Redazione     Informativa     Link  

Il calcio che non finisce mai…

domenica, 30 maggio 2021 13:58

condividi su facebook
Rosario Pesce
È appena finito il campionato, ma il calcio non va mai in ferie.
Infatti, quest’estate si celebreranno i Campionati Europei che sono stati rinviati lo scorso anno a causa dell’emergenza Covid.
Ma, al di là del torneo europeo per Nazionali, il calcio non va in ferie perché, appena concluso il campionato, si pensa immediatamente a progettare la stagione futura, per cui i club devono scegliere gli allenatori ed i calciatori su cui vogliono fondare gli assetti tecnici dell’annata successiva.
L’Italia si distingue, però, dagli altri Paesi: se altrove - infatti - ad attirare le attenzioni degli sportivi è il mercato dei calciatori (che sono, pur sempre, i principali protagonisti perché sono loro a scendere in campo), nel nostro Paese prevale l’interesse verso quello degli allenatori, che possono avere maggiore o minore appeal mediatico e che, certamente, hanno un peso qualificante nelle scelte tecniche dei loro club.
È questo il segnale di un calcio – il nostro – invero meno ricco di quello spagnolo e di quello inglese: non potendo le società italiane permettersi i lauti compensi, che possono invece erogare le squadre d’oltralpe, è evidente che ci si affida a questo o a quell’allenatore, nella speranza che possa rappresentare quel “quid” in più, a compensazione delle campagne acquisti faraoniche, che non è possibile più condurre.
Ed, allora, è chiaro che se il calcio italiano deve affrontare il nodo delle spese, che non sono più sostenibili, può e deve realizzare con sagacia un simile sforzo per garantire che, nei prossimi decenni, le nostre squadre possano ancora essere competitive sullo scenario continentale con i club di Spagna ed Inghilterra, che hanno maggiori proventi dalle televisioni.
Certo, i tentativi di riforma dei format dei campionati nazionali e di quelli dell’UEFA devono essere compatibili con le leggi vigenti, per evitare le fughe in avanti che il tentativo fallito di dar vita alla Superlega ha rappresentato in modo plastico nelle scorse settimane.
D’altronde, il tifoso aspira a divertirsi in modo sano ed a tornare allo stadio prima possibile, compatibilmente con la condizione epidemiologica: due obiettivi possibili e raggiungibili, se si lavora seriamente nell’ottica del salvataggio di un’industria, come quella calcistica, che deve rifondarsi dopo il Covid se non vuole scomparire, come altri settori produttivi dell’economia mondiale.
Mostra altri Articoli di questo autore
info@freetopnews.it
I COMMENTI RELATIVI ALL'ARTICOLO
Invia un commento alla Redazione
Email
Nome e Cognome
Messaggio
Gentile lettore, prima di inviare il Suo messaggio:

compilare il codice di sicurezza sottostante copiando l'immagine raffigurata;

CAPTCHA 
cambia codice

inserisci codice



Per pubblicare, in fondo all'articolo, il suo commento selezionare il pulsante sottostante.

Pubblicazione
  Si    solo nome
  Si    nome e cognome
  No


Grazie della collaborazione.

© 2014 - ftNews è una testata di libera informazione.
© 2014 - FreeTopNews è una testata di libera informazione senza fini di lucro e conseguentemente le collaborazioni sono fornite assolutamente a titolo gratuito.
Se vuoi collaborare con la redazione e rendere sempre più ricchi i contenuti e accrescere la qualità del servizio offerto, inviaci articoli, segnalazioni e note per la eventuale pubblicazione. (Continua)

Iscrizione presso Registro della Stampa del Tribunale di Ancona , n. 17/2014 del 16/12/2014.