Redazione     Informativa     Link  

Susanna Garavaglia: il risveglio della coscienza interiore

mercoledì, 29 aprile 2020 05:09

condividi su facebook
Susanna Garavaglia
Francesca Bianchi
FtNews ha intervistato Susanna Garavaglia, naturopata e counselor che da anni promuove e sostiene una visione olistica della vita. Autrice di molti libri di successo dedicati alla ricerca nel campo dell'evoluzione interiore, Susanna ha ripercorso per i nostri lettori le tappe più significative del suo percorso umano e professionale. Tanti gli argomenti affrontati nel corso della nostra lunga e coinvolgente chiacchierata: dalla Scrittura dell'Anima al Teatro Evolutivo, dalla Psicodinamica Mentale al Rilassamento, dalla Naturopatia all'Olosomatica, intendendo con quest'ultima un aiuto a districarci attraverso la foresta di simboli che ci vengono incontro in questo momento di trasformazione individuale e planetaria e che spesso si presentano sotto forma di squilibri sui vari piani della nostra multidimensionalità.
La Garavaglia spiega che tutti i nostri disagi hanno origine da uno squilibrio energetico ed esorta ad ascoltare e ad accogliere i segnali che il nostro corpo manda al nostro Sé per avvisare che qualcosa nella nostra vita non sta andando come dovrebbe. Da qui l'esortazione a non sentirci vittime dei nostri malesseri, ma a riconoscerli come alleati preziosi per la nostra evoluzione interiore. La scrittrice fornisce anche alcuni consigli circa le misure da adottare se si vuole intervenire sul corpo per lavorare sulle emozioni e riconquistare, così, la guarigione, intesa come il raggiungimento di una nuova tappa di crescita.
Un decennio fa Susanna e suo marito Bruno Sebastiani hanno deciso di lasciare Milano per trasferirsi a Calice Ligure (SV), ai margini di un bosco dove hanno aperto il B&B "Joie de Vivre". In questo luogo immerso nel verde hanno trovato un'intima connessione alla Madre Terra che ha consentito loro di sottrarsi dai ritmi forsennati della società moderna: lì accolgono ospiti e amici, si dedicano alla cura dell'orto e contemplano la bellezza dei cambiamenti della Natura nel passaggio da una stagione all'altra.
Nelle parole di questa "trainer" dell'anima - così ama definirsi - l'invito ad affrontare con coraggio tutte le nostre paure, imparando a vivere da protagonisti il momento di profonda trasformazione che stiamo vivendo, per riemergere con una coscienza rinnovata e capace di accogliere il cambiamento.

Susanna, lei è naturopata e counselor; ama definirsi una "trainer" dell'anima: ferma sostenitrice di una visione olistica della vita, si dedica da anni alla ricerca nel campo dell'evoluzione interiore. Ci racconti qualcosa del suo percorso umano e professionale...
Credo che la mia visione olistica della vita sia nata dalla moltitudine di esperienze che ho avuto in campo professionale e umano, mai avulsi l'uno dall'altro nei miei tanti anni di lavoro e di ricerca. Assaggiando e approfondendo una moltitudine di aspetti della vita e anche di me stessa, mi sono resa conto che nulla é separato dentro di noi, ma ogni sfumatura che ci vive dentro brilla sempre più intensamente, quando riesce ad armonizzarsi con tutte le altre. Parallelamente ai miei anni universitari, che mi hanno portato ad una laurea in lettere moderne e a una tesi in giornalismo, mi sono diplomata prima Animatore e poi Critico teatrale alla Civica Scuola d'Arte Drammatica del Piccolo Teatro di Milano. E negli stessi anni, non ancora laureata, ho iniziato a insegnare italiano alle medie e al liceo, per caso e senza nessuna particolare intenzione. Ma questo binomio, scuola di teatro e insegnamento, mi ha portato a scoprire due filoni che negli anni ho sviluppato sempre di più. Insegnavo italiano, a scuola di teatro mi insegnavano il Rilassamento, punto di partenza per il lavoro dell'attore su se stesso. E io ho messo subito insieme questi due ingredienti, insegnando a scrivere in uno stato di rilassamento sempre più profondo. Da qui é nata la mia Scrittura dell'Anima. L'altro filone é stato l'approfondimento del lavoro dell'attore fatto con i miei allievi a scuola, dando vita a una Scuola di teatro per ragazzi e, successivamente, ai miei gruppi di Teatro Evolutivo, quando ancora in Italia non si parlava come oggi di Teatroterapia. La mia tesi in Giornalismo e la formazione di Critica Teatrale mi hanno fatto approdare molto presto alla mia prima collaborazione con un giornale, il settimanale Alba, dove ho subito avuto un mio spazio come Critica Teatrale, dando vita a quel filone parallelo che é andato avanti negli anni, con la collaborazione con settimanali nazionali (Gioia, D-Donna di Repubblica, Duepiù) e di settore (Alfa Dimensione Vita, Psicodinamica e altri). Un'altra sfumatura si é sviluppata quando ho iniziato a tener seminari di Psicodinamica Mentale all'Ispa di Milano, approfondendo la meditazione e i miei studi iniziali di Rilassamento legati al lavoro dell'attore su se stesso. Ai seminari di psicodinamica ho poi via via affiancato quelli di Scrittura dell'Anima, Teatro Evolutivo, Comunicazione Non Verbale e molti altri che ancora sto portando in giro. Contemporaneamente, per curare delle crisi di panico che sui trent'anni, un marito e due figli, sembravano volermi sconvolgere la vita, ho iniziato a curarmi con la Floriterapia, che presto mi ha conquistata, portandomi ad approfondirla e a diventare Floriterapeuta. Ma a questo punto si inserisce un nuovo filone, una nuova sfumatura, quando mi rendo conto che avendo fatto il Liceo Classico e studiato Lettere, la mia era una formazione umanistica e mancavo della parte più “scientifica”. Come Floriterapeuta avevo contatto con la persona nella sua globalità, però mi mancava la conoscenza di una parte più fisica. E' stato così che mi sono iscritta a una Scuola di Naturopatia, la SIMO, studiando per quattro anni materie che mi erano aliene, quali l'anatomia, la chimica, la Medicina Cinese e diventando Naturopata. In seguito ho preso anche il diploma di Counselor e ho insegnato in una scuola di Counseling che nel frattempo avevo fondato insieme a Dede Riva. Nel frattempo ho lasciato Milano e mi sono trasferita in un bosco e ho ricominciato a scrivere per dei giornali on line.

Nel corso degli anni ha pubblicato molti libri di successo, tra cui La Scrittura dell'Anima, Diario di Psicosomatica, L'anima del Successo, 365 Pensieri per l'Anima, Senza radici dove voli?, Stavolta sarò Femmina. Qual è il filo conduttore dei suoi libri? Quando è nata in lei la passione per la scrittura?
Ho sempre amato scrivere. Ripensando al mio passato e al mio presente, ho notato che in me amore e scrittura sono indissolubilmente legati. Più amo e più scrivo; più scrivo e più amo. Come se la scrittura fosse per me una chiave per aprirmi alla comprensione di tutto quello che amo: degli altri, delle situazioni che vivo, delle sfumature, appunto, e di me stessa. Proprio, appunto, perché mi voglio bene o, almeno, cerco di farlo. Il filo conduttore di ogni libro é la luce che c'é dentro ogni essere umano e la possibilità che ciascuno di noi ha di risvegliarla, ricominciando a vivere in sintonia con la sua parte interiore profonda e non soltanto seguendo i capricci della Personalità.

Alla "Scrittura dell'Anima" spesso dedica seminari e laboratori. Cos'è e quali obiettivi si pone la "Scrittura dell'Anima"?
Si tratta di una modalità di lavoro su noi stessi fatta attraverso la scrittura, per lo più con carta e penna, a mano. Ma per capire come funziona partiamo dall'immaginare che convivano due aspetti che possiamo chiamare il Creativo e il Controllore.
Al di sotto della soglia della nostra coscienza, la dogana tra il conscio e l'inconscio, giacciono le nostre aspettative, i desideri, le intuizioni di cui ancora non siamo coscienti, pronte a venire alla luce non appena stimolate da qualcosa. Il creativo ne è, appunto, l'autore, lo stimolatore. Se definiamo questo materiale già pronto, ma ancora inesplorato come A1, diciamo che il Creativo, se agisse indisturbato, potrebbe portarlo alla luce nella sua integrità, rendendoci quindi consapevoli dei nostri primi pensieri, quelli tanto carichi di energia perché ancora originali, integri. Invece interviene il Controllore, che agisce su questo materiale spesso ancora prima che valichi la dogana, facendolo emergere alla coscienza già trasformato in A2. Pensieri di seconda mano, dunque. A questo punto, spesso ci sentiamo in dovere di adattare questi pensieri, già mutati, per accettarli o per farli accettare, e poi magari, lungo il tragitto della comunicazione li mutiamo ulteriormente, per renderli più gradevoli, più educati, più digeribili. O magari solo per le maschere che indossiamo con estrema facilità. Ci sono situazioni, dunque, in cui noi viviamo di pensieri di terza, quarta, quinta mano ed oltre.
Con la Scrittura dell'Anima andiamo a catturare i nostri Primi Pensieri, portandoli alla luce così come sono. Le nostre zone d'ombra possono divenire, se elaborate, meravigliose opportunità di crescita. Quando scopriremo, quindi, anche attraverso la Scrittura dell'Anima, che i due personaggi, se ben elaborati e utilizzati, non sono in opposizione, ma sono divenuti complementari, allora avremo messo un tassello in più sulla strada dell'armonizzazione degli aspetti che compongono la nostra personalità. Il Controllore, riconosciuto come coscienza critica, non sarà più l'estraneo che censura e soffoca, ma l'amico che orienta. Ed è molto diverso. Diventa la nostra capacità di riconoscere, accettare e orientare i nostri bisogni, le nostre intuizioni così cariche di energia, perché provengono direttamente dal nostro Sé. La scissione tra Creativo e Controllore viene quindi sanata grazie a questa trasformazione: non sono più due elementi in lotta tra di loro, in opposizione, ma diventano complementari, ambedue importanti perché in armonia. E tutta la nostra parte creativa diviene così più libera di esprimersi, di crescere e di trasformarsi, seguendo un cammino di crescita.
Susanna Garavaglia e Laura Gessner in "Le Note dell'Anima"
Alla Psicosomatica ha dedicato il libro Diario di Psicosomatica. Di cosa si occupa esattamente questa disciplina?
Con questo libro edito da Tecniche Nuove ho dato vita a quella che ho chiamato Olosomatica; uso il termine Psicosomatica soltanto nel titolo, per motivi editoriali. Ho coniato invece il termine Olosomatica, per celebrare quella multidimensionalità che non può omettere la nostra parte spirituale, parte integrante di questo nostro "Olos", vale a dire Tutto, che ciascuno di noi è. Olosomatica, quindi, come aiuto a districarci attraverso la foresta di simboli, come scrivo nella Prefazione, che ci vengono incontro in questo momento di trasformazione individuale e planetaria e che spesso si presentano sotto forma di squilibri sui vari piani della nostra multidimensionalità. Ogni apparato parla il suo specifico linguaggio ed è in diretto contatto con la nostra coscienza che, trasformando la nostra consapevolezza ed agendo sulle nostre scelte di vita, è pronta a guidarci sulla scia del nostro Piano di Volo. Le Mappe Olosomatiche ci aiutano ad entrare in questo linguaggio e ad interloquire attraverso i Simboli e gli Archetipi che lavorano ai livelli interiori profondi e che non hanno necessariamente bisogno di essere compresi razionalmente. Comprendendo come ogni patologia rappresenti ai nostri occhi, ma soprattutto al nostro cuore, quell’impedimento che sta frenando la via alla nostra evoluzione, la possiamo presto trasformare in occasione di crescita e di riarmonizzazione della nostra unità di coscienza, verso il riconoscimento del nostro compito di vita e il ricordo della nostra vera natura. La differenza con la Psicosomatica sta nella prospettiva, perché alla Olosomatica non importa sapere perché, a causa di cosa abbiamo un determinato sintomo, ma per quale fine, e una corretta lettura dei sintomi nei nostri organi ci aiuta a comprendere qual é il pezzetto di strada che il nostro spirito é pronto ad affrontare in questo particolare momento della nostra vita.

Dove possiamo rintracciare l'origine di tutti i nostri disagi fisici ed emozionali? Quali sono i primi organi a risentire e a subire i contraccolpi di un malessere di natura psicologica?
Siamo esseri multidimensionali e tutto quello che avviene a livello del corpo fisico agisce simultaneamente anche sugli altri livelli, energetico, emozionale, mentale e spirituale. Non siamo solo il nostro corpo fisico; se ci identificassimo unicamente con quello dove metteremmo le emozioni, la paura e l’aspettativa del dolore o della crisi, la vergogna, l’insicurezza, l’angoscia? Ma se fossimo solo le nostre emozioni, dove metteremmo i nostri pensieri, convinzioni, le programmazioni mentali? Se provassimo a paragonarci ad un’automobile, potremmo dire che la carrozzeria equivale al corpo fisico, il motore al cervello e i freni e la frizione alla mente. L’Io di ciascuno di noi, quello che ci rende unici, é quindi il conducente dell’automobile, colui che decide dove condurre il suo veicolo, in quale strada, in quali condizioni, a quale velocità, verso quale meta. Ma quando spargiamo frammenti della nostra coscienza lungo la linea spazio temporale, dimentichiamo di essere il conducente, scivoliamo, senza nemmeno accorgercene, nel sedile posteriore della nostra automobile e additiamo gli altri, il mondo e Dio, dando loro la colpa di ogni nostro disagio. Dimentichiamo chi siamo, da dove veniamo e dove vogliamo andare. Diventiamo inquilini di noi stessi, conducendo una vita in affitto, limitando la nostra libertà di azione all’interno della nostra stessa esistenza. Ci ammaliamo nel corpo, nelle emozioni, nella mente e ci ritroviamo infelici: parte di quello che abbiamo creato nella nostra vita ci diviene estraneo, forse perché lo abbiamo creato da pensieri e da emozioni e desideri che ora non si allineano più con chi siamo. È allora il momento di esprimere la nostra gratitudine per quello che è stato fino ad ora, per tutto quello che abbiamo appreso, e di lasciar andare, per allinearci con le percezioni della realtà in sintonia con quello che ora siamo.

Cos'è il sintomo?
Un sintomo, qualunque esso sia, ci rivela quale sia il sistema che non si sta adattando: dei dolori alla schiena, ad esempio, possono manifestare uno squilibrio energetico a livello renale, uno squilibrio intestinale l'incapacità di adattarsi ad una autorità, rabbia nei confronti di una situazione ingiusta e via dicendo. Noi non siamo una macchina fatta di pezzi montati l'uno accanto all'altro, ma siamo un sistema complesso che non può essere scisso al suo interno né separato dalla evoluzione della nostra esistenza. Ogni sintomo ha sempre un senso da ricercare all'interno della nostra storia, é una strategia adottata per affrontare determinate difficoltà, un adattamento per il nostro prossimo passo, per raggiungere un equilibrio, sempre dinamico, mai statico. Possiamo supporre che ciascuno di noi si incarni nella sua attuale esistenza avendo un piano ben definito, chiaro, consapevole: ci sono nodi da sciogliere, tematiche da affrontare, prove da superare, vocazioni da seguire. E tutto questo è chiaro a livello del Sé. Ma poi si vive sviluppando una Personalità che ci sembra indispensabile per avere il consenso sociale, per adattarci alle aspettative altrui, per affrontare ruoli mettendosi maschere e via dicendo. E nel tempo la voce del Sé e quella della personalità si disgiungono sempre di più fino a portarci in direzioni opposte. Ma siccome tendiamo a vivere più proiettati nella Personalità che nel Sé, dimentichiamo quella voce che sa, dimentichiamo perfino la sua esistenza, fino a che una patologia, dapprima lieve, magari a livello di insoddisfazione, di vago desiderio di qualcosa d'altro, poi sempre più marcata fino alla malattia, ci pone di fronte alla discrepanza tra le due voci. Il sintomo aiuta ad ascoltare proprio questa discrepanza, a renderla consapevole e a rimetterci in contatto con la voce del Sé, proprio attraverso l'ascolto della malattia e la presa di coscienza della parte sana. Perché in realtà possiamo parlare di parte sana, che è quella nella quale noi ci riconosciamo come creature di luce, e il disagio a qualsivoglia livello, di cui non dobbiamo sentirci vittime, possiamo riconoscerlo come alleato nel nostro cammino di crescita.

Qual è la prima strategia da adottare se si vuole intervenire sul corpo per lavorare sulle emozioni? Come consiglia di muoversi per riconquistare il benessere e la guarigione?
Qui possiamo fare una differenza tra le strategie sintomatiche e quelle olistiche. Il terapeuta sintomatico cerca strategie per combattere la malattia e il paziente si attiene passivamente ai suoi dettami, delegando al medico la responsabilità della guarigione; il terapeuta sintomatico si attiene scrupolosamente a protocolli uguali o simili in ogni circostanza, dirige i tempi e i ritmi della cura. In questa visione la malattia è un nemico da sconfiggere e la salute è uno stato di equilibrio statico, momentaneamente “rotto” dalla malattia. La guarigione è il ritorno a quello stato di equilibrio statico (è un ritornare al punto di prima).
Il terapeuta olistico, invece, accompagna il cliente a cogliere il senso della malattia nella sua esistenza e lo aiuta a comprendere quali cambiamenti attuare per rientrare nel proprio potere, rispettando i tempi e i ritmi individuali del cliente. In questa visione la malattia è un’occasione di crescita e di auto trasformazione, la salute è il raggiungimento multidimensionale di un equilibrio dinamico in continua crescita con un andamento a spirale. La guarigione non è mai un ritorno al punto di partenza, ma è il raggiungimento di una nuova tappa di crescita.

Lei è anche naturopata. Di cosa si occupa precisamente la Naturopatia? Quando ha deciso di dedicarsi alla divulgazione dei vari rimedi e trattamenti offerti dalla natura per il raggiungimento e il mantenimento del benessere psicofisico?
Compito della naturopatia è aiutare il cliente (non possiamo chiamarlo paziente, un termine che si attiene solo alla figura del medico, mai a quella del naturopata) a riappropriarsi del suo stato di benessere globale. Non è lo stesso dire "Ho mal di fegato e mi faccio curare dalla medicina sintomatica" oppure "Ho mal di fegato e mi curo in modo olistico". Il medico si occupa del fegato e del suo squilibrio: suo obiettivo è diagnosticarne la patologia, indicare al paziente la terapia adatta al suo problema e seguire lo sviluppo della cura nelle sue varie tappe fino alla sparizione dei sintomi. Da uno stato patologico il medico riporta il paziente alla condizione immediatamente precedente la comparsa del sintomo. Diverso è l’approccio del Naturopata, che agisce nell'ambito della prevenzione e i suoi interventi di “educazione al benessere” favoriscono il mantenimento o il raggiungimento della omeostasi energetico-funzionale: l’equilibrio psicoenergetico, se alterato, genera malattia e dolore.
Nella medicina allopatica, di derivazione meccanicistica, prevale il concetto della riparazione: se l'uomo è considerato una macchina fatta di pezzi assemblati insieme, la malattia altro non è che la rottura di uno di questi pezzi che deve essere immediatamente riparato perché la macchina continui a funzionare come prima. Ricordiamo che alla base di questa visione dell'uomo e della vita c'è il pensiero di Cartesio, che paragonava l'uomo malato ad un orologio rotto che il Grande Orologiaio, Dio, ha caricato all'inizio dei tempi senza più interferire. Necessaria è la sostituzione o la riparazione del pezzo, domandandosi per quale causa si sia rotto. Nella visione olistica, invece, non si tratta di riparazione, ma di prevenzione, e la domanda non è "Per quale causa mi sono ammalato?", ma "Per quale fine mi sono ammalato?". La guarigione quindi non equivale al cambiamento di un pezzo rotto, ma é una risposta di compensazione ad uno squilibrio di uno dei tanti livelli che costituiscono la multidimensionalità dell'essere umano. La salute è, invece, la risposta sana al cambiamento, è la riprova di un buon adattamento. Ecco pertanto che, in questa visione, il terapeuta deve occuparsi del potenziamento delle risorse che già sono nel soggetto e che la natura dispensa a larghe mani. E del mantenimento, quindi, di un terreno sano. Se il meccanicismo vede l'uomo come la somma delle parti, per l'olismo, invece, l'uomo è un sistema che non può essere ridotto alle parti che lo compongono: ciascun individuo è un'unità di coscienza in cui coesistono differenti piani o corpi, con un suo equilibrio psicoenergetico che, se alterato, genera malattia e dolore.
Susanna Garavaglia in "Le Note dell'Anima"
Lo scorso anno, insieme a Laura Gessner, ha portato in scena al Teatro Dal Verme di Milano lo spettacolo Le Note dell’Anima. Quali temi ha affrontato e con quali obiettivi è nato questo spettacolo?
È un recital a due voci che unisce prosa e musica. Io recito con altri attori e ballerini che si muovono con me sul palco, Laura Gessner canta canzoni che abbiamo composto insieme (lei musica, io parole) o che ha composto lei, parole e musica.
È la storia di un viaggio, “del” viaggio, quello tra l'Anima e la Personalità che, nel corso di una intera esistenza, prima di raggiungersi e di sapersi esprimere all'unisono, passano attraverso varie fasi che le vedono estranee l'una all'altra, in ricerca, in conflitto, in sintonia. Non é la storia di un'anima, ma dell'Anima, perché quello che avviene in scena quanto ogni essere umano si ritrova a vivere da quando si incammina in un sentiero di consapevolezza. Ecco perché le Anime presenti sono tante. Accanto a quella della protagonista - che pare ignorarne la presenza, vivendo tutta proiettata nella sua Personalità - ci sono anche quelle del pubblico in sala, Anime che cercano di far sentire la loro voce, ricorrendo talvolta a stratagemmi pittoreschi, come quello di camuffarsi per stabilire un contatto con il linguaggio della Personalità di ognuno. Anime che presto depongono la loro maschera nell'attesa di essere viste, di essere ascoltate, di essere accolte.
L'anima della protagonista (Anima), poi, ha accanto a sé sul palco tanti elementi, ognuno dei quali rappresenta una delle sue sfaccettature: il suo Animus, ad esempio, il lato maschile (la Personalità è in questo caso una donna) che la segue in ogni suo movimento, senza il quale la persona sarebbe incompleta. E poi c'è la sua capacità di generare, quella di strutturare, quella di raggiungere le vette e quella di radicarsi nelle profondità della terra.

Da anni collabora con Dol’s Magazine, testata diretta da Caterina Della Torre, con cui ha curato una serie di interviste a Donne Eccellenti. In base a quale criterio ha selezionato le donne da intervistare? Cosa l'ha colpita e che ricordo le hanno lasciato queste eccellenze al femminile?
Tutte donne molto interessanti. In ognuna di loro mi ha colpito tutto quello di cui ho parlato nell'introduzione a ogni intervista. Per me parlare con loro è stato un dono e se non avessero avuto qualcosa di speciale non avrei pensato a loro. Anche se credo che ogni donna abbia in sé qualcosa di speciale, pure quando lei stessa non sa di possederlo. È questo il bello dell'Eccellenza del Femminile: non è mai un mantello che si indossa, ma è una luce che viene da dentro e che a un certo punto della vita si risveglia.

Nel 2010 ha lasciato Milano per trasferirsi con suo marito Bruno Sebastiani a Calice Ligure (SV), ai margini di un bosco dove avete aperto il B&B "Joie de Vivre". Se dovesse fare un bilancio di questi dieci anni, cosa le ha donato e quanto è stato importante l'allontanamento dalla città in termini di emancipazione dai ritmi di schiavitù che la società ci impone? Quanto è stata fondamentale questa scelta per rafforzare quell'intima riconnessione alla Madre Terra che è parte integrante del suo lavoro?
È avvenuto tutto in modo naturale e graduale: da una piccola casa dentro a un bosco cui andare nei fine settimana, ci siamo ritrovati a costruirne una grande, a vendere quella di Milano e a venire a vivere qui in modo permanente, aprendo pure un B&B. Ci siamo arrivati vivendo il presente e accogliendo ogni segnale, ogni coincidenza come fari che illuminavano nuovi tragitti da percorrere. Io non mi sono mai sentita schiava né allora della città né oggi dell'isolamento nella natura. Certo é che qui abbiamo cambiato i nostri ritmi di vita e viviamo una casa aperta, pronti ad accogliere e a condividere, molto più che in un appartamento di città. E poi ci siamo messi a fare l'orto, a dormire senza tapparelle, a vivere con le porte di casa trasparenti e sempre immersi nella luce, a vedere come la natura cambia con il cambiare delle stagioni. La natura, prima solo sfondo alla mia vita, ora é diventata parte di noi.

Abbiamo desiderato tante volte avere del tempo tutto per noi per fare ciò che, presi dai tanti impegni quotidiani, non riusciamo mai a fare, per dedicarci a passioni e interessi. All'improvviso è sopraggiunta un'emergenza sanitaria senza precedenti: una violenta pandemia ha fatto bruscamente irruzione nelle nostre vite seminando terrore e morte e sconvolgendo la nostra quotidianità, le nostre abitudini, le nostre certezze. Dall'oggi al domani ci siamo ritrovati ad avere intere giornate a disposizione, confinati nelle nostre case. Molti di noi hanno avuto difficoltà a gestire il tempo, quasi spaventati dal fatto di poter finalmente dedicare spazio e tempo alla crescita personale e all'ascolto e alla cura della propria anima. Perché? Lei come ha impiegato questo tempo sospeso?
Stiamo vivendo un grande cambiamento, una crisi che non é solo una crisi sanitaria, ma anche economica, politica, e ci mostra gli errori che abbiamo fatto sia a livello individuale che planetario nella gestione delle nostre vite. Forse, quando ne usciremo, tutto quello che non é sostenibile smetterà di funzionare, quello che é inutile si dissolverà e la metamorfosi permetterà alla nostra vera potenza di venire alla luce e magari cambieremo. Cambiare non è aggiungere qualcosa di nuovo a quello che siamo, ma disvelarci ai nostri stessi occhi per quello che siamo, riemergere nella nostra vera pelle e portare con noi la nostra coscienza interamente rinnovata.

Qual è il segreto per riuscire ad affrontare e a superare tutte le nostre paure e imparare a vivere nel presente?
Iniziare a farlo, concretamente, giorno dopo giorno.
Mostra altri Articoli di questo autore
info@freetopnews.it
- PandemicA, racconto corale per immagini - 21/05/2020 07:52:03
- Antonietta Langiu, la mia Isola - 08/05/2020 09:22:34
- Susanna Garavaglia: il risveglio della coscienza interiore - 29/04/2020 05:09:43
- Rosanna Raffaelli Ghedina: folclore, leggende e simboli delle Dolomiti - 16/04/2020 23:10:44
- Giorgio Murru: Spiriti e Dèi nella statuaria preistorica della Sardegn - 09/04/2020 13:50:32
- Una Maschera, un Volto, un Paese: il Carnevale in Sardegna - 07/03/2020 07:34:21
- Pe’ terre assaje luntane: al MANN l’emigrazione ischitana in America - 01/03/2020 19:33:00
- Thalassa: a Napoli le meraviglie sommerse dal Mediterraneo - 27/02/2020 23:09:38
- Nel segreto mare delle stelle di Marella Giovannelli - 25/02/2020 18:10:02
- Marcello Cabriolu, la Sardegna e il Mediterraneo Occidentale - 17/02/2020 21:27:55
- Erika Maderna, sulle tracce della medicina delle streghe e delle sant - 27/01/2020 06:48:31
- Federico Fellini: ironico, beffardo e centenario - 14/01/2020 07:56:24
- Pompei e Santorini, l'eternità in un giorno - 04/01/2020 08:29:04
- Andrea Icardi, un anno in Alta Valle Maira - 30/12/2019 14:15:42
- Archeologi italiani riportano alla luce i reperti assiri di Faida - 15/12/2019 09:45:07
- Augusto Mulas: l'orientamento astronomico dei nuraghi - 09/12/2019 19:01:03
- Margherita Massari: Ildegarda di Bingen, Sibilla e Dottore della Chies - 06/12/2019 09:18:37
- Il mito immortale di Cartagine in mostra a Roma - 04/12/2019 00:02:27
- Aquileia 2200. Porta di Roma verso i Balcani e l’Oriente - 29/11/2019 05:28:33
- Michele Porcaro: ASSTEAS - Storia del Vaso più bello del mondo - 19/11/2019 00:26:44
- Silvia Romani: credenze, miti e dei degli antichi - 11/11/2019 13:10:02
- All'Alba Radians di Albano (RM) il Filottete di Sofocle - 06/11/2019 16:36:58
- Mulino della Riviera di Dronero (CN), una storia firmata Cavanna - 29/10/2019 18:50:24
- Galluras, il Museo della Femina Agabbadòra - 22/10/2019 07:00:03
- Ugo Mancini: Sotto la cenere, storie di vita quotidiana durante il ven - 10/10/2019 20:51:11
- Alessandra Derriu: streghe, indovine e curatrici nella Sardegna del '7 - 04/10/2019 07:06:18
- Giuseppe Vito Internicola: Castellammare del Golfo, alle origini di un - 29/09/2019 18:15:59
- Città della Pieve (PG) si prepara ad accogliere Il Nostro Tempo - 25/09/2019 15:20:51
- Uno spazio per le Donne: alla scoperta del mondo femminile sardo e non - 23/09/2019 08:37:50
- Olmedo (SS), storia, tradizioni, folklore - 21/09/2019 09:21:49
- Silvia Giorcelli Bersani: I Romani e le Alpi - 16/09/2019 14:05:54
- Rossella Giglio: Segesta, tra teatro, musica, natura - 08/08/2019 15:56:16
- Enrico Caruso: la rinascita di Selinunte - 01/08/2019 14:29:05
- Lucina Gandolfo: alla scoperta di Monte Iato - 31/07/2019 07:33:07
- Sulle spiagge pontine tornano i Racconti di Sabaudia - 30/07/2019 08:47:45
- Tagliacozzo (AQ): XXXV Festival Internazionale di Mezza Estate - 22/07/2019 14:36:02
- Civiltà del sole: l'archeoastronomia nella Sicilia preistorica - 19/07/2019 07:30:13
- Cristina Muntoni, il potere delle parole nella storia della sacralità - 15/07/2019 18:12:54
- Francesco Bianco, un cammino tra verità nascoste - 13/07/2019 06:58:14
- Filippo Drago, mugnaio siciliano fra tradizione e modernità - 09/07/2019 07:28:20
- Con la KERNOS alla scoperta di Castellammare del Golfo - 02/07/2019 18:17:21
- Per una rinascita di Castelvetrano, città d'arte, storia, cultura - 27/06/2019 18:13:44
- Marinella Fiume: sapienza, virtù e misteri dell'universo simbolico fem - 11/06/2019 19:04:31
- Stefano Pucci: le incisioni rupestri delle Alpi Apuane - 07/06/2019 09:24:59
- Albano (RM), al via la Rassegna del Teatro Antico - 26/05/2019 18:33:37
- Max Dashu: Streghe e pagane, le donne nella cultura popolare europea - 14/05/2019 07:18:46
- Diego Maggio: profumi, aromi e sapori siculo-panteschi - 09/05/2019 08:15:34
- Regius, omaggio allo stupor mundi Federico II di Svevia - 03/05/2019 07:38:01
- Sentiero della Libertà, per tenere viva la Memoria - 01/05/2019 20:05:09
- Caccamo (PA), borgo di storia, arte, cultura - 28/04/2019 06:50:10
- C'era una volta Iato: omaggio dei ragazzi all'antica Iato - 23/04/2019 22:40:32
- U Pani ri Murriali: il pane genuino di una volta - 16/04/2019 17:20:40
- Recanati (MC): L'Infinito di Leopardi compie 200 anni - 13/04/2019 16:51:43
- A Camo (CN) torna PrimaVeraRegia - 11/04/2019 17:17:36
- Ivano Dionigi: Lucrezio, Seneca e noi - 04/04/2019 23:33:23
- Luca Mancini: Il caso dell'Ungheria di Horthy - 09/04/2019 19:14:05
- Il Foscolo di Albano (RM) trionfa al Festival Thauma - 30/03/2019 20:22:23
- Sotto il segno dei pesci: Camaiani celebra la Grecia - 28/03/2019 17:13:29
- Guido Cossard, viaggio nel mondo dell'Archeoastronomia - 25/03/2019 10:47:16
- Rosanna Oliva de Conciliis, una vita per la Parità - 17/03/2019 08:14:51
- Donna o Dea: le raffigurazioni femminili in Sardegna tra passato e pre - 02/03/2019 20:50:25
- Giorgio Ieranò: l'arcano fascino delle isole dell'Egeo - 25/02/2019 09:19:48
- Dea e Femminismo alla Roma Goddess Conference - 21/02/2019 09:10:27
- Elena Ianni: le feste e i falò del Messico - 17/02/2019 19:18:44
- Roma: l'olio d'oliva al Premio Filo della Torre - 15/02/2019 17:02:24
- I giovani attori del Foscolo alla Giornata del Greco - 06/02/2019 17:24:33
- La Penisola del Sinis (OR) tra storia, archeologia e natura - 29/01/2019 17:38:31
- King Camp Gillette: Il Turbine Umano - 19/01/2019 11:59:30
- Barumini (VS), archeologia, storia, cultura nel cuore della Sardegna - 14/01/2019 10:46:56
- Morena Luciani Russo: la ricerca della Dea e lo sciamanesimo - 09/01/2019 06:28:02
- Maurizio Bettini: Il Presepio, storia di un simbolo - 21/12/2018 08:22:38
- Venezia: Idoli, il potere dell'immagine - 12/12/2018 18:57:46
- Simona Modeo, Dioniso in Sicilia - 06/12/2018 17:48:35
- Violette Sauvage a Palazzo Colonna (RM) - 03/12/2018 07:01:13
- Pomezia (RM): Premio Donna d'Autore 2018 - 30/11/2018 06:37:50
- Massimo Blasi, l'incredibile storia degli imperatori romani - 28/11/2018 10:26:59
- Fabio Isman: 1938, l'Italia razzista - 25/11/2018 07:30:10
- Sacrum, lo Stabat Mater di Rossini all'Aracoeli di Roma - 22/11/2018 16:42:46
- Oriana Dal Bosco: il misterioso fascino del Nord Africa - 20/11/2018 17:17:03
- Natale inCHIOSTRO a Monastero di Dronero (CN) - 17/11/2018 07:53:51
- All'Alba Radians di Albano (RM): l'Ecuba di Euripide - 15/11/2018 16:59:16
- Autunno d'Autore a Ruralia, Conosci tu il paese dove... - 13/11/2018 18:40:36
- Marella Giovannelli, una vita tra giornalismo, fotografia e poesia - 09/11/2018 10:04:37
- Daniela Dao Ormena: Le radici chiamano, dolci melodie della Valle Mair - 30/10/2018 13:32:22
- Gli antichi pani di Sardegna protagonisti a Buddusò - 17/10/2018 14:23:34
- Torna a Lanuvio (RM) l'antico rituale della Maza - 04/10/2018 20:39:44
- Nonna Tommy, raccontaci ancora... - 02/10/2018 07:16:37
- A Buddusò (SS) torna Artes in Carrera - 30/09/2018 06:56:22
- Al Museo Africano di Verona la danza degli spiriti - 27/09/2018 00:12:36
- A. Cossard: Archeoastronomy, la prima app di archeoastronomia - 24/09/2018 09:21:18
- Firenze, Viaggio nell'altro e nell'altrove in ricordo di Paolo Grazios - 19/09/2018 08:31:44
- Lanuvio (RM): Buon compleanno, Antonino Pio! - 10/09/2018 06:04:22
- Raffaella De Sanctis, tra scuola e ricerca - 04/09/2018 17:45:49
- Màn. Vietnam Street Heroines in mostra al MAO (TO) - 26/08/2018 10:25:13
- Alessandra Comneno, una vita a contatto con la saggezza dei Nativi - 12/08/2018 19:38:51
- MAO (TO), ORIENTI. 7000 anni di arte asiatica dal Museo delle Civiltà - 07/08/2018 06:17:08
- Senorbì (CA), al MADN La Dea di Turriga, il mistero di un’icona senza - 01/08/2018 07:38:49
- Silvia Tenderini, una vita tra viaggi, ricerche e scrittura - 24/07/2018 19:40:34
- A Villa Giulia (Roma) la Scuola di Archeoastronomia 2018 - 19/07/2018 06:39:50
- Gabriella Mosso, I miei, i tuoi, i nostri - 17/07/2018 05:54:30
- Tagliacozzo (AQ), Festival Internazionale di Mezza Estate - 12/07/2018 06:39:05
- Franco Campus, Nuragici - un Territorio, un'Isola, il Mediterraneo - 09/07/2018 22:21:30
- Carmagnola (TO): Donne e Madonne nell’Arte dal XV secolo ad oggi - 04/07/2018 21:53:04
- Per una rinascita socio-culturale dei borghi della Valle dell'Amaseno - 25/06/2018 07:25:04
- Capalbio (GR), vacanza-laboratorio di Spiritualità Femminile con Devan - 22/06/2018 20:30:12
- Nicola Castangia, Ercole Contu e la scoperta della Tomba dei Vasi Tetr - 18/06/2018 06:44:49
- Castelfidardo (AN): gli studenti del Meucci per la valorizzazione del - 10/06/2018 17:30:57
- Papa Wojtyla in Comelico e in Cadore: il ricordo e l'emozione 30 anni - 27/05/2018 16:40:51
- Scrittori alla scoperta del mondo, una mostra sulla letteratura di via - 22/05/2018 06:00:18
- In viaggio tra le pagine di Elena Dak - 18/05/2018 09:31:20
- Convegno Internazionale contro Terrorismo, radicalizzazione e violenza - 08/05/2018 06:02:05
- Olimpia Biasi, la Viriditas di Ildegarda in mostra all'Hortu - 25/04/2018 15:09:19
- Con Marco Grippa alla scoperta del fascino segreto di Tagikistan e Kir - 18/04/2018 18:40:04
- Da Maenza a Fossanova sulle orme di San Tommaso d'Aquino - 13/04/2018 13:59:02
- Pierluigi Montalbano: l'alba della civiltà sarda - 10/04/2018 14:08:20
- Donne, Madri, Dee: la rappresentazione del femminile in mostra a Udine - 07/04/2018 07:14:26
- In mostra a Milano gli scavi di Achille Vogliano nel Fayum - 28/03/2018 18:52:37
- Sulle tracce della Dea: Viaggio nel Grembo della Storia - 17/03/2018 16:44:27
- Nadia Tarantini: Quando nascesti tu, stella lucente - 05/03/2018 21:14:35
- L'epopea dei Longobardi in mostra al MANN - 26/02/2018 10:45:11
- Verso il contratto di fiume dell'Amaseno - 22/02/2018 11:55:38
- Inside, la nuova collezione di Vittorio Camaiani - 11/02/2018 22:27:58
- Alla scoperta del matriarcato di Bali con Bruna Rotunno - 04/02/2018 13:48:05
- Giornata della Memoria, per non dimenticare - 25/01/2018 18:06:41
- Viaggio nei segreti della bellezza del corpo femminile - 21/01/2018 21:30:48
- Ildegarda di Bingen, maestra di sapienza nel suo tempo e oggi - 10/01/2018 22:22:54
- Selene Calloni: l'arte della ribellione zen per vincere la paura - 05/01/2018 22:57:08
- MANN: grande successo per la mostra sull'America precolombiana - 28/12/2017 14:29:51
- 2018 per Katike: i calendari di ...non lasciamoli soli - 19/12/2017 22:15:21
- Maenza: La rete dei cammini della Valle dell’Amaseno - 12/12/2017 22:31:25
- Al Convivium di Fiuggi i Pensieri sparsi di Daniela Gariglio - 07/12/2017 08:47:07
- Napoli: Il Natale dei 100 Alberi d’Autore - 03/12/2017 09:41:27
- Le donne dei Longobardi: urban-trekking con Michela Zucca - 28/11/2017 13:46:59
- San Martino di Stroppo: piccolo gioiello delle Valli Cuneesi - 24/11/2017 06:54:30
- Signa del Alma: per dire No alla violenza sulle donne - 19/11/2017 08:32:53
- Il nuovo romanzo di Maristella Lippolis: Raccontami tu - 07/11/2017 16:56:46
- Mama Africa: la maternità nell'arte africana - 03/11/2017 11:20:04
- Violette Sauvage: il vintage chic a Palazzo Colonna - 28/10/2017 11:28:12
- Il patrimonio archeologico del Lazio alla BMTA di Paestum - 26/10/2017 15:31:12
- Templari. Dal ducato di Puglia e Calabria, all’Italia del III Millenni - 22/10/2017 17:10:52
- Archeologia ferita: Volti di Palmira ad Aquileia - 11/10/2017 08:02:26
- Giancarlo Sani: alla scoperta delle incisioni rupestri toscane - 03/10/2017 13:36:14
- ... non lasciamoli soli: il progetto per il Nepal di Ilario Sedrani - 26/09/2017 08:24:26
- Giuliana Borghesani: La Maledizione della Liberta - 22/09/2017 14:28:02
- L'uomo, il Cancro del Pianeta - 04/09/2017 20:15:53
- Le caverne delle donne: la grotta di San Colombano - 25/08/2017 17:49:53
- Le figlie sono come le Madri: Donne lungo la Via della Seta - 30/08/2017 12:56:24
- Nemi: tornano i Nemoralia in onore della Dea Diana - 08/08/2017 17:21:44
- Donne e medicina: quale futuro per la medicina di genere? - 05/08/2017 08:48:58
- Arkeotrekking in Trentino: Sui sentieri delle Madri Antiche II - 31/07/2017 08:27:43
- Piero Verni: Tulku, viaggio nel cuore mistico della civiltà tibetana - 25/07/2017 07:11:56
- Ugo Mancini: ragioni e vicende degli antifascisti a Roma e nei Castell - 07/07/2017 18:23:52
- Festival di Tagliacozzo: conferenza stampa di presentazione a Palazzo - 05/07/2017 06:55:48
- Cuneo: Il lato nascosto delle Alpi - 04/07/2017 06:11:40
- Come con gli occhi dei bambini di Terezin - 28/06/2017 21:43:19
- Baby Giulia, storia di un'adolescenza rubata - 18/06/2017 13:18:11
- Francesca D'Amico: le donne nella tradizione contadina abruzzese - 11/06/2017 16:01:53
- Tutela e valorizzazione del patrimonio rurale nel Lazio - 07/06/2017 18:43:20
- Fiume che cammina. Transumanza dall’Adriatico al Lagorai - 03/06/2017 08:02:51
- Roma: VI raduno dei Linfoamici - 01/06/2017 14:32:42
- Atlantide, dal mito alla storia: intervista ad Alessandra Murgia - 20/05/2017 08:13:47
- Ignazio Didu: I Greci e la Sardegna. Il mito e la storia - 12/05/2017 09:18:37
- Sacra Nemora: la cultura del sacro in mostra a Lanuvio - 07/05/2017 23:09:38
- Pizzo d’Irlanda, merletto e ricamo protagonisti sul lago Trasimeno - 02/05/2017 07:59:39
- Arkeotrekking in Trexenta: Le Antiche Madri dei Monti e del Mare - 25/04/2017 19:47:13
- Le donne e il sapere medico-erboristico: un binomio da riscoprire - 07/04/2017 21:29:15
- Linfoamici a Venezia - 30/03/2017 18:13:31
- Com'è giusto che sia: il nuovo thriller di Marina Di Guardo - 29/03/2017 10:34:04
- Herbarie: le chiamavano Streghe - 24/03/2017 21:01:03
- Devana: il risveglio della spiritualità nativa dell'Antica Europa - 17/03/2017 18:33:42
- Andrea Loddo: l'archeologia sperimentale per comprendere le ancestrali - 11/02/2017 20:01:00
- Alla scoperta dell'origine genetica dei Sardi con il prof. Francala - 03/02/2017 08:01:01
- Diego Manzi: viaggio nel cuore della tradizione indiana - 28/01/2017 10:24:25
- Barbara Bonomi Romagnoli: storie di insette felici - 25/01/2017 23:15:02
- Alberto Pattini: Poesia del Trentino. La melodia della Grande Madre - 19/01/2017 21:24:29
- Rinascere dalle distruzioni. Ebla, Nimrud, Palmira - 12/01/2017 21:25:10
- Nori Corbucci: Marta Marzotto, una vita da ricordare - 05/01/2017 00:02:59
- La Sardegna antica nel cuore del Mediterraneo - 30/12/2016 01:04:16
- Sardegna nuragica e falso mistero della lingua etrusca con il linguist - 03/01/2017 07:32:46
- La Stirpe del Sole: una Medea inedita nell'ultimo romanzo di Giuliana - 23/12/2016 14:12:50
- Al Castello di Scilla i Popoli del Mare di Oreste Kessel Pace - 16/12/2016 12:53:26
- SACRUM: concerto dedicato a Papa Francesco all'Aracoeli - 08/12/2016 10:18:48
- Paola Biato: Viaggio nel mondo della Psicofiaba - 04/12/2016 19:28:59
- Il viaggio. Alchimie e Passioni: a Venezia la personale di Irene Manen - 29/11/2016 08:13:34
- Il Natale dei 100 alberi d’autore - 28/11/2016 20:22:54
- Carlo Buldrini: Pellegrinaggio buddhista - 16/11/2016 08:32:43
- A Spazio Mater l'arte digitale di Michele Grimaldi - 13/11/2016 19:50:50
- Gigantes de Perdas: alla scoperta dei nuraghi sardi - 04/11/2016 07:54:20
- Ivo Nardi: Riflessioni sul senso della vita - 24/10/2016 08:27:11
- Fabrizio Manzetti: Nascosti davanti a tutti - 18/10/2016 00:13:25
- Bambine e bambini: divino gioco di pace nel mondo - 28/10/2016 08:24:38
- La Danza degli Archetipi: alle radici del linguaggio simbolico - 13/10/2016 22:41:28
- Alla scoperta dei Fiori di Bach con Gerardo Chirò - 09/10/2016 08:44:23
- Sardegna: curiosità, aneddoti e misteri sardi con Gianmichele Lisai - 04/10/2016 06:59:28
- Roma per Amatrice: Concerto di Beneficenza - 25/09/2016 15:45:16
- Sulle tracce dell' archeologia dell'evanescente con Paola Di Si - 22/09/2016 15:21:18
- Sebastiano Brocchi: alchimia, esoterismo, simbologia sacra e mistero - 18/09/2016 08:55:07
- Milano: appuntamento per il World Lymphoma Awareness Day - 13/09/2016 07:41:13
- Sulla via degli sciamani del Sudamerica con Stefano Lioni - 29/08/2016 08:00:22
- Sulle orme dei Moso con l'antropologa Francesca Rosati Freeman - 16/08/2016 07:13:59
- Sui sentieri dei luoghi di culto della Grande Dea con Luisella Veroli - 11/08/2016 08:48:06
- Un Altro Mondo per i Diritti della Pachamama - 27/07/2016 07:32:44
- Alessandra Di Gesù: viaggio nelle Tradizioni Misteriche del Mediterran - 05/07/2016 08:00:50
- Abbracci gratis contro il linfoma: a Roma il V raduno dei Linfoami - 31/05/2016 23:23:59
- Out of Tibet: il foto-racconto della diaspora tibetana sbarca a Roma - 23/05/2016 00:04:09
- Il Canto delle Sirene in mostra a Bologna - 22/05/2016 10:02:01
- La cultura dei Moso arriva al Ramadù di Cisterna - 16/04/2016 21:08:59
- Donne e scienza: un binomio per troppo tempo ignorato - 24/03/2016 07:51:18
- Suffragette 2.0: approda al Peano di Roma - 14/03/2016 22:06:13
- Palazzo Visconti: Alta Moda della Sartoria Angela - 09/03/2016 08:47:43
- Il respiro profondo di una Nuova Era - 04/03/2016 14:17:21
- Festa grande per i 35 anni di attività di Erno Rossi - 01/03/2016 14:29:34
- I Sentieri della Terra: come restituire vita e dignità alla Mad - 20/02/2016 09:06:03
- Le remote origini del tatuaggio con l'antropologa Michela Zucca - 23/01/2016 09:46:08
- Mantra Madre e Il profumo della luna: libri per il risveglio dell'anim - 24/12/2015 10:37:15
- Roma: il Rito del Grembo - 12/12/2015 00:42:29
- Alla scoperta delle vere origini di Halloween con Monica - 31/10/2015 20:24:53
I COMMENTI RELATIVI ALL'ARTICOLO
Invia un commento alla Redazione
Email
Nome e Cognome
Messaggio
Gentile lettore, prima di inviare il Suo messaggio:

compilare il codice di sicurezza sottostante copiando l'immagine raffigurata;

CAPTCHA 
cambia codice

inserisci codice



Per pubblicare, in fondo all'articolo, il suo commento selezionare il pulsante sottostante.

Pubblicazione
  Si    solo nome
  Si    nome e cognome
  No


Grazie della collaborazione.

© 2014 - ftNews è una testata di libera informazione.