Redazione     Informativa     Link  

Silvana Cirillo: Tutto Pasolini, dalla A alla Z

martedì, 07 giugno 2022 10:39

condividi su facebook
Dal nostro inviato
Francesca Bianchi
FtNews ha intervistato Silvana Cirillo, docente di Letteratura Italiana Contemporanea alla "Sapienza" di Roma. Insieme a Piero Spila, Roberto Chiesi e Jean Gili, la prof.ssa Cirillo ha curato il libro Tutto Pasolini (Gremese Editore, 2022), un lavoro dedicato al grande intellettuale italiano in occasione del centenario della nascita.
Nel corso della nostra conversazione la studiosa ha svelato dettagli e curiosità in merito a questo ricco volume che ripercorre l'opera di Pasolini in maniera enciclopedica. Ha spiegato quanta importanza abbia rivestito, per la cultura italiana del secondo Novecento, la figura di Pier Paolo Pasolini, e in che modo l'intellettuale sia stato colpito dalla censura e dal moralismo. Ha parlato del rapporto straordinario tra Pasolini e sua madre Susanna Colussi, dell'attualità delle sue intuizioni e delle sue idee, in ambito sociologico, antropologico, economico addirittura, dell'interesse che ancora oggi suscita nei giovani, profondamente attratti dal suo coraggio. Silvana Cirillo ha infine preso in considerazione la posizione pasoliniana in merito alla questione linguistica e si è soffermata sull'importanza che lo scrittore diede al friulano e al romanesco. Proprio sull'attenzione di Pasolini alla lingua si concentrerà il convegno Lingua e Linguaggi di Pier Paolo Pasolini, che l'8 giugno, alla Sapienza di Roma, inaugurerà l'iniziativa Progetto Pasolini.

Prof.ssa Cirillo, insieme a Piero Spila, Roberto Chiesi e Jean Gili ha curato il libro Tutto Pasolini, pubblicato qualche mese fa dalla casa editrice Gremese. Si tratta di un lavoro ambizioso, come già suggerisce il titolo, dedicato a Pasolini in occasione del centenario della sua nascita. Ci presenti pure questo volume. Come è strutturato? Cosa vi ha spinto a ripercorrere l'opera di Pasolini in maniera enciclopedica?
Tutto Pasolini è considerato, forse, il volume più importante tra quelli finora usciti in questo anno pasoliniano. Si tratta di un libro sicuramente ambizioso, che cerca di coprire, come suggerisce il titolo, "tutto Pasolini". Con la forma di un dizionario-laboratorio diviso per voci alfabetiche di facile e funzionale consultazione, il volume raccoglie, infatti, interventi e voci sull'intera opera pasoliniana e un'ampia e aggiornata rappresentazione del pensiero critico sull'Autore. Dalla "A" di Accattone alla "C" di Censura, dalla "R" di Religione alla "S" di Sartre, alla Z di Zigaina, nel volume si passa dalla narrativa alla poesia, dal cinema al teatro, dalle famose invettive pasoliniane pubblicate sul «Corriere della sera» alla proficua frequentazione di altre discipline, come la semiologia, lo strutturalismo, l'antropologia, e di arti quali la pittura, la musica, la danza. Naturalmente, affrontare compiutamente tutto lo sterminato universo pasoliniano è un'utopia forse, ma noi ce l'abbiamo messa tutta. Il libro si compone di quasi 500 pagine, accoglie i contributi di 50 saggisti, accademici e critici militanti italiani e francesi, ha due introduzioni, una biografia completa, tante voci singole. Il punto di forza di questo lavoro, secondo me, è il ricchissimo apparato iconografico. Le tante foto dei film sono estratte dalle varie pellicole. E ci sono foto di quadri e disegni.

Cosa vi ha indotto a scegliere questo format, articolando il libro per voci e per capitoli, proprio come un dizionario enciclopedico?
L'editore Gremese, fra i primissimi editori di cinema, teatro, danza, ha fatto altri libri così, primo fra tutti quello su Fellini, realizzato due anni fa in occasione del centenario della nascita del grande regista. L'editore voleva un libro che si distinguesse dai soliti libri. In questa maniera siamo partiti con qualcosa in più: nel libro c'è la letteratura, il cinema, la pittura, la drammaturgia, la critica letteraria, l'economia, l'antropologia, la psicanalisi.

Chi è stato Pier Paolo Pasolini? Come lo definirebbe?
Un protagonista del nuovo, attento ai valori del passato; un rivoluzionario coraggioso e consapevole delle sue contraddizioni, pronto a sperimentare linguaggi anche inediti, a sfidare il pensiero comune; uno scrittore spiazzante, ma sempre fruibile. Pasolini è stato un genio eclettico che ha raccontato, attraverso varie arti e linguaggi, uno spaccato del nostro Paese. Ha intuito magagne e viscosità del nostro sistema sociale e del capitalismo, accusandolo di omologazione e spersonalizzazione sin dagli anni '70; al comunismo, suo partito da sempre, ha rinfacciato di mancare di creatività ed elasticità.

Molte foto presenti nel libro lo ritraggono mentre dipinge. Pochi sanno che è stato anche un profondo amante della pittura...
Sì, queste foto testimoniano l'attenzione di Pasolini per la pittura, un aspetto, questo, che quasi tutti trascurano. Si dedicava già alla pittura, quando, nel Friuli, cominciò a scrivere poesie e i diari sui famosi quaderni rossi, che postumi sono diventati racconti. Aveva preparato una tesi di laurea in storia dell'arte col maestro Roberto Longhi. Perse tutti i fogli sulle montagne friulane, dove si era rifugiato con la madre negli anni della Resistenza; dovette prepararne un'altra, questa volta in letteratura, su Pascoli. In Pasolini pittura e letteratura vanno da subito di pari passo, ma quando gli chiedevano come volesse essere definito, lui rispondeva sempre "scrittore". Ha scritto migliaia e migliaia di pagine e tanti testi sono ancora inediti. La poesia, diceva, fa parte della realtà ed è alla base di tutte le arti.
Qual era la sua posizione in merito alla questione linguistica?
Non sopportava la lingua nazionale omologata, che nasceva soprattutto dal Nord, la zona più evoluta e più industrializzata. Avvertiva che i dialetti, che rappresentavano dei valori per la società da cui derivavano, soprattutto il friulano e il romanesco, ormai non avevano ragion d'essere. Non trovava più una lingua che gli si confacesse e per un certo periodo smise anche di scrivere. Riprese con la Divina mimesis.

Quale legame ebbe con il Friuli? Che importanza rivestì per lui il dialetto friulano?
La famiglia della mamma era friulana, precisamente di Casarsa. Le campagne di quei posti gli appartenevano, lui trascorreva le estati lì. Durante la seconda guerra mondiale si rifugiò a Casarsa prima e a Versuta poi con la madre, mentre il centro abitato di Casarsa veniva distrutto dai bombardamenti, e intraprese una sua vita lì. A Versuta aveva istituito una classetta per i bambini che, a causa della guerra, non potevano raggiungere la scuola, e intanto ne studiava i modi, le attitudini e la parlata, mai fino allora trascritta. Una parlata così piena di dolcezza italiana: incorporata dalla sua arcaicità a dati naturali, quasi che fosse una cosa sola con l'odore del fumo dei casolari, dei venchi umidi intorno alle rogge, dei ronchi scottati dal sole. A Casarsa nel 1945 fondò anche un'academiuta della lingua friulana. Scrisse Poesie a Casarsa e tanti racconti che confluirono in Atti impuri e Amado mio. Insegnò a Valvasone materie letterarie. Pasolini lì, in mezzo a quella gente semplice, schietta e serena, a quei ragazzi spontanei, era felice. Alcuni anni dopo, in seguito a una denuncia pretestuosa su un episodio accaduto a Ramuscello, Pier Paolo viene cacciato dalla scuola di Valvasone, dove insegna, e dal PCI di Udine, in cui è politicamente attivo. Lascia, così, il Friuli e si rifugia a Roma assieme alla madre.

Si avvicinò, così, alla Roma delle borgate e al dialetto romanesco e dovette affrontare anche un processo intentato contro di lui dalla Presidenza del Consiglio...
Conosce la Roma delle borgate, luoghi lontani dalla modernizzazione e perciò agli occhi dello scrittore sacralizzati e mitici. Nel sottoproletariato romano e nella Roma delle borgate trova il corrispettivo di quella società friulana che tanto lo aveva conquistato. Nel romanesco trova un altro modo di comunicare. Al romanesco è affidata la voce primitiva dei ragazzi delle borgate e del giovane sottoproletariato urbano in Ragazzi di vita (1956); di romanesco sono impastati i giovani ormai cresciuti del romanzo Una vita violenta, già più inseriti nella società e nella politica, più lontani dalla mitica incoscienza vitale originaria e passionale. Gli fu contestato l'uso del romanesco, che non era il suo dialetto. Il romanzo "Ragazzi di vita" incappò nelle dure critiche del PCI più ortodosso e di una DC puritana e orgogliosa. Il primo non gli perdonò di aver scritto un'opera senza ideologia, senza un eroe positivo, senza una morale. La DC, invece, lo fece sequestrare per il suo carattere pornografico; in realtà si sentì chiamata in causa da quella miseria eloquente che in tanti anni di governo non aveva saputo guarire. Fu denunciato dalla DC. Lo difesero Carlo Bo e Giuseppe Ungaretti, due intellettuali profondamente cattolici. Alla fine fu prosciolto.

Una figura centrale nella vita di Pasolini è stata indubbiamente quella di sua madre, Susanna Colussi. Che rapporto c'era tra i due e che rapporto ha avuto con le donne?
Quello tra Pasolini e sua madre è stato un rapporto meraviglioso, simbiotico: è sufficiente leggere la poesia "Supplica a mia Madre" per capire il legame indissolubile tra i due. Questo ha influito sui suoi rapporti con il sesso femminile. L'unica donna che disse di aver amato è Maria Callas, ma non c'è mai stato un rapporto erotico. La chiamò a interpretare Medea, in una fase della vita molto critica per ambedue: legarono molto. In realtà, non c'era nessuna donna con cui potesse avere un rapporto, per il semplice fatto che lo avrebbe vissuto come un tradimento nei confronti dell'unica donna che aveva amato: sua madre.

Mercoledì 8 giugno alla "Sapienza" di Roma verrà inaugurata l'iniziativa Progetto Pasolini. Di cosa si tratta?
Il 14 ottobre 2022, presso la Galleria d'Arte Moderna di via Francesco Crispi, 24, a Roma, si apriràla mostra Pasolini e la pittura, la prima mostra realizzata su Pasolini pittore. L'esposizione, che si protrarrà fino al 16 aprile 2023, sarà curata da me, da Maria Grazia Chiarcossi, Claudio Crescentini, Federica Pirani. A corollario di questa esposizione sono previsti tre Convegni di studi con momenti teatrali e cinematografici. Il primo convegno, intitolato Lingua e Linguaggi di Pier Paolo Pasolini, si terrà mercoledì 8 giugno. Il 2 ottobre 2022 sarà la volta del convegno Pasolini e la musica; infine il 1° dicembre 2022 si terrà il terzo e ultimo convegno, intitolato Nel volto di Pasolini. Ritratti e primi piani. Il Progetto Pasolini è promosso da: Roma Capitale, Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali; Dipartimento Lettere e Culture moderne, Facoltà Lettere e Filosofia, “Sapienza” Università di Roma; con il patrocinio e il contributo di Roma Municipio II e il patrocinio della Fondazione Sapienza, “Sapienza” Università di Roma; in collaborazione con la FUIS (Federazione Unitaria Italiana Scrittori) e con il CEMI (Centro Musicale Internazionale).
Il convegno di mercoledì prossimo si concentrerà sull'attenzione di Pasolini alla lingua, sia nella scrittura letteraria che nel cinema. Innanzitutto ai dialetti, friulano e romanesco in particolare, non intesi solo come forma di comunicazione, bensì come sostanziale espressione di valori e sistemi sociali ancora autentici, quale il mondo contadino friulano o quello del sottoproletariato romano. Prenderà in considerazione la forte polemica pasoliniana contro il linguaggio e la società capitalistici, omologati, inespressivi e tecnologici, che portò lo scrittore a sperimentare linguaggi e forme inusitate di genere: l’acme nelle pagine esplosive di Petrolio. Sarà la volta, poi, dei diversi linguaggi artistici con cui si è espresso: dalla letteratura al cinema, dalla pittura al teatro, dalla critica all'economia, dalla poesia all'antropologia. Al Teatro Ateneo faremo un piccolo concerto: Pasolini aveva un interesse particolare per le colonne sonore, e i classici a cui guardava di più erano Mozart, Bach e Beethoven. Ci sarà anche una piccola pièce teatrale sull'ultima intervista che Pasolini rilasciò a Furio Colombo qualche ora prima di essere ucciso.

La cultura classica ebbe una certa rilevanza nella formazione di Pasolini. In particolare, Pier Paolo era profondamente affascinato dalla tragedia greca. Come si accostò alla tragedia attica? In che modo le tragedie hanno ispirato le sue opere?
La cultura greca lo ha accompagnato sin dalla adolescenza. Amava i poemi omerici, i lirici Greci tradotti da Quasimodo; tradusse l’Oresteadi Eschilo… Pasolini rielaborò e rivisitò i classici in maniera fortemente personale. La figura di Medea, ad esempio, presenta una rivisitazione così personale e stupefacente che io sono rimasta incantata da tutto questo barocco espressionista e dal senso di sacro che vi si legge. Questa tradizione, a volte feroce e sanguigna, non è solo greca, ma riguarda tutto il mondo antico e si allunga alle popolazioni che lui amava, le popolazioni più lontane e arcaiche dell'Oriente e dell'Africa. Io ho avuto questa sensazione. Nella Medea pasoliniana ci sono anche forme di violenza collettiva. Lui visivamente accentua il tutto con un espressionismo che carica Medea di un linguaggio che va al di sopra della tragedia greca, è qualcosa di più ampio e universale. Certi artisti all'avanguardia, che anticipano sensazioni e ideologie, lì per lì hanno riscontro presso una nicchia ristretta di pubblico, di pochi che possono capirli; la massa, invece, arriva dopo, quando quello che prima era avanguardia ormai non è più tale. Ecco, lui ha avuto il coraggio di girare scene forti, senza pudore e senza riserve, con un linguaggio diretto che spiazzava e ora turba!

Perché le sue idee, la sua visione dei fatti, il suo pensiero sono ancora tanto attuali?
A 100 anni dalla nascita e a quasi 50 anni dalla sua tragica morte, ancora continuiamo a parlare di lui. La sua opera è ancora presente per l'attualità delle sue provocazioni: pensiamo al discorso sul comunismo, a quello sullo sviluppo senza progresso, alla sua concezione della globalizzazione, a tutto ciò che disse sui giovani, sull'ecologia, sulla scuola, su certa televisione. Quella di Pasolini è un'opera che interagisce fortemente con la nostra epoca. Il suo discorso sull'omologazione è più attuale che mai. Era terrorizzato dall'omologazione, che per lui agiva più pericolosamente del fascismo. Sosteneva che l'omologazione fosse annichilente per i giovani. Lui distingueva il progresso dallo sviluppo, sostenendo che non sempre lo sviluppo è progresso. Diceva: non sostengo affatto che tali mezzi siano in sé negativi: sono anzi d’accordo che potrebbero costituire un grande strumento di progresso culturale; ma finora sono stati, così come li hanno usati, un mezzo di spaventoso regresso. Quello che noi crediamo sia progresso è, in realtà, una illusione di progresso, è solo un procedere, ma non guadagnare. Col senno di poi ci siamo resi conto che aveva letto la realtà, la società, l'involuzione sociale e culturale tantissimo tempo prima. Lui anticipò quelle che sarebbero state le debolezze della nostra società; ha avuto una forte capacità intuitiva e di analisi rispetto a quello che sarebbe successo. Diceva quello che pensava e stupì tutti quando motivò le sue ragioni contro l'aborto e contro il divorzio.

Perché Pasolini piace tanto ai giovani?
Pasolini è il simbolo dell'autonomia di pensiero, della diversità proclamata, della non omologazione. Non si è fermato davanti a niente: ha scritto tanti articoli in cui ha contestato fortemente il palazzo, le situazioni conformiste, il potere; ha avuto il coraggio di essere sempre sé stesso e ha pagato a caro prezzo questa sua onestà intellettuale, infatti ha subito tantissimi processi. Pasolini rappresenta la categoria del coraggio, un coraggio a volte anche sfrontato e provocatorio. Tantissimi giovani oggi sui social scrivono frasi tratte dalle sue opere e dai suoi film. I giovani lo sentono vicino perché hanno bisogno di figure appassionate e coerenti.

Quale messaggio si augura possa arrivare ai lettori di Tutto Pasolini?
Il libro Tutto Pasolini, pensato non solo per un pubblico di specialisti, ma immaginando un'auspicata nuova generazione di lettori, propone un'ampia scelta di testi che assicurano un tono leggibile e volutamente non accademico. Mi auguro che stimoli nei lettori il desiderio di andare a leggere le sue opere, perché Pasolini è innanzitutto uno scrittore, nonostante la resistenza nella classe media a riconoscerlo come tale; poi mi auguro che li induca a vedere i suoi film, anche se non sono facili. Esorto i lettori a leggerlo come uno di noi. Certo, lui ha esasperato la sua diversità, ma è stato ingiustamente relegato nella dimensione dell’intellettuale lontano e provocatore.
Facciamolo scendere dal piedistallo, per così dire, non mitizziamolo, e nello stesso tempo cerchiamo di tirarlo fuori dall’ipoteca di provocatore con cui il moralismo borghese l'ha identificato.
Mostra altri Articoli di questo autore
info@freetopnews.it
- Claudio Panaia: Caulonia, storia di una polis - 20/06/2022 06:49:06
- Silvana Cirillo: Tutto Pasolini, dalla A alla Z - 07/06/2022 10:39:03
- Francesca Saitta: Abitata dalla Fantasia - 01/06/2022 07:31:50
- Quartetto Cetra: la storia di un gruppo immortale - 24/05/2022 10:27:26
- Guido Guerrera: Franco Battiato, un mito senza tempo - 17/05/2022 09:10:25
- M’ammèntu lu stazzu: ad Arzachena una mostra fotografica sugli stazzi - 13/05/2022 07:51:08
- Adriano Teso: L’ABC per vivere bene - 09/05/2022 22:38:06
- Enzo Di Pasquale, Viaggio allo Zingaro - 02/05/2022 20:24:40
- Eric Salerno: Gerusalemme, la città culla delle grandi religioni - 24/04/2022 09:08:33
- Giovanni Zidda: Sas meres de su prantu, il rituale funerario di Orune - 13/04/2022 19:13:49
- Serri (SU): le radici agropastorali di un borgo del Sarcidano - 07/04/2022 18:01:42
- Adzovios a Luvula: a Milano una mostra su Lula - 25/03/2022 16:41:18
- Giuseppe Castellana, la Sicilia del Tardo Bronzo - 16/03/2022 10:06:27
- Dolores Turchi: Su Carrasecare, fascino e mistero di un rito ancestral - 01/03/2022 09:07:41
- Marco Peresani: Come eravamo, viaggio nell'Italia paleolitica - 24/02/2022 08:13:42
- Dora Marchese: l’Egitto nell’immaginario letterario italiano - 16/02/2022 16:56:33
- Michele Fresi: l'ultima Gallura, la storia degli stazzi narrata da un - 05/02/2022 09:51:36
- Nativi Americani, oggi: intervista a Raffaella Milandri - 03/01/2022 09:44:37
- Pasquale Pirodda, Balaiana vissuta nello stazzo - 28/12/2021 17:07:23
- Panificio Ciloche: l'arte del pane paulese - 19/12/2021 06:55:27
- Iride Peis: racconto, perché qualcosa di me resti - 08/12/2021 08:35:48
- Nabui, un'eccellenza del miele di Sardegna - 03/12/2021 08:21:25
- Petrarca, dal Secretum al regresso emotivo - 23/11/2021 08:13:54
- LabENur, il Nuragico da toccare con mano - 18/11/2021 16:25:18
- L’erba dell’oblio non cresce ad Arzachena - 04/11/2021 08:16:19
- Archeotour, da oltre trent'anni con il patrimonio culturale di Paulila - 21/10/2021 07:34:05
- Santa Cristina, simbolo millenario del culto delle acque - 13/10/2021 08:30:07
- Le vie de sos Pinnettos, alla scoperta della cultura pastorale sarda - 06/10/2021 09:22:20
- Giulio Gelardi: la manna, l'oro bianco delle Madonie - 30/09/2021 09:55:32
- Bergi, paradiso della biodiversità nel cuore delle Madonie - 22/09/2021 08:11:23
- Fondazione P.G. 5 Cuori, da Polizzi un omaggio alla Bellezza - 17/09/2021 07:46:06
- Francesca Fontanella: l'impero e la storia di Roma in Dante - 13/09/2021 08:42:45
- Tra cento miliardi di stelle: Montalbano Elicona ricorda Battiato - 09/09/2021 08:08:55
- Happy Glamping Madonie, il campeggio di lusso a 850 metri di quota - 06/09/2021 06:22:38
- La rinascita di Verbumcaudo, feudo di Polizzi sottratto alla mafia - 03/09/2021 05:57:50
- Il canto e il veleno: bucolici greci minori - 30/08/2021 07:22:33
- Angelo Merlino: le Madonie tra cultura, natura, geologia - 25/08/2021 06:18:50
- Baglio Bonsignore, vini di qualità nel territorio della Valle dei Temp - 11/08/2021 06:55:30
- Il Giardino della Kolymbetra, un gioiello nel cuore della Valle dei - 05/08/2021 06:33:00
- Archeologia, cinema, musica, teatro: l'estate della Valle dei Templi - 27/07/2021 06:44:21
- Val Paradiso: nel cuore della Sicilia, il miglior Olio IGP d'Italia - 20/07/2021 07:34:18
- Molino Ferrara: semole, farine e pasta di grani antichi siciliani - 14/07/2021 22:31:11
- La Donna e il Sacro: divinità femminili arcaiche nell'Abruzzo antico - 22/06/2021 09:03:47
- L’isola più bella: la Sicilia nella 'Biblioteca storica' di Diodoro Si - 09/06/2021 09:04:43
- Heinrich Schliemann a Napoli - 03/06/2021 07:09:16
- Rita Pirisi: l'agnello nella tradizione culinaria sarda - 27/05/2021 08:13:25
- Zungri: archeologia di un villaggio rupestre calabrese di epoca mediev - 26/04/2021 09:18:50
- Corleone, storia archeologica a fumetti - 19/04/2021 14:33:41
- Pupi Avati: il mio Dante, poeta forgiato dal dolore - 13/04/2021 10:18:09
- Massimiliano Finazzer Flory: Dante, per nostra fortuna - 26/03/2021 10:05:28
- Divina Sardegna, con il FAI alla scoperta dei luoghi legati alla Comme - 16/03/2021 09:55:54
- 8 Marzo: combattere le differenze per la parità di genere - 08/03/2021 07:24:27
- Ivano Dionigi: Segui il tuo demone - 05/03/2021 09:33:38
- La Musa Inquieta, il corto dedicato a Marta Marzotto - 23/02/2021 14:58:40
- Gabriele Gallo: ritratti alpini, racconti di un anno in montagna - 12/02/2021 16:50:51
- Giulio Guidorizzi: il mito immortale di Edipo ed Enea - 04/02/2021 08:00:35
- Laura Efrikian: tra Armenia e Africa, una vita all'insegna dell'amore - 29/01/2021 11:10:15
- Filomena Giannotti: Caproni, Il mio Enea - 20/01/2021 07:36:54
- Mamma Margherita: la mia Nadia, la forza dell'amore - 04/01/2021 17:57:43
- Anny Romand, mia nonna d'Armenia - 22/12/2020 07:09:20
- Giorgio Ieranò: I Greci e noi - 21/12/2020 07:17:10
- Pietro Pisciottu: L'Agnata, storia e memoria di uno stazzo gallurese - 14/12/2020 10:36:18
- Sopravvivere alla morte: la vita nelle iscrizioni funerarie latine - 07/12/2020 21:46:29
- Olivo: l'albero della civiltà - 05/12/2020 07:38:58
- Marida Lombardo Pijola: l'imperfezione delle madri - 25/11/2020 14:08:22
- Pietro Greco: Trotula, la prima donna medico d'Europa - 10/11/2020 08:28:11
- Gian Enrico Manzoni: la peste di Atene ai tempi del Covid - 29/10/2020 08:13:41
- Fiorenzo Caterini: ricostruzione della memoria in Sardegna - 23/10/2020 09:01:57
- Paolo Carboni: Tutt'a pedi - Alla scoperta del territorio di Aggius (S - 12/10/2020 10:44:57
- Agostino Asara, l'ultimo Patriarca degli stazzi galluresi - 06/10/2020 07:41:33
- Aggius (SS): storia, tradizioni, banditismo nel cuore della Gallura - 02/10/2020 06:54:06
- Tenuta Coda di Lupo, eccellenze sarde per un'agricoltura sostenibile - 22/09/2020 19:35:55
- Luigi Lehnus: Wilamowitz e il monte delle Muse - 15/09/2020 17:25:33
- Paola Mancini: viaggio nella storia di Loiri Porto San Paolo (SS) - 10/09/2020 18:14:11
- Alla scoperta dell'Area Marina Protetta di Tavolara (SS) con Augusto - 01/09/2020 21:32:17
- Giuseppe Festa: Ursula e Lupinella, orsi e lupi sulle montagne italian - 28/08/2020 07:59:34
- Pa punyat: con Antonio Masia alla scoperta delle eccellenze algheresi - 24/08/2020 08:51:11
- Sa Mandra, anima barbaricina nel cuore della Nurra - 19/08/2020 07:30:34
- Giuliano Dal Mas, una vita tra le Dolomiti - 13/08/2020 17:36:13
- Valle d'Aosta, presentata la XXIII edizione del Gran Paradiso Film Fe - 27/07/2020 19:42:54
- Irene Borgna: Louis Oreiller, il pastore di stambecchi - 20/07/2020 07:47:15
- Genzano, a Casa Mamre QUESTO MARE E’ PIENO DI VOCI - 16/07/2020 09:22:00
- Corrado Ruggeri, una vita in viaggio - 13/07/2020 07:30:17
- Lungo i sentieri del Cammino Ibleo con Nanni Di Falco - 06/07/2020 16:49:35
- Alla scoperta del nuraghe Majori di Tempio Pausania - 30/06/2020 07:39:09
- Lorenzo Braccesi: Olimpiade e Zenobia, quando il potere è donna - 24/06/2020 05:26:37
- Ove abitai fanciullo: a Recanati aprono le stanze private di Giacomo L - 15/06/2020 14:18:28
- I reperti assiri di Faida al premio mondiale in memoria di Khaled al-A - 08/06/2020 07:43:10
- Mauro Bonazzi: i Greci e il mistero dell'esistenza - 01/06/2020 07:22:54
- PandemicA, racconto corale per immagini - 21/05/2020 07:52:03
- Antonietta Langiu, la mia Isola - 08/05/2020 09:22:34
- Susanna Garavaglia: il risveglio della coscienza interiore - 29/04/2020 05:09:43
- Rosanna Raffaelli Ghedina: folclore, leggende e simboli delle Dolomiti - 16/04/2020 23:10:44
- Giorgio Murru: Spiriti e Dèi nella statuaria preistorica della Sardegn - 09/04/2020 13:50:32
- Una Maschera, un Volto, un Paese: il Carnevale in Sardegna - 07/03/2020 07:34:21
- Pe’ terre assaje luntane: al MANN l’emigrazione ischitana in America - 01/03/2020 19:33:00
- Thalassa: a Napoli le meraviglie sommerse dal Mediterraneo - 27/02/2020 23:09:38
- Nel segreto mare delle stelle di Marella Giovannelli - 25/02/2020 18:10:02
- Marcello Cabriolu, la Sardegna e il Mediterraneo Occidentale - 17/02/2020 21:27:55
- Erika Maderna, sulle tracce della medicina delle streghe e delle sant - 27/01/2020 06:48:31
- Federico Fellini: ironico, beffardo e centenario - 14/01/2020 07:56:24
- Pompei e Santorini, l'eternità in un giorno - 04/01/2020 08:29:04
- Andrea Icardi, un anno in Alta Valle Maira - 30/12/2019 14:15:42
- Archeologi italiani riportano alla luce i reperti assiri di Faida - 15/12/2019 09:45:07
- Augusto Mulas: l'orientamento astronomico dei nuraghi - 09/12/2019 19:01:03
- Margherita Massari: Ildegarda di Bingen, Sibilla e Dottore della Chies - 06/12/2019 09:18:37
- Il mito immortale di Cartagine in mostra a Roma - 04/12/2019 00:02:27
- Aquileia 2200. Porta di Roma verso i Balcani e l’Oriente - 29/11/2019 05:28:33
- Michele Porcaro: ASSTEAS - Storia del Vaso più bello del mondo - 19/11/2019 00:26:44
- Silvia Romani: credenze, miti e dei degli antichi - 11/11/2019 13:10:02
- All'Alba Radians di Albano (RM) il Filottete di Sofocle - 06/11/2019 16:36:58
- Mulino della Riviera di Dronero (CN), una storia firmata Cavanna - 29/10/2019 18:50:24
- Galluras, il Museo della Femina Agabbadòra - 22/10/2019 07:00:03
- Ugo Mancini: Sotto la cenere, storie di vita quotidiana durante il ven - 10/10/2019 20:51:11
- Alessandra Derriu: streghe, indovine e curatrici nella Sardegna del '7 - 04/10/2019 07:06:18
- Giuseppe Vito Internicola: Castellammare del Golfo, alle origini di un - 29/09/2019 18:15:59
- Città della Pieve (PG) si prepara ad accogliere Il Nostro Tempo - 25/09/2019 15:20:51
- Uno spazio per le Donne: alla scoperta del mondo femminile sardo e non - 23/09/2019 08:37:50
- Olmedo (SS), storia, tradizioni, folklore - 21/09/2019 09:21:49
- Silvia Giorcelli Bersani: I Romani e le Alpi - 16/09/2019 14:05:54
- Rossella Giglio: Segesta, tra teatro, musica, natura - 08/08/2019 15:56:16
- Enrico Caruso: la rinascita di Selinunte - 01/08/2019 14:29:05
- Lucina Gandolfo: alla scoperta di Monte Iato - 31/07/2019 07:33:07
- Sulle spiagge pontine tornano i Racconti di Sabaudia - 30/07/2019 08:47:45
- Tagliacozzo (AQ): XXXV Festival Internazionale di Mezza Estate - 22/07/2019 14:36:02
- Civiltà del sole: l'archeoastronomia nella Sicilia preistorica - 19/07/2019 07:30:13
- Cristina Muntoni, il potere delle parole nella storia della sacralità - 15/07/2019 18:12:54
- Francesco Bianco, un cammino tra verità nascoste - 13/07/2019 06:58:14
- Filippo Drago, mugnaio siciliano fra tradizione e modernità - 09/07/2019 07:28:20
- Con la KERNOS alla scoperta di Castellammare del Golfo - 02/07/2019 18:17:21
- Per una rinascita di Castelvetrano, città d'arte, storia, cultura - 27/06/2019 18:13:44
- Marinella Fiume: sapienza, virtù e misteri dell'universo simbolico fem - 11/06/2019 19:04:31
- Stefano Pucci: le incisioni rupestri delle Alpi Apuane - 07/06/2019 09:24:59
- Albano (RM), al via la Rassegna del Teatro Antico - 26/05/2019 18:33:37
- Max Dashu: Streghe e pagane, le donne nella cultura popolare europea - 14/05/2019 07:18:46
- Diego Maggio: profumi, aromi e sapori siculo-panteschi - 09/05/2019 08:15:34
- Regius, omaggio allo stupor mundi Federico II di Svevia - 03/05/2019 07:38:01
- Sentiero della Libertà, per tenere viva la Memoria - 01/05/2019 20:05:09
- Caccamo (PA), borgo di storia, arte, cultura - 28/04/2019 06:50:10
- C'era una volta Iato: omaggio dei ragazzi all'antica Iato - 23/04/2019 22:40:32
- U Pani ri Murriali: il pane genuino di una volta - 16/04/2019 17:20:40
- Recanati (MC): L'Infinito di Leopardi compie 200 anni - 13/04/2019 16:51:43
- A Camo (CN) torna PrimaVeraRegia - 11/04/2019 17:17:36
- Ivano Dionigi: Lucrezio, Seneca e noi - 04/04/2019 23:33:23
- Luca Mancini: Il caso dell'Ungheria di Horthy - 09/04/2019 19:14:05
- Il Foscolo di Albano (RM) trionfa al Festival Thauma - 30/03/2019 20:22:23
- Sotto il segno dei pesci: Camaiani celebra la Grecia - 28/03/2019 17:13:29
- Guido Cossard, viaggio nel mondo dell'Archeoastronomia - 25/03/2019 10:47:16
- Rosanna Oliva de Conciliis, una vita per la Parità - 17/03/2019 08:14:51
- Donna o Dea: le raffigurazioni femminili in Sardegna tra passato e pre - 02/03/2019 20:50:25
- Giorgio Ieranò: l'arcano fascino delle isole dell'Egeo - 25/02/2019 09:19:48
- Dea e Femminismo alla Roma Goddess Conference - 21/02/2019 09:10:27
- Elena Ianni: le feste e i falò del Messico - 17/02/2019 19:18:44
- Roma: l'olio d'oliva al Premio Filo della Torre - 15/02/2019 17:02:24
- I giovani attori del Foscolo alla Giornata del Greco - 06/02/2019 17:24:33
- La Penisola del Sinis (OR) tra storia, archeologia e natura - 29/01/2019 17:38:31
- King Camp Gillette: Il Turbine Umano - 19/01/2019 11:59:30
- Barumini (VS), archeologia, storia, cultura nel cuore della Sardegna - 14/01/2019 10:46:56
- Morena Luciani Russo: la ricerca della Dea e lo sciamanesimo - 09/01/2019 06:28:02
- Maurizio Bettini: Il Presepio, storia di un simbolo - 21/12/2018 08:22:38
- Venezia: Idoli, il potere dell'immagine - 12/12/2018 18:57:46
- Simona Modeo, Dioniso in Sicilia - 06/12/2018 17:48:35
- Violette Sauvage a Palazzo Colonna (RM) - 03/12/2018 07:01:13
- Pomezia (RM): Premio Donna d'Autore 2018 - 30/11/2018 06:37:50
- Massimo Blasi, l'incredibile storia degli imperatori romani - 28/11/2018 10:26:59
- Fabio Isman: 1938, l'Italia razzista - 25/11/2018 07:30:10
- Sacrum, lo Stabat Mater di Rossini all'Aracoeli di Roma - 22/11/2018 16:42:46
- Oriana Dal Bosco: il misterioso fascino del Nord Africa - 20/11/2018 17:17:03
- Natale inCHIOSTRO a Monastero di Dronero (CN) - 17/11/2018 07:53:51
- All'Alba Radians di Albano (RM): l'Ecuba di Euripide - 15/11/2018 16:59:16
- Autunno d'Autore a Ruralia, Conosci tu il paese dove... - 13/11/2018 18:40:36
- Marella Giovannelli, una vita tra giornalismo, fotografia e poesia - 09/11/2018 10:04:37
- Daniela Dao Ormena: Le radici chiamano, dolci melodie della Valle Mair - 30/10/2018 13:32:22
- Gli antichi pani di Sardegna protagonisti a Buddusò - 17/10/2018 14:23:34
- Torna a Lanuvio (RM) l'antico rituale della Maza - 04/10/2018 20:39:44
- Nonna Tommy, raccontaci ancora... - 02/10/2018 07:16:37
- A Buddusò (SS) torna Artes in Carrera - 30/09/2018 06:56:22
- Al Museo Africano di Verona la danza degli spiriti - 27/09/2018 00:12:36
- A. Cossard: Archeoastronomy, la prima app di archeoastronomia - 24/09/2018 09:21:18
- Firenze, Viaggio nell'altro e nell'altrove in ricordo di Paolo Grazios - 19/09/2018 08:31:44
- Lanuvio (RM): Buon compleanno, Antonino Pio! - 10/09/2018 06:04:22
- Raffaella De Sanctis, tra scuola e ricerca - 04/09/2018 17:45:49
- Màn. Vietnam Street Heroines in mostra al MAO (TO) - 26/08/2018 10:25:13
- Alessandra Comneno, una vita a contatto con la saggezza dei Nativi - 12/08/2018 19:38:51
- MAO (TO), ORIENTI. 7000 anni di arte asiatica dal Museo delle Civiltà - 07/08/2018 06:17:08
- Senorbì (CA), al MADN La Dea di Turriga, il mistero di un’icona senza - 01/08/2018 07:38:49
- Silvia Tenderini, una vita tra viaggi, ricerche e scrittura - 24/07/2018 19:40:34
- A Villa Giulia (Roma) la Scuola di Archeoastronomia 2018 - 19/07/2018 06:39:50
- Gabriella Mosso, I miei, i tuoi, i nostri - 17/07/2018 05:54:30
- Tagliacozzo (AQ), Festival Internazionale di Mezza Estate - 12/07/2018 06:39:05
- Franco Campus, Nuragici - un Territorio, un'Isola, il Mediterraneo - 09/07/2018 22:21:30
- Carmagnola (TO): Donne e Madonne nell’Arte dal XV secolo ad oggi - 04/07/2018 21:53:04
- Per una rinascita socio-culturale dei borghi della Valle dell'Amaseno - 25/06/2018 07:25:04
- Capalbio (GR), vacanza-laboratorio di Spiritualità Femminile con Devan - 22/06/2018 20:30:12
- Nicola Castangia, Ercole Contu e la scoperta della Tomba dei Vasi Tetr - 18/06/2018 06:44:49
- Castelfidardo (AN): gli studenti del Meucci per la valorizzazione del - 10/06/2018 17:30:57
- Papa Wojtyla in Comelico e in Cadore: il ricordo e l'emozione 30 anni - 27/05/2018 16:40:51
- Scrittori alla scoperta del mondo, una mostra sulla letteratura di via - 22/05/2018 06:00:18
- In viaggio tra le pagine di Elena Dak - 18/05/2018 09:31:20
- Convegno Internazionale contro Terrorismo, radicalizzazione e violenza - 08/05/2018 06:02:05
- Olimpia Biasi, la Viriditas di Ildegarda in mostra all'Hortu - 25/04/2018 15:09:19
- Con Marco Grippa alla scoperta del fascino segreto di Tagikistan e Kir - 18/04/2018 18:40:04
- Da Maenza a Fossanova sulle orme di San Tommaso d'Aquino - 13/04/2018 13:59:02
- Pierluigi Montalbano: l'alba della civiltà sarda - 10/04/2018 14:08:20
- Donne, Madri, Dee: la rappresentazione del femminile in mostra a Udine - 07/04/2018 07:14:26
- In mostra a Milano gli scavi di Achille Vogliano nel Fayum - 28/03/2018 18:52:37
- Sulle tracce della Dea: Viaggio nel Grembo della Storia - 17/03/2018 16:44:27
- Nadia Tarantini: Quando nascesti tu, stella lucente - 05/03/2018 21:14:35
- L'epopea dei Longobardi in mostra al MANN - 26/02/2018 10:45:11
- Verso il contratto di fiume dell'Amaseno - 22/02/2018 11:55:38
- Inside, la nuova collezione di Vittorio Camaiani - 11/02/2018 22:27:58
- Alla scoperta del matriarcato di Bali con Bruna Rotunno - 04/02/2018 13:48:05
- Giornata della Memoria, per non dimenticare - 25/01/2018 18:06:41
- Viaggio nei segreti della bellezza del corpo femminile - 21/01/2018 21:30:48
- Ildegarda di Bingen, maestra di sapienza nel suo tempo e oggi - 10/01/2018 22:22:54
- Selene Calloni: l'arte della ribellione zen per vincere la paura - 05/01/2018 22:57:08
- MANN: grande successo per la mostra sull'America precolombiana - 28/12/2017 14:29:51
- 2018 per Katike: i calendari di ...non lasciamoli soli - 19/12/2017 22:15:21
- Maenza: La rete dei cammini della Valle dell’Amaseno - 12/12/2017 22:31:25
- Al Convivium di Fiuggi i Pensieri sparsi di Daniela Gariglio - 07/12/2017 08:47:07
- Napoli: Il Natale dei 100 Alberi d’Autore - 03/12/2017 09:41:27
- Le donne dei Longobardi: urban-trekking con Michela Zucca - 28/11/2017 13:46:59
- San Martino di Stroppo: piccolo gioiello delle Valli Cuneesi - 24/11/2017 06:54:30
- Signa del Alma: per dire No alla violenza sulle donne - 19/11/2017 08:32:53
- Il nuovo romanzo di Maristella Lippolis: Raccontami tu - 07/11/2017 16:56:46
- Mama Africa: la maternità nell'arte africana - 03/11/2017 11:20:04
- Violette Sauvage: il vintage chic a Palazzo Colonna - 28/10/2017 11:28:12
- Il patrimonio archeologico del Lazio alla BMTA di Paestum - 26/10/2017 15:31:12
- Templari. Dal ducato di Puglia e Calabria, all’Italia del III Millenni - 22/10/2017 17:10:52
- Archeologia ferita: Volti di Palmira ad Aquileia - 11/10/2017 08:02:26
- Giancarlo Sani: alla scoperta delle incisioni rupestri toscane - 03/10/2017 13:36:14
- ... non lasciamoli soli: il progetto per il Nepal di Ilario Sedrani - 26/09/2017 08:24:26
- Giuliana Borghesani: La Maledizione della Liberta - 22/09/2017 14:28:02
- L'uomo, il Cancro del Pianeta - 04/09/2017 20:15:53
- Le caverne delle donne: la grotta di San Colombano - 25/08/2017 17:49:53
- Le figlie sono come le Madri: Donne lungo la Via della Seta - 30/08/2017 12:56:24
- Nemi: tornano i Nemoralia in onore della Dea Diana - 08/08/2017 17:21:44
- Donne e medicina: quale futuro per la medicina di genere? - 05/08/2017 08:48:58
- Arkeotrekking in Trentino: Sui sentieri delle Madri Antiche II - 31/07/2017 08:27:43
- Piero Verni: Tulku, viaggio nel cuore mistico della civiltà tibetana - 25/07/2017 07:11:56
- Ugo Mancini: ragioni e vicende degli antifascisti a Roma e nei Castell - 07/07/2017 18:23:52
- Festival di Tagliacozzo: conferenza stampa di presentazione a Palazzo - 05/07/2017 06:55:48
- Cuneo: Il lato nascosto delle Alpi - 04/07/2017 06:11:40
- Come con gli occhi dei bambini di Terezin - 28/06/2017 21:43:19
- Baby Giulia, storia di un'adolescenza rubata - 18/06/2017 13:18:11
- Francesca D'Amico: le donne nella tradizione contadina abruzzese - 11/06/2017 16:01:53
- Tutela e valorizzazione del patrimonio rurale nel Lazio - 07/06/2017 18:43:20
- Fiume che cammina. Transumanza dall’Adriatico al Lagorai - 03/06/2017 08:02:51
- Roma: VI raduno dei Linfoamici - 01/06/2017 14:32:42
- Atlantide, dal mito alla storia: intervista ad Alessandra Murgia - 20/05/2017 08:13:47
- Ignazio Didu: I Greci e la Sardegna. Il mito e la storia - 12/05/2017 09:18:37
- Sacra Nemora: la cultura del sacro in mostra a Lanuvio - 07/05/2017 23:09:38
- Pizzo d’Irlanda, merletto e ricamo protagonisti sul lago Trasimeno - 02/05/2017 07:59:39
- Arkeotrekking in Trexenta: Le Antiche Madri dei Monti e del Mare - 25/04/2017 19:47:13
- Le donne e il sapere medico-erboristico: un binomio da riscoprire - 07/04/2017 21:29:15
- Linfoamici a Venezia - 30/03/2017 18:13:31
- Com'è giusto che sia: il nuovo thriller di Marina Di Guardo - 29/03/2017 10:34:04
- Herbarie: le chiamavano Streghe - 24/03/2017 21:01:03
- Devana: il risveglio della spiritualità nativa dell'Antica Europa - 17/03/2017 18:33:42
- Andrea Loddo: l'archeologia sperimentale per comprendere le ancestrali - 11/02/2017 20:01:00
- Alla scoperta dell'origine genetica dei Sardi con il prof. Francala - 03/02/2017 08:01:01
- Diego Manzi: viaggio nel cuore della tradizione indiana - 28/01/2017 10:24:25
- Barbara Bonomi Romagnoli: storie di insette felici - 25/01/2017 23:15:02
- Alberto Pattini: Poesia del Trentino. La melodia della Grande Madre - 19/01/2017 21:24:29
- Rinascere dalle distruzioni. Ebla, Nimrud, Palmira - 12/01/2017 21:25:10
- Nori Corbucci: Marta Marzotto, una vita da ricordare - 05/01/2017 00:02:59
- La Sardegna antica nel cuore del Mediterraneo - 30/12/2016 01:04:16
- Sardegna nuragica e falso mistero della lingua etrusca con il linguist - 03/01/2017 07:32:46
- La Stirpe del Sole: una Medea inedita nell'ultimo romanzo di Giuliana - 23/12/2016 14:12:50
- Al Castello di Scilla i Popoli del Mare di Oreste Kessel Pace - 16/12/2016 12:53:26
- SACRUM: concerto dedicato a Papa Francesco all'Aracoeli - 08/12/2016 10:18:48
- Paola Biato: Viaggio nel mondo della Psicofiaba - 04/12/2016 19:28:59
- Il viaggio. Alchimie e Passioni: a Venezia la personale di Irene Manen - 29/11/2016 08:13:34
- Il Natale dei 100 alberi d’autore - 28/11/2016 20:22:54
- Carlo Buldrini: Pellegrinaggio buddhista - 16/11/2016 08:32:43
- A Spazio Mater l'arte digitale di Michele Grimaldi - 13/11/2016 19:50:50
- Gigantes de Perdas: alla scoperta dei nuraghi sardi - 04/11/2016 07:54:20
- Ivo Nardi: Riflessioni sul senso della vita - 24/10/2016 08:27:11
- Fabrizio Manzetti: Nascosti davanti a tutti - 18/10/2016 00:13:25
- Bambine e bambini: divino gioco di pace nel mondo - 28/10/2016 08:24:38
- La Danza degli Archetipi: alle radici del linguaggio simbolico - 13/10/2016 22:41:28
- Alla scoperta dei Fiori di Bach con Gerardo Chirò - 09/10/2016 08:44:23
- Sardegna: curiosità, aneddoti e misteri sardi con Gianmichele Lisai - 04/10/2016 06:59:28
- Roma per Amatrice: Concerto di Beneficenza - 25/09/2016 15:45:16
- Sulle tracce dell' archeologia dell'evanescente con Paola Di Si - 22/09/2016 15:21:18
- Sebastiano Brocchi: alchimia, esoterismo, simbologia sacra e mistero - 18/09/2016 08:55:07
- Milano: appuntamento per il World Lymphoma Awareness Day - 13/09/2016 07:41:13
- Sulla via degli sciamani del Sudamerica con Stefano Lioni - 29/08/2016 08:00:22
- Sulle orme dei Moso con l'antropologa Francesca Rosati Freeman - 16/08/2016 07:13:59
- Sui sentieri dei luoghi di culto della Grande Dea con Luisella Veroli - 11/08/2016 08:48:06
- Un Altro Mondo per i Diritti della Pachamama - 27/07/2016 07:32:44
- Alessandra Di Gesù: viaggio nelle Tradizioni Misteriche del Mediterran - 05/07/2016 08:00:50
- Abbracci gratis contro il linfoma: a Roma il V raduno dei Linfoami - 31/05/2016 23:23:59
- Out of Tibet: il foto-racconto della diaspora tibetana sbarca a Roma - 23/05/2016 00:04:09
- Il Canto delle Sirene in mostra a Bologna - 22/05/2016 10:02:01
- La cultura dei Moso arriva al Ramadù di Cisterna - 16/04/2016 21:08:59
- Donne e scienza: un binomio per troppo tempo ignorato - 24/03/2016 07:51:18
- Suffragette 2.0: approda al Peano di Roma - 14/03/2016 22:06:13
- Palazzo Visconti: Alta Moda della Sartoria Angela - 09/03/2016 08:47:43
- Il respiro profondo di una Nuova Era - 04/03/2016 14:17:21
- Festa grande per i 35 anni di attività di Erno Rossi - 01/03/2016 14:29:34
- I Sentieri della Terra: come restituire vita e dignità alla Mad - 20/02/2016 09:06:03
- Le remote origini del tatuaggio con l'antropologa Michela Zucca - 23/01/2016 09:46:08
- Mantra Madre e Il profumo della luna: libri per il risveglio dell'anim - 24/12/2015 10:37:15
- Roma: il Rito del Grembo - 12/12/2015 00:42:29
- Alla scoperta delle vere origini di Halloween con Monica - 31/10/2015 20:24:53
I COMMENTI RELATIVI ALL'ARTICOLO
Invia un commento alla Redazione
Email
Nome e Cognome
Messaggio
Gentile lettore, prima di inviare il Suo messaggio:

compilare il codice di sicurezza sottostante copiando l'immagine raffigurata;

CAPTCHA 
cambia codice

inserisci codice



Per pubblicare, in fondo all'articolo, il suo commento selezionare il pulsante sottostante.

Pubblicazione
  Si    solo nome
  Si    nome e cognome
  No


Grazie della collaborazione.

© 2014 - ftNews è una testata di libera informazione.