Redazione     Informativa     Link  

Wish - A Natale esprimete il desiderio

Invia una email ad un amico
DA
A
Messaggio

martedì, 19 dicembre 2023 06:08

condividi su facebook
Alessandra D'Annibale
I sogni son desideri, chiusi in fondo al cuor… Per ben 100 anni Disney ci ha fatto sognare e con i suoi film abbiamo sempre sperato e creduto nei nostri sogni. Con Wish per la prima volta accanto al sogno, si presenta l’ombra oscura di colui che dovrebbe realizzare i sogni ma che nella realtà fa di tutti per tenerli sotto chiave. E proprio attorno ai sogni ruota la trama del film, confezionato brillantemente tra la tradizione e la modernità per sbancare il botteghino natalizio inneggiando alla forza femminile.
Nel magico e medioevale regno di Rosas (un’isola incastonata dal Mediterraneo), l’adolescente Asha, orfana di padre, sogna di diventare assistente del magnetico Re Magnifico. Ammessa nelle stanze regali del castello, scopre, però, la perfidia del sovrano che ha ammassato i sogni dei sudditi (nonno e madre di Asha compresi) nella volta del soffitto, impendendo loro di realizzarli, quindi di realizzarsi.
Tra la rabbia e l’amarezza divisa con il fido capretto Valentino (Amadeus gli presta la voce) l’eroina s’imbatte nei poteri di una stella, Star: uno scrigno di energia cosmica accorso in suo aiuto, l’oggetto magico con cui la ragazza può sfidare il Re per ridare dignità e libertà agli abitanti del regno.
Ritroviamo i consueti inserti musicali e la patina retró dell’animazione in bilico tra fondali disegnati a mano, animazione 2D che ci rimandano a Biancaneve, Bambi, senza dimenticare Cenerentola, La bella e le Bestia, Pinocchio e Peter Pan che si concede pure un cameo sul finale. La tecnica usata, che lavora sulla fusione di animazione tradizionale e CGI, risale al 2012 con il magnifico corto Paperman. I Walt Disney Animation Studios stanno sviluppando tecniche di tipo diverso, che sembrano puntare più alla sovrapposizione che lo sfruttamento fianco a fianco, alla coesistenza, di stili diversi.
Tuttavia è l’inclinazione di genere della sceneggiatura a incuriosire per le sue intenzioni attualizzanti e politiche.
Asha, infatti, è l’anti principessa, è colei che vuole essere indipendente a discapito di tutto e tutti. Perché Asha è l’eroina che salva un popolo vessato da un potere oppressivo, secolare che controlla i propri sogni affinché non vengano mai realizzati.
Un film che fa riflettere, nonostante l’attenzione, nel corso della narrazione, si sposta sulla forza femminile. I personaggi sono tutti ben delineati anche se Asha è quello più affascinante rispetto a Re Magnifico. La morale del film è che nessuno può scegliere per noi quali sogni siano da realizzare e quali no, anche quando prova a proteggerci da una possibile delusione, pensando che la paura di non realizzarli possa trasformarsi in una profonda angoscia.Wish, il nuovo film Disney in uscita il 21 dicembre, ci insegna tutto questo, con una storia semplice che va oltre la mera fantasia, riuscendo a render concreto tutto ciò che sembra impossibile.
Mostra altri Articoli di questo autore
info@freetopnews.it
I COMMENTI RELATIVI ALL'ARTICOLO
Invia un commento alla Redazione
Email
Nome e Cognome
Messaggio
Gentile lettore, prima di inviare il Suo messaggio:

compilare il codice di sicurezza sottostante copiando l'immagine raffigurata;

CAPTCHA 
cambia codice

inserisci codice



Per pubblicare, in fondo all'articolo, il suo commento selezionare il pulsante sottostante.

Pubblicazione
  Si    solo nome
  Si    nome e cognome
  No


Grazie della collaborazione.

© 2014 - ftNews è una testata di libera informazione.
© 2014 - FreeTopNews è una testata di libera informazione senza fini di lucro e conseguentemente le collaborazioni sono fornite assolutamente a titolo gratuito.
Se vuoi collaborare con la redazione e rendere sempre più ricchi i contenuti e accrescere la qualità del servizio offerto, inviaci articoli, segnalazioni e note per la eventuale pubblicazione. (Continua)

Iscrizione presso Registro della Stampa del Tribunale di Ancona , n. 17/2014 del 16/12/2014.