Redazione     Informativa     Link  

Irene Borgna: Louis Oreiller, il pastore di stambecchi

lunedì, 20 luglio 2020 07:47

condividi su facebook
Louis Oreiller (foto di fratel Andrea Serafino)
Francesca Bianchi
La montagna mi ha visto nascere, mi ha nutrito, insegnato, curato. Così sono diventato il signore delle cenge rocciose, la sentinella dei valichi secondari e l'esperto delle morene nascoste: ho regnato su quel reame di sassi non perché era mio, ma perché gli appartenevo. La montagna mi ha concesso di starle insieme e io sono diventato il suo custode rispettoso, un pastore di stambecchi in tutte le stagioni. (Louis Oreiller)
FtNews ha intervistato l'antropologa alpina Irene Borgna, che due anni fa per la collana di letteratura di montagna Passi, edita da Ponte alle Grazie in collaborazione con il Club Alpino Italiano, ha pubblicato il libro Il Pastore di Stambecchi. Storia di una vita fuori traccia, scritto insieme a Louis Oreiller.
Nato nel 1934 a Rhêmes-Notre-Dame, grazioso paesino a 1725 metri di quota immerso all'interno del Parco Nazionale del Gran Paradiso, Oreiller da ragazzo, mosso dalla povertà, ha fatto il cacciatore, il manovale, il boscaiolo e il contrabbandiere. A un certo punto la sua vita ha subito una svolta: è stato prima guardiaparco, poi guardiacaccia, diventando il signore delle cenge rocciose, la sentinella dei valichi secondari e l'esperto delle morene nascoste, un pastore di stambecchi in tutte le stagioni. Ha iniziato a parlare e a vivere in simbiosi con i cani, le volpi, le marmotte, i gipeti, i camosci, con i tanti animali che hanno sempre popolato quell'incantevole angolo della Valle d'Aosta. Nelle lunghe giornate solitarie al cospetto di vette e ghiacciai, Louis ha saputo ascoltare le cascate, gli alberi, gli animali, ha instaurato un dialogo intenso e complice con la natura in cui era immerso e verso cui si è sempre comportato come un ospite rispettoso. Appartengo alla montagna, Rhêmes è la mia terra, la mia mamma... Di questo fiero montanaro allergico al mare e alla pianura colpisce proprio il legame indissolubile con la Natura, la devozione filiale e l'amore sconfinato nei confronti della terra in cui è nato e da cui non si è mai allontanato: un reame di sassi di cui conosce ogni canalone, ogni balza di roccia, ogni albero. Nel corso della nostra bella intervista Irene - che il mese scorso è tornata in libreria con Sulle Alpi (Editoriale Scienza) https://www.editorialescienza.it/it/libro/sulle-alpi-ambiente-alpino-spiegato-ai-bambini.htm , un libro illustrato per ragazzi per scoprire aneddoti e curiosità sulla natura e sulla storia delle montagne - ci racconta come trascorrevano le lunghe giornate solitarie di Oreiller da guardiaparco e da guardiacaccia, quali espedienti escogitava per non farsi vedere dai bracconieri, svelandoci simpatici aneddoti dei tanti pomeriggi trascorsi a casa di Louis e di sua moglie Nathalie davanti a una serie infinita di caffè.
Così prendono forma i tanti ricordi di un'intera vita trascorsa in alta quota, sempre rigorosamente "fuori traccia". Irene spiega anche come è cambiato il rapporto di Louis con la montagna ora che non può allontanarsi molto dalla propria abitazione e molti lavori sono diventati per lui faticosi.
La preziosa testimonianza di vita di questo geloso custode di una civiltà ormai scomparsa ci ricorda che siamo parte del disegno, il nostro destino è collegato a quello di tutti i viventi. Louis è stato un uomo capace di adattarsi senza perdersi e questa potrebbe essere una delle sue eredità più grandi. Accettare i limiti (anzi, sceglierseli consapevolmente), sentirsi parte del tutto, lavorare duro, essere giusti e coraggiosi, non dimenticarsi di sorridere, mai. (Irene Borgna)

Irene, tu hai all'attivo un dottorato di ricerca in Antropologia alpina con l'antropologo e scrittore Marco Aime. Di cosa si occupa esattamente questa disciplina?
L’antropologia alpina è stata fondata all’inizio del Novecento da alcuni tizi curiosi che, invece di andare a ficcanasare in giro per il mondo alla ricerca di popolazioni remote, hanno rivolto il loro sguardo e la loro attenzione per la prima volta alle Alpi. E, così facendo, hanno scoperto una sorta di continente misterioso, piazzato proprio nel cuore dell’Europa e caratterizzato da una ricchezza di lingue, usi, costumi, tradizioni, mitologie, farmacopee pazzesca. Era l’esotico dietro casa, il diverso senza dover prendere l’aereo. Se vogliamo dare una definizione più generale, gli antropologi alpini si interessano dei mille modi con cui gli esseri umani si sono attrezzati per fare sulle Alpi le stesse cose che facciamo dappertutto: vestirci, costruirci un riparo, accoppiarci, curarci, immaginarci il divino e rappresentare il mondo. Non finirò mai di meravigliarmi di quanto, in condizioni paragonabili di quota, di clima, di esposizione, la storia e la fantasia umana abbiano dato vita a un insieme sorprendente di soluzioni differenti e simili nello stesso tempo.

Due anni fa per Ponte alle Grazie hai dato alle stampe il libro Il Pastore di Stambecchi. Storia di una vita fuori traccia, scritto insieme a Louis Oreiller. Come sei riuscita a "scovare" la storia di questo indomito montanaro "allergico al mare e alla pianura" e, soprattutto, a raccogliere le sue confidenze e i ricordi della sua lunga vita trascorsa in alta quota?
Un colpo di fortuna. Un mio amico scrittore, che si chiama Marco Magnone (e che ho conosciuto in occasione di una residenza d’artista in Valle Gesso - io organizzavo, non ero l’artista), un giorno mi chiama e mi dice che un amico (Gianandrea Piccioli) di amici (Marco Revelli e Antonella Tarpino) cercava qualcuno che raccogliesse le storie di un anziano montanaro che abita e ha sempre vissuto in un paese remoto della Valle d’Aosta. Mi chiese se ero interessata a provare e mi mise in contatto con Gianandrea. Va da sé che era una proposta così strampalata e improbabile che non ho saputo resistere: sono stata contattata dal fantomatico “amico di amici” che mi ha invitata a Rhêmes. Lì ho conosciuto Louis e… per fortuna ci siamo annusati e piaciuti da subito. È stato il primo di una lunga serie di viaggi a Rhêmes e di chiacchierate lunghe pomeriggi interi.
Rhêmes-Notre-Dame (foto di Piero Borgna)
Oreiller è cresciuto con la guerra. Da ragazzo, mosso dalla povertà, è stato cacciatore, manovale e contrabbandiere. Nel libro racconta che spesso la mattina, prima di andare a scuola, andava a caccia di marmotte e di faine. A un certo punto, però, la sua vita ha subito un cambiamento radicale: è diventato prima guardiaparco, poi guardiacaccia. Così, nel susseguirsi delle stagioni, è diventato il signore delle cenge rocciose, la sentinella dei valichi secondari e l'esperto delle morene nascoste, un pastore di stambecchi in tutte le stagioni. Ha iniziato a parlare e a vivere in simbiosi con i cani, le mucche, le galline, con i tanti animali che popolano quell'incantevole angolo della Valle d'Aosta. Immerso nella superba bellezza di vette e ghiacciai, come trascorrevano le lunghe giornate solitarie da guardiaparco e da guardiacaccia? Quali espedienti escogitava per non farsi vedere dai bracconieri?
Oggi, invece, come trascorrono le giornate di Louis? È cambiato il suo rapporto con la montagna?

Immagina quanto può essere difficile, imbarazzante persino, trovarsi a fare la “guardia” in una piccola comunità dove tutti si conoscono, quando fino al giorno prima ingrossavi anche tu le fila dei “ladri”. Louis aveva il suo sistema per non venire meno al suo dovere e nello stesso tempo per fare meno multe possibile: prevenire. Partiva a notte fonda per poter essere già sul posto prima dell’arrivo dei bracconieri, in modo da poter sventare il peggio, evitando che uccidessero gli animali. Conoscendo il mestiere, per lui era facile trovare i punti giusti dove aspettare e da dove osservare senza esser visto…
Le sue giornate erano divise fra i compiti quotidiani (portare il sale, censire gli animali, fare vigilanza, accompagnare persone nel Parco o nella Riserva) e l’osservazione solitaria della natura, che occupava molte ore del suo tempo. Credo che il suo cambio di prospettiva, da predatore per necessità a parte della montagna per esperienza, sia stato aiutato parecchio dal fatto di avere la possibilità di osservare la natura per ore, a occhio nudo o da dietro il binocolo, liberato dell’urgenza immediata di doversi procurare il cibo.
Oggi Louis se ne sta a casa con Nathalie, sua moglie. Bada alle faccende di casa, alle galline. Gironzola nei dintorni, ma senza spingersi troppo lontano. È ancora bravissimo a dileguarsi facendo perdere le sue tracce quando non gli va di incontrare nessuno, chiacchiera volentieri con chi gli va a genio - ammesso che sia dell’umore giusto. Qualche lavoro è diventato un po' pesante per lui e non si dà pace per questo: uno dei suoi crucci è di non riuscire più a fare la legna per la stufa per Natalia.

Tante volte Louis ha accompagnato gruppi di ricercatori al Parco Nazionale del Gran Paradiso e molti clienti della Riserva di caccia. Per lui era un po' come girare il mondo senza muoversi da Rhêmes... Animato da un profondo desiderio di conoscenza, da tutti ha cercato di apprendere qualcosa. Oggi che rapporto ha con i tanti turisti che si riversano a Rhêmes-Notre-Dame e con coloro che vogliono conoscere da vicino questo piccolo paese d'alta montagna e la civiltà alpina della Val di Rhêmes?
Oddio, nella misura in cui si tratta di persone civili, rispettose e genuinamente interessate alla natura e alla cultura locali (sempre se ne ha voglia e sempre che quel giorno sia dell’umore giusto), Louis sa essere accogliente e racconta volentieri e di gusto. Diciamo, però, che questo non è esattamente l’identikit del turista medio, e allora possono nascere dei contrattempi che talvolta sfociano in veri e proprio battibecchi. Soprattutto quando qualcuno della piana commette l’imprudenza di provare a spiegare a Louis come si sta al mondo e come si vive in montagna. A prescindere, non ho dubbi su da che parte schierarmi: anch’io ho un po’ la sindrome da invasione, quando i sentieri sono troppo affollati - e cerco gli itinerari più scartati, a margine.

Cosa significava vivere la montagna a quei tempi? Tu, Irene, hai avuto il piacere di ascoltare dal vivo i ricordi più cari della vita di questo fiero testimone di una civiltà ormai scomparsa. Come pensi sia cambiato nel tempo il rapporto degli uomini con la montagna?
Vivere in montagna a quei tempi era una fatica e una tribolazione. Adesso che abbiamo le pance piene e il riscaldamento diventiamo troppo spesso e troppo facilmente nostalgici, dimenticando che difficilmente uno di noi sopravvivrebbe a una sola settimana vissuta nelle condizioni di freddo, fame, fatica di quando Louis era bambino. Detesto la retorica del “si stava meglio quando si stava peggio”. Quello che fa inferocire Louis, e che condivido, è che oggi ci sarebbero gli strumenti (legislativi e tecnici) per incoraggiare un ritorno alla montagna, magari non quella estrema, non alle borgate più in quota e disperse, ma alla media montagna. La montagna abitata in modo rispettoso è un’opzione praticabile e anche desiderabile, ma non basta la buona volontà di pochi: servono leggi che facilitino un certo tipo di insediamento che fa bene al territorio, che impediscano gli abusi edilizi, che incoraggino la manutenzione della montagna.
Oggi la montagna “povera”, quella che ha visto il grande spopolamento a partire dagli anni ‘20, è rimasta spopolata e sta perdendo anche gli ultimi servizi. I turisti arrivano a ondate e, veloci come sono venuti e (per la maggior parte) ignoranti come davanzali, tornano in basso portandosi via più selfie che ricordi. Per il cittadino medio la montagna è un posto “incontaminato” (ogni volta che qualcuno, riferendosi alle Alpi, le definisce incontaminate, un antropologo alpino viene colpito da una colica, perché non c’è centimetro quadrato delle Alpi che non sia stato profondamente trasformato dall’attività umana n.d.a.) dove ricaricare le batterie, nemmeno fossimo dei telefoni giù di tono. Per il montanaro medio, che non ha scelto la montagna, le terre alte sono semplicemente un posto più scomodo di un altro dove abitare. La fetta interessante sono i forestieri che lasciano la pianura o la città per fare sul serio, cercando un modo (e, ve lo assicuro perché ci sbatto il naso tutti i giorni, non è facile) per vivere e lavorare in montagna. Oppure i montanari, nati in montagna, che a un certo punto della loro vita la montagna se la sono scelta, che sarebbero potuti andare a vivere altrove e che, invece, magari dopo l’università, sono tornati e realizzano progetti di vita originali. Un timore che mi ossessiona?
Irene Borgna (foto di Andrea Fenoglio)
Che quando il riscaldamento globale renderà difficile vivere in città, la montagna venga presa d’assalto in modo disordinato. Se fossimo un minimo previdenti ci organizzeremmo per evitarlo, così come dovremmo da subito mutare in modo radicale il nostro stile di vita, ma il periodo post-Covid ci sta dimostrando che come specie siamo sempre convinti che l’estinzione non sia un’opzione che ci riguarda da vicino.

Che ricordo conserva delle tante giornate trascorse insieme a Louis Oreiller?
Caffè. Infiniti. Nel bicchiere di vetro spesso da osteria. Niente a che vedere con quelle robe inquinanti da fighetti che sono le cialde: caffè nero della moka, bello carico. Eventualmente allungato con panna. Decine di sigarette girate da Louis. Ore di racconti. Qualche sporadico intervento di Nathalie, che parla poco, ma mai a sproposito e sempre con una vena di ironia davvero rara. Il registratore che cade fra le pieghe del divano e ce lo dimentichiamo perché siamo troppo presi dalle parole. Il trasformarsi delle visite in momenti di confidenza, oserei quasi dire di amicizia. Peraltro: non ci siamo mica persi di vista. Compatibilmente con gli impegni di lavoro, si torna appena possibile a trovare Louis e Nathalie. Anche con Gianandrea e Donella, che me li hanno presentati, è nata una bella amicizia.
Su tutto, il ricordo di un montanaro autentico e nello stesso tempo atipico perché allegro, ironico, interessato al mondo, capace di indignarsi ancora per le ingiustizie, disponibile ad ascoltare anche i piccoli fatti della vita degli altri con sincera attenzione. Louis è speciale perché avrebbe potuto scegliere di vivere altrove, di andarsene, di fare altro, invece ha deciso di restare. La montagna per lui è diventata una scelta, non una condanna. E fa una bella differenza.

Appartengo alla montagna, Rhêmes è la mia terra, la mia mamma... Di Louis colpisce il legame indissolubile con la Natura, la devozione filiale nei confronti della terra in cui è nato e da cui non si è mai allontanato. Nelle lunghe giornate solitarie al cospetto delle sue amate montagne, Louis ha saputo ascoltare le cascate, gli alberi, gli animali, ha instaurato un dialogo intenso e complice con la natura in cui era immerso. Quale lezione può ricavare da questa esperienza l'uomo di oggi, che nella sua visione arrogante e antropocentrica non si fa scrupolo alcuno nel saccheggiare e depredare le infinite ricchezze che Madre Terra ci dona? Quale messaggio ti auguri possa arrivare a tutti coloro che leggeranno questa preziosa testimonianza di una vita vissuta quasi sempre "fuori traccia"?
Senso del limite. Senso della connessione. Perché fra le righe Louis racconta che la natura non è un quadro che noi ammiriamo da fuori della cornice. Siamo parte del disegno, il nostro destino è collegato a quello di tutti i viventi. Con la differenza che stiamo compromettendo per avidità le condizioni di esistenza delle altre specie.
Ogni lettore troverà nel libro il “suo” messaggio. Perché è sempre così: riconosciamo nei libri qualcosa che ci risuona perché lo serbiamo dentro. Qualcuno, leggendo i racconti di Louis, si riconoscerà nella sua curiosità, nella capacità di osservazione, nell’umiltà del mettersi in ascolto per cercare di capire, nel suo coraggio, persino nella sua baldanzosa faccia tosta. Tutti, senza accorgersene, si porteranno nel cuore l’affresco di un mondo perduto che Louis ha traghettato dagli anni ‘30 del Novecento al terzo millennio. Louis è stato un uomo capace di adattarsi senza perdersi e questa potrebbe essere una delle sue eredità più grandi. Accettare i limiti (anzi, sceglierseli consapevolmente), sentirsi parte del tutto, lavorare duro, essere giusti e coraggiosi, non dimenticarsi di sorridere, mai.
Mostra altri Articoli di questo autore
info@freetopnews.it
- Valle d'Aosta, presentata la XXIII edizione del Gran Paradiso Film Fe - 27/07/2020 19:42:54
- Irene Borgna: Louis Oreiller, il pastore di stambecchi - 20/07/2020 07:47:15
- Genzano, a Casa Mamre QUESTO MARE E’ PIENO DI VOCI - 16/07/2020 09:22:00
- Corrado Ruggeri, una vita in viaggio - 13/07/2020 07:30:17
- Lungo i sentieri del Cammino Ibleo con Nanni Di Falco - 06/07/2020 16:49:35
- Alla scoperta del nuraghe Majori di Tempio Pausania - 30/06/2020 07:39:09
- Lorenzo Braccesi: Olimpiade e Zenobia, quando il potere è donna - 24/06/2020 05:26:37
- Ove abitai fanciullo: a Recanati aprono le stanze private di Giacomo L - 15/06/2020 14:18:28
- I reperti assiri di Faida al premio mondiale in memoria di Khaled al-A - 08/06/2020 07:43:10
- Mauro Bonazzi: i Greci e il mistero dell'esistenza - 01/06/2020 07:22:54
- PandemicA, racconto corale per immagini - 21/05/2020 07:52:03
- Antonietta Langiu, la mia Isola - 08/05/2020 09:22:34
- Susanna Garavaglia: il risveglio della coscienza interiore - 29/04/2020 05:09:43
- Rosanna Raffaelli Ghedina: folclore, leggende e simboli delle Dolomiti - 16/04/2020 23:10:44
- Giorgio Murru: Spiriti e Dèi nella statuaria preistorica della Sardegn - 09/04/2020 13:50:32
- Una Maschera, un Volto, un Paese: il Carnevale in Sardegna - 07/03/2020 07:34:21
- Pe’ terre assaje luntane: al MANN l’emigrazione ischitana in America - 01/03/2020 19:33:00
- Thalassa: a Napoli le meraviglie sommerse dal Mediterraneo - 27/02/2020 23:09:38
- Nel segreto mare delle stelle di Marella Giovannelli - 25/02/2020 18:10:02
- Marcello Cabriolu, la Sardegna e il Mediterraneo Occidentale - 17/02/2020 21:27:55
- Erika Maderna, sulle tracce della medicina delle streghe e delle sant - 27/01/2020 06:48:31
- Federico Fellini: ironico, beffardo e centenario - 14/01/2020 07:56:24
- Pompei e Santorini, l'eternità in un giorno - 04/01/2020 08:29:04
- Andrea Icardi, un anno in Alta Valle Maira - 30/12/2019 14:15:42
- Archeologi italiani riportano alla luce i reperti assiri di Faida - 15/12/2019 09:45:07
- Augusto Mulas: l'orientamento astronomico dei nuraghi - 09/12/2019 19:01:03
- Margherita Massari: Ildegarda di Bingen, Sibilla e Dottore della Chies - 06/12/2019 09:18:37
- Il mito immortale di Cartagine in mostra a Roma - 04/12/2019 00:02:27
- Aquileia 2200. Porta di Roma verso i Balcani e l’Oriente - 29/11/2019 05:28:33
- Michele Porcaro: ASSTEAS - Storia del Vaso più bello del mondo - 19/11/2019 00:26:44
- Silvia Romani: credenze, miti e dei degli antichi - 11/11/2019 13:10:02
- All'Alba Radians di Albano (RM) il Filottete di Sofocle - 06/11/2019 16:36:58
- Mulino della Riviera di Dronero (CN), una storia firmata Cavanna - 29/10/2019 18:50:24
- Galluras, il Museo della Femina Agabbadòra - 22/10/2019 07:00:03
- Ugo Mancini: Sotto la cenere, storie di vita quotidiana durante il ven - 10/10/2019 20:51:11
- Alessandra Derriu: streghe, indovine e curatrici nella Sardegna del '7 - 04/10/2019 07:06:18
- Giuseppe Vito Internicola: Castellammare del Golfo, alle origini di un - 29/09/2019 18:15:59
- Città della Pieve (PG) si prepara ad accogliere Il Nostro Tempo - 25/09/2019 15:20:51
- Uno spazio per le Donne: alla scoperta del mondo femminile sardo e non - 23/09/2019 08:37:50
- Olmedo (SS), storia, tradizioni, folklore - 21/09/2019 09:21:49
- Silvia Giorcelli Bersani: I Romani e le Alpi - 16/09/2019 14:05:54
- Rossella Giglio: Segesta, tra teatro, musica, natura - 08/08/2019 15:56:16
- Enrico Caruso: la rinascita di Selinunte - 01/08/2019 14:29:05
- Lucina Gandolfo: alla scoperta di Monte Iato - 31/07/2019 07:33:07
- Sulle spiagge pontine tornano i Racconti di Sabaudia - 30/07/2019 08:47:45
- Tagliacozzo (AQ): XXXV Festival Internazionale di Mezza Estate - 22/07/2019 14:36:02
- Civiltà del sole: l'archeoastronomia nella Sicilia preistorica - 19/07/2019 07:30:13
- Cristina Muntoni, il potere delle parole nella storia della sacralità - 15/07/2019 18:12:54
- Francesco Bianco, un cammino tra verità nascoste - 13/07/2019 06:58:14
- Filippo Drago, mugnaio siciliano fra tradizione e modernità - 09/07/2019 07:28:20
- Con la KERNOS alla scoperta di Castellammare del Golfo - 02/07/2019 18:17:21
- Per una rinascita di Castelvetrano, città d'arte, storia, cultura - 27/06/2019 18:13:44
- Marinella Fiume: sapienza, virtù e misteri dell'universo simbolico fem - 11/06/2019 19:04:31
- Stefano Pucci: le incisioni rupestri delle Alpi Apuane - 07/06/2019 09:24:59
- Albano (RM), al via la Rassegna del Teatro Antico - 26/05/2019 18:33:37
- Max Dashu: Streghe e pagane, le donne nella cultura popolare europea - 14/05/2019 07:18:46
- Diego Maggio: profumi, aromi e sapori siculo-panteschi - 09/05/2019 08:15:34
- Regius, omaggio allo stupor mundi Federico II di Svevia - 03/05/2019 07:38:01
- Sentiero della Libertà, per tenere viva la Memoria - 01/05/2019 20:05:09
- Caccamo (PA), borgo di storia, arte, cultura - 28/04/2019 06:50:10
- C'era una volta Iato: omaggio dei ragazzi all'antica Iato - 23/04/2019 22:40:32
- U Pani ri Murriali: il pane genuino di una volta - 16/04/2019 17:20:40
- Recanati (MC): L'Infinito di Leopardi compie 200 anni - 13/04/2019 16:51:43
- A Camo (CN) torna PrimaVeraRegia - 11/04/2019 17:17:36
- Ivano Dionigi: Lucrezio, Seneca e noi - 04/04/2019 23:33:23
- Luca Mancini: Il caso dell'Ungheria di Horthy - 09/04/2019 19:14:05
- Il Foscolo di Albano (RM) trionfa al Festival Thauma - 30/03/2019 20:22:23
- Sotto il segno dei pesci: Camaiani celebra la Grecia - 28/03/2019 17:13:29
- Guido Cossard, viaggio nel mondo dell'Archeoastronomia - 25/03/2019 10:47:16
- Rosanna Oliva de Conciliis, una vita per la Parità - 17/03/2019 08:14:51
- Donna o Dea: le raffigurazioni femminili in Sardegna tra passato e pre - 02/03/2019 20:50:25
- Giorgio Ieranò: l'arcano fascino delle isole dell'Egeo - 25/02/2019 09:19:48
- Dea e Femminismo alla Roma Goddess Conference - 21/02/2019 09:10:27
- Elena Ianni: le feste e i falò del Messico - 17/02/2019 19:18:44
- Roma: l'olio d'oliva al Premio Filo della Torre - 15/02/2019 17:02:24
- I giovani attori del Foscolo alla Giornata del Greco - 06/02/2019 17:24:33
- La Penisola del Sinis (OR) tra storia, archeologia e natura - 29/01/2019 17:38:31
- King Camp Gillette: Il Turbine Umano - 19/01/2019 11:59:30
- Barumini (VS), archeologia, storia, cultura nel cuore della Sardegna - 14/01/2019 10:46:56
- Morena Luciani Russo: la ricerca della Dea e lo sciamanesimo - 09/01/2019 06:28:02
- Maurizio Bettini: Il Presepio, storia di un simbolo - 21/12/2018 08:22:38
- Venezia: Idoli, il potere dell'immagine - 12/12/2018 18:57:46
- Simona Modeo, Dioniso in Sicilia - 06/12/2018 17:48:35
- Violette Sauvage a Palazzo Colonna (RM) - 03/12/2018 07:01:13
- Pomezia (RM): Premio Donna d'Autore 2018 - 30/11/2018 06:37:50
- Massimo Blasi, l'incredibile storia degli imperatori romani - 28/11/2018 10:26:59
- Fabio Isman: 1938, l'Italia razzista - 25/11/2018 07:30:10
- Sacrum, lo Stabat Mater di Rossini all'Aracoeli di Roma - 22/11/2018 16:42:46
- Oriana Dal Bosco: il misterioso fascino del Nord Africa - 20/11/2018 17:17:03
- Natale inCHIOSTRO a Monastero di Dronero (CN) - 17/11/2018 07:53:51
- All'Alba Radians di Albano (RM): l'Ecuba di Euripide - 15/11/2018 16:59:16
- Autunno d'Autore a Ruralia, Conosci tu il paese dove... - 13/11/2018 18:40:36
- Marella Giovannelli, una vita tra giornalismo, fotografia e poesia - 09/11/2018 10:04:37
- Daniela Dao Ormena: Le radici chiamano, dolci melodie della Valle Mair - 30/10/2018 13:32:22
- Gli antichi pani di Sardegna protagonisti a Buddusò - 17/10/2018 14:23:34
- Torna a Lanuvio (RM) l'antico rituale della Maza - 04/10/2018 20:39:44
- Nonna Tommy, raccontaci ancora... - 02/10/2018 07:16:37
- A Buddusò (SS) torna Artes in Carrera - 30/09/2018 06:56:22
- Al Museo Africano di Verona la danza degli spiriti - 27/09/2018 00:12:36
- A. Cossard: Archeoastronomy, la prima app di archeoastronomia - 24/09/2018 09:21:18
- Firenze, Viaggio nell'altro e nell'altrove in ricordo di Paolo Grazios - 19/09/2018 08:31:44
- Lanuvio (RM): Buon compleanno, Antonino Pio! - 10/09/2018 06:04:22
- Raffaella De Sanctis, tra scuola e ricerca - 04/09/2018 17:45:49
- Màn. Vietnam Street Heroines in mostra al MAO (TO) - 26/08/2018 10:25:13
- Alessandra Comneno, una vita a contatto con la saggezza dei Nativi - 12/08/2018 19:38:51
- MAO (TO), ORIENTI. 7000 anni di arte asiatica dal Museo delle Civiltà - 07/08/2018 06:17:08
- Senorbì (CA), al MADN La Dea di Turriga, il mistero di un’icona senza - 01/08/2018 07:38:49
- Silvia Tenderini, una vita tra viaggi, ricerche e scrittura - 24/07/2018 19:40:34
- A Villa Giulia (Roma) la Scuola di Archeoastronomia 2018 - 19/07/2018 06:39:50
- Gabriella Mosso, I miei, i tuoi, i nostri - 17/07/2018 05:54:30
- Tagliacozzo (AQ), Festival Internazionale di Mezza Estate - 12/07/2018 06:39:05
- Franco Campus, Nuragici - un Territorio, un'Isola, il Mediterraneo - 09/07/2018 22:21:30
- Carmagnola (TO): Donne e Madonne nell’Arte dal XV secolo ad oggi - 04/07/2018 21:53:04
- Per una rinascita socio-culturale dei borghi della Valle dell'Amaseno - 25/06/2018 07:25:04
- Capalbio (GR), vacanza-laboratorio di Spiritualità Femminile con Devan - 22/06/2018 20:30:12
- Nicola Castangia, Ercole Contu e la scoperta della Tomba dei Vasi Tetr - 18/06/2018 06:44:49
- Castelfidardo (AN): gli studenti del Meucci per la valorizzazione del - 10/06/2018 17:30:57
- Papa Wojtyla in Comelico e in Cadore: il ricordo e l'emozione 30 anni - 27/05/2018 16:40:51
- Scrittori alla scoperta del mondo, una mostra sulla letteratura di via - 22/05/2018 06:00:18
- In viaggio tra le pagine di Elena Dak - 18/05/2018 09:31:20
- Convegno Internazionale contro Terrorismo, radicalizzazione e violenza - 08/05/2018 06:02:05
- Olimpia Biasi, la Viriditas di Ildegarda in mostra all'Hortu - 25/04/2018 15:09:19
- Con Marco Grippa alla scoperta del fascino segreto di Tagikistan e Kir - 18/04/2018 18:40:04
- Da Maenza a Fossanova sulle orme di San Tommaso d'Aquino - 13/04/2018 13:59:02
- Pierluigi Montalbano: l'alba della civiltà sarda - 10/04/2018 14:08:20
- Donne, Madri, Dee: la rappresentazione del femminile in mostra a Udine - 07/04/2018 07:14:26
- In mostra a Milano gli scavi di Achille Vogliano nel Fayum - 28/03/2018 18:52:37
- Sulle tracce della Dea: Viaggio nel Grembo della Storia - 17/03/2018 16:44:27
- Nadia Tarantini: Quando nascesti tu, stella lucente - 05/03/2018 21:14:35
- L'epopea dei Longobardi in mostra al MANN - 26/02/2018 10:45:11
- Verso il contratto di fiume dell'Amaseno - 22/02/2018 11:55:38
- Inside, la nuova collezione di Vittorio Camaiani - 11/02/2018 22:27:58
- Alla scoperta del matriarcato di Bali con Bruna Rotunno - 04/02/2018 13:48:05
- Giornata della Memoria, per non dimenticare - 25/01/2018 18:06:41
- Viaggio nei segreti della bellezza del corpo femminile - 21/01/2018 21:30:48
- Ildegarda di Bingen, maestra di sapienza nel suo tempo e oggi - 10/01/2018 22:22:54
- Selene Calloni: l'arte della ribellione zen per vincere la paura - 05/01/2018 22:57:08
- MANN: grande successo per la mostra sull'America precolombiana - 28/12/2017 14:29:51
- 2018 per Katike: i calendari di ...non lasciamoli soli - 19/12/2017 22:15:21
- Maenza: La rete dei cammini della Valle dell’Amaseno - 12/12/2017 22:31:25
- Al Convivium di Fiuggi i Pensieri sparsi di Daniela Gariglio - 07/12/2017 08:47:07
- Napoli: Il Natale dei 100 Alberi d’Autore - 03/12/2017 09:41:27
- Le donne dei Longobardi: urban-trekking con Michela Zucca - 28/11/2017 13:46:59
- San Martino di Stroppo: piccolo gioiello delle Valli Cuneesi - 24/11/2017 06:54:30
- Signa del Alma: per dire No alla violenza sulle donne - 19/11/2017 08:32:53
- Il nuovo romanzo di Maristella Lippolis: Raccontami tu - 07/11/2017 16:56:46
- Mama Africa: la maternità nell'arte africana - 03/11/2017 11:20:04
- Violette Sauvage: il vintage chic a Palazzo Colonna - 28/10/2017 11:28:12
- Il patrimonio archeologico del Lazio alla BMTA di Paestum - 26/10/2017 15:31:12
- Templari. Dal ducato di Puglia e Calabria, all’Italia del III Millenni - 22/10/2017 17:10:52
- Archeologia ferita: Volti di Palmira ad Aquileia - 11/10/2017 08:02:26
- Giancarlo Sani: alla scoperta delle incisioni rupestri toscane - 03/10/2017 13:36:14
- ... non lasciamoli soli: il progetto per il Nepal di Ilario Sedrani - 26/09/2017 08:24:26
- Giuliana Borghesani: La Maledizione della Liberta - 22/09/2017 14:28:02
- L'uomo, il Cancro del Pianeta - 04/09/2017 20:15:53
- Le caverne delle donne: la grotta di San Colombano - 25/08/2017 17:49:53
- Le figlie sono come le Madri: Donne lungo la Via della Seta - 30/08/2017 12:56:24
- Nemi: tornano i Nemoralia in onore della Dea Diana - 08/08/2017 17:21:44
- Donne e medicina: quale futuro per la medicina di genere? - 05/08/2017 08:48:58
- Arkeotrekking in Trentino: Sui sentieri delle Madri Antiche II - 31/07/2017 08:27:43
- Piero Verni: Tulku, viaggio nel cuore mistico della civiltà tibetana - 25/07/2017 07:11:56
- Ugo Mancini: ragioni e vicende degli antifascisti a Roma e nei Castell - 07/07/2017 18:23:52
- Festival di Tagliacozzo: conferenza stampa di presentazione a Palazzo - 05/07/2017 06:55:48
- Cuneo: Il lato nascosto delle Alpi - 04/07/2017 06:11:40
- Come con gli occhi dei bambini di Terezin - 28/06/2017 21:43:19
- Baby Giulia, storia di un'adolescenza rubata - 18/06/2017 13:18:11
- Francesca D'Amico: le donne nella tradizione contadina abruzzese - 11/06/2017 16:01:53
- Tutela e valorizzazione del patrimonio rurale nel Lazio - 07/06/2017 18:43:20
- Fiume che cammina. Transumanza dall’Adriatico al Lagorai - 03/06/2017 08:02:51
- Roma: VI raduno dei Linfoamici - 01/06/2017 14:32:42
- Atlantide, dal mito alla storia: intervista ad Alessandra Murgia - 20/05/2017 08:13:47
- Ignazio Didu: I Greci e la Sardegna. Il mito e la storia - 12/05/2017 09:18:37
- Sacra Nemora: la cultura del sacro in mostra a Lanuvio - 07/05/2017 23:09:38
- Pizzo d’Irlanda, merletto e ricamo protagonisti sul lago Trasimeno - 02/05/2017 07:59:39
- Arkeotrekking in Trexenta: Le Antiche Madri dei Monti e del Mare - 25/04/2017 19:47:13
- Le donne e il sapere medico-erboristico: un binomio da riscoprire - 07/04/2017 21:29:15
- Linfoamici a Venezia - 30/03/2017 18:13:31
- Com'è giusto che sia: il nuovo thriller di Marina Di Guardo - 29/03/2017 10:34:04
- Herbarie: le chiamavano Streghe - 24/03/2017 21:01:03
- Devana: il risveglio della spiritualità nativa dell'Antica Europa - 17/03/2017 18:33:42
- Andrea Loddo: l'archeologia sperimentale per comprendere le ancestrali - 11/02/2017 20:01:00
- Alla scoperta dell'origine genetica dei Sardi con il prof. Francala - 03/02/2017 08:01:01
- Diego Manzi: viaggio nel cuore della tradizione indiana - 28/01/2017 10:24:25
- Barbara Bonomi Romagnoli: storie di insette felici - 25/01/2017 23:15:02
- Alberto Pattini: Poesia del Trentino. La melodia della Grande Madre - 19/01/2017 21:24:29
- Rinascere dalle distruzioni. Ebla, Nimrud, Palmira - 12/01/2017 21:25:10
- Nori Corbucci: Marta Marzotto, una vita da ricordare - 05/01/2017 00:02:59
- La Sardegna antica nel cuore del Mediterraneo - 30/12/2016 01:04:16
- Sardegna nuragica e falso mistero della lingua etrusca con il linguist - 03/01/2017 07:32:46
- La Stirpe del Sole: una Medea inedita nell'ultimo romanzo di Giuliana - 23/12/2016 14:12:50
- Al Castello di Scilla i Popoli del Mare di Oreste Kessel Pace - 16/12/2016 12:53:26
- SACRUM: concerto dedicato a Papa Francesco all'Aracoeli - 08/12/2016 10:18:48
- Paola Biato: Viaggio nel mondo della Psicofiaba - 04/12/2016 19:28:59
- Il viaggio. Alchimie e Passioni: a Venezia la personale di Irene Manen - 29/11/2016 08:13:34
- Il Natale dei 100 alberi d’autore - 28/11/2016 20:22:54
- Carlo Buldrini: Pellegrinaggio buddhista - 16/11/2016 08:32:43
- A Spazio Mater l'arte digitale di Michele Grimaldi - 13/11/2016 19:50:50
- Gigantes de Perdas: alla scoperta dei nuraghi sardi - 04/11/2016 07:54:20
- Ivo Nardi: Riflessioni sul senso della vita - 24/10/2016 08:27:11
- Fabrizio Manzetti: Nascosti davanti a tutti - 18/10/2016 00:13:25
- Bambine e bambini: divino gioco di pace nel mondo - 28/10/2016 08:24:38
- La Danza degli Archetipi: alle radici del linguaggio simbolico - 13/10/2016 22:41:28
- Alla scoperta dei Fiori di Bach con Gerardo Chirò - 09/10/2016 08:44:23
- Sardegna: curiosità, aneddoti e misteri sardi con Gianmichele Lisai - 04/10/2016 06:59:28
- Roma per Amatrice: Concerto di Beneficenza - 25/09/2016 15:45:16
- Sulle tracce dell' archeologia dell'evanescente con Paola Di Si - 22/09/2016 15:21:18
- Sebastiano Brocchi: alchimia, esoterismo, simbologia sacra e mistero - 18/09/2016 08:55:07
- Milano: appuntamento per il World Lymphoma Awareness Day - 13/09/2016 07:41:13
- Sulla via degli sciamani del Sudamerica con Stefano Lioni - 29/08/2016 08:00:22
- Sulle orme dei Moso con l'antropologa Francesca Rosati Freeman - 16/08/2016 07:13:59
- Sui sentieri dei luoghi di culto della Grande Dea con Luisella Veroli - 11/08/2016 08:48:06
- Un Altro Mondo per i Diritti della Pachamama - 27/07/2016 07:32:44
- Alessandra Di Gesù: viaggio nelle Tradizioni Misteriche del Mediterran - 05/07/2016 08:00:50
- Abbracci gratis contro il linfoma: a Roma il V raduno dei Linfoami - 31/05/2016 23:23:59
- Out of Tibet: il foto-racconto della diaspora tibetana sbarca a Roma - 23/05/2016 00:04:09
- Il Canto delle Sirene in mostra a Bologna - 22/05/2016 10:02:01
- La cultura dei Moso arriva al Ramadù di Cisterna - 16/04/2016 21:08:59
- Donne e scienza: un binomio per troppo tempo ignorato - 24/03/2016 07:51:18
- Suffragette 2.0: approda al Peano di Roma - 14/03/2016 22:06:13
- Palazzo Visconti: Alta Moda della Sartoria Angela - 09/03/2016 08:47:43
- Il respiro profondo di una Nuova Era - 04/03/2016 14:17:21
- Festa grande per i 35 anni di attività di Erno Rossi - 01/03/2016 14:29:34
- I Sentieri della Terra: come restituire vita e dignità alla Mad - 20/02/2016 09:06:03
- Le remote origini del tatuaggio con l'antropologa Michela Zucca - 23/01/2016 09:46:08
- Mantra Madre e Il profumo della luna: libri per il risveglio dell'anim - 24/12/2015 10:37:15
- Roma: il Rito del Grembo - 12/12/2015 00:42:29
- Alla scoperta delle vere origini di Halloween con Monica - 31/10/2015 20:24:53
I COMMENTI RELATIVI ALL'ARTICOLO
Invia un commento alla Redazione
Email
Nome e Cognome
Messaggio
Gentile lettore, prima di inviare il Suo messaggio:

compilare il codice di sicurezza sottostante copiando l'immagine raffigurata;

CAPTCHA 
cambia codice

inserisci codice



Per pubblicare, in fondo all'articolo, il suo commento selezionare il pulsante sottostante.

Pubblicazione
  Si    solo nome
  Si    nome e cognome
  No


Grazie della collaborazione.

© 2014 - ftNews è una testata di libera informazione.