Redazione     Informativa     Link  

Nunzio Morrone: La Forza sia con te. Il potere delle certificazioni aziendali

lunedì, 29 giugno 2020 17:03

condividi su facebook
Mafalda Bruno
Qual è il segreto per avere nuove idee o nuovi spunti per fare impresa in un mercato sempre in crescita ed evoluzione? La risposta esatta è talmente semplice da sembrare persino banale: pensare. Se un’ idea nasce e poi risulta essere brillante, è perché qualcuno ci ha pensato, ci ha ragionato sopra, ha elaborato una strategia intorno ad essa e l’ha messa in atto.
Nunzio Morrone, imprenditore originario della Basilicata, su questo concetto del pensare e mettere in pratica nuove idee, ha fondato la DIMITTO – Ente di Certificazione Italo-Svizzero, coniugando le peculiarità di queste due Nazioni: precisione svizzera e passione italiana.
L’Ente si occupa di certificare le aziende che non vogliono rinunciare a puntare in alto per affrontare le continue sfide che il mercato pone davanti a chi fa impresa. E sta diversificando il suo Ente in varie realtà europee: Bielorussia, Spagna tanto per citarne alcuni.
Abbiamo rivolto qualche domanda a Nunzio Morrone per capire meglio il suo pensiero-guida e la sua impostazione di strategia industriale.

Morrone, in questa fase post pandemica che ha messo in ginocchio tante realtà industriali, cosa occorre fare per ripartire col piede giusto?
Anzitutto bisogna convincersi che ora più che mai occorre un cambiamento, finora si è quasi tirato a campare, alla come viene viene, mors tua ecc, ora invece il cambiamento è d’obbligo. Il primo passo necessario per una giusta partenza e accettare il cambiamento è voler cambiare: tra dire e fare per me c’è di mezzo l’agire, non il mare. Pensare il futuro desiderato, scriverlo, strutturarlo, vedendo quello che si vuole fare e realizzarlo. Il vero cambiamento non si improvvisa: si ragiona, si immagina e si progetta. E nell’ottica di questo cambiamento, i tre principi fondamentali su cui ci basiamo sono: 1. mantenere un successo durevole; 2. avere la capacità di ridurre gli sprechi; 3. creare le condizioni per ottenere risultati e produrre progresso.

Un programma di tutto rispetto. Ma non sarà semplice attuarlo immagino: avete chiesto supporto dalle istituzioni? Ne avete ricevuto?
Purtroppo non possiamo dare più di tanto le colpe al governo perché non era preparato ad un simile tsunami. Tuttavia, tirando le somme adesso, è vero che in Italia si è fatto poco: in Svizzera è bastata una email in cui ho fatto richiesta per il sostegno previsto e in tre giorni gli aiuti sono arrivati. Qui in Italia troppe parole e pochi aiuti: si sono prodotti e si continuano a produrre quintali di carta, riunioni e discussioni, intanto però il sostegno non arriva. Invece lo Stato deve metterci al più presto in condizioni di fare e fare bene. L’imprenditore ha davanti sempre nuove scommesse e aiutarlo vuol dire evitare la recessione. Da parte sua, l’impresa deve orientarsi a puntare al progresso e non al profitto. Occorrono quelle che io chiamo le tre P: Persone, Profitto e Progresso. Senza queste tre basi essenziali non si può arrivare a niente di utile e costruttivo.
Il vostro Ente è molto attento al cliente. Voi seguite passo passo ogni singola azione da compiere anche a certificazione avvenuta. E’ così?
Certamente: questo fa parte del nostro perché, della nostra realtà. Aiutare le aziende a trovare le giuste regole, con tutte le azioni connesse per raggiungere i risultati migliori e durevoli. L’attenzione per i nostri clienti non si esaurisce con la certificazione: siamo sempre accanto ai nostri clienti, e non solo per aiutare, ma anche per prevenire eventuali innovazioni in vista giocando d’anticipo su come procedere nel buon cammino di impresa. I clienti per noi non sono un target, ma persone. E per aiutarli maggiormente, abbiamo creato, tra altri strumenti di supporto, i Webinar dedicati alla ISO 9001. Ogni webinar ha lo scopo di rendere comprensibili le norme che regolano questa certificazione portando elementi “colorati” e comprensibili dove ha sempre regnato il grigio della burocrazia. Bisogna sfatare la leggenda che finora ha descritto il mondo delle certificazioni come un universo fastidioso e burocratico.

Il tuo libro, Volume 1, si chiama “Pensamento”. Come mai questa parola inusuale?
Spero che diventi famosa come Petaloso. Se il libro avrà successo, chissà, magari l’Accademia della Crusca si accorgerà anche di noi!!! Il fatto è che ad ogni cosa nuova che penso mi piace assegnare un nuovo termine , un nome che non esiste. Da li poi si definisce il progetto pensato e la sua messa a punto. Questo pensiero mi guida dalla fine del 2018 e da allora non mi sono più fermato. Perché? Perché i cambiamenti richiedono forza di volontà, determinazione e costanza.
I COMMENTI RELATIVI ALL'ARTICOLO
Invia un commento alla Redazione
Email
Nome e Cognome
Messaggio
Gentile lettore, prima di inviare il Suo messaggio:

compilare il codice di sicurezza sottostante copiando l'immagine raffigurata;

CAPTCHA 
cambia codice

inserisci codice



Per pubblicare, in fondo all'articolo, il suo commento selezionare il pulsante sottostante.

Pubblicazione
  Si    solo nome
  Si    nome e cognome
  No


Grazie della collaborazione.

© 2014 - ftNews è una testata di libera informazione.
© 2014 - FreeTopNews è una testata di libera informazione senza fini di lucro e conseguentemente le collaborazioni sono fornite assolutamente a titolo gratuito.
Se vuoi collaborare con la redazione e rendere sempre più ricchi i contenuti e accrescere la qualità del servizio offerto, inviaci articoli, segnalazioni e note per la eventuale pubblicazione. (Continua)

Iscrizione presso Registro della Stampa del Tribunale di Ancona , n. 17/2014 del 16/12/2014.
Informativa:

Il Gestore del sito si riserva il diritto di pubblicare solo gli articoli ritenuti meritevoli, a suo insindacabile giudizio. Tutto il materiale inviato non verrà restituito.
Limiti di Responsabilità:
Con la spedizione dell’articolo l’Autore espressamente ne autorizza la pubblicazione su ftnews.it e il Gestore del sito non assume nessuna responsabilità, né civile, né penale, in relazione al contenuto di quanto pubblicato sul sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale dal Sito. Pertanto il Gestore del sito non sarà tenuto per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con il Sito oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Il Gestore del sito declina ogni responsabilità per l’attività di trattamento dati eseguita dai siti web consultati dall’Utente tramite link. L’Utente quando accede attraverso un link ad un altro sito web deve sapere e ricordare che esso è indipendente dal ftnews.it e che quest'ultimo non ha alcun controllo sul contenuto del sito in questione e quindi non comporta l'approvazione o l'accettazione di responsabilità circa il contenuto o l'utilizzazione di detto sito.
L'utente che decide di visitare un sito internet collegato al Sito ftnews.it lo fa a suo rischio, assumendosi l'onere di prendere tutte le misure necessarie contro virus od altri elementi distruttivi.
Il Gestore del sito non assume alcuna responsabilità per materiali creati o pubblicati da terzi con i quali il Sito abbia un collegamento ipertestuale ("link").
Il Gestore del sito non intende violare alcun Copyright. Le informazioni e le immagini qui raccolte sono, al meglio della nostra conoscenza, di pubblico dominio. Se, involontariamente, è stato pubblicato materiale soggetto a copyright o in violazione alla legge si prega di comunicarcelo (info@ftnews.it) per provvedere immediatamente alla rimozione. Il Gestore si riserva il diritto di modificare i contenuti dell'intero sito e delle presenti Informazioni in qualsiasi momento e senza alcun preavviso.
Limiti all’utilizzo:
Il materiale contenuto nel Sito è protetto da copyright. La documentazione, le immagini, i caratteri, il lavoro artistico, la grafica, il software applicativo e tutti i codici e format scripts utilizzati per implementare il Sito sono di proprietà di ftnews.it.
Se non espressamente previsto, i contenuti del Sito non possono, né in tutto né in parte, essere copiati, modificati, riprodotti, trasferiti, caricati, scaricati, pubblicati o distribuiti in qualsiasi modo senza il preventivo consenso scritto di ftnews.it.
È fatta salva la possibilità di immagazzinare tali contenuti nel proprio computer o di stampare estratti delle pagine del Sito ad uso esclusivamente personale.
I marchi e i loghi presenti nel Sito sono di proprietà di ftnews.it.
Essi non possono essere utilizzati su alcun altro sito internet diverso dal Sito o su altri mezzi di comunicazione senza il preventivo consenso di ftnews.it.
Il nome " ftnews.it " e qualsiasi marchio che includa il marchio " ftnews.it " non possono essere utilizzati come indirizzi internet di altri siti, o quali parti di tali indirizzi, senza il preventivo consenso scritto di ftnews.it.