Redazione     Informativa     Link  

Il ritorno alla normalità

domenica, 03 maggio 2020 10:13

condividi su facebook
Rosario Pesce
L’inizio della fase 2 segna, in qualche modo, il ritorno alla normalità, anche se lo stesso sarà scandito con tempistiche e modalità diverse, in base alle diverse regioni ed, in particolare, in funzione degli esiti progressivi del monitoraggio epidemiologico.
Vogliamo, in primis, sperare che non ci sia il temuto innalzamento della curva dei contagi nei quindici giorni successivi all’apertura del 4 maggio, perché questo vorrebbe significare il ritorno alla condizione precedente e, dunque, alla chiusura totale di uffici, aziende e di esercizi commerciali, come è stato nei mesi di marzo e di aprile.
Certo, il ritorno alla normalità si potrà definire concluso solo nel prossimo mese di settembre, quando riapriranno le scuole, anche se le modalità di tale riapertura sono - tuttora - da definire in modo particolareggiato, visto che gli edifici scolastici sono potenziali luoghi di esplosione dei contagi, vista l’alta densità di persone (per lo più, minori) che - ogni giorno - frequentano le scuole.
D’altronde, le incertezze non mancano, visto che gli stessi scienziati non hanno intuito a pieno, finora, la complessità del fenomeno Covid.
Basti pensare che, fino a qualche giorno fa, si credeva che i bambini fossero, di fatto, immuni: invece, è scoperta di questi giorni che, in pazienti di età infantile, il Covid può determinare serie problematiche di natura vascolare, che possono indurre patologie sistemiche.
Ed, allora, le scelte politiche non potranno che essere condizionate dai pareri dei tecnici, che nei prossimi mesi dovranno analizzare i dati che man mano emergeranno, allo scopo di indicare soluzioni utili al Governo nella prospettiva della tutela della salute pubblica e della necessaria ripartenza delle attività sociali.
Ma, quando la normalità sarà tale?
Certo, non potrà essere tale, se il ritorno degli scolari sarà per gruppi e non per classi intere, così come la normalità sarà, ancora, una chimera se ci saranno limitazioni nella fruizione dei mezzi di trasporto o nel funzionamento degli uffici o nell’apertura degli stessi al pubblico.
Gli interrogativi non mancano ed, allo sfondo di tutto, campeggia un nemico - il virus ovvero le sue possibili mutazioni geniche - che nei prossimi mesi potrebbe essere presente ancora fra noi, in modo subdolo ma altrettanto pericoloso.
Ed, allora, se i politici vanno al seguito degli scienziati e questi ultimi cercano di disegnare scenari possibili, in assenza di evidenze empiriche odierne, che potranno essere acquisite solo con il progredire dell’infezione, noi cittadini non potremo che auspicare non il mero ritorno alla normalità (che abbiamo intuito essere molto problematico), ma la ridefinizione del nostro stesso stile di vita, ben sapendo che probabilmente non torneremo, almeno nell’immediato, a vivere la vita così come l’abbiamo conosciuta prima del Covid.
Siamo di fronte ad un fatto epocale, che senza enfasi cambia la storia dell’uomo e di fronte ad eventi di simile portata non possiamo che cogliere il segno di una novità, sperando che, dopo la tragedia immensa di migliaia di morti, ci possa essere la speranza della luce di un nuovo modo di essere sia nella nostra dimensione privata, che soprattutto in quella pubblica, visto che la paura del contagio ha leso le nostre certezze in merito alla socialità e, quindi, alla nostra naturale propensione ad essere soggetti storici in continua tensione verso l’altro.
I COMMENTI RELATIVI ALL'ARTICOLO
Invia un commento alla Redazione
Email
Nome e Cognome
Messaggio
Gentile lettore, prima di inviare il Suo messaggio:

compilare il codice di sicurezza sottostante copiando l'immagine raffigurata;

CAPTCHA 
cambia codice

inserisci codice



Per pubblicare, in fondo all'articolo, il suo commento selezionare il pulsante sottostante.

Pubblicazione
  Si    solo nome
  Si    nome e cognome
  No


Grazie della collaborazione.

© 2014 - ftNews è una testata di libera informazione.
© 2014 - FreeTopNews è una testata di libera informazione senza fini di lucro e conseguentemente le collaborazioni sono fornite assolutamente a titolo gratuito.
Se vuoi collaborare con la redazione e rendere sempre più ricchi i contenuti e accrescere la qualità del servizio offerto, inviaci articoli, segnalazioni e note per la eventuale pubblicazione. (Continua)

Iscrizione presso Registro della Stampa del Tribunale di Ancona , n. 17/2014 del 16/12/2014.
Informativa:

Il Gestore del sito si riserva il diritto di pubblicare solo gli articoli ritenuti meritevoli, a suo insindacabile giudizio. Tutto il materiale inviato non verrà restituito.
Limiti di Responsabilità:
Con la spedizione dell’articolo l’Autore espressamente ne autorizza la pubblicazione su ftnews.it e il Gestore del sito non assume nessuna responsabilità, né civile, né penale, in relazione al contenuto di quanto pubblicato sul sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale dal Sito. Pertanto il Gestore del sito non sarà tenuto per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con il Sito oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Il Gestore del sito declina ogni responsabilità per l’attività di trattamento dati eseguita dai siti web consultati dall’Utente tramite link. L’Utente quando accede attraverso un link ad un altro sito web deve sapere e ricordare che esso è indipendente dal ftnews.it e che quest'ultimo non ha alcun controllo sul contenuto del sito in questione e quindi non comporta l'approvazione o l'accettazione di responsabilità circa il contenuto o l'utilizzazione di detto sito.
L'utente che decide di visitare un sito internet collegato al Sito ftnews.it lo fa a suo rischio, assumendosi l'onere di prendere tutte le misure necessarie contro virus od altri elementi distruttivi.
Il Gestore del sito non assume alcuna responsabilità per materiali creati o pubblicati da terzi con i quali il Sito abbia un collegamento ipertestuale ("link").
Il Gestore del sito non intende violare alcun Copyright. Le informazioni e le immagini qui raccolte sono, al meglio della nostra conoscenza, di pubblico dominio. Se, involontariamente, è stato pubblicato materiale soggetto a copyright o in violazione alla legge si prega di comunicarcelo (info@ftnews.it) per provvedere immediatamente alla rimozione. Il Gestore si riserva il diritto di modificare i contenuti dell'intero sito e delle presenti Informazioni in qualsiasi momento e senza alcun preavviso.
Limiti all’utilizzo:
Il materiale contenuto nel Sito è protetto da copyright. La documentazione, le immagini, i caratteri, il lavoro artistico, la grafica, il software applicativo e tutti i codici e format scripts utilizzati per implementare il Sito sono di proprietà di ftnews.it.
Se non espressamente previsto, i contenuti del Sito non possono, né in tutto né in parte, essere copiati, modificati, riprodotti, trasferiti, caricati, scaricati, pubblicati o distribuiti in qualsiasi modo senza il preventivo consenso scritto di ftnews.it.
È fatta salva la possibilità di immagazzinare tali contenuti nel proprio computer o di stampare estratti delle pagine del Sito ad uso esclusivamente personale.
I marchi e i loghi presenti nel Sito sono di proprietà di ftnews.it.
Essi non possono essere utilizzati su alcun altro sito internet diverso dal Sito o su altri mezzi di comunicazione senza il preventivo consenso di ftnews.it.
Il nome " ftnews.it " e qualsiasi marchio che includa il marchio " ftnews.it " non possono essere utilizzati come indirizzi internet di altri siti, o quali parti di tali indirizzi, senza il preventivo consenso scritto di ftnews.it.