Redazione     Informativa     Link  

Paul Mirretta Barone: la forza e il legame con le proprie radici abruzzesi

Invia una email ad un amico
DA
A
Messaggio

sabato, 02 gennaio 2021 08:55

condividi su facebook
Mafalda Bruno
Una canzone di qualche anno fa aveva un ritornello orecchiabile che diceva: “nostalgia, nostalgia canaglia”. Sinceramente non sappiamo se la nostalgia si riferisse ad un amore di gioventù, è probabile; ma noi qui vogliamo raccontare un’altra storia, quella del legame, sempre d’amore, ma non verso un fidanzatino/a, bensì con la proria terra d’origine.
Il protagonista si chiama Paul e la terra di cui sente tanto la mancanza è Isola del Gran Sasso, in provincia di Teramo. E se è stato chiamato a Toronto in Canada, dove vive, nientemeno che da Il Messaggero, che in passato aveva già intervistato un suo prozio, è sembrato giusto anche a noi raccontare come stanno le cose.
Il padre di Paul, Domenico, è originario di Lanciano mentre la madre, Marisa Celli è originaria di Isola. Gli isolani non più giovanissimi ricorderanno quando Filippo Celli (per tutti l’indimenticato Fifì) nel 1964 decise di partire con la famiglia e stabilirsi a Toronto. Mentre il padre di Paul, Domenico, arriva nella stessa città canadese nel 1967 e sposa appunto Marisella.
Nel corso di vari viaggi che l’allora bambino Paul fa verso l’Italia, sente comunque la nostalgia della nostra terra e torna varie volte tra Isola e un appartamento a Pescara dove si ferma per soggiornare.
La vita professionale di Paul in America è di tutto rispetto, come tanti altri connazionali che hanno portato negli USA capacità professionale, serietà ed impegno nei vari settori lavorativi che fanno onore alla nostra Italia. Paul si è distinto come operatore finanziario, dapprima con varie banche di primaria importanza, poi con la Pfaff Automotive Group, un cliente a cui Paul era particolarmente interessato in quanto relativo al settore automobilistico.
Detto questo, torniamo alla nostalgia canaglia. Paul, in concerto con la moglie Carmela, ha già deciso che in futuro vuole tornare più spesso a Isola quando, tra cinque anni, potrà considerato “retired” cioè pensionato. Dividerà la sua vita tra l’Abruzzo e il Canada. Ed è talmente determinata la sua intenzione, che ha già iniziato a fare le pratiche per ottenere la cittadinanza italiana.
L’Abruzzo è terra accogliente, da sempre. Chi vive lontano dal paese che ama, conosce bene l’emozione di tornare a “casa”, quando dopo il tunnel appare il Gigante che sembra dirti “ irmenut?” (sei tornato?) e un sorriso di gioia appare involontariamente sul viso. Quindi a maggior ragione darà il bentornato a chi è innamorato dei nostri luoghi ed è motivo di lustro per la nostra terra.
Paul, Abruzzo is waiting for you!
Mostra altri Articoli di questo autore
info@freetopnews.it
I COMMENTI RELATIVI ALL'ARTICOLO
Invia un commento alla Redazione
Email
Nome e Cognome
Messaggio
Gentile lettore, prima di inviare il Suo messaggio:

compilare il codice di sicurezza sottostante copiando l'immagine raffigurata;

CAPTCHA 
cambia codice

inserisci codice



Per pubblicare, in fondo all'articolo, il suo commento selezionare il pulsante sottostante.

Pubblicazione
  Si    solo nome
  Si    nome e cognome
  No


Grazie della collaborazione.

© 2014 - ftNews è una testata di libera informazione.
© 2014 - FreeTopNews è una testata di libera informazione senza fini di lucro e conseguentemente le collaborazioni sono fornite assolutamente a titolo gratuito.
Se vuoi collaborare con la redazione e rendere sempre più ricchi i contenuti e accrescere la qualità del servizio offerto, inviaci articoli, segnalazioni e note per la eventuale pubblicazione. (Continua)

Iscrizione presso Registro della Stampa del Tribunale di Ancona , n. 17/2014 del 16/12/2014.