Redazione     Informativa     Link  

Corrado Ruggeri, una vita in viaggio

lunedì, 13 luglio 2020 07:30

condividi su facebook
Corrado Ruggeri a Sukhothai
Francesca Bianchi
Viaggiare non è collezionare luoghi, ma esplorare nuove culture, affrontare altri orizzonti, incontrare persone che hanno volti, occhi, colore della pelle diversi dai nostri, mangiano cibi differenti. Tutto questo ci arricchisce, ci regala la gioia della diversità e ci insegna la tolleranza e la solidarietà, qualità esercitate in modo molto equivoco nel nostro mondo, spesso recitate e non autenticamente sentite, legate a doppio filo con interessi economici.
Questo è il senso profondo del viaggiare secondo il giornalista e scrittore Corrado Ruggeri, che sin da bambino, grazie anche alla complicità di suo padre, ha coltivato il desiderio di conoscere realtà e culture diverse. Il destino ha poi voluto che il lavoro lo portasse in giro per il mondo, consentendogli di visitare più di settanta paesi. Per oltre trent'anni al Corriere della Sera, di cui ha diretto la Cronaca di Roma, nel corso della sua carriera si è cimentato nella letteratura di viaggio, scrivendo racconti di viaggio, romanzi, guide turistiche, e ha realizzato reportage e trasmissioni per il canale di viaggi e avventura MarcoPolo.
FtNews l'ha intervistato. Ai nostri lettori lo scrittore racconta con grande trasporto del legame speciale con il continente asiatico, cui ha dedicato il libro La mia Asia. Trent'anni di viaggi in Oriente (LT Editore, 2013). Svela curiosità, emozioni, ricordi dei suoi numerosi viaggi in Asia, nel corso dei quali ha avuto modo di fare incontri insoliti, come quelli con i tagliatori di teste in Borneo o quello con un ex cannibale in Papua Nuova Guinea. Ruggeri affronta anche il discorso relativo all'altro volto dell'Oriente, quello più drammatico e infernale che il turismo ignora, ben descritto nel libro Bambini d'Oriente (Feltrinelli, 1998); fornisce una presentazione di Farfalle sul Mekong. Tra Thailandia e Vietnam (Feltrinelli, 2015), divenuto un classico della letteratura di viaggio, e dell'originale guida turistica Storie di Bangkok, pubblicata lo scorso anno dall'Editore Typimedia. Della Città degli Angeli narra aneddoti, curiosità, tradizioni, segreti e luoghi che bisogna assolutamente visitare. Si sofferma a parlare della profonda spiritualità degli orientali e della ricca varietà di tradizioni, culture e correnti religiose che convivono nei territori asiatici, affrontando anche l'argomento relativo al cambiamento che l'Oriente ha vissuto nel corso degli ultimi anni.
Corrado Ruggeri ci presenta brevemente anche il suo ultimo libro, il romanzo Domani. Un inno alla vita, dolce e forte come la speranza, tra la Cambogia, Beirut e Sarajevo, pubblicato qualche mese fa per l'editore Ponte Sisto.
Al termine della nostra coinvolgente conversazione, questo appassionato viaggiatore che ha visitato tutti i continenti ci ricorda che viaggiatore non è chi non si concede agi o comodità e pensa di mortificare il corpo per elevare la mente, viaggiatore è chi cerca l’altrove con semplicità e rispetto di ogni diversità, senza però trasformarsi in quel che non è e non vuole diventare.

Dott. Ruggeri, lei ha lavorato per oltre trent'anni per il Corriere della Sera, il più importante quotidiano d’Italia, di cui ha diretto la Cronaca di Roma. Grazie al suo lavoro ha avuto la fortuna di girare il mondo, visitando più di settanta paesi. Si è cimentato nella letteratura di viaggio, scrivendo racconti di viaggio, romanzi, guide turistiche; ha realizzato reportage e trasmissioni per il canale di viaggi e avventura MarcoPolo. La sua passione per i viaggi, però, è ben più antica. Quando è nata? Cosa significa per lei viaggiare?
Devo a mio padre la curiosità verso l’altrove: sono nato nel 1957 e allora ci si muoveva soprattutto in macchina. Mi caricavano sul sedile posteriore e via, alla scoperta dell’Europa. Papà mi regalò “Il giro del mondo in 80 giorni” di Giulio Verne, che divenne il mio libro preferito, letto e riletto. Diventato genitore, l’ho consegnato a mia figlia Eleonora, anche lei cresciuta come viaggiatrice appassionata. Viaggiare non è collezionare luoghi, ma esplorare nuove culture, affrontare altri orizzonti, incontrare persone che hanno volti, occhi, colore della pelle diversi dai nostri, mangiano cibi differenti. Tutto questo ci arricchisce, ci regala la gioia della diversità e ci insegna la tolleranza e la solidarietà, qualità esercitate in modo molto equivoco nel nostro mondo, spesso recitate e non autenticamente sentite, legate a doppio filo con interessi economici.

Nella sua vita ha visitato tutti i continenti, ma con l'Asia ha un legame speciale. Nell'introduzione al libro La mia Asia. Trent'anni di viaggi in Oriente scrive: "La mia prima volta in Asia fu all’inizio degli anni Ottanta. Sbarcai a Bangkok, che fu il mio battesimo d’Oriente. Da allora ho percorso strade e sentieri di questo continente, fra le vette del Bhutan, i templi di Bali, i campi di sterminio della Cambogia, ho incontrato ex cannibali in Irian Jaya, tagliatori di teste in Borneo". Ci svela dettagli, curiosità e incontri delle sue tante esperienze di viaggio in terra asiatica? Come è nato il suo amore per questo continente?
Trentacinque anni, ormai, di viaggi in Asia sono una collezione infinita di ricordi. Dall’ex cannibale di Papua che adora il sapore della carne umana, dei lombi soprattutto, allo sciamano dei Dayak, i tagliatori di teste, che usava una pietra blu per le sue miracolose guarigioni, alle tribù di Irian Jaya, che custodiscono nelle capanne le mummie degli antenati. Ma anche personaggi meno avventurosi, come la stilista vietnamita Minh Hanh, il missionario cambogiano, i dissidenti cinesi, gli shadu indiani, la gente comune con cui ti capita di mangiare seduti allo stesso tavolino traballante in uno street food. L’Asia è straordinaria, un continente che conosce dolcezza e crudeltà, ha ricchissime tradizioni culturali e religiose, il fascino dei grandi fiumi, spiagge, cibo squisito che non fa nemmeno ingrassare.

Cosa ricorda, invece, di Vietnam, Laos, India, Maldive, Corea del Sud, Birmania? Quali emozioni, quali ricordi le hanno lasciato questi paesi orientali?
Un’immagine per ciascuno. Il Vietnam sono i fili di fumo che salgono dagli altari degli antenati, ce n’è uno in ogni casa, scale invisibili che legano la terra al cielo. Il Laos, come diceva Terzani, “non è un luogo, ma uno stato d’animo”. L’India è la preghiera della mattina nel Gange, a Varanasi, le tre abluzioni nel fiume più inquinato del mondo. Le Maldive sono soffici cuscini verdi in mezzo al blu dell’Oceano, approdo felice per gli adoratori del sole. La Corea del Sud è lo snack più disgustoso del mondo, i bachi fritti. La Birmania sono i pescatori del lago Inle, gli unici a remare con i piedi per avere le mani libere e poter lanciare le reti. E potremmo continuare per giorni…
Corrado Ruggeri in Bhutan
Nel 1998 ha pubblicato Bambini d'Oriente, un libro in cui Birmania, Cambogia e Laos sono descritti con i volti e le storie di donne e uomini feriti dal passato e di bambini che non hanno mai conosciuto l’infanzia. Il libro svela l'altra faccia dell'Oriente, quella più drammatica e triste che il turismo ignora...
Lo abbiamo detto, l’Oriente non è soltanto poesia. Ci sono governi atroci, come quello della Birmania, ci sono crudeltà della vita, sofferenze. Alcuni paesi, pensiamo soprattutto al sudest asiatico, non hanno situazioni di grave indigenza, ma ce ne sono altri, l’India, ad esempio, che combattono ancora contro una tragica povertà. Calcutta è una città impossibile, l’inferno che insegna la pietà.

Farfalle sul Mekong. Tra Thailandia e Vietnam è un classico della letteratura di viaggio, giunto alla decima edizione nella Universale Economica Feltrinelli. Si tratta di un viaggio tra la Thailandia e il Vietnam in cui il lusso turistico di Bangkok contrasta con la povertà del Vietnam di oggi. Chi sono le "farfalle sul Mekong"?
Le protagoniste di una leggenda vietnamita, ambientata a Cui Chi, la base sotterranea dei vietcong da dove partivano gli attacchi a Saigon, lanciati anche dalle ragazze della guerriglia vestite con l’abito tradizionale, l’ao dai, una specie di pigiama palazzo nero. Quelle che non tornavano si trasformavano nelle farfalle multicolori del Mekong. Cu Chi è la zona più bombardata e colpita dal napalm nella storia della guerra, perché gli americani non riuscivano a capire dove i vietcong si nascondessero. Ma oggi quel pezzo di terra desertificato è ancora popolato di bellissime farfalle. E non si capisce come sia possibile. Quelle sono, appunto, le farfalle del Mekong

In Oriente convivono culture, usanze, tradizioni, religioni. Oggi la spiritualità orientale è conosciuta e apprezzata da molti occidentali. Gli orientali come vivono la spiritualità? Quali tradizioni, quali culture sono più tenacemente radicate?
Sono molto bravi e orgogliosi nel mantenere viva la propria cultura, sotto ogni punto di vista. Smarrire la propria individualità è un errore colossale, per le persone e le nazioni: il globalismo è la morte della storia e di ogni individualità. In Oriente hanno tutti una fortissima spiritualità, che manifestano senza alcun imbarazzo, anche perché l’uso dei loro templi è molto diverso dal modo in cui noi frequentiamo le chiese. Ecco perché i paragoni e i confronti sono sempre sbagliati. Loro vanno a pregare quando vogliono e quando sentono di averne bisogno, non ad orari fissi, offrono un fiore, accendono un bastone di incenso, lasciano del cibo, attaccano una foglia d’oro alla statua. A qualunque ora. C’è una ricca varietà di correnti religiose: Buddhismo, Induismo, Confucianesimo, Jainismo, Sikhismo, Taoismo, Shintoismo, ma anche ateismo, soprattutto nelle zone dove il comunismo è ancora radicato e la libertà religiosa resta una speranza.

Afferma che Bangkok ha segnato il suo "battesimo d'Oriente". Alla metropoli thailandese ha dedicato l'originale guida turistica Storie di Bangkok, pubblicata lo scorso anno dall'Editore Typimedia. Com'è cambiata oggi Bangkok rispetto a quando la vide per la prima volta? Ci sveli pure aneddoti, curiosità, tradizioni, segreti, luoghi imperdibili della città degli Angeli...
Il tempo corre anche in Oriente. Dalle strade di Bangkok sono spariti gli elefanti che portavano tronchi d’albero per i cantieri, il traffico è cresciuto, ma nel frattempo è apparsa la monorotaia. Resistono i tuktuk, i tradizionali mezzi di trasporto, le nostre carrozzette Ape con motori scoppiettanti. Inalterato è il fascino di questa capitale d’Asia. Bangkok è unica. È la calamita per ogni sogno smarrito, è il posto giusto per festeggiare un successo, il rifugio di vinti e sconfitti, il luogo dove cominciare a guardare più in alto. È una città che non condanna mai, che sa accogliere e anche stordire, una metropoli medicinale, capace di guarire malinconie, regalare speranza, cancellare nostalgie. La adoro.

Quali consigli si sente di dare a chi volesse visitare la metropoli asiatica? Quali luoghi bisogna assolutamente visitare durante la permanenza a Bangkok?
Prendere un albergo sul fiume, perché il Chao Phraya è l’anima della città, e consente anche un relax che nel frastuono del centro città non si trova. E se posso dare un consiglio, suggerisco la mia “casa thailandese”, un albergo che mi fa sentire coccolato, protetto, ospite gradito, come se davvero fossi a casa. Lo Shangri La custodisce i miei ricordi, ormai di una vita, della mia prima volta in Asia, di quando qui sono rimasto giorni e giorni o sono passato velocemente andando o tornando da Vietnam, Cambogia, Laos, Birmania, Papua, Bali, Australia. Anche il viaggio di nozze ha fatto tappa qui, rientrando dalle Fiji: e ci diedero una suite dell’ala nuova, elegante e tecnologica. Ma, fedele alla tradizione come sono, preferisco la vecchia, anche perché costa meno e incarna al meglio le qualità di questo albergo. E poi lo Shangri La ha un grande merito: non essere snob. Personalmente non mi abituo a Bangkok, non è mai la solita visita, gli entusiasmi sono sempre nuovi, forti, continui. I templi, un giro sul fiume, i mercati, lo street food, la casa museo di Jim Thompson, gli sky bar, e il mio preferito, nella State Tower, alla fine di Silom road, una trampolino affacciato sul nulla. Ma oggi merita una visita anche la Mahanakhon Tower, dietro Silom road, con la skywalk, una passeggiata su una lastra di cristallo con sotto 350 metri di vuoto. Ma la grande gioia, un’immagine con cui concludo “Farfalle sul Mekong”, è ancora dedicata al fiume e allo Shangri La: "il caldo umido è bello quando non si ha niente da fare, quando si sta sdraiati con il corpo abbandonato e la testa persa nel nulla, perché non c’è niente da rimpiangere o altro da desiderare sulla riva del fiume di Bangkok".

Nel corso dei suoi numerosi viaggi avrà fatto tantissimi incontri. Ce n'è qualcuno che l'ha segnata e che ricorda con particolare affetto?
Fra tutti, quello con Francis, l’ex cannibale, ha forse lasciato il ricordo più profondo. Francis ora è un buon cristiano, da quando ha deciso di convertirsi alla parola del Dio dei bianchi e riscattarsi dal suo peccato originale. Perché è stato un buon cannibale: nel senso che seguiva correttamente la tradizione familiare e bolliva nel pentolone i corpi dei nemici prima di convocare tutta la tribù per il più atteso dei "dinner party". Usava così in Papua Nuova Guinea. Adesso le tradizioni gastronomiche si sono evolute, ma Francis, padre di una numerosa prole, c’è chi dice una cinquantina di figli, alcuni dei quali lo hanno già reso nonno, risponde volentieri alle domande dei nipotini: «Che sapore ha la carne umana?». Dice che ricorda il gusto del maiale, anche se è un po' più insipida. Poi sorride, toccandosi i lombi: «Delicious». E aggiunge, da vero gastronomo di carne umana: «I bianchi - dice - i bianchi sono più teneri e meno saporiti dei cugini con la pelle scura. I gialli, invece, non li ho mai mangiati». Ho pericolosamente cenato con lui, nel suo villaggio che si affaccia sul Karawari. Francis mi apparve, con il corredo da gran capo, l’alta uniforme dal leader indiscusso, che qui è soltanto una catena di chine, le gigantesche conchiglie del Pacifico che venivano usate come monete e ora sono uno dei simboli del paese, oltre che il nome della moneta ufficiale. Sembrava un uomo a sonagli, perché appena faceva un passo o muoveva un braccio, le chine sbattevano una contro l’altra, con un suono lugubre e sinistro. Magrissimo, basso, la faccia rapace, Francis è l’esatto contrario di come normalmente ci si immagina un cannibale, con la bocca larga e denti aguzzi. Si pensa a un orco, mentre lui sembrava più un avvoltoio, con la faccia rugosa e la pelle spessa come carta vetrata, il naso sottile e adunco, ornato con un robusto ossicino, del diametro di un dito, infilato tra le narici. E per esibire coraggio e potere, aveva reso tutto più complicato, con un’ardita composizione ortopedica, incastrando un altro ossetto con il primo. Per l’occasione aveva indossato anche il copricapo della tribù, un gioiello fatto di paglia intrecciata e legno intagliato e reso prezioso da piume di cacatua e dell’uccello del Paradiso, collane di noci di betel e di ossa di vari animali. Sembrava un film, assolutamente incredibile per essere vero. E invece Papua è ancora così. Mangiammo come vuole la tradizione, da quando i banchetti di queste tribù hanno rinunciato alle proteine umane. Il menù delle feste prevede spiedini di coccodrillo e larve di sago: il coccodrillo ha un gusto tiepido, simile al pollo, le larve di sago sono pietanza riservata a robusti apparati digestivi. Ci vogliono anche mesi per lasciare maturare queste larve che gli insetti depositano nei tronchi abbattuti di alcune palme: poi si può scegliere se mangiarle crude o cuocerle. “Noi le cuociamo” - mi disse Francis - “sono più buone”. Figuriamoci cosa sono crude: la poltiglia di larve fatte bollire non ha né aspetto né sapore invitanti, ma è il loro caviale, il cibo delle grandi occasioni che non si può rifiutare. Nella sua vita Francis è stato anche uomo di pace. Non ha soltanto scannato e cucinato i nemici, ha anche ascoltato la parola di Dio. Del nostro Dio. I missionari gli hanno parlato di Cristo, ma non l'hanno convinto del tutto."Ci hanno detto che dobbiamo essere cristiani, perché così ci hanno insegnato i missionari - dice Francis - ma prima del loro arrivo, noi conoscevamo solo gli spiriti del bene e del male, e ci era sufficiente. Poi ci hanno parlato di un Grande Uomo che sta in cielo e ci hanno insegnato a pregarlo. Io credo quello che credeva la mia gente, però voglio essere tranquillo, e prego anche l'altro Dio. Non si sa mai".
Corrado Rugegri
Com'è cambiato l'Oriente nel corso di questi ultimi anni?
L’Oriente di Kipling, Conrad, Maugham non esiste più. Ma è difficile dire come sia cambiato un continente. Ogni singolo paese si modifica a modo suo, cresce a velocità propria, ma uno dei pregi dell’Oriente è la capacità di tenere ben salde le proprie tradizioni, nel bene e nel male. Il Giappone non rinuncia agli inchini, così come la Thailandia non abbandona il wai, il saluto a mani giunte, e la religione del sorriso. Il Vietnam che ama le scommesse ha scoperto la Borsa, e c’è chi si è rovinato, la Cambogia dimentica Pol Pot, ma non il trasformismo politico, e al potere c’è sempre Hun Sen, dal 1984: fu il numero 4 dei Khmer rossi, poi alleato del Vietnam, copremier con il figlio di re Sihanouk e poi al timone da solo. In tutta l’Asia la lotta contro la pedofilia e il turismo sessuale ai danni dei minori è diventata più serrata: come debbano essere distribuiti i meriti è un fattore secondario, l’importante è che stia diminuendo e che i mascalzoni che comprano bambine e bambini finiscano in galera e ci restino a lungo.

Qual è la lezione più importante che le ha insegnato l'Oriente?
La gioia delle piccole cose. Un principio semplice da applicare, che rende migliore la vita. Il Dalai Lama ha ripetuto più volte una frase straordinaria alla quale cerco sempre di legare i miei pensieri e le mie scelte: "Quello che mi ha sorpreso di più negli uomini dell’Occidente è che perdono la salute per fare i soldi e poi perdono i soldi per recuperare la salute. Pensano tanto al futuro che dimenticano di vivere il presente in tale maniera che non riescono a vivere né il presente, né il futuro. Vivono come se non dovessero morire mai e muoiono come se non avessero mai vissuto".

Al di fuori dell'Asia c'è un paese a cui è particolarmente legato?
Israele, per la meraviglia dei luoghi e delle persone, per lo stupore che ogni volta mi accompagna visitando i posti dove Cristo ha vissuto e predicato. E poi il Congo, l’ex Zaire: sono tornato più volte a incontrare i gorilla di montagna, bestioni enormi che ti guardano come fossero nostri cugini. E forse lo sono davvero. Esperienze indimenticabili.

Qualche mese fa ha dato alle stampe il romanzo Domani. Un inno alla vita, dolce e forte come la speranza, tra la Cambogia, Beirut e Sarajevo, le cui protagoniste sono Beirut, Sarajevo, Phnom Penh, tre città che la Storia ha voluto "martiri", condannandole ad anni, decenni di sofferenze. Il sottotitolo, però, fa intravedere la speranza di una rinascita, la fiducia in un futuro migliore. Ci fornisca pure una descrizione di questo romanzo...
La notte non è mai infinita, per nessuno. E la speranza, la voglia di raggiungere un obiettivo, di migliorare un’esistenza falcidiata da sofferenze e guerre può diventare la ragione di vita. “Domani” è un libro che già nel titolo offre questa prospettiva e ha per teatro luoghi che mi sono cari, l’Oriente, dalla Cambogia alla Thailandia e al Vietnam, ma anche Beirut e Sarajevo. È un romanzo d’azione, con personaggi che restano nel cuore, storie dolorose di “bambini senza”, quelli che crescono senza famiglia né affetti, senza cibo, casa, ma che sulla strada incontrano chi può prendersi cura di loro e lotta contro le ingiustizie. Un libro che parla di riscatto e di giustizia e condanna senza appello un modo di fare giornalismo che, come scrive uno dei protagonisti, è fatto da “chi racconta senza vedere, vede e non racconta, inventa o tace".

Quale messaggio vorrebbe arrivasse ai lettori dei suoi libri?
Il mio mondo non è popolato di conformismo. Sono sempre stato fuori da ogni coro, e questo mi è anche costato qualche difficoltà in più, in termini professionali, ma sono rimasto un uomo libero. Così, anche nel modo di viaggiare, non mi uniformo alle mode: ad esempio, la vocazione al martirio del sacco a pelo o della brandina nella stanza condivisa e senza acqua calda appartiene a culture diverse dalla mia. Viaggiatore non è chi non si concede agi o comodità e pensa di mortificare il corpo per elevare la mente, viaggiatore è chi cerca l’altrove con semplicità e rispetto di ogni diversità, senza però trasformarsi in quel che non è e non vuole diventare.

Per l'immediato futuro ha in programma qualche viaggio?
Non sono mai stato in Colombia, e mi piacerebbe andare. Provvederemo presto.
Mostra altri Articoli di questo autore
info@freetopnews.it
- Valle d'Aosta, presentata la XXIII edizione del Gran Paradiso Film Fe - 27/07/2020 19:42:54
- Irene Borgna: Louis Oreiller, il pastore di stambecchi - 20/07/2020 07:47:15
- Genzano, a Casa Mamre QUESTO MARE E’ PIENO DI VOCI - 16/07/2020 09:22:00
- Corrado Ruggeri, una vita in viaggio - 13/07/2020 07:30:17
- Lungo i sentieri del Cammino Ibleo con Nanni Di Falco - 06/07/2020 16:49:35
- Alla scoperta del nuraghe Majori di Tempio Pausania - 30/06/2020 07:39:09
- Lorenzo Braccesi: Olimpiade e Zenobia, quando il potere è donna - 24/06/2020 05:26:37
- Ove abitai fanciullo: a Recanati aprono le stanze private di Giacomo L - 15/06/2020 14:18:28
- I reperti assiri di Faida al premio mondiale in memoria di Khaled al-A - 08/06/2020 07:43:10
- Mauro Bonazzi: i Greci e il mistero dell'esistenza - 01/06/2020 07:22:54
- PandemicA, racconto corale per immagini - 21/05/2020 07:52:03
- Antonietta Langiu, la mia Isola - 08/05/2020 09:22:34
- Susanna Garavaglia: il risveglio della coscienza interiore - 29/04/2020 05:09:43
- Rosanna Raffaelli Ghedina: folclore, leggende e simboli delle Dolomiti - 16/04/2020 23:10:44
- Giorgio Murru: Spiriti e Dèi nella statuaria preistorica della Sardegn - 09/04/2020 13:50:32
- Una Maschera, un Volto, un Paese: il Carnevale in Sardegna - 07/03/2020 07:34:21
- Pe’ terre assaje luntane: al MANN l’emigrazione ischitana in America - 01/03/2020 19:33:00
- Thalassa: a Napoli le meraviglie sommerse dal Mediterraneo - 27/02/2020 23:09:38
- Nel segreto mare delle stelle di Marella Giovannelli - 25/02/2020 18:10:02
- Marcello Cabriolu, la Sardegna e il Mediterraneo Occidentale - 17/02/2020 21:27:55
- Erika Maderna, sulle tracce della medicina delle streghe e delle sant - 27/01/2020 06:48:31
- Federico Fellini: ironico, beffardo e centenario - 14/01/2020 07:56:24
- Pompei e Santorini, l'eternità in un giorno - 04/01/2020 08:29:04
- Andrea Icardi, un anno in Alta Valle Maira - 30/12/2019 14:15:42
- Archeologi italiani riportano alla luce i reperti assiri di Faida - 15/12/2019 09:45:07
- Augusto Mulas: l'orientamento astronomico dei nuraghi - 09/12/2019 19:01:03
- Margherita Massari: Ildegarda di Bingen, Sibilla e Dottore della Chies - 06/12/2019 09:18:37
- Il mito immortale di Cartagine in mostra a Roma - 04/12/2019 00:02:27
- Aquileia 2200. Porta di Roma verso i Balcani e l’Oriente - 29/11/2019 05:28:33
- Michele Porcaro: ASSTEAS - Storia del Vaso più bello del mondo - 19/11/2019 00:26:44
- Silvia Romani: credenze, miti e dei degli antichi - 11/11/2019 13:10:02
- All'Alba Radians di Albano (RM) il Filottete di Sofocle - 06/11/2019 16:36:58
- Mulino della Riviera di Dronero (CN), una storia firmata Cavanna - 29/10/2019 18:50:24
- Galluras, il Museo della Femina Agabbadòra - 22/10/2019 07:00:03
- Ugo Mancini: Sotto la cenere, storie di vita quotidiana durante il ven - 10/10/2019 20:51:11
- Alessandra Derriu: streghe, indovine e curatrici nella Sardegna del '7 - 04/10/2019 07:06:18
- Giuseppe Vito Internicola: Castellammare del Golfo, alle origini di un - 29/09/2019 18:15:59
- Città della Pieve (PG) si prepara ad accogliere Il Nostro Tempo - 25/09/2019 15:20:51
- Uno spazio per le Donne: alla scoperta del mondo femminile sardo e non - 23/09/2019 08:37:50
- Olmedo (SS), storia, tradizioni, folklore - 21/09/2019 09:21:49
- Silvia Giorcelli Bersani: I Romani e le Alpi - 16/09/2019 14:05:54
- Rossella Giglio: Segesta, tra teatro, musica, natura - 08/08/2019 15:56:16
- Enrico Caruso: la rinascita di Selinunte - 01/08/2019 14:29:05
- Lucina Gandolfo: alla scoperta di Monte Iato - 31/07/2019 07:33:07
- Sulle spiagge pontine tornano i Racconti di Sabaudia - 30/07/2019 08:47:45
- Tagliacozzo (AQ): XXXV Festival Internazionale di Mezza Estate - 22/07/2019 14:36:02
- Civiltà del sole: l'archeoastronomia nella Sicilia preistorica - 19/07/2019 07:30:13
- Cristina Muntoni, il potere delle parole nella storia della sacralità - 15/07/2019 18:12:54
- Francesco Bianco, un cammino tra verità nascoste - 13/07/2019 06:58:14
- Filippo Drago, mugnaio siciliano fra tradizione e modernità - 09/07/2019 07:28:20
- Con la KERNOS alla scoperta di Castellammare del Golfo - 02/07/2019 18:17:21
- Per una rinascita di Castelvetrano, città d'arte, storia, cultura - 27/06/2019 18:13:44
- Marinella Fiume: sapienza, virtù e misteri dell'universo simbolico fem - 11/06/2019 19:04:31
- Stefano Pucci: le incisioni rupestri delle Alpi Apuane - 07/06/2019 09:24:59
- Albano (RM), al via la Rassegna del Teatro Antico - 26/05/2019 18:33:37
- Max Dashu: Streghe e pagane, le donne nella cultura popolare europea - 14/05/2019 07:18:46
- Diego Maggio: profumi, aromi e sapori siculo-panteschi - 09/05/2019 08:15:34
- Regius, omaggio allo stupor mundi Federico II di Svevia - 03/05/2019 07:38:01
- Sentiero della Libertà, per tenere viva la Memoria - 01/05/2019 20:05:09
- Caccamo (PA), borgo di storia, arte, cultura - 28/04/2019 06:50:10
- C'era una volta Iato: omaggio dei ragazzi all'antica Iato - 23/04/2019 22:40:32
- U Pani ri Murriali: il pane genuino di una volta - 16/04/2019 17:20:40
- Recanati (MC): L'Infinito di Leopardi compie 200 anni - 13/04/2019 16:51:43
- A Camo (CN) torna PrimaVeraRegia - 11/04/2019 17:17:36
- Ivano Dionigi: Lucrezio, Seneca e noi - 04/04/2019 23:33:23
- Luca Mancini: Il caso dell'Ungheria di Horthy - 09/04/2019 19:14:05
- Il Foscolo di Albano (RM) trionfa al Festival Thauma - 30/03/2019 20:22:23
- Sotto il segno dei pesci: Camaiani celebra la Grecia - 28/03/2019 17:13:29
- Guido Cossard, viaggio nel mondo dell'Archeoastronomia - 25/03/2019 10:47:16
- Rosanna Oliva de Conciliis, una vita per la Parità - 17/03/2019 08:14:51
- Donna o Dea: le raffigurazioni femminili in Sardegna tra passato e pre - 02/03/2019 20:50:25
- Giorgio Ieranò: l'arcano fascino delle isole dell'Egeo - 25/02/2019 09:19:48
- Dea e Femminismo alla Roma Goddess Conference - 21/02/2019 09:10:27
- Elena Ianni: le feste e i falò del Messico - 17/02/2019 19:18:44
- Roma: l'olio d'oliva al Premio Filo della Torre - 15/02/2019 17:02:24
- I giovani attori del Foscolo alla Giornata del Greco - 06/02/2019 17:24:33
- La Penisola del Sinis (OR) tra storia, archeologia e natura - 29/01/2019 17:38:31
- King Camp Gillette: Il Turbine Umano - 19/01/2019 11:59:30
- Barumini (VS), archeologia, storia, cultura nel cuore della Sardegna - 14/01/2019 10:46:56
- Morena Luciani Russo: la ricerca della Dea e lo sciamanesimo - 09/01/2019 06:28:02
- Maurizio Bettini: Il Presepio, storia di un simbolo - 21/12/2018 08:22:38
- Venezia: Idoli, il potere dell'immagine - 12/12/2018 18:57:46
- Simona Modeo, Dioniso in Sicilia - 06/12/2018 17:48:35
- Violette Sauvage a Palazzo Colonna (RM) - 03/12/2018 07:01:13
- Pomezia (RM): Premio Donna d'Autore 2018 - 30/11/2018 06:37:50
- Massimo Blasi, l'incredibile storia degli imperatori romani - 28/11/2018 10:26:59
- Fabio Isman: 1938, l'Italia razzista - 25/11/2018 07:30:10
- Sacrum, lo Stabat Mater di Rossini all'Aracoeli di Roma - 22/11/2018 16:42:46
- Oriana Dal Bosco: il misterioso fascino del Nord Africa - 20/11/2018 17:17:03
- Natale inCHIOSTRO a Monastero di Dronero (CN) - 17/11/2018 07:53:51
- All'Alba Radians di Albano (RM): l'Ecuba di Euripide - 15/11/2018 16:59:16
- Autunno d'Autore a Ruralia, Conosci tu il paese dove... - 13/11/2018 18:40:36
- Marella Giovannelli, una vita tra giornalismo, fotografia e poesia - 09/11/2018 10:04:37
- Daniela Dao Ormena: Le radici chiamano, dolci melodie della Valle Mair - 30/10/2018 13:32:22
- Gli antichi pani di Sardegna protagonisti a Buddusò - 17/10/2018 14:23:34
- Torna a Lanuvio (RM) l'antico rituale della Maza - 04/10/2018 20:39:44
- Nonna Tommy, raccontaci ancora... - 02/10/2018 07:16:37
- A Buddusò (SS) torna Artes in Carrera - 30/09/2018 06:56:22
- Al Museo Africano di Verona la danza degli spiriti - 27/09/2018 00:12:36
- A. Cossard: Archeoastronomy, la prima app di archeoastronomia - 24/09/2018 09:21:18
- Firenze, Viaggio nell'altro e nell'altrove in ricordo di Paolo Grazios - 19/09/2018 08:31:44
- Lanuvio (RM): Buon compleanno, Antonino Pio! - 10/09/2018 06:04:22
- Raffaella De Sanctis, tra scuola e ricerca - 04/09/2018 17:45:49
- Màn. Vietnam Street Heroines in mostra al MAO (TO) - 26/08/2018 10:25:13
- Alessandra Comneno, una vita a contatto con la saggezza dei Nativi - 12/08/2018 19:38:51
- MAO (TO), ORIENTI. 7000 anni di arte asiatica dal Museo delle Civiltà - 07/08/2018 06:17:08
- Senorbì (CA), al MADN La Dea di Turriga, il mistero di un’icona senza - 01/08/2018 07:38:49
- Silvia Tenderini, una vita tra viaggi, ricerche e scrittura - 24/07/2018 19:40:34
- A Villa Giulia (Roma) la Scuola di Archeoastronomia 2018 - 19/07/2018 06:39:50
- Gabriella Mosso, I miei, i tuoi, i nostri - 17/07/2018 05:54:30
- Tagliacozzo (AQ), Festival Internazionale di Mezza Estate - 12/07/2018 06:39:05
- Franco Campus, Nuragici - un Territorio, un'Isola, il Mediterraneo - 09/07/2018 22:21:30
- Carmagnola (TO): Donne e Madonne nell’Arte dal XV secolo ad oggi - 04/07/2018 21:53:04
- Per una rinascita socio-culturale dei borghi della Valle dell'Amaseno - 25/06/2018 07:25:04
- Capalbio (GR), vacanza-laboratorio di Spiritualità Femminile con Devan - 22/06/2018 20:30:12
- Nicola Castangia, Ercole Contu e la scoperta della Tomba dei Vasi Tetr - 18/06/2018 06:44:49
- Castelfidardo (AN): gli studenti del Meucci per la valorizzazione del - 10/06/2018 17:30:57
- Papa Wojtyla in Comelico e in Cadore: il ricordo e l'emozione 30 anni - 27/05/2018 16:40:51
- Scrittori alla scoperta del mondo, una mostra sulla letteratura di via - 22/05/2018 06:00:18
- In viaggio tra le pagine di Elena Dak - 18/05/2018 09:31:20
- Convegno Internazionale contro Terrorismo, radicalizzazione e violenza - 08/05/2018 06:02:05
- Olimpia Biasi, la Viriditas di Ildegarda in mostra all'Hortu - 25/04/2018 15:09:19
- Con Marco Grippa alla scoperta del fascino segreto di Tagikistan e Kir - 18/04/2018 18:40:04
- Da Maenza a Fossanova sulle orme di San Tommaso d'Aquino - 13/04/2018 13:59:02
- Pierluigi Montalbano: l'alba della civiltà sarda - 10/04/2018 14:08:20
- Donne, Madri, Dee: la rappresentazione del femminile in mostra a Udine - 07/04/2018 07:14:26
- In mostra a Milano gli scavi di Achille Vogliano nel Fayum - 28/03/2018 18:52:37
- Sulle tracce della Dea: Viaggio nel Grembo della Storia - 17/03/2018 16:44:27
- Nadia Tarantini: Quando nascesti tu, stella lucente - 05/03/2018 21:14:35
- L'epopea dei Longobardi in mostra al MANN - 26/02/2018 10:45:11
- Verso il contratto di fiume dell'Amaseno - 22/02/2018 11:55:38
- Inside, la nuova collezione di Vittorio Camaiani - 11/02/2018 22:27:58
- Alla scoperta del matriarcato di Bali con Bruna Rotunno - 04/02/2018 13:48:05
- Giornata della Memoria, per non dimenticare - 25/01/2018 18:06:41
- Viaggio nei segreti della bellezza del corpo femminile - 21/01/2018 21:30:48
- Ildegarda di Bingen, maestra di sapienza nel suo tempo e oggi - 10/01/2018 22:22:54
- Selene Calloni: l'arte della ribellione zen per vincere la paura - 05/01/2018 22:57:08
- MANN: grande successo per la mostra sull'America precolombiana - 28/12/2017 14:29:51
- 2018 per Katike: i calendari di ...non lasciamoli soli - 19/12/2017 22:15:21
- Maenza: La rete dei cammini della Valle dell’Amaseno - 12/12/2017 22:31:25
- Al Convivium di Fiuggi i Pensieri sparsi di Daniela Gariglio - 07/12/2017 08:47:07
- Napoli: Il Natale dei 100 Alberi d’Autore - 03/12/2017 09:41:27
- Le donne dei Longobardi: urban-trekking con Michela Zucca - 28/11/2017 13:46:59
- San Martino di Stroppo: piccolo gioiello delle Valli Cuneesi - 24/11/2017 06:54:30
- Signa del Alma: per dire No alla violenza sulle donne - 19/11/2017 08:32:53
- Il nuovo romanzo di Maristella Lippolis: Raccontami tu - 07/11/2017 16:56:46
- Mama Africa: la maternità nell'arte africana - 03/11/2017 11:20:04
- Violette Sauvage: il vintage chic a Palazzo Colonna - 28/10/2017 11:28:12
- Il patrimonio archeologico del Lazio alla BMTA di Paestum - 26/10/2017 15:31:12
- Templari. Dal ducato di Puglia e Calabria, all’Italia del III Millenni - 22/10/2017 17:10:52
- Archeologia ferita: Volti di Palmira ad Aquileia - 11/10/2017 08:02:26
- Giancarlo Sani: alla scoperta delle incisioni rupestri toscane - 03/10/2017 13:36:14
- ... non lasciamoli soli: il progetto per il Nepal di Ilario Sedrani - 26/09/2017 08:24:26
- Giuliana Borghesani: La Maledizione della Liberta - 22/09/2017 14:28:02
- L'uomo, il Cancro del Pianeta - 04/09/2017 20:15:53
- Le caverne delle donne: la grotta di San Colombano - 25/08/2017 17:49:53
- Le figlie sono come le Madri: Donne lungo la Via della Seta - 30/08/2017 12:56:24
- Nemi: tornano i Nemoralia in onore della Dea Diana - 08/08/2017 17:21:44
- Donne e medicina: quale futuro per la medicina di genere? - 05/08/2017 08:48:58
- Arkeotrekking in Trentino: Sui sentieri delle Madri Antiche II - 31/07/2017 08:27:43
- Piero Verni: Tulku, viaggio nel cuore mistico della civiltà tibetana - 25/07/2017 07:11:56
- Ugo Mancini: ragioni e vicende degli antifascisti a Roma e nei Castell - 07/07/2017 18:23:52
- Festival di Tagliacozzo: conferenza stampa di presentazione a Palazzo - 05/07/2017 06:55:48
- Cuneo: Il lato nascosto delle Alpi - 04/07/2017 06:11:40
- Come con gli occhi dei bambini di Terezin - 28/06/2017 21:43:19
- Baby Giulia, storia di un'adolescenza rubata - 18/06/2017 13:18:11
- Francesca D'Amico: le donne nella tradizione contadina abruzzese - 11/06/2017 16:01:53
- Tutela e valorizzazione del patrimonio rurale nel Lazio - 07/06/2017 18:43:20
- Fiume che cammina. Transumanza dall’Adriatico al Lagorai - 03/06/2017 08:02:51
- Roma: VI raduno dei Linfoamici - 01/06/2017 14:32:42
- Atlantide, dal mito alla storia: intervista ad Alessandra Murgia - 20/05/2017 08:13:47
- Ignazio Didu: I Greci e la Sardegna. Il mito e la storia - 12/05/2017 09:18:37
- Sacra Nemora: la cultura del sacro in mostra a Lanuvio - 07/05/2017 23:09:38
- Pizzo d’Irlanda, merletto e ricamo protagonisti sul lago Trasimeno - 02/05/2017 07:59:39
- Arkeotrekking in Trexenta: Le Antiche Madri dei Monti e del Mare - 25/04/2017 19:47:13
- Le donne e il sapere medico-erboristico: un binomio da riscoprire - 07/04/2017 21:29:15
- Linfoamici a Venezia - 30/03/2017 18:13:31
- Com'è giusto che sia: il nuovo thriller di Marina Di Guardo - 29/03/2017 10:34:04
- Herbarie: le chiamavano Streghe - 24/03/2017 21:01:03
- Devana: il risveglio della spiritualità nativa dell'Antica Europa - 17/03/2017 18:33:42
- Andrea Loddo: l'archeologia sperimentale per comprendere le ancestrali - 11/02/2017 20:01:00
- Alla scoperta dell'origine genetica dei Sardi con il prof. Francala - 03/02/2017 08:01:01
- Diego Manzi: viaggio nel cuore della tradizione indiana - 28/01/2017 10:24:25
- Barbara Bonomi Romagnoli: storie di insette felici - 25/01/2017 23:15:02
- Alberto Pattini: Poesia del Trentino. La melodia della Grande Madre - 19/01/2017 21:24:29
- Rinascere dalle distruzioni. Ebla, Nimrud, Palmira - 12/01/2017 21:25:10
- Nori Corbucci: Marta Marzotto, una vita da ricordare - 05/01/2017 00:02:59
- La Sardegna antica nel cuore del Mediterraneo - 30/12/2016 01:04:16
- Sardegna nuragica e falso mistero della lingua etrusca con il linguist - 03/01/2017 07:32:46
- La Stirpe del Sole: una Medea inedita nell'ultimo romanzo di Giuliana - 23/12/2016 14:12:50
- Al Castello di Scilla i Popoli del Mare di Oreste Kessel Pace - 16/12/2016 12:53:26
- SACRUM: concerto dedicato a Papa Francesco all'Aracoeli - 08/12/2016 10:18:48
- Paola Biato: Viaggio nel mondo della Psicofiaba - 04/12/2016 19:28:59
- Il viaggio. Alchimie e Passioni: a Venezia la personale di Irene Manen - 29/11/2016 08:13:34
- Il Natale dei 100 alberi d’autore - 28/11/2016 20:22:54
- Carlo Buldrini: Pellegrinaggio buddhista - 16/11/2016 08:32:43
- A Spazio Mater l'arte digitale di Michele Grimaldi - 13/11/2016 19:50:50
- Gigantes de Perdas: alla scoperta dei nuraghi sardi - 04/11/2016 07:54:20
- Ivo Nardi: Riflessioni sul senso della vita - 24/10/2016 08:27:11
- Fabrizio Manzetti: Nascosti davanti a tutti - 18/10/2016 00:13:25
- Bambine e bambini: divino gioco di pace nel mondo - 28/10/2016 08:24:38
- La Danza degli Archetipi: alle radici del linguaggio simbolico - 13/10/2016 22:41:28
- Alla scoperta dei Fiori di Bach con Gerardo Chirò - 09/10/2016 08:44:23
- Sardegna: curiosità, aneddoti e misteri sardi con Gianmichele Lisai - 04/10/2016 06:59:28
- Roma per Amatrice: Concerto di Beneficenza - 25/09/2016 15:45:16
- Sulle tracce dell' archeologia dell'evanescente con Paola Di Si - 22/09/2016 15:21:18
- Sebastiano Brocchi: alchimia, esoterismo, simbologia sacra e mistero - 18/09/2016 08:55:07
- Milano: appuntamento per il World Lymphoma Awareness Day - 13/09/2016 07:41:13
- Sulla via degli sciamani del Sudamerica con Stefano Lioni - 29/08/2016 08:00:22
- Sulle orme dei Moso con l'antropologa Francesca Rosati Freeman - 16/08/2016 07:13:59
- Sui sentieri dei luoghi di culto della Grande Dea con Luisella Veroli - 11/08/2016 08:48:06
- Un Altro Mondo per i Diritti della Pachamama - 27/07/2016 07:32:44
- Alessandra Di Gesù: viaggio nelle Tradizioni Misteriche del Mediterran - 05/07/2016 08:00:50
- Abbracci gratis contro il linfoma: a Roma il V raduno dei Linfoami - 31/05/2016 23:23:59
- Out of Tibet: il foto-racconto della diaspora tibetana sbarca a Roma - 23/05/2016 00:04:09
- Il Canto delle Sirene in mostra a Bologna - 22/05/2016 10:02:01
- La cultura dei Moso arriva al Ramadù di Cisterna - 16/04/2016 21:08:59
- Donne e scienza: un binomio per troppo tempo ignorato - 24/03/2016 07:51:18
- Suffragette 2.0: approda al Peano di Roma - 14/03/2016 22:06:13
- Palazzo Visconti: Alta Moda della Sartoria Angela - 09/03/2016 08:47:43
- Il respiro profondo di una Nuova Era - 04/03/2016 14:17:21
- Festa grande per i 35 anni di attività di Erno Rossi - 01/03/2016 14:29:34
- I Sentieri della Terra: come restituire vita e dignità alla Mad - 20/02/2016 09:06:03
- Le remote origini del tatuaggio con l'antropologa Michela Zucca - 23/01/2016 09:46:08
- Mantra Madre e Il profumo della luna: libri per il risveglio dell'anim - 24/12/2015 10:37:15
- Roma: il Rito del Grembo - 12/12/2015 00:42:29
- Alla scoperta delle vere origini di Halloween con Monica - 31/10/2015 20:24:53
I COMMENTI RELATIVI ALL'ARTICOLO
Invia un commento alla Redazione
Email
Nome e Cognome
Messaggio
Gentile lettore, prima di inviare il Suo messaggio:

compilare il codice di sicurezza sottostante copiando l'immagine raffigurata;

CAPTCHA 
cambia codice

inserisci codice



Per pubblicare, in fondo all'articolo, il suo commento selezionare il pulsante sottostante.

Pubblicazione
  Si    solo nome
  Si    nome e cognome
  No


Grazie della collaborazione.

© 2014 - ftNews è una testata di libera informazione.