Redazione     Informativa     Link  

Le sardine: movimento o partito?

sabato, 23 novembre 2019 19:41

condividi su facebook
Rosario Pesce
La novità, nel panorama politico delle ultime settimane, è certamente costituita dal movimento delle Sardine, che nato per iniziativa di pochi giovani è divenuto, in brevissimo tempo, un fenomeno di massa.
Esploso nella rossa Emilia per fronteggiare l’avanzata elettorale di Salvini e della sua Lega sovranista, esso si è diffuso in tutto il Paese, per cui si svolgono dei flash mob da Nord a Sud in nome dei valori storici della Sinistra: non è un caso se il motivo musicale di tali incontri è l’eterna “Bella Ciao”.
Nascono, quindi, in modo spontaneo delle dinamiche di mobilitazione sociale, che partono in primis dai giovani che fanno uso dei social media e poi, da questi, si irradiano a tutte le altre fasce generazionali.
Le domande sono molteplici.
Le Sardine (molto bello, anche, il riferimento nella simbologia al noto pesce azzurro) sono uno stimolo solo per fare fronte alla Destra o, a breve, saranno un motore importante di rinnovamento per la stessa Sinistra?
Rimarranno nella condizione odierna di movimento o diventeranno partito, dandosi quindi un programma ed un organigramma?
La mobilitazione, che ne è nata, condizionerà finanche l’esito delle prossime elezioni regionali di gennaio in Emilia ed in Calabria?
E la Sinistra, quella ufficiale costituita dal PD e dalle piccole formazioni che sono suoi alleati, quali conseguenze ne trarrà?
È evidente che il momento storico è molto delicato.
La svolta, che avrebbe dovuto imprimere il nuovo Governo, non c’è stata, per cui ai vertici del Partito Democratico molti hanno, ormai, intuito che la liaison con i Grillini non può andare avanti ancora per molto tempo: il ceto politico e la società italiana devono necessariamente essere protagonisti di un cambiamento radicale, se non si vuole che la conclusione eventuale del Governo Conte coincida con la delegittimazione di una intera classe governante.
Ed, allora, ben vengano i giovani delle Sardine a creare un po’ di sano sconvolgimento in un equilibro altrimenti asfittico.
Certo, dalle piazze non si può governare il Paese, ma si può senza dubbio creare il presupposto per un ricambio di uomini e di idee, che oggi è necessario ed opportuno se si vuole evitare che il cittadino medio, quello che lavora in modo onesto e che paga le tasse, non si allontani in modo pericoloso ancora di più dalle dinamiche dei Palazzi del potere.
Mostra altri Articoli di questo autore
info@freetopnews.it
I COMMENTI RELATIVI ALL'ARTICOLO
Invia un commento alla Redazione
Email
Nome e Cognome
Messaggio
Gentile lettore, prima di inviare il Suo messaggio:

compilare il codice di sicurezza sottostante copiando l'immagine raffigurata;

CAPTCHA 
cambia codice

inserisci codice



Per pubblicare, in fondo all'articolo, il suo commento selezionare il pulsante sottostante.

Pubblicazione
  Si    solo nome
  Si    nome e cognome
  No


Grazie della collaborazione.

© 2014 - ftNews è una testata di libera informazione.
© 2014 - FreeTopNews è una testata di libera informazione senza fini di lucro e conseguentemente le collaborazioni sono fornite assolutamente a titolo gratuito.
Se vuoi collaborare con la redazione e rendere sempre più ricchi i contenuti e accrescere la qualità del servizio offerto, inviaci articoli, segnalazioni e note per la eventuale pubblicazione. (Continua)

Iscrizione presso Registro della Stampa del Tribunale di Ancona , n. 17/2014 del 16/12/2014.