Redazione     Informativa     Link  

Il piano Marshall dei Cinesi

domenica, 15 marzo 2020 15:50

condividi su facebook
Rosario Pesce
A volte, le sconfitte possono divenire dei successi.
È il caso, forse, della Cina all’indomani del superamento della crisi sanitaria in Oriente?
Infatti, dopo aver dichiarato conclusa la fase emergenziale nel loro Paese, i Cinesi hanno inviato in Italia medici, operatori e logistica allo scopo di dare un aiuto al nostro Sistema Sanitario nel momento più acuto della crisi per noi.
Un’iniziativa, certamente, encomiabile e preziosa, visto che i medici cinesi posseggono i dati della loro esperienza, che possono essere molto utili per i nostri medici nell’affrontare un morbo che, al momento, ha causato duemila defunti e ventimila contagi circa.
Peraltro, si sa bene che i rapporti commerciali fra l’Italia e la Cina sono molto forti, come dimostra l’ultimo accordo internazionale (quello denominato “La via della seta”) stipulato fra il nostro Paese ed i Cinesi, ben prima che scoppiasse la crisi sanitaria.
D’altronde, già oggi i Cinesi sono molto radicati in Italia, sia attraverso la rete di piccole e medie industrie, che hanno sia al Nord che al Sud, sia attraverso la partecipazione finanziaria in importanti asset produttivi e finanziari.
Ed, allora, qual è il loro obiettivo economico e politico?
Espandersi ulteriormente in Italia ed in quei Paesi europei che, vista l’emergenza sanitaria, apriranno loro le porte per essere soccorsi sia in termini di risorse materiali, che clinico-scientifiche?
Siamo, forse, in presenza di un nuovo Piano Marshall, questa volta fatto dai Cinesi, visto che l’Europa è sorda e chiusa nell’egoismo delle singole nazioni e gli Stati Uniti di America, con Trump, hanno rinunciato ad esercitare una leadership - legittima ed autorevole - sul mondo intero, diventando la macchietta di loro stessi?
Forse, siamo alla vigilia di una svolta epocale, che porterà il nostro Paese nella sfera (economica e politica) di influenza cinese?
Quali conseguenze, per il nostro mercato e per la nostra democrazia, può portare una simile ipotesi? Forse, il XXI secolo creerà un assetto geopolitico ben diverso da quello del post-Secondo Conflitto Mondiale?
Forse, un virus infernale, dopo aver cagionato morti e sofferenze in ogni angolo del mondo, creerà le condizioni per un quadro complessivo di relazioni differente da quello degli ultimi settant’anni?
Sono quesiti a cui potremo dare una risposta solo sopravvivendo allo stesso virus, che rischia di cambiare il mondo, nostro malgrado.
I COMMENTI RELATIVI ALL'ARTICOLO
Invia un commento alla Redazione
Email
Nome e Cognome
Messaggio
Gentile lettore, prima di inviare il Suo messaggio:

compilare il codice di sicurezza sottostante copiando l'immagine raffigurata;

CAPTCHA 
cambia codice

inserisci codice



Per pubblicare, in fondo all'articolo, il suo commento selezionare il pulsante sottostante.

Pubblicazione
  Si    solo nome
  Si    nome e cognome
  No


Grazie della collaborazione.

© 2014 - ftNews è una testata di libera informazione.
© 2014 - FreeTopNews è una testata di libera informazione senza fini di lucro e conseguentemente le collaborazioni sono fornite assolutamente a titolo gratuito.
Se vuoi collaborare con la redazione e rendere sempre più ricchi i contenuti e accrescere la qualità del servizio offerto, inviaci articoli, segnalazioni e note per la eventuale pubblicazione. (Continua)

Iscrizione presso Registro della Stampa del Tribunale di Ancona , n. 17/2014 del 16/12/2014.
Informativa:

Il Gestore del sito si riserva il diritto di pubblicare solo gli articoli ritenuti meritevoli, a suo insindacabile giudizio. Tutto il materiale inviato non verrà restituito.
Limiti di Responsabilità:
Con la spedizione dell’articolo l’Autore espressamente ne autorizza la pubblicazione su ftnews.it e il Gestore del sito non assume nessuna responsabilità, né civile, né penale, in relazione al contenuto di quanto pubblicato sul sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale dal Sito. Pertanto il Gestore del sito non sarà tenuto per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con il Sito oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Il Gestore del sito declina ogni responsabilità per l’attività di trattamento dati eseguita dai siti web consultati dall’Utente tramite link. L’Utente quando accede attraverso un link ad un altro sito web deve sapere e ricordare che esso è indipendente dal ftnews.it e che quest'ultimo non ha alcun controllo sul contenuto del sito in questione e quindi non comporta l'approvazione o l'accettazione di responsabilità circa il contenuto o l'utilizzazione di detto sito.
L'utente che decide di visitare un sito internet collegato al Sito ftnews.it lo fa a suo rischio, assumendosi l'onere di prendere tutte le misure necessarie contro virus od altri elementi distruttivi.
Il Gestore del sito non assume alcuna responsabilità per materiali creati o pubblicati da terzi con i quali il Sito abbia un collegamento ipertestuale ("link").
Il Gestore del sito non intende violare alcun Copyright. Le informazioni e le immagini qui raccolte sono, al meglio della nostra conoscenza, di pubblico dominio. Se, involontariamente, è stato pubblicato materiale soggetto a copyright o in violazione alla legge si prega di comunicarcelo (info@ftnews.it) per provvedere immediatamente alla rimozione. Il Gestore si riserva il diritto di modificare i contenuti dell'intero sito e delle presenti Informazioni in qualsiasi momento e senza alcun preavviso.
Limiti all’utilizzo:
Il materiale contenuto nel Sito è protetto da copyright. La documentazione, le immagini, i caratteri, il lavoro artistico, la grafica, il software applicativo e tutti i codici e format scripts utilizzati per implementare il Sito sono di proprietà di ftnews.it.
Se non espressamente previsto, i contenuti del Sito non possono, né in tutto né in parte, essere copiati, modificati, riprodotti, trasferiti, caricati, scaricati, pubblicati o distribuiti in qualsiasi modo senza il preventivo consenso scritto di ftnews.it.
È fatta salva la possibilità di immagazzinare tali contenuti nel proprio computer o di stampare estratti delle pagine del Sito ad uso esclusivamente personale.
I marchi e i loghi presenti nel Sito sono di proprietà di ftnews.it.
Essi non possono essere utilizzati su alcun altro sito internet diverso dal Sito o su altri mezzi di comunicazione senza il preventivo consenso di ftnews.it.
Il nome " ftnews.it " e qualsiasi marchio che includa il marchio " ftnews.it " non possono essere utilizzati come indirizzi internet di altri siti, o quali parti di tali indirizzi, senza il preventivo consenso scritto di ftnews.it.