Redazione     Informativa     Link  

Duranti Poccetti: Un artigiano della scrittura verso il suo nuovo show

mercoledì, 30 dicembre 2020 08:48

condividi su facebook
Lisa Di Giovanni
Stefano Duranti Poccetti è un poeta, traduttore e giornalista (Il Giornale, Sipario, Il Borghese, Opera Life, L'Etruria, fondatore e direttore del Corriere dello Spettacolo). Sono fin qui otto le sue opere pubblicate, tra le ultime ricordiamo: “Frammenti di Baseball” (2019, Controluna), “Mortali e Immortali” (2019, Transeuropa), “Don Chisciotte in frammenti” (2019, Prometheus) e “Les Chevaliers errants” (traduzione dal francese del poema cavalleresco di Victor Hugo, uscita nel 2020 per Nulla Die).
Stefano, la prima domanda che le faccio è sulla poetica. Le sue non sono poesie in versi, ma in prosa. Perché questa scelta?
Il filone della poesia in prosa esiste già da tempo e sono molti gli autori, anche grandissimi, che vi ci sono cimentati. Penso per esempio a Baudelaire ne “Lo Spleen di Parigi” o al Tondelli di “Biglietti agli amici”. Io ne ho fatto una vera e propria poetica, che utilizzo per creare raccolte di poesia, ma anche per plasmare vere e proprie narrazioni, con questi brevi brani che vanno a intessere una precisa storia, come accade per esempio in “Don Chisciotte in frammenti”.

Lei predilige di più l'aspetto visionario e onirico rispetto a quello realistico, è esatto?
Ha ragione! La cultura italiana, dal punto di vista letterario e artistico, è ancorata al Verismo e al Neorealismo. Pur apprezzando moltissimo i nostri autori (alcuni non valorizzati dalla stessa scuola) sono cresciuto leggendo in particolar modo letteratura francese e tedesca, sicuramente maggiormente sentimentale, sognante, filosofica e spirituale. Io amo le scenografie teatrali di cartapesta, non vedo l'arte come una copia fedele della realtà, l'arte per me deve riuscire a immergersi così tanto dentro la realtà da renderla astratta. D'altra parte questa dicotomia tra realismo e immaginazione è sempre esistita, se Victor Hugo scrive: “Mosè stava cercando uno scultore per l’altare,/ ma Dio disse: 'Ce ne vogliono due.' Allora condusse/ nel santuario Oliad e Béliséel:/ l’uno scolpì l’ideale e l’altro il reale”.

Sarà per questo che ama l'opera?
L'opera mi permette di fantasticare, sì. L'opera, che appartiene alla nostra grande Italia, quando l'Italia era ancora un paese che sognava. A proposito di opera, mi piace dire in questa sede che negli ultimi mesi ho intrapreso un'interessante collaborazione con Opera Life, rivista del settore giovane e accreditata, dove porto avanti una mia rubrica, quella stessa “Evocazioni Musicali, alla Scoperta di Nuovi Continenti” che conducevo, con la regia di Alessandro Ferri, presso la Radio Web del Gran Teatro la Fenice di Venezia. Ahimè, quella radio, dove c'erano tantissime rubriche, tra cui una del grande Daverio, è scomparsa, non esiste più, se non nella tradizione orale. Rimarrà nella mia mente come un'esperienza mitica.
Per lei la scrittura è un gesto artigianale?
Amo i lavori manuali e stare a contatto con gli artigiani, impararando anche qualche trucco del mestiere. Non trovo la scrittura un gesto dissimile, in fin dei conti siamo lì a limare le parole e, anche se stiamo fermi davanti a un pc, il nostro atto non può essere definito immobile. Diamo vita a qualcosa di concreto, costruiamo qualcosa di tangibile. Sì, per me la letteratura è artigianato, cosa vera e viva, è per questo che non amo quegli intellettuali che ne fanno una creatura sterile e nozionistica, quelli che appunto non ne comprendono il valore artigianale, facendone argomento aleatorio e d'élite.

Prima ha citato la spiritualità, per lei quanto è importante nello scrivere?
Molto, la spiritualità è tutto. Non credo si possano scrivere buone cose se in qualche modo non si è in contatto con l'alto ed è tramite questo contatto che è possibile trasferire quell'energia, quell'amore all'opera, affinché essa possa toccare, emozionare, stravolgere, lasciare vibrazioni, cambiare, rimanere viva…

Viva per sempre?
Si spera. Ci sono scrittori che mirano ai guadagni e al presente, altri che puntano al futuro. Io sono uno di quest'ultimi: credo che non sia importante apparire, ma rimanere, non decidono gli uomini, ma la storia.

Quale insegnamento darebbe a uno scrittore esordiente?
Io non posso dare insegnamenti. Perseguo una vita da autodidatta, quindi quando le cose s'imparano da soli è veramente difficile insegnarle. Posso solo dire di non fermarsi al pensiero, ma di agire, tentare, perché sono i fatti che fanno la differenza e un'idea non realizzata è come se non esistesse. Non posso insegnare, casomai potrei trasmettere il sogno, il desiderio, la forza di perseguire un obiettivo, potrei forse aiutare a tirare fuori il meglio, trovare la propria indole, il proprio segno distintivo.

So che non ama molto mostrarti in pubblico, eppure...
Non molto, la mia ultima presentazione di un libro risale al 2016, quando parlai di “Frammenti dalla Senna” al Teatro Signorelli di Cortona. Non amo stare sul palco e credo di non avere neanche tanto da dire, perché tutto è in quello che scrivo. In ogni modo, sono state diverse le pubblicazioni uscite tra il 2019 e il 2020 e a volte succede che mi venga chiesto se farò o meno degli incontri, così ho deciso che, non appena sarà possibile, realizzerò un evento, non so ancora dove, in cui parlerò nel complessivo delle mie ultime uscite. Ho già il titolo per questa manifestazione, che chiamerò “Duranti Poccetti Show”. Sembra egocentrico, è vero, e forse un po' lo è, ma è anche una dimostrazione, un po' ironica e scherzosa, di volermi una volta per tutte mettermi alla prova, parlando accuratamente del mio percorso.


Contatti
https://www.ibs.it/libri/autori/stefano-duranti-poccetti nomesito
https://www.corrieredellospettacolo.net/tag/stefano-duranti-poccetti/ nomesito
I COMMENTI RELATIVI ALL'ARTICOLO
Invia un commento alla Redazione
Email
Nome e Cognome
Messaggio
Gentile lettore, prima di inviare il Suo messaggio:

compilare il codice di sicurezza sottostante copiando l'immagine raffigurata;

CAPTCHA 
cambia codice

inserisci codice



Per pubblicare, in fondo all'articolo, il suo commento selezionare il pulsante sottostante.

Pubblicazione
  Si    solo nome
  Si    nome e cognome
  No


Grazie della collaborazione.

© 2014 - ftNews è una testata di libera informazione.
© 2014 - FreeTopNews è una testata di libera informazione senza fini di lucro e conseguentemente le collaborazioni sono fornite assolutamente a titolo gratuito.
Se vuoi collaborare con la redazione e rendere sempre più ricchi i contenuti e accrescere la qualità del servizio offerto, inviaci articoli, segnalazioni e note per la eventuale pubblicazione. (Continua)

Iscrizione presso Registro della Stampa del Tribunale di Ancona , n. 17/2014 del 16/12/2014.
Informativa:

Il Gestore del sito si riserva il diritto di pubblicare solo gli articoli ritenuti meritevoli, a suo insindacabile giudizio. Tutto il materiale inviato non verrà restituito.
Limiti di Responsabilità:
Con la spedizione dell’articolo l’Autore espressamente ne autorizza la pubblicazione su ftnews.it e il Gestore del sito non assume nessuna responsabilità, né civile, né penale, in relazione al contenuto di quanto pubblicato sul sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale dal Sito. Pertanto il Gestore del sito non sarà tenuto per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con il Sito oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Il Gestore del sito declina ogni responsabilità per l’attività di trattamento dati eseguita dai siti web consultati dall’Utente tramite link. L’Utente quando accede attraverso un link ad un altro sito web deve sapere e ricordare che esso è indipendente dal ftnews.it e che quest'ultimo non ha alcun controllo sul contenuto del sito in questione e quindi non comporta l'approvazione o l'accettazione di responsabilità circa il contenuto o l'utilizzazione di detto sito.
L'utente che decide di visitare un sito internet collegato al Sito ftnews.it lo fa a suo rischio, assumendosi l'onere di prendere tutte le misure necessarie contro virus od altri elementi distruttivi.
Il Gestore del sito non assume alcuna responsabilità per materiali creati o pubblicati da terzi con i quali il Sito abbia un collegamento ipertestuale ("link").
Il Gestore del sito non intende violare alcun Copyright. Le informazioni e le immagini qui raccolte sono, al meglio della nostra conoscenza, di pubblico dominio. Se, involontariamente, è stato pubblicato materiale soggetto a copyright o in violazione alla legge si prega di comunicarcelo (info@ftnews.it) per provvedere immediatamente alla rimozione. Il Gestore si riserva il diritto di modificare i contenuti dell'intero sito e delle presenti Informazioni in qualsiasi momento e senza alcun preavviso.
Limiti all’utilizzo:
Il materiale contenuto nel Sito è protetto da copyright. La documentazione, le immagini, i caratteri, il lavoro artistico, la grafica, il software applicativo e tutti i codici e format scripts utilizzati per implementare il Sito sono di proprietà di ftnews.it.
Se non espressamente previsto, i contenuti del Sito non possono, né in tutto né in parte, essere copiati, modificati, riprodotti, trasferiti, caricati, scaricati, pubblicati o distribuiti in qualsiasi modo senza il preventivo consenso scritto di ftnews.it.
È fatta salva la possibilità di immagazzinare tali contenuti nel proprio computer o di stampare estratti delle pagine del Sito ad uso esclusivamente personale.
I marchi e i loghi presenti nel Sito sono di proprietà di ftnews.it.
Essi non possono essere utilizzati su alcun altro sito internet diverso dal Sito o su altri mezzi di comunicazione senza il preventivo consenso di ftnews.it.
Il nome " ftnews.it " e qualsiasi marchio che includa il marchio " ftnews.it " non possono essere utilizzati come indirizzi internet di altri siti, o quali parti di tali indirizzi, senza il preventivo consenso scritto di ftnews.it.