Redazione     Informativa     Link  

Mamma Margherita: la mia Nadia, la forza dell'amore

lunedì, 04 gennaio 2021 17:57

condividi su facebook
Nadia Toffa con la sua mamma
Dal nostro inviato
Francesca Bianchi
Rarità di purezza;
distillato di acqua cristallina;
legge l'anima del creato;
mi hai messo al mondo e mi hai istantaneamente amato.
Occhi negli occhi erano solo una promessa di amore eterno.
Un solo sguardo è bastato.
Da allora mi hai amato.
Io sarò con te eternamente .
La terra non potrà dividerci per niente.
Siamo la stessa mente.

(Mamma- Nadia Toffa)
Non penso che esista un legame più puro e vero di quello che unisce madre e figlia, un amore eterno che va oltre la morte. Lo sapeva bene l'indimenticata Nadia Toffa, inviata del programma televisivo Le Iene, che con sua madre Margherita Rebuffoni viveva in simbiosi e negli ultimi mesi di vita si preoccupava solo e unicamente del dolore infinito e ingiusto che la sua morte avrebbe procurato all'amata mamma. Questa poesia scritta per sua madre - che troviamo all'inizio del libro Ti aspetterò tutta la vita - trasmette tutta la tenerezza del rapporto tra la giornalista bresciana e colei che le ha dato la vita, la donna dalle cui braccia si è lasciata coccolare e accudire fino all'ultimo, perché una figlia si affida, una mamma protegge, come ricorda sempre mamma Margherita.
Di Nadia ricordiamo tutti la tenacia, la passione per il suo lavoro, la voglia di lottare per un mondo più giusto, che emergevano in tutte le sue inchieste, alcune particolarmente scomode, come quella sull’Ilva di Taranto, quella sulla Terra dei Fuochi, o ancora l'inchiesta su un giro di prostituzione minorile a Bari. Nadia non riusciva a restare indifferente davanti alle ingiustizie, era empatica, subito si immedesimava nel dolore della gente e cercava di sfruttare il suo "potere" per migliorare la condizione di chi soffriva a causa dei soprusi altrui. Attraverso una raccolta fondi che lei promosse in diretta televisiva, vennero raccolti 550mila euro destinati all'apertura di un reparto di Oncoematologia pediatrica all'ospedale SS. Annunziata di Taranto. Questo consentì ai bambini di Taranto malati di tumore di potersi curare nella loro città, senza dover raggiungere Bari. Oggi quel reparto è intitolato proprio a lei.
Di Nadia ricordiamo tutti la forza ammirevole con cui ha combattuto contro il tumore che l'ha uccisa la mattina del 13 agosto 2019. Nessuno dimenticherà mai il suo sorriso, l'invito a vivere intensamente ogni giorno che ci è concesso, perché non conta quanto vivi, ma come vivi, la voglia di condividere pubblicamente la sua battaglia per dare forza a chi si trovava nelle sue stesse condizioni.
Nessuno, però, può raccontarci meglio Nadia di sua madre Margherita Rebuffoni, un'elegante e raffinata signora che ha concesso a FtNews una lunga e bella intervista. Con la dolcezza che la contraddistingue mamma Margherita ci ha schiuso le porte del suo cuore, ricordando la simpatia e la tenerezza di Nadia da bambina, ma anche la sua travolgente vivacità. Ha ripercorso per noi gli ultimi mesi di vita della figlia, parlando anche della missione che Nadia le ha affidato: infondere coraggio a chi ha bisogno di aiuto, difendere i deboli e pubblicare i suoi scritti per poter aiutare gli altri a vivere serenamente la malattia. Alcuni di questi scritti sono confluiti nei libri Non fate i bravi e Ti aspetterò tutta la vita, pubblicati dall'editore Chiarelettere. Nei due libri sono raccolti poesie, pensieri e riflessioni che Nadia scriveva di notte e che Margherita ha trovato sul pc della figlia. Ex maestra originaria della Val Camonica, mamma Margherita ha raccontato con grande tenerezza di come Nadia l'abbia lentamente preparata alla sua assenza, ricordandole di amare la vita sempre e comunque. Si è soffermata sulla Fondazione Nadia Toffa, istituita in onore della figlia qualche mese dopo la sua scomparsa, che oggi promuove la raccolta di fondi da destinare alla ricerca per la cura del cancro e di altre malattie. Il volto di mamma Margherita si illumina di gioia quando parla della nipotina Alba Nadia, nata lo scorso 12 marzo, che ora assorbe tutte le sue energie e che considera un dono di Nadia.
Nadia Toffa ha subito cinque interventi chirurgici, si sottoponeva a devastanti sedute di chemioterapia, era consapevole della gravità della sua malattia, sapeva di dover morire presto: eppure, nonostante tutto, non ha mai smesso di gridare al mondo la bellezza della vita, il bene più prezioso che abbiamo, un dono unico da onorare e custodire con cura fino all'ultimo respiro. Fino all'ultimo Nadia ha sorriso alla vita, trasformando con facilità una tragedia in fiaba perché se leggi attentamente le cicatrici, troverai storie pazzesche da raccontare.

Margherita, di Nadia conosciamo la tenacia, la determinazione nel condurre inchieste anche molto dure, la voglia di vivere e urlare al mondo la bellezza della vita, pur sapendo di avere il destino segnato. Da bambina com'era?
Era meravigliosa, spericolata, vivacissima, si divertiva da morire, stava sempre in movimento, però mi fidavo tanto di lei. Aveva uno spirito indipendente già da piccolina. Era un peperino dolcissimo, una splendida bambina, tanto simpatica. Frequentava le Canossiane, che ogni anno portavano tutti i bambini in settimana bianca. Penso che i suoi insegnanti siano tornati con i capelli bianchi! Era anche dolcissima, si faceva coccolare. Era curiosa e molto meditativa sin da bambina: una volta mi chiese cosa ci fosse al di là delle stelle. A volte aveva delle uscite che lasciavano tutti a bocca aperta. La sorella Mara, che ha nove anni più di Nadia, le ha insegnato a cinque anni a leggere il greco. Lei in prima elementare leggeva il greco, ma non conosceva l'italiano. Mara le raccontava le storie degli eroi greci; Nadia ne era affascinata e ammirava tanto questa sorella maggiore.
Nadia e la sua cagnolina Totò
Come è nato l'interesse per la trasmissione Le Iene e per il giornalismo d'inchiesta? Qual era il sogno di Nadia?
Sempre grazie a Mara, che guardava il programma. Così iniziò a guardarlo anche lei, che da allora ha desiderato dedicarsi al giornalismo d'inchiesta. L'affascinava il fatto che molte ingiustizie potessero essere risolte grazie a loro. Ha tentato ed è riuscita, facendo la gavetta vera, studiando sodo. Aveva imparato a fare tutto. Era seria e tanto pignola e credeva in quello che faceva: il suo entusiasmo, l'amore che metteva nel suo lavoro arrivavano alla gente, che l'ha sempre ripagata con grande affetto.

Negli ultimi tempi in tv ballava, cantava, era sempre sorridente e grintosa, nonostante le continue sedute di chemioterapia. Sembrava impossibile fosse gravemente malata. Voi due siete state sempre insieme negli ultimi tempi. Come ha trascorso gli ultimi mesi della sua vita?
Nadia conosceva la gravità del suo male, ma era pronta a conviverci. Ha lottato con grande coraggio. Di giorno dipingeva, era piena di energia; si era creata un giardino d'inverno a casa, era sempre piena di idee, era bello vivere con lei. Mi chiedeva di non lasciarla mai: "o ce ne andiamo insieme o voglio morire prima di te". E io non l'ho mai lasciata, nemmeno per andare a fare la spesa, sono stata con lei tutti i giorni. Ha sorriso fino all'ultimo giorno. Chiedeva a Dio di lasciarla in vita solo se riteneva che avesse ancora qualcosa da fare e da dare, altrimenti era pronta ad andarsene, anche se era dispiaciuta di lasciarmi. Diceva sempre che i figli che perdono i genitori sono orfani, ma un genitore che perde un figlio è una persona mutilata. Era preoccupata per me e mi ha preparato al dopo senza di lei: mi ha portato a capire che piano piano se ne stava andando e mi avrebbe lasciato bei ricordi. Oggi dico che mi ha insegnato a vivere. A volte, rimproverandomi, mi diceva: "Tu sei per tutti gli altri, ma non esisti, tu devi esistere, mamma!".

Con l'amore che solo una mamma sa dare l'hai accompagnata fino all'ultimo istante, quando hai capito che se ne stava andando. Cosa ricordi di quei momenti?
L'ultimo giorno l'ho vista cambiata, era pallida e soporosa, allora mi sono messa a letto con lei, l'accarezzavo. A un certo punto ho trovato il coraggio di lasciarla andare e le ho detto: "vola, amore mio". Non so come sia riuscita a farlo e chi mi abbia aiutato, ma sentivo che lei aveva bisogno di quelle parole.

Hai raccontato che nel corso degli ultimi mesi Nadia scriveva poesie, pensieri e frasi. Nel suo pc hai trovato una mole imponente di materiale. Alcuni pensieri sono confluiti nei libri Non fate i bravi e Ti aspetterò tutta la vita, pubblicati dall'editore Chiarelettere. Quando scriveva?
Dormivo con Nadia. A volte, nel corso della notte, mi svegliavo e la vedevo con il cellulare in mano, tutta intenta a scrivere. Scriveva anche per due-tre ore: non voleva perdere tempo, perché temeva che al mattino avrebbe potuto dimenticare. La mattina mi leggeva tutti i pensieri che scriveva la notte. Mi disse di consegnarli a Lorenzo Fazio, direttore editoriale di Chiarelettere, il suo più caro amico, che avrebbe poi provveduto alla pubblicazione. Ha scritto tante frasi belle e profonde, circa 450 pensieri, alcuni dei quali sono raccolti in questi due libri. Lei aveva già firmato il contratto con Chiarelettere, io ho solamente consegnato i testi. Lorenzo ha provveduto a selezionarli e ha pensato al titolo. "Guai a te se mi fai correggere qualcosa! Quello che ho scritto è e deve restare così!". E così è stato: non ho fatto correggere nulla, ci sono alcuni errori e sono rimasti.
Tutto ciò che verrà raccolto dalla vendita dei libri "Non fate i bravi" e "Ti aspetterò tutta la vita" andrà alla Fondazione Nadia Toffa. Lo scorso anno, prima dello scoppio della pandemia, sono riuscita a partecipare a qualche presentazione del libro in presenza. Adesso abbiamo in programma pochissimi eventi, perché con il Covid si può fare poco e nulla, per cui l'ultimo libro sono riuscita a presentarlo solo in alcune TV.

Il 12 marzo 2020 il sole è tornato a splendere nella tua vita con la nascita di Alba Nadia, figlia di tua figlia Silvia. Hai detto che è l'ultimo dono che Nadia ha voluto fare a tutti voi...
Alba è stata un regalo di Nadia. Alba è la mia gioia più grande, ha portato di nuovo la luce nella mia vita. Mi fa gli scherzi; è simpatica, giocherellona, è uno spasso. A volte prende i libri piccolini, quelli che può sfogliare, li apre e con il dito segna e conta le righe; legge anche alla svelta. Nadia sapeva che la sorella Silvia da tempo cercava una bimba. Nel corso degli ultimi mesi Nadia faceva arrivare da Amazon moltissimi giocattoli: la macchina della Barbie, la coccinella, giochi per bambini piccoli, costruzioni, attrezzi per fare i puzzle. Chissà cosa le diceva l'inconscio! Tutte queste cose erano per Alba. Ricordo che negli ultimi tempi diceva a Silvia: "ti prego, chiamami tutte le volte che hai bisogno, per qualsiasi cosa, chiamami".

Margherita, dove trovi la forza e la voglia di aiutare gli altri?
È la mia Nadia a darmi la forza di andare avanti. Mi capita spesso di mettermi le sue foto e il suo libro sul cuore e parlarle. A volte è doloroso il pensiero di quello che ha patito fisicamente e psicologicamente. Ha subito cinque operazioni, tantissime, ma tutto passava: lei riprendeva a sorridere, mi preparava al dopo, a quello che sarebbe avvenuto, mi ringraziava per esserci sempre. Eravamo in simbiosi. Quando mi vedeva triste, mi rimproverava: "Smettila mamma, perché la iena sono io! So cosa stai meditando". Avrei voluto coccolarla di più e baciarla di più, ma con lei non potevo esagerare. Quando mi alzo la mattina, la prima persona che saluto è lei, bacio la sua foto e le chiedo consigli. Se devo rilasciare qualche intervista, chiedo sempre un parere a lei.

Il libro "Ti aspetterò tutta la vita" è dedicato all'amore. Nadia è sempre stata una persona molto riservata; delle sue storie d'amore non si sa quasi nulla. Una volta, però, pubblicò su Facebook un post in cui accusava il suo ragazzo di non averla mai accompagnata a fare una sola seduta di chemioterapia. Perché scrisse quel post?
Quanto al destinatario del post che lei scrisse su Facebook qualche mese prima di morire, era un bravissimo ragazzo che ogni volta che si trovava a Milano l'accompagnava a fare la chemio e l'attendeva con champagne e pizza. Conobbe questo ragazzo sei mesi prima di ammalarsi. Veniva sempre a trovarla, la riempiva di regali, era una persona amabilissima. Scrisse quel post su Facebook perché sentiva che le forze venivano meno; aveva iniziato ad essere più soporosa e non voleva che lui capisse che se ne stava andando, voleva che fosse lui ad allontanarsi spontaneamente. A volte l'accompagnavano anche gli amici e il suo ex fidanzato. Quanto, invece, al libro "Ti aspetterò tutta la vita", si parla di amore in tutti i sensi: amore per i bambini, per la natura, per la vita. Parla anche delle sue storie e, quando lo fa, molti ex vengono rimproverati, anche se non si fanno nomi. La prima poesia che si trova nel libro è dedicata a me, l'ha inserita Lorenzo Fazio senza dirmelo. È intitolata "Mamma". L'aveva scritta lei stessa sul mio cellulare, ma io non l'avevo mai vista; chissà quando l'avrà fatto!
Nadia da piccolina
In suo onore avete costituito la Fondazione Nadia Toffa. Quali sono gli obiettivi e le finalità della Fondazione?
L'obiettivo della Fondazione è quello di dare un aiuto concreto ai soggetti che operano per migliorare la salute e la vita delle persone più deboli e indifese, perseguendo i valori di solidarietà e ricerca della verità di cui Nadia è stata simbolo e per i quali si è sempre battuta con estrema tenacia. La Fondazione promuove la raccolta di fondi da destinare alla ricerca per la cura del cancro e altre malattie, fornisce sostegno a persone bisognose, promuove progetti di sostentamento e di sviluppo in zone svantaggiate, principalmente del territorio italiano. La raccolta fondi è promossa attraverso l’organizzazione di eventi, spettacoli, pubblicazioni di libri e video, produzione di materiale audio. Le realtà alle quali devolveremo i fondi raccolti sono l'Istituto Neurologico Carlo Besta di Milano, dove Nadia è stata in cura, il Reparto di Oncoematologia Pediatrica del SS. Annunziata di Taranto, che Nadia ha contribuito a far nascere promuovendo una raccolta fondi e che lo scorso anno è stato dedicato proprio a lei, e Don Patriciello.
Io sono la presidente dell'Associazione, le mie figlie Mara e Silvia e mio marito Maurizio sono i vicepresidenti. Don Maurizio Patriciello e una commercialista di Brescia sono i revisori dei conti. Abbiamo cercato un'associazione per la creazione del sito affinché tutti potessero donare e acquistare la maglietta e un quadro di Nadia. Ne abbiamo vendute più di 2000.

Nadia amava la Puglia, in particolare la città di Taranto, di cui era cittadina onoraria. Come nacque l'idea di organizzare una raccolta fondi per istituire il Reparto di Oncoematologia pediatrica all'Ospedale SS. Annunziata di Taranto?
Il legame tra Nadia e la Puglia ha origini antiche: quando le bambine erano piccole, venivamo sempre in vacanza in Puglia. La prima volta che la portai qui aveva un anno. Con Taranto, poi, aveva un legame davvero speciale, nato quando fece un'inchiesta sull'inquinamento dell'Ilva. Lì ha potuto toccare con mano il dramma della gente, ha incontrato tanti bambini malati di tumore, ha raccolto le testimonianze di chi aveva perso una persona cara. Nel corso della diretta tv, Nadia indossò la maglietta "Ie Jesche pacce per te!" ('sono pazzo di te"), che venne messa all'asta. Sostenne, quindi, diventandone madrina, la raccolta fondi organizzata dagli Amici del Mini Bar del quartiere Tamburi, promossa dal titolare Ignazio d'Andria, dal cui ricavato - 550mila euro, arrivati da tutta Italia - vennero realizzati dei bandi di concorso per selezionare pediatri specializzati in oncologia che potessero dedicarsi ai bambini oncologici di Taranto. Prima, infatti, per poter ricevere le cure, questi bambini erano costretti a fare lunghi viaggi della speranza fino a Bari insieme ai loro genitori. L'iniziativa di "Tutti gli Amici del Mini Bar" è stata sostenuta e finanziata anche dall'Associazione "Arcobaleno nel Cuore". Oggi il reparto di oncologia pediatrica dell'ospedale di Taranto è una realtà e lo scorso anno è stato intitolato a lei, grazie alla raccolta firme promossa da Alessandra Marotta e Monica Morini. Mio marito ed io abbiamo partecipato alla cerimonia d'inaugurazione insieme al Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano.

In Puglia Nadia aveva fatto un'altra inchiesta molto dura da cui dovrebbe nascere un libro. Di cosa si tratta?
C'è un libro che Nadia mi aveva pregato di pubblicare. Parla di sesso ed è il frutto di un'inchiesta tosta sulla prostituzione di bambini a Bari. Tornò a casa distrutta da quel servizio. Non abbiamo voluto pubblicare subito il libro per non sfruttare la morte di Nadia. Adesso lo stiamo arricchendo: già lei aveva intervistato un sacco di ragazzini, io andrò da altri. "Mamma, non servirà ai ragazzini, ma ai loro genitori sì, e farai davvero del bene se lo pubblicherai", mi diceva
.
Come vuoi che venga ricordata Nadia e quale messaggio ti auguri possa arrivare a tutti coloro che avranno il piacere di leggere i suoi scritti?
Voglio che di Nadia la gente ricordi quello che ha fatto di bello. Ha fatto tanto inchieste, alcune molto dolorose. A volte neppure mangiava per seguire le sue inchieste. Lei ha dato la vita per i più fragili. Quando non poteva più muoversi, voleva diventare potente sui social per aiutare gli altri: "vorrei avere tanto potere per fare qualcosa per gli altri".
Mi auguro che la lettura dei suoi pensieri e delle sue poesie aiuti ad affrontare con più serenità la malattia. Lei diceva che anche nella malattia si viene sempre aiutati. Spero che i suoi libri contribuiscano ad infondere speranza e a donare qualche momento di gioia e spensieratezza. Lei voleva dare un momento di serenità anche a chi sta intorno alle persone malate. Ha sempre agito con grande fede. La zia Marilena, mia sorella, morta a vent'anni per un tumore quando Nadia non era ancora nata, era il suo angelo custode.

A proposito della sua fede, Nadia aveva un rapporto speciale con Don Maurizio Patriciello, che era diventato il suo padre spirituale. È stata lei a chiedergli di celebrare il suo funerale?
Sì, gliel'ha chiesto lei. Giornalmente chattava con Don Patriciello, parroco di Caivano e simbolo della lotta alla Terra dei Fuochi. Lui le inviava i video per documentare la situazione di quelle terre violentate dall'inquinamento e lei li girava al sindaco di Napoli De Magistris. Mi diceva di aiutare assolutamente Don Patriciello, perché spesso si trova da solo a combattere una situazione diventata insostenibile. Aveva conosciuto molte persone che a causa dell'inquinamento si erano ammalate di tumore, soprattutto bambini: quell'esperienza la toccò profondamente.

Margherita, cosa ti auguri per questo 2021?
Mi auguro che il Covid se ne vada, che ci vogliamo tutti più bene e che le persone cattive facciano un esame di coscienza. Mi auguro che venga scoperto qualcosa perché il cancro diventi sempre più curabile; soprattutto mi auguro che la ricerca possa fare qualcosa per il cancro che ha colpito la mia Nadia, di cui si sa poco e niente. Spero che lei possa darsi da fare lassù. Inoltre, chiedo per me e per mio marito che il Signore ci conceda ancora un po' di tempo, perché voglio godermi la mia nipotina Alba Nadia, la mia gioia infinita che vorrei crescere come ho fatto con Alice e Pietro, gli altri miei due nipoti, figli di Mara.
Mostra altri Articoli di questo autore
info@freetopnews.it
- Filomena Giannotti: Caproni, Il mio Enea - 20/01/2021 07:36:54
- Mamma Margherita: la mia Nadia, la forza dell'amore - 04/01/2021 17:57:43
- Anny Romand, mia nonna d'Armenia - 22/12/2020 07:09:20
- Giorgio Ieranò: I Greci e noi - 21/12/2020 07:17:10
- Pietro Pisciottu: L'Agnata, storia e memoria di uno stazzo gallurese - 14/12/2020 10:36:18
- Sopravvivere alla morte: la vita nelle iscrizioni funerarie latine - 07/12/2020 21:46:29
- Olivo: l'albero della civiltà - 05/12/2020 07:38:58
- Marida Lombardo Pijola: l'imperfezione delle madri - 25/11/2020 14:08:22
- Pietro Greco: Trotula, la prima donna medico d'Europa - 10/11/2020 08:28:11
- Gian Enrico Manzoni: la peste di Atene ai tempi del Covid - 29/10/2020 08:13:41
- Fiorenzo Caterini: ricostruzione della memoria in Sardegna - 23/10/2020 09:01:57
- Paolo Carboni: Tutt'a pedi - Alla scoperta del territorio di Aggius (S - 12/10/2020 10:44:57
- Agostino Asara, l'ultimo Patriarca degli stazzi galluresi - 06/10/2020 07:41:33
- Aggius (SS): storia, tradizioni, banditismo nel cuore della Gallura - 02/10/2020 06:54:06
- Tenuta Coda di Lupo, eccellenze sarde per un'agricoltura sostenibile - 22/09/2020 19:35:55
- Luigi Lehnus: Wilamowitz e il monte delle Muse - 15/09/2020 17:25:33
- Paola Mancini: viaggio nella storia di Loiri Porto San Paolo (SS) - 10/09/2020 18:14:11
- Alla scoperta dell'Area Marina Protetta di Tavolara (SS) con Augusto - 01/09/2020 21:32:17
- Giuseppe Festa: Ursula e Lupinella, orsi e lupi sulle montagne italian - 28/08/2020 07:59:34
- Pa punyat: con Antonio Masia alla scoperta delle eccellenze algheresi - 24/08/2020 08:51:11
- Sa Mandra, anima barbaricina nel cuore della Nurra - 19/08/2020 07:30:34
- Giuliano Dal Mas, una vita tra le Dolomiti - 13/08/2020 17:36:13
- Valle d'Aosta, presentata la XXIII edizione del Gran Paradiso Film Fe - 27/07/2020 19:42:54
- Irene Borgna: Louis Oreiller, il pastore di stambecchi - 20/07/2020 07:47:15
- Genzano, a Casa Mamre QUESTO MARE E’ PIENO DI VOCI - 16/07/2020 09:22:00
- Corrado Ruggeri, una vita in viaggio - 13/07/2020 07:30:17
- Lungo i sentieri del Cammino Ibleo con Nanni Di Falco - 06/07/2020 16:49:35
- Alla scoperta del nuraghe Majori di Tempio Pausania - 30/06/2020 07:39:09
- Lorenzo Braccesi: Olimpiade e Zenobia, quando il potere è donna - 24/06/2020 05:26:37
- Ove abitai fanciullo: a Recanati aprono le stanze private di Giacomo L - 15/06/2020 14:18:28
- I reperti assiri di Faida al premio mondiale in memoria di Khaled al-A - 08/06/2020 07:43:10
- Mauro Bonazzi: i Greci e il mistero dell'esistenza - 01/06/2020 07:22:54
- PandemicA, racconto corale per immagini - 21/05/2020 07:52:03
- Antonietta Langiu, la mia Isola - 08/05/2020 09:22:34
- Susanna Garavaglia: il risveglio della coscienza interiore - 29/04/2020 05:09:43
- Rosanna Raffaelli Ghedina: folclore, leggende e simboli delle Dolomiti - 16/04/2020 23:10:44
- Giorgio Murru: Spiriti e Dèi nella statuaria preistorica della Sardegn - 09/04/2020 13:50:32
- Una Maschera, un Volto, un Paese: il Carnevale in Sardegna - 07/03/2020 07:34:21
- Pe’ terre assaje luntane: al MANN l’emigrazione ischitana in America - 01/03/2020 19:33:00
- Thalassa: a Napoli le meraviglie sommerse dal Mediterraneo - 27/02/2020 23:09:38
- Nel segreto mare delle stelle di Marella Giovannelli - 25/02/2020 18:10:02
- Marcello Cabriolu, la Sardegna e il Mediterraneo Occidentale - 17/02/2020 21:27:55
- Erika Maderna, sulle tracce della medicina delle streghe e delle sant - 27/01/2020 06:48:31
- Federico Fellini: ironico, beffardo e centenario - 14/01/2020 07:56:24
- Pompei e Santorini, l'eternità in un giorno - 04/01/2020 08:29:04
- Andrea Icardi, un anno in Alta Valle Maira - 30/12/2019 14:15:42
- Archeologi italiani riportano alla luce i reperti assiri di Faida - 15/12/2019 09:45:07
- Augusto Mulas: l'orientamento astronomico dei nuraghi - 09/12/2019 19:01:03
- Margherita Massari: Ildegarda di Bingen, Sibilla e Dottore della Chies - 06/12/2019 09:18:37
- Il mito immortale di Cartagine in mostra a Roma - 04/12/2019 00:02:27
- Aquileia 2200. Porta di Roma verso i Balcani e l’Oriente - 29/11/2019 05:28:33
- Michele Porcaro: ASSTEAS - Storia del Vaso più bello del mondo - 19/11/2019 00:26:44
- Silvia Romani: credenze, miti e dei degli antichi - 11/11/2019 13:10:02
- All'Alba Radians di Albano (RM) il Filottete di Sofocle - 06/11/2019 16:36:58
- Mulino della Riviera di Dronero (CN), una storia firmata Cavanna - 29/10/2019 18:50:24
- Galluras, il Museo della Femina Agabbadòra - 22/10/2019 07:00:03
- Ugo Mancini: Sotto la cenere, storie di vita quotidiana durante il ven - 10/10/2019 20:51:11
- Alessandra Derriu: streghe, indovine e curatrici nella Sardegna del '7 - 04/10/2019 07:06:18
- Giuseppe Vito Internicola: Castellammare del Golfo, alle origini di un - 29/09/2019 18:15:59
- Città della Pieve (PG) si prepara ad accogliere Il Nostro Tempo - 25/09/2019 15:20:51
- Uno spazio per le Donne: alla scoperta del mondo femminile sardo e non - 23/09/2019 08:37:50
- Olmedo (SS), storia, tradizioni, folklore - 21/09/2019 09:21:49
- Silvia Giorcelli Bersani: I Romani e le Alpi - 16/09/2019 14:05:54
- Rossella Giglio: Segesta, tra teatro, musica, natura - 08/08/2019 15:56:16
- Enrico Caruso: la rinascita di Selinunte - 01/08/2019 14:29:05
- Lucina Gandolfo: alla scoperta di Monte Iato - 31/07/2019 07:33:07
- Sulle spiagge pontine tornano i Racconti di Sabaudia - 30/07/2019 08:47:45
- Tagliacozzo (AQ): XXXV Festival Internazionale di Mezza Estate - 22/07/2019 14:36:02
- Civiltà del sole: l'archeoastronomia nella Sicilia preistorica - 19/07/2019 07:30:13
- Cristina Muntoni, il potere delle parole nella storia della sacralità - 15/07/2019 18:12:54
- Francesco Bianco, un cammino tra verità nascoste - 13/07/2019 06:58:14
- Filippo Drago, mugnaio siciliano fra tradizione e modernità - 09/07/2019 07:28:20
- Con la KERNOS alla scoperta di Castellammare del Golfo - 02/07/2019 18:17:21
- Per una rinascita di Castelvetrano, città d'arte, storia, cultura - 27/06/2019 18:13:44
- Marinella Fiume: sapienza, virtù e misteri dell'universo simbolico fem - 11/06/2019 19:04:31
- Stefano Pucci: le incisioni rupestri delle Alpi Apuane - 07/06/2019 09:24:59
- Albano (RM), al via la Rassegna del Teatro Antico - 26/05/2019 18:33:37
- Max Dashu: Streghe e pagane, le donne nella cultura popolare europea - 14/05/2019 07:18:46
- Diego Maggio: profumi, aromi e sapori siculo-panteschi - 09/05/2019 08:15:34
- Regius, omaggio allo stupor mundi Federico II di Svevia - 03/05/2019 07:38:01
- Sentiero della Libertà, per tenere viva la Memoria - 01/05/2019 20:05:09
- Caccamo (PA), borgo di storia, arte, cultura - 28/04/2019 06:50:10
- C'era una volta Iato: omaggio dei ragazzi all'antica Iato - 23/04/2019 22:40:32
- U Pani ri Murriali: il pane genuino di una volta - 16/04/2019 17:20:40
- Recanati (MC): L'Infinito di Leopardi compie 200 anni - 13/04/2019 16:51:43
- A Camo (CN) torna PrimaVeraRegia - 11/04/2019 17:17:36
- Ivano Dionigi: Lucrezio, Seneca e noi - 04/04/2019 23:33:23
- Luca Mancini: Il caso dell'Ungheria di Horthy - 09/04/2019 19:14:05
- Il Foscolo di Albano (RM) trionfa al Festival Thauma - 30/03/2019 20:22:23
- Sotto il segno dei pesci: Camaiani celebra la Grecia - 28/03/2019 17:13:29
- Guido Cossard, viaggio nel mondo dell'Archeoastronomia - 25/03/2019 10:47:16
- Rosanna Oliva de Conciliis, una vita per la Parità - 17/03/2019 08:14:51
- Donna o Dea: le raffigurazioni femminili in Sardegna tra passato e pre - 02/03/2019 20:50:25
- Giorgio Ieranò: l'arcano fascino delle isole dell'Egeo - 25/02/2019 09:19:48
- Dea e Femminismo alla Roma Goddess Conference - 21/02/2019 09:10:27
- Elena Ianni: le feste e i falò del Messico - 17/02/2019 19:18:44
- Roma: l'olio d'oliva al Premio Filo della Torre - 15/02/2019 17:02:24
- I giovani attori del Foscolo alla Giornata del Greco - 06/02/2019 17:24:33
- La Penisola del Sinis (OR) tra storia, archeologia e natura - 29/01/2019 17:38:31
- King Camp Gillette: Il Turbine Umano - 19/01/2019 11:59:30
- Barumini (VS), archeologia, storia, cultura nel cuore della Sardegna - 14/01/2019 10:46:56
- Morena Luciani Russo: la ricerca della Dea e lo sciamanesimo - 09/01/2019 06:28:02
- Maurizio Bettini: Il Presepio, storia di un simbolo - 21/12/2018 08:22:38
- Venezia: Idoli, il potere dell'immagine - 12/12/2018 18:57:46
- Simona Modeo, Dioniso in Sicilia - 06/12/2018 17:48:35
- Violette Sauvage a Palazzo Colonna (RM) - 03/12/2018 07:01:13
- Pomezia (RM): Premio Donna d'Autore 2018 - 30/11/2018 06:37:50
- Massimo Blasi, l'incredibile storia degli imperatori romani - 28/11/2018 10:26:59
- Fabio Isman: 1938, l'Italia razzista - 25/11/2018 07:30:10
- Sacrum, lo Stabat Mater di Rossini all'Aracoeli di Roma - 22/11/2018 16:42:46
- Oriana Dal Bosco: il misterioso fascino del Nord Africa - 20/11/2018 17:17:03
- Natale inCHIOSTRO a Monastero di Dronero (CN) - 17/11/2018 07:53:51
- All'Alba Radians di Albano (RM): l'Ecuba di Euripide - 15/11/2018 16:59:16
- Autunno d'Autore a Ruralia, Conosci tu il paese dove... - 13/11/2018 18:40:36
- Marella Giovannelli, una vita tra giornalismo, fotografia e poesia - 09/11/2018 10:04:37
- Daniela Dao Ormena: Le radici chiamano, dolci melodie della Valle Mair - 30/10/2018 13:32:22
- Gli antichi pani di Sardegna protagonisti a Buddusò - 17/10/2018 14:23:34
- Torna a Lanuvio (RM) l'antico rituale della Maza - 04/10/2018 20:39:44
- Nonna Tommy, raccontaci ancora... - 02/10/2018 07:16:37
- A Buddusò (SS) torna Artes in Carrera - 30/09/2018 06:56:22
- Al Museo Africano di Verona la danza degli spiriti - 27/09/2018 00:12:36
- A. Cossard: Archeoastronomy, la prima app di archeoastronomia - 24/09/2018 09:21:18
- Firenze, Viaggio nell'altro e nell'altrove in ricordo di Paolo Grazios - 19/09/2018 08:31:44
- Lanuvio (RM): Buon compleanno, Antonino Pio! - 10/09/2018 06:04:22
- Raffaella De Sanctis, tra scuola e ricerca - 04/09/2018 17:45:49
- Màn. Vietnam Street Heroines in mostra al MAO (TO) - 26/08/2018 10:25:13
- Alessandra Comneno, una vita a contatto con la saggezza dei Nativi - 12/08/2018 19:38:51
- MAO (TO), ORIENTI. 7000 anni di arte asiatica dal Museo delle Civiltà - 07/08/2018 06:17:08
- Senorbì (CA), al MADN La Dea di Turriga, il mistero di un’icona senza - 01/08/2018 07:38:49
- Silvia Tenderini, una vita tra viaggi, ricerche e scrittura - 24/07/2018 19:40:34
- A Villa Giulia (Roma) la Scuola di Archeoastronomia 2018 - 19/07/2018 06:39:50
- Gabriella Mosso, I miei, i tuoi, i nostri - 17/07/2018 05:54:30
- Tagliacozzo (AQ), Festival Internazionale di Mezza Estate - 12/07/2018 06:39:05
- Franco Campus, Nuragici - un Territorio, un'Isola, il Mediterraneo - 09/07/2018 22:21:30
- Carmagnola (TO): Donne e Madonne nell’Arte dal XV secolo ad oggi - 04/07/2018 21:53:04
- Per una rinascita socio-culturale dei borghi della Valle dell'Amaseno - 25/06/2018 07:25:04
- Capalbio (GR), vacanza-laboratorio di Spiritualità Femminile con Devan - 22/06/2018 20:30:12
- Nicola Castangia, Ercole Contu e la scoperta della Tomba dei Vasi Tetr - 18/06/2018 06:44:49
- Castelfidardo (AN): gli studenti del Meucci per la valorizzazione del - 10/06/2018 17:30:57
- Papa Wojtyla in Comelico e in Cadore: il ricordo e l'emozione 30 anni - 27/05/2018 16:40:51
- Scrittori alla scoperta del mondo, una mostra sulla letteratura di via - 22/05/2018 06:00:18
- In viaggio tra le pagine di Elena Dak - 18/05/2018 09:31:20
- Convegno Internazionale contro Terrorismo, radicalizzazione e violenza - 08/05/2018 06:02:05
- Olimpia Biasi, la Viriditas di Ildegarda in mostra all'Hortu - 25/04/2018 15:09:19
- Con Marco Grippa alla scoperta del fascino segreto di Tagikistan e Kir - 18/04/2018 18:40:04
- Da Maenza a Fossanova sulle orme di San Tommaso d'Aquino - 13/04/2018 13:59:02
- Pierluigi Montalbano: l'alba della civiltà sarda - 10/04/2018 14:08:20
- Donne, Madri, Dee: la rappresentazione del femminile in mostra a Udine - 07/04/2018 07:14:26
- In mostra a Milano gli scavi di Achille Vogliano nel Fayum - 28/03/2018 18:52:37
- Sulle tracce della Dea: Viaggio nel Grembo della Storia - 17/03/2018 16:44:27
- Nadia Tarantini: Quando nascesti tu, stella lucente - 05/03/2018 21:14:35
- L'epopea dei Longobardi in mostra al MANN - 26/02/2018 10:45:11
- Verso il contratto di fiume dell'Amaseno - 22/02/2018 11:55:38
- Inside, la nuova collezione di Vittorio Camaiani - 11/02/2018 22:27:58
- Alla scoperta del matriarcato di Bali con Bruna Rotunno - 04/02/2018 13:48:05
- Giornata della Memoria, per non dimenticare - 25/01/2018 18:06:41
- Viaggio nei segreti della bellezza del corpo femminile - 21/01/2018 21:30:48
- Ildegarda di Bingen, maestra di sapienza nel suo tempo e oggi - 10/01/2018 22:22:54
- Selene Calloni: l'arte della ribellione zen per vincere la paura - 05/01/2018 22:57:08
- MANN: grande successo per la mostra sull'America precolombiana - 28/12/2017 14:29:51
- 2018 per Katike: i calendari di ...non lasciamoli soli - 19/12/2017 22:15:21
- Maenza: La rete dei cammini della Valle dell’Amaseno - 12/12/2017 22:31:25
- Al Convivium di Fiuggi i Pensieri sparsi di Daniela Gariglio - 07/12/2017 08:47:07
- Napoli: Il Natale dei 100 Alberi d’Autore - 03/12/2017 09:41:27
- Le donne dei Longobardi: urban-trekking con Michela Zucca - 28/11/2017 13:46:59
- San Martino di Stroppo: piccolo gioiello delle Valli Cuneesi - 24/11/2017 06:54:30
- Signa del Alma: per dire No alla violenza sulle donne - 19/11/2017 08:32:53
- Il nuovo romanzo di Maristella Lippolis: Raccontami tu - 07/11/2017 16:56:46
- Mama Africa: la maternità nell'arte africana - 03/11/2017 11:20:04
- Violette Sauvage: il vintage chic a Palazzo Colonna - 28/10/2017 11:28:12
- Il patrimonio archeologico del Lazio alla BMTA di Paestum - 26/10/2017 15:31:12
- Templari. Dal ducato di Puglia e Calabria, all’Italia del III Millenni - 22/10/2017 17:10:52
- Archeologia ferita: Volti di Palmira ad Aquileia - 11/10/2017 08:02:26
- Giancarlo Sani: alla scoperta delle incisioni rupestri toscane - 03/10/2017 13:36:14
- ... non lasciamoli soli: il progetto per il Nepal di Ilario Sedrani - 26/09/2017 08:24:26
- Giuliana Borghesani: La Maledizione della Liberta - 22/09/2017 14:28:02
- L'uomo, il Cancro del Pianeta - 04/09/2017 20:15:53
- Le caverne delle donne: la grotta di San Colombano - 25/08/2017 17:49:53
- Le figlie sono come le Madri: Donne lungo la Via della Seta - 30/08/2017 12:56:24
- Nemi: tornano i Nemoralia in onore della Dea Diana - 08/08/2017 17:21:44
- Donne e medicina: quale futuro per la medicina di genere? - 05/08/2017 08:48:58
- Arkeotrekking in Trentino: Sui sentieri delle Madri Antiche II - 31/07/2017 08:27:43
- Piero Verni: Tulku, viaggio nel cuore mistico della civiltà tibetana - 25/07/2017 07:11:56
- Ugo Mancini: ragioni e vicende degli antifascisti a Roma e nei Castell - 07/07/2017 18:23:52
- Festival di Tagliacozzo: conferenza stampa di presentazione a Palazzo - 05/07/2017 06:55:48
- Cuneo: Il lato nascosto delle Alpi - 04/07/2017 06:11:40
- Come con gli occhi dei bambini di Terezin - 28/06/2017 21:43:19
- Baby Giulia, storia di un'adolescenza rubata - 18/06/2017 13:18:11
- Francesca D'Amico: le donne nella tradizione contadina abruzzese - 11/06/2017 16:01:53
- Tutela e valorizzazione del patrimonio rurale nel Lazio - 07/06/2017 18:43:20
- Fiume che cammina. Transumanza dall’Adriatico al Lagorai - 03/06/2017 08:02:51
- Roma: VI raduno dei Linfoamici - 01/06/2017 14:32:42
- Atlantide, dal mito alla storia: intervista ad Alessandra Murgia - 20/05/2017 08:13:47
- Ignazio Didu: I Greci e la Sardegna. Il mito e la storia - 12/05/2017 09:18:37
- Sacra Nemora: la cultura del sacro in mostra a Lanuvio - 07/05/2017 23:09:38
- Pizzo d’Irlanda, merletto e ricamo protagonisti sul lago Trasimeno - 02/05/2017 07:59:39
- Arkeotrekking in Trexenta: Le Antiche Madri dei Monti e del Mare - 25/04/2017 19:47:13
- Le donne e il sapere medico-erboristico: un binomio da riscoprire - 07/04/2017 21:29:15
- Linfoamici a Venezia - 30/03/2017 18:13:31
- Com'è giusto che sia: il nuovo thriller di Marina Di Guardo - 29/03/2017 10:34:04
- Herbarie: le chiamavano Streghe - 24/03/2017 21:01:03
- Devana: il risveglio della spiritualità nativa dell'Antica Europa - 17/03/2017 18:33:42
- Andrea Loddo: l'archeologia sperimentale per comprendere le ancestrali - 11/02/2017 20:01:00
- Alla scoperta dell'origine genetica dei Sardi con il prof. Francala - 03/02/2017 08:01:01
- Diego Manzi: viaggio nel cuore della tradizione indiana - 28/01/2017 10:24:25
- Barbara Bonomi Romagnoli: storie di insette felici - 25/01/2017 23:15:02
- Alberto Pattini: Poesia del Trentino. La melodia della Grande Madre - 19/01/2017 21:24:29
- Rinascere dalle distruzioni. Ebla, Nimrud, Palmira - 12/01/2017 21:25:10
- Nori Corbucci: Marta Marzotto, una vita da ricordare - 05/01/2017 00:02:59
- La Sardegna antica nel cuore del Mediterraneo - 30/12/2016 01:04:16
- Sardegna nuragica e falso mistero della lingua etrusca con il linguist - 03/01/2017 07:32:46
- La Stirpe del Sole: una Medea inedita nell'ultimo romanzo di Giuliana - 23/12/2016 14:12:50
- Al Castello di Scilla i Popoli del Mare di Oreste Kessel Pace - 16/12/2016 12:53:26
- SACRUM: concerto dedicato a Papa Francesco all'Aracoeli - 08/12/2016 10:18:48
- Paola Biato: Viaggio nel mondo della Psicofiaba - 04/12/2016 19:28:59
- Il viaggio. Alchimie e Passioni: a Venezia la personale di Irene Manen - 29/11/2016 08:13:34
- Il Natale dei 100 alberi d’autore - 28/11/2016 20:22:54
- Carlo Buldrini: Pellegrinaggio buddhista - 16/11/2016 08:32:43
- A Spazio Mater l'arte digitale di Michele Grimaldi - 13/11/2016 19:50:50
- Gigantes de Perdas: alla scoperta dei nuraghi sardi - 04/11/2016 07:54:20
- Ivo Nardi: Riflessioni sul senso della vita - 24/10/2016 08:27:11
- Fabrizio Manzetti: Nascosti davanti a tutti - 18/10/2016 00:13:25
- Bambine e bambini: divino gioco di pace nel mondo - 28/10/2016 08:24:38
- La Danza degli Archetipi: alle radici del linguaggio simbolico - 13/10/2016 22:41:28
- Alla scoperta dei Fiori di Bach con Gerardo Chirò - 09/10/2016 08:44:23
- Sardegna: curiosità, aneddoti e misteri sardi con Gianmichele Lisai - 04/10/2016 06:59:28
- Roma per Amatrice: Concerto di Beneficenza - 25/09/2016 15:45:16
- Sulle tracce dell' archeologia dell'evanescente con Paola Di Si - 22/09/2016 15:21:18
- Sebastiano Brocchi: alchimia, esoterismo, simbologia sacra e mistero - 18/09/2016 08:55:07
- Milano: appuntamento per il World Lymphoma Awareness Day - 13/09/2016 07:41:13
- Sulla via degli sciamani del Sudamerica con Stefano Lioni - 29/08/2016 08:00:22
- Sulle orme dei Moso con l'antropologa Francesca Rosati Freeman - 16/08/2016 07:13:59
- Sui sentieri dei luoghi di culto della Grande Dea con Luisella Veroli - 11/08/2016 08:48:06
- Un Altro Mondo per i Diritti della Pachamama - 27/07/2016 07:32:44
- Alessandra Di Gesù: viaggio nelle Tradizioni Misteriche del Mediterran - 05/07/2016 08:00:50
- Abbracci gratis contro il linfoma: a Roma il V raduno dei Linfoami - 31/05/2016 23:23:59
- Out of Tibet: il foto-racconto della diaspora tibetana sbarca a Roma - 23/05/2016 00:04:09
- Il Canto delle Sirene in mostra a Bologna - 22/05/2016 10:02:01
- La cultura dei Moso arriva al Ramadù di Cisterna - 16/04/2016 21:08:59
- Donne e scienza: un binomio per troppo tempo ignorato - 24/03/2016 07:51:18
- Suffragette 2.0: approda al Peano di Roma - 14/03/2016 22:06:13
- Palazzo Visconti: Alta Moda della Sartoria Angela - 09/03/2016 08:47:43
- Il respiro profondo di una Nuova Era - 04/03/2016 14:17:21
- Festa grande per i 35 anni di attività di Erno Rossi - 01/03/2016 14:29:34
- I Sentieri della Terra: come restituire vita e dignità alla Mad - 20/02/2016 09:06:03
- Le remote origini del tatuaggio con l'antropologa Michela Zucca - 23/01/2016 09:46:08
- Mantra Madre e Il profumo della luna: libri per il risveglio dell'anim - 24/12/2015 10:37:15
- Roma: il Rito del Grembo - 12/12/2015 00:42:29
- Alla scoperta delle vere origini di Halloween con Monica - 31/10/2015 20:24:53
I COMMENTI RELATIVI ALL'ARTICOLO
Invia un commento alla Redazione
Email
Nome e Cognome
Messaggio
Gentile lettore, prima di inviare il Suo messaggio:

compilare il codice di sicurezza sottostante copiando l'immagine raffigurata;

CAPTCHA 
cambia codice

inserisci codice



Per pubblicare, in fondo all'articolo, il suo commento selezionare il pulsante sottostante.

Pubblicazione
  Si    solo nome
  Si    nome e cognome
  No


Grazie della collaborazione.

© 2014 - ftNews è una testata di libera informazione.