Redazione     Informativa     Link  

Evviva la Liberazione!

lunedì, 25 aprile 2022 08:59

condividi su facebook
Rosario Pesce
La Liberazione è un fatto fondamentale nella storia italiana e dei Paesi europei che furono, finalmente, sottratti al giogo del Nazismo e del Fascismo.
Il 25 aprile 1945 rappresenta, non a caso, uno snodo essenziale nella storia italiana: finì il ventennio fascista per davvero e, soprattutto, con la conclusione della Seconda Guerra Mondiale l’Italia poté cominciare a guardare innanzi, verso anni – quali quelli della ricostruzione e del successivo boom economico – che furono non facili, ma che le hanno consentito di essere, poi, fra le prime potenze al mondo.
Anche oggi, mutatis mutandis, è necessario che si consumi una nuova Liberazione, più complessa e problematica di quella che affrontarono i nostri nonni ed i nostri genitori.
Bisogna, infatti, liberarsi dalle scorie di un biennio – quello della pandemia – che sembra non voglia passare del tutto, visto che certamente il Covid è diventato meno pericoloso rispetto alla primavera del 2020, ma è comunque sempre presente e circolante in modo massiccio.
Una società, infatti, malata non può mai crescere in senso autentico: le malattie determinano un costo umano e sociale che rappresenta un peso enorme, quasi invalicabile per lo sviluppo di un ordinato consesso.
Così come, il mondo intero – e non solo l’Italia e l’Occidente – deve liberarsi dalle paure e dalle nefandezze delle guerre, in primis di quella russo-ucraina, che - iniziata di fatto otto anni fa - rischia di portarsi avanti per altri mesi, determinando morti ed eventi conseguenti nefasti non solo per coloro che vivono sui luoghi che sono teatro del conflitto odierno.
È evidente, a tal riguardo, che la portata di questi due fatti (il Covid e l’invasione russa in Ucraina) è così grande, che può continuare a modificare in modo irreversibile gli equilibri mondiali, sia economici che politici.
Ed è altrettanto ovvio che una rapida conclusione degli effetti pandemici e di quelli della guerra, voluta da Putin, può evitare guai ben peggiori: l’Italia, oggi come nel 1945, è parte di un sistema internazionale che con enormi difficoltà tenta di edificarsi su basi ed assetti nuovi, nell’auspicio condiviso da tutti che il progresso – e non l’autodistruzione – sia la stella cometa di chi ha responsabilità di governo della res publica mondiale
Mostra altri Articoli di questo autore
info@freetopnews.it
I COMMENTI RELATIVI ALL'ARTICOLO
Invia un commento alla Redazione
Email
Nome e Cognome
Messaggio
Gentile lettore, prima di inviare il Suo messaggio:

compilare il codice di sicurezza sottostante copiando l'immagine raffigurata;

CAPTCHA 
cambia codice

inserisci codice



Per pubblicare, in fondo all'articolo, il suo commento selezionare il pulsante sottostante.

Pubblicazione
  Si    solo nome
  Si    nome e cognome
  No


Grazie della collaborazione.

© 2014 - ftNews è una testata di libera informazione.
© 2014 - FreeTopNews è una testata di libera informazione senza fini di lucro e conseguentemente le collaborazioni sono fornite assolutamente a titolo gratuito.
Se vuoi collaborare con la redazione e rendere sempre più ricchi i contenuti e accrescere la qualità del servizio offerto, inviaci articoli, segnalazioni e note per la eventuale pubblicazione. (Continua)

Iscrizione presso Registro della Stampa del Tribunale di Ancona , n. 17/2014 del 16/12/2014.