Redazione     Informativa     Link  

Apicoltura Pala, il sapore autentico del miele di Gallura

lunedì, 17 ottobre 2022 21:33

condividi su facebook
Gavino Pala con le sue api
Dal nostro inviato
Francesca Bianchi
FtNews ha intervistato l'apicoltore gallurese Gavino Pala, ex Presidente dell’APPA – Associazione Provinciale Produttori Apistici di Olbia, Tempio e Sassari. Il primo approccio di Gavino con l'apicoltura risale al 2000. Lui allora non sapeva nulla di quel mondo: non sapeva neppure distinguere un'ape da una vespa! Lentamente ha messo su una piccola azienda apistica e, a partire dal 2018, l'apicoltura è diventata la sua attività principale.
Nell'intervista Gavino, che è anche iscritto all'albo nazionale assaggiatori miele e in passato ha tenuto lezioni di apicoltura ai detenuti della Colonia Penale di Mamone (NU), ha affermato che in Gallura è possibile praticare un'apicoltura non condizionata da elementi esterni, quali coltivazioni intensive e utilizzo di diserbanti e prodotti chimici. I mieli dell'azienda di Gavino Pala nascono dalle fioriture tipiche galluresi: l'asfodelo, il cardo, la lavanda selvatica e, in autunno, l'amaro di corbezzolo. Pala ha dichiarato di essere un apicoltore stanziale/seminomade: a Loiri Porto San Paolo ha tre apiari, qualcuno nel territorio di Calangianus e un altro in comune di Sant'Antonio di Gallura; in alcuni periodi dell'anno si sposta a Bonorva, a Chilivani (Ozieri) e anche ad Alghero, precisamente in frazione Santa Maria La Palma, per fare l'asfodelo e l'eucalipto. I suoi mieli hanno ottenuto numerosi premi e riconoscimenti in diversi concorsi nazionali. Durante la nostra bella chiacchierata si è soffermato anche sulle caratteristiche specifiche che un buon miele deve avere per essere considerato un monoflora d'eccellenza.

Gavino, quando e come è nata la sua attività di apicoltura?
Faccio apicoltura dal 2000, precisamente dal 25 marzo 2000. Ho iniziato per caso: un giorno Tomuccio (Tommaso) Desole, uno dei primi apicoltori a fare apicoltura razionale qui in zona, mi chiese di dargli una mano. Non avevo la più pallida idea di cosa fosse il mondo delle api, ma decisi comunque di aiutarlo e iniziai ad appassionarmi. Da quattro anni a questa parte l'apicoltura è diventata la mia attività principale. Devo dire che per 15 anni ho lavorato per una compagnia petrolifera e questo mi ha consentito di creare la mia piccola azienda apistica. Nonostante la fine del “posto fisso”, grazie alle api non sono stato costretto ad emigrare per cercare lavoro.

Che tipo di apicoltura pratica e qual è la peculiarità dell'apicoltura gallurese?
Sono un apicoltore stanziale, ma anche seminomade, in quanto in alcuni periodi dell'anno pratico un'apicoltura nomade, sebbene in un raggio d'azione molto ristretto. Generalmente d'estate sfrutto le fioriture di questa zona, come l'eucalipto. Qui, però, non c'è molto eucalipto, infatti mi sposto e faccio un'apicoltura seminomade o a Chilivani o ad Alghero, precisamente in frazione Santa Maria
La Palma. Tre apiari sono ubicati in frazione Enas, nel territorio di Loiri Porto San Paolo, alcuni sono in territorio di Calangianus e qualcuno a Sant'Antonio di Gallura. La peculiarità dell'apicoltura della Gallura è che qui si può fare ancora un'apicoltura non condizionata da elementi esterni, quali coltivazioni intensive, utilizzo di diserbanti e prodotti chimici.
Qual è il periodo più impegnativo per un apicoltore?
La primavera, precisamente il periodo che va dal 1° marzo al 1° maggio, con controllo periodico delle famiglie, in primis la gestione della sciamatura, che per le api rappresenta la moltiplicazione naturale della loro famiglia, e infine la raccolta dei melari. La mattina esco per andare dalle api e torno la sera col pensiero che il giorno dopo dovrò andare di nuovo da loro. Quali mieli produce e qual è quello che gode di maggiore successo presso i suoi clienti? Produco il classico millefiori, l'asfodelo, la lavanda selvatica, il cardo, l'eucalipto e il famoso miele amaro di corbezzolo, un miele molto raro che si produce in autunno. Il miele che piace di più è quello di lavanda selvatica: quando uno lo assaggia, non può non innamorarsene.

Come si distingue un miele di qualità?
Un miele di qualità è solo ed esclusivamente il miele che fanno le api ed è bene che noi apicoltori non ci mettiamo mano: ogni volta che noi effettuiamo un raccolto, il miele è di alta qualità, quindi non ha bisogno di nessuna operazione da parte nostra. Un buon miele, inoltre, deve avere delle caratteristiche specifiche: colore, aroma, sapore. Più questi tre aspetti sono delineati, più il miele è di alta qualità e può essere considerato un monoflora d'eccellenza. Anche la cristallizzazione è indice di qualità: nel miele si trovano tutti gli zuccheri presenti in natura e ovviamente questo fa sì che, con l'arrivo delle basse temperature, il miele tenda a solidificarsi, a cristallizzare.
Chi sono i suoi clienti?
Il 70% dei clienti viene a trovarmi nei vari mercatini estivi a Cannigione, Baja Sardinia, San Pantaleo, San Teodoro e Porto San Paolo. Lì possono assaggiare ogni tipo di miele. Posso dire che il mio è un lavoro stagionale, infatti per me il periodo delle vendite termina il 30 ottobre con la fine dei mercatini e della stagione turistica. Certo, ci sono anche alcuni negozi della zona che acquistano il mio miele, ma il 99% delle mie vendite è con i turisti. Capita che alcuni clienti affezionati durante l'anno mi ordinino il miele, per cui, in base alle disponibilità del periodo, faccio anche spedizioni, ma sono poche, una cinquantina all'anno.

Gavino, è vero che è stato anche insegnante di apicoltura?
Sì, per due anni sono stato docente di un corso di apicoltura presso la colonia penale di Mamone, nel Nuorese. È stata una bellissima esperienza. Il corso venne finanziato dal Ministero di Grazia e Giustizia in collaborazione con la FAI - Federazione Apicoltori Italiani. Ho tenuto anche degli incontri nelle scuole; ricordo che portavo sempre un'arnia da osservazione per mostrarla ai bambini. Oggi l'azienda è cresciuta, sono tante le cose di cui devo occuparmi e purtroppo non ho più molto tempo per organizzare laboratori didattici e lezioni.

Cosa si augura per il futuro della sua attività?
Un po' di serenità. Gli ultimi anni sono stati duri: a causa della siccità e delle gelate a inizio stagione, le produzioni non sono state come quelle che avrei voluto; il tempo non è stato clemente. Quando il tuo datore di lavoro è il cielo, non sempre le cose vanno come vorresti. Mi auguro un po' di tranquillità, con la consapevolezza che l'apicoltura mi ha salvato: ribadisco che è solo grazie alle api che non sono emigrato.
I COMMENTI RELATIVI ALL'ARTICOLO
19/10/2022 00:04:47
da: a: info@ftnews.it
Oggetto: INVIA UN COMMENTO ALLA REDAZIONE
Nome: Cadelano Alessandro
Messaggio: Complimenti per l'articolo e l'intervista. Conosco personalmente l'apicoltore e posso confermare che é un grande lavoratore ed é innamorato delle sue api e naturalmente del suo miele . Chi lavora con passione sempre ottiene successo, e, il Sig. Pala merita. Complimenti
Invia un commento alla Redazione
Email
Nome e Cognome
Messaggio
Gentile lettore, prima di inviare il Suo messaggio:

compilare il codice di sicurezza sottostante copiando l'immagine raffigurata;

CAPTCHA 
cambia codice

inserisci codice



Per pubblicare, in fondo all'articolo, il suo commento selezionare il pulsante sottostante.

Pubblicazione
  Si    solo nome
  Si    nome e cognome
  No


Grazie della collaborazione.

© 2014 - ftNews è una testata di libera informazione.
© 2014 - FreeTopNews è una testata di libera informazione senza fini di lucro e conseguentemente le collaborazioni sono fornite assolutamente a titolo gratuito.
Se vuoi collaborare con la redazione e rendere sempre più ricchi i contenuti e accrescere la qualità del servizio offerto, inviaci articoli, segnalazioni e note per la eventuale pubblicazione. (Continua)

Iscrizione presso Registro della Stampa del Tribunale di Ancona , n. 17/2014 del 16/12/2014.
Informativa:

Il Gestore del sito si riserva il diritto di pubblicare solo gli articoli ritenuti meritevoli, a suo insindacabile giudizio. Tutto il materiale inviato non verrà restituito.
Limiti di Responsabilità:
Con la spedizione dell’articolo l’Autore espressamente ne autorizza la pubblicazione su ftnews.it e il Gestore del sito non assume nessuna responsabilità, né civile, né penale, in relazione al contenuto di quanto pubblicato sul sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale dal Sito. Pertanto il Gestore del sito non sarà tenuto per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con il Sito oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Il Gestore del sito declina ogni responsabilità per l’attività di trattamento dati eseguita dai siti web consultati dall’Utente tramite link. L’Utente quando accede attraverso un link ad un altro sito web deve sapere e ricordare che esso è indipendente dal ftnews.it e che quest'ultimo non ha alcun controllo sul contenuto del sito in questione e quindi non comporta l'approvazione o l'accettazione di responsabilità circa il contenuto o l'utilizzazione di detto sito.
L'utente che decide di visitare un sito internet collegato al Sito ftnews.it lo fa a suo rischio, assumendosi l'onere di prendere tutte le misure necessarie contro virus od altri elementi distruttivi.
Il Gestore del sito non assume alcuna responsabilità per materiali creati o pubblicati da terzi con i quali il Sito abbia un collegamento ipertestuale ("link").
Il Gestore del sito non intende violare alcun Copyright. Le informazioni e le immagini qui raccolte sono, al meglio della nostra conoscenza, di pubblico dominio. Se, involontariamente, è stato pubblicato materiale soggetto a copyright o in violazione alla legge si prega di comunicarcelo (info@ftnews.it) per provvedere immediatamente alla rimozione. Il Gestore si riserva il diritto di modificare i contenuti dell'intero sito e delle presenti Informazioni in qualsiasi momento e senza alcun preavviso.
Limiti all’utilizzo:
Il materiale contenuto nel Sito è protetto da copyright. La documentazione, le immagini, i caratteri, il lavoro artistico, la grafica, il software applicativo e tutti i codici e format scripts utilizzati per implementare il Sito sono di proprietà di ftnews.it.
Se non espressamente previsto, i contenuti del Sito non possono, né in tutto né in parte, essere copiati, modificati, riprodotti, trasferiti, caricati, scaricati, pubblicati o distribuiti in qualsiasi modo senza il preventivo consenso scritto di ftnews.it.
È fatta salva la possibilità di immagazzinare tali contenuti nel proprio computer o di stampare estratti delle pagine del Sito ad uso esclusivamente personale.
I marchi e i loghi presenti nel Sito sono di proprietà di ftnews.it.
Essi non possono essere utilizzati su alcun altro sito internet diverso dal Sito o su altri mezzi di comunicazione senza il preventivo consenso di ftnews.it.
Il nome " ftnews.it " e qualsiasi marchio che includa il marchio " ftnews.it " non possono essere utilizzati come indirizzi internet di altri siti, o quali parti di tali indirizzi, senza il preventivo consenso scritto di ftnews.it.