Redazione     Informativa     Link  

Sopravvivere alla morte: la vita nelle iscrizioni funerarie latine

lunedì, 07 dicembre 2020 21:46

condividi su facebook
Lastra funeraria di T. Aelius Evangelus, Medelhavsmuseet, Stoccolma (180 d.C.)
Dal nostro inviato
Francesca Bianchi
Per la bella collana dei "Classici greci e latini" firmata Rusconi recentemente è stato pubblicato il libro Iscrizioni funerarie latine. Sopravvivere alla morte, una silloge di epigrafi metriche e in prosa tradotte dalla prof.ssa Giulia Danesi Marioni, commentate dalla prof.ssa Chantal Gabrielli, con un pregevole saggio introduttivo curato dalla prof.ssa Maria-Pace Pieri. Per FtNews ho intervistato le tre autrici, che hanno spiegato come è nato questo lavoro e i criteri seguiti nella selezione di un materiale immenso che continuamente si arricchisce di nuovi documenti. Nell’antologia il lettore troverà iscrizioni quasi tutte provenienti dalle province occidentali dell’Impero romano e databili al I-II secolo d.C., con qualche sconfinamento nel terzo. Nel corso della nostra conversazione, la prof.ssa Pieri si è soffermata sulla concezione della morte presso gli antichi romani, così come emerge dai vari testi sepolcrali, e sull'importanza del lamento funebre come strumento per l’elaborazione del lutto. La studiosa ha affrontato anche la questione relativa al legame esistente tra le iscrizioni funerarie e la letteratura colta, facendo riferimento ai motivi ricorrenti nelle due tradizioni. La prof.ssa Giulia Danesi Marioni ha rivelato qualche dettaglio sugli aspetti linguistici e sulle principali difficoltà incontrate nella traduzione in prosa, che risulta abbastanza articolata sul piano stilistico ed espressivo per adattarsi e rimanere fedele allo spirito dei vari testi. La prof.ssa Chantal Gabrielli ha spiegato i criteri adottati per curare il commento e le ricche note storico-archeologiche, sottolineando il forte legame tra testo iscritto e supporto, tra documento e monumento.
Ognuna di queste iscrizioni racconta una storia di vita, di emozioni, di sentimenti autentici e fa luce sulla vita di persone appartenenti al ceto medio-basso della società romana, di cui la letteratura colta non parla quasi mai: mercanti, soldati, liberti, schiavi, giovani promettenti e bambini sottratti anzitempo all'affetto dei genitori, nonché tante figure femminili che ci restituiscono un'immagine inedita ed emancipata della donna, che spesso è anche complice, compagna e addirittura socia d'affari del marito, una professionista come lui. Il carattere documentario di questi testi aiuta a ricostruire alcuni aspetti della vita di coloro che abitarono i territori sterminati dell'Impero romano. Tutte le testimonianze sono accomunate dal desiderio di sopravvivere alla morte, come sottolinea il sottotitolo di questo bel libro, frutto di un lavoro compiuto in sinergia tra le autrici. Proprio nel sottotitolo sono racchiusi il senso profondo e la finalità di questo lavoro: lanciare un messaggio di speranza, invitare a vivere intensamente il tempo che ci è concesso, cercando di lasciare un buon ricordo di noi: solo così, infatti, si può sopravvivere alla morte e vivere eternamente nel ricordo e nella memoria di coloro che verranno.

Prof.ssa Gabrielli, come è nata l'idea di pubblicare un libro sulle iscrizioni funerarie latine? In base a quale criterio avete scelto le iscrizioni da inserire nella raccolta?
L'idea è nata dalla condivisione di un progetto di Maria-Pace Pieri, a cui Giulia Danesi ed io abbiamo risposto con grande entusiasmo, dividendoci il lavoro in base alle nostre specifiche competenze. Sin dal primo momento la nostra intenzione è stata quella di dare un'ampia panoramica dei supporti, pur senza pretesa di completezza, mostrando iscrizioni fra loro diverse per estensione e livello formale. Sono state selezionate più di un’ottantina di epigrafi, suddivise secondo quattro tematiche: amore coniugale, mors immatura, professioni e mestieri, domus aeterna. Il materiale raccolto in questa antologia presenta iscrizioni funerarie nelle quali non compare solo il nome del defunto con l’indicazione dei dati biome¬trici (età, luogo di nascita e/o di morte), talvolta affiancati a quello del dedicante e preceduti dall’adprecatio agli dèi Mani, ma è presente anche un testo in prosa o in versi di varia lunghezza, che, nell’ultimo caso, può configurarsi come un vero e proprio carme, anche di pregevole fattura. Sono testi di questo tipo, composti da numerosissimi autori, purtroppo quasi tutti anonimi, a fornirci preziose informazioni sulla vita e le professioni dei defunti con dettagli sulla società e la sensibilità dei romani che altrimenti ignoreremmo.

Da dove provengono e a che periodo risalgono le iscrizioni scelte?
Africa, penisola iberica, Gallia o le province danubiane sono alcune delle aree del vasto impero da cui provengono le iscrizioni selezionate per il volume. Abbracciano un arco cronologico limitato ai primi secoli dell’impero; mentre sono state escluse le epigrafi cristiane, la cui particolarità tipologica richiedeva competenze specifiche.
La statua ‘parlante’ di Flavius Agricola, coperchio di sarcofago (160 d.C.), Museum of Art, Indianapolis (CIL VI 17985a)
Prof.ssa Pieri, Sopravvivere alla morte recita il sottotitolo del libro: un messaggio di speranza che emerge in molte iscrizioni raccolte nell'antologia. Quale concezione della morte avevano gli antichi romani? In che modo si poteva sopravvivere alla morte?
Per molti popoli antichi, e così per i romani, la morte era sentita come un doloroso distacco, ma prima di tutto come una contaminazione, un contagio che si estendeva alla casa e a tutta la famiglia del defunto. Di qui una serie di cerimonie che servivano a soddisfare esigenze pratiche, spirituali ed emotive: procurare un luogo di riposo al morto, purificare i sopravvissuti e reintegrarli nel mondo dei vivi. Era, però, motivo consolatorio pensare che il passaggio del defunto in una dimensione altra non portasse a una definitiva separazione: di qui l’idea comune e diffusissima che nella tomba permanesse una parvenza di sensibilità, un doppio dello spirito del morto, spesso chiamata umbra. Essa gli consentiva di apprezzare il perdurare dell’affetto e del ricordo da parte dei congiunti che periodicamente si recavano in visita al sepolcro e da lì dialogare con i passanti.
Anche il nome del defunto inciso sulla lapide, magari accompagnato da parole che raccontavano di lui e della sua vita, era un modo per garantire la sopravvivenza che richiamiamo nel sottotitolo.

Nel suo saggio introduttivo parla di passaggio dalla morte fisica alla morte culturale. Come avviene questo mutamento? Che ruolo svolge il lamento funebre nel far sì che avvenga questo passaggio?
Abbiamo detto che le cerimonie funebri avevano anche lo scopo di reintegrare i sopravvissuti nel mondo dei vivi. Il lamento funebre svolgeva un ruolo centrale in questo passaggio, supportando l’elaborazione del lutto. Nel mondo antico la prima reazione al decesso di una persona cara poteva portare al desiderio di morire con ciò che muore: basti citare la lapide di Armonia Rufina, morta a tredici anni, nella quale i genitori vogliono che sia scritto il loro desiderio di raggiungerla presto e dichiarano di non provare alcuna esitazione di fronte alla morte. Il lamento funebre poneva un freno ad atti di autolesionismo, li gestiva trasferendoli in forme simboliche stereotipate. E insegnando una tecnica del piangere, offriva ai superstiti il tempo necessario per adattarsi alla realtà storica, cioè la vita senza l’estinto, alla fine accettata come dolce ricordo velato di tristezza.

Quali concezioni della morte riflettono l'inumazione e l'incinerazione?
L'inumazione riflette la concezione secondo cui nella tomba il corpo del morto mantiene un residuo di sensibilità: consegnare il corpo integro alla Madre Terra significava farlo tornare nel luogo dove la vita era nata. L'incinerazione, invece, diffusasi a partire dalla fine del I sec. a.C. in poi, muove dall’idea che dopo la morte resti solo un’immagine del defunto che contiene l’anima: l’incinerazione le permette di tornare al luogo da cui è emanata.

Cosa possiamo dire del legame esistente tra la letteratura e le iscrizioni funerarie?
Il problema è complesso. In estrema sintesi possiamo dire che l’epigramma epigrafico sepolcrale nacque a Roma fra élites aristocratiche e fu caratterizzato da forte intento celebrativo. Dalla fine del II secolo a.C. il genere si diffuse tra le classi subalterne o emergenti che si ispirarono alla letteratura colta promossa dalle classi gentilizie (soprattutto i grandi modelli dell’epica e del teatro latino arcaico comico e tragico). Da essa si assunsero motivi letterari, stilemi e moduli che presto divennero tradizionali, tanto da ricevere successivamente l’attenzione della poesia letteraria in contesti di carattere funerario. Nei secoli successivi si assiste a una continua osmosi nei temi, nel linguaggio poetico e nella metrica fra poesia letteraria e carmi epigrafici, anche se prevalgono casi di dipendenza da letteratura colta (soprattutto poeti di età augustea, poi Stazio e Lucano), in forme molto varie che dipendono dal grado di cultura di chi redigeva il testo. Nel caso di compositori esperti possiamo riconoscere tutti i meccanismi di ricezione (imitazione, allusione consapevole, in rari casi emulazione). Ma innumerevoli erano i versificatori improvvisati (maestri di scuola, amici del morto, personale di bottega, ecc.) che per comporre il testo attingevano a prontuari, alla loro memoria poetica o ripetevano ciò che leggevano in altre epigrafi dove, magari, espressioni e versi di grandi poeti erano trascritti scorrettamente o male adattati, portandoci a supporre che probabilmente non si avesse più coscienza del modello.

Prof.ssa Danesi Marioni, lei ha curato la traduzione delle iscrizioni. Quali ostacoli ha incontrato nella resa italiana di questi testi? Che tipo di traduzione ha scelto?
La traduzione è stata molto meditata: mi sono sforzata di non travisare il testo, ma di rendere il più possibile lo spirito dei vari epitafi, proponendo una resa in prosa che meglio poteva adattarsi a testi dal tono e dal livello assai eterogeneo. Infatti le iscrizioni dell’antologia presentano una notevole difformità sia sul piano linguistico che formale: alcune hanno un tono più intimo e patetico, altre sono caratterizzate da una certa leggerezza e garbata ironia, comunicando un'idea di vita pur nell'impianto luttuoso. Nella traduzione ho cercato di calibrare lo spirito diverso che traspare dalle varie epigrafi, ricorrendo al linguaggio affettivo per riprodurre le effusioni del sentimento e inserendo qualche espressione scherzosa laddove il dialogo con il passante e lettore si faceva più personale e confidenziale. Anche il livello stilistico delle iscrizioni non è uniforme: ci sono epigrafi con un latino assai influenzato dalla lingua dell’uso, mentre altre rivelano un notevole impegno sul piano metrico e formale e si dimostrano composte da poeti forse dilettanti, ma dotati di maestria e cultura. Ad esempio l'epigrafe a Marco Lucceio Nepote è da considerarsi una vera e propria elegia, molto articolata ed elaborata; ha richiesto un notevole impegno riprodurne le espressioni particolarmente ricercate. In altri casi i testi sono invece piuttosto brevi e qui la difficoltà principale era evitare la monotonia, cercando di variare in italiano i termini impiegati per esprimere il dolore, il rimpianto, lo scoramento ricorrenti in epigrafia funeraria. Alcune epigrafi mi hanno sollecitato numerosi ripensamenti; per citare due soli esempi, nell’iscrizione del mercante Lucio Valerio Ariete, dove una citazione da Ovidio è adattata al nuovo contesto, dovevo riprodurre il gioco di parole che caratterizza la ripetizione del termine cura. Ho optato per “occupazione” e “preoccupazione” che restituiscono nel suono la ripresa del medesimo vocabolo nel testo latino. Nell’epigrafe di Tito Elio Fausto per tradurre litterulas, diminutivo dal valore affettivo con il quale sono indicate le lettere dell’acrostico che rende noto il soprannome del defunto, scartando altre opzioni, ho infine recuperato il termine galileiano “caratteruzzi” che mi pareva restituisse appieno il valore del vocabolo latino.
Monumento funebre di Cornelia Tyche e Iulia Secunda (seconda metà del II secolo d.C.), Musée du Louvre, Parigi (CIL VI 20674)
Prof.ssa Gabrielli, lei ha curato il commento e le note, soffermandosi molto sia sulla contestualizzazione dell'iscrizione e del suo supporto sia sulle annotazioni di carattere storico-archeologico. Come ha impostato il tutto?
Il commento è articolato in una parte più incentrata sulla descrizione tecnico-epigrafica del supporto (alcune iscrizioni appartengono a monumenti funerari complessi, altre sono iscritte su semplici lastre), la disposizione del testo, la tecnica di scrittura, la forma delle lettere, eventuali errori o correzioni del lapicida, nonché dettagli sulla contestualizzazione del luogo di ritrovamento del monumento funerario. Rilevanza è stata data anche all’aspetto iconografico, laddove presente, spesso complementare al testo inciso. Infine mi sono soffermata sui contenuti del testo. Ci sono iscrizioni che fanno riferimento a mestieri, professioni, cariche militari e amministrative, tutti particolari che non potevo non commentare e ampliare. Grande attenzione ho dedicato all'onomastica, da cui spesso ricaviamo informazioni sullo status giuridico e sulla posizione sociale dei committenti e dei destinatari. Ho segnalato, inoltre, aspetti linguistici e fonetici che riflettono l'evoluzione del latino orale.

C'è un'iscrizione che vi ha colpito e che ricordate in modo particolare?
Maria-Pace Pieri: Ce ne sono molte, ma voglio citare in particolare un epigramma epigrafico di ottima fattura dedicato a Domestico, uno schiavo di sedici anni. Il carme sepolcrale illustra chiaramente i due modi sopra indicati che consentivano di sopravvivere alla morte. Infatti il padrone aveva posto una lapide con il nome nel luogo del decesso, che era avvenuto nelle Baleari, e poi aveva costruito un cenotafio (una tomba vuota) nella sua proprietà di Tusculo, sperando che l’umbra di Domestico, trasferitasi lì, potesse godere la vista dei luoghi familiari.
Giulia Danesi Marioni: Sono legata a più di un'iscrizione. Mi piace molto, nella prima sezione tematica, quella in cui due liberti, moglie e marito, instaurano una specie di dialogo nella loro tomba, ricordando con espressioni affettuose i figlioletti. Mi hanno colpito, inoltre, numerose epigrafi della seconda sezione, dedicate alle mortes immaturae di bambini, adolescenti, giovani, in cui è prevalente il senso dell’innaturalità e dell’ingiustizia di tali morti, espressa con toni accorati e patetici. Infine, nella parte dedicata alle professioni e ai mestieri, ho trovato particolarmente interessante l'epigrafe che documenta la vicenda del mietitore africano arricchitosi grazie alla sua attività. Quest'uomo, nato nella miseria, non si è rassegnato alla sua condizione originaria, ma ha creduto nella possibilità di un riscatto sociale attraverso l’impegno nel lavoro e con orgoglio rivendica i successi ottenuti.
Chantal Gabrielli: Difficile scelta! Un aspetto che mi ha indubbiamente colpito ed è presente in molte epigrafi è la grande importanza, direi l’enfasi, con cui viene sottolineato il livello culturale di molti defunti, soprattutto il livello di alfabetizzazione dei giovani. In un momento in cui la chiusura delle scuole e dei luoghi della cultura sembra non essere un problema, fa bene all'anima leggere l'iscrizione di un maestro di scuola che si gloria di aver insegnato bene e di essere ricordato dai suoi alunni, o quella del ragazzino prodigio al cui funerale partecipò tutto il vicinato. Come non menzionare, poi, l'iscrizione del giovane Petronio Antigenide, amante della filosofia, conoscitore di Pitagora, Euclide, Omero e i lirici? Una cultura straordinaria!
Infine, fra le iscrizioni a me più care, vorrei ricordare il monumento funebre di Flavio Agricola, rinvenuto sotto il pavimento della Basilica di San Pietro in Vaticano, esempio emblematico dell'impossibilità di scindere tra testo iscritto e supporto. Del sarcofago monumentale oggi si conserva solo il coperchio, mentre l'iscrizione, che conosciamo solo da tradizione manoscritta, venne distrutta per lo scalpore che destò in Vaticano, in quanto invocava l'epicureismo come filosofia di vita. Nel carme sepolcrale Flavio si rivolge a coloro che leggeranno l'iscrizione incisa sul suo monumento funebre, invitandoli ad assaporare intensamente i piaceri della vita, partecipando a banchetti, bevendo e ornandosi il capo di fiori. Sul coperchio abbiamo una totale identificazione tra iscrizione e apparato iconografico, e la statua del defunto sdraiato su kline, il letto in uso durante i banchetti, mentre impugna una coppa da libagione con la mano sinistra e con la destra si cinge il capo con una corona di fiori, sembra prendere vita e parlare al casuale spettatore.

Quale messaggio vi augurate possa arrivare a coloro che leggeranno questo vostro lavoro?
Maria-Pace Pieri: Mi auguro che il libro, rivolto a non specialisti (anche se spero non del tutto inutile per gli addetti ai lavori), aiuti a conoscere aspetti della società, della vita, della sensibilità romana che integrano utilmente la visione offerta dalla più nota produzione letteraria: e soprattutto spero che consenta a chi legge di apprezzare quanto ancora resta di ‘antico’ nel nostro agire, pensare e sentire quotidiano.
Giulia Danesi Marion Mi farebbe piacere se i lettori scoprissero, oltre ad un mondo poco noto fatto di sentimenti ed emozioni, anche un'immagine della donna diversa da quella tradizionale rappresentata nei testi letterari. Nelle nostre iscrizioni troviamo, oltre a spose fedeli e giovani pudiche, una donna che accompagna suo marito nell’attività commerciale rischiando i pericoli della navigazione in mare, come Cornelia Tyche, e un’altra che è addirittura sua socia negli affari, come Urbanilla, e poi Amemone, una rinomata taverniera, e Sabina, abile cantante e suonatrice d’organo. Sottolineo questo aspetto perché mi affascina particolarmente e restituisce dignità e autorevolezza a figure spesso considerate al margine della società antica.
Chantal Gabrielli: Spero che i lettori afferrino subito la chiave di lettura racchiusa nel sottotitolo: la memoria e il ricordo aiutano a mantenere in vita i nostri defunti. Se da un lato le iscrizioni denunciano e annunciano la morte, comunicano il dolore straziante per un lutto, il momento critico del distacco da una persona cara, dall'altra raccontano spesso la vita. Non mancano, infatti, scene luminose, episodi piacevoli della quotidianità che comunicano la gioia delle piccole cose, la bellezza di un’esistenza ordinaria. Da tutto ciò emerge un'umanità che ci fa sentire il mondo antico molto vicino a noi.
Mostra altri Articoli di questo autore
info@freetopnews.it
- Filomena Giannotti: Caproni, Il mio Enea - 20/01/2021 07:36:54
- Mamma Margherita: la mia Nadia, la forza dell'amore - 04/01/2021 17:57:43
- Anny Romand, mia nonna d'Armenia - 22/12/2020 07:09:20
- Giorgio Ieranò: I Greci e noi - 21/12/2020 07:17:10
- Pietro Pisciottu: L'Agnata, storia e memoria di uno stazzo gallurese - 14/12/2020 10:36:18
- Sopravvivere alla morte: la vita nelle iscrizioni funerarie latine - 07/12/2020 21:46:29
- Olivo: l'albero della civiltà - 05/12/2020 07:38:58
- Marida Lombardo Pijola: l'imperfezione delle madri - 25/11/2020 14:08:22
- Pietro Greco: Trotula, la prima donna medico d'Europa - 10/11/2020 08:28:11
- Gian Enrico Manzoni: la peste di Atene ai tempi del Covid - 29/10/2020 08:13:41
- Fiorenzo Caterini: ricostruzione della memoria in Sardegna - 23/10/2020 09:01:57
- Paolo Carboni: Tutt'a pedi - Alla scoperta del territorio di Aggius (S - 12/10/2020 10:44:57
- Agostino Asara, l'ultimo Patriarca degli stazzi galluresi - 06/10/2020 07:41:33
- Aggius (SS): storia, tradizioni, banditismo nel cuore della Gallura - 02/10/2020 06:54:06
- Tenuta Coda di Lupo, eccellenze sarde per un'agricoltura sostenibile - 22/09/2020 19:35:55
- Luigi Lehnus: Wilamowitz e il monte delle Muse - 15/09/2020 17:25:33
- Paola Mancini: viaggio nella storia di Loiri Porto San Paolo (SS) - 10/09/2020 18:14:11
- Alla scoperta dell'Area Marina Protetta di Tavolara (SS) con Augusto - 01/09/2020 21:32:17
- Giuseppe Festa: Ursula e Lupinella, orsi e lupi sulle montagne italian - 28/08/2020 07:59:34
- Pa punyat: con Antonio Masia alla scoperta delle eccellenze algheresi - 24/08/2020 08:51:11
- Sa Mandra, anima barbaricina nel cuore della Nurra - 19/08/2020 07:30:34
- Giuliano Dal Mas, una vita tra le Dolomiti - 13/08/2020 17:36:13
- Valle d'Aosta, presentata la XXIII edizione del Gran Paradiso Film Fe - 27/07/2020 19:42:54
- Irene Borgna: Louis Oreiller, il pastore di stambecchi - 20/07/2020 07:47:15
- Genzano, a Casa Mamre QUESTO MARE E’ PIENO DI VOCI - 16/07/2020 09:22:00
- Corrado Ruggeri, una vita in viaggio - 13/07/2020 07:30:17
- Lungo i sentieri del Cammino Ibleo con Nanni Di Falco - 06/07/2020 16:49:35
- Alla scoperta del nuraghe Majori di Tempio Pausania - 30/06/2020 07:39:09
- Lorenzo Braccesi: Olimpiade e Zenobia, quando il potere è donna - 24/06/2020 05:26:37
- Ove abitai fanciullo: a Recanati aprono le stanze private di Giacomo L - 15/06/2020 14:18:28
- I reperti assiri di Faida al premio mondiale in memoria di Khaled al-A - 08/06/2020 07:43:10
- Mauro Bonazzi: i Greci e il mistero dell'esistenza - 01/06/2020 07:22:54
- PandemicA, racconto corale per immagini - 21/05/2020 07:52:03
- Antonietta Langiu, la mia Isola - 08/05/2020 09:22:34
- Susanna Garavaglia: il risveglio della coscienza interiore - 29/04/2020 05:09:43
- Rosanna Raffaelli Ghedina: folclore, leggende e simboli delle Dolomiti - 16/04/2020 23:10:44
- Giorgio Murru: Spiriti e Dèi nella statuaria preistorica della Sardegn - 09/04/2020 13:50:32
- Una Maschera, un Volto, un Paese: il Carnevale in Sardegna - 07/03/2020 07:34:21
- Pe’ terre assaje luntane: al MANN l’emigrazione ischitana in America - 01/03/2020 19:33:00
- Thalassa: a Napoli le meraviglie sommerse dal Mediterraneo - 27/02/2020 23:09:38
- Nel segreto mare delle stelle di Marella Giovannelli - 25/02/2020 18:10:02
- Marcello Cabriolu, la Sardegna e il Mediterraneo Occidentale - 17/02/2020 21:27:55
- Erika Maderna, sulle tracce della medicina delle streghe e delle sant - 27/01/2020 06:48:31
- Federico Fellini: ironico, beffardo e centenario - 14/01/2020 07:56:24
- Pompei e Santorini, l'eternità in un giorno - 04/01/2020 08:29:04
- Andrea Icardi, un anno in Alta Valle Maira - 30/12/2019 14:15:42
- Archeologi italiani riportano alla luce i reperti assiri di Faida - 15/12/2019 09:45:07
- Augusto Mulas: l'orientamento astronomico dei nuraghi - 09/12/2019 19:01:03
- Margherita Massari: Ildegarda di Bingen, Sibilla e Dottore della Chies - 06/12/2019 09:18:37
- Il mito immortale di Cartagine in mostra a Roma - 04/12/2019 00:02:27
- Aquileia 2200. Porta di Roma verso i Balcani e l’Oriente - 29/11/2019 05:28:33
- Michele Porcaro: ASSTEAS - Storia del Vaso più bello del mondo - 19/11/2019 00:26:44
- Silvia Romani: credenze, miti e dei degli antichi - 11/11/2019 13:10:02
- All'Alba Radians di Albano (RM) il Filottete di Sofocle - 06/11/2019 16:36:58
- Mulino della Riviera di Dronero (CN), una storia firmata Cavanna - 29/10/2019 18:50:24
- Galluras, il Museo della Femina Agabbadòra - 22/10/2019 07:00:03
- Ugo Mancini: Sotto la cenere, storie di vita quotidiana durante il ven - 10/10/2019 20:51:11
- Alessandra Derriu: streghe, indovine e curatrici nella Sardegna del '7 - 04/10/2019 07:06:18
- Giuseppe Vito Internicola: Castellammare del Golfo, alle origini di un - 29/09/2019 18:15:59
- Città della Pieve (PG) si prepara ad accogliere Il Nostro Tempo - 25/09/2019 15:20:51
- Uno spazio per le Donne: alla scoperta del mondo femminile sardo e non - 23/09/2019 08:37:50
- Olmedo (SS), storia, tradizioni, folklore - 21/09/2019 09:21:49
- Silvia Giorcelli Bersani: I Romani e le Alpi - 16/09/2019 14:05:54
- Rossella Giglio: Segesta, tra teatro, musica, natura - 08/08/2019 15:56:16
- Enrico Caruso: la rinascita di Selinunte - 01/08/2019 14:29:05
- Lucina Gandolfo: alla scoperta di Monte Iato - 31/07/2019 07:33:07
- Sulle spiagge pontine tornano i Racconti di Sabaudia - 30/07/2019 08:47:45
- Tagliacozzo (AQ): XXXV Festival Internazionale di Mezza Estate - 22/07/2019 14:36:02
- Civiltà del sole: l'archeoastronomia nella Sicilia preistorica - 19/07/2019 07:30:13
- Cristina Muntoni, il potere delle parole nella storia della sacralità - 15/07/2019 18:12:54
- Francesco Bianco, un cammino tra verità nascoste - 13/07/2019 06:58:14
- Filippo Drago, mugnaio siciliano fra tradizione e modernità - 09/07/2019 07:28:20
- Con la KERNOS alla scoperta di Castellammare del Golfo - 02/07/2019 18:17:21
- Per una rinascita di Castelvetrano, città d'arte, storia, cultura - 27/06/2019 18:13:44
- Marinella Fiume: sapienza, virtù e misteri dell'universo simbolico fem - 11/06/2019 19:04:31
- Stefano Pucci: le incisioni rupestri delle Alpi Apuane - 07/06/2019 09:24:59
- Albano (RM), al via la Rassegna del Teatro Antico - 26/05/2019 18:33:37
- Max Dashu: Streghe e pagane, le donne nella cultura popolare europea - 14/05/2019 07:18:46
- Diego Maggio: profumi, aromi e sapori siculo-panteschi - 09/05/2019 08:15:34
- Regius, omaggio allo stupor mundi Federico II di Svevia - 03/05/2019 07:38:01
- Sentiero della Libertà, per tenere viva la Memoria - 01/05/2019 20:05:09
- Caccamo (PA), borgo di storia, arte, cultura - 28/04/2019 06:50:10
- C'era una volta Iato: omaggio dei ragazzi all'antica Iato - 23/04/2019 22:40:32
- U Pani ri Murriali: il pane genuino di una volta - 16/04/2019 17:20:40
- Recanati (MC): L'Infinito di Leopardi compie 200 anni - 13/04/2019 16:51:43
- A Camo (CN) torna PrimaVeraRegia - 11/04/2019 17:17:36
- Ivano Dionigi: Lucrezio, Seneca e noi - 04/04/2019 23:33:23
- Luca Mancini: Il caso dell'Ungheria di Horthy - 09/04/2019 19:14:05
- Il Foscolo di Albano (RM) trionfa al Festival Thauma - 30/03/2019 20:22:23
- Sotto il segno dei pesci: Camaiani celebra la Grecia - 28/03/2019 17:13:29
- Guido Cossard, viaggio nel mondo dell'Archeoastronomia - 25/03/2019 10:47:16
- Rosanna Oliva de Conciliis, una vita per la Parità - 17/03/2019 08:14:51
- Donna o Dea: le raffigurazioni femminili in Sardegna tra passato e pre - 02/03/2019 20:50:25
- Giorgio Ieranò: l'arcano fascino delle isole dell'Egeo - 25/02/2019 09:19:48
- Dea e Femminismo alla Roma Goddess Conference - 21/02/2019 09:10:27
- Elena Ianni: le feste e i falò del Messico - 17/02/2019 19:18:44
- Roma: l'olio d'oliva al Premio Filo della Torre - 15/02/2019 17:02:24
- I giovani attori del Foscolo alla Giornata del Greco - 06/02/2019 17:24:33
- La Penisola del Sinis (OR) tra storia, archeologia e natura - 29/01/2019 17:38:31
- King Camp Gillette: Il Turbine Umano - 19/01/2019 11:59:30
- Barumini (VS), archeologia, storia, cultura nel cuore della Sardegna - 14/01/2019 10:46:56
- Morena Luciani Russo: la ricerca della Dea e lo sciamanesimo - 09/01/2019 06:28:02
- Maurizio Bettini: Il Presepio, storia di un simbolo - 21/12/2018 08:22:38
- Venezia: Idoli, il potere dell'immagine - 12/12/2018 18:57:46
- Simona Modeo, Dioniso in Sicilia - 06/12/2018 17:48:35
- Violette Sauvage a Palazzo Colonna (RM) - 03/12/2018 07:01:13
- Pomezia (RM): Premio Donna d'Autore 2018 - 30/11/2018 06:37:50
- Massimo Blasi, l'incredibile storia degli imperatori romani - 28/11/2018 10:26:59
- Fabio Isman: 1938, l'Italia razzista - 25/11/2018 07:30:10
- Sacrum, lo Stabat Mater di Rossini all'Aracoeli di Roma - 22/11/2018 16:42:46
- Oriana Dal Bosco: il misterioso fascino del Nord Africa - 20/11/2018 17:17:03
- Natale inCHIOSTRO a Monastero di Dronero (CN) - 17/11/2018 07:53:51
- All'Alba Radians di Albano (RM): l'Ecuba di Euripide - 15/11/2018 16:59:16
- Autunno d'Autore a Ruralia, Conosci tu il paese dove... - 13/11/2018 18:40:36
- Marella Giovannelli, una vita tra giornalismo, fotografia e poesia - 09/11/2018 10:04:37
- Daniela Dao Ormena: Le radici chiamano, dolci melodie della Valle Mair - 30/10/2018 13:32:22
- Gli antichi pani di Sardegna protagonisti a Buddusò - 17/10/2018 14:23:34
- Torna a Lanuvio (RM) l'antico rituale della Maza - 04/10/2018 20:39:44
- Nonna Tommy, raccontaci ancora... - 02/10/2018 07:16:37
- A Buddusò (SS) torna Artes in Carrera - 30/09/2018 06:56:22
- Al Museo Africano di Verona la danza degli spiriti - 27/09/2018 00:12:36
- A. Cossard: Archeoastronomy, la prima app di archeoastronomia - 24/09/2018 09:21:18
- Firenze, Viaggio nell'altro e nell'altrove in ricordo di Paolo Grazios - 19/09/2018 08:31:44
- Lanuvio (RM): Buon compleanno, Antonino Pio! - 10/09/2018 06:04:22
- Raffaella De Sanctis, tra scuola e ricerca - 04/09/2018 17:45:49
- Màn. Vietnam Street Heroines in mostra al MAO (TO) - 26/08/2018 10:25:13
- Alessandra Comneno, una vita a contatto con la saggezza dei Nativi - 12/08/2018 19:38:51
- MAO (TO), ORIENTI. 7000 anni di arte asiatica dal Museo delle Civiltà - 07/08/2018 06:17:08
- Senorbì (CA), al MADN La Dea di Turriga, il mistero di un’icona senza - 01/08/2018 07:38:49
- Silvia Tenderini, una vita tra viaggi, ricerche e scrittura - 24/07/2018 19:40:34
- A Villa Giulia (Roma) la Scuola di Archeoastronomia 2018 - 19/07/2018 06:39:50
- Gabriella Mosso, I miei, i tuoi, i nostri - 17/07/2018 05:54:30
- Tagliacozzo (AQ), Festival Internazionale di Mezza Estate - 12/07/2018 06:39:05
- Franco Campus, Nuragici - un Territorio, un'Isola, il Mediterraneo - 09/07/2018 22:21:30
- Carmagnola (TO): Donne e Madonne nell’Arte dal XV secolo ad oggi - 04/07/2018 21:53:04
- Per una rinascita socio-culturale dei borghi della Valle dell'Amaseno - 25/06/2018 07:25:04
- Capalbio (GR), vacanza-laboratorio di Spiritualità Femminile con Devan - 22/06/2018 20:30:12
- Nicola Castangia, Ercole Contu e la scoperta della Tomba dei Vasi Tetr - 18/06/2018 06:44:49
- Castelfidardo (AN): gli studenti del Meucci per la valorizzazione del - 10/06/2018 17:30:57
- Papa Wojtyla in Comelico e in Cadore: il ricordo e l'emozione 30 anni - 27/05/2018 16:40:51
- Scrittori alla scoperta del mondo, una mostra sulla letteratura di via - 22/05/2018 06:00:18
- In viaggio tra le pagine di Elena Dak - 18/05/2018 09:31:20
- Convegno Internazionale contro Terrorismo, radicalizzazione e violenza - 08/05/2018 06:02:05
- Olimpia Biasi, la Viriditas di Ildegarda in mostra all'Hortu - 25/04/2018 15:09:19
- Con Marco Grippa alla scoperta del fascino segreto di Tagikistan e Kir - 18/04/2018 18:40:04
- Da Maenza a Fossanova sulle orme di San Tommaso d'Aquino - 13/04/2018 13:59:02
- Pierluigi Montalbano: l'alba della civiltà sarda - 10/04/2018 14:08:20
- Donne, Madri, Dee: la rappresentazione del femminile in mostra a Udine - 07/04/2018 07:14:26
- In mostra a Milano gli scavi di Achille Vogliano nel Fayum - 28/03/2018 18:52:37
- Sulle tracce della Dea: Viaggio nel Grembo della Storia - 17/03/2018 16:44:27
- Nadia Tarantini: Quando nascesti tu, stella lucente - 05/03/2018 21:14:35
- L'epopea dei Longobardi in mostra al MANN - 26/02/2018 10:45:11
- Verso il contratto di fiume dell'Amaseno - 22/02/2018 11:55:38
- Inside, la nuova collezione di Vittorio Camaiani - 11/02/2018 22:27:58
- Alla scoperta del matriarcato di Bali con Bruna Rotunno - 04/02/2018 13:48:05
- Giornata della Memoria, per non dimenticare - 25/01/2018 18:06:41
- Viaggio nei segreti della bellezza del corpo femminile - 21/01/2018 21:30:48
- Ildegarda di Bingen, maestra di sapienza nel suo tempo e oggi - 10/01/2018 22:22:54
- Selene Calloni: l'arte della ribellione zen per vincere la paura - 05/01/2018 22:57:08
- MANN: grande successo per la mostra sull'America precolombiana - 28/12/2017 14:29:51
- 2018 per Katike: i calendari di ...non lasciamoli soli - 19/12/2017 22:15:21
- Maenza: La rete dei cammini della Valle dell’Amaseno - 12/12/2017 22:31:25
- Al Convivium di Fiuggi i Pensieri sparsi di Daniela Gariglio - 07/12/2017 08:47:07
- Napoli: Il Natale dei 100 Alberi d’Autore - 03/12/2017 09:41:27
- Le donne dei Longobardi: urban-trekking con Michela Zucca - 28/11/2017 13:46:59
- San Martino di Stroppo: piccolo gioiello delle Valli Cuneesi - 24/11/2017 06:54:30
- Signa del Alma: per dire No alla violenza sulle donne - 19/11/2017 08:32:53
- Il nuovo romanzo di Maristella Lippolis: Raccontami tu - 07/11/2017 16:56:46
- Mama Africa: la maternità nell'arte africana - 03/11/2017 11:20:04
- Violette Sauvage: il vintage chic a Palazzo Colonna - 28/10/2017 11:28:12
- Il patrimonio archeologico del Lazio alla BMTA di Paestum - 26/10/2017 15:31:12
- Templari. Dal ducato di Puglia e Calabria, all’Italia del III Millenni - 22/10/2017 17:10:52
- Archeologia ferita: Volti di Palmira ad Aquileia - 11/10/2017 08:02:26
- Giancarlo Sani: alla scoperta delle incisioni rupestri toscane - 03/10/2017 13:36:14
- ... non lasciamoli soli: il progetto per il Nepal di Ilario Sedrani - 26/09/2017 08:24:26
- Giuliana Borghesani: La Maledizione della Liberta - 22/09/2017 14:28:02
- L'uomo, il Cancro del Pianeta - 04/09/2017 20:15:53
- Le caverne delle donne: la grotta di San Colombano - 25/08/2017 17:49:53
- Le figlie sono come le Madri: Donne lungo la Via della Seta - 30/08/2017 12:56:24
- Nemi: tornano i Nemoralia in onore della Dea Diana - 08/08/2017 17:21:44
- Donne e medicina: quale futuro per la medicina di genere? - 05/08/2017 08:48:58
- Arkeotrekking in Trentino: Sui sentieri delle Madri Antiche II - 31/07/2017 08:27:43
- Piero Verni: Tulku, viaggio nel cuore mistico della civiltà tibetana - 25/07/2017 07:11:56
- Ugo Mancini: ragioni e vicende degli antifascisti a Roma e nei Castell - 07/07/2017 18:23:52
- Festival di Tagliacozzo: conferenza stampa di presentazione a Palazzo - 05/07/2017 06:55:48
- Cuneo: Il lato nascosto delle Alpi - 04/07/2017 06:11:40
- Come con gli occhi dei bambini di Terezin - 28/06/2017 21:43:19
- Baby Giulia, storia di un'adolescenza rubata - 18/06/2017 13:18:11
- Francesca D'Amico: le donne nella tradizione contadina abruzzese - 11/06/2017 16:01:53
- Tutela e valorizzazione del patrimonio rurale nel Lazio - 07/06/2017 18:43:20
- Fiume che cammina. Transumanza dall’Adriatico al Lagorai - 03/06/2017 08:02:51
- Roma: VI raduno dei Linfoamici - 01/06/2017 14:32:42
- Atlantide, dal mito alla storia: intervista ad Alessandra Murgia - 20/05/2017 08:13:47
- Ignazio Didu: I Greci e la Sardegna. Il mito e la storia - 12/05/2017 09:18:37
- Sacra Nemora: la cultura del sacro in mostra a Lanuvio - 07/05/2017 23:09:38
- Pizzo d’Irlanda, merletto e ricamo protagonisti sul lago Trasimeno - 02/05/2017 07:59:39
- Arkeotrekking in Trexenta: Le Antiche Madri dei Monti e del Mare - 25/04/2017 19:47:13
- Le donne e il sapere medico-erboristico: un binomio da riscoprire - 07/04/2017 21:29:15
- Linfoamici a Venezia - 30/03/2017 18:13:31
- Com'è giusto che sia: il nuovo thriller di Marina Di Guardo - 29/03/2017 10:34:04
- Herbarie: le chiamavano Streghe - 24/03/2017 21:01:03
- Devana: il risveglio della spiritualità nativa dell'Antica Europa - 17/03/2017 18:33:42
- Andrea Loddo: l'archeologia sperimentale per comprendere le ancestrali - 11/02/2017 20:01:00
- Alla scoperta dell'origine genetica dei Sardi con il prof. Francala - 03/02/2017 08:01:01
- Diego Manzi: viaggio nel cuore della tradizione indiana - 28/01/2017 10:24:25
- Barbara Bonomi Romagnoli: storie di insette felici - 25/01/2017 23:15:02
- Alberto Pattini: Poesia del Trentino. La melodia della Grande Madre - 19/01/2017 21:24:29
- Rinascere dalle distruzioni. Ebla, Nimrud, Palmira - 12/01/2017 21:25:10
- Nori Corbucci: Marta Marzotto, una vita da ricordare - 05/01/2017 00:02:59
- La Sardegna antica nel cuore del Mediterraneo - 30/12/2016 01:04:16
- Sardegna nuragica e falso mistero della lingua etrusca con il linguist - 03/01/2017 07:32:46
- La Stirpe del Sole: una Medea inedita nell'ultimo romanzo di Giuliana - 23/12/2016 14:12:50
- Al Castello di Scilla i Popoli del Mare di Oreste Kessel Pace - 16/12/2016 12:53:26
- SACRUM: concerto dedicato a Papa Francesco all'Aracoeli - 08/12/2016 10:18:48
- Paola Biato: Viaggio nel mondo della Psicofiaba - 04/12/2016 19:28:59
- Il viaggio. Alchimie e Passioni: a Venezia la personale di Irene Manen - 29/11/2016 08:13:34
- Il Natale dei 100 alberi d’autore - 28/11/2016 20:22:54
- Carlo Buldrini: Pellegrinaggio buddhista - 16/11/2016 08:32:43
- A Spazio Mater l'arte digitale di Michele Grimaldi - 13/11/2016 19:50:50
- Gigantes de Perdas: alla scoperta dei nuraghi sardi - 04/11/2016 07:54:20
- Ivo Nardi: Riflessioni sul senso della vita - 24/10/2016 08:27:11
- Fabrizio Manzetti: Nascosti davanti a tutti - 18/10/2016 00:13:25
- Bambine e bambini: divino gioco di pace nel mondo - 28/10/2016 08:24:38
- La Danza degli Archetipi: alle radici del linguaggio simbolico - 13/10/2016 22:41:28
- Alla scoperta dei Fiori di Bach con Gerardo Chirò - 09/10/2016 08:44:23
- Sardegna: curiosità, aneddoti e misteri sardi con Gianmichele Lisai - 04/10/2016 06:59:28
- Roma per Amatrice: Concerto di Beneficenza - 25/09/2016 15:45:16
- Sulle tracce dell' archeologia dell'evanescente con Paola Di Si - 22/09/2016 15:21:18
- Sebastiano Brocchi: alchimia, esoterismo, simbologia sacra e mistero - 18/09/2016 08:55:07
- Milano: appuntamento per il World Lymphoma Awareness Day - 13/09/2016 07:41:13
- Sulla via degli sciamani del Sudamerica con Stefano Lioni - 29/08/2016 08:00:22
- Sulle orme dei Moso con l'antropologa Francesca Rosati Freeman - 16/08/2016 07:13:59
- Sui sentieri dei luoghi di culto della Grande Dea con Luisella Veroli - 11/08/2016 08:48:06
- Un Altro Mondo per i Diritti della Pachamama - 27/07/2016 07:32:44
- Alessandra Di Gesù: viaggio nelle Tradizioni Misteriche del Mediterran - 05/07/2016 08:00:50
- Abbracci gratis contro il linfoma: a Roma il V raduno dei Linfoami - 31/05/2016 23:23:59
- Out of Tibet: il foto-racconto della diaspora tibetana sbarca a Roma - 23/05/2016 00:04:09
- Il Canto delle Sirene in mostra a Bologna - 22/05/2016 10:02:01
- La cultura dei Moso arriva al Ramadù di Cisterna - 16/04/2016 21:08:59
- Donne e scienza: un binomio per troppo tempo ignorato - 24/03/2016 07:51:18
- Suffragette 2.0: approda al Peano di Roma - 14/03/2016 22:06:13
- Palazzo Visconti: Alta Moda della Sartoria Angela - 09/03/2016 08:47:43
- Il respiro profondo di una Nuova Era - 04/03/2016 14:17:21
- Festa grande per i 35 anni di attività di Erno Rossi - 01/03/2016 14:29:34
- I Sentieri della Terra: come restituire vita e dignità alla Mad - 20/02/2016 09:06:03
- Le remote origini del tatuaggio con l'antropologa Michela Zucca - 23/01/2016 09:46:08
- Mantra Madre e Il profumo della luna: libri per il risveglio dell'anim - 24/12/2015 10:37:15
- Roma: il Rito del Grembo - 12/12/2015 00:42:29
- Alla scoperta delle vere origini di Halloween con Monica - 31/10/2015 20:24:53
I COMMENTI RELATIVI ALL'ARTICOLO
Invia un commento alla Redazione
Email
Nome e Cognome
Messaggio
Gentile lettore, prima di inviare il Suo messaggio:

compilare il codice di sicurezza sottostante copiando l'immagine raffigurata;

CAPTCHA 
cambia codice

inserisci codice



Per pubblicare, in fondo all'articolo, il suo commento selezionare il pulsante sottostante.

Pubblicazione
  Si    solo nome
  Si    nome e cognome
  No


Grazie della collaborazione.

© 2014 - ftNews è una testata di libera informazione.