòm fa arrajà Sangapriel Nusctr!!! Nzìa mai….
Mostra altri Articoli di questo autore
info@freetopnews.it
I COMMENTI RELATIVI ALL'ARTICOLO
Invia un commento alla Redazione
Email
Nome e Cognome
Messaggio
Gentile lettore, prima di inviare il Suo messaggio:

compilare il codice di sicurezza sottostante copiando l'immagine raffigurata;

CAPTCHA 
cambia codice

inserisci codice



Per pubblicare, in fondo all'articolo, il suo commento selezionare il pulsante sottostante.

Pubblicazione
  Si    solo nome
  Si    nome e cognome
  No


Grazie della collaborazione.

© 2014 - ftNews è una testata di libera informazione.
© 2014 - FreeTopNews è una testata di libera informazione senza fini di lucro e conseguentemente le collaborazioni sono fornite assolutamente a titolo gratuito.
Se vuoi collaborare con la redazione e rendere sempre più ricchi i contenuti e accrescere la qualità del servizio offerto, inviaci articoli, segnalazioni e note per la eventuale pubblicazione. (Continua)

Iscrizione presso Registro della Stampa del Tribunale di Ancona , n. 17/2014 del 16/12/2014.