Redazione     Informativa     Link  

Daniela Santonocito: Il Dialogo tra Epitteto e l'imperatore Adriano

domenica, 28 agosto 2022 18:31

condividi su facebook
Frontespizio dell’edizione del 1535 ca
Dal nostro inviato
Francesca Bianchi
FtNews ha intervistato la prof.ssa Daniela Santonocito, che nel 2019, per Rubbettino Editore, ha introdotto e tradotto l'opera anonima Il Dialogo tra Epitteto e l'imperatore Adriano (Versione A). Laureata in Lingue e Culture Europee ed Extraeuropee presso l’Università degli Studi di Catania, nel 2018 ha conseguito il Dottorato in "Literaturas hispánicas" presso l'Università di Saragozza. È membro del gruppo di ricerca Clarisel, dedicato allo studio della letteratura medievale e del XVI secolo. Il suo filone di ricerca è incentrato sulla novela corta del XVII secolo e sulla trasmissione, riscrittura e ricezione dei testi medievali in epoca rinascimentale, nonché sullo studio comparativo tra i manoscritti e i primi testi a stampa. Attualmente è ricercatrice di letteratura spagnola presso il Dipartimento di Scienze Umanistiche (DISUM) dell’Università degli Studi di Catania.
Nell'intervista la studiosa ha spiegato i motivi per cui ha deciso di occuparsi di questo dialogo contenente domande d’esame, con lo scopo di verificare le conoscenze dell’interlocutore. Si è soffermata sull'argomento dell'opera e sul contesto storico-letterario in cui si inserisce, considerando anche il percorso grazie al quale è arrivata fino ai giorni nostri. Ha spiegato, poi, con dovizia di particolari le scelte operate nella fase di traduzione del testo, che si è rivelata una vera e propria operazione di tipo ecdotico.

Prof.ssa Santonocito, per Rubbettino Editore nel 2019 ha introdotto e tradotto l'opera anonima Il Dialogo tra Epitteto e l'imperatore Adriano (Versione A). In quale contesto storico-culturale si inserisce e a quale periodo risale questo testo? Cosa l'ha spinta ad occuparsene?
Il Diálogo de Epicteto y el emperador Adriano è un testo anonimo che appare nella Castiglia della seconda metà del XIII secolo, ma ha una lunga tradizione. In questo periodo, infatti, la cultura castigliana mostra un forte interesse verso una letteratura di natura didattica; basti pensare che, durante il regno di Alfonso X, si assiste maggiormente ad una fervida produzione di testi gnomico-sapienziali incentrati sull’educazione dei principi, sulla trasmissione del sapere e sull’insegnamento di valori etici.
Mi sono occupata di quest’opera una decina di anni fa, in occasione della mia tesi di laurea, quando il mio relatore, il prof. Gaetano Lalomia dell’Università di Catania, mi propose di tradurre questo testo. Tuttavia, solo nel 2019 decisi di pubblicare la traduzione per Rubbettino Editore, nella prestigiosa collana Medioevo Romanzo Orientale, diretta dal prof. Antonio Pioletti, che ringrazio nuovamente per aver accolto il testo.

Qual è l'argomento del dialogo?
Epitteto giunge alla corte dell’imperatore Adriano e viene sottoposto ad una serie di enigmi e di domande al fine di testare il suo ingegno e le sue conoscenze. All’interno del questionario è possibile individuare sei sezioni tematiche relative alla conoscenza sul legame tra Dio e l’uomo, sulla natura peccaminosa dell’uomo, sui pericoli del mondo, sulla Bibbia, sulla natura e sulle Sacre Scritture. Si tratta di un testo che non ha una finalità artistica, ma predomina in esso la praticità con cui veniva utilizzato: questi argomenti, infatti, fornivano il metodo per avvicinarsi ai contenuti e agli insegnamenti biblici, oltre ad essere una fonte cui attingere per conoscere il mondo.
Frontespizio dell’edizione del 1540
Come è riuscito ad arrivare fino ai nostri giorni?
Il testo in castigliano si è diffuso grazie alle quattro versioni manoscritte (Biblioteca Nacional de España, ms. 10011; Biblioteca Nacional de España, ms. 17657; British Library, ms. Egerton 939; Biblioteca Nacional de España, ms. Vit. 7-17) che Hugo Óscar Bizzarri edita nel 1995 e indica rispettivamente con le sigle A, B, C e D. I quattro manoscritti differiscono gli uni dagli altri sia per il numero di domande, sia per gli argomenti su cui viene testato il sapere di Epitteto. Va ricordato, inoltre, che C e D sono frammentari.
Esistono, altresì, quattro edizioni a stampa risalenti ai secoli XV e XVI (1492; s. a.; ca. 1535; 1540), delle quali solo le ultime due sono reperibili e sono state da me editate nel 2019 per la rivista Memorabilia. Lo studio di queste edizioni ha messo in discussione lo stemma codicum che ha trasmesso il testo fino ad oggi, poiché le fonti non corrispondono a nessuna delle quattro versioni manoscritte.

Quali sono le fonti dell'opera? A quale genere letterario appartiene?
L’origine di queste raccolte di domande e risposte è da ricercare nella letteratura greco-bizantina, di cui esistono numerosi esemplari conosciuti sotto l’etichetta di Erotapokriseis. Tuttavia, le uniche fonti accertate sembrano essere gli Joca Monachorum, la più antica raccolta di questo genere, e il dialogo latino Adrianus et Epictitus (AE). Quest’ultimo presenta numerosi cambiamenti rispetto alla fonte, giacché introduce la cornice narrativa iniziale, in cui Epitteto si trova alla corte dell’imperatore Adriano, e modifica il corpus testuale, introducendo, oltre alle domande relative ad alcuni passi biblici, altre di argomento profano. Le quattro versioni castigliane A, B, C e D deriverebbero direttamente (A) e non - B, C e D derivano, infatti, dal ramo catalano dell’Enfant sage - da una delle numerose versioni latine (AE2) che esistono di AE. Come preannunciato dal titolo, l’opera è costruita su una forma dialogica, sebbene esistano diverse tipologie testuali ascrivibili al genere letterario del dialogo che presentano un modo diverso di organizzare il contenuto; si pensi, ad esempio, all’altercatio, al catechismus, alle quaestiones, etc. In questo caso, si tratta di un dialogo contenente domande d’esame, con lo scopo di verificare le conoscenze dell’interlocutore.
Prof.ssa Daniela Santonocito
Delle quattro versioni A, B, C e D del testo, lei ha curato la traduzione della Versione A. Che tipo di traduzione ha scelto? Quali difficoltà ha incontrato nella traduzione?
Il testo è scritto in un castigliano ancora giovane e per questo presenta forti tratti arcaici; dal punto di vista grafematico, così come la struttura sintattica, esso guarda al latino come punto di riferimento. Pertanto, da un punto di vista linguistico, non è stato semplice adottare delle scelte traduttive applicabili a tutto il testo. Ove possibile, ho cercato di colorare la veste linguistica di un tono e di uno stile arcaici mantenendo, ad esempio, le citazioni in un latino tardo, per riprodurre l’estraneità percepita durante la lettura di un testo lontano diacronicamente. Sebbene riprodurre tale distanza sia fondamentale nella traduzione di un testo medievale, per rendere l’onomastica e la toponomastica nella versione italiana, invece, ho optato prevalentemente per una traduzione target oriented, dato che la maggior parte dei nomi è penetrata nella nostra cultura sin dall’antichità grazie agli insegnamenti della materia biblica. In alcuni casi, però, non è stato semplice trovare degli equivalenti nella lingua di arrivo e sono stata costretta a mantenerli nella forma di origine, probabilmente non identificabile perché alterata graficamente nel lungo processo di trasmissione del testo. Nella fattispecie, mi riferisco alla traduzione di alcune popolazioni (Ajareuis) o di certi territori (Graput, Enbulexicaruo, etc.). Inoltre, la traduzione si è rivelata una vera e propria operazione di tipo ecdotico, in quanto mi ha permesso di identificare alcuni errori commessi dai copisti: la parola “cobdo” (cubito), inserita nella domanda 130 relativa all’arca di Noè, evidentemente lo è. Leggendo la risposta (“Quaranta”) e confrontandola con la versione B, in cui corrisponde alla domanda numero 69, il termine corretto sarebbe “día” (giorno), dato che l’arca stette per ben quaranta giorni sulle acque a causa del diluvio, confermati anche dai versetti del libro della Genesi, in cui non si menziona il numero 40 nella misura dell’arca espressa in cubiti.

Cosa l'ha colpita di questo dialogo?
Oltre ad un interesse personale verso la letteratura spagnola medievale, ho deciso di occuparmi di questo testo perché era poco studiato dalla critica letteraria. Mi ha colpita sicuramente il carattere aperto del testo, che ha determinato l’introduzione di nuovo materiale e il dialogo intertestuale con altri testi medievali del XIII secolo, come la Historia de la doncella Teodor, nonché la complessa genesi ancor oggi da ridefinire in relazione alle fonti e alla diffusione del testo nella stampa dei secoli XV e XVI.

Quale messaggio si augura possa arrivare a coloro che leggeranno Il Dialogo tra Epitteto e l'imperatore Adriano?
Non credo che il testo racchiuda un messaggio particolare per un pubblico di lettori e lettrici della contemporaneità, però mi auguro che possa suscitare un certo interesse verso questi testi medievali spagnoli ascrivibili a una sorta di letteratura d’esame, volta a comprovare le conoscenze di chi viene sottoposto a una serie di domande e di enigmi.
I COMMENTI RELATIVI ALL'ARTICOLO
Invia un commento alla Redazione
Email
Nome e Cognome
Messaggio
Gentile lettore, prima di inviare il Suo messaggio:

compilare il codice di sicurezza sottostante copiando l'immagine raffigurata;

CAPTCHA 
cambia codice

inserisci codice



Per pubblicare, in fondo all'articolo, il suo commento selezionare il pulsante sottostante.

Pubblicazione
  Si    solo nome
  Si    nome e cognome
  No


Grazie della collaborazione.

© 2014 - ftNews è una testata di libera informazione.
© 2014 - FreeTopNews è una testata di libera informazione senza fini di lucro e conseguentemente le collaborazioni sono fornite assolutamente a titolo gratuito.
Se vuoi collaborare con la redazione e rendere sempre più ricchi i contenuti e accrescere la qualità del servizio offerto, inviaci articoli, segnalazioni e note per la eventuale pubblicazione. (Continua)

Iscrizione presso Registro della Stampa del Tribunale di Ancona , n. 17/2014 del 16/12/2014.
Informativa:

Il Gestore del sito si riserva il diritto di pubblicare solo gli articoli ritenuti meritevoli, a suo insindacabile giudizio. Tutto il materiale inviato non verrà restituito.
Limiti di Responsabilità:
Con la spedizione dell’articolo l’Autore espressamente ne autorizza la pubblicazione su ftnews.it e il Gestore del sito non assume nessuna responsabilità, né civile, né penale, in relazione al contenuto di quanto pubblicato sul sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale dal Sito. Pertanto il Gestore del sito non sarà tenuto per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con il Sito oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Il Gestore del sito declina ogni responsabilità per l’attività di trattamento dati eseguita dai siti web consultati dall’Utente tramite link. L’Utente quando accede attraverso un link ad un altro sito web deve sapere e ricordare che esso è indipendente dal ftnews.it e che quest'ultimo non ha alcun controllo sul contenuto del sito in questione e quindi non comporta l'approvazione o l'accettazione di responsabilità circa il contenuto o l'utilizzazione di detto sito.
L'utente che decide di visitare un sito internet collegato al Sito ftnews.it lo fa a suo rischio, assumendosi l'onere di prendere tutte le misure necessarie contro virus od altri elementi distruttivi.
Il Gestore del sito non assume alcuna responsabilità per materiali creati o pubblicati da terzi con i quali il Sito abbia un collegamento ipertestuale ("link").
Il Gestore del sito non intende violare alcun Copyright. Le informazioni e le immagini qui raccolte sono, al meglio della nostra conoscenza, di pubblico dominio. Se, involontariamente, è stato pubblicato materiale soggetto a copyright o in violazione alla legge si prega di comunicarcelo (info@ftnews.it) per provvedere immediatamente alla rimozione. Il Gestore si riserva il diritto di modificare i contenuti dell'intero sito e delle presenti Informazioni in qualsiasi momento e senza alcun preavviso.
Limiti all’utilizzo:
Il materiale contenuto nel Sito è protetto da copyright. La documentazione, le immagini, i caratteri, il lavoro artistico, la grafica, il software applicativo e tutti i codici e format scripts utilizzati per implementare il Sito sono di proprietà di ftnews.it.
Se non espressamente previsto, i contenuti del Sito non possono, né in tutto né in parte, essere copiati, modificati, riprodotti, trasferiti, caricati, scaricati, pubblicati o distribuiti in qualsiasi modo senza il preventivo consenso scritto di ftnews.it.
È fatta salva la possibilità di immagazzinare tali contenuti nel proprio computer o di stampare estratti delle pagine del Sito ad uso esclusivamente personale.
I marchi e i loghi presenti nel Sito sono di proprietà di ftnews.it.
Essi non possono essere utilizzati su alcun altro sito internet diverso dal Sito o su altri mezzi di comunicazione senza il preventivo consenso di ftnews.it.
Il nome " ftnews.it " e qualsiasi marchio che includa il marchio " ftnews.it " non possono essere utilizzati come indirizzi internet di altri siti, o quali parti di tali indirizzi, senza il preventivo consenso scritto di ftnews.it.