Redazione     Informativa     Link  

Marcello Cabriolu, la Sardegna e il Mediterraneo Occidentale

lunedì, 17 febbraio 2020 21:27

condividi su facebook
L'antropomorfo di Alghero (realizzazione grafica di Durdica Bacciu)
Francesca Bianchi
FtNews ha intervistato Marcello Cabriolu, tecnico archeologo presso il Museo Civitanense - San Simplicio di Olbia, che nel 2013 ha pubblicato il libro La Sardegna e il Mediterraneo Occidentale. Popoli e culture affini sin dal Paleolitico. In questo studio Cabriolu ha cercato di correlare gli spostamenti umani e i dati genetici forniti dagli specialisti con le manifestazioni culturali individuabili archeologicamente nei contesti frequentati, basandosi su indagini genetiche universitarie nell’Europa e nel Mediterraneo Occidentale. Lo studioso si è soffermato sugli aspetti fondamentali della storia genetica dei Sardi e sulla provenienza delle prime popolazioni che hanno abitato la Sardegna. Ha affrontato anche il tema dell'arte dei popoli preistorici, concentrandosi sulle incisioni ramiformi della Grotta Verde di Alghero, che, grazie al database Europreart.net, ha potuto confrontare con l’arte rupestre nella penisola italiana e con l’arte figurativa dell’Europa centrale, giungendo alla conclusione che la trasmissione dell'arte figurativa è stata la diretta conseguenza delle migrazioni delle genti.
Nel corso della nostra conversazione ha parlato anche del libro Il popolo Shardana. La civiltà, la cultura, le conquiste, pubblicato nel 2010. Ha ripercorso per noi le origini e l’evoluzione del popolo sardo e discusso dell’ambiente sociale, economico e culturale della Sardegna di età protostorica e dei monumenti più significativi prodotti dai Nuragici, prendendo in considerazione anche l'argomento relativo alla loro funzione. Ha parlato, infine, di un progetto di ricerca a cui sta lavorando con l'Associazione ArcheOlbia, che dal 2009 porta avanti tantissimi progetti di promozione, formazione e progettazione di attività legate alla valorizzazione dei beni culturali.

Dott. Cabriolu, nel 2013 ha pubblicato il libro La Sardegna e il Mediterraneo Occidentale. Popoli e culture affini sin dal Paleolitico. Come è nato questo lavoro? Quali sono i popoli e le culture a cui ci si riferisce nel sottotitolo?
La pubblicazione è nata conseguentemente alla mia creazione di un database sotto la revisione scientifica, e la collaborazione, di diversi studiosi universitari italiani, spagnoli, finlandesi e bulgari. In merito al sottotitolo, quando mi riferisco a popoli, indico “famiglie genetiche” responsabili di aver creato delle culture nel Mediterraneo Occidentale durante il Paleolitico Superiore.

Nel testo in questione lei tenta di sviluppare una ricerca sulla genetica dei popoli preistorici. Su quali fonti si è basato? A quali risultati è giunto? In questo studio non ho cercato di sviluppare una ricerca genetica, anche perché non ne ho le competenze, non essendo un genetista, ma ho cercato di correlare gli spostamenti umani e conseguentemente i dati genetici forniti dagli specialisti con le manifestazioni culturali individuabili archeologicamente nei contesti frequentati. Le fonti di tutto ciò sono state chiaramente le indagini genetiche svolte a livello universitario nell’Europa e nel Mediterraneo Occidentale, l’individuazione di “fossili guida”, la sostituzione faunistica, l’analisi ambientale e la crescita della vegetazione e infine le reti di distribuzione dei beni di consumo. Tutti questi elementi hanno mostrato che probabilmente, a cavallo dei periodi più freddi, gli animali e conseguentemente gli esseri umani si sono concentrati negli ambienti più favorevoli alla loro sopravvivenza e in seguito, quando le condizioni climatiche sono andate migliorando, si sono ridistribuiti su gran parte dell’odierna Europa.

Quali sono gli aspetti fondamentali della storia genetica dei Sardi? Da dove provenivano le prime popolazioni che hanno abitato la Sardegna?
Quando si approccia la genetica, ci si rende conto che l’essere umano eredita delle caratteristiche dalla propria madre e altrettante dal proprio padre. Forse per uno scherzo del destino o per predisposizione naturale, gli abitanti della Sardegna e della Corsica, insieme ad altri popoli del Mediterraneo Occidentale, quali gli abitanti della Penisola iberica, del sud della Francia, del Nord Africa, etc., hanno conservato prevalentemente delle caratteristiche tali ereditate per via matrilineare. Giocoforza le modificazioni dell’ambiente, come ad esempio la desertificazione della Mezzaluna Fertile o del Sahara, hanno spinto i cacciatori raccoglitori e i primi agricoltori a raggiungere il Mediterraneo Occidentale, dove probabilmente la condizione climatica stava favorendo lo sviluppo della macchia mediterranea. Questi personaggi probabilmente hanno lasciato un loro peso considerevole nel patrimonio genetico patrilineare.

Dai dati archeologici in nostro possesso è possibile tentare di ricostruire la cronologia del popolamento della Sardegna dal Paleolitico all'Età del Ferro?
Diversi studi, condotti specialmente sui reperti umani della Sardegna centrale, hanno ampliato la conoscenza con un insieme di analisi genetiche, andando quasi a confermare, almeno per l’Età del Bronzo, la presenza di quelle caratteristiche genetiche trasmesse dalle donne europee e dai maschi medio-orientali del Paleolitico Superiore.
Marcello Cabriolu nella necropoli di Montessu - Villeperuccio (foto di Durdica Bacciu)
Nel secondo capitolo del libro analizza l'arte dei popoli preistorici, soffermandosi sulle incisioni ramiformi della Grotta Verde di Alghero. Di cosa si tratta? Quando sono arrivate in Sardegna queste forme grafiche?
La ricerca iniziale, da cui è partito tutto, ha condotto verso le incisioni distribuite in circa 70 aree archeologiche della Sardegna. Con il secondo capitolo del libro ho voluto prendere le incisioni di uno di questi siti, ovvero la grotta Verde di Alghero e, facendo il lavoro opposto di verifica, appurare la presenza di queste forme nei siti preistorici dell’Europa Occidentale. Ho avuto modo di poter accedere al database denominato Europreart.net, un progetto finanziato dalla Comunità Europea, con la raccolta dei principali siti dell’Europa Occidentale e l’arte rupestre. Grazie alla collaborazioni con un docente dell’Università di Pisa, ho potuto confrontare le incisioni della Grotta Verde con l’arte rupestre nella penisola italiana. Questi dati sono stati poi ulteriormente confrontati con l’arte figurativa dell’Europa centrale, il cui risultato ha suggerito che, dietro lo spostamento delle genti, si è verificata una lenta trasmissione di arte figurativa. Alcune forme mostrano una origine imputabile al Paleolitico Superiore, altre ancora si spingono fino all’età dei metalli.

Le incisioni preistoriche ci testimoniano una grande creatività. Come si possono interpretare i simboli contenuti nelle incisioni? Cosa c'è all'origine di quel tipo di linguaggio e cosa significa ripercorrere a ritroso la storia dell'uomo, riscoprendo ed analizzando questa sua produzione artistica?
Purtroppo l’interpretazione di tali simboli è ancora un argomento difficile da trattare. Per ora si è stabilita una catalogazione, si sta tentando una correlazione con alcuni “corpi scrittori” dell’Europa centrale. Il primo passo sarà riconoscere l’eventuale forma scrittoria sui Balcani ed eventualmente si potrà pensare di attuare una metodologia più precisa, quale ad esempio quella sviluppata sui caratteri minoici, micenei e cipro-minoici, per verificare se ci sono i presupposti per considerare i simboli del Mediterraneo Occidentale come una forma scrittoria arcaica. Indipendentemente da tutto ciò, si è potuto osservare che determinate forme grafiche/artistiche si sono trasmesse di generazione in generazione attraversando migliaia di anni.

Nel 2010 ha pubblicato il libro Il popolo Shardana. La civiltà, la cultura, le conquiste, un saggio in cui ripercorre le origini e l’evoluzione del popolo sardo. Quali teorie ha proposto in questo studio?
Il Popolo Shardana è stato scritto seguendo una linea sociale predisposta da alcuni testi di metodologia e di ricerca e con l’ambizione di delineare i canoni sociali caratteristici della civiltà nuragica. Le testimonianze scritte della civiltà nuragica ammontano a tutt’oggi praticamente a zero, ma si possono cogliere delle sfaccettature antropologiche e sociali attraverso le “letture” di altri popoli che con i nuragici commerciavano e legavano. In questo studio ho proposto le differenze sociali e l’individuazione di figure aristocratiche e militari attraverso la bronzistica; legate a queste ho suggerito la differenza di sepolture, correlando i materiali e le strutture (le tombe dei giganti per le aristocrazie e le necropoli a domus per il resto della popolazione). Ho provato a proporre una base cultuale ponendomi delle domande sugli eventuali retaggi e osservando il dato materiale funerario. Ho proposto un’organizzazione sociale e una militare, sulla base delle figurine armate, considerando un abbigliamento/equipaggiamento specifico. Ho provato a suggerire una forma di antropizzazione in settori del territorio, subordinata alle esigenze vitali, alle gerarchie e ai contesti di approvvigionamento. Nel testo ho provato a proporre, inoltre, la gestione delle coste e l’utilizzo di scali portuali, riferendomi a elementi di navigazione e di atterraggio e presentandone i risultati in un convegno sulla navigazione organizzato dall’Associazione Velica “Vento di Sardegna” e patrocinato dalla Lega Navale Italiana.

Quand'è che i Sardi si consolidarono come un popolo a tutti gli effetti?
Sinora la ricerca archeologica ha dato maggior peso alle ceramiche e ai materiali fittili, costruendo un processo storico unicamente in base alla sequenza cronologica. L’archeologia predicata dai grandi ricercatori si mostra invece globale, multidisciplinare, e solo ultimamente questa filosofia ha portato all’ampliamento, nell’ultimo decennio, degli elementi di interesse tali da caratterizzare una civiltà o permettere di approcciarla in maniera più “rotonda”. Basandosi sul principio della ceramica e facendo perno sull’edilizia abitativa, si era supposto che la civiltà sull’Isola si era consolidata durante la facies culturale di Ozieri, ovvero tra il 3200 e il 2850 a.C. Fortunatamente l’approfondimento e la multidisciplinarità della ricerca hanno messo “sul fuoco” tanti altri elementi tali da confutare questo “quasi pregiudizio” e rimettendo tutto in gioco per un momento più consolidato e certamente carico di sfaccettature.
Marcello Cabriolu nella necropoli di Montessu - Villeperuccio (foto di Durdica Bacciu)
Cosa sappiamo dell’ambiente sociale, economico, culturale e religioso della Sardegna di età protostorica?
Sinora, date le ultime ricerche, si può asserire che la società dell’Età del Bronzo fosse composta da elementi diversi, alcuni di questi specializzati; si sta volgendo a considerare che i nuragici, oltre a operare in diverse marinerie, avessero la propria flotta che faceva da intermediario tra la produzione e i commerci della penisola iberica e le produzioni della penisola italiana, oltre a far giungere i propri prodotti nel Mediterraneo orientale. Per quanto riguarda il campo cultuale e religioso, purtroppo si è ancora lontani, in considerazione degli scavi e dei materiali archeologici, da una precisa e specifica conformazione religiosa e all’attribuzione di una divinità specifica.

Quando nacque e dove si sviluppò la civiltà nuragica? Quali sono i monumenti più significativi prodotti da questa civiltà e qual era la loro funzione?
Difficile individuare un momento preciso, nel tempo, in cui asserire, senza ombra di dubbio, che sia nata la civiltà dei nuraghi. La tecnica edilizia del sovrapporre i grossi macigni a copertura pare consolidata in tutto il Mediterraneo Occidentale almeno dall’Età del Rame (2850 a.C.). Chiaramente, l’elemento simbolo della civiltà in Sardegna è il nuraghe e le regioni più prossime pare abbiano risentito di questa edilizia turrita, adattandola alle proprie conformazioni. La funzione degli edifici nuragici appare variegata, come svariate si mostrano le combinazioni edilizie e i posizionamenti in considerazione della morfologia del territorio. Personalmente ritengo che si possano accostare funzionalmente agli edifici palaziali della Creta del 1600 a.C.

Cosa ci dicono le Tombe dei Giganti e i Pozzi Sacri relativamente alle caratteristiche dell'architettura religiosa preistorica sarda?
La tomba dei giganti sinora ha identificato una struttura tipica dell’Età nuragica, ma ultimamente si è iniziato a differenziare quelle che costituivano l’ultima fase delle tombe a cista dell’Età del Rame da quelle realizzate ex novo tra il 1600 e il 1330 a.C. Alcuni ricercatori dell’Università di Cagliari sono persino giunti a ipotizzare che le tombe dei Giganti fossero mausolei per la classe abbiente e le Domus per individui meno abbienti. Per quanto riguarda i Pozzi sacri, gli spazi fruibili ci mostrano edifici non accessibili a tutti; il ruolo sociale dei fruitori elaborato dagli antropologi doveva essere elevato, pur trattandosi di contesti conviviali (fruizione del vino, condivisione di beni, momenti di incontro non comune).

Con quali civiltà i Nuragici hanno avuto scambi culturali e commerciali? Che ruolo deteneva la Sardegna all'interno della rete commerciale del Mediterraneo?
La popolazione nuragica ha avuto contatti con i Greci e con i Fenici, dimostrati dallo scambio di materiali e dai luoghi di incontro. In seguito si è potuto considerare l’inserimento nelle marinerie principali dell’Età del Bronzo – Età del Ferro e ultimamente si sta rivalutando l’esistenza di una marineria propria che si occupava di fare da tramite tra i prodotti iberici e le produzioni della penisola italiana. Una particolare attenzione merita la presenza di materiali nuragici nell’isola di Cipro e a Creta, motivo per cui gli studiosi stanno valutando la possibilità di un prolungamento commerciale, tramite altri vettori, o eventualmente la presenza dei nuragici stessi.

Lei fa parte dell'Associazione ArcheOlbia Promozione e Valorizzazione dei Beni Culturali. Di cosa si occupa questa associazione? Attualmente sta lavorando a qualche progetto?
L’Associazione ArcheOlbia è nata nel 2009. Nel corso degli anni ha portato avanti tantissimi progetti di promozione, formazione e progettazione di attività culturali legate alla valorizzazione dei beni culturali, con particolare attenzione ai giovani dai 3 ai 16 anni. Attualmente l’Associazione gestisce le visite e lo studio scientifico della Basilica di San Simplicio di Olbia sotto incarico dell’Ufficio Beni Culturali Ecclesiastici della Diocesi di Tempio Ampurias, dove opero come Tecnico Archeologo. Mi occupo di archeologia dell’architettura e con l’Associazione stiamo portando avanti un progetto relativo all’architettura medievale e post medievale nel Nord Est della Sardegna, inerente il Corso di Laurea magistrale, dove l’edilizia della basilica, discussa nella tesi di Laurea presso l’Università di Sassari, costituisce un punto di partenza.
Mostra altri Articoli di questo autore
info@freetopnews.it
- Giorgio Murru: Spiriti e Dèi nella statuaria preistorica della Sardegn - 09/04/2020 13:50:32
- Una Maschera, un Volto, un Paese: il Carnevale in Sardegna - 07/03/2020 07:34:21
- Pe’ terre assaje luntane: al MANN l’emigrazione ischitana in America - 01/03/2020 19:33:00
- Thalassa: a Napoli le meraviglie sommerse dal Mediterraneo - 27/02/2020 23:09:38
- Nel segreto mare delle stelle di Marella Giovannelli - 25/02/2020 18:10:02
- Marcello Cabriolu, la Sardegna e il Mediterraneo Occidentale - 17/02/2020 21:27:55
- Erika Maderna, sulle tracce della medicina delle streghe e delle sant - 27/01/2020 06:48:31
- Federico Fellini: ironico, beffardo e centenario - 14/01/2020 07:56:24
- Pompei e Santorini, l'eternità in un giorno - 04/01/2020 08:29:04
- Andrea Icardi, un anno in Alta Valle Maira - 30/12/2019 14:15:42
- Archeologi italiani riportano alla luce i reperti assiri di Faida - 15/12/2019 09:45:07
- Augusto Mulas: l'orientamento astronomico dei nuraghi - 09/12/2019 19:01:03
- Margherita Massari: Ildegarda di Bingen, Sibilla e Dottore della Chies - 06/12/2019 09:18:37
- Il mito immortale di Cartagine in mostra a Roma - 04/12/2019 00:02:27
- Aquileia 2200. Porta di Roma verso i Balcani e l’Oriente - 29/11/2019 05:28:33
- Michele Porcaro: ASSTEAS - Storia del Vaso più bello del mondo - 19/11/2019 00:26:44
- Silvia Romani: credenze, miti e dei degli antichi - 11/11/2019 13:10:02
- All'Alba Radians di Albano (RM) il Filottete di Sofocle - 06/11/2019 16:36:58
- Mulino della Riviera di Dronero (CN), una storia firmata Cavanna - 29/10/2019 18:50:24
- Galluras, il Museo della Femina Agabbadòra - 22/10/2019 07:00:03
- Ugo Mancini: Sotto la cenere, storie di vita quotidiana durante il ven - 10/10/2019 20:51:11
- Alessandra Derriu: streghe, indovine e curatrici nella Sardegna del '7 - 04/10/2019 07:06:18
- Giuseppe Vito Internicola: Castellammare del Golfo, alle origini di un - 29/09/2019 18:15:59
- Città della Pieve (PG) si prepara ad accogliere Il Nostro Tempo - 25/09/2019 15:20:51
- Uno spazio per le Donne: alla scoperta del mondo femminile sardo e non - 23/09/2019 08:37:50
- Olmedo (SS), storia, tradizioni, folklore - 21/09/2019 09:21:49
- Silvia Giorcelli Bersani: I Romani e le Alpi - 16/09/2019 14:05:54
- Rossella Giglio: Segesta, tra teatro, musica, natura - 08/08/2019 15:56:16
- Enrico Caruso: la rinascita di Selinunte - 01/08/2019 14:29:05
- Lucina Gandolfo: alla scoperta di Monte Iato - 31/07/2019 07:33:07
- Sulle spiagge pontine tornano i Racconti di Sabaudia - 30/07/2019 08:47:45
- Tagliacozzo (AQ): XXXV Festival Internazionale di Mezza Estate - 22/07/2019 14:36:02
- Civiltà del sole: l'archeoastronomia nella Sicilia preistorica - 19/07/2019 07:30:13
- Cristina Muntoni, il potere delle parole nella storia della sacralità - 15/07/2019 18:12:54
- Francesco Bianco, un cammino tra verità nascoste - 13/07/2019 06:58:14
- Filippo Drago, mugnaio siciliano fra tradizione e modernità - 09/07/2019 07:28:20
- Con la KERNOS alla scoperta di Castellammare del Golfo - 02/07/2019 18:17:21
- Per una rinascita di Castelvetrano, città d'arte, storia, cultura - 27/06/2019 18:13:44
- Marinella Fiume: sapienza, virtù e misteri dell'universo simbolico fem - 11/06/2019 19:04:31
- Stefano Pucci: le incisioni rupestri delle Alpi Apuane - 07/06/2019 09:24:59
- Albano (RM), al via la Rassegna del Teatro Antico - 26/05/2019 18:33:37
- Max Dashu: Streghe e pagane, le donne nella cultura popolare europea - 14/05/2019 07:18:46
- Diego Maggio: profumi, aromi e sapori siculo-panteschi - 09/05/2019 08:15:34
- Regius, omaggio allo stupor mundi Federico II di Svevia - 03/05/2019 07:38:01
- Sentiero della Libertà, per tenere viva la Memoria - 01/05/2019 20:05:09
- Caccamo (PA), borgo di storia, arte, cultura - 28/04/2019 06:50:10
- C'era una volta Iato: omaggio dei ragazzi all'antica Iato - 23/04/2019 22:40:32
- U Pani ri Murriali: il pane genuino di una volta - 16/04/2019 17:20:40
- Recanati (MC): L'Infinito di Leopardi compie 200 anni - 13/04/2019 16:51:43
- A Camo (CN) torna PrimaVeraRegia - 11/04/2019 17:17:36
- Ivano Dionigi: Lucrezio, Seneca e noi - 04/04/2019 23:33:23
- Luca Mancini: Il caso dell'Ungheria di Horthy - 09/04/2019 19:14:05
- Il Foscolo di Albano (RM) trionfa al Festival Thauma - 30/03/2019 20:22:23
- Sotto il segno dei pesci: Camaiani celebra la Grecia - 28/03/2019 17:13:29
- Guido Cossard, viaggio nel mondo dell'Archeoastronomia - 25/03/2019 10:47:16
- Rosanna Oliva de Conciliis, una vita per la Parità - 17/03/2019 08:14:51
- Donna o Dea: le raffigurazioni femminili in Sardegna tra passato e pre - 02/03/2019 20:50:25
- Giorgio Ieranò: l'arcano fascino delle isole dell'Egeo - 25/02/2019 09:19:48
- Dea e Femminismo alla Roma Goddess Conference - 21/02/2019 09:10:27
- Elena Ianni: le feste e i falò del Messico - 17/02/2019 19:18:44
- Roma: l'olio d'oliva al Premio Filo della Torre - 15/02/2019 17:02:24
- I giovani attori del Foscolo alla Giornata del Greco - 06/02/2019 17:24:33
- La Penisola del Sinis (OR) tra storia, archeologia e natura - 29/01/2019 17:38:31
- King Camp Gillette: Il Turbine Umano - 19/01/2019 11:59:30
- Barumini (VS), archeologia, storia, cultura nel cuore della Sardegna - 14/01/2019 10:46:56
- Morena Luciani Russo: la ricerca della Dea e lo sciamanesimo - 09/01/2019 06:28:02
- Maurizio Bettini: Il Presepio, storia di un simbolo - 21/12/2018 08:22:38
- Venezia: Idoli, il potere dell'immagine - 12/12/2018 18:57:46
- Simona Modeo, Dioniso in Sicilia - 06/12/2018 17:48:35
- Violette Sauvage a Palazzo Colonna (RM) - 03/12/2018 07:01:13
- Pomezia (RM): Premio Donna d'Autore 2018 - 30/11/2018 06:37:50
- Massimo Blasi, l'incredibile storia degli imperatori romani - 28/11/2018 10:26:59
- Fabio Isman: 1938, l'Italia razzista - 25/11/2018 07:30:10
- Sacrum, lo Stabat Mater di Rossini all'Aracoeli di Roma - 22/11/2018 16:42:46
- Oriana Dal Bosco: il misterioso fascino del Nord Africa - 20/11/2018 17:17:03
- Natale inCHIOSTRO a Monastero di Dronero (CN) - 17/11/2018 07:53:51
- All'Alba Radians di Albano (RM): l'Ecuba di Euripide - 15/11/2018 16:59:16
- Autunno d'Autore a Ruralia, Conosci tu il paese dove... - 13/11/2018 18:40:36
- Marella Giovannelli, una vita tra giornalismo, fotografia e poesia - 09/11/2018 10:04:37
- Daniela Dao Ormena: Le radici chiamano, dolci melodie della Valle Mair - 30/10/2018 13:32:22
- Gli antichi pani di Sardegna protagonisti a Buddusò - 17/10/2018 14:23:34
- Torna a Lanuvio (RM) l'antico rituale della Maza - 04/10/2018 20:39:44
- Nonna Tommy, raccontaci ancora... - 02/10/2018 07:16:37
- A Buddusò (SS) torna Artes in Carrera - 30/09/2018 06:56:22
- Al Museo Africano di Verona la danza degli spiriti - 27/09/2018 00:12:36
- A. Cossard: Archeoastronomy, la prima app di archeoastronomia - 24/09/2018 09:21:18
- Firenze, Viaggio nell'altro e nell'altrove in ricordo di Paolo Grazios - 19/09/2018 08:31:44
- Lanuvio (RM): Buon compleanno, Antonino Pio! - 10/09/2018 06:04:22
- Raffaella De Sanctis, tra scuola e ricerca - 04/09/2018 17:45:49
- Màn. Vietnam Street Heroines in mostra al MAO (TO) - 26/08/2018 10:25:13
- Alessandra Comneno, una vita a contatto con la saggezza dei Nativi - 12/08/2018 19:38:51
- MAO (TO), ORIENTI. 7000 anni di arte asiatica dal Museo delle Civiltà - 07/08/2018 06:17:08
- Senorbì (CA), al MADN La Dea di Turriga, il mistero di un’icona senza - 01/08/2018 07:38:49
- Silvia Tenderini, una vita tra viaggi, ricerche e scrittura - 24/07/2018 19:40:34
- A Villa Giulia (Roma) la Scuola di Archeoastronomia 2018 - 19/07/2018 06:39:50
- Gabriella Mosso, I miei, i tuoi, i nostri - 17/07/2018 05:54:30
- Tagliacozzo (AQ), Festival Internazionale di Mezza Estate - 12/07/2018 06:39:05
- Franco Campus, Nuragici - un Territorio, un'Isola, il Mediterraneo - 09/07/2018 22:21:30
- Carmagnola (TO): Donne e Madonne nell’Arte dal XV secolo ad oggi - 04/07/2018 21:53:04
- Per una rinascita socio-culturale dei borghi della Valle dell'Amaseno - 25/06/2018 07:25:04
- Capalbio (GR), vacanza-laboratorio di Spiritualità Femminile con Devan - 22/06/2018 20:30:12
- Nicola Castangia, Ercole Contu e la scoperta della Tomba dei Vasi Tetr - 18/06/2018 06:44:49
- Castelfidardo (AN): gli studenti del Meucci per la valorizzazione del - 10/06/2018 17:30:57
- Papa Wojtyla in Comelico e in Cadore: il ricordo e l'emozione 30 anni - 27/05/2018 16:40:51
- Scrittori alla scoperta del mondo, una mostra sulla letteratura di via - 22/05/2018 06:00:18
- In viaggio tra le pagine di Elena Dak - 18/05/2018 09:31:20
- Convegno Internazionale contro Terrorismo, radicalizzazione e violenza - 08/05/2018 06:02:05
- Olimpia Biasi, la Viriditas di Ildegarda in mostra all'Hortu - 25/04/2018 15:09:19
- Con Marco Grippa alla scoperta del fascino segreto di Tagikistan e Kir - 18/04/2018 18:40:04
- Da Maenza a Fossanova sulle orme di San Tommaso d'Aquino - 13/04/2018 13:59:02
- Pierluigi Montalbano: l'alba della civiltà sarda - 10/04/2018 14:08:20
- Donne, Madri, Dee: la rappresentazione del femminile in mostra a Udine - 07/04/2018 07:14:26
- In mostra a Milano gli scavi di Achille Vogliano nel Fayum - 28/03/2018 18:52:37
- Sulle tracce della Dea: Viaggio nel Grembo della Storia - 17/03/2018 16:44:27
- Nadia Tarantini: Quando nascesti tu, stella lucente - 05/03/2018 21:14:35
- L'epopea dei Longobardi in mostra al MANN - 26/02/2018 10:45:11
- Verso il contratto di fiume dell'Amaseno - 22/02/2018 11:55:38
- Inside, la nuova collezione di Vittorio Camaiani - 11/02/2018 22:27:58
- Alla scoperta del matriarcato di Bali con Bruna Rotunno - 04/02/2018 13:48:05
- Giornata della Memoria, per non dimenticare - 25/01/2018 18:06:41
- Viaggio nei segreti della bellezza del corpo femminile - 21/01/2018 21:30:48
- Ildegarda di Bingen, maestra di sapienza nel suo tempo e oggi - 10/01/2018 22:22:54
- Selene Calloni: l'arte della ribellione zen per vincere la paura - 05/01/2018 22:57:08
- MANN: grande successo per la mostra sull'America precolombiana - 28/12/2017 14:29:51
- 2018 per Katike: i calendari di ...non lasciamoli soli - 19/12/2017 22:15:21
- Maenza: La rete dei cammini della Valle dell’Amaseno - 12/12/2017 22:31:25
- Al Convivium di Fiuggi i Pensieri sparsi di Daniela Gariglio - 07/12/2017 08:47:07
- Napoli: Il Natale dei 100 Alberi d’Autore - 03/12/2017 09:41:27
- Le donne dei Longobardi: urban-trekking con Michela Zucca - 28/11/2017 13:46:59
- San Martino di Stroppo: piccolo gioiello delle Valli Cuneesi - 24/11/2017 06:54:30
- Signa del Alma: per dire No alla violenza sulle donne - 19/11/2017 08:32:53
- Il nuovo romanzo di Maristella Lippolis: Raccontami tu - 07/11/2017 16:56:46
- Mama Africa: la maternità nell'arte africana - 03/11/2017 11:20:04
- Violette Sauvage: il vintage chic a Palazzo Colonna - 28/10/2017 11:28:12
- Il patrimonio archeologico del Lazio alla BMTA di Paestum - 26/10/2017 15:31:12
- Templari. Dal ducato di Puglia e Calabria, all’Italia del III Millenni - 22/10/2017 17:10:52
- Archeologia ferita: Volti di Palmira ad Aquileia - 11/10/2017 08:02:26
- Giancarlo Sani: alla scoperta delle incisioni rupestri toscane - 03/10/2017 13:36:14
- ... non lasciamoli soli: il progetto per il Nepal di Ilario Sedrani - 26/09/2017 08:24:26
- Giuliana Borghesani: La Maledizione della Liberta - 22/09/2017 14:28:02
- L'uomo, il Cancro del Pianeta - 04/09/2017 20:15:53
- Le caverne delle donne: la grotta di San Colombano - 25/08/2017 17:49:53
- Le figlie sono come le Madri: Donne lungo la Via della Seta - 30/08/2017 12:56:24
- Nemi: tornano i Nemoralia in onore della Dea Diana - 08/08/2017 17:21:44
- Donne e medicina: quale futuro per la medicina di genere? - 05/08/2017 08:48:58
- Arkeotrekking in Trentino: Sui sentieri delle Madri Antiche II - 31/07/2017 08:27:43
- Piero Verni: Tulku, viaggio nel cuore mistico della civiltà tibetana - 25/07/2017 07:11:56
- Ugo Mancini: ragioni e vicende degli antifascisti a Roma e nei Castell - 07/07/2017 18:23:52
- Festival di Tagliacozzo: conferenza stampa di presentazione a Palazzo - 05/07/2017 06:55:48
- Cuneo: Il lato nascosto delle Alpi - 04/07/2017 06:11:40
- Come con gli occhi dei bambini di Terezin - 28/06/2017 21:43:19
- Baby Giulia, storia di un'adolescenza rubata - 18/06/2017 13:18:11
- Francesca D'Amico: le donne nella tradizione contadina abruzzese - 11/06/2017 16:01:53
- Tutela e valorizzazione del patrimonio rurale nel Lazio - 07/06/2017 18:43:20
- Fiume che cammina. Transumanza dall’Adriatico al Lagorai - 03/06/2017 08:02:51
- Roma: VI raduno dei Linfoamici - 01/06/2017 14:32:42
- Atlantide, dal mito alla storia: intervista ad Alessandra Murgia - 20/05/2017 08:13:47
- Ignazio Didu: I Greci e la Sardegna. Il mito e la storia - 12/05/2017 09:18:37
- Sacra Nemora: la cultura del sacro in mostra a Lanuvio - 07/05/2017 23:09:38
- Pizzo d’Irlanda, merletto e ricamo protagonisti sul lago Trasimeno - 02/05/2017 07:59:39
- Arkeotrekking in Trexenta: Le Antiche Madri dei Monti e del Mare - 25/04/2017 19:47:13
- Le donne e il sapere medico-erboristico: un binomio da riscoprire - 07/04/2017 21:29:15
- Linfoamici a Venezia - 30/03/2017 18:13:31
- Com'è giusto che sia: il nuovo thriller di Marina Di Guardo - 29/03/2017 10:34:04
- Herbarie: le chiamavano Streghe - 24/03/2017 21:01:03
- Devana: il risveglio della spiritualità nativa dell'Antica Europa - 17/03/2017 18:33:42
- Andrea Loddo: l'archeologia sperimentale per comprendere le ancestrali - 11/02/2017 20:01:00
- Alla scoperta dell'origine genetica dei Sardi con il prof. Francala - 03/02/2017 08:01:01
- Diego Manzi: viaggio nel cuore della tradizione indiana - 28/01/2017 10:24:25
- Barbara Bonomi Romagnoli: storie di insette felici - 25/01/2017 23:15:02
- Alberto Pattini: Poesia del Trentino. La melodia della Grande Madre - 19/01/2017 21:24:29
- Rinascere dalle distruzioni. Ebla, Nimrud, Palmira - 12/01/2017 21:25:10
- Nori Corbucci: Marta Marzotto, una vita da ricordare - 05/01/2017 00:02:59
- La Sardegna antica nel cuore del Mediterraneo - 30/12/2016 01:04:16
- Sardegna nuragica e falso mistero della lingua etrusca con il linguist - 03/01/2017 07:32:46
- La Stirpe del Sole: una Medea inedita nell'ultimo romanzo di Giuliana - 23/12/2016 14:12:50
- Al Castello di Scilla i Popoli del Mare di Oreste Kessel Pace - 16/12/2016 12:53:26
- SACRUM: concerto dedicato a Papa Francesco all'Aracoeli - 08/12/2016 10:18:48
- Paola Biato: Viaggio nel mondo della Psicofiaba - 04/12/2016 19:28:59
- Il viaggio. Alchimie e Passioni: a Venezia la personale di Irene Manen - 29/11/2016 08:13:34
- Il Natale dei 100 alberi d’autore - 28/11/2016 20:22:54
- Carlo Buldrini: Pellegrinaggio buddhista - 16/11/2016 08:32:43
- A Spazio Mater l'arte digitale di Michele Grimaldi - 13/11/2016 19:50:50
- Gigantes de Perdas: alla scoperta dei nuraghi sardi - 04/11/2016 07:54:20
- Ivo Nardi: Riflessioni sul senso della vita - 24/10/2016 08:27:11
- Fabrizio Manzetti: Nascosti davanti a tutti - 18/10/2016 00:13:25
- Bambine e bambini: divino gioco di pace nel mondo - 28/10/2016 08:24:38
- La Danza degli Archetipi: alle radici del linguaggio simbolico - 13/10/2016 22:41:28
- Alla scoperta dei Fiori di Bach con Gerardo Chirò - 09/10/2016 08:44:23
- Sardegna: curiosità, aneddoti e misteri sardi con Gianmichele Lisai - 04/10/2016 06:59:28
- Roma per Amatrice: Concerto di Beneficenza - 25/09/2016 15:45:16
- Sulle tracce dell' archeologia dell'evanescente con Paola Di Si - 22/09/2016 15:21:18
- Sebastiano Brocchi: alchimia, esoterismo, simbologia sacra e mistero - 18/09/2016 08:55:07
- Milano: appuntamento per il World Lymphoma Awareness Day - 13/09/2016 07:41:13
- Sulla via degli sciamani del Sudamerica con Stefano Lioni - 29/08/2016 08:00:22
- Sulle orme dei Moso con l'antropologa Francesca Rosati Freeman - 16/08/2016 07:13:59
- Sui sentieri dei luoghi di culto della Grande Dea con Luisella Veroli - 11/08/2016 08:48:06
- Un Altro Mondo per i Diritti della Pachamama - 27/07/2016 07:32:44
- Alessandra Di Gesù: viaggio nelle Tradizioni Misteriche del Mediterran - 05/07/2016 08:00:50
- Abbracci gratis contro il linfoma: a Roma il V raduno dei Linfoami - 31/05/2016 23:23:59
- Out of Tibet: il foto-racconto della diaspora tibetana sbarca a Roma - 23/05/2016 00:04:09
- Il Canto delle Sirene in mostra a Bologna - 22/05/2016 10:02:01
- La cultura dei Moso arriva al Ramadù di Cisterna - 16/04/2016 21:08:59
- Donne e scienza: un binomio per troppo tempo ignorato - 24/03/2016 07:51:18
- Suffragette 2.0: approda al Peano di Roma - 14/03/2016 22:06:13
- Palazzo Visconti: Alta Moda della Sartoria Angela - 09/03/2016 08:47:43
- Il respiro profondo di una Nuova Era - 04/03/2016 14:17:21
- Festa grande per i 35 anni di attività di Erno Rossi - 01/03/2016 14:29:34
- I Sentieri della Terra: come restituire vita e dignità alla Mad - 20/02/2016 09:06:03
- Le remote origini del tatuaggio con l'antropologa Michela Zucca - 23/01/2016 09:46:08
- Mantra Madre e Il profumo della luna: libri per il risveglio dell'anim - 24/12/2015 10:37:15
- Roma: il Rito del Grembo - 12/12/2015 00:42:29
- Alla scoperta delle vere origini di Halloween con Monica - 31/10/2015 20:24:53
I COMMENTI RELATIVI ALL'ARTICOLO
Invia un commento alla Redazione
Email
Nome e Cognome
Messaggio
Gentile lettore, prima di inviare il Suo messaggio:

compilare il codice di sicurezza sottostante copiando l'immagine raffigurata;

CAPTCHA 
cambia codice

inserisci codice



Per pubblicare, in fondo all'articolo, il suo commento selezionare il pulsante sottostante.

Pubblicazione
  Si    solo nome
  Si    nome e cognome
  No


Grazie della collaborazione.

© 2014 - ftNews è una testata di libera informazione.