Redazione     Informativa     Link  

Un’immane sventura: a Cetara il ricordo della terribile alluvione del 1910

Invia una email ad un amico
DA
A
Messaggio

lunedì, 26 ottobre 2020 07:56

condividi su facebook
Mafalda Bruno
Fu Primo Levi il primo a dire che “senza memoria non c’è futuro”. E se è ben vero che alcuni ricordi del passato, tragedie o lutti, causano sempre dolore nel riportarli alla mente, è altresì vero ed importante che certe cose non si dimentichino, vuoi per il rispetto a chi è perito in quella situazione, vuoi per imparare a prevenire questi eventi infausti affinchè non si ripetano più.
Il libro “Un’immane sventura” ha proprio questo obiettivo: riportare alla memoria cosa accadde nel 1910 quando una terribile alluvione spazzò gran parte della costiera e Cetara fu la zona più colpita perché la furia dell’acqua spazzò via intere famiglie e abitazioni.
Una ricerca accurata degli autori, Leonardo Cascini, Settimio Ferlisi, Giuseppe Di Crescenzo, Matteo Giordano, Giuseppe Liguori e Secondo Squizzato, un lavoro minuzioso e particolareggiato nello scovare notizie, foto e altri documenti di quel terribile periodo, hanno prodotto un libro che non può non essere letto con attenzione se davvero si ama il proprio paese e la sua storia.
La presentazione del volume, corredato di foto e documenti dell’epoca, è avvenuta presso la Sala Benincasa, alla presenza di un ristretto numero di persone a causa delle regole anti assembramento che in questo periodo vengono rigorosamente rispettate. In compenso, tutta la serata è stata trasmessa in diretta Facebook sulla pagina del Comune di Cetara.
Dopo il saluto del Sindaco, Fortunato della Monica, e del Parroco Don Andrea Caputo, si sono susseguiti gli interventi degli autori, collegati via streaming con la Sala.
Particolarmente “sentito” è stato il racconto dell’Architetto Giuseppe Liguori che ha sottolineato come gli sia stato impossibile , ad un certo punto delle sue indagini sull’epoca, scindere una ricerca rigorosa e scientifica, asettica, dei fatti di allora, con una reale commozione seguita al pensiero di tante giovani vite spezzate per sempre.
Secondo Squizzato ha ringraziato tutti coloro che hanno collaborato al volume, il grafico, i tanti ragazzi che si sono prodigati per raccogliere dati, la Protezione Civile che si è messa a disposizione: c’è stata insomma una collaborazione corale, di tutti. Ed ha concluso con un preciso monito: “Non possiamo agevolmente convivere con le nostre bellezze accecanti senza porre la massima attenzione al rischio idrogeologico della nostra fragilissima zona: non possiamo prevedere quando potrà ripresentarsi una precipitazione eccessiva o quando uno dei fiumiciattoli, che di solito appaiono solo pittoreschi ed innocui, può arrivare ad arrabbiarsi e fare paura e danni. Occorrono una maggiore consapevolezza e una presa di coscienza dei limiti e del rispetto dei vincoli ambientali che la natura ci suggerisce di tenere sempre presenti. “
Ricostruita con l’accurato esame dei numerosi giornali e delle riviste pubblicate nei giorni immediatamente successivi, sia in Italia che all’estero dove la gravità delle conseguenze richiamò l’attenzione degli organi di informazione. Una particolare cura è stata posta nell’esame dei documenti dell’archivio comunale, da cui è emersa la cruda realtà di una tragedia dalle immani proporzioni che sconvolse la popolazione dei luoghi colpiti.
L’approfondita disamina delle diverse evidenze di archivio ha consentito di ricostruire la mappatura delle vittime e le loro storie familiari acquisite anche con il ricorso alle testimonianze indirette dei discendenti dei superstiti.


Cetara in versi

Cetara, quanto amore susciti!
Il verde screziato dei tuoi monti,
l’azzurro cristallino del tuo mare
parlano al cuore.
Le meraviglie del creato
si riflettono in esso
e nel profondo scopri
una dolcezza infinita.
Tutto perde forma
entri nell’immensità
e in essa ti confondi.
La mente si annebbia per l’incanto,
difficile è staccarsi;
una forza misteriosa
ti trattiene a contemplare
e nell’animo esplode
una gioia incontenibile.

(Anna Rita Di Saverio)
Mostra altri Articoli di questo autore
info@freetopnews.it
I COMMENTI RELATIVI ALL'ARTICOLO
Invia un commento alla Redazione
Email
Nome e Cognome
Messaggio
Gentile lettore, prima di inviare il Suo messaggio:

compilare il codice di sicurezza sottostante copiando l'immagine raffigurata;

CAPTCHA 
cambia codice

inserisci codice



Per pubblicare, in fondo all'articolo, il suo commento selezionare il pulsante sottostante.

Pubblicazione
  Si    solo nome
  Si    nome e cognome
  No


Grazie della collaborazione.

© 2014 - ftNews è una testata di libera informazione.
© 2014 - FreeTopNews è una testata di libera informazione senza fini di lucro e conseguentemente le collaborazioni sono fornite assolutamente a titolo gratuito.
Se vuoi collaborare con la redazione e rendere sempre più ricchi i contenuti e accrescere la qualità del servizio offerto, inviaci articoli, segnalazioni e note per la eventuale pubblicazione. (Continua)

Iscrizione presso Registro della Stampa del Tribunale di Ancona , n. 17/2014 del 16/12/2014.