Redazione     Informativa     Link  

Roma: la Rete universitaria mondiale UNETCHAC discute sulla protezione dei bambini dalla guerra

lunedì, 28 novembre 2022 17:40

condividi su facebook
Fabrizio Federici
"Nel 2021, le Nazioni Unite hanno verificato quasi 24.000 gravi violazioni commesse contro i bambini. Le violazioni con il numero più elevato di casi verificati sono state l'uccisione e la mutilazione, il reclutamento e l'uso, seguiti dal diniego dell'accesso umanitario e dal rapimento. Il rapimento di ragazze è stato sorprendentemente in aumento del 40% rispetto all'anno precedente. I dati raccolti attraverso il meccanismo di monitoraggio e segnalazione continuano a mostrare che i ragazzi e le ragazze sono colpiti in modo diverso da gravi violazioni”.
Così, citando dati discussi al Terzo Comitato dell'Assemblea Generale dell’ONU nella recente discussione sulla Promozione e Protezione dei Diritti dei Bambini, Virginia Gamba, Rappresentante Speciale del Segretario Generale ONU per i Bambini e i Conflitti Armati, ha aperto il dibattito, il 24 novembre, alla Sala del Refettorio della Biblioteca della Camera. Un dibattito vòlto a gettare le premesse di un’azione internazionale capace di tradurre le varie proposte esistenti in concrete azioni per un’effettiva protezione giuridica dei tanti minori che in gran parte del mondo (Somalia, Repubblica Democratica del Congo, Yemen, Siria, Afghanistan, Territori occupati della Palestina, ecc…) continuano a trovarsi coinvolti, direttamente o indirettamente, in conflitti armati. Un dibattito organizzato dalla Universities Network For Children in Armed Conflict (UNETCHAC), la Rete internazionale di più di 50 Università, Accademie e Istituti di ricerca da anni in prima linea su questi temi, col supporto, in Italia, del Ministero degli Affari esteri: in collaborazione con l'Istituto di Studi Politici “S. Pio V” (rappresentato, alla Biblioteca della Camera, dal Presidente, prof. Paolo De Nardis).
Hanno partecipato alla discussione, tra gli altri: Laura Guercio, coordinatrice dell’ UNETCHAC, che ha evidenziato l'importanza della presenza, in platea, di un’adeguata rappresentanza di giovani studenti; i deputati Giorgio Fede, già Presidente della Commissione straordinaria del Senato per la Tutela e la promozione dei diritti umani (che ha ribadito l’obbiettivo di fare dell’ UNETCHAC una vera rete mondiale per la difesa di questi diritti), Giorgia Latini, Vicepresidente dal 2018 della VII Commissione della Camera Cultura, scienza e istruzione, e Bruno Tabacci, già Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio nel Governo Draghi.
I relatori hanno ricordato che affrontare questi temi, in vista di definire strumenti per aiutare concretamente questa vasta parte della popolazione infantile e adolescenziale mondiale che si trova ad esser protagonista di guerre (non solo come soldati, ma anche come body-guard, cuochi, esploratori, ecc…), significa fare ricerca in campo non solo giuridico, ma, chiaramente, anche sociologico, medico, psicologico, economico, ecc… “Quasi il 50% di tutte queste violenze, ogni anno in tutto il mondo, rimane impunito”, ha detto Virginia Gamba; “e il mio ufficio sin dal 1999 è incaricato di attuare concretamente la Risoluzione 5577 delle Nazioni Unite che raccomanda a tutti gli Stati ,membri di contrastare in tutti i modi e con la massima fermezza il coinvolgimento dei bambini nelle guerre, spesso attuato anche con mezzi ignobili come il rapimento dei bambini da scuole e ospedali (come non pensare a quanto avveniva durante la Seconda guerra mondiale, per mano delle SS, in molti Paesi occupati dai nazisti. N.d.R.?). Il Consiglio di Sicurezza ha incaricato il Segretario Generale ONU, che io qui rappresento, di presentare ogni anno , all’ Assemblea Generale, una dettagliata relazione sull’argomento). Se un fenomeno come il rapimento forzato di fanciulli e adolescenti è aumentato già dal 2020 (per probabile conseguenza anche del caos provocato dalla pandemia, N.d.R.) , ci sono, però, anche segnali di speranza. Anzitutto, molti piani per il reinserimento familiare, scolastico e sociale dei bambini liberati: che iniziano ad essere attuati in Paesi come, ad esempio, Mali, Filippine, Burkina Faso ed altri”.
Il Convegno è proseguito poi con la cerimonia di premiazione dell’Universities Network Award 2022: che ha visto premiate quelle personalità che si sono distinte nei diverse settori nella protezione dei minori in conflitto. Come Paolina Massida, Principal Counsel at the Indipendent Office of Public Cousel for Victims (OPCV) presso la Corte Penale Internazionale; Nicolò Govoni, Presidente e Direttore Esecutivo Associazione “Still I Rose”; il Comitato Olimpico Nazionale Italiano (CONI), nella persona del Vice Presidente Silvia Salis.
I COMMENTI RELATIVI ALL'ARTICOLO
Invia un commento alla Redazione
Email
Nome e Cognome
Messaggio
Gentile lettore, prima di inviare il Suo messaggio:

compilare il codice di sicurezza sottostante copiando l'immagine raffigurata;

CAPTCHA 
cambia codice

inserisci codice



Per pubblicare, in fondo all'articolo, il suo commento selezionare il pulsante sottostante.

Pubblicazione
  Si    solo nome
  Si    nome e cognome
  No


Grazie della collaborazione.

© 2014 - ftNews è una testata di libera informazione.
© 2014 - FreeTopNews è una testata di libera informazione senza fini di lucro e conseguentemente le collaborazioni sono fornite assolutamente a titolo gratuito.
Se vuoi collaborare con la redazione e rendere sempre più ricchi i contenuti e accrescere la qualità del servizio offerto, inviaci articoli, segnalazioni e note per la eventuale pubblicazione. (Continua)

Iscrizione presso Registro della Stampa del Tribunale di Ancona , n. 17/2014 del 16/12/2014.
Informativa:

Il Gestore del sito si riserva il diritto di pubblicare solo gli articoli ritenuti meritevoli, a suo insindacabile giudizio. Tutto il materiale inviato non verrà restituito.
Limiti di Responsabilità:
Con la spedizione dell’articolo l’Autore espressamente ne autorizza la pubblicazione su ftnews.it e il Gestore del sito non assume nessuna responsabilità, né civile, né penale, in relazione al contenuto di quanto pubblicato sul sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale dal Sito. Pertanto il Gestore del sito non sarà tenuto per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con il Sito oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Il Gestore del sito declina ogni responsabilità per l’attività di trattamento dati eseguita dai siti web consultati dall’Utente tramite link. L’Utente quando accede attraverso un link ad un altro sito web deve sapere e ricordare che esso è indipendente dal ftnews.it e che quest'ultimo non ha alcun controllo sul contenuto del sito in questione e quindi non comporta l'approvazione o l'accettazione di responsabilità circa il contenuto o l'utilizzazione di detto sito.
L'utente che decide di visitare un sito internet collegato al Sito ftnews.it lo fa a suo rischio, assumendosi l'onere di prendere tutte le misure necessarie contro virus od altri elementi distruttivi.
Il Gestore del sito non assume alcuna responsabilità per materiali creati o pubblicati da terzi con i quali il Sito abbia un collegamento ipertestuale ("link").
Il Gestore del sito non intende violare alcun Copyright. Le informazioni e le immagini qui raccolte sono, al meglio della nostra conoscenza, di pubblico dominio. Se, involontariamente, è stato pubblicato materiale soggetto a copyright o in violazione alla legge si prega di comunicarcelo (info@ftnews.it) per provvedere immediatamente alla rimozione. Il Gestore si riserva il diritto di modificare i contenuti dell'intero sito e delle presenti Informazioni in qualsiasi momento e senza alcun preavviso.
Limiti all’utilizzo:
Il materiale contenuto nel Sito è protetto da copyright. La documentazione, le immagini, i caratteri, il lavoro artistico, la grafica, il software applicativo e tutti i codici e format scripts utilizzati per implementare il Sito sono di proprietà di ftnews.it.
Se non espressamente previsto, i contenuti del Sito non possono, né in tutto né in parte, essere copiati, modificati, riprodotti, trasferiti, caricati, scaricati, pubblicati o distribuiti in qualsiasi modo senza il preventivo consenso scritto di ftnews.it.
È fatta salva la possibilità di immagazzinare tali contenuti nel proprio computer o di stampare estratti delle pagine del Sito ad uso esclusivamente personale.
I marchi e i loghi presenti nel Sito sono di proprietà di ftnews.it.
Essi non possono essere utilizzati su alcun altro sito internet diverso dal Sito o su altri mezzi di comunicazione senza il preventivo consenso di ftnews.it.
Il nome " ftnews.it " e qualsiasi marchio che includa il marchio " ftnews.it " non possono essere utilizzati come indirizzi internet di altri siti, o quali parti di tali indirizzi, senza il preventivo consenso scritto di ftnews.it.