Redazione     Informativa     Link  

Una scelta folle

Invia una email ad un amico
DA
A
Messaggio

domenica, 05 gennaio 2020 08:34

condividi su facebook
da: https://www.tgcom24.mediaset.it
Rosario Pesce
Quella di Trump è, certamente, una scelta folle.
Aver ucciso il numero due del regime iraniano, Soleimani, non può che rinfocolare la conflittualità in un’area, come quella mediorientale, che non aveva bisogno di atti premeditati di violenza.
Peraltro, se gli Usa credono che la partita militare con l’Iran sia simile a quella del recente passato contro l’Iraq, compiono ovviamente un grande errore di valutazione, visto che il regime di Teheran è una delle principali potenze al mondo in termini di possesso di testate nucleari ed ha un potere finanziario di gran lunga maggiore di quello che era in capo alla famiglia Hussein.
È evidente che Trump abbia avuto delle buone ragioni, dal suo punto di vista, per poter commissionare l’omicidio del gerarca iraniano: la campagna elettorale negli USA è prossima, per cui per il Presidente statunitense poter ostentare la testa del numero due del regime iraniano può essere motivo di vanto e di consenso.
Ma, è evidente che le ragioni della pace siano ben differenti da quelle del Presidente statunitense.
Nel mondo mediorientale, moltissimi equilibri sono cambiati nel corso dell’ultimo ventennio, visto che la fine della Guerra Fredda – e, quindi, della competizione fra Usa ed Urss – ha fatto sì che si verificasse l’esplosione di moltissimi conflitti a livello locale.
Gli Usa, in modo deliberato, in questi anni hanno perseguito l’obiettivo dell’abbattimento di tutti i regimi nemici, dalla Libia all’Iraq, lasciando in piedi - al momento - solo quello di Teheran.
È pleonastico sottolineare, però, che molto più difficile sarà intervenire in territorio iraniano, rispetto a quanto è stato già fatto altrove, per cui, se Trump pensa di poter concludere il lavoro iniziato dai suoi predecessori, da Bush in poi, compie un grossolano errore di valutazione, tanto più visto che il Governo di Teheran ha sempre combattuto il nemico comune di Al Qaeda, per cui tentare di abbattere il regime iraniano potrebbe prevedere delle pericolose controindicazioni.
Inoltre, è ovvio che gli Usa agiscono in una logica che bypassa - sovente - le Nazioni Unite e questa modalità non aiuta, invero, la costruzione di un ordinato consesso internazionale.
E l’Italia?
L’Europa?
Al momento non sono ancora pervenute le loro prese di posizione, a dimostrazione del fatto che la caduta del Muro di Berlino ha consentito la costruzione di un nuovo equilibrio mondiale, che non ci vede purtroppo protagonisti.
Mostra altri Articoli di questo autore
info@freetopnews.it
I COMMENTI RELATIVI ALL'ARTICOLO
Invia un commento alla Redazione
Email
Nome e Cognome
Messaggio
Gentile lettore, prima di inviare il Suo messaggio:

compilare il codice di sicurezza sottostante copiando l'immagine raffigurata;

CAPTCHA 
cambia codice

inserisci codice



Per pubblicare, in fondo all'articolo, il suo commento selezionare il pulsante sottostante.

Pubblicazione
  Si    solo nome
  Si    nome e cognome
  No


Grazie della collaborazione.

© 2014 - ftNews è una testata di libera informazione.
© 2014 - FreeTopNews è una testata di libera informazione senza fini di lucro e conseguentemente le collaborazioni sono fornite assolutamente a titolo gratuito.
Se vuoi collaborare con la redazione e rendere sempre più ricchi i contenuti e accrescere la qualità del servizio offerto, inviaci articoli, segnalazioni e note per la eventuale pubblicazione. (Continua)

Iscrizione presso Registro della Stampa del Tribunale di Ancona , n. 17/2014 del 16/12/2014.