Redazione     Informativa     Link  

Antonietta Langiu, la mia Isola

venerdì, 08 maggio 2020 09:22

condividi su facebook
Antonietta Langiu (foto realizzata durante la presentazione del suo ultimo romanzo a Fermo, nelle Marche)
Francesca Bianchi
E’ un’isola la mia isola/ lontana nel tempo/ e per millenni lontana dal mondo.// Vicina per i conquistatori/ la mia isola/ gli invasori razziatori.// La mia isola ammantata di storia/ antica come le sue genti/ fiere rigorose superbe.// La mia isola granitica/ dalle bianche sabbie ardenti/ su un mare di smeraldo.// Fatta di silenzi profondi la mia isola/ di belati lontani/ di profumi che inebriano./ Luogo di sogni remoti/ la mia isola ventosa/ di lontane memorie…di eterna nostalgia.//
Protagonista indiscussa della scrittura di Antonietta Langiu, apprezzata autrice di narrativa - il suo romanzo Tessiture di Donne (Manni Editore, 2017) è tra i tre finalisti del Premio letterario nazionale di narrativa “Grazia Deledda”- e poetessa è la Sardegna. La silloge poetica data alle stampe qualche mese fa, non a caso intitolata La mia isola, è un canto d'amore e fedeltà alla terra che ha accolto i suoi primi vagiti e che oggi le dona frammenti di una felicità antica e lontana, tenacemente radicata nella sua memoria.
Nata a Berchidda, borgo logudorese adagiato sulle pendici meridionali del Limbara, la Langiu intraprende un intenso itinerario dell'anima per tornare alle origini mai tradite e alla terra che è stata culla e nido dei momenti più felici della sua infanzia e oggi porto dove trovare riparo dai marosi dell'esistenza. Le prime liriche della raccolta esprimono un sentimento di orgogliosa e devota appartenenza a una terra ancestrale e misteriosa che ha forgiato il suo temperamento fiero e indomito di antica donna sarda: Sono impastata della tristezza/ della mia gente/ remota e rugosa come la corteccia/ di una vecchia quercia piegata dal vento. I suoi versi suggestivi celebrano la Sardegna, ammantata di storia, una storia e una civiltà millenarie di cui quasi mai, purtroppo, si legge sulle pagine dei libri di storia. La Sardegna, infatti, dai più è conosciuta e apprezzata solo per il suo mare cristallino e per le spiagge mozzafiato. Questi versi inducono a riflettere sullo sterminato patrimonio storico-culturale sardo, una ricchezza straordinaria, che oggi più che mai, se ben gestita e tutelata, aiuterebbe a promuovere e ad incrementare il turismo culturale, dando uno slancio all'economia di questa meravigliosa Isola.
Non manca il mare nei versi della Langiu: è un mare di smeraldo/ che si fa d'oro la sera/ un mare che l'allontana dal mondo/ e l'avvicina al cuore, un mare a cui, per un felice gioco di accostamento, si affiancano suoni, note e profumi di una terra magica: ecco apparire silenzi profondi e lunghi, interrotti solo dal flusso ininterrotto di pensieri e ricordi dell'autrice,belati lontani e profumi che inebriano. Colonna sonora di questa meditazione interiore è la dolce melodia del vento che diffonde i profumi di lentisco e di rosa canina, di asfodeli e di mirto selvaggio.
Sembra che nel vento, presente in Sardegna in ogni stagione, si materializzino le voci dei suoi genitori e delle persone care che hanno animato i giorni più felici della sua infanzia: è un vento che dona pace e ristoro, custodisce risate, desideri, sogni, sa di momenti intensi di condivisione volati via per sempre. Riaffiorano, così, memorie lontane ed eterna nostalgia, una nostalgia in cui a volte si avverte forte il peso del distacco e della lontananza, ma non c'è mai disperazione nei versi di Antonietta Langiu: anche i ricordi più dolorosi e malinconici sono addolciti dal ricordo sempre vivo degli amati genitori. Nell'anima dell'autrice è vivo più che mai il commovente ricordo della dolcezza fragile dell'amato padre - che oggi l'autrice rivede nel figlio Mauro - i cui occhi si riempivano di lacrime ogni volta che Antonietta andava via dalla sua terra. Ed è a questo punto che si materializza il desiderio di tornare bambina e vedere il padre che arriva/ col suo cesto d'uva/ di fichi e di mele.// I versi dedicati alla madre tradiscono una forte commozione: donna visceralmente legata alla sua casa/ piena dei ricordi/ di moglie e di madre/ poi solo di vuoto/ e di solitudine//, viene immortalata dalla Langiu mentre le sue mani bianche sulle pietre di granito lavano i miseri panni della nostra infanzia, panni che profumano di dignità, simbolo di un tempo ormai perduto, un tempo in cui si poteva assaporare il piacere della lentezza e vivere più intensamente le piccole gioie della vita, quelle che oggi molti di noi, purtroppo, considerano banali e non apprezzano. E proprio pensando a sua madre e alla sua dipartita, si chiede se un giorno, quando anche lei dovrà affrontare il momento estremo, i figli l'accompagneranno tenendole forte la mano, per accompagnarla nel viaggio verso il nulla, proprio come ha fatto lei a suo tempo con la donna che l'ha messa al mondo.
Sebastiana Scanu e Giovanni Langiu, genitori di Antonietta, al mare a Golfo Aranci
Questo viaggio verso l'ignoto, attraverso una sorta di metamorfosi panica, la restituirà finalmente all'immensa sinfonia della natura della sua Isola: Un giorno, quando non sarò più,/ non cercatemi in questa terra non mia/ ma laggiù tra gli scogli del mare tra le onde/ schiumose sospinte dal maestrale.// Laggiù tra i massi concavi dei graniti/ ove i sibili del vento hanno/ nei millenni scritto la loro storia.// Riposerò sotto una quercia in preghiera/ o un mirto amaro in fiore.// Sarò tra le radici contorte di un lentisco/ col mio cuore di pietra, in silenzio.// Ascolterò le preghiere non dette/ le parole rubate a una nenia lontana.// Ritroverò le origini perdute/ i volti dimenticati le voci spente.// Allora forse, nel silenzio dell’universo,/ innalzerò il mio canto e sarò di nuovo libera//.
Versi particolarmente evocativi sono dedicati a “Sa Contra”, un ammasso di rocce dietro la casa di campagna sita in località Puntagu, tra Monti e Berchidda, che ha dato il titolo al suo primo libro di racconti; protagonista assoluta di questo libro è la cultura sarda, filtrata attraverso i suoi ricordi d'infanzia. Sa Contra è per l’autrice il luogo magico del paesaggio interiore, un tempio sacro nel suo cuore, fedele compagno di vita: Sa Contra un luogo sacro, una mappa luminosa nel cuore, un luogo incantato mai dimenticato, memoria dei sogni e dei sospiri. Qui ritrova la giovinezza perduta, una giovinezza quasi trasfigurata, fonte di felicità infinita, ma volata via tanto fugacemente. Ed è in quel nido che la sua anima bambina può trovare riparo ora che il tempo fugge e la vita si avvicina al tramonto. Qui Antonietta Langiu abbatte le coordinate spazio-temporali e lascia parlare quel fanciullino di pascoliana memoria nascosto nella parte più profonda del suo cuore: con la fantasia riesce a fotografare e a cogliere il mistero e le emozioni che si celano in questo microcosmo incastonato nel mondo umile della campagna sarda e attraverso le sue liriche riesce a sublimarli e a trasmetterli ai lettori.
L'idea di maternità percorre tutta la silloge, ma è particolarmente evidente in una lirica dove sembra si manifesti quasi un atteggiamento di "regressione al grembo materno":Come il seme/ che ama tornare/ nel grembo della terra/ che lo ha generato/ voglio tornare anch'io/ nella mia casa/ nell'isola incantata/ dove l'acqua/ sogna la luna/ per ascoltare/ la musica atavica/ delle origini lontane.//
Anela di tornare alla sua Isola come una figlia desidera tornare tra le braccia forti e rassicuranti della propria madre, una dolce sensazione che può essere compresa bene da chi, per motivi vari, è stato costretto a strappare le sue radici per andare altrove. La Sardegna, isola ancestrale, generosa, selvaggia, terra che nutre, accoglie e riscalda come solo una madre amorevole sa fare, ti entra dentro e non ne esce più. Pur non essendo nata in Sardegna, la considero la mia "Isola Madre": mi sento sarda nell'anima e ogni mio viaggio nell'Isola è un ritorno a casa, per cui comprendo bene il senso di orgogliosa e filiale appartenenza di chi, come Antonietta, ha la sardità nel Dna. Leggendo i versi sopra citati, mi è tornata in mente l'emozione unica provata quando ho varcato per la prima volta la soglia di una Domus de Janas: ho avvertito l'impagabile sensazione di entrare in uno spazio sacro, di tornare nel grembo materno, alla condizione primigenia. Il pensiero è andato alle donne e agli uomini di 5000 anni fa, che nelle Domus de Janas, dimore eterne scavate nella roccia, consegnavano e affidavano alla Grande Madre i corpi dei defunti per il lungo viaggio ultraterreno. È potente l'energia che infondono questi monumenti costruiti dalle antiche genti sarde: sin da tempi antichissimi la sacralità, in modo particolare la sacralità del femminile, ha sempre permeato ogni aspetto dell'esistenza dei sardi. Le pietre e le rocce scolpite dai millenni sussurrano storie sacre e arcaiche; la voce della Sardegna, fatta di antiche nenie e suoni slabbrati, invita ad immergersi nelle sue spettacolari bellezze e a tornare nel grembo della Madre Terra che accoglie e rigenera.
Ho letto e riletto la poesia-preghiera sopra citata e tutte le volte il pensiero è andato al sonetto "A Zacinto", che Ugo Foscolo dedicò alla sua "materna terra", l'isola del mar Ionio - l'odierna Zante - dove nacque. Anche Foscolo cantò l'amore per la patria lontana e irraggiungibile; anche il sonetto foscoliano è pervaso dall'idea di maternità; anche lì è forte la funzione eternatrice della poesia, di cui si appropria la Langiu, sottraendo all'oblio i suoi genitori, la sua infanzia lontana, la terra che l'ha vista crescere e che lei in cuor suo non ha mai abbandonato. Con le sue riflessioni poetiche, attraverso il filtro della memoria, l'autrice dona l'immortalità a persone e cose che non sono più.
I genitori di Antonietta Langiu in campagna a Puntagu, tra Monti e Berchidda
Alcune liriche della raccolta sono dedicate ai figli e ai nipoti, destinati a volare lontano e a librarsi come farfalle nel cielo azzurro della vita. In questa sezione il passato si sposa con il presente e si proietta nel futuro: a raccordare le parti sempre la famiglia, quella di un tempo e quella di oggi, di cui Antonietta è la matriarca indiscussa. Pensando ai figli, ai nipoti e a tutti i giovani del mondo, a cui va spesso il suo pensiero affettuoso, la poetessa invita a credere nei sogni e a proteggerli/ perché ti danno/ la forza di raccogliere/ brandelli di cielo/ e di far splendere il sole/ dentro e fuori di te.// Sembra quasi che l'autrice abbia trasposto in versi la frase che le ripeteva sempre l'amata nonna: S’ischintidda de su divinu este in onzunu de noisi, 'una scintilla divina è in ognuna di noi'. Questa convinzione deve aiutarci ad avere il coraggio di coltivare con fiducia i nostri sogni, nascosti nel silenzio della notte, per far splendere quella scintilla divina che dimora nella nostra anima. Non potremo sapere ciò che ci attenderà, ma nessuno può impedirci, oggi più che mai, di sognare un "sole nuovo", un nuovo giorno, una vita migliore e più umana (Guarda la vita/ da lontano/ non chiedere mai/ ciò che sarà/ non potrai saperlo/ solo i sogni sono veri/ se saprai conservarli.//).
Le liriche di Antonietta Langiu sono un invito a vivere nella semplicità, a lasciarsi permeare dalle emozioni, ad assaporare la felicità nell'hic et nunc, contemplando con l'anima pura dei bambini quella natura che tante volte abbiamo maltrattato. A Lei apparteniamo, a Lei torneremo, da Lei, Madre saggia e generosa, oggi possiamo e dobbiamo attingere linfa vitale e spirito di resistenza.
Cara Antonietta, grazie per aver aperto in maniera così autentica lo scrigno segreto del tuo cuore, condividendo generosamente istanti, emozioni, profumi, suoni, della tua infanzia! Mi sono lasciata cullare dalla bellezza dei tuoi versi che profumano di vita: ho chiuso gli occhi e ho iniziato a viaggiare con la fantasia, sognando la magia della tua terra, che io considero la "mia Isola Madre". In un momento tanto buio e drammatico come quello che il mondo intero sta vivendo, i tuoi versi sono una dolce armonia per l'anima: insegnano a coltivare la speranza, ad apprezzare la bellezza delle piccole cose, a coltivare i valori e il rispetto per quello che abbiamo ereditato da chi non c'è più, insegnano che l'amore è più forte di tutto. Antonietta cara, tu appartieni alla Sardegna, sei figlia di questa terra antica, non l'hai mai lasciata del tutto, non sei mai partita: il tuo cuore è lì, tra le rocce sferzate dal vento, accanto al fico selvatico abbracciato alla tua casa, e un giorno lontanissimo tornerai lì per sempre, incontrerai finalmente i tuoi cari volati via e insieme riprenderete il vostro cammino che il tempo non potrà più interrompere.
I COMMENTI RELATIVI ALL'ARTICOLO
Invia un commento alla Redazione
Email
Nome e Cognome
Messaggio
Gentile lettore, prima di inviare il Suo messaggio:

compilare il codice di sicurezza sottostante copiando l'immagine raffigurata;

CAPTCHA 
cambia codice

inserisci codice



Per pubblicare, in fondo all'articolo, il suo commento selezionare il pulsante sottostante.

Pubblicazione
  Si    solo nome
  Si    nome e cognome
  No


Grazie della collaborazione.

© 2014 - ftNews è una testata di libera informazione.
© 2014 - FreeTopNews è una testata di libera informazione senza fini di lucro e conseguentemente le collaborazioni sono fornite assolutamente a titolo gratuito.
Se vuoi collaborare con la redazione e rendere sempre più ricchi i contenuti e accrescere la qualità del servizio offerto, inviaci articoli, segnalazioni e note per la eventuale pubblicazione. (Continua)

Iscrizione presso Registro della Stampa del Tribunale di Ancona , n. 17/2014 del 16/12/2014.
Informativa:

Il Gestore del sito si riserva il diritto di pubblicare solo gli articoli ritenuti meritevoli, a suo insindacabile giudizio. Tutto il materiale inviato non verrà restituito.
Limiti di Responsabilità:
Con la spedizione dell’articolo l’Autore espressamente ne autorizza la pubblicazione su ftnews.it e il Gestore del sito non assume nessuna responsabilità, né civile, né penale, in relazione al contenuto di quanto pubblicato sul sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale dal Sito. Pertanto il Gestore del sito non sarà tenuto per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con il Sito oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Il Gestore del sito declina ogni responsabilità per l’attività di trattamento dati eseguita dai siti web consultati dall’Utente tramite link. L’Utente quando accede attraverso un link ad un altro sito web deve sapere e ricordare che esso è indipendente dal ftnews.it e che quest'ultimo non ha alcun controllo sul contenuto del sito in questione e quindi non comporta l'approvazione o l'accettazione di responsabilità circa il contenuto o l'utilizzazione di detto sito.
L'utente che decide di visitare un sito internet collegato al Sito ftnews.it lo fa a suo rischio, assumendosi l'onere di prendere tutte le misure necessarie contro virus od altri elementi distruttivi.
Il Gestore del sito non assume alcuna responsabilità per materiali creati o pubblicati da terzi con i quali il Sito abbia un collegamento ipertestuale ("link").
Il Gestore del sito non intende violare alcun Copyright. Le informazioni e le immagini qui raccolte sono, al meglio della nostra conoscenza, di pubblico dominio. Se, involontariamente, è stato pubblicato materiale soggetto a copyright o in violazione alla legge si prega di comunicarcelo (info@ftnews.it) per provvedere immediatamente alla rimozione. Il Gestore si riserva il diritto di modificare i contenuti dell'intero sito e delle presenti Informazioni in qualsiasi momento e senza alcun preavviso.
Limiti all’utilizzo:
Il materiale contenuto nel Sito è protetto da copyright. La documentazione, le immagini, i caratteri, il lavoro artistico, la grafica, il software applicativo e tutti i codici e format scripts utilizzati per implementare il Sito sono di proprietà di ftnews.it.
Se non espressamente previsto, i contenuti del Sito non possono, né in tutto né in parte, essere copiati, modificati, riprodotti, trasferiti, caricati, scaricati, pubblicati o distribuiti in qualsiasi modo senza il preventivo consenso scritto di ftnews.it.
È fatta salva la possibilità di immagazzinare tali contenuti nel proprio computer o di stampare estratti delle pagine del Sito ad uso esclusivamente personale.
I marchi e i loghi presenti nel Sito sono di proprietà di ftnews.it.
Essi non possono essere utilizzati su alcun altro sito internet diverso dal Sito o su altri mezzi di comunicazione senza il preventivo consenso di ftnews.it.
Il nome " ftnews.it " e qualsiasi marchio che includa il marchio " ftnews.it " non possono essere utilizzati come indirizzi internet di altri siti, o quali parti di tali indirizzi, senza il preventivo consenso scritto di ftnews.it.