Redazione     Informativa     Link  

Petrarca, dal Secretum al regresso emotivo

martedì, 23 novembre 2021 08:13

condividi su facebook
Dal nostro inviato
Francesca Bianchi
FtNews ha avuto il piacere di intervistare la dott.ssa Valentina Bandiera, autrice del saggio breve: Il Petrarca nel III Millennio. Dal Secretum al regresso emotivo. Nel libro si indaga la scienza dei rapporti e delle funzioni che animarono il dissidio petrarchesco, partendo dal Secretum fino ad arrivare al regresso emotivo. Nel corso della nostra ricca conversazione, la studiosa ha spiegato i motivi che l'hanno indotta a proporre una lettura di Petrarca alla luce di realtà e valori della nostra epoca. Ha discusso in maniera approfondita del significato del "regresso emotivo" e dell'impianto dialogico del Secretum, che è alla base dell'odierna psicoterapia. Si è soffermata, inoltre, sull'atteggiamento di Petrarca nei confronti dell'amore e sugli aspetti che distinguono Laura dalla donna dello Stilnovo e dalla Beatrice di Dante.
Oltre che di una spiritualità moderna, Petrarca si fa promotore di una sensibilità moderna incentrata sull'uomo, sulla realizzazione delle sue aspirazioni e dei suoi desideri. Petrarca incarna la figura di intellettuale completamente nuovo, non più legato esclusivamente alle istituzioni religiose e a una dimensione municipale: è stato, a tutti gli effetti, un intellettuale europeo; viaggiò molto, si trovò presso le principali corti dell'epoca. Questo fa di lui un grande e illuminato precursore dell'Umanesimo. Valentina Bandiera ha espresso la speranza che i lettori possano leggere negli scritti di Petrarca una visione moderna e attuale dell’amore, non confinata al classicismo, e ha esortato tutti a coltivare la bellezza indiscussa della poesia per riscoprire l’autenticità dei nostri sentimenti e il colore dell’amore, che ha sempre saputo infondere al mondo sentimenti di speranza e gioia.

Dott.ssa Bandiera, nel saggio breve Il Petrarca nel III Millennio. Dal Secretum al regresso emotivo, lei indaga la scienza dei rapporti e delle funzioni che animarono il dissidio petrarchesco, partendo dal Secretum fino ad arrivare al regresso emotivo. Come e quando è nata l'idea di cimentarsi nella lettura di Petrarca alla luce di realtà e valori della nostra epoca? Cosa si intende per "regresso emotivo"?
Ho sempre considerato Francesco Petrarca il poeta della modernità. Quando frequentavo i corsi di letteratura italiana presso l’Università degli studi di Napoli Federico II, ho scoperto questo grande autore grazie ai docenti ordinari di letteratura Pasquale Sabbatino e Raffaele Giglio. Questi docenti hanno saputo trasmettere non solo la parte erudita petrarchesca, la quale rappresenta un notevole bagaglio culturale, frutto di studi classici e filologici, ma, soprattutto, la fragilità umana di Petrarca, occasione che ha aperto la strada alla modernità, proiettando l’uomo verso i bisogni concreti e terreni, così da rendere la condizione esistenziale concreta e svincolata dal trascendentale.
Il regresso emotivo si configura come un triste fenomeno; esso determina la condizione per cui il dialogo, la comunicazione interpersonale e sociale si affievoliscono a causa di un malsano egoismo sfrenato e distruttivo, il quale sfalda l’armonia sociale. I tornaconti personali mettono in crisi la condivisione e il benessere della società, che vengono accantonati da un individualismo eccessivo. Questo individualismo determina il crollo dell’amore all’interno della comunità.

Quando è nato il suo interesse per Petrarca? Cosa l'affascina del suo pensiero e della sua poetica?
Il mio interesse per Petrarca è nato non solo grazie alle lezioni accademiche letterarie, ma si è intensificato per la sensibilità che questo poeta eccezionale ha saputo trasmettere alle persone. Infatti la poetica petrarchesca è autentica e sincera, perché Petrarca è stato uno dei primi poeti, oltre a Guido Cavalcanti, a porre l’accento sul pathos amoroso e sul martirio delle fiamme passionali. Ciò che mi affascina di tale scrittore è l’ardore passionale che si riverbera nei suoi scritti; in particolare, nei Rerum volgarium fragmenta e nel Secretum. Mi colpisce soprattutto l’ardore del desiderio verso Laura, per cui, quanto più l’amore non è corrisposto, tanto più questo desiderio si alimenta. Ciò avviene grazie al pathos scaturito dalla sofferenza di un amore non ricambiato. Questa è una peculiarità molto interessante e moderna. Sebbene Petrarca, nel descrivere il desiderio amoroso, collochi Laura in un ambiente che rispecchia il locus amoenus della tradizione provenzale e stilnovistica, tuttavia si distacca dalla concezione della donna-angelo, tanto conclamata nello Stilnovismo, per approdare ad una concezione di amore che supera l’idea di forza irrazionale e si concilia con l’attualità.

Manoscritto Vat. Lat. 3196, detto "Codice degli Abbozzi"
Nel saggio si sofferma molto sul dissidio interiore di Petrarca. Quali aspetti assunse questo tormento interiore, questo conflitto spirituale?
Con Petrarca si parla di dissidio spirituale e tormento interiore che assunsero toni davvero notevoli, non solo come testimoniato nel Canzoniere, ma soprattutto nell’opera dialogica del Secretum, scritta interamente in latino. Proprio in tale scritto abbiamo la condizione umana di Petrarca, come del resto anche nelle Epistole, sezione Familiares, soprattutto per quanto riguarda l’epistola scritta in occasione dell’Ascesa al Monte Ventoso. Questo famoso testo narra l’ascesa al monte Ventoso effettuata dal Petrarca, ma questa narrazione assume un taglio simbolico, in quanto la fatica di scalare la vetta del monte da parte del poeta rappresenta il suo conflitto spirituale, incapace di approdare ad una visione trascendentale della vita ed ancorato alle brame terrene, quali il desiderio di gloria terrena e intellettuale e il desiderio carnale verso Laura. Queste brame sono, poi, sviscerate meglio nel Secretum da sant'Agostino, simbolo della coscienza morale. L’ascesa al monte Ventoso si configura anche come un tentativo da parte del poeta di abbandonare le velleità terrene per approdare ad un benessere spirituale scevro da inquietudini. Bisogna dire anche che il dissidio petrarchesco non è isolato, ma si riverbera nella crisi di un’epoca: la fine del Medioevo, con il crollo dei poteri universali del Papato e dell’Impero, presuppone anche la fine della visione teocentrica per lasciare il passo all’Umanesimo, che predilige l’industria e l’intraprendenza umana. La prerogativa homo faber fortunae suae sarà, poi, la matrice con cui si afferma l’idea antropocentrica che sarà protagonista dell’intero umanesimo letterario, filosofico e storico italiano.

L'amore di Petrarca per Laura è intenso e totalizzante. Laura rappresenta il simbolo del desiderio carnale, non è uno strumento di elevazione spirituale. Come si pone Petrarca nei confronti dell'amore? Quali aspetti distinguono Laura dalla donna dello Stilnovo e dalla Beatrice di Dante?
Petrarca è del tutto incatenato dalla condizione di sofferenza amorosa. Provando un desiderio carnale verso la donna, sente irrimediabilmente il bisogno di una quiete interiore, in quanto percepisce questo desiderio come una schiavitù che lo allontana da Dio. L’amore carnale viene inteso come una schiavitù anche per il fatto che Petrarca non trova una corrispondenza amorosa da parte della donna. Dalle poesie del Canzoniere si evince che Amore, cioè Cupido, ha colpito Petrarca (6 aprile 1327), mentre Laura non è stata contagiata dal desiderio e, quando ella si accorge del sentimento amoroso del poeta, si vela il viso in segno di diniego. Laura ha sicuramente alcuni aspetti che la contraddistinguono dalla donna dello Stilnovo e dalla Beatrice di Dante: Laura è soggetta all’azione disgregatrice del tempo che porta con sé tutto e fa riflettere sulla provvisorietà della vita terrena, come testimoniato nel sonetto proemiale del Canzoniere. Laura, inoltre, per il desiderio carnale suscitato nel poeta, non rappresenta più la donna angelo e non ha la funzione salvifica della Beatrice dantesca, ma ha caratteristiche ben precise, tali da suscitare un tormento amoroso: anche la fisionomia di Laura era descritta in maniera dettagliata, come si evince da alcuni sonetti e canzoni: i capei d’oro, i bei occhi, l’angelico seno della gonna...

Cosa rappresentò per Petrarca la morte di Laura?
Petrarca viene a conoscenza della morte di Laura, vittima della peste del 1348, grazie all’amico Ludovico da Kempen. Qui viene accentuata la funzione disgregatrice del tempo e la concezione di una vita terrena mutevole e transeunte. Nel sonetto La vita fugge et non s’arresta una hora è proprio chiara questa concezione.
Sicuramente Petrarca vagheggia Laura in cielo, più accondiscendente verso i suoi gemiti d’amore. Petrarca inserisce Laura,post mortem, in una condizione di elevazione spirituale maggiore rispetto a quando la donna era in vita. Il desiderio carnale scompare per fare posto a un desiderio incentrato sulla redenzione. Dopo la dipartita, Laura sembra essere più vicina al poeta.

Nel libro parla anche dell'opera Rerum vulgarium fragmenta, meglio conosciuta come Canzoniere, l'unica opera, insieme ai Trionfi, che Petrarca scrisse in volgare. Cosa ha contribuito a fare del Canzoniere una delle opere principali della letteratura italiana?
Il Canzoniere è una delle opere più importanti di Francesco Petrarca. Rappresenta la storia d’amore, ovvero la storia di un folle desiderio carnale, mai ricambiato, con la consapevolezza che tutto ciò che è terreno è destinato a perire, come l’autore sostiene nel sonetto proemiale (quanto piace al mondo è breve sogno). Bisogna dire anche che nella seconda parte del testo, ovvero nelle rime scritte dopo la morte di Laura, il desiderio carnale sembra quasi dileguarsi, per lasciare il posto ad una ricerca spasmodica di quiete interiore e spirituale, come traspare dall’ultima canzone, l'inno alla Vergine Maria. Anche un altro elemento ha reso famoso il Canzoniere: lo stile armonioso ed elegante, incorniciato in una struttura metrica edificata in maniera perfetta. Petrarca ha incastrato perfettamente nella sua opera generi metrici diversi, come la ballata, il sonetto, la canzone, il madrigale e la sestina, anche se vi è una prevalenza netta di sonetti. Anche la struttura metrica è perfetta, tanto da fornire le basi per lo studio della poesia nella didattica dei licei e dei percorsi di laurea umanistici. Ciò che rende il Canzoniere un’opera illustre e modello di riferimento per la letteratura italiana è la veste linguistica armoniosa ed erudita. Il linguaggio è perfetto: un volgare dal lessico aulico e forbito, con uno stile adeguato ad un pubblico selezionato e raffinato. Infatti, proprio per lo stile linguistico eloquente ed asciutto, Pietro Bembo, grande letterato del Cinquecento, nella sua opera Prose della volgar lingua (1525) fisserà l’opera petrarchesca come modello letterario volgare per quel che concerne la poesia. Si realizza, così, il sogno tanto bramato da Dante Alighieri, il quale, nel De vulgari eloquentia, cercava un volgare letterario ed erudito che potesse avvicinarsi alla dignità dell’eloquenza della lingua latina.
Valentina Bandiera
Il Secretum è un dialogo in tre libri, scritto in latino tra il 1347 e il 1353, ma ambientato tra il 1342 e il 1343, frutto della crisi di quel biennio. L'impianto dialogico dell'opera sta alla base dell'odierna psicoterapia. Qual è, secondo lei, l'aspetto rivoluzionario del Secretum? Cosa rappresenta la Verità nel Secretum?
Il Secretum ha un aspetto rivoluzionario, perché non solo anticipa la psicoanalisi freudiana moderna, ma rivela novità per quanto riguarda il monologo interiore e il flusso di coscienza. Il Secretum anticipa uno dei metodi attuati durante la psicoterapia, cioè l’impostazione dialogica che ispeziona i disagi psicologici dei pazienti. Il Secretum è un’opera fortemente introspettiva, il cui unico protagonista è Petrarca con le sue fragilità e la sua coscienza, simboleggiata da S. Agostino. Quest’ultima testimonia e anticipa il metodo della psicoterapia, che consiste nello sviscerare le contraddizioni psichiche e le nevrosi causate da traumi, per porre una soluzione o guarigione. La verità, nel Secretum, viene raffigurata come una donna che assiste al dialogo tra Francesco Petrarca e S. Agostino. La verità ha la capacità di discernere i moti interiori e smascherare le debolezze e le fragilità per osservare, in maniera schietta e lucida, la realtà, senza veli d’ipocrisia. Dal punto di vista narratologico, invece, il Secretum può confrontarsi con il flusso di coscienza o il monologo interiore, anche se non possiamo considerarlo alla stregua del monologo interiore di Joyce, in quanto l’autore novecentesco utilizza il flusso di coscienza, mentre Petrarca nel dialogo interloquisce con sant'Agostino, che rappresenta la sua controparte, la coscienza morale. Quella che, in psicoterapia, è chiamata Super-Io.

Oltre che di una spiritualità moderna, Petrarca si fa promotore di una sensibilità moderna incentrata sull'uomo, sulla realizzazione delle sue aspirazioni e dei suoi desideri. Petrarca incarna una figura di intellettuale completamente nuovo, non più legato esclusivamente alle istituzioni religiose e a una dimensione municipale: è stato a tutti gli effetti un intellettuale europeo, viaggiò molto, si trovò presso le principali corti dell'epoca. Perché si può parlare di Petrarca come precursore dell'Umanesimo o "protoumanista"? Quali aspetti del suo pensiero hanno contribuito a fare di lui il padre dell'Umanesimo?
Sicuramente Petrarca è stato il padre dell’Umanesimo, in quanto è stato il primo a porre al centro l’uomo con i suoi bisogni e le sue aspirazioni; è stato il primo a recuperare la veste originale dei classici latini. A Liegi, infatti, nel 1333, scoprì l'orazione Pro Archia di Cicerone. Con Petrarca l’umanesimo si diffonde. I viaggi del poeta rappresentano l’intraprendenza umana che realizza i propri desideri e le proprie aspirazioni. Con Petrarca prende avvio una scienza importante, la filologia, che si edificherà, poi, come scienza autonoma all’interno del cursus studiorum litterarum. Con l’attività filologica nasce una fiorente riscoperta dei manoscritti dei classici latini e Petrarca ne diviene promotore. La ripresa degli auctores classici si configura come la nascita dell’educazione che si rivolge all’uomo nella sua concretezza e in maniera del tutto laica.

Un autore come Petrarca cosa può dirci oggi? In particolare, cosa può dire alle giovanissime generazioni? Qual è il significato della sua poesia in questa nostra epoca?
Petrarca oggi è letto maggiormente nelle università italiane e nei percorsi didattici. La sua poesia è aulica e artificiosa, per cui è complessa sintatticamente e stilisticamente, ma, per quanto riguarda il contenuto, rivela una sensibilità poetica che può essere colta dalle giovani generazioni. Il significato della poesia petrarchesca è semplice; il mondo petrarchesco non è tanto dissimile dall'odierno mondo adolescenziale. Quasi tutti i giovani hanno vissuto esperienze di dissidio interiore o si sono inoltrati nel tortuoso sentiero di un amore tormentato.

Quanto è importante oggi tornare a coltivare la bellezza della poesia?
Oggi la poesia è importante per riscoprire l’autenticità dei nostri sentimenti e il colore dell’amore, che ha sempre saputo infondere al mondo sentimenti di speranza e gioia. Oggi è importante riscoprire l’essenza della poesia non soltanto per ricordare le nostre radici, ma per la trasmissione di armonia, amore e pace, sentimenti autentici che rischiano di scomparire a causa del consumismo e della legge del capitalismo.

Quale messaggio si augura possa arrivare ai lettori del suo libro Il Petrarca nel III Millennio. Dal Secretum al regresso emotivo?
Spero che i miei lettori possano ammirare Petrarca e scoprire una visione moderna e attuale dell’amore, non confinata al classicismo. Mi auguro che il messaggio sia chiaro: riscoprire le radici della nostra civiltà, conoscere noi stessi, come sosteneva anche Socrate, curarci della nostra essenza. Il testo vuole far comprendere che l’amore è un sentimento radioso, soprattutto se osserviamo le giovani generazioni, e che è importante prenderci cura della nostra anima.
Mostra altri Articoli di questo autore
info@freetopnews.it
- Petrarca, dal Secretum al regresso emotivo - 23/11/2021 08:13:54
- LabENur, il Nuragico da toccare con mano - 18/11/2021 16:25:18
- L’erba dell’oblio non cresce ad Arzachena - 04/11/2021 08:16:19
- Archeotour, da oltre trent'anni con il patrimonio culturale di Paulila - 21/10/2021 07:34:05
- Santa Cristina, simbolo millenario del culto delle acque - 13/10/2021 08:30:07
- Le vie de sos Pinnettos, alla scoperta della cultura pastorale sarda - 06/10/2021 09:22:20
- Giulio Gelardi: la manna, l'oro bianco delle Madonie - 30/09/2021 09:55:32
- Bergi, paradiso della biodiversità nel cuore delle Madonie - 22/09/2021 08:11:23
- Fondazione P.G. 5 Cuori, da Polizzi un omaggio alla Bellezza - 17/09/2021 07:46:06
- Francesca Fontanella: l'impero e la storia di Roma in Dante - 13/09/2021 08:42:45
- Tra cento miliardi di stelle: Montalbano Elicona ricorda Battiato - 09/09/2021 08:08:55
- Happy Glamping Madonie, il campeggio di lusso a 850 metri di quota - 06/09/2021 06:22:38
- La rinascita di Verbumcaudo, feudo di Polizzi sottratto alla mafia - 03/09/2021 05:57:50
- Il canto e il veleno: bucolici greci minori - 30/08/2021 07:22:33
- Angelo Merlino: le Madonie tra cultura, natura, geologia - 25/08/2021 06:18:50
- Baglio Bonsignore, vini di qualità nel territorio della Valle dei Temp - 11/08/2021 06:55:30
- Il Giardino della Kolymbetra, un gioiello nel cuore della Valle dei - 05/08/2021 06:33:00
- Archeologia, cinema, musica, teatro: l'estate della Valle dei Templi - 27/07/2021 06:44:21
- Val Paradiso: nel cuore della Sicilia, il miglior Olio IGP d'Italia - 20/07/2021 07:34:18
- Molino Ferrara: semole, farine e pasta di grani antichi siciliani - 14/07/2021 22:31:11
- La Donna e il Sacro: divinità femminili arcaiche nell'Abruzzo antico - 22/06/2021 09:03:47
- L’isola più bella: la Sicilia nella 'Biblioteca storica' di Diodoro Si - 09/06/2021 09:04:43
- Heinrich Schliemann a Napoli - 03/06/2021 07:09:16
- Rita Pirisi: l'agnello nella tradizione culinaria sarda - 27/05/2021 08:13:25
- Zungri: archeologia di un villaggio rupestre calabrese di epoca mediev - 26/04/2021 09:18:50
- Corleone, storia archeologica a fumetti - 19/04/2021 14:33:41
- Pupi Avati: il mio Dante, poeta forgiato dal dolore - 13/04/2021 10:18:09
- Massimiliano Finazzer Flory: Dante, per nostra fortuna - 26/03/2021 10:05:28
- Divina Sardegna, con il FAI alla scoperta dei luoghi legati alla Comme - 16/03/2021 09:55:54
- 8 Marzo: combattere le differenze per la parità di genere - 08/03/2021 07:24:27
- Ivano Dionigi: Segui il tuo demone - 05/03/2021 09:33:38
- La Musa Inquieta, il corto dedicato a Marta Marzotto - 23/02/2021 14:58:40
- Gabriele Gallo: ritratti alpini, racconti di un anno in montagna - 12/02/2021 16:50:51
- Giulio Guidorizzi: il mito immortale di Edipo ed Enea - 04/02/2021 08:00:35
- Laura Efrikian: tra Armenia e Africa, una vita all'insegna dell'amore - 29/01/2021 11:10:15
- Filomena Giannotti: Caproni, Il mio Enea - 20/01/2021 07:36:54
- Mamma Margherita: la mia Nadia, la forza dell'amore - 04/01/2021 17:57:43
- Anny Romand, mia nonna d'Armenia - 22/12/2020 07:09:20
- Giorgio Ieranò: I Greci e noi - 21/12/2020 07:17:10
- Pietro Pisciottu: L'Agnata, storia e memoria di uno stazzo gallurese - 14/12/2020 10:36:18
- Sopravvivere alla morte: la vita nelle iscrizioni funerarie latine - 07/12/2020 21:46:29
- Olivo: l'albero della civiltà - 05/12/2020 07:38:58
- Marida Lombardo Pijola: l'imperfezione delle madri - 25/11/2020 14:08:22
- Pietro Greco: Trotula, la prima donna medico d'Europa - 10/11/2020 08:28:11
- Gian Enrico Manzoni: la peste di Atene ai tempi del Covid - 29/10/2020 08:13:41
- Fiorenzo Caterini: ricostruzione della memoria in Sardegna - 23/10/2020 09:01:57
- Paolo Carboni: Tutt'a pedi - Alla scoperta del territorio di Aggius (S - 12/10/2020 10:44:57
- Agostino Asara, l'ultimo Patriarca degli stazzi galluresi - 06/10/2020 07:41:33
- Aggius (SS): storia, tradizioni, banditismo nel cuore della Gallura - 02/10/2020 06:54:06
- Tenuta Coda di Lupo, eccellenze sarde per un'agricoltura sostenibile - 22/09/2020 19:35:55
- Luigi Lehnus: Wilamowitz e il monte delle Muse - 15/09/2020 17:25:33
- Paola Mancini: viaggio nella storia di Loiri Porto San Paolo (SS) - 10/09/2020 18:14:11
- Alla scoperta dell'Area Marina Protetta di Tavolara (SS) con Augusto - 01/09/2020 21:32:17
- Giuseppe Festa: Ursula e Lupinella, orsi e lupi sulle montagne italian - 28/08/2020 07:59:34
- Pa punyat: con Antonio Masia alla scoperta delle eccellenze algheresi - 24/08/2020 08:51:11
- Sa Mandra, anima barbaricina nel cuore della Nurra - 19/08/2020 07:30:34
- Giuliano Dal Mas, una vita tra le Dolomiti - 13/08/2020 17:36:13
- Valle d'Aosta, presentata la XXIII edizione del Gran Paradiso Film Fe - 27/07/2020 19:42:54
- Irene Borgna: Louis Oreiller, il pastore di stambecchi - 20/07/2020 07:47:15
- Genzano, a Casa Mamre QUESTO MARE E’ PIENO DI VOCI - 16/07/2020 09:22:00
- Corrado Ruggeri, una vita in viaggio - 13/07/2020 07:30:17
- Lungo i sentieri del Cammino Ibleo con Nanni Di Falco - 06/07/2020 16:49:35
- Alla scoperta del nuraghe Majori di Tempio Pausania - 30/06/2020 07:39:09
- Lorenzo Braccesi: Olimpiade e Zenobia, quando il potere è donna - 24/06/2020 05:26:37
- Ove abitai fanciullo: a Recanati aprono le stanze private di Giacomo L - 15/06/2020 14:18:28
- I reperti assiri di Faida al premio mondiale in memoria di Khaled al-A - 08/06/2020 07:43:10
- Mauro Bonazzi: i Greci e il mistero dell'esistenza - 01/06/2020 07:22:54
- PandemicA, racconto corale per immagini - 21/05/2020 07:52:03
- Antonietta Langiu, la mia Isola - 08/05/2020 09:22:34
- Susanna Garavaglia: il risveglio della coscienza interiore - 29/04/2020 05:09:43
- Rosanna Raffaelli Ghedina: folclore, leggende e simboli delle Dolomiti - 16/04/2020 23:10:44
- Giorgio Murru: Spiriti e Dèi nella statuaria preistorica della Sardegn - 09/04/2020 13:50:32
- Una Maschera, un Volto, un Paese: il Carnevale in Sardegna - 07/03/2020 07:34:21
- Pe’ terre assaje luntane: al MANN l’emigrazione ischitana in America - 01/03/2020 19:33:00
- Thalassa: a Napoli le meraviglie sommerse dal Mediterraneo - 27/02/2020 23:09:38
- Nel segreto mare delle stelle di Marella Giovannelli - 25/02/2020 18:10:02
- Marcello Cabriolu, la Sardegna e il Mediterraneo Occidentale - 17/02/2020 21:27:55
- Erika Maderna, sulle tracce della medicina delle streghe e delle sant - 27/01/2020 06:48:31
- Federico Fellini: ironico, beffardo e centenario - 14/01/2020 07:56:24
- Pompei e Santorini, l'eternità in un giorno - 04/01/2020 08:29:04
- Andrea Icardi, un anno in Alta Valle Maira - 30/12/2019 14:15:42
- Archeologi italiani riportano alla luce i reperti assiri di Faida - 15/12/2019 09:45:07
- Augusto Mulas: l'orientamento astronomico dei nuraghi - 09/12/2019 19:01:03
- Margherita Massari: Ildegarda di Bingen, Sibilla e Dottore della Chies - 06/12/2019 09:18:37
- Il mito immortale di Cartagine in mostra a Roma - 04/12/2019 00:02:27
- Aquileia 2200. Porta di Roma verso i Balcani e l’Oriente - 29/11/2019 05:28:33
- Michele Porcaro: ASSTEAS - Storia del Vaso più bello del mondo - 19/11/2019 00:26:44
- Silvia Romani: credenze, miti e dei degli antichi - 11/11/2019 13:10:02
- All'Alba Radians di Albano (RM) il Filottete di Sofocle - 06/11/2019 16:36:58
- Mulino della Riviera di Dronero (CN), una storia firmata Cavanna - 29/10/2019 18:50:24
- Galluras, il Museo della Femina Agabbadòra - 22/10/2019 07:00:03
- Ugo Mancini: Sotto la cenere, storie di vita quotidiana durante il ven - 10/10/2019 20:51:11
- Alessandra Derriu: streghe, indovine e curatrici nella Sardegna del '7 - 04/10/2019 07:06:18
- Giuseppe Vito Internicola: Castellammare del Golfo, alle origini di un - 29/09/2019 18:15:59
- Città della Pieve (PG) si prepara ad accogliere Il Nostro Tempo - 25/09/2019 15:20:51
- Uno spazio per le Donne: alla scoperta del mondo femminile sardo e non - 23/09/2019 08:37:50
- Olmedo (SS), storia, tradizioni, folklore - 21/09/2019 09:21:49
- Silvia Giorcelli Bersani: I Romani e le Alpi - 16/09/2019 14:05:54
- Rossella Giglio: Segesta, tra teatro, musica, natura - 08/08/2019 15:56:16
- Enrico Caruso: la rinascita di Selinunte - 01/08/2019 14:29:05
- Lucina Gandolfo: alla scoperta di Monte Iato - 31/07/2019 07:33:07
- Sulle spiagge pontine tornano i Racconti di Sabaudia - 30/07/2019 08:47:45
- Tagliacozzo (AQ): XXXV Festival Internazionale di Mezza Estate - 22/07/2019 14:36:02
- Civiltà del sole: l'archeoastronomia nella Sicilia preistorica - 19/07/2019 07:30:13
- Cristina Muntoni, il potere delle parole nella storia della sacralità - 15/07/2019 18:12:54
- Francesco Bianco, un cammino tra verità nascoste - 13/07/2019 06:58:14
- Filippo Drago, mugnaio siciliano fra tradizione e modernità - 09/07/2019 07:28:20
- Con la KERNOS alla scoperta di Castellammare del Golfo - 02/07/2019 18:17:21
- Per una rinascita di Castelvetrano, città d'arte, storia, cultura - 27/06/2019 18:13:44
- Marinella Fiume: sapienza, virtù e misteri dell'universo simbolico fem - 11/06/2019 19:04:31
- Stefano Pucci: le incisioni rupestri delle Alpi Apuane - 07/06/2019 09:24:59
- Albano (RM), al via la Rassegna del Teatro Antico - 26/05/2019 18:33:37
- Max Dashu: Streghe e pagane, le donne nella cultura popolare europea - 14/05/2019 07:18:46
- Diego Maggio: profumi, aromi e sapori siculo-panteschi - 09/05/2019 08:15:34
- Regius, omaggio allo stupor mundi Federico II di Svevia - 03/05/2019 07:38:01
- Sentiero della Libertà, per tenere viva la Memoria - 01/05/2019 20:05:09
- Caccamo (PA), borgo di storia, arte, cultura - 28/04/2019 06:50:10
- C'era una volta Iato: omaggio dei ragazzi all'antica Iato - 23/04/2019 22:40:32
- U Pani ri Murriali: il pane genuino di una volta - 16/04/2019 17:20:40
- Recanati (MC): L'Infinito di Leopardi compie 200 anni - 13/04/2019 16:51:43
- A Camo (CN) torna PrimaVeraRegia - 11/04/2019 17:17:36
- Ivano Dionigi: Lucrezio, Seneca e noi - 04/04/2019 23:33:23
- Luca Mancini: Il caso dell'Ungheria di Horthy - 09/04/2019 19:14:05
- Il Foscolo di Albano (RM) trionfa al Festival Thauma - 30/03/2019 20:22:23
- Sotto il segno dei pesci: Camaiani celebra la Grecia - 28/03/2019 17:13:29
- Guido Cossard, viaggio nel mondo dell'Archeoastronomia - 25/03/2019 10:47:16
- Rosanna Oliva de Conciliis, una vita per la Parità - 17/03/2019 08:14:51
- Donna o Dea: le raffigurazioni femminili in Sardegna tra passato e pre - 02/03/2019 20:50:25
- Giorgio Ieranò: l'arcano fascino delle isole dell'Egeo - 25/02/2019 09:19:48
- Dea e Femminismo alla Roma Goddess Conference - 21/02/2019 09:10:27
- Elena Ianni: le feste e i falò del Messico - 17/02/2019 19:18:44
- Roma: l'olio d'oliva al Premio Filo della Torre - 15/02/2019 17:02:24
- I giovani attori del Foscolo alla Giornata del Greco - 06/02/2019 17:24:33
- La Penisola del Sinis (OR) tra storia, archeologia e natura - 29/01/2019 17:38:31
- King Camp Gillette: Il Turbine Umano - 19/01/2019 11:59:30
- Barumini (VS), archeologia, storia, cultura nel cuore della Sardegna - 14/01/2019 10:46:56
- Morena Luciani Russo: la ricerca della Dea e lo sciamanesimo - 09/01/2019 06:28:02
- Maurizio Bettini: Il Presepio, storia di un simbolo - 21/12/2018 08:22:38
- Venezia: Idoli, il potere dell'immagine - 12/12/2018 18:57:46
- Simona Modeo, Dioniso in Sicilia - 06/12/2018 17:48:35
- Violette Sauvage a Palazzo Colonna (RM) - 03/12/2018 07:01:13
- Pomezia (RM): Premio Donna d'Autore 2018 - 30/11/2018 06:37:50
- Massimo Blasi, l'incredibile storia degli imperatori romani - 28/11/2018 10:26:59
- Fabio Isman: 1938, l'Italia razzista - 25/11/2018 07:30:10
- Sacrum, lo Stabat Mater di Rossini all'Aracoeli di Roma - 22/11/2018 16:42:46
- Oriana Dal Bosco: il misterioso fascino del Nord Africa - 20/11/2018 17:17:03
- Natale inCHIOSTRO a Monastero di Dronero (CN) - 17/11/2018 07:53:51
- All'Alba Radians di Albano (RM): l'Ecuba di Euripide - 15/11/2018 16:59:16
- Autunno d'Autore a Ruralia, Conosci tu il paese dove... - 13/11/2018 18:40:36
- Marella Giovannelli, una vita tra giornalismo, fotografia e poesia - 09/11/2018 10:04:37
- Daniela Dao Ormena: Le radici chiamano, dolci melodie della Valle Mair - 30/10/2018 13:32:22
- Gli antichi pani di Sardegna protagonisti a Buddusò - 17/10/2018 14:23:34
- Torna a Lanuvio (RM) l'antico rituale della Maza - 04/10/2018 20:39:44
- Nonna Tommy, raccontaci ancora... - 02/10/2018 07:16:37
- A Buddusò (SS) torna Artes in Carrera - 30/09/2018 06:56:22
- Al Museo Africano di Verona la danza degli spiriti - 27/09/2018 00:12:36
- A. Cossard: Archeoastronomy, la prima app di archeoastronomia - 24/09/2018 09:21:18
- Firenze, Viaggio nell'altro e nell'altrove in ricordo di Paolo Grazios - 19/09/2018 08:31:44
- Lanuvio (RM): Buon compleanno, Antonino Pio! - 10/09/2018 06:04:22
- Raffaella De Sanctis, tra scuola e ricerca - 04/09/2018 17:45:49
- Màn. Vietnam Street Heroines in mostra al MAO (TO) - 26/08/2018 10:25:13
- Alessandra Comneno, una vita a contatto con la saggezza dei Nativi - 12/08/2018 19:38:51
- MAO (TO), ORIENTI. 7000 anni di arte asiatica dal Museo delle Civiltà - 07/08/2018 06:17:08
- Senorbì (CA), al MADN La Dea di Turriga, il mistero di un’icona senza - 01/08/2018 07:38:49
- Silvia Tenderini, una vita tra viaggi, ricerche e scrittura - 24/07/2018 19:40:34
- A Villa Giulia (Roma) la Scuola di Archeoastronomia 2018 - 19/07/2018 06:39:50
- Gabriella Mosso, I miei, i tuoi, i nostri - 17/07/2018 05:54:30
- Tagliacozzo (AQ), Festival Internazionale di Mezza Estate - 12/07/2018 06:39:05
- Franco Campus, Nuragici - un Territorio, un'Isola, il Mediterraneo - 09/07/2018 22:21:30
- Carmagnola (TO): Donne e Madonne nell’Arte dal XV secolo ad oggi - 04/07/2018 21:53:04
- Per una rinascita socio-culturale dei borghi della Valle dell'Amaseno - 25/06/2018 07:25:04
- Capalbio (GR), vacanza-laboratorio di Spiritualità Femminile con Devan - 22/06/2018 20:30:12
- Nicola Castangia, Ercole Contu e la scoperta della Tomba dei Vasi Tetr - 18/06/2018 06:44:49
- Castelfidardo (AN): gli studenti del Meucci per la valorizzazione del - 10/06/2018 17:30:57
- Papa Wojtyla in Comelico e in Cadore: il ricordo e l'emozione 30 anni - 27/05/2018 16:40:51
- Scrittori alla scoperta del mondo, una mostra sulla letteratura di via - 22/05/2018 06:00:18
- In viaggio tra le pagine di Elena Dak - 18/05/2018 09:31:20
- Convegno Internazionale contro Terrorismo, radicalizzazione e violenza - 08/05/2018 06:02:05
- Olimpia Biasi, la Viriditas di Ildegarda in mostra all'Hortu - 25/04/2018 15:09:19
- Con Marco Grippa alla scoperta del fascino segreto di Tagikistan e Kir - 18/04/2018 18:40:04
- Da Maenza a Fossanova sulle orme di San Tommaso d'Aquino - 13/04/2018 13:59:02
- Pierluigi Montalbano: l'alba della civiltà sarda - 10/04/2018 14:08:20
- Donne, Madri, Dee: la rappresentazione del femminile in mostra a Udine - 07/04/2018 07:14:26
- In mostra a Milano gli scavi di Achille Vogliano nel Fayum - 28/03/2018 18:52:37
- Sulle tracce della Dea: Viaggio nel Grembo della Storia - 17/03/2018 16:44:27
- Nadia Tarantini: Quando nascesti tu, stella lucente - 05/03/2018 21:14:35
- L'epopea dei Longobardi in mostra al MANN - 26/02/2018 10:45:11
- Verso il contratto di fiume dell'Amaseno - 22/02/2018 11:55:38
- Inside, la nuova collezione di Vittorio Camaiani - 11/02/2018 22:27:58
- Alla scoperta del matriarcato di Bali con Bruna Rotunno - 04/02/2018 13:48:05
- Giornata della Memoria, per non dimenticare - 25/01/2018 18:06:41
- Viaggio nei segreti della bellezza del corpo femminile - 21/01/2018 21:30:48
- Ildegarda di Bingen, maestra di sapienza nel suo tempo e oggi - 10/01/2018 22:22:54
- Selene Calloni: l'arte della ribellione zen per vincere la paura - 05/01/2018 22:57:08
- MANN: grande successo per la mostra sull'America precolombiana - 28/12/2017 14:29:51
- 2018 per Katike: i calendari di ...non lasciamoli soli - 19/12/2017 22:15:21
- Maenza: La rete dei cammini della Valle dell’Amaseno - 12/12/2017 22:31:25
- Al Convivium di Fiuggi i Pensieri sparsi di Daniela Gariglio - 07/12/2017 08:47:07
- Napoli: Il Natale dei 100 Alberi d’Autore - 03/12/2017 09:41:27
- Le donne dei Longobardi: urban-trekking con Michela Zucca - 28/11/2017 13:46:59
- San Martino di Stroppo: piccolo gioiello delle Valli Cuneesi - 24/11/2017 06:54:30
- Signa del Alma: per dire No alla violenza sulle donne - 19/11/2017 08:32:53
- Il nuovo romanzo di Maristella Lippolis: Raccontami tu - 07/11/2017 16:56:46
- Mama Africa: la maternità nell'arte africana - 03/11/2017 11:20:04
- Violette Sauvage: il vintage chic a Palazzo Colonna - 28/10/2017 11:28:12
- Il patrimonio archeologico del Lazio alla BMTA di Paestum - 26/10/2017 15:31:12
- Templari. Dal ducato di Puglia e Calabria, all’Italia del III Millenni - 22/10/2017 17:10:52
- Archeologia ferita: Volti di Palmira ad Aquileia - 11/10/2017 08:02:26
- Giancarlo Sani: alla scoperta delle incisioni rupestri toscane - 03/10/2017 13:36:14
- ... non lasciamoli soli: il progetto per il Nepal di Ilario Sedrani - 26/09/2017 08:24:26
- Giuliana Borghesani: La Maledizione della Liberta - 22/09/2017 14:28:02
- L'uomo, il Cancro del Pianeta - 04/09/2017 20:15:53
- Le caverne delle donne: la grotta di San Colombano - 25/08/2017 17:49:53
- Le figlie sono come le Madri: Donne lungo la Via della Seta - 30/08/2017 12:56:24
- Nemi: tornano i Nemoralia in onore della Dea Diana - 08/08/2017 17:21:44
- Donne e medicina: quale futuro per la medicina di genere? - 05/08/2017 08:48:58
- Arkeotrekking in Trentino: Sui sentieri delle Madri Antiche II - 31/07/2017 08:27:43
- Piero Verni: Tulku, viaggio nel cuore mistico della civiltà tibetana - 25/07/2017 07:11:56
- Ugo Mancini: ragioni e vicende degli antifascisti a Roma e nei Castell - 07/07/2017 18:23:52
- Festival di Tagliacozzo: conferenza stampa di presentazione a Palazzo - 05/07/2017 06:55:48
- Cuneo: Il lato nascosto delle Alpi - 04/07/2017 06:11:40
- Come con gli occhi dei bambini di Terezin - 28/06/2017 21:43:19
- Baby Giulia, storia di un'adolescenza rubata - 18/06/2017 13:18:11
- Francesca D'Amico: le donne nella tradizione contadina abruzzese - 11/06/2017 16:01:53
- Tutela e valorizzazione del patrimonio rurale nel Lazio - 07/06/2017 18:43:20
- Fiume che cammina. Transumanza dall’Adriatico al Lagorai - 03/06/2017 08:02:51
- Roma: VI raduno dei Linfoamici - 01/06/2017 14:32:42
- Atlantide, dal mito alla storia: intervista ad Alessandra Murgia - 20/05/2017 08:13:47
- Ignazio Didu: I Greci e la Sardegna. Il mito e la storia - 12/05/2017 09:18:37
- Sacra Nemora: la cultura del sacro in mostra a Lanuvio - 07/05/2017 23:09:38
- Pizzo d’Irlanda, merletto e ricamo protagonisti sul lago Trasimeno - 02/05/2017 07:59:39
- Arkeotrekking in Trexenta: Le Antiche Madri dei Monti e del Mare - 25/04/2017 19:47:13
- Le donne e il sapere medico-erboristico: un binomio da riscoprire - 07/04/2017 21:29:15
- Linfoamici a Venezia - 30/03/2017 18:13:31
- Com'è giusto che sia: il nuovo thriller di Marina Di Guardo - 29/03/2017 10:34:04
- Herbarie: le chiamavano Streghe - 24/03/2017 21:01:03
- Devana: il risveglio della spiritualità nativa dell'Antica Europa - 17/03/2017 18:33:42
- Andrea Loddo: l'archeologia sperimentale per comprendere le ancestrali - 11/02/2017 20:01:00
- Alla scoperta dell'origine genetica dei Sardi con il prof. Francala - 03/02/2017 08:01:01
- Diego Manzi: viaggio nel cuore della tradizione indiana - 28/01/2017 10:24:25
- Barbara Bonomi Romagnoli: storie di insette felici - 25/01/2017 23:15:02
- Alberto Pattini: Poesia del Trentino. La melodia della Grande Madre - 19/01/2017 21:24:29
- Rinascere dalle distruzioni. Ebla, Nimrud, Palmira - 12/01/2017 21:25:10
- Nori Corbucci: Marta Marzotto, una vita da ricordare - 05/01/2017 00:02:59
- La Sardegna antica nel cuore del Mediterraneo - 30/12/2016 01:04:16
- Sardegna nuragica e falso mistero della lingua etrusca con il linguist - 03/01/2017 07:32:46
- La Stirpe del Sole: una Medea inedita nell'ultimo romanzo di Giuliana - 23/12/2016 14:12:50
- Al Castello di Scilla i Popoli del Mare di Oreste Kessel Pace - 16/12/2016 12:53:26
- SACRUM: concerto dedicato a Papa Francesco all'Aracoeli - 08/12/2016 10:18:48
- Paola Biato: Viaggio nel mondo della Psicofiaba - 04/12/2016 19:28:59
- Il viaggio. Alchimie e Passioni: a Venezia la personale di Irene Manen - 29/11/2016 08:13:34
- Il Natale dei 100 alberi d’autore - 28/11/2016 20:22:54
- Carlo Buldrini: Pellegrinaggio buddhista - 16/11/2016 08:32:43
- A Spazio Mater l'arte digitale di Michele Grimaldi - 13/11/2016 19:50:50
- Gigantes de Perdas: alla scoperta dei nuraghi sardi - 04/11/2016 07:54:20
- Ivo Nardi: Riflessioni sul senso della vita - 24/10/2016 08:27:11
- Fabrizio Manzetti: Nascosti davanti a tutti - 18/10/2016 00:13:25
- Bambine e bambini: divino gioco di pace nel mondo - 28/10/2016 08:24:38
- La Danza degli Archetipi: alle radici del linguaggio simbolico - 13/10/2016 22:41:28
- Alla scoperta dei Fiori di Bach con Gerardo Chirò - 09/10/2016 08:44:23
- Sardegna: curiosità, aneddoti e misteri sardi con Gianmichele Lisai - 04/10/2016 06:59:28
- Roma per Amatrice: Concerto di Beneficenza - 25/09/2016 15:45:16
- Sulle tracce dell' archeologia dell'evanescente con Paola Di Si - 22/09/2016 15:21:18
- Sebastiano Brocchi: alchimia, esoterismo, simbologia sacra e mistero - 18/09/2016 08:55:07
- Milano: appuntamento per il World Lymphoma Awareness Day - 13/09/2016 07:41:13
- Sulla via degli sciamani del Sudamerica con Stefano Lioni - 29/08/2016 08:00:22
- Sulle orme dei Moso con l'antropologa Francesca Rosati Freeman - 16/08/2016 07:13:59
- Sui sentieri dei luoghi di culto della Grande Dea con Luisella Veroli - 11/08/2016 08:48:06
- Un Altro Mondo per i Diritti della Pachamama - 27/07/2016 07:32:44
- Alessandra Di Gesù: viaggio nelle Tradizioni Misteriche del Mediterran - 05/07/2016 08:00:50
- Abbracci gratis contro il linfoma: a Roma il V raduno dei Linfoami - 31/05/2016 23:23:59
- Out of Tibet: il foto-racconto della diaspora tibetana sbarca a Roma - 23/05/2016 00:04:09
- Il Canto delle Sirene in mostra a Bologna - 22/05/2016 10:02:01
- La cultura dei Moso arriva al Ramadù di Cisterna - 16/04/2016 21:08:59
- Donne e scienza: un binomio per troppo tempo ignorato - 24/03/2016 07:51:18
- Suffragette 2.0: approda al Peano di Roma - 14/03/2016 22:06:13
- Palazzo Visconti: Alta Moda della Sartoria Angela - 09/03/2016 08:47:43
- Il respiro profondo di una Nuova Era - 04/03/2016 14:17:21
- Festa grande per i 35 anni di attività di Erno Rossi - 01/03/2016 14:29:34
- I Sentieri della Terra: come restituire vita e dignità alla Mad - 20/02/2016 09:06:03
- Le remote origini del tatuaggio con l'antropologa Michela Zucca - 23/01/2016 09:46:08
- Mantra Madre e Il profumo della luna: libri per il risveglio dell'anim - 24/12/2015 10:37:15
- Roma: il Rito del Grembo - 12/12/2015 00:42:29
- Alla scoperta delle vere origini di Halloween con Monica - 31/10/2015 20:24:53
I COMMENTI RELATIVI ALL'ARTICOLO
Invia un commento alla Redazione
Email
Nome e Cognome
Messaggio
Gentile lettore, prima di inviare il Suo messaggio:

compilare il codice di sicurezza sottostante copiando l'immagine raffigurata;

CAPTCHA 
cambia codice

inserisci codice



Per pubblicare, in fondo all'articolo, il suo commento selezionare il pulsante sottostante.

Pubblicazione
  Si    solo nome
  Si    nome e cognome
  No


Grazie della collaborazione.

© 2014 - ftNews è una testata di libera informazione.