Redazione     Informativa     Link  

Un Europeo anomalo

domenica, 04 luglio 2021 10:36

condividi su facebook
Rosario Pesce
Quello che sta per terminare è, certamente, un campionato europeo di calcio anomalo, visto che le squadre, che erano favorite per la vittoria finale, sono tutte quante uscite ben prima della semifinale, a dimostrazione che, molto spesso, i pronostici sono fatti per essere smentiti.
Le sconfitte di Francia, Portogallo, Belgio, Germania dimostrano, peraltro, che nel calcio del vecchio continente le gerarchie non sono affatto consolidate, visto che i campioni mondiali ed i campioni europei uscenti non sono stati in grado di replicare gli ultimi loro successi.
È, ovviamente, questo un segnale che va letto ed interpretato.
Se per un verso non possiamo che esserne felici, visto che nell’ultimo decennio l’Italia non è stata mai competitiva ed ora torna invece ad esserlo, per altro verso non possiamo non evidenziare come il livello tecnico dei calciatori si sia sostanzialmente omologato, per cui non esistono più, come negli anni Ottanta e Novanta, quelle Nazionali che, di fatto, avevano già vinto prima ancora di scendere in campo per lo strapotere che potevano vantare rispetto alle loro sfidanti.
Non esistono, quindi, neanche più quei calciatori che erano in grado, da soli, di far fare il salto di qualità: Platini, Baggio, Rummenigge, Van Basten (solo per citarne alcuni) erano di uno standard nettamente superiore ai campioni di oggi, che possono essere ottimi atleti, ma non hanno i numeri e le abilità di chi era capace di vincere un torneo, trascinando finanche i compagni di squadra che campioni non erano.
Non conosciamo l’evoluzione possibile del calcio nel prossimo ventennio, visto che molti sono i fattori che possono condizionare, in un senso o nell’altro, la crescita di un settore, sportivo ed economico, che ha subito la mazzata del Covid in modo plateale, se è vero che gli utili dell’ultimo anno si sono ridotti drasticamente rispetto a quelli del pre-pandemia.
Certo, ci farebbe piacere se tornassero i campioni veri, quelli di valore assoluto, ma frattanto ci accontentiamo di auspicare la vittoria finale della nostra Nazionale, visto che quindici anni dopo il successo del Mondiale in Germania segnerebbe una svolta per quello che rimane, pur sempre, lo sport più amato dagli Italiani.
Mostra altri Articoli di questo autore
info@freetopnews.it
I COMMENTI RELATIVI ALL'ARTICOLO
Invia un commento alla Redazione
Email
Nome e Cognome
Messaggio
Gentile lettore, prima di inviare il Suo messaggio:

compilare il codice di sicurezza sottostante copiando l'immagine raffigurata;

CAPTCHA 
cambia codice

inserisci codice



Per pubblicare, in fondo all'articolo, il suo commento selezionare il pulsante sottostante.

Pubblicazione
  Si    solo nome
  Si    nome e cognome
  No


Grazie della collaborazione.

© 2014 - ftNews è una testata di libera informazione.
© 2014 - FreeTopNews è una testata di libera informazione senza fini di lucro e conseguentemente le collaborazioni sono fornite assolutamente a titolo gratuito.
Se vuoi collaborare con la redazione e rendere sempre più ricchi i contenuti e accrescere la qualità del servizio offerto, inviaci articoli, segnalazioni e note per la eventuale pubblicazione. (Continua)

Iscrizione presso Registro della Stampa del Tribunale di Ancona , n. 17/2014 del 16/12/2014.