Redazione     Informativa     Link  

Il Supramonte di Gianluca Chiai in mostra a Nuoro

mercoledì, 30 novembre 2022 15:28

condividi su facebook
Dagli abissi il monte
Dal nostro inviato
Francesca Bianchi
Sarà visitabile fino a sabato 3 dicembre, presso la galleria espositiva Mancaspazio di Via della Pietà, a Nuoro, la mostra fotografica Supramonte, inaugurata lo scorso 12 novembre dal fotografo paesaggista Gianluca Chiai. La mostra, curata dalla dott.ssa Chiara Manca, è un viaggio nel cuore di un'isola, un luogo misterioso e selvaggio, di grande bellezza, un viaggio di ricerca e scoperte durato venticinque anni, racchiuso in venti immagini in bianco e nero.
A FtNews Chiai ha raccontato la storia di questa esposizione dedicata a un territorio di superba bellezza, con i suoi paesaggi aspri e selvaggi, le testimonianze preistoriche, i vecchi ricoveri dei pastori, i ginepri secolari piegati dal vento e dal tempo, ma vivi, resistenti, forti, tenaci, proprio come la gente sarda, come i tanti centenari che vivono in quelle zone. Territorio immacolato situato nel cuore della Sardegna, culla della cultura sarda più antica e autentica, il Supramonte custodisce un mondo arcaico caratterizzato da un rapporto simbiotico tra gli uomini e la natura. Nelle sue parole la speranza che il piano oltre il monte, lontano dagli uomini, più vicino al cielo - così il fotografo ama definire il Supramonte - possa aiutarci ad alzare lo sguardo al cielo e a sentirci parte della bellezza infinita che ci circonda.

Gianluca, fino a sabato 3 dicembre la galleria espositiva "Mancaspazio" di Via della Pietà, a Nuoro, ospiterà la sua mostra fotografica, intitolata "Supramonte". Quando è nata questa mostra? Cosa sarà possibile ammirare lungo il percorso espositivo?
La mostra è nata nel 2019 in collaborazione con la dott.ssa Chiara Manca. In quell'anno è stata esposta presso il Centro Fotografico di Cagliari. Subito dopo avremmo dovuto trasferirla a Nuoro, ma la pandemia ha bloccato tutto. Nuoro, centro culturale della Sardegna, è la destinazione più felice per una mostra del genere. Nella mostra sono esposte venti foto di un progetto che è partito nel 2017. Nei miei oltre vent'anni di frequentazione del Supramonte ho raccolto molto materiale, ma per la mostra abbiamo scelto le foto scattate nel corso delle mie ultime frequentazioni, subito prima dello scoppio della pandemia. Il percorso espositivo è un viaggio in molte tappe, un itinerario che parte dal mare e si dirige verso la montagna, nel cuore della Sardegna. In Sardegna la montagna e il centro hanno una valenza forte e meritevole di essere vissuta. Questo viaggio è una metafora della vita: lungo il tragitto si fanno soste, si vivono esperienze nuove, fino al momento in cui, sfiorando il cielo, raggiungo le vette più alte del Supramonte. Tutto ciò che incontro viene fotografato. Spesso percorro sentieri e terreni non battuti, a volte anche particolarmente impervi.
Questi ultimi rappresentano un riflesso delle difficoltà che ognuno di noi incontra nella vita di tutti i giorni.
La porta piccola
Ha parlato di un progetto nato nel 2017, approdato all'esposizione che oggi possiamo ammirare a Nuoro. Si tratta di un percorso studiato e curato nei minimi dettagli. Cosa rappresenta per lei la fotgrafia?
Questo progetto è il risultato di una maturità, di una evoluzione interiore. Nel Supramonte sono sempre andato e tornato per capire meglio i dettagli dei posti che visitavo. Questo progetto è un percorso di approfondimento, per il semplice fatto che per me la fotografia è una relazione: io scatto fotografie perché ho una relazione con gli oggetti che fotografo o con le persone, non scatto mai foto alle persone che non conosco. Solo quando ho instaurato una relazione o una conoscenza a mio avviso sufficiente con una persona, allora mi permetto di fotografarla. Mentre vado in montagna scatto fotografie: questo per me è un modo di fare ricerca. Piante e rocce mi affascinano: fotografare rocce e piante è un modo per studiare e spiegare l'ambiente. La fotografia come relazione nasce da una maturità: dalla diapositiva sono passato alla pellicola perché avevo necessità di stampare le immagini, poi sono passato al digitale, pur continuando sempre a stampare. Infine sono passato al bianco e nero.

Ecco, perché ha scelto foto in bianco e nero? Il bianco e nero annulla la dimensione temporale: le foto potrebbero essere state scattate in qualsiasi momento negli ultimi cent'anni. Mi sono reso conto che nelle fotografie che facevo non c'era quello che stavo cercando; avvertivo sempre la necessità di fotografare meglio per eliminare una serie di cose superflue, così, alla fine, mi sono concentrato sul segno: è stata una sintesi della sintesi.

Quando è nato il suo interesse per il Supramonte? Quando ha iniziato a frequentarlo?
Ho iniziato a frequentare il Supramonte a partire dall'inizio degli anni Novanta grazie a un gruppo di amici a cui sono molto legato. Ormai posso dire di conoscere più che bene l'Ogliastra e il Nuorese: frequento il territorio non solo per lavoro, ma anche nel tempo libero, avendo dedicato tanti fine settimana ad escursioni che mi hanno condotto nelle zone più interne, quelle completamente disabitate. Lì ho conosciuto allevatori e anche diversi centenari ultimamente. Ho fatto un lavoro fotografico su tziu Battista, proprietario di un gregge di capre nella zona di Baunei, uno degli ultimi pastori del Supramonte; mi ha portato a vedere i pinnetti dove ha vissuto da bambino. Nel Supramonte ci sono tanti contrasti, in quanto c'è tutto ciò che ci collega a periodi arcaici, lontani da noi; ci sono zone senza strade, senza abitazioni, senza manufatti: non c'è nessun legame con quello che è il nostro vivere contemporaneo. Questa lontananza può aiutarci a riflettere e a ritrovare il collegamento con noi stessi; soprattutto, può indurci a dare il giusto valore al tempo e allo spazio. La conservazione totale dell'ambiente rende questo territorio uno dei più intatti e unici in Europa. Per me il Supramonte è sinonimo di libertà, è un ritorno alle origini. Ricade negli ambiti territoriali dei comuni di Oliena, Orgosolo, Urzulei, Dorgali e Baunei, ma io l'ho sempre visto come un territorio unico, non l'ho mai concepito nelle sue suddivisioni geografiche. Mi auguro che le amministrazioni concertino azioni condivise di tutela di questo grande territorio.
Gianluca Chiai
Le immagini sono accompagnate da didascalie molto soggettive in cui non indica mai i luoghi immortalati. Come mai questa scelta?
La fotografia per me non è rappresentativa, ma fortemente interpretativa, per questo nelle didascalie non ho messo i toponimi dei luoghi, ma altre denominazioni suggeritemi dai luoghi stessi. Nel Supramonte ho immortalato tanti dettagli e sfumature dei diversi posti visitati: dettagli che a me suscitano determinate emozioni e chiamo in un modo, mentre un'altra persona potrebbe chiamarle in maniera completamente diversa. Una fotografia è accompagnata dalla didascalia "per aspera ad astra", che sintetizza bene il concetto di cui parlavo sopra: nel nostro incedere attraverseremo asperità e situazioni difficili, ma alla fine arriveremo a toccare le stelle. Ho rappresentato fotograficamente questa idea attraverso il percorso chiamato "sa pedra nascendo", letteralmente 'la pietra che nasce', che rappresenta lame di calcare che sembra emergano dalla terra. In realtà si tratta di una caratteristica della roccia sedimentaria che, in certe condizioni, emerge dalla terra formando lame affilate radicate in profondità. È uno dei percorsi più difficili e pericolosi: lo evito sempre.

C'è un'immagine a cui tiene particolarmente?
Due foto mi sono particolarmente care: quella dell'ginepro e quella del sentiero. Entrambi si somigliano: l'albero ha il suo sentiero curvo, simbolo di un incedere difficile e contorto, proprio come il sentiero di ogni essere umano, che spesso è pieno di ostacoli e difficoltà. Queste due foto vanno lette insieme.

Quale messaggio si augura possa arrivare ai visitatori della sua mostra fotografica?
Innanzitutto vorrei che capissero che la Sardegna non è solo mare; il turismo non può fermarsi alle coste, che indubbiamente sono meravigliose, ma non possono non essere legate al centro: le coste dovrebbero ruotare attorno al centro, rappresentato dalla Barbagia e dal Supramonte. Il turismo intelligente può esserci soltanto legando il mare alla montagna: il visitatore dovrebbe godere di entrambi in egual misura. Questa mostra mette in primo piano l'ambiente, il territorio, che io, in qualità di operatore agropastorale, vivo anche per lavoro. In Sardegna sappiamo realizzare prodotti genuini, di ottima qualità. Non bisognerebbe permettere che queste tradizioni vengano meno e i nostri giovani si allontanino dalla Sardegna per trovare lavoro; occorrerebbe un'azione di tutela e valorizzazione maggiore dell'ambiente isolano. Tenga presente, poi, che il Supramonte è una zona impervia: non consiglio mai di avventurarsi in escursioni fai da te, ma di affidarsi a guide locali. Per questo penso sia importante che i giovani del posto formino delle cooperative che possano accompagnare i visitatori a fare trekking in maniera sostenibile. Spesso non siamo consapevoli della ricchezza che abbiamo: il nostro territorio è unico e dobbiamo averne cura. Questa mostra vuole sottolineare che ci sono altre possibilità di vivere la contemporaneità, ad esempio rallentando e connettendoci al nostro ambiente, al territorio che ci sostiene. Pensiamo di essere connessi con il mondo grazie al web, invece siamo oltremodo scollegati dalla realtà. Ecco, mi auguro che questa mostra possa essere una sosta utile per formulare idee fruttuose per il territorio e il nostro rapporto con esso e con noi stessi.
I COMMENTI RELATIVI ALL'ARTICOLO
Invia un commento alla Redazione
Email
Nome e Cognome
Messaggio
Gentile lettore, prima di inviare il Suo messaggio:

compilare il codice di sicurezza sottostante copiando l'immagine raffigurata;

CAPTCHA 
cambia codice

inserisci codice



Per pubblicare, in fondo all'articolo, il suo commento selezionare il pulsante sottostante.

Pubblicazione
  Si    solo nome
  Si    nome e cognome
  No


Grazie della collaborazione.

© 2014 - ftNews è una testata di libera informazione.
© 2014 - FreeTopNews è una testata di libera informazione senza fini di lucro e conseguentemente le collaborazioni sono fornite assolutamente a titolo gratuito.
Se vuoi collaborare con la redazione e rendere sempre più ricchi i contenuti e accrescere la qualità del servizio offerto, inviaci articoli, segnalazioni e note per la eventuale pubblicazione. (Continua)

Iscrizione presso Registro della Stampa del Tribunale di Ancona , n. 17/2014 del 16/12/2014.
Informativa:

Il Gestore del sito si riserva il diritto di pubblicare solo gli articoli ritenuti meritevoli, a suo insindacabile giudizio. Tutto il materiale inviato non verrà restituito.
Limiti di Responsabilità:
Con la spedizione dell’articolo l’Autore espressamente ne autorizza la pubblicazione su ftnews.it e il Gestore del sito non assume nessuna responsabilità, né civile, né penale, in relazione al contenuto di quanto pubblicato sul sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale dal Sito. Pertanto il Gestore del sito non sarà tenuto per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con il Sito oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Il Gestore del sito declina ogni responsabilità per l’attività di trattamento dati eseguita dai siti web consultati dall’Utente tramite link. L’Utente quando accede attraverso un link ad un altro sito web deve sapere e ricordare che esso è indipendente dal ftnews.it e che quest'ultimo non ha alcun controllo sul contenuto del sito in questione e quindi non comporta l'approvazione o l'accettazione di responsabilità circa il contenuto o l'utilizzazione di detto sito.
L'utente che decide di visitare un sito internet collegato al Sito ftnews.it lo fa a suo rischio, assumendosi l'onere di prendere tutte le misure necessarie contro virus od altri elementi distruttivi.
Il Gestore del sito non assume alcuna responsabilità per materiali creati o pubblicati da terzi con i quali il Sito abbia un collegamento ipertestuale ("link").
Il Gestore del sito non intende violare alcun Copyright. Le informazioni e le immagini qui raccolte sono, al meglio della nostra conoscenza, di pubblico dominio. Se, involontariamente, è stato pubblicato materiale soggetto a copyright o in violazione alla legge si prega di comunicarcelo (info@ftnews.it) per provvedere immediatamente alla rimozione. Il Gestore si riserva il diritto di modificare i contenuti dell'intero sito e delle presenti Informazioni in qualsiasi momento e senza alcun preavviso.
Limiti all’utilizzo:
Il materiale contenuto nel Sito è protetto da copyright. La documentazione, le immagini, i caratteri, il lavoro artistico, la grafica, il software applicativo e tutti i codici e format scripts utilizzati per implementare il Sito sono di proprietà di ftnews.it.
Se non espressamente previsto, i contenuti del Sito non possono, né in tutto né in parte, essere copiati, modificati, riprodotti, trasferiti, caricati, scaricati, pubblicati o distribuiti in qualsiasi modo senza il preventivo consenso scritto di ftnews.it.
È fatta salva la possibilità di immagazzinare tali contenuti nel proprio computer o di stampare estratti delle pagine del Sito ad uso esclusivamente personale.
I marchi e i loghi presenti nel Sito sono di proprietà di ftnews.it.
Essi non possono essere utilizzati su alcun altro sito internet diverso dal Sito o su altri mezzi di comunicazione senza il preventivo consenso di ftnews.it.
Il nome " ftnews.it " e qualsiasi marchio che includa il marchio " ftnews.it " non possono essere utilizzati come indirizzi internet di altri siti, o quali parti di tali indirizzi, senza il preventivo consenso scritto di ftnews.it.