Redazione     Informativa     Link  

Giulio Guidorizzi: il mito immortale di Edipo ed Enea

giovedì, 04 febbraio 2021 08:00

condividi su facebook
Dal nostro inviato
Francesca Bianchi
FtNews ha intervistato il prof. Giulio Guidorizzi, grecista, traduttore, studioso di mitologia classica e di antropologia del mondo antico. Già professore ordinario di Letteratura Greca presso l’Università di Torino, lo studioso ha parlato dei suoi due ultimi libri, entrambi usciti nel 2020: Sofocle. L’abisso di Edipo pubblicato da il Mulino nella nuova serie “La voce degli antichi”, ed Enea, lo straniero. Le origini di Roma, edito da Einaudi.
Nel corso della nostra piacevole conversazione, Guidorizzi ha spiegato il motivo per cui l'Edipo re, capolavoro tragico per eccellenza, considerato già da Aristotele modello perfetto di tragedia, divenne un punto di riferimento imprescindibile e costante per Freud, tanto da essere considerato il mito della fondazione della psicanalisi. L'Edipo re affronta un argomento profondamente attuale come quello del rapporto tra destino e libertà, tra colpa e volontà. La vicenda di Edipo ci fa capire che in ognuno di noi c'è una parte inconscia, ingovernabile, oscura e misteriosa, ignota persino a noi stessi, che in qualsiasi momento può uscire allo scoperto causando dolore e sofferenza. Edipo mostra che ognuno può essere chiamato, prima o poi, a fare i conti con l'ingovernabile, con il mistero che spesso, a nostra insaputa, avvolge la nostra vita, pronto ad uscire allo scoperto e a scatenare conseguenze terribili. Edipo si considera un prescelto, un uomo fortunato: è un re, ha risolto l'enigma della Sfinge salvando, così, la città di Tebe; all'improvviso, però, scopre il suo lato oscuro e diventa un assassino, un criminale, un maledetto, sprofondando nel suo abisso di tormento senza fine. Qui risiede la sua forza tragica, il fascino inesauribile che continua ad esercitare a distanza di millenni. Incerta e imprevedibile è la sorte degli uomini, come ci ricordano le ultime, sconsolate parole del Coro sulla fragilità della condizione umana, che a distanza di millenni risuonano in tutta la loro potente solennità, tanto drammatiche quanto tremendamente veritiere: Non dire felice uomo mortale, prima che abbia varcato il termine della vita senza aver patito dolore.
Parlando di Enea, lo straniero, il prof. Guidorizzi ha spiegato il motivo che l'ha indotto a riscrivere il mito di Enea e si è soffermato sui criteri adottati nella sua riscrittura. Più volte ha focalizzato l'attenzione sul messaggio più importante dell'eroe virgiliano: essere un popolo solo e custodire le propria memoria. L'invito di Enea ad essere uniti e ad accogliere il diverso è la lezione più alta lasciataci dall'Impero romano, che seppe fare tesoro della mescolanza di popoli e dell'inclusione delle popolazioni sconfitte. Enea è consapevole che senza la memoria un popolo non potrà mai avere un'identità, un futuro, per questo decise di fuggire da Troia caricandosi sulle spalle l'anziano padre, simbolo della memoria della sua comunità. Nella nostra coinvolgente intervista, il grecista ha affermato che Edipo ed Enea sono due eroi accomunati dal rapporto con il destino: un destino personale, fortemente tragico quello di Edipo, contrapposto al destino collettivo di Enea, che si fa carico di un'intera comunità. Enea non ha il tormento interiore che rende Edipo il prototipo dell'eroe tragico. Nel suo animo si consuma la lotta tra la consapevolezza di avere responsabilità importanti nei confronti della sua comunità, dei suoi compagni, che attendono di raggiungere una nuova patria, e il desiderio di avere una sua vita privata. Alla fine prevarrà il senso del dovere, infatti Enea non esiterà ad abbandonare Didone, pur essendone profondamente innamorato, per portare a termine il suo ruolo di guida dei compagni che a lui si sono affidati. Enea comprende che il bene della collettività va oltre la sua felicità personale. Il differente destino di Edipo ed Enea è emblematico della differenza tra la cultura greca, fortemente individualista, e quella romana, che guardava con sospetto tutti coloro che miravano all'affermazione personale, ricercando gloria e onori: per i Romani la vita dei singoli trova compiuta realizzazione solo se inserita all'interno della società in cui vivono.
Nei miti classici troviamo tracce di noi, ci imbattiamo negli interrogativi che ancora oggi ci poniamo relativamente alla nostra identità, al senso della vita e della nostra presenza nel mondo. Il loro fascino ha attraversato indenne i millenni perché il linguaggio del mito è eterno, parla degli uomini e agli uomini di tutti le epoche. Attraverso la sua appassionata rilettura, Giulio Guidorizzi fa rivivere due figure chiave della classicità, rendendo in maniera mirabile l'attualità e la ricchezza della loro lezione e affidando alla nostra sensibilità il carico di emozioni che le loro storie continuano a suscitare.

Prof. Guidorizzi, nella collana La voce degli antichi, inaugurata qualche mese fa dalla casa editrice Il Mulino, ha pubblicato il libro Sofocle. L’abisso di Edipo. Nel volume offre un pregevole commento e una traduzione inedita dell'Edipo redi Sofocle. Dove risiede il fascino di questo capolavoro tragico, che già da Aristotele venne considerato il modello perfetto di tragedia, e che ancora oggi, dopo millenni, continua ad esercitare instancabilmente il suo fascino? Perché questo dramma è considerato un capolavoro insuperabile?
Come tutti i capolavori, l'Edipo re dice cose che appartengono a tutti noi. Dà voce all'indicibile, a quello che non è mai stato detto prima. La nostra vita è una matassa, un filo ingarbugliato; noi cerchiamo di prenderne un capo, ma possiamo rimanere aggrovigliati in mezzo. L'Edipo re tocca un problema fondamentale dell'essere umano, un problema culturale insolubile, che è quello del rapporto tra destino e libertà, i due poli esistenziali fondamentali di questa opera. Edipo si trova invischiato in una situazione così tremenda contro una sua scelta. Fino a che punto un essere umano può dirsi libero e artefice del proprio destino e fino a che punto, invece, c'è un caso, una forza misteriosa che lo condiziona? Spesso la volontà di un uomo di essere come intende essere è bloccata da forza ignote. Edipo ci mostra che noi non conosciamo noi stessi fino in fondo, ci fa capire che dentro ogni essere umano c'è una parte inconscia, terribile, oscura che può venire fuori in qualsiasi momento. Lui era convinto di essere una persona favorita dalla sorte, invece, a sua insaputa, era una criminale, un assassino, un incestuoso. Parlando di Edipo parliamo di noi stessi. Il fascino inquietante dell'Edipo re sta in questi temi.
Giulio Guidorizzi
Nel corso del tempo il mito di Edipo ha costituito un punto di riferimento costante per Freud, tanto da essere considerato il mito della fondazione della psicanalisi. Quanto la psicanalisi ha utilizzato la figura di Edipo? Perché la psicanalisi ricorre al mito greco in maniera così frequente e costante?
Già nell’Interpretazione dei sogni del 1899 Freud parla di Edipo e scopre, o immagina di scoprire, che nel mito greco, in particolare in quello di Edipo, si nascondono significati che conducono verso le zone più oscure della psiche umana. Il mito greco parla di una materia primordiale sepolta in angoli oscuri della psiche umana, una materia che può emergere in qualsiasi momento. Cosa spinge un uomo a voler scoprire a tutti i costi i lati bui della propria mente? Perché Prometeo sfida il potere e sacrifica sé stesso, immolandosi per una causa che riguarda il genere umano? Il mito greco ci mette a contatto con quelli che Jung chiamerebbe archetipi, forme essenziali della nostra mente che vengono trasformate in racconti. Il mito greco tocca temi profondi della nostra identità, per questo continua a parlarci. Chi sono io? Dove posso cercare me stesso? Edipo scopre di avere un volto luminoso e uno oscuro. L'essere umano è fatto di due parti, una delle quali non è conosciuta, ma può venire sempre alla luce. Ci sono cose che noi non sappiamo di noi stessi, ma possiamo scoprire cercando quella parte oscura che condiziona l'altra, anche se noi spesso non ce ne accorgiamo. Questo è anche il processo clinico della psicanalisi.

Nel saggio lei parla di crisi del linguaggio e ambigua trappola della parola. Cosa si intende con queste due espressioni?
Leggendo l'Edipo re, ci si rende conto che molte cose avvengono attraverso molte parole che o non vengono intese o innescano un processo di autocoscienza. Sono dei lapsus che mettono in moto azioni che portano a conseguenze tremende. Edipo durante un banchetto si sente dire da un ubriaco che non è figlio di suo padre. Che credibilità potrebbe avere un ubriaco? Eppure questa rivelazione mise in moto qualcosa in Edipo, che proprio da lì cominciò la sua ricerca. Noi siamo anche il prodotto del nostro linguaggio inconscio, che ci porta ad usare determinate parole dotate di una loro forza autonoma; il lapsus non è altro che l'espressione di una verità inconscia. La parola dell'oracolo, il lapsus dell'ubriaco, l'enigma della Sfinge lasciano intendere che Sofocle probabilmente voleva dirci che il linguaggio in sé è ambiguo. Quando noi parliamo, non siamo sempre padroni delle nostre parole.

Che ruolo giocano la pietà e la paura all'interno dell'Edipo re?
La pietà e il terrore sono le emozioni fondamentali della tragedia. Lo sosteneva Aristotele pensando all'Edipo re, che lo Stagirita considerava la tragedia perfetta. Un'atmosfera greve, cupa domina in questo dramma, dove si assiste a un progressivo accumularsi di sospetto e angoscia. La pietà emerge nelle parole del Coro alla fine della tragedia, quando si afferma che Edipo fino a qualche istante prima era una persona potente e felice, mentre adesso è il più infelice degli uomini. Con queste parole il Coro vuole ammonire gli uomini che il destino di Edipo potrebbe essere quello di qualsiasi altro uomo: ciò che è capitato a lui potrebbe capitare a chiunque. In questa maniera si crea empatia tra lo spettatore e il testo, si trasferisce il personaggio nell'anima delle persone che lo vedono sulla scena.

Professore, lei lesse e tradusse per la prima volta l'Edipo re quando era un giovane studente universitario. Cosa la colpì, allora, di questo dramma sofocleo? Come mai ha deciso di corredare il saggio Sofocle. L'abisso di Edipo di una sua traduzione originale dell'opera?
Da studente ho tradotto la tragedia di Sofocle e lo rifaccio oggi, a distanza di molti anni, perché è terribilmente attuale. Una pestilenza smantella città e certezze per lasciarci soli davanti ai nostri mostri, ai nostri dubbi, alle nostre incertezze. Mi fece allora un'enorme impressione perché vi trovai l'essenza della civiltà greca, il dilemma fra libertà e costrizione, fra libertà e destino. Allora ero un giovane studente, non conoscevo Freud. Lessi l'Edipo re senza sapere nulla di Freud. Solo successivamente compresi che le due cose andavano insieme: la lettura della tragedia sofoclea mi aveva messo in condizione di capire che la natura di ognuno di noi è fatta di tante parti insondabili e autonome, che il problema fra destino e libertà, tra quello che una persona vuole essere e quello che poi riesce realmente a realizzare nella vita, è il senso della ricerca continua. Quella di Edipo è una scelta eroica: lui non ha voluto fermarsi, ha voluto continuare a cercare chi fosse. Questo è il compito della cultura: aiutare le persone a capire chi sono, condurle lungo questo percorso. Mi è parso necessario lasciare qualcosa di inedito: mi pareva che la mia carriera di grecista non sarebbe stata completa se non mi fossi misurato con un testo del genere. Ho proposto, così, una traduzione vicina al teatro, una traduzione più da dire che da leggere.

Lo scorso anno ha pubblicato anche il libro Enea, lo straniero .Le origini di Roma, edito da Einaudi. Il 2020 è stato considerato l'anno di Enea, dato che ha visto la pubblicazione di molti saggi dedicati all'eroe virgiliano. Perché, secondo lei, Enea ha avuto tanto successo nell'ultimo anno? Quando e come è nato in lei l'interesse nei confronti del capostipite della gens Iulia e quali criteri ha adottato nella riscrittura del mito di Enea?
Enea è stato riscoperto adesso, forse anche perché era stato dimenticato un po' troppo in passato. Enea non è un eroe così affascinante, così grande, non sembra avere un carattere possente come Achille o Ulisse. La grandezza di Enea sta nella sua capacità di portare con sé un'intera comunità. Quanto alla mia decisione di occuparmi di Enea, dopo aver riscritto l'Iliade e l'Odissea, volevo misurarmi con un ambiente completamente diverso, che è quello del mondo romano. Io ho cercato di mettere in questo libro non solo Enea, ma l'antropologia del mondo di Enea e del mondo contadino del Lazio arcaico in cui lui si è inserito. Enea cerca una patria e la trova in un ambiente di pastori e contadini, un mondo senza storia, un angolo oscuro del mondo in cui si praticano riti oscuri, un mondo di gente che non ha gli dèi gloriosi che dimorano sull'Olimpo e non ha il culto dell'eroe che dà tutto sé stesso in un solo momento. A me Enea è sembrato importante per la sua natura di uomo che è capace di donarsi agli altri, di prendersi sulle spalle non solo suo padre, ma il destino di tutto il suo popolo. Lui voleva che il suo popolo si fondesse con il popolo dalle oscure radici contadine che trova nel Lazio.
Il libro si compone di sette capitoli, ognuno dedicato a una parola chiave dell'antropologia del mondo romano. Che criterio ha seguito nella stesura dei vari capitoli?
Ho cercato di individuare alcune idee fondamentali dell'antropologia del mondo romano. Faccio qualche esempio. C'è il Fatum, un amore, quella forza misteriosa che ha portato un popolo di contadini a dominare il mondo. Anche Polibio si chiedeva come mai questa società così arcaica avesse sviluppato un potere tale da arrivare a dominare il mondo. Non si può spiegare solo con la supremazia militare, ma bisogna considerare una serie di virtù e principi fondanti della civiltà romana, che io ho voluto ripercorrere. Nel capitolo "Sacer. Il re del bosco" forzo il testo dell'Eneide, perché la riscrittura non è un riassunto, ma bisogna ampliare i significati del testo. Nell'Eneide si parla del rito del ramo d'oro, che in realtà si svolge nei Colli Albani. In questo contesto si inserì un popolo che veniva da terre lontane e che decise di costruire lì la sua civiltà. Sacer è una nozione tipicamente romana; sacer vuol dire 'sacro', ma anche 'impuro', ovvero tutto ciò a cui è pericoloso avvicinarsi. Il sacro è il santo, ma è anche il reietto, i due estremi dell'esperienza religiosa.
Nella scrittura del capitolo "Gens una sumus. Un popolo solo" ho avuto qualche perplessità. Mi sono chiesto, infatti, che conclusione dare alla vicenda di Enea. Noi sappiamo che Enea eliminò Turno, ma un attimo prima di ucciderlo ebbe pietà di lui e cercò di risparmiarlo. Nell'equilibrio del messaggio di Enea non mi pareva opportuno terminare con una morte, per cui ho tenuto in sospeso, ho preferito concludere con l'immagine di Enea che alza la spada e grida: "Ora siamo un popolo solo!".

Essere un popolo solo: sembra sia questo, oggi, il messaggio più importante di Enea. Quale lezione possiamo trarre oggi dalla storia di Enea?
Queste parole spiegano il senso della storia di Enea: "noi siamo qui per essere un popolo solo". Enea diventerà il capo degli Italici e dei Troiani. Viene da una città distrutta, vuole la pace e vuole rifondare ciò che la guerra ha distrutto. Enea vuole unire. Questo è il suo messaggio: essere uniti, essere un solo popolo ed essere capaci di accogliere il diverso. Questo dovremmo fare noi oggi. Questo è il mio Enea, quello che ho letto e reinterpretato, un Enea che porta a termine il suo compito fino all'ultimo.
Fecisti patriam diversis gentibus unam ('tu hai fatto una patria sola da genti diverse'): queste parole del poeta Rutilio Namaziano (V sec. d.C.) indicano il significato storico di Roma, che fu in grado di includere le popolazioni sconfitte. Questo dovrebbe essere il motto dell'Europa di oggi. Enea è un profugo, un advena, uno straniero che porta con sé i suoi vecchi, arriva in un posto dove non esiste la civiltà, un posto oscuro popolato da contadini che vivono in piccoli villaggi. Enea arriva in questo posto ignoto e decide di fondare un solo popolo da diversi genti. Da questo momento non ci sono più Troiani, non ci sono più Latini: gens una sumus, 'siamo una gente sola', appunto.

Cosa accomuna Edipo ed Enea? Cosa ci comunicano oggi questi due eroi del mito classico?
Li accomuna il loro rapporto col destino: il destino individuale di Edipo, il quale sta affrontando la sua storia personale, e il destino collettivo che Enea, che si fa carico di un'intera comunità, porta con sé. Anche Enea si sente chiamato a un compito, che non si ferma però a una sola persona, ma si estende a tutta la collettività. Enea sa che la vita di un essere umano e anche di una società dipende dalle memorie individuali e collettive che una società si porta dietro: senza la memoria di ciò che è stato non ci potrà essere un futuro, da quella dipende l'identità di un gruppo, di una comunità. Se Anchise resta a Troia e muore, brucia non solo lui, ma tutto quello che è stato, così Enea, caricandosi sulle spalle l'anziano padre, si carica tutta la memoria della sua città. Il destino tragico, drammatico di Edipo è vicino al dramma di ogni singola persona. Enea è meno tragico, meno drammatico di Edipo, gli manca il tormento interiore, il dissidio, ma non è un personaggio piatto. In lui è forte il dissidio tra il compito di un individuo nella società e le sue emozioni, la sua vita personale. Se Enea fosse rimasto da Didone, avrebbe avuto dei figli, ma non avrebbe dato una patria alla sua gente. Enea abbandona Didone perché capisce che la sua vita non è limitata alla sua felicità personale. L'amore è una passione, ma anche amare il proprio popolo, avere una missione, è una passione. Lui non ha il coraggio di lasciare i suoi compagni lì, perché vuole che i suoi abbiano una patria e per questo rinuncia all'amore con una donna meravigliosa di cui lui stesso è innamorato. Ci sono momenti in cui una persona deve scegliere ed Enea sceglie il suo popolo, le memorie della sua città. L'individuo è parte di una comunità più grande, ha un ruolo nella società in cui vive: in particolare, chi detiene il potere ha maggiori responsabilità verso gli altri. Edipo cerca di sprofondare nelle sue contraddizioni e dimenticarsi di essere il re di Tebe. La differenza tra Edipo ed Enea rappresenta bene la differenza tra la cultura greca e quella romana: da un lato la capacità di affermazione, l'individualismo spinto all'estremo dell'eroe greco, sempre alla ricerca di gloria e onore, dall'altra un personaggio collettivo, un eroe che si fa carico di tutta la comunità. Enea è il simbolo stesso della cultura romana: i Romani temevano fortemente l'emergere dell'individualismo.

Quale messaggio si augura possa arrivare a coloro che avranno il piacere di leggere questi suoi libri?
Negli autori classici possiamo trovare una parte di noi stessi. I classici non riguardano il passato, ma il futuro: hanno costruito la nostra civiltà, sono i nostri compagni di strada che non dobbiamo dimenticare, sono le nostre radici, le nostre ancore. Noi studiamo il passato perché vogliamo creare un futuro: senza il passato non può esistere il futuro, così come senza la memoria non esiste una persona. I classici ci portano a contatto con valori che sono validi adesso e saranno validi sempre, in quanto sono la nostra memoria. Ecco, mi auguro che arrivi questo messaggio.
Mostra altri Articoli di questo autore
info@freetopnews.it
- Ivano Dionigi: Segui il tuo demone - 05/03/2021 09:33:38
- La Musa Inquieta, il corto dedicato a Marta Marzotto - 23/02/2021 14:58:40
- Gabriele Gallo: ritratti alpini, racconti di un anno in montagna - 12/02/2021 16:50:51
- Giulio Guidorizzi: il mito immortale di Edipo ed Enea - 04/02/2021 08:00:35
- Laura Efrikian: tra Armenia e Africa, una vita all'insegna dell'amore - 29/01/2021 11:10:15
- Filomena Giannotti: Caproni, Il mio Enea - 20/01/2021 07:36:54
- Mamma Margherita: la mia Nadia, la forza dell'amore - 04/01/2021 17:57:43
- Anny Romand, mia nonna d'Armenia - 22/12/2020 07:09:20
- Giorgio Ieranò: I Greci e noi - 21/12/2020 07:17:10
- Pietro Pisciottu: L'Agnata, storia e memoria di uno stazzo gallurese - 14/12/2020 10:36:18
- Sopravvivere alla morte: la vita nelle iscrizioni funerarie latine - 07/12/2020 21:46:29
- Olivo: l'albero della civiltà - 05/12/2020 07:38:58
- Marida Lombardo Pijola: l'imperfezione delle madri - 25/11/2020 14:08:22
- Pietro Greco: Trotula, la prima donna medico d'Europa - 10/11/2020 08:28:11
- Gian Enrico Manzoni: la peste di Atene ai tempi del Covid - 29/10/2020 08:13:41
- Fiorenzo Caterini: ricostruzione della memoria in Sardegna - 23/10/2020 09:01:57
- Paolo Carboni: Tutt'a pedi - Alla scoperta del territorio di Aggius (S - 12/10/2020 10:44:57
- Agostino Asara, l'ultimo Patriarca degli stazzi galluresi - 06/10/2020 07:41:33
- Aggius (SS): storia, tradizioni, banditismo nel cuore della Gallura - 02/10/2020 06:54:06
- Tenuta Coda di Lupo, eccellenze sarde per un'agricoltura sostenibile - 22/09/2020 19:35:55
- Luigi Lehnus: Wilamowitz e il monte delle Muse - 15/09/2020 17:25:33
- Paola Mancini: viaggio nella storia di Loiri Porto San Paolo (SS) - 10/09/2020 18:14:11
- Alla scoperta dell'Area Marina Protetta di Tavolara (SS) con Augusto - 01/09/2020 21:32:17
- Giuseppe Festa: Ursula e Lupinella, orsi e lupi sulle montagne italian - 28/08/2020 07:59:34
- Pa punyat: con Antonio Masia alla scoperta delle eccellenze algheresi - 24/08/2020 08:51:11
- Sa Mandra, anima barbaricina nel cuore della Nurra - 19/08/2020 07:30:34
- Giuliano Dal Mas, una vita tra le Dolomiti - 13/08/2020 17:36:13
- Valle d'Aosta, presentata la XXIII edizione del Gran Paradiso Film Fe - 27/07/2020 19:42:54
- Irene Borgna: Louis Oreiller, il pastore di stambecchi - 20/07/2020 07:47:15
- Genzano, a Casa Mamre QUESTO MARE E’ PIENO DI VOCI - 16/07/2020 09:22:00
- Corrado Ruggeri, una vita in viaggio - 13/07/2020 07:30:17
- Lungo i sentieri del Cammino Ibleo con Nanni Di Falco - 06/07/2020 16:49:35
- Alla scoperta del nuraghe Majori di Tempio Pausania - 30/06/2020 07:39:09
- Lorenzo Braccesi: Olimpiade e Zenobia, quando il potere è donna - 24/06/2020 05:26:37
- Ove abitai fanciullo: a Recanati aprono le stanze private di Giacomo L - 15/06/2020 14:18:28
- I reperti assiri di Faida al premio mondiale in memoria di Khaled al-A - 08/06/2020 07:43:10
- Mauro Bonazzi: i Greci e il mistero dell'esistenza - 01/06/2020 07:22:54
- PandemicA, racconto corale per immagini - 21/05/2020 07:52:03
- Antonietta Langiu, la mia Isola - 08/05/2020 09:22:34
- Susanna Garavaglia: il risveglio della coscienza interiore - 29/04/2020 05:09:43
- Rosanna Raffaelli Ghedina: folclore, leggende e simboli delle Dolomiti - 16/04/2020 23:10:44
- Giorgio Murru: Spiriti e Dèi nella statuaria preistorica della Sardegn - 09/04/2020 13:50:32
- Una Maschera, un Volto, un Paese: il Carnevale in Sardegna - 07/03/2020 07:34:21
- Pe’ terre assaje luntane: al MANN l’emigrazione ischitana in America - 01/03/2020 19:33:00
- Thalassa: a Napoli le meraviglie sommerse dal Mediterraneo - 27/02/2020 23:09:38
- Nel segreto mare delle stelle di Marella Giovannelli - 25/02/2020 18:10:02
- Marcello Cabriolu, la Sardegna e il Mediterraneo Occidentale - 17/02/2020 21:27:55
- Erika Maderna, sulle tracce della medicina delle streghe e delle sant - 27/01/2020 06:48:31
- Federico Fellini: ironico, beffardo e centenario - 14/01/2020 07:56:24
- Pompei e Santorini, l'eternità in un giorno - 04/01/2020 08:29:04
- Andrea Icardi, un anno in Alta Valle Maira - 30/12/2019 14:15:42
- Archeologi italiani riportano alla luce i reperti assiri di Faida - 15/12/2019 09:45:07
- Augusto Mulas: l'orientamento astronomico dei nuraghi - 09/12/2019 19:01:03
- Margherita Massari: Ildegarda di Bingen, Sibilla e Dottore della Chies - 06/12/2019 09:18:37
- Il mito immortale di Cartagine in mostra a Roma - 04/12/2019 00:02:27
- Aquileia 2200. Porta di Roma verso i Balcani e l’Oriente - 29/11/2019 05:28:33
- Michele Porcaro: ASSTEAS - Storia del Vaso più bello del mondo - 19/11/2019 00:26:44
- Silvia Romani: credenze, miti e dei degli antichi - 11/11/2019 13:10:02
- All'Alba Radians di Albano (RM) il Filottete di Sofocle - 06/11/2019 16:36:58
- Mulino della Riviera di Dronero (CN), una storia firmata Cavanna - 29/10/2019 18:50:24
- Galluras, il Museo della Femina Agabbadòra - 22/10/2019 07:00:03
- Ugo Mancini: Sotto la cenere, storie di vita quotidiana durante il ven - 10/10/2019 20:51:11
- Alessandra Derriu: streghe, indovine e curatrici nella Sardegna del '7 - 04/10/2019 07:06:18
- Giuseppe Vito Internicola: Castellammare del Golfo, alle origini di un - 29/09/2019 18:15:59
- Città della Pieve (PG) si prepara ad accogliere Il Nostro Tempo - 25/09/2019 15:20:51
- Uno spazio per le Donne: alla scoperta del mondo femminile sardo e non - 23/09/2019 08:37:50
- Olmedo (SS), storia, tradizioni, folklore - 21/09/2019 09:21:49
- Silvia Giorcelli Bersani: I Romani e le Alpi - 16/09/2019 14:05:54
- Rossella Giglio: Segesta, tra teatro, musica, natura - 08/08/2019 15:56:16
- Enrico Caruso: la rinascita di Selinunte - 01/08/2019 14:29:05
- Lucina Gandolfo: alla scoperta di Monte Iato - 31/07/2019 07:33:07
- Sulle spiagge pontine tornano i Racconti di Sabaudia - 30/07/2019 08:47:45
- Tagliacozzo (AQ): XXXV Festival Internazionale di Mezza Estate - 22/07/2019 14:36:02
- Civiltà del sole: l'archeoastronomia nella Sicilia preistorica - 19/07/2019 07:30:13
- Cristina Muntoni, il potere delle parole nella storia della sacralità - 15/07/2019 18:12:54
- Francesco Bianco, un cammino tra verità nascoste - 13/07/2019 06:58:14
- Filippo Drago, mugnaio siciliano fra tradizione e modernità - 09/07/2019 07:28:20
- Con la KERNOS alla scoperta di Castellammare del Golfo - 02/07/2019 18:17:21
- Per una rinascita di Castelvetrano, città d'arte, storia, cultura - 27/06/2019 18:13:44
- Marinella Fiume: sapienza, virtù e misteri dell'universo simbolico fem - 11/06/2019 19:04:31
- Stefano Pucci: le incisioni rupestri delle Alpi Apuane - 07/06/2019 09:24:59
- Albano (RM), al via la Rassegna del Teatro Antico - 26/05/2019 18:33:37
- Max Dashu: Streghe e pagane, le donne nella cultura popolare europea - 14/05/2019 07:18:46
- Diego Maggio: profumi, aromi e sapori siculo-panteschi - 09/05/2019 08:15:34
- Regius, omaggio allo stupor mundi Federico II di Svevia - 03/05/2019 07:38:01
- Sentiero della Libertà, per tenere viva la Memoria - 01/05/2019 20:05:09
- Caccamo (PA), borgo di storia, arte, cultura - 28/04/2019 06:50:10
- C'era una volta Iato: omaggio dei ragazzi all'antica Iato - 23/04/2019 22:40:32
- U Pani ri Murriali: il pane genuino di una volta - 16/04/2019 17:20:40
- Recanati (MC): L'Infinito di Leopardi compie 200 anni - 13/04/2019 16:51:43
- A Camo (CN) torna PrimaVeraRegia - 11/04/2019 17:17:36
- Ivano Dionigi: Lucrezio, Seneca e noi - 04/04/2019 23:33:23
- Luca Mancini: Il caso dell'Ungheria di Horthy - 09/04/2019 19:14:05
- Il Foscolo di Albano (RM) trionfa al Festival Thauma - 30/03/2019 20:22:23
- Sotto il segno dei pesci: Camaiani celebra la Grecia - 28/03/2019 17:13:29
- Guido Cossard, viaggio nel mondo dell'Archeoastronomia - 25/03/2019 10:47:16
- Rosanna Oliva de Conciliis, una vita per la Parità - 17/03/2019 08:14:51
- Donna o Dea: le raffigurazioni femminili in Sardegna tra passato e pre - 02/03/2019 20:50:25
- Giorgio Ieranò: l'arcano fascino delle isole dell'Egeo - 25/02/2019 09:19:48
- Dea e Femminismo alla Roma Goddess Conference - 21/02/2019 09:10:27
- Elena Ianni: le feste e i falò del Messico - 17/02/2019 19:18:44
- Roma: l'olio d'oliva al Premio Filo della Torre - 15/02/2019 17:02:24
- I giovani attori del Foscolo alla Giornata del Greco - 06/02/2019 17:24:33
- La Penisola del Sinis (OR) tra storia, archeologia e natura - 29/01/2019 17:38:31
- King Camp Gillette: Il Turbine Umano - 19/01/2019 11:59:30
- Barumini (VS), archeologia, storia, cultura nel cuore della Sardegna - 14/01/2019 10:46:56
- Morena Luciani Russo: la ricerca della Dea e lo sciamanesimo - 09/01/2019 06:28:02
- Maurizio Bettini: Il Presepio, storia di un simbolo - 21/12/2018 08:22:38
- Venezia: Idoli, il potere dell'immagine - 12/12/2018 18:57:46
- Simona Modeo, Dioniso in Sicilia - 06/12/2018 17:48:35
- Violette Sauvage a Palazzo Colonna (RM) - 03/12/2018 07:01:13
- Pomezia (RM): Premio Donna d'Autore 2018 - 30/11/2018 06:37:50
- Massimo Blasi, l'incredibile storia degli imperatori romani - 28/11/2018 10:26:59
- Fabio Isman: 1938, l'Italia razzista - 25/11/2018 07:30:10
- Sacrum, lo Stabat Mater di Rossini all'Aracoeli di Roma - 22/11/2018 16:42:46
- Oriana Dal Bosco: il misterioso fascino del Nord Africa - 20/11/2018 17:17:03
- Natale inCHIOSTRO a Monastero di Dronero (CN) - 17/11/2018 07:53:51
- All'Alba Radians di Albano (RM): l'Ecuba di Euripide - 15/11/2018 16:59:16
- Autunno d'Autore a Ruralia, Conosci tu il paese dove... - 13/11/2018 18:40:36
- Marella Giovannelli, una vita tra giornalismo, fotografia e poesia - 09/11/2018 10:04:37
- Daniela Dao Ormena: Le radici chiamano, dolci melodie della Valle Mair - 30/10/2018 13:32:22
- Gli antichi pani di Sardegna protagonisti a Buddusò - 17/10/2018 14:23:34
- Torna a Lanuvio (RM) l'antico rituale della Maza - 04/10/2018 20:39:44
- Nonna Tommy, raccontaci ancora... - 02/10/2018 07:16:37
- A Buddusò (SS) torna Artes in Carrera - 30/09/2018 06:56:22
- Al Museo Africano di Verona la danza degli spiriti - 27/09/2018 00:12:36
- A. Cossard: Archeoastronomy, la prima app di archeoastronomia - 24/09/2018 09:21:18
- Firenze, Viaggio nell'altro e nell'altrove in ricordo di Paolo Grazios - 19/09/2018 08:31:44
- Lanuvio (RM): Buon compleanno, Antonino Pio! - 10/09/2018 06:04:22
- Raffaella De Sanctis, tra scuola e ricerca - 04/09/2018 17:45:49
- Màn. Vietnam Street Heroines in mostra al MAO (TO) - 26/08/2018 10:25:13
- Alessandra Comneno, una vita a contatto con la saggezza dei Nativi - 12/08/2018 19:38:51
- MAO (TO), ORIENTI. 7000 anni di arte asiatica dal Museo delle Civiltà - 07/08/2018 06:17:08
- Senorbì (CA), al MADN La Dea di Turriga, il mistero di un’icona senza - 01/08/2018 07:38:49
- Silvia Tenderini, una vita tra viaggi, ricerche e scrittura - 24/07/2018 19:40:34
- A Villa Giulia (Roma) la Scuola di Archeoastronomia 2018 - 19/07/2018 06:39:50
- Gabriella Mosso, I miei, i tuoi, i nostri - 17/07/2018 05:54:30
- Tagliacozzo (AQ), Festival Internazionale di Mezza Estate - 12/07/2018 06:39:05
- Franco Campus, Nuragici - un Territorio, un'Isola, il Mediterraneo - 09/07/2018 22:21:30
- Carmagnola (TO): Donne e Madonne nell’Arte dal XV secolo ad oggi - 04/07/2018 21:53:04
- Per una rinascita socio-culturale dei borghi della Valle dell'Amaseno - 25/06/2018 07:25:04
- Capalbio (GR), vacanza-laboratorio di Spiritualità Femminile con Devan - 22/06/2018 20:30:12
- Nicola Castangia, Ercole Contu e la scoperta della Tomba dei Vasi Tetr - 18/06/2018 06:44:49
- Castelfidardo (AN): gli studenti del Meucci per la valorizzazione del - 10/06/2018 17:30:57
- Papa Wojtyla in Comelico e in Cadore: il ricordo e l'emozione 30 anni - 27/05/2018 16:40:51
- Scrittori alla scoperta del mondo, una mostra sulla letteratura di via - 22/05/2018 06:00:18
- In viaggio tra le pagine di Elena Dak - 18/05/2018 09:31:20
- Convegno Internazionale contro Terrorismo, radicalizzazione e violenza - 08/05/2018 06:02:05
- Olimpia Biasi, la Viriditas di Ildegarda in mostra all'Hortu - 25/04/2018 15:09:19
- Con Marco Grippa alla scoperta del fascino segreto di Tagikistan e Kir - 18/04/2018 18:40:04
- Da Maenza a Fossanova sulle orme di San Tommaso d'Aquino - 13/04/2018 13:59:02
- Pierluigi Montalbano: l'alba della civiltà sarda - 10/04/2018 14:08:20
- Donne, Madri, Dee: la rappresentazione del femminile in mostra a Udine - 07/04/2018 07:14:26
- In mostra a Milano gli scavi di Achille Vogliano nel Fayum - 28/03/2018 18:52:37
- Sulle tracce della Dea: Viaggio nel Grembo della Storia - 17/03/2018 16:44:27
- Nadia Tarantini: Quando nascesti tu, stella lucente - 05/03/2018 21:14:35
- L'epopea dei Longobardi in mostra al MANN - 26/02/2018 10:45:11
- Verso il contratto di fiume dell'Amaseno - 22/02/2018 11:55:38
- Inside, la nuova collezione di Vittorio Camaiani - 11/02/2018 22:27:58
- Alla scoperta del matriarcato di Bali con Bruna Rotunno - 04/02/2018 13:48:05
- Giornata della Memoria, per non dimenticare - 25/01/2018 18:06:41
- Viaggio nei segreti della bellezza del corpo femminile - 21/01/2018 21:30:48
- Ildegarda di Bingen, maestra di sapienza nel suo tempo e oggi - 10/01/2018 22:22:54
- Selene Calloni: l'arte della ribellione zen per vincere la paura - 05/01/2018 22:57:08
- MANN: grande successo per la mostra sull'America precolombiana - 28/12/2017 14:29:51
- 2018 per Katike: i calendari di ...non lasciamoli soli - 19/12/2017 22:15:21
- Maenza: La rete dei cammini della Valle dell’Amaseno - 12/12/2017 22:31:25
- Al Convivium di Fiuggi i Pensieri sparsi di Daniela Gariglio - 07/12/2017 08:47:07
- Napoli: Il Natale dei 100 Alberi d’Autore - 03/12/2017 09:41:27
- Le donne dei Longobardi: urban-trekking con Michela Zucca - 28/11/2017 13:46:59
- San Martino di Stroppo: piccolo gioiello delle Valli Cuneesi - 24/11/2017 06:54:30
- Signa del Alma: per dire No alla violenza sulle donne - 19/11/2017 08:32:53
- Il nuovo romanzo di Maristella Lippolis: Raccontami tu - 07/11/2017 16:56:46
- Mama Africa: la maternità nell'arte africana - 03/11/2017 11:20:04
- Violette Sauvage: il vintage chic a Palazzo Colonna - 28/10/2017 11:28:12
- Il patrimonio archeologico del Lazio alla BMTA di Paestum - 26/10/2017 15:31:12
- Templari. Dal ducato di Puglia e Calabria, all’Italia del III Millenni - 22/10/2017 17:10:52
- Archeologia ferita: Volti di Palmira ad Aquileia - 11/10/2017 08:02:26
- Giancarlo Sani: alla scoperta delle incisioni rupestri toscane - 03/10/2017 13:36:14
- ... non lasciamoli soli: il progetto per il Nepal di Ilario Sedrani - 26/09/2017 08:24:26
- Giuliana Borghesani: La Maledizione della Liberta - 22/09/2017 14:28:02
- L'uomo, il Cancro del Pianeta - 04/09/2017 20:15:53
- Le caverne delle donne: la grotta di San Colombano - 25/08/2017 17:49:53
- Le figlie sono come le Madri: Donne lungo la Via della Seta - 30/08/2017 12:56:24
- Nemi: tornano i Nemoralia in onore della Dea Diana - 08/08/2017 17:21:44
- Donne e medicina: quale futuro per la medicina di genere? - 05/08/2017 08:48:58
- Arkeotrekking in Trentino: Sui sentieri delle Madri Antiche II - 31/07/2017 08:27:43
- Piero Verni: Tulku, viaggio nel cuore mistico della civiltà tibetana - 25/07/2017 07:11:56
- Ugo Mancini: ragioni e vicende degli antifascisti a Roma e nei Castell - 07/07/2017 18:23:52
- Festival di Tagliacozzo: conferenza stampa di presentazione a Palazzo - 05/07/2017 06:55:48
- Cuneo: Il lato nascosto delle Alpi - 04/07/2017 06:11:40
- Come con gli occhi dei bambini di Terezin - 28/06/2017 21:43:19
- Baby Giulia, storia di un'adolescenza rubata - 18/06/2017 13:18:11
- Francesca D'Amico: le donne nella tradizione contadina abruzzese - 11/06/2017 16:01:53
- Tutela e valorizzazione del patrimonio rurale nel Lazio - 07/06/2017 18:43:20
- Fiume che cammina. Transumanza dall’Adriatico al Lagorai - 03/06/2017 08:02:51
- Roma: VI raduno dei Linfoamici - 01/06/2017 14:32:42
- Atlantide, dal mito alla storia: intervista ad Alessandra Murgia - 20/05/2017 08:13:47
- Ignazio Didu: I Greci e la Sardegna. Il mito e la storia - 12/05/2017 09:18:37
- Sacra Nemora: la cultura del sacro in mostra a Lanuvio - 07/05/2017 23:09:38
- Pizzo d’Irlanda, merletto e ricamo protagonisti sul lago Trasimeno - 02/05/2017 07:59:39
- Arkeotrekking in Trexenta: Le Antiche Madri dei Monti e del Mare - 25/04/2017 19:47:13
- Le donne e il sapere medico-erboristico: un binomio da riscoprire - 07/04/2017 21:29:15
- Linfoamici a Venezia - 30/03/2017 18:13:31
- Com'è giusto che sia: il nuovo thriller di Marina Di Guardo - 29/03/2017 10:34:04
- Herbarie: le chiamavano Streghe - 24/03/2017 21:01:03
- Devana: il risveglio della spiritualità nativa dell'Antica Europa - 17/03/2017 18:33:42
- Andrea Loddo: l'archeologia sperimentale per comprendere le ancestrali - 11/02/2017 20:01:00
- Alla scoperta dell'origine genetica dei Sardi con il prof. Francala - 03/02/2017 08:01:01
- Diego Manzi: viaggio nel cuore della tradizione indiana - 28/01/2017 10:24:25
- Barbara Bonomi Romagnoli: storie di insette felici - 25/01/2017 23:15:02
- Alberto Pattini: Poesia del Trentino. La melodia della Grande Madre - 19/01/2017 21:24:29
- Rinascere dalle distruzioni. Ebla, Nimrud, Palmira - 12/01/2017 21:25:10
- Nori Corbucci: Marta Marzotto, una vita da ricordare - 05/01/2017 00:02:59
- La Sardegna antica nel cuore del Mediterraneo - 30/12/2016 01:04:16
- Sardegna nuragica e falso mistero della lingua etrusca con il linguist - 03/01/2017 07:32:46
- La Stirpe del Sole: una Medea inedita nell'ultimo romanzo di Giuliana - 23/12/2016 14:12:50
- Al Castello di Scilla i Popoli del Mare di Oreste Kessel Pace - 16/12/2016 12:53:26
- SACRUM: concerto dedicato a Papa Francesco all'Aracoeli - 08/12/2016 10:18:48
- Paola Biato: Viaggio nel mondo della Psicofiaba - 04/12/2016 19:28:59
- Il viaggio. Alchimie e Passioni: a Venezia la personale di Irene Manen - 29/11/2016 08:13:34
- Il Natale dei 100 alberi d’autore - 28/11/2016 20:22:54
- Carlo Buldrini: Pellegrinaggio buddhista - 16/11/2016 08:32:43
- A Spazio Mater l'arte digitale di Michele Grimaldi - 13/11/2016 19:50:50
- Gigantes de Perdas: alla scoperta dei nuraghi sardi - 04/11/2016 07:54:20
- Ivo Nardi: Riflessioni sul senso della vita - 24/10/2016 08:27:11
- Fabrizio Manzetti: Nascosti davanti a tutti - 18/10/2016 00:13:25
- Bambine e bambini: divino gioco di pace nel mondo - 28/10/2016 08:24:38
- La Danza degli Archetipi: alle radici del linguaggio simbolico - 13/10/2016 22:41:28
- Alla scoperta dei Fiori di Bach con Gerardo Chirò - 09/10/2016 08:44:23
- Sardegna: curiosità, aneddoti e misteri sardi con Gianmichele Lisai - 04/10/2016 06:59:28
- Roma per Amatrice: Concerto di Beneficenza - 25/09/2016 15:45:16
- Sulle tracce dell' archeologia dell'evanescente con Paola Di Si - 22/09/2016 15:21:18
- Sebastiano Brocchi: alchimia, esoterismo, simbologia sacra e mistero - 18/09/2016 08:55:07
- Milano: appuntamento per il World Lymphoma Awareness Day - 13/09/2016 07:41:13
- Sulla via degli sciamani del Sudamerica con Stefano Lioni - 29/08/2016 08:00:22
- Sulle orme dei Moso con l'antropologa Francesca Rosati Freeman - 16/08/2016 07:13:59
- Sui sentieri dei luoghi di culto della Grande Dea con Luisella Veroli - 11/08/2016 08:48:06
- Un Altro Mondo per i Diritti della Pachamama - 27/07/2016 07:32:44
- Alessandra Di Gesù: viaggio nelle Tradizioni Misteriche del Mediterran - 05/07/2016 08:00:50
- Abbracci gratis contro il linfoma: a Roma il V raduno dei Linfoami - 31/05/2016 23:23:59
- Out of Tibet: il foto-racconto della diaspora tibetana sbarca a Roma - 23/05/2016 00:04:09
- Il Canto delle Sirene in mostra a Bologna - 22/05/2016 10:02:01
- La cultura dei Moso arriva al Ramadù di Cisterna - 16/04/2016 21:08:59
- Donne e scienza: un binomio per troppo tempo ignorato - 24/03/2016 07:51:18
- Suffragette 2.0: approda al Peano di Roma - 14/03/2016 22:06:13
- Palazzo Visconti: Alta Moda della Sartoria Angela - 09/03/2016 08:47:43
- Il respiro profondo di una Nuova Era - 04/03/2016 14:17:21
- Festa grande per i 35 anni di attività di Erno Rossi - 01/03/2016 14:29:34
- I Sentieri della Terra: come restituire vita e dignità alla Mad - 20/02/2016 09:06:03
- Le remote origini del tatuaggio con l'antropologa Michela Zucca - 23/01/2016 09:46:08
- Mantra Madre e Il profumo della luna: libri per il risveglio dell'anim - 24/12/2015 10:37:15
- Roma: il Rito del Grembo - 12/12/2015 00:42:29
- Alla scoperta delle vere origini di Halloween con Monica - 31/10/2015 20:24:53
I COMMENTI RELATIVI ALL'ARTICOLO
Invia un commento alla Redazione
Email
Nome e Cognome
Messaggio
Gentile lettore, prima di inviare il Suo messaggio:

compilare il codice di sicurezza sottostante copiando l'immagine raffigurata;

CAPTCHA 
cambia codice

inserisci codice



Per pubblicare, in fondo all'articolo, il suo commento selezionare il pulsante sottostante.

Pubblicazione
  Si    solo nome
  Si    nome e cognome
  No


Grazie della collaborazione.

© 2014 - ftNews è una testata di libera informazione.