Redazione     Informativa     Link  

Una passeggiata possibile

Invia una email ad un amico
DA
A
Messaggio

sabato, 09 gennaio 2021 13:44

condividi su facebook
Rosario Pesce
In tempi di pandemia, evidentemente, quello che non si deve fare è passeggiare, stando a contatto con altre persone, allo scopo di evitare assembramenti e contatti con individui potenzialmente positivi.
Per questo motivo, facendo una disamina dei mesi di lockdown, che abbiamo alle spalle, quello che manca è proprio la possibilità di stare all’aria aperta, di poter passeggiare per i moltissimi luoghi ameni, che la penisola offre, forse ancora più dello stesso contatto con altre persone.
E, così, ciascuno di noi è costretto a viaggiare con la fantasia per vicoli, piazze, salendo e scendendo da spazi museali, andando per mostre ed eventi.
Tutte cose, queste, che speriamo di poter tornare a fare - effettivamente - sin dai prossimi mesi, perché è ovvio che la loro assenza segna una forma di deprivazione sociale e culturale, che è grave a qualsiasi età.
D’altronde, il turismo è una delle principali aziende della nostra economia e, dunque, la limitazione che ha dovuto subire nel corso del 2020 è, invero, un elemento molto negativo per il PIL.
Ma, al di là dei valori economici, che sono venuti meno con gravi perdite per gli operatori del settore, è chiaro che le restrizioni hanno imposto un modello di vita che, soprattutto per noi cittadini meridionali, è poco consona al nostro stile ed alle abitudini, visto che per definizione i meridionali sono soggetti propensi alla socialità.
Ed, in tal senso, quindi urge che la vaccinazione sia resa possibile per una platea molto ampia: la socialità è preziosa per la crescita culturale di piccoli ed adulti, di ceti più o meno acculturati ed abbienti.
Frattanto, i viaggi li facciamo attraverso la realtà virtuale, che sta divenendo non solo un’opportunità, ma soprattutto una necessità per andare oltre i limiti delle nostre abitazioni.
Certo, ne trarrà vantaggio la fantasia, ma è ovvio che non si può ipotizzare che, per troppo tempo, il virtuale prenda il posto dell’effettivo e del concreto.
Ed, allora, un calcio al virus, sperando a breve di poter tornare a fare ciò che è strettamente connaturato all’uomo: vivere in modo dinamico in mezzo ai suoi simili, esaltando la dimensione sociale che è tipica della nostra psicologia.
Mostra altri Articoli di questo autore
info@freetopnews.it
I COMMENTI RELATIVI ALL'ARTICOLO
Invia un commento alla Redazione
Email
Nome e Cognome
Messaggio
Gentile lettore, prima di inviare il Suo messaggio:

compilare il codice di sicurezza sottostante copiando l'immagine raffigurata;

CAPTCHA 
cambia codice

inserisci codice



Per pubblicare, in fondo all'articolo, il suo commento selezionare il pulsante sottostante.

Pubblicazione
  Si    solo nome
  Si    nome e cognome
  No


Grazie della collaborazione.

© 2014 - ftNews è una testata di libera informazione.
© 2014 - FreeTopNews è una testata di libera informazione senza fini di lucro e conseguentemente le collaborazioni sono fornite assolutamente a titolo gratuito.
Se vuoi collaborare con la redazione e rendere sempre più ricchi i contenuti e accrescere la qualità del servizio offerto, inviaci articoli, segnalazioni e note per la eventuale pubblicazione. (Continua)

Iscrizione presso Registro della Stampa del Tribunale di Ancona , n. 17/2014 del 16/12/2014.