Redazione     Informativa     Link  

Pietro Pisciottu: L'Agnata, storia e memoria di uno stazzo gallurese

lunedì, 14 dicembre 2020 10:36

condividi su facebook
Lo stazzo de L'Agnata, Luogosanto (SS)
Dal nostro inviato
Francesca Bianchi
FtNews ha intervistato Pietro Pisciottu, per anni insegnante di matematica e scienze nelle scuole medie, che lo scorso anno ha pubblicato il libro L'Agnata. Storia e memoria di uno stazzo gallurese (Editrice Taphros). In questo lavoro lo scrittore luogosantese fa rivivere persone, luoghi, vicissitudini, sapori e profumi legati ai momenti più spensierati trascorsi da bambino nello stazzo di proprietà della sua famiglia, situato nella campagna di Luogosanto (SS). Si tratta di un intenso racconto in cui l'autore rievoca i ricordi più cari legati allo stazzo dell'Agnata, testimone, insieme ai tanti stazzi disseminati in Gallura, di un'antica tradizione tipica di questa meravigliosa regione della Sardegna; un racconto che a tratti si configura come una celebrazione e un omaggio alla natura incontaminata della campagna gallurese, così come si presentava ai suoi occhi di bambino.
La parte iniziale del libro propone un'approfondita digressione storica sulla Civiltà degli Stazzi, in cui viene preso in considerazione anche l'aspetto linguistico. Qui l'autore si sofferma sulla definizione del termine stazzo e affronta il tema relativo alla nascita della cultura e della lingua gallurese, che in passato alcuni studiosi hanno collocato nel Settecento e che sarebbe avvenuta grazie alle migrazioni in terra sarda di genti provenienti dalla Corsica. In realtà - spiega nel libro Pisciottu, riportando testimonianze e dati emersi negli ultimi anni - la cultura gallurese è ben più antica del Settecento, così come sono più antiche le relazioni fra còrsi e sardi.
Ricca di curiosità e di affetto devoto e sincero è la sezione in cui prendono vita racconti e aneddoti familiari: qui l'autore ripercorre la storia della sua famiglia, facendo rivivere le figure che più hanno contribuito alla sua crescita e alla sua formazione.
Della cultura degli stazzi Pisciottu non manca di sottolineare la vita di sacrifici e lavoro duro che conducevano i pastori, i quali, allevatori e agricoltori al tempo stesso, si alzavano all'alba, a volte anche prima, e finivano di lavorare al tramonto. Non mancavano mai, però, sentimenti di solidarietà, ospitalità, rispetto reciproco, che oggi, purtroppo, scarseggiano sempre più.
Lo scrittore parla anche degli anni Sessanta, gli anni che videro la nascita della Costa Smeralda e segnarono il declino della civiltà degli stazzi. Spiega, infine, in che modo gli stazzi abbiano incarnato un esempio concreto della possibilità di produrre in maniera economica e sostenibile in tempi in cui non si facevano campagne di sensibilizzazione ambientale, un modello a cui ispirarsi, alla luce delle nuove tecnologie e dei nuovi mezzi di cui disponiamo, per riproporre il sistema produttivo dello stazzo e fare in modo che questa cultura secolare non svanisca per sempre, travolta dalla frenesia della nostra epoca.

Prof. Pisciottu, come è nata l'idea di scrivere il libro L'Agnata. Storia e memoria di uno stazzo gallurese?
Ho avuto sempre la passione di scrivere, ma senza nessun obiettivo specifico. Possedevo materiale, specialmente tanti racconti antichi che ho ascoltato dai miei famigliari quando ero bambino. La molla è scattata dopo aver letto il bel libro "Gallura. Gli stazzi" (Paolo Sorba Editore, 2016), scritto dal prof. Manlio Brigaglia e dall'amico e compaesano Franco Fresi. In questo lavoro si passano in rassegna tutti gli stazzi della Gallura, di cui si descrivono le strutture, le vicissitudini, le persone che vi hanno abitato e lavorato, facendo rivivere nel lettore quelle atmosfere genuine e ricche di valori di un'epopea passata e ormai perduta. Ho pensato, allora, di seguire quell'idea, concentrando il lavoro di descrizione e approfondimento su uno stazzo soltanto: mi riferisco allo stazzo de L'Agnata, che io e mio fratello Antonio abbiamo avuto la fortuna, l'onore e l'onere di ereditare da li nostri maggjóri. Ho dato ampio spazio ai miei ricordi di bambino, enfatizzati dal tempo trascorso, e alle riflessioni di una persona matura, ma non imparziale e distaccata, in quanto sono profondamente innamorato dei luoghi, delle cose e degli avvenimenti descritti. Questo libro è una testimonianza di quel tempo e contiene i preziosi ricordi di chi ha avuto modo di conoscere e vivere gli ultimi anni di vita attiva di una parte di quel mondo, scandito da consuetudini secolari, prima della sua trasformazione in una piccola azienda agricola moderna e del suo malinconico stato di abbandono.

Nel libro si sofferma approfonditamente sulla definizione del termine "stazzo". Cosa si intende con questo termine? Inoltre, in una documentata digressione, affronta anche il tema relativo alla nascita della cultura gallurese, che in passato alcuni studiosi hanno collocato nel Settecento e che sarebbe avvenuta grazie alle migrazioni in Sardegna di genti provenienti dalla Corsica. Perché questa tesi non è credibile? Della lingua gallurese, invece, cosa si sa?
Per stazzo si intende, in Gallura, sia l'abitazione del pastore-contadino, titolare o gestore della proprietà, sia le sue dipendenze e i terreni tutt'intorno, un tempo seminati prevalentemente a cereali e usati come pascolo per gli animali d'allevamento: il nucleo basilare di un'autentica rete economica, sociale e abitativa, costituita da migliaia di elementi interconnessi tramite profondi legami condivisi, un unicum nell'intero Mediterraneo, tale da indurre gli esperti a definire il fenomeno Civiltà degli Stazzi.
Vi è stato chi ha immaginato la nascita della cultura gallurese a partire dal 1700, per effetto di migrazioni còrse in terra sarda, favorite dallo spopolamento causato da varie epidemie. Si tratta della concezione del geografo francese Le Lannou, che non si discosta molto dalla spiegazione fornita da altri autori, per i quali tutto sarebbe nato attorno al 1600, secondo una dinamica che avrebbe visto il verificarsi di un repentino cambiamento nell'attività pastorale dei galluresi, passati all'epoca "da nomadi a stanziali". La trasformazione sarebbe avvenuta sempre in seguito all'arrivo di nuovi nuclei familiari, provenienti per lo più dalla Corsica, ma anche dalle ville dell'alta Gallura o da altri luoghi della Sardegna e della Penisola italiana. Deserte lande, abbandonate a causa del diffondersi di gravi malattie infettive o perché appartenenti a feudatari spagnoli residenti nella Penisola iberica, quindi troppo distanti per esercitare efficacemente il loro potere, sarebbero state occupate dai nuovi arrivati. Tali ricostruzioni furono accolte dal linguista tedesco Wagner, che a quelle migrazioni attribuì la costituzione delle varietà linguistiche del Capo di Sopra della Sardegna, ovvero il gallurese, l'anglonese, il sassarese, dallo studioso definite "còrse" o "italiane", "non sarde". I dati emersi negli ultimi decenni, però, sposterebbero indietro di alcuni secoli la data di nascita del gallurese: fra le prime attestazioni della parlata nord-orientale dell'Isola si ricordano un'iscrizione del 1400, sul muro di una chiesa in agro di Érula (area linguistica gallurese nel Logudoro) e la registrazione di un toponimo nel territorio di Budoni, "lu Narboni", risalente al 1300. Le somiglianze con la Corsica appaiono leggibili come il segno dell'influenza sarda settentrionale, cioè gallurese, sull'antico ambiente agropastorale còrso. Quella fra còrsi e sardi è, dunque, una relazione dalle antiche origini, proseguita in età romana e medievale, tale da rendere inadeguata la spiegazione della caratterizzazione culturale della Gallura per effetto dei movimenti migratori dell'età moderna.
Pietro Pisciottu
Nel libro, tra i ricordi più cari di una giornata trascorsa all'Agnata, cita un episodio verificatosi nel corso di una giornata dedicata alla trebbiatura. Cosa accadde quel giorno?
Ogni anno, nel periodo tra giugno e luglio, si effettuava la trebbiatura (aglióla), una giornata di duro lavoro, ma anche di grande festa e allegria. Ne ricordo una in particolare, avvenuta a L'Agnata quando avevo forse meno di dieci anni. Ricordo che partimmo all'alba da Luogosanto con il carro a buoi. Arrivati a destinazione, la famiglia di pastori ci accolse nel migliore dei modi. Il momento del pranzo era sempre un'occasione di festa allegra e spensierata, grazie anche all'ottimo cibo, saporito e genuino. Ricordo che la sera andammo tutti a dormire abbastanza presto, dato che l'indomani ci attendeva una giornata di duro lavoro. Per me sistemarono un giaciglio nella casa manna, assieme ai figli dei pastori. Quando mi svegliai, al mattino, il sole già faceva sentire la sua presenza con i raggi dorati che attraversavano le finestre. Il rumore della trebbia mi fece capire che il lavoro era già iniziato da un po'. Mi affacciai alla porta e mi si presentò uno spettacolo che non ho mai dimenticato: la trebbiatrice era avvolta da una nuvola di polvere che i raggi solari facevano diventare d'oro. Attorno ad essa una decina di persone si muovevano, quasi come in una danza, ognuno con un compito preciso e con un sincronismo perfetto: nella mia mente l'iconografia dell'aglióla è questa.

Un momento importante della vita dello stazzo era quello in cui avveniva lu tunditòggju. Cosa si intende con questo termine? Come si svolgeva questa pratica?
Lu tunditòggju è la tosatura delle pecore. Si effettuava nel periodo di maggio-giugno per mezzo di grosse forbici. A L'Agnata c'erano una cinquantina di pecore, per cui 4-5 persone impegnate nella tosatura ne avevano per tutta la mattinata. Si iniziava a lavorare molto presto; il lavoro si faceva all'interno del recinto, la mandra, dove le pecore venivano rinchiuse dalla sera prima. Ogni pecora veniva legata e poi passata per le forbici e, appena tosata, liberata all'esterno; qui non riconosceva più i propri simili, perché avevano cambiato aspetto, e ne nascevano spesso delle zuffe. Ma la giornata di lu tunditòggjuera anche un momento di festa, perché tutti i lavoratori dello stazzo si incontravano; spesso si invitavano anche degli ospiti e si festeggiava con un sontuoso pranzo a base di pecora. La lana della tosatura veniva impiegata soprattutto per imbottire i materassi e i cuscini e, anche se la sua qualità non era delle migliori, in passato veniva filata per fare le calze e le maglie.

Dalla lettura del libro si comprende bene quanto siano impressi nel suo cuore i profumi e i sapori genuini dell'infanzia, come quello del pane casereccio prodotto con farina locale e cotto nel forno a legna...
Proprio così. Quando si andava allo stazzo per determinate ricorrenze, come la trebbiatura, la vendemmia, la tosatura della pecore, l'uccisione del maiale, si portava sempre qualche provvista come la pasta, il caffè, la frutta, il pane. Nello stazzo c'era sempre il pane fatto in casa: non mancavano mai, infatti, la buona farina prodotta sul posto, il forno, la legna. Le abili mani delle donne riuscivano a far lievitare con maestria l'impasto e a preparare del pane squisito. A tavola, durante il pranzo, notavo che noi del paese mangiavamo sempre il pane casereccio, mentre la famiglia dei pastori mangiava quello che portavamo noi, che veniva impastato con le macchine, cotto nei forni elettrici e preparato con farine provenienti da altri luoghi. Era una questione di gusti, influenzati dall'abitudine che a tutti faceva preferire la novità. Al momento della partenza si effettuava lo scambio dei pani: noi lasciavamo il pane di paese e in cambio ci veniva dato il pane fatto in casa. Nel cambio eravamo noi a guadagnarci, ne sono ancora convinto!

Fra le famiglie che hanno lavorato a L'Agnata, ce n'è qualcuna che ricorda con particolare affetto?
Sicuramente ricordo con maggior affetto e simpatia i Pirredda, anche perché a loro è legato il mio tempo da bambino nello stazzo. Quella dei Pirredda era una famiglia numerosa, ma nello stazzo il lavoro era tanto, per cui ognuno aveva il suo preciso compito e tutto funzionava alla perfezione. Il rapporto che c'era fra di noi non era fra datore di lavoro e dipendente: ci sentivamo tutti facenti parte di una grande famiglia che viveva in armonia.

Poi arrivarono gli anni Sessanta e, con essi, l'inizio della fine di questa cultura che per secoli è stata patrimonio indiscusso del territorio gallurese. Cosa successe in quegli anni?
Sì, in quegli anni stava nascendo la Costa Smeralda e le ville e gli alberghi venivano abbelliti con giardini che necessitavano di concimi e terriccio. Il letame de L'Agnata trovò una destinazione prima impensabile e da sostanza senza valore divenne l'elemento di un business redditizio. Si raccolse, venne messa nei sacchi e, attraverso camion, venne portato in Costa. Per la soddisfazione di tutti, sia dei pastori che dei padroni, dalla sua vendita si ricavò la somma di cinquecentomila lire, una bella cifra per quei tempi. Era l'equivalente del ricavato della vendita annuale dei capretti, solo che in questo caso non erano richieste lunghe giornate appresso ai capricci delle capre, con levate alle prime luci dell'alba, il caldo torrido dell'estate o il freddo dell'inverno: bastava riempire i sacchi del prezioso letame e il gioco era fatto. Purtroppo, nessuno allora si accorse che era l'inizio della fine: si dissipava in poco tempo un capitale, il letame, accumulato nel corso di un secolo, una sproporzione fra gli anni necessari alla sua formazione e i giorni dedicati alla sua consumazione. Cambiavano i tempi, apparivano all'orizzonte nuovi impieghi sicuramente più remunerativi, come manovali, muratori, falegnami, camerieri, compreso il lavoro di trasferire in Costa Smeralda, per abbellire le ville dei nuovi proprietari terrieri, i ginepri, le rocce e persino il letame prodotto dai nostri animali nelle nostre campagne. Quelle campagne che, si iniziava a pensare, non valeva più la pena coltivare. Nel giro di pochi anni il turismo internazionale decollò in Gallura, mentre il lavoro degli stazzi venne abbandonato.
Quando ancora non si parlava di sensibilità ecologica, difesa dell'ambiente, attenzione alla qualità del cibo, "prodotti bio", gli stazzi hanno rappresentato concretamente la possibilità di produrre in maniera ecologica e sostenibile. In che modo sì riuscì a fare tutto ciò?
A L'Agnata, come in tutti gli stazzi galluresi, si viveva nella natura e della natura. L'ambiente naturale, con i suoi ecosistemi, come quelli creati dal bosco, dal fiume, dalla macchia mediterranea, rappresentava un giardino dell'Eden, dove il pastore-agricoltore trovava continua opportunità di lavoro e da cui traeva sostentamento per sé e per la propria famiglia. Naturalmente non bisogna pensare a una vita bucolica, fatta soltanto di gioie e piaceri: la vita del pastore era dura, in perenne lotta con le avversità naturali, ma sempre in simbiosi con la natura, dalla quale dipendeva, assecondandone i ritmi. I concetti sviluppati in seguito dalla scienza moderna, come ecologia, bioritmo, biodiversità, agricoltura biologica, sostenibilità, negli stazzi venivano vissuti e applicati ante litteram dai nostri avi. L'ecologia si occupa dello studio dell'ambiente, inteso come l'insieme delle interazioni fra esseri viventi, mondo minerale e fattori climatici. Oggi, nel parlare comune, il termine ecologico ha assunto il significato più esteso di ciò che rispetta l'ambiente naturale e non ne altera i suoi equilibri. Questa era la condizione normale, quotidiana, dello stazzo: la forza lavoro veniva fornita dalle braccia degli uomini e dalla trazione animale, senza troppo incidere sulla terra, come in parte è avvenuto in seguito con la massiccia diffusione dei trattori; il carico di bestiame, per di più diversificato, era adeguato all'estensione dei terreni; le superfici coltivate erano minime rispetto a quelle destinate al pascolo; nelle coltivazioni non c'erano monocolture, ma una diffusa diversificazione delle specie coltivate e dei substrati; i cereali si seminavano sullo stesso terreno per non più di due anni, dando così al terreno stesso la possibilità di ricostituire in breve tempo le sue caratteristiche fisiche e chimiche; la chimica in agricoltura era ancora sconosciuta e per l'apporto di sostanze nutritive, specialmente negli orti, ci si affidava al letame prodotto dagli escrementi degli animali. Nello stazzo non c'era neppur la discarica, perché non c'era niente da buttare: si praticava il riciclo assoluto di tutto, non esisteva l'usa e getta; l'insieme dei rifiuti organici finiva nelle bocche fameliche di cani, maiali, galline, mentre gli scarti dell'orto, del frutteto e della vigna andavano agli erbivori. I tempi della vita lavorativa e non erano scanditi dall'alternarsi del giorno e della notte, dalle stagioni e dalla meteorologia. Negli stazzi, inoltre, la carne, il latte, il formaggio, i cereali, il vino, la frutta, i prodotti dell'orto, rispettavano tutti disciplinari non scritti e avrebbero ben figurato nei più severi mercati "bio" di oggi. La sostenibilità, intesa come la capacità di produrre qualsiasi cosa senza danneggiare l'ambiente, è l'insieme dei concetti ecologici sopra elencati.

Cosa si augura per il futuro de L'Agnata?
Oggi, quando provo ad immaginare un futuro per l'Agnata, mi capita spesso di pensare all'alienazione. Fino a 15 anni fa mio fratello Antonio ed io abbiamo cercato di continuare l'attività di allevamento bovino. Forse abbiamo commesso l'errore di voler proseguire un'attività con metodologie appartenute a tempi passati e non più attuali e di non aver guardato ad altri sistemi economici più moderni e attuali, quali la viticoltura, l'agriturismo, il trekking, l'escursionismo e via dicendo. Mi piacerebbe che quello stazzo, lo stazzo della mia infanzia, potesse tornare a vivere. Considero lo status quo un'anomalia che nessuno può permettersi: un potenziale produttivo lasciato così in abbandono è un vero peccato. Ritornare come prima è impossibile, ma si può riproporre la produzione dello stazzo alla luce delle nuove tecnologie e dei nuovi mezzi che abbiamo adesso. Chi vivrà vedrà!
Mostra altri Articoli di questo autore
info@freetopnews.it
- Filomena Giannotti: Caproni, Il mio Enea - 20/01/2021 07:36:54
- Mamma Margherita: la mia Nadia, la forza dell'amore - 04/01/2021 17:57:43
- Anny Romand, mia nonna d'Armenia - 22/12/2020 07:09:20
- Giorgio Ieranò: I Greci e noi - 21/12/2020 07:17:10
- Pietro Pisciottu: L'Agnata, storia e memoria di uno stazzo gallurese - 14/12/2020 10:36:18
- Sopravvivere alla morte: la vita nelle iscrizioni funerarie latine - 07/12/2020 21:46:29
- Olivo: l'albero della civiltà - 05/12/2020 07:38:58
- Marida Lombardo Pijola: l'imperfezione delle madri - 25/11/2020 14:08:22
- Pietro Greco: Trotula, la prima donna medico d'Europa - 10/11/2020 08:28:11
- Gian Enrico Manzoni: la peste di Atene ai tempi del Covid - 29/10/2020 08:13:41
- Fiorenzo Caterini: ricostruzione della memoria in Sardegna - 23/10/2020 09:01:57
- Paolo Carboni: Tutt'a pedi - Alla scoperta del territorio di Aggius (S - 12/10/2020 10:44:57
- Agostino Asara, l'ultimo Patriarca degli stazzi galluresi - 06/10/2020 07:41:33
- Aggius (SS): storia, tradizioni, banditismo nel cuore della Gallura - 02/10/2020 06:54:06
- Tenuta Coda di Lupo, eccellenze sarde per un'agricoltura sostenibile - 22/09/2020 19:35:55
- Luigi Lehnus: Wilamowitz e il monte delle Muse - 15/09/2020 17:25:33
- Paola Mancini: viaggio nella storia di Loiri Porto San Paolo (SS) - 10/09/2020 18:14:11
- Alla scoperta dell'Area Marina Protetta di Tavolara (SS) con Augusto - 01/09/2020 21:32:17
- Giuseppe Festa: Ursula e Lupinella, orsi e lupi sulle montagne italian - 28/08/2020 07:59:34
- Pa punyat: con Antonio Masia alla scoperta delle eccellenze algheresi - 24/08/2020 08:51:11
- Sa Mandra, anima barbaricina nel cuore della Nurra - 19/08/2020 07:30:34
- Giuliano Dal Mas, una vita tra le Dolomiti - 13/08/2020 17:36:13
- Valle d'Aosta, presentata la XXIII edizione del Gran Paradiso Film Fe - 27/07/2020 19:42:54
- Irene Borgna: Louis Oreiller, il pastore di stambecchi - 20/07/2020 07:47:15
- Genzano, a Casa Mamre QUESTO MARE E’ PIENO DI VOCI - 16/07/2020 09:22:00
- Corrado Ruggeri, una vita in viaggio - 13/07/2020 07:30:17
- Lungo i sentieri del Cammino Ibleo con Nanni Di Falco - 06/07/2020 16:49:35
- Alla scoperta del nuraghe Majori di Tempio Pausania - 30/06/2020 07:39:09
- Lorenzo Braccesi: Olimpiade e Zenobia, quando il potere è donna - 24/06/2020 05:26:37
- Ove abitai fanciullo: a Recanati aprono le stanze private di Giacomo L - 15/06/2020 14:18:28
- I reperti assiri di Faida al premio mondiale in memoria di Khaled al-A - 08/06/2020 07:43:10
- Mauro Bonazzi: i Greci e il mistero dell'esistenza - 01/06/2020 07:22:54
- PandemicA, racconto corale per immagini - 21/05/2020 07:52:03
- Antonietta Langiu, la mia Isola - 08/05/2020 09:22:34
- Susanna Garavaglia: il risveglio della coscienza interiore - 29/04/2020 05:09:43
- Rosanna Raffaelli Ghedina: folclore, leggende e simboli delle Dolomiti - 16/04/2020 23:10:44
- Giorgio Murru: Spiriti e Dèi nella statuaria preistorica della Sardegn - 09/04/2020 13:50:32
- Una Maschera, un Volto, un Paese: il Carnevale in Sardegna - 07/03/2020 07:34:21
- Pe’ terre assaje luntane: al MANN l’emigrazione ischitana in America - 01/03/2020 19:33:00
- Thalassa: a Napoli le meraviglie sommerse dal Mediterraneo - 27/02/2020 23:09:38
- Nel segreto mare delle stelle di Marella Giovannelli - 25/02/2020 18:10:02
- Marcello Cabriolu, la Sardegna e il Mediterraneo Occidentale - 17/02/2020 21:27:55
- Erika Maderna, sulle tracce della medicina delle streghe e delle sant - 27/01/2020 06:48:31
- Federico Fellini: ironico, beffardo e centenario - 14/01/2020 07:56:24
- Pompei e Santorini, l'eternità in un giorno - 04/01/2020 08:29:04
- Andrea Icardi, un anno in Alta Valle Maira - 30/12/2019 14:15:42
- Archeologi italiani riportano alla luce i reperti assiri di Faida - 15/12/2019 09:45:07
- Augusto Mulas: l'orientamento astronomico dei nuraghi - 09/12/2019 19:01:03
- Margherita Massari: Ildegarda di Bingen, Sibilla e Dottore della Chies - 06/12/2019 09:18:37
- Il mito immortale di Cartagine in mostra a Roma - 04/12/2019 00:02:27
- Aquileia 2200. Porta di Roma verso i Balcani e l’Oriente - 29/11/2019 05:28:33
- Michele Porcaro: ASSTEAS - Storia del Vaso più bello del mondo - 19/11/2019 00:26:44
- Silvia Romani: credenze, miti e dei degli antichi - 11/11/2019 13:10:02
- All'Alba Radians di Albano (RM) il Filottete di Sofocle - 06/11/2019 16:36:58
- Mulino della Riviera di Dronero (CN), una storia firmata Cavanna - 29/10/2019 18:50:24
- Galluras, il Museo della Femina Agabbadòra - 22/10/2019 07:00:03
- Ugo Mancini: Sotto la cenere, storie di vita quotidiana durante il ven - 10/10/2019 20:51:11
- Alessandra Derriu: streghe, indovine e curatrici nella Sardegna del '7 - 04/10/2019 07:06:18
- Giuseppe Vito Internicola: Castellammare del Golfo, alle origini di un - 29/09/2019 18:15:59
- Città della Pieve (PG) si prepara ad accogliere Il Nostro Tempo - 25/09/2019 15:20:51
- Uno spazio per le Donne: alla scoperta del mondo femminile sardo e non - 23/09/2019 08:37:50
- Olmedo (SS), storia, tradizioni, folklore - 21/09/2019 09:21:49
- Silvia Giorcelli Bersani: I Romani e le Alpi - 16/09/2019 14:05:54
- Rossella Giglio: Segesta, tra teatro, musica, natura - 08/08/2019 15:56:16
- Enrico Caruso: la rinascita di Selinunte - 01/08/2019 14:29:05
- Lucina Gandolfo: alla scoperta di Monte Iato - 31/07/2019 07:33:07
- Sulle spiagge pontine tornano i Racconti di Sabaudia - 30/07/2019 08:47:45
- Tagliacozzo (AQ): XXXV Festival Internazionale di Mezza Estate - 22/07/2019 14:36:02
- Civiltà del sole: l'archeoastronomia nella Sicilia preistorica - 19/07/2019 07:30:13
- Cristina Muntoni, il potere delle parole nella storia della sacralità - 15/07/2019 18:12:54
- Francesco Bianco, un cammino tra verità nascoste - 13/07/2019 06:58:14
- Filippo Drago, mugnaio siciliano fra tradizione e modernità - 09/07/2019 07:28:20
- Con la KERNOS alla scoperta di Castellammare del Golfo - 02/07/2019 18:17:21
- Per una rinascita di Castelvetrano, città d'arte, storia, cultura - 27/06/2019 18:13:44
- Marinella Fiume: sapienza, virtù e misteri dell'universo simbolico fem - 11/06/2019 19:04:31
- Stefano Pucci: le incisioni rupestri delle Alpi Apuane - 07/06/2019 09:24:59
- Albano (RM), al via la Rassegna del Teatro Antico - 26/05/2019 18:33:37
- Max Dashu: Streghe e pagane, le donne nella cultura popolare europea - 14/05/2019 07:18:46
- Diego Maggio: profumi, aromi e sapori siculo-panteschi - 09/05/2019 08:15:34
- Regius, omaggio allo stupor mundi Federico II di Svevia - 03/05/2019 07:38:01
- Sentiero della Libertà, per tenere viva la Memoria - 01/05/2019 20:05:09
- Caccamo (PA), borgo di storia, arte, cultura - 28/04/2019 06:50:10
- C'era una volta Iato: omaggio dei ragazzi all'antica Iato - 23/04/2019 22:40:32
- U Pani ri Murriali: il pane genuino di una volta - 16/04/2019 17:20:40
- Recanati (MC): L'Infinito di Leopardi compie 200 anni - 13/04/2019 16:51:43
- A Camo (CN) torna PrimaVeraRegia - 11/04/2019 17:17:36
- Ivano Dionigi: Lucrezio, Seneca e noi - 04/04/2019 23:33:23
- Luca Mancini: Il caso dell'Ungheria di Horthy - 09/04/2019 19:14:05
- Il Foscolo di Albano (RM) trionfa al Festival Thauma - 30/03/2019 20:22:23
- Sotto il segno dei pesci: Camaiani celebra la Grecia - 28/03/2019 17:13:29
- Guido Cossard, viaggio nel mondo dell'Archeoastronomia - 25/03/2019 10:47:16
- Rosanna Oliva de Conciliis, una vita per la Parità - 17/03/2019 08:14:51
- Donna o Dea: le raffigurazioni femminili in Sardegna tra passato e pre - 02/03/2019 20:50:25
- Giorgio Ieranò: l'arcano fascino delle isole dell'Egeo - 25/02/2019 09:19:48
- Dea e Femminismo alla Roma Goddess Conference - 21/02/2019 09:10:27
- Elena Ianni: le feste e i falò del Messico - 17/02/2019 19:18:44
- Roma: l'olio d'oliva al Premio Filo della Torre - 15/02/2019 17:02:24
- I giovani attori del Foscolo alla Giornata del Greco - 06/02/2019 17:24:33
- La Penisola del Sinis (OR) tra storia, archeologia e natura - 29/01/2019 17:38:31
- King Camp Gillette: Il Turbine Umano - 19/01/2019 11:59:30
- Barumini (VS), archeologia, storia, cultura nel cuore della Sardegna - 14/01/2019 10:46:56
- Morena Luciani Russo: la ricerca della Dea e lo sciamanesimo - 09/01/2019 06:28:02
- Maurizio Bettini: Il Presepio, storia di un simbolo - 21/12/2018 08:22:38
- Venezia: Idoli, il potere dell'immagine - 12/12/2018 18:57:46
- Simona Modeo, Dioniso in Sicilia - 06/12/2018 17:48:35
- Violette Sauvage a Palazzo Colonna (RM) - 03/12/2018 07:01:13
- Pomezia (RM): Premio Donna d'Autore 2018 - 30/11/2018 06:37:50
- Massimo Blasi, l'incredibile storia degli imperatori romani - 28/11/2018 10:26:59
- Fabio Isman: 1938, l'Italia razzista - 25/11/2018 07:30:10
- Sacrum, lo Stabat Mater di Rossini all'Aracoeli di Roma - 22/11/2018 16:42:46
- Oriana Dal Bosco: il misterioso fascino del Nord Africa - 20/11/2018 17:17:03
- Natale inCHIOSTRO a Monastero di Dronero (CN) - 17/11/2018 07:53:51
- All'Alba Radians di Albano (RM): l'Ecuba di Euripide - 15/11/2018 16:59:16
- Autunno d'Autore a Ruralia, Conosci tu il paese dove... - 13/11/2018 18:40:36
- Marella Giovannelli, una vita tra giornalismo, fotografia e poesia - 09/11/2018 10:04:37
- Daniela Dao Ormena: Le radici chiamano, dolci melodie della Valle Mair - 30/10/2018 13:32:22
- Gli antichi pani di Sardegna protagonisti a Buddusò - 17/10/2018 14:23:34
- Torna a Lanuvio (RM) l'antico rituale della Maza - 04/10/2018 20:39:44
- Nonna Tommy, raccontaci ancora... - 02/10/2018 07:16:37
- A Buddusò (SS) torna Artes in Carrera - 30/09/2018 06:56:22
- Al Museo Africano di Verona la danza degli spiriti - 27/09/2018 00:12:36
- A. Cossard: Archeoastronomy, la prima app di archeoastronomia - 24/09/2018 09:21:18
- Firenze, Viaggio nell'altro e nell'altrove in ricordo di Paolo Grazios - 19/09/2018 08:31:44
- Lanuvio (RM): Buon compleanno, Antonino Pio! - 10/09/2018 06:04:22
- Raffaella De Sanctis, tra scuola e ricerca - 04/09/2018 17:45:49
- Màn. Vietnam Street Heroines in mostra al MAO (TO) - 26/08/2018 10:25:13
- Alessandra Comneno, una vita a contatto con la saggezza dei Nativi - 12/08/2018 19:38:51
- MAO (TO), ORIENTI. 7000 anni di arte asiatica dal Museo delle Civiltà - 07/08/2018 06:17:08
- Senorbì (CA), al MADN La Dea di Turriga, il mistero di un’icona senza - 01/08/2018 07:38:49
- Silvia Tenderini, una vita tra viaggi, ricerche e scrittura - 24/07/2018 19:40:34
- A Villa Giulia (Roma) la Scuola di Archeoastronomia 2018 - 19/07/2018 06:39:50
- Gabriella Mosso, I miei, i tuoi, i nostri - 17/07/2018 05:54:30
- Tagliacozzo (AQ), Festival Internazionale di Mezza Estate - 12/07/2018 06:39:05
- Franco Campus, Nuragici - un Territorio, un'Isola, il Mediterraneo - 09/07/2018 22:21:30
- Carmagnola (TO): Donne e Madonne nell’Arte dal XV secolo ad oggi - 04/07/2018 21:53:04
- Per una rinascita socio-culturale dei borghi della Valle dell'Amaseno - 25/06/2018 07:25:04
- Capalbio (GR), vacanza-laboratorio di Spiritualità Femminile con Devan - 22/06/2018 20:30:12
- Nicola Castangia, Ercole Contu e la scoperta della Tomba dei Vasi Tetr - 18/06/2018 06:44:49
- Castelfidardo (AN): gli studenti del Meucci per la valorizzazione del - 10/06/2018 17:30:57
- Papa Wojtyla in Comelico e in Cadore: il ricordo e l'emozione 30 anni - 27/05/2018 16:40:51
- Scrittori alla scoperta del mondo, una mostra sulla letteratura di via - 22/05/2018 06:00:18
- In viaggio tra le pagine di Elena Dak - 18/05/2018 09:31:20
- Convegno Internazionale contro Terrorismo, radicalizzazione e violenza - 08/05/2018 06:02:05
- Olimpia Biasi, la Viriditas di Ildegarda in mostra all'Hortu - 25/04/2018 15:09:19
- Con Marco Grippa alla scoperta del fascino segreto di Tagikistan e Kir - 18/04/2018 18:40:04
- Da Maenza a Fossanova sulle orme di San Tommaso d'Aquino - 13/04/2018 13:59:02
- Pierluigi Montalbano: l'alba della civiltà sarda - 10/04/2018 14:08:20
- Donne, Madri, Dee: la rappresentazione del femminile in mostra a Udine - 07/04/2018 07:14:26
- In mostra a Milano gli scavi di Achille Vogliano nel Fayum - 28/03/2018 18:52:37
- Sulle tracce della Dea: Viaggio nel Grembo della Storia - 17/03/2018 16:44:27
- Nadia Tarantini: Quando nascesti tu, stella lucente - 05/03/2018 21:14:35
- L'epopea dei Longobardi in mostra al MANN - 26/02/2018 10:45:11
- Verso il contratto di fiume dell'Amaseno - 22/02/2018 11:55:38
- Inside, la nuova collezione di Vittorio Camaiani - 11/02/2018 22:27:58
- Alla scoperta del matriarcato di Bali con Bruna Rotunno - 04/02/2018 13:48:05
- Giornata della Memoria, per non dimenticare - 25/01/2018 18:06:41
- Viaggio nei segreti della bellezza del corpo femminile - 21/01/2018 21:30:48
- Ildegarda di Bingen, maestra di sapienza nel suo tempo e oggi - 10/01/2018 22:22:54
- Selene Calloni: l'arte della ribellione zen per vincere la paura - 05/01/2018 22:57:08
- MANN: grande successo per la mostra sull'America precolombiana - 28/12/2017 14:29:51
- 2018 per Katike: i calendari di ...non lasciamoli soli - 19/12/2017 22:15:21
- Maenza: La rete dei cammini della Valle dell’Amaseno - 12/12/2017 22:31:25
- Al Convivium di Fiuggi i Pensieri sparsi di Daniela Gariglio - 07/12/2017 08:47:07
- Napoli: Il Natale dei 100 Alberi d’Autore - 03/12/2017 09:41:27
- Le donne dei Longobardi: urban-trekking con Michela Zucca - 28/11/2017 13:46:59
- San Martino di Stroppo: piccolo gioiello delle Valli Cuneesi - 24/11/2017 06:54:30
- Signa del Alma: per dire No alla violenza sulle donne - 19/11/2017 08:32:53
- Il nuovo romanzo di Maristella Lippolis: Raccontami tu - 07/11/2017 16:56:46
- Mama Africa: la maternità nell'arte africana - 03/11/2017 11:20:04
- Violette Sauvage: il vintage chic a Palazzo Colonna - 28/10/2017 11:28:12
- Il patrimonio archeologico del Lazio alla BMTA di Paestum - 26/10/2017 15:31:12
- Templari. Dal ducato di Puglia e Calabria, all’Italia del III Millenni - 22/10/2017 17:10:52
- Archeologia ferita: Volti di Palmira ad Aquileia - 11/10/2017 08:02:26
- Giancarlo Sani: alla scoperta delle incisioni rupestri toscane - 03/10/2017 13:36:14
- ... non lasciamoli soli: il progetto per il Nepal di Ilario Sedrani - 26/09/2017 08:24:26
- Giuliana Borghesani: La Maledizione della Liberta - 22/09/2017 14:28:02
- L'uomo, il Cancro del Pianeta - 04/09/2017 20:15:53
- Le caverne delle donne: la grotta di San Colombano - 25/08/2017 17:49:53
- Le figlie sono come le Madri: Donne lungo la Via della Seta - 30/08/2017 12:56:24
- Nemi: tornano i Nemoralia in onore della Dea Diana - 08/08/2017 17:21:44
- Donne e medicina: quale futuro per la medicina di genere? - 05/08/2017 08:48:58
- Arkeotrekking in Trentino: Sui sentieri delle Madri Antiche II - 31/07/2017 08:27:43
- Piero Verni: Tulku, viaggio nel cuore mistico della civiltà tibetana - 25/07/2017 07:11:56
- Ugo Mancini: ragioni e vicende degli antifascisti a Roma e nei Castell - 07/07/2017 18:23:52
- Festival di Tagliacozzo: conferenza stampa di presentazione a Palazzo - 05/07/2017 06:55:48
- Cuneo: Il lato nascosto delle Alpi - 04/07/2017 06:11:40
- Come con gli occhi dei bambini di Terezin - 28/06/2017 21:43:19
- Baby Giulia, storia di un'adolescenza rubata - 18/06/2017 13:18:11
- Francesca D'Amico: le donne nella tradizione contadina abruzzese - 11/06/2017 16:01:53
- Tutela e valorizzazione del patrimonio rurale nel Lazio - 07/06/2017 18:43:20
- Fiume che cammina. Transumanza dall’Adriatico al Lagorai - 03/06/2017 08:02:51
- Roma: VI raduno dei Linfoamici - 01/06/2017 14:32:42
- Atlantide, dal mito alla storia: intervista ad Alessandra Murgia - 20/05/2017 08:13:47
- Ignazio Didu: I Greci e la Sardegna. Il mito e la storia - 12/05/2017 09:18:37
- Sacra Nemora: la cultura del sacro in mostra a Lanuvio - 07/05/2017 23:09:38
- Pizzo d’Irlanda, merletto e ricamo protagonisti sul lago Trasimeno - 02/05/2017 07:59:39
- Arkeotrekking in Trexenta: Le Antiche Madri dei Monti e del Mare - 25/04/2017 19:47:13
- Le donne e il sapere medico-erboristico: un binomio da riscoprire - 07/04/2017 21:29:15
- Linfoamici a Venezia - 30/03/2017 18:13:31
- Com'è giusto che sia: il nuovo thriller di Marina Di Guardo - 29/03/2017 10:34:04
- Herbarie: le chiamavano Streghe - 24/03/2017 21:01:03
- Devana: il risveglio della spiritualità nativa dell'Antica Europa - 17/03/2017 18:33:42
- Andrea Loddo: l'archeologia sperimentale per comprendere le ancestrali - 11/02/2017 20:01:00
- Alla scoperta dell'origine genetica dei Sardi con il prof. Francala - 03/02/2017 08:01:01
- Diego Manzi: viaggio nel cuore della tradizione indiana - 28/01/2017 10:24:25
- Barbara Bonomi Romagnoli: storie di insette felici - 25/01/2017 23:15:02
- Alberto Pattini: Poesia del Trentino. La melodia della Grande Madre - 19/01/2017 21:24:29
- Rinascere dalle distruzioni. Ebla, Nimrud, Palmira - 12/01/2017 21:25:10
- Nori Corbucci: Marta Marzotto, una vita da ricordare - 05/01/2017 00:02:59
- La Sardegna antica nel cuore del Mediterraneo - 30/12/2016 01:04:16
- Sardegna nuragica e falso mistero della lingua etrusca con il linguist - 03/01/2017 07:32:46
- La Stirpe del Sole: una Medea inedita nell'ultimo romanzo di Giuliana - 23/12/2016 14:12:50
- Al Castello di Scilla i Popoli del Mare di Oreste Kessel Pace - 16/12/2016 12:53:26
- SACRUM: concerto dedicato a Papa Francesco all'Aracoeli - 08/12/2016 10:18:48
- Paola Biato: Viaggio nel mondo della Psicofiaba - 04/12/2016 19:28:59
- Il viaggio. Alchimie e Passioni: a Venezia la personale di Irene Manen - 29/11/2016 08:13:34
- Il Natale dei 100 alberi d’autore - 28/11/2016 20:22:54
- Carlo Buldrini: Pellegrinaggio buddhista - 16/11/2016 08:32:43
- A Spazio Mater l'arte digitale di Michele Grimaldi - 13/11/2016 19:50:50
- Gigantes de Perdas: alla scoperta dei nuraghi sardi - 04/11/2016 07:54:20
- Ivo Nardi: Riflessioni sul senso della vita - 24/10/2016 08:27:11
- Fabrizio Manzetti: Nascosti davanti a tutti - 18/10/2016 00:13:25
- Bambine e bambini: divino gioco di pace nel mondo - 28/10/2016 08:24:38
- La Danza degli Archetipi: alle radici del linguaggio simbolico - 13/10/2016 22:41:28
- Alla scoperta dei Fiori di Bach con Gerardo Chirò - 09/10/2016 08:44:23
- Sardegna: curiosità, aneddoti e misteri sardi con Gianmichele Lisai - 04/10/2016 06:59:28
- Roma per Amatrice: Concerto di Beneficenza - 25/09/2016 15:45:16
- Sulle tracce dell' archeologia dell'evanescente con Paola Di Si - 22/09/2016 15:21:18
- Sebastiano Brocchi: alchimia, esoterismo, simbologia sacra e mistero - 18/09/2016 08:55:07
- Milano: appuntamento per il World Lymphoma Awareness Day - 13/09/2016 07:41:13
- Sulla via degli sciamani del Sudamerica con Stefano Lioni - 29/08/2016 08:00:22
- Sulle orme dei Moso con l'antropologa Francesca Rosati Freeman - 16/08/2016 07:13:59
- Sui sentieri dei luoghi di culto della Grande Dea con Luisella Veroli - 11/08/2016 08:48:06
- Un Altro Mondo per i Diritti della Pachamama - 27/07/2016 07:32:44
- Alessandra Di Gesù: viaggio nelle Tradizioni Misteriche del Mediterran - 05/07/2016 08:00:50
- Abbracci gratis contro il linfoma: a Roma il V raduno dei Linfoami - 31/05/2016 23:23:59
- Out of Tibet: il foto-racconto della diaspora tibetana sbarca a Roma - 23/05/2016 00:04:09
- Il Canto delle Sirene in mostra a Bologna - 22/05/2016 10:02:01
- La cultura dei Moso arriva al Ramadù di Cisterna - 16/04/2016 21:08:59
- Donne e scienza: un binomio per troppo tempo ignorato - 24/03/2016 07:51:18
- Suffragette 2.0: approda al Peano di Roma - 14/03/2016 22:06:13
- Palazzo Visconti: Alta Moda della Sartoria Angela - 09/03/2016 08:47:43
- Il respiro profondo di una Nuova Era - 04/03/2016 14:17:21
- Festa grande per i 35 anni di attività di Erno Rossi - 01/03/2016 14:29:34
- I Sentieri della Terra: come restituire vita e dignità alla Mad - 20/02/2016 09:06:03
- Le remote origini del tatuaggio con l'antropologa Michela Zucca - 23/01/2016 09:46:08
- Mantra Madre e Il profumo della luna: libri per il risveglio dell'anim - 24/12/2015 10:37:15
- Roma: il Rito del Grembo - 12/12/2015 00:42:29
- Alla scoperta delle vere origini di Halloween con Monica - 31/10/2015 20:24:53
I COMMENTI RELATIVI ALL'ARTICOLO
Invia un commento alla Redazione
Email
Nome e Cognome
Messaggio
Gentile lettore, prima di inviare il Suo messaggio:

compilare il codice di sicurezza sottostante copiando l'immagine raffigurata;

CAPTCHA 
cambia codice

inserisci codice



Per pubblicare, in fondo all'articolo, il suo commento selezionare il pulsante sottostante.

Pubblicazione
  Si    solo nome
  Si    nome e cognome
  No


Grazie della collaborazione.

© 2014 - ftNews è una testata di libera informazione.