Redazione     Informativa     Link  

Cònti e Canzòni, l'omaggio di Iana De Muro alla memoria del nonno Nicolò Columbano

mercoledì, 09 novembre 2022 06:03

condividi su facebook
Una foto d'epoca di Arzachena. In alto, in splendida posizione panoramica, la chiesa di Santa Lucia
Dal nostro inviato
Francesca Bianchi
La scorsa primavera, in occasione delle manifestazioni organizzate dal Comune di Arzachena (SS) per celebrare i cento anni dell'autonomia comunale da Tempio Pausania, è stato presentato il libro Cònti e Canzòni. Un omaggio al promotore della chiesa di S. Lucia in Arzachena, edito da Taphros e curato dalla prof.ssa Iana De Muro. Insegnante di francese in pensione, la De Muro ha voluto dedicare questo libro al nonno materno, Nicolò Columbano Minóri, promotore della costruzione della chiesa dedicata a Santa Lucia, la santa protettrice della vista. In questa maniera è riuscita a coronare il sogno di suo nonno, che tanto desiderava stampare i suoi lavori in un volumetto, come dice lo stesso nei suoi scritti, non perché potessero godere un minimo di lode in campo letterario, ma più che altro per lasciarli in memoria ai miei figli e ai miei nipoti, affinché possano mettere in pratica i miei poveri consigli di sani principi morali, sociali, civili e religiosi che non mi stanco mai di insegnare. In questa pregevole pubblicazione, impreziosita da una bella prefazione a cura di don Francesco Cossu, sono confluiti gli scritti in prosa e in versi dell'illustre cittadino arzachenese Nicolò Columbano, testimone, nella sua lunga vita, dell'evoluzione di Arzachena da borgo rurale a capitale del turismo internazionale con la nascita della Costa Smeralda. Sincero amante della cultura, in vecchiaia si dedicò alla stesura di testi che ci restituiscono uno spaccato del Novecento di Arzachena. Quando Iana ne è venuta a conoscenza, colpita dalla ricchezza e dalla varietà dei contenuti, subito ha pensato fosse arrivato il momento di pubblicarli e condividerli con quella comunità per cui nonno Nicolò tanto si è speso. Qualche mese fa la prof.ssa De Muro ha rilasciato a FtNews una ricca intervista in cui ha ripercorso la vita del nonno, soffermandosi sulla sua indole, sulle sue passioni e sulle circostanze che portarono alla costruzione della chiesa di Santa Lucia, eretta nel punto più panoramico di Arzachena.
Ascoltando Iana, si percepisce un senso profondo di gratitudine per il nonno, un uomo buono, onesto, generoso, di straordinaria fede, moralmente irreprensibile, stimato e benvoluto da tutta la comunità. Nelle sue parole emerge la speranza sincera che l'eredità, materiale e spirituale, di Nicolò Columbano possa essere d'esempio alle generazioni future.

Prof.ssa De Muro, qualche mese fa la casa editrice Taphros ha pubblicato il libro Cònti e Canzòni. Un omaggio al promotore della chiesa di S. Lucia in Arzachena, da lei curato in onore di Nicolò Columbano, suo nonno materno. Chi era suo nonno? Ci dica qualcosa della sua vita, della sua formazione, delle sue passioni. Che ruolo ha avuto nella storia arzachenese del secolo scorso?
Nonno Nicolò Columbano, chiamato Minóri per distinguerlo da suo cugino Nicola Columbano, noto Mannu, era nato il 12 maggio 1886 ad Arzachena da Luigi Columbano e Caterina Mannu. Nel 1908 si sposò con Domenica Minutti, sua cugina di primo grado. Dal loro matrimonio nacquero Luigino, Andreino, Armando, Filiberto, Augusto e mia madre Erina. Era un uomo di fede, buono e gentile, una persona di pace, sempre di buon umore. I suoi compaesani lo stimavano per il talento e per l'alto profilo morale. A giudicare dai vari interessi e dalle capacità manuali mostrate in varie attività, si può dire che fosse una persona versatile. Il suo mestiere principale fu quello di calzolaio. Mia zia Lina Columbano, figlia del fratello Tomaso, mi raccontava di quanto fosse bravo nella realizzazione delle scarpe da sposa. Amava la musica, il canto e il ballo; cantava nel coro della chiesa, suonava la tromba, insieme ai suoi fratelli istituì la banda musicale. Inoltre, era molto bravo ad estrarre i denti e si prodigava per sopperire alla mancanza di dentisti con una tenaglia che gli aveva procurato un conoscente di Tempio. Morì serenamente il 17 febbraio 1975, all'età di 89 anni. Quanto alla sua formazione, nonno era un autodidatta. Nei suoi scritti emerge il rimpianto di non aver potuto seguire studi regolari. Era assetato di cultura e, per acculturarsi, nel 1937 acquistò il Dizionario Enciclopedico Labor. Leggeva tantissimo, conosceva a memoria molti romanzi, amava raccontare fiabe e storie.

Ecco, a proposito di questa sua passione, molti lo ricordano come un grande affabulatore...
Sì. Tenga presente che a quei tempi, nelle lunghe sere invernali, c'era l'usanza di riunirsi davanti al focolare per ascoltare li cònti di fuchili. Tutti rimanevano ammaliati dalla sua capacità di catturare l'attenzione. Mia Zia Francesca Columbano ricordava la meticolosità nell'esposizione dei fatti e il suo modo di raccontare che incantava; riusciva a tenere in tensione gli ascoltatori, spesso raccontando le sue storie come se fossero dei romanzi a puntate: quando l'attenzione era al massimo, proprio sul più bello, interrompeva e prometteva di continuare l'indomani. La sera dopo, terminata la cena, tutti si riunivano per ascoltare con entusiasmo e curiosità il prosieguo della storia. Io ero affascinata dal suo eloquio.
Nicolò Columbano Minóri
Cosa l'ha spinta a pubblicare gli scritti di suo nonno?
Ho sentito il bisogno di dedicare un libro a nonno Nicolò per onorare la sua memoria. È stato un benefattore, un uomo di grande fede che, ad Arzachena, si fece promotore della costruzione della chiesetta di Santa Lucia. Ho voluto rievocare la sua impresa e pubblicare un'ampia scelta degli scritti inediti che ci ha lasciato. Da bambina non conoscevo i temi della sua poesia e non potevo immaginare la sua capacità di passare da un argomento all'altro: dalla memoria all'attualità, dalla morale alla politica, dal sacro al profano. Quando, molto tempo dopo, ho scoperto tutto ciò, mi sono decisa a sottrarre all'oblio molti dei suoi scritti. Ho avvertito il desiderio di curarne la pubblicazione e di portare, così, a compimento il suo sogno nel cassetto: quello di dare alle stampe le sue composizioni. Questo sogno è diventato realtà anche grazie alla disponibilità e al sostegno del Comune di Arzachena.

Come è riuscita a recuperare questo materiale? Quali argomenti affronta Nicolò Columbano nei suoi scritti?
Un giorno manifestai a mio cugino il desiderio di scrivere qualcosa sulla chiesa di Santa Lucia. Venni a sapere che custodiva gli scritti di nonno, il quale, soprattutto durante la vecchiaia, si era cimentato nella composizione di poesie e racconti. Mio cugino mi ha dato questo materiale, una mole imponente di scritti, grazie ai quali ho ricavato molte informazioni sulle sue passioni, sulla città di Arzachena e sulla chiesetta di Santa Lucia. Nonno ha lasciato più di cento poesie; noi siamo riusciti a recuperarne circa 70, quelle per me più rappresentative. Ho recuperato anche gli scritti in cui parla di Arzachena, dell'autonomia (lui ha fatto parte del comitato per l'autonomia) e del suo desiderio di acculturarsi. Nonostante avesse soltanto la terza elementare, scriveva perfettamente. Curò questi scritti per lasciarli in memoria a noi nipoti. Il destino, poi, ha voluto che tra questi nipoti ci fossi io, che penso di aver ereditato da lui la passione per la scrittura. Sono riuscita a realizzare il sogno di mio nonno: ho voluto che il libro uscisse a nome suo; io sono la curatrice.

Come è strutturato il libro?
Il libro è diviso in due parti. Nella prima ho riassunto i ricordi di mia madre, dei miei zii e di alcune persone che hanno conosciuto nonno Nicolò, che nel corso della sua lunga vita è stato testimone della nascita e dello sviluppo di Arzachena. Mi è sembrato opportuno delineare il contesto socio-culturale in cui è vissuto: ho ripercorso la storia di Arzachena da piccolo borgo, caratterizzato da un'economia agro-pastorale, alla nascita della Costa Smeralda. Nella seconda parte ho raccolto alcuni dei suoi numerosi scritti in italiano e in gallurese, a cui ho apportato minime correzioni. La trascrizione dei testi in gallurese, da lui composti con le sue elementari cognizioni di autodidatta, è svolta in accordo con le più recenti regole ortografiche elaborate dallo studioso Emilio Aresu.

Ha affermato di aver delineato il contesto sociale in cui è vissuto suo nonno. Come si presentava Arzachena all'epoca?
Per capire il contesto storico e sociale degli anni in cui visse Nicolò Columbano, non si può non fare riferimento all'antica organizzazione economica e sociale del territorio. Arzachena a quell'epoca era caratterizzata dalla cosiddetta civiltà degli stazzi. Tra la fine dell'Ottocento e i primi del Novecento, nell'area corrispondente all'attuale centro di Arzachena, a parte la chiesa di Santa Maria della Neve, con l'annessa canonica e le poche case sparse, c'erano soltanto alcuni orti, qualche vigneto e una rigogliosa campagna ricca di lecci e olivastri secolari. Non esistevano ancora le strade; gli unici mezzi di trasporto erano il cavallo e il carro a buoi.

Suo nonno nutriva una grande passione per la poesia; sicuramente conosceva i poeti della tradizione gallurese. Si ispirava a qualcuno in particolare? Quali argomenti affronta nei suoi componimenti poetici?
Pur essendo autodidatta, nonno coltivò sempre la passione per la poesia: lesse e studiò i grandi poeti della tradizione gallurese, alcuni vissuti molto prima di lui, altri suoi contemporanei e compaesani. A differenza di costoro, però, lui non sempre seguiva la metrica: la sua produzione poetica era improntata al verso sciolto con l'utilizzo della rima. Si lasciava trasportare dal suo talento. Le sue poesie sono ricchissime di contenuti. Don Francesco Cossu, che ha curato la prefazione del libro, le definisce "una cartolina di quel tempo", in quanto offrono degli spaccati di vita della società agropastorale arzachenese di allora. Nelle sue poesie parla anche delle mode dell'epoca, che spesso prende di mira, come avviene nella poesia intitolata La maleffica scìulinga, in cui si scaglia contro la moda di masticare il "chewing gum". Lui sperava sempre che i suoi messaggi potessero portare un cambiamento positivo nella società.
La statua di Santa Lucia acquistata a Roma da Nicolò Columbano Minóri
Veniamo a ciò che ha reso Nicolò Columbano un grande benefattore della comunità arzachense: si fece promotore della costruzione della chiesa di S. Lucia, a cui era profondamente devoto. Perché decise di impegnarsi nella realizzazione di questa chiesa? In che modo riuscì a realizzare questo sogno?
Il Venerdì Santo del 1904, quando aveva 18 anni, nonno Nicolò andò a caccia nella campagna di proprietà del padre Luigi. Mentre stava attraversando il fiume, dal fucile partì accidentalmente un colpo e, all'improvviso, non riuscì più a vedere da un occhio. Uomo di grande fede, si rivolse immediatamente a Santa Lucia, protettrice della vista, facendo un voto: promise alla Santa di costruire una chiesa in suo onore. Prese un po' d'acqua dal ruscello, si lavò l'occhio e ben presto si accorse di aver recuperato la vista. Da quel momento si adoperò per mantenere la promessa e, non appena gli fu possibile, si recò a Roma per scegliere e acquistare la statua della Santa, che arrivò da Roma con una pergamena contenente la benedizione del Papa. Custodì quella statua nella sua casa fino a quando la chiesa non fu costruita. La chiesetta di Santa Lucia, che iniziò ad essere costruita 21 anni dopo quell'episodio, fu il risultato di un intenso lavoro collettivo, secondo la consuetudine gallurese della manialìa, la prestazione gratuita e volontaria: offerte, lotterie e spettacoli furono attivati allo scopo di realizzare l'opera. La chiesetta fu tanto desiderata dalla stessa santa: secondo una tradizione orale riportata da don Francesco Cossu in una delle sue numerose pubblicazioni, la santa era apparsa in sogno a un anziano arzachenese, Salvatore Barraqueddu, chiedendogli di costruire la chiesa. Nonno Nicolò e Giovanni Filigheddu furono i primi a cercare i soldi per costruire la chiesa. Raccolti i fondi, grazie anche ad una considerevole donazione del mio bisnonno Luigi Columbano, il comitato istituito per la costruzione dell'edificio procedette ad acquistare il terreno prescelto. Aveva, così, inizio il sogno di mio nonno: costruire la chiesa in onore di Santa Lucia nel punto più panoramico del paese, nella stessa area in cui gli arzachenesi avevano eretto la prima chiesa campestre, dedicata a Santa Maria della Neve. Proprio sul pendio sinistro dell'attuale chiesa di Santa Lucia, infatti, pare sorgesse la 'jésgia 'èccja, prima che, da quel sito, la statua della Madonna fosse trasferita nel punto in cui poi sarebbe stata costruita la chiesa dedicata a Santa Maria, ossia nell'attuale Piazza Risorgimento.

Che ricordo conserva di suo nonno?
Quando nonno è morto, io avevo 16 anni, per cui non ricordo molto, ma di lui ho due immagini ben scolpite nella mia mente. Mi sembra ancora di vederlo, quando, nel suo ufficio di via Marconi, se ne stava per ore seduto davanti alla sua macchina da scrivere, sempre impegnato nello studio, a cui durante la vecchiaia si dedicò assiduamente. L'altra immagine chiara che ho di lui è quella delle giornate del Venerdì Santo. Ogni anno, all'ora di pranzo, ci raggiungeva a casa e si sedeva accanto al camino. Quel Venerdì Santo del 1904, oltre alla promessa di costruire la chiesa, aveva fatto anche il voto di osservare il digiuno ogni Venerdì Santo della sua vita. Aveva deciso di farlo a casa dei propri figli, affinché il suo sacrificio acquistasse più valore.

Suo nonno era un uomo di grande fede, ereditata sicuramente dai genitori, come lei afferma nel libro...
Pensi che conosceva la messa a memoria: zia Pinuccia Ceccherini mi raccontava che, quando era ammalato e non poteva andare in chiesa, se la celebrava da solo a casa. Questa fede l'ha ereditata dai genitori, entrambi molto religiosi. I genitori di mio nonno facevano parte dell'associazione di carità San Vincenzo, un'associazione che aiutava i bisognosi. Quando padre Manzella si spostava da Sassari ad Arzachena per delle missioni di carità, veniva ospitato a casa dei miei bisnonni. Abbiamo ancora il divano dove dormiva padre Manzella.

La vita è una grande avventura verso la luce: in esergo ha voluto ci fossero queste parole di Paul Claudel. Che ruolo ha avuto la luce, fisica e spirituale, nella vita di suo nonno?
Un libro del genere, dedicato a Santa Lucia, protettrice degli occhi e della vista, che Dante cita nella Divina Commedia come simbolo della Grazia illuminante, non poteva non avere un riferimento alla luce. La luce è una costante di tutto il libro, è un elemento imprescindibile. Tutta la vita di mio nonno è stata attraversata dalla luce, sia fisica che spirituale: uomo retto e moralmente irreprensibile, era immerso nella luce. La luce rischiara il cammino della conoscenza. Ognuno di noi è chiamato a un'esistenza che sconfigga le tenebre dell'ignoranza e del male.

Quale messaggio si augura possa arrivare ai lettori di questo libro?
Vorrei che la gente percepisse l'amore di mio nonno per la cultura, la sua fede, la sua determinazione: quando molti di coloro che erano impegnati nella costruzione della chiesa di Santa Lucia si scoraggiavano, lui li esortava ad avere fede, sicuro che un giorno sarebbe sorta una bellissima chiesa. E così è stato. Il suo è un messaggio di fede e speranza, un invito a credere in ciò che si fa e a non scoraggiarsi mai. È stato un arzachenese talentuoso e illuminato che ha fatto tanto per migliorare la vita della comunità. Nei suoi confronti provo una sincera gratitudine per quanto ha compiuto. Mi auguro che la sua eredità, materiale e spirituale, possa essere d'esempio alle generazioni future.
Mostra altri Articoli di questo autore
info@freetopnews.it
- Il Supramonte di Gianluca Chiai in mostra a Nuoro - 30/11/2022 15:28:34
- Jean-Yves Frétigné: storia della Sicilia da Odisseo ai giorni nostri - 26/11/2022 14:17:32
- Floridia (SR): inaugurata la Biblioteca delle Donne - 20/11/2022 17:47:38
- Alessia Pecchioli: l'Incontro. Storia di un'adozione - 16/11/2022 10:31:46
- Cònti e Canzòni, l'omaggio di Iana De Muro alla memoria del non - 09/11/2022 06:03:27
- Piazza Armerina (EN): due giorni dedicati ai libri e alla letteratura - 05/11/2022 07:21:42
- Azienda Agricola Sparacino, sapori autentici del Val di Noto - 28/10/2022 05:15:42
- Cieli neri: con Irene Borgna alla scoperta dei cieli stellati d'Europa - 23/10/2022 05:02:28
- Apicoltura Pala, il sapore autentico del miele di Gallura - 17/10/2022 21:33:40
- LAeQUA, il laboratorio equo e solidale nel cuore di Modica - 11/10/2022 05:30:41
- Don Francesco Cossu: una vita dedicata ad Arzachena - 04/10/2022 06:06:37
- Apicoltura Milluzzo, l'eccellenza del Miele Ibleo - 28/09/2022 05:59:25
- Barbara Calanca: fari e forti di La Maddalena - 24/09/2022 06:18:31
- Sesamo d'Ispica, un'eccellenza siciliana firmata Gambuzza - 19/09/2022 17:25:47
- Fabio Presutti: una vita tra le isole dell'Arcipelago di La Maddalena - 13/09/2022 07:40:22
- Paola Marzotto: Ode alla Natura - 08/09/2022 05:27:01
- Alla scoperta della storia di La Maddalena - 05/09/2022 07:58:51
- Daniela Santonocito: Il Dialogo tra Epitteto e l'imperatore Adriano - 28/08/2022 18:31:20
- Alla scoperta dei luoghi energetici della Sardegna con Arianna Mendo - 23/08/2022 09:45:59
- Caprera: Compendio Garibaldino e vita privata di Giuseppe Garibaldi - 03/08/2022 17:45:34
- M'ammentu lu stazzu: la cultura degli stazzi nella mostra di Giuseppe - 26/07/2022 06:09:25
- Mieli Manias, la tradizione apistica più antica della Sardegna - 19/07/2022 06:47:54
- Sardo Sole, la Filiera del Grano Duro coltivato e trasformato in Sard - 12/07/2022 16:40:02
- Marella Giovannelli, Oltremare fra incontri e poesie - 03/07/2022 13:40:42
- Claudio Panaia: Caulonia, storia di una polis - 20/06/2022 06:49:06
- Silvana Cirillo: Tutto Pasolini, dalla A alla Z - 07/06/2022 10:39:03
- Francesca Saitta: Abitata dalla Fantasia - 01/06/2022 07:31:50
- Quartetto Cetra: la storia di un gruppo immortale - 24/05/2022 10:27:26
- Guido Guerrera: Franco Battiato, un mito senza tempo - 17/05/2022 09:10:25
- M’ammèntu lu stazzu: ad Arzachena una mostra fotografica sugli stazzi - 13/05/2022 07:51:08
- Adriano Teso: L’ABC per vivere bene - 09/05/2022 22:38:06
- Enzo Di Pasquale, Viaggio allo Zingaro - 02/05/2022 20:24:40
- Eric Salerno: Gerusalemme, la città culla delle grandi religioni - 24/04/2022 09:08:33
- Giovanni Zidda: Sas meres de su prantu, il rituale funerario di Orune - 13/04/2022 19:13:49
- Serri (SU): le radici agropastorali di un borgo del Sarcidano - 07/04/2022 18:01:42
- Adzovios a Luvula: a Milano una mostra su Lula - 25/03/2022 16:41:18
- Giuseppe Castellana, la Sicilia del Tardo Bronzo - 16/03/2022 10:06:27
- Dolores Turchi: Su Carrasecare, fascino e mistero di un rito ancestral - 01/03/2022 09:07:41
- Marco Peresani: Come eravamo, viaggio nell'Italia paleolitica - 24/02/2022 08:13:42
- Dora Marchese: l’Egitto nell’immaginario letterario italiano - 16/02/2022 16:56:33
- Michele Fresi: l'ultima Gallura, la storia degli stazzi narrata da un - 05/02/2022 09:51:36
- Nativi Americani, oggi: intervista a Raffaella Milandri - 03/01/2022 09:44:37
- Pasquale Pirodda, Balaiana vissuta nello stazzo - 28/12/2021 17:07:23
- Panificio Ciloche: l'arte del pane paulese - 19/12/2021 06:55:27
- Iride Peis: racconto, perché qualcosa di me resti - 08/12/2021 08:35:48
- Nabui, un'eccellenza del miele di Sardegna - 03/12/2021 08:21:25
- Petrarca, dal Secretum al regresso emotivo - 23/11/2021 08:13:54
- LabENur, il Nuragico da toccare con mano - 18/11/2021 16:25:18
- L’erba dell’oblio non cresce ad Arzachena - 04/11/2021 08:16:19
- Archeotour, da oltre trent'anni con il patrimonio culturale di Paulila - 21/10/2021 07:34:05
- Santa Cristina, simbolo millenario del culto delle acque - 13/10/2021 08:30:07
- Le vie de sos Pinnettos, alla scoperta della cultura pastorale sarda - 06/10/2021 09:22:20
- Giulio Gelardi: la manna, l'oro bianco delle Madonie - 30/09/2021 09:55:32
- Bergi, paradiso della biodiversità nel cuore delle Madonie - 22/09/2021 08:11:23
- Fondazione P.G. 5 Cuori, da Polizzi un omaggio alla Bellezza - 17/09/2021 07:46:06
- Francesca Fontanella: l'impero e la storia di Roma in Dante - 13/09/2021 08:42:45
- Tra cento miliardi di stelle: Montalbano Elicona ricorda Battiato - 09/09/2021 08:08:55
- Happy Glamping Madonie, il campeggio di lusso a 850 metri di quota - 06/09/2021 06:22:38
- La rinascita di Verbumcaudo, feudo di Polizzi sottratto alla mafia - 03/09/2021 05:57:50
- Il canto e il veleno: bucolici greci minori - 30/08/2021 07:22:33
- Angelo Merlino: le Madonie tra cultura, natura, geologia - 25/08/2021 06:18:50
- Baglio Bonsignore, vini di qualità nel territorio della Valle dei Temp - 11/08/2021 06:55:30
- Il Giardino della Kolymbetra, un gioiello nel cuore della Valle dei - 05/08/2021 06:33:00
- Archeologia, cinema, musica, teatro: l'estate della Valle dei Templi - 27/07/2021 06:44:21
- Val Paradiso: nel cuore della Sicilia, il miglior Olio IGP d'Italia - 20/07/2021 07:34:18
- Molino Ferrara: semole, farine e pasta di grani antichi siciliani - 14/07/2021 22:31:11
- La Donna e il Sacro: divinità femminili arcaiche nell'Abruzzo antico - 22/06/2021 09:03:47
- L’isola più bella: la Sicilia nella 'Biblioteca storica' di Diodoro Si - 09/06/2021 09:04:43
- Heinrich Schliemann a Napoli - 03/06/2021 07:09:16
- Rita Pirisi: l'agnello nella tradizione culinaria sarda - 27/05/2021 08:13:25
- Zungri: archeologia di un villaggio rupestre calabrese di epoca mediev - 26/04/2021 09:18:50
- Corleone, storia archeologica a fumetti - 19/04/2021 14:33:41
- Pupi Avati: il mio Dante, poeta forgiato dal dolore - 13/04/2021 10:18:09
- Massimiliano Finazzer Flory: Dante, per nostra fortuna - 26/03/2021 10:05:28
- Divina Sardegna, con il FAI alla scoperta dei luoghi legati alla Comme - 16/03/2021 09:55:54
- 8 Marzo: combattere le differenze per la parità di genere - 08/03/2021 07:24:27
- Ivano Dionigi: Segui il tuo demone - 05/03/2021 09:33:38
- La Musa Inquieta, il corto dedicato a Marta Marzotto - 23/02/2021 14:58:40
- Gabriele Gallo: ritratti alpini, racconti di un anno in montagna - 12/02/2021 16:50:51
- Giulio Guidorizzi: il mito immortale di Edipo ed Enea - 04/02/2021 08:00:35
- Laura Efrikian: tra Armenia e Africa, una vita all'insegna dell'amore - 29/01/2021 11:10:15
- Filomena Giannotti: Caproni, Il mio Enea - 20/01/2021 07:36:54
- Mamma Margherita: la mia Nadia, la forza dell'amore - 04/01/2021 17:57:43
- Anny Romand, mia nonna d'Armenia - 22/12/2020 07:09:20
- Giorgio Ieranò: I Greci e noi - 21/12/2020 07:17:10
- Pietro Pisciottu: L'Agnata, storia e memoria di uno stazzo gallurese - 14/12/2020 10:36:18
- Sopravvivere alla morte: la vita nelle iscrizioni funerarie latine - 07/12/2020 21:46:29
- Olivo: l'albero della civiltà - 05/12/2020 07:38:58
- Marida Lombardo Pijola: l'imperfezione delle madri - 25/11/2020 14:08:22
- Pietro Greco: Trotula, la prima donna medico d'Europa - 10/11/2020 08:28:11
- Gian Enrico Manzoni: la peste di Atene ai tempi del Covid - 29/10/2020 08:13:41
- Fiorenzo Caterini: ricostruzione della memoria in Sardegna - 23/10/2020 09:01:57
- Paolo Carboni: Tutt'a pedi - Alla scoperta del territorio di Aggius (S - 12/10/2020 10:44:57
- Agostino Asara, l'ultimo Patriarca degli stazzi galluresi - 06/10/2020 07:41:33
- Aggius (SS): storia, tradizioni, banditismo nel cuore della Gallura - 02/10/2020 06:54:06
- Tenuta Coda di Lupo, eccellenze sarde per un'agricoltura sostenibile - 22/09/2020 19:35:55
- Luigi Lehnus: Wilamowitz e il monte delle Muse - 15/09/2020 17:25:33
- Paola Mancini: viaggio nella storia di Loiri Porto San Paolo (SS) - 10/09/2020 18:14:11
- Alla scoperta dell'Area Marina Protetta di Tavolara (SS) con Augusto - 01/09/2020 21:32:17
- Giuseppe Festa: Ursula e Lupinella, orsi e lupi sulle montagne italian - 28/08/2020 07:59:34
- Pa punyat: con Antonio Masia alla scoperta delle eccellenze algheresi - 24/08/2020 08:51:11
- Sa Mandra, anima barbaricina nel cuore della Nurra - 19/08/2020 07:30:34
- Giuliano Dal Mas, una vita tra le Dolomiti - 13/08/2020 17:36:13
- Valle d'Aosta, presentata la XXIII edizione del Gran Paradiso Film Fe - 27/07/2020 19:42:54
- Irene Borgna: Louis Oreiller, il pastore di stambecchi - 20/07/2020 07:47:15
- Genzano, a Casa Mamre QUESTO MARE E’ PIENO DI VOCI - 16/07/2020 09:22:00
- Corrado Ruggeri, una vita in viaggio - 13/07/2020 07:30:17
- Lungo i sentieri del Cammino Ibleo con Nanni Di Falco - 06/07/2020 16:49:35
- Alla scoperta del nuraghe Majori di Tempio Pausania - 30/06/2020 07:39:09
- Lorenzo Braccesi: Olimpiade e Zenobia, quando il potere è donna - 24/06/2020 05:26:37
- Ove abitai fanciullo: a Recanati aprono le stanze private di Giacomo L - 15/06/2020 14:18:28
- I reperti assiri di Faida al premio mondiale in memoria di Khaled al-A - 08/06/2020 07:43:10
- Mauro Bonazzi: i Greci e il mistero dell'esistenza - 01/06/2020 07:22:54
- PandemicA, racconto corale per immagini - 21/05/2020 07:52:03
- Antonietta Langiu, la mia Isola - 08/05/2020 09:22:34
- Susanna Garavaglia: il risveglio della coscienza interiore - 29/04/2020 05:09:43
- Rosanna Raffaelli Ghedina: folclore, leggende e simboli delle Dolomiti - 16/04/2020 23:10:44
- Giorgio Murru: Spiriti e Dèi nella statuaria preistorica della Sardegn - 09/04/2020 13:50:32
- Una Maschera, un Volto, un Paese: il Carnevale in Sardegna - 07/03/2020 07:34:21
- Pe’ terre assaje luntane: al MANN l’emigrazione ischitana in America - 01/03/2020 19:33:00
- Thalassa: a Napoli le meraviglie sommerse dal Mediterraneo - 27/02/2020 23:09:38
- Nel segreto mare delle stelle di Marella Giovannelli - 25/02/2020 18:10:02
- Marcello Cabriolu, la Sardegna e il Mediterraneo Occidentale - 17/02/2020 21:27:55
- Erika Maderna, sulle tracce della medicina delle streghe e delle sant - 27/01/2020 06:48:31
- Federico Fellini: ironico, beffardo e centenario - 14/01/2020 07:56:24
- Pompei e Santorini, l'eternità in un giorno - 04/01/2020 08:29:04
- Andrea Icardi, un anno in Alta Valle Maira - 30/12/2019 14:15:42
- Archeologi italiani riportano alla luce i reperti assiri di Faida - 15/12/2019 09:45:07
- Augusto Mulas: l'orientamento astronomico dei nuraghi - 09/12/2019 19:01:03
- Margherita Massari: Ildegarda di Bingen, Sibilla e Dottore della Chies - 06/12/2019 09:18:37
- Il mito immortale di Cartagine in mostra a Roma - 04/12/2019 00:02:27
- Aquileia 2200. Porta di Roma verso i Balcani e l’Oriente - 29/11/2019 05:28:33
- Michele Porcaro: ASSTEAS - Storia del Vaso più bello del mondo - 19/11/2019 00:26:44
- Silvia Romani: credenze, miti e dei degli antichi - 11/11/2019 13:10:02
- All'Alba Radians di Albano (RM) il Filottete di Sofocle - 06/11/2019 16:36:58
- Mulino della Riviera di Dronero (CN), una storia firmata Cavanna - 29/10/2019 18:50:24
- Galluras, il Museo della Femina Agabbadòra - 22/10/2019 07:00:03
- Ugo Mancini: Sotto la cenere, storie di vita quotidiana durante il ven - 10/10/2019 20:51:11
- Alessandra Derriu: streghe, indovine e curatrici nella Sardegna del '7 - 04/10/2019 07:06:18
- Giuseppe Vito Internicola: Castellammare del Golfo, alle origini di un - 29/09/2019 18:15:59
- Città della Pieve (PG) si prepara ad accogliere Il Nostro Tempo - 25/09/2019 15:20:51
- Uno spazio per le Donne: alla scoperta del mondo femminile sardo e non - 23/09/2019 08:37:50
- Olmedo (SS), storia, tradizioni, folklore - 21/09/2019 09:21:49
- Silvia Giorcelli Bersani: I Romani e le Alpi - 16/09/2019 14:05:54
- Rossella Giglio: Segesta, tra teatro, musica, natura - 08/08/2019 15:56:16
- Enrico Caruso: la rinascita di Selinunte - 01/08/2019 14:29:05
- Lucina Gandolfo: alla scoperta di Monte Iato - 31/07/2019 07:33:07
- Sulle spiagge pontine tornano i Racconti di Sabaudia - 30/07/2019 08:47:45
- Tagliacozzo (AQ): XXXV Festival Internazionale di Mezza Estate - 22/07/2019 14:36:02
- Civiltà del sole: l'archeoastronomia nella Sicilia preistorica - 19/07/2019 07:30:13
- Cristina Muntoni, il potere delle parole nella storia della sacralità - 15/07/2019 18:12:54
- Francesco Bianco, un cammino tra verità nascoste - 13/07/2019 06:58:14
- Filippo Drago, mugnaio siciliano fra tradizione e modernità - 09/07/2019 07:28:20
- Con la KERNOS alla scoperta di Castellammare del Golfo - 02/07/2019 18:17:21
- Per una rinascita di Castelvetrano, città d'arte, storia, cultura - 27/06/2019 18:13:44
- Marinella Fiume: sapienza, virtù e misteri dell'universo simbolico fem - 11/06/2019 19:04:31
- Stefano Pucci: le incisioni rupestri delle Alpi Apuane - 07/06/2019 09:24:59
- Albano (RM), al via la Rassegna del Teatro Antico - 26/05/2019 18:33:37
- Max Dashu: Streghe e pagane, le donne nella cultura popolare europea - 14/05/2019 07:18:46
- Diego Maggio: profumi, aromi e sapori siculo-panteschi - 09/05/2019 08:15:34
- Regius, omaggio allo stupor mundi Federico II di Svevia - 03/05/2019 07:38:01
- Sentiero della Libertà, per tenere viva la Memoria - 01/05/2019 20:05:09
- Caccamo (PA), borgo di storia, arte, cultura - 28/04/2019 06:50:10
- C'era una volta Iato: omaggio dei ragazzi all'antica Iato - 23/04/2019 22:40:32
- U Pani ri Murriali: il pane genuino di una volta - 16/04/2019 17:20:40
- Recanati (MC): L'Infinito di Leopardi compie 200 anni - 13/04/2019 16:51:43
- A Camo (CN) torna PrimaVeraRegia - 11/04/2019 17:17:36
- Ivano Dionigi: Lucrezio, Seneca e noi - 04/04/2019 23:33:23
- Luca Mancini: Il caso dell'Ungheria di Horthy - 09/04/2019 19:14:05
- Il Foscolo di Albano (RM) trionfa al Festival Thauma - 30/03/2019 20:22:23
- Sotto il segno dei pesci: Camaiani celebra la Grecia - 28/03/2019 17:13:29
- Guido Cossard, viaggio nel mondo dell'Archeoastronomia - 25/03/2019 10:47:16
- Rosanna Oliva de Conciliis, una vita per la Parità - 17/03/2019 08:14:51
- Donna o Dea: le raffigurazioni femminili in Sardegna tra passato e pre - 02/03/2019 20:50:25
- Giorgio Ieranò: l'arcano fascino delle isole dell'Egeo - 25/02/2019 09:19:48
- Dea e Femminismo alla Roma Goddess Conference - 21/02/2019 09:10:27
- Elena Ianni: le feste e i falò del Messico - 17/02/2019 19:18:44
- Roma: l'olio d'oliva al Premio Filo della Torre - 15/02/2019 17:02:24
- I giovani attori del Foscolo alla Giornata del Greco - 06/02/2019 17:24:33
- La Penisola del Sinis (OR) tra storia, archeologia e natura - 29/01/2019 17:38:31
- King Camp Gillette: Il Turbine Umano - 19/01/2019 11:59:30
- Barumini (VS), archeologia, storia, cultura nel cuore della Sardegna - 14/01/2019 10:46:56
- Morena Luciani Russo: la ricerca della Dea e lo sciamanesimo - 09/01/2019 06:28:02
- Maurizio Bettini: Il Presepio, storia di un simbolo - 21/12/2018 08:22:38
- Venezia: Idoli, il potere dell'immagine - 12/12/2018 18:57:46
- Simona Modeo, Dioniso in Sicilia - 06/12/2018 17:48:35
- Violette Sauvage a Palazzo Colonna (RM) - 03/12/2018 07:01:13
- Pomezia (RM): Premio Donna d'Autore 2018 - 30/11/2018 06:37:50
- Massimo Blasi, l'incredibile storia degli imperatori romani - 28/11/2018 10:26:59
- Fabio Isman: 1938, l'Italia razzista - 25/11/2018 07:30:10
- Sacrum, lo Stabat Mater di Rossini all'Aracoeli di Roma - 22/11/2018 16:42:46
- Oriana Dal Bosco: il misterioso fascino del Nord Africa - 20/11/2018 17:17:03
- Natale inCHIOSTRO a Monastero di Dronero (CN) - 17/11/2018 07:53:51
- All'Alba Radians di Albano (RM): l'Ecuba di Euripide - 15/11/2018 16:59:16
- Autunno d'Autore a Ruralia, Conosci tu il paese dove... - 13/11/2018 18:40:36
- Marella Giovannelli, una vita tra giornalismo, fotografia e poesia - 09/11/2018 10:04:37
- Daniela Dao Ormena: Le radici chiamano, dolci melodie della Valle Mair - 30/10/2018 13:32:22
- Gli antichi pani di Sardegna protagonisti a Buddusò - 17/10/2018 14:23:34
- Torna a Lanuvio (RM) l'antico rituale della Maza - 04/10/2018 20:39:44
- Nonna Tommy, raccontaci ancora... - 02/10/2018 07:16:37
- A Buddusò (SS) torna Artes in Carrera - 30/09/2018 06:56:22
- Al Museo Africano di Verona la danza degli spiriti - 27/09/2018 00:12:36
- A. Cossard: Archeoastronomy, la prima app di archeoastronomia - 24/09/2018 09:21:18
- Firenze, Viaggio nell'altro e nell'altrove in ricordo di Paolo Grazios - 19/09/2018 08:31:44
- Lanuvio (RM): Buon compleanno, Antonino Pio! - 10/09/2018 06:04:22
- Raffaella De Sanctis, tra scuola e ricerca - 04/09/2018 17:45:49
- Màn. Vietnam Street Heroines in mostra al MAO (TO) - 26/08/2018 10:25:13
- Alessandra Comneno, una vita a contatto con la saggezza dei Nativi - 12/08/2018 19:38:51
- MAO (TO), ORIENTI. 7000 anni di arte asiatica dal Museo delle Civiltà - 07/08/2018 06:17:08
- Senorbì (CA), al MADN La Dea di Turriga, il mistero di un’icona senza - 01/08/2018 07:38:49
- Silvia Tenderini, una vita tra viaggi, ricerche e scrittura - 24/07/2018 19:40:34
- A Villa Giulia (Roma) la Scuola di Archeoastronomia 2018 - 19/07/2018 06:39:50
- Gabriella Mosso, I miei, i tuoi, i nostri - 17/07/2018 05:54:30
- Tagliacozzo (AQ), Festival Internazionale di Mezza Estate - 12/07/2018 06:39:05
- Franco Campus, Nuragici - un Territorio, un'Isola, il Mediterraneo - 09/07/2018 22:21:30
- Carmagnola (TO): Donne e Madonne nell’Arte dal XV secolo ad oggi - 04/07/2018 21:53:04
- Per una rinascita socio-culturale dei borghi della Valle dell'Amaseno - 25/06/2018 07:25:04
- Capalbio (GR), vacanza-laboratorio di Spiritualità Femminile con Devan - 22/06/2018 20:30:12
- Nicola Castangia, Ercole Contu e la scoperta della Tomba dei Vasi Tetr - 18/06/2018 06:44:49
- Castelfidardo (AN): gli studenti del Meucci per la valorizzazione del - 10/06/2018 17:30:57
- Papa Wojtyla in Comelico e in Cadore: il ricordo e l'emozione 30 anni - 27/05/2018 16:40:51
- Scrittori alla scoperta del mondo, una mostra sulla letteratura di via - 22/05/2018 06:00:18
- In viaggio tra le pagine di Elena Dak - 18/05/2018 09:31:20
- Convegno Internazionale contro Terrorismo, radicalizzazione e violenza - 08/05/2018 06:02:05
- Olimpia Biasi, la Viriditas di Ildegarda in mostra all'Hortu - 25/04/2018 15:09:19
- Con Marco Grippa alla scoperta del fascino segreto di Tagikistan e Kir - 18/04/2018 18:40:04
- Da Maenza a Fossanova sulle orme di San Tommaso d'Aquino - 13/04/2018 13:59:02
- Pierluigi Montalbano: l'alba della civiltà sarda - 10/04/2018 14:08:20
- Donne, Madri, Dee: la rappresentazione del femminile in mostra a Udine - 07/04/2018 07:14:26
- In mostra a Milano gli scavi di Achille Vogliano nel Fayum - 28/03/2018 18:52:37
- Sulle tracce della Dea: Viaggio nel Grembo della Storia - 17/03/2018 16:44:27
- Nadia Tarantini: Quando nascesti tu, stella lucente - 05/03/2018 21:14:35
- L'epopea dei Longobardi in mostra al MANN - 26/02/2018 10:45:11
- Verso il contratto di fiume dell'Amaseno - 22/02/2018 11:55:38
- Inside, la nuova collezione di Vittorio Camaiani - 11/02/2018 22:27:58
- Alla scoperta del matriarcato di Bali con Bruna Rotunno - 04/02/2018 13:48:05
- Giornata della Memoria, per non dimenticare - 25/01/2018 18:06:41
- Viaggio nei segreti della bellezza del corpo femminile - 21/01/2018 21:30:48
- Ildegarda di Bingen, maestra di sapienza nel suo tempo e oggi - 10/01/2018 22:22:54
- Selene Calloni: l'arte della ribellione zen per vincere la paura - 05/01/2018 22:57:08
- MANN: grande successo per la mostra sull'America precolombiana - 28/12/2017 14:29:51
- 2018 per Katike: i calendari di ...non lasciamoli soli - 19/12/2017 22:15:21
- Maenza: La rete dei cammini della Valle dell’Amaseno - 12/12/2017 22:31:25
- Al Convivium di Fiuggi i Pensieri sparsi di Daniela Gariglio - 07/12/2017 08:47:07
- Napoli: Il Natale dei 100 Alberi d’Autore - 03/12/2017 09:41:27
- Le donne dei Longobardi: urban-trekking con Michela Zucca - 28/11/2017 13:46:59
- San Martino di Stroppo: piccolo gioiello delle Valli Cuneesi - 24/11/2017 06:54:30
- Signa del Alma: per dire No alla violenza sulle donne - 19/11/2017 08:32:53
- Il nuovo romanzo di Maristella Lippolis: Raccontami tu - 07/11/2017 16:56:46
- Mama Africa: la maternità nell'arte africana - 03/11/2017 11:20:04
- Violette Sauvage: il vintage chic a Palazzo Colonna - 28/10/2017 11:28:12
- Il patrimonio archeologico del Lazio alla BMTA di Paestum - 26/10/2017 15:31:12
- Templari. Dal ducato di Puglia e Calabria, all’Italia del III Millenni - 22/10/2017 17:10:52
- Archeologia ferita: Volti di Palmira ad Aquileia - 11/10/2017 08:02:26
- Giancarlo Sani: alla scoperta delle incisioni rupestri toscane - 03/10/2017 13:36:14
- ... non lasciamoli soli: il progetto per il Nepal di Ilario Sedrani - 26/09/2017 08:24:26
- Giuliana Borghesani: La Maledizione della Liberta - 22/09/2017 14:28:02
- L'uomo, il Cancro del Pianeta - 04/09/2017 20:15:53
- Le caverne delle donne: la grotta di San Colombano - 25/08/2017 17:49:53
- Le figlie sono come le Madri: Donne lungo la Via della Seta - 30/08/2017 12:56:24
- Nemi: tornano i Nemoralia in onore della Dea Diana - 08/08/2017 17:21:44
- Donne e medicina: quale futuro per la medicina di genere? - 05/08/2017 08:48:58
- Arkeotrekking in Trentino: Sui sentieri delle Madri Antiche II - 31/07/2017 08:27:43
- Piero Verni: Tulku, viaggio nel cuore mistico della civiltà tibetana - 25/07/2017 07:11:56
- Ugo Mancini: ragioni e vicende degli antifascisti a Roma e nei Castell - 07/07/2017 18:23:52
- Festival di Tagliacozzo: conferenza stampa di presentazione a Palazzo - 05/07/2017 06:55:48
- Cuneo: Il lato nascosto delle Alpi - 04/07/2017 06:11:40
- Come con gli occhi dei bambini di Terezin - 28/06/2017 21:43:19
- Baby Giulia, storia di un'adolescenza rubata - 18/06/2017 13:18:11
- Francesca D'Amico: le donne nella tradizione contadina abruzzese - 11/06/2017 16:01:53
- Tutela e valorizzazione del patrimonio rurale nel Lazio - 07/06/2017 18:43:20
- Fiume che cammina. Transumanza dall’Adriatico al Lagorai - 03/06/2017 08:02:51
- Roma: VI raduno dei Linfoamici - 01/06/2017 14:32:42
- Atlantide, dal mito alla storia: intervista ad Alessandra Murgia - 20/05/2017 08:13:47
- Ignazio Didu: I Greci e la Sardegna. Il mito e la storia - 12/05/2017 09:18:37
- Sacra Nemora: la cultura del sacro in mostra a Lanuvio - 07/05/2017 23:09:38
- Pizzo d’Irlanda, merletto e ricamo protagonisti sul lago Trasimeno - 02/05/2017 07:59:39
- Arkeotrekking in Trexenta: Le Antiche Madri dei Monti e del Mare - 25/04/2017 19:47:13
- Le donne e il sapere medico-erboristico: un binomio da riscoprire - 07/04/2017 21:29:15
- Linfoamici a Venezia - 30/03/2017 18:13:31
- Com'è giusto che sia: il nuovo thriller di Marina Di Guardo - 29/03/2017 10:34:04
- Herbarie: le chiamavano Streghe - 24/03/2017 21:01:03
- Devana: il risveglio della spiritualità nativa dell'Antica Europa - 17/03/2017 18:33:42
- Andrea Loddo: l'archeologia sperimentale per comprendere le ancestrali - 11/02/2017 20:01:00
- Alla scoperta dell'origine genetica dei Sardi con il prof. Francala - 03/02/2017 08:01:01
- Diego Manzi: viaggio nel cuore della tradizione indiana - 28/01/2017 10:24:25
- Barbara Bonomi Romagnoli: storie di insette felici - 25/01/2017 23:15:02
- Alberto Pattini: Poesia del Trentino. La melodia della Grande Madre - 19/01/2017 21:24:29
- Rinascere dalle distruzioni. Ebla, Nimrud, Palmira - 12/01/2017 21:25:10
- Nori Corbucci: Marta Marzotto, una vita da ricordare - 05/01/2017 00:02:59
- La Sardegna antica nel cuore del Mediterraneo - 30/12/2016 01:04:16
- Sardegna nuragica e falso mistero della lingua etrusca con il linguist - 03/01/2017 07:32:46
- La Stirpe del Sole: una Medea inedita nell'ultimo romanzo di Giuliana - 23/12/2016 14:12:50
- Al Castello di Scilla i Popoli del Mare di Oreste Kessel Pace - 16/12/2016 12:53:26
- SACRUM: concerto dedicato a Papa Francesco all'Aracoeli - 08/12/2016 10:18:48
- Paola Biato: Viaggio nel mondo della Psicofiaba - 04/12/2016 19:28:59
- Il viaggio. Alchimie e Passioni: a Venezia la personale di Irene Manen - 29/11/2016 08:13:34
- Il Natale dei 100 alberi d’autore - 28/11/2016 20:22:54
- Carlo Buldrini: Pellegrinaggio buddhista - 16/11/2016 08:32:43
- A Spazio Mater l'arte digitale di Michele Grimaldi - 13/11/2016 19:50:50
- Gigantes de Perdas: alla scoperta dei nuraghi sardi - 04/11/2016 07:54:20
- Ivo Nardi: Riflessioni sul senso della vita - 24/10/2016 08:27:11
- Fabrizio Manzetti: Nascosti davanti a tutti - 18/10/2016 00:13:25
- Bambine e bambini: divino gioco di pace nel mondo - 28/10/2016 08:24:38
- La Danza degli Archetipi: alle radici del linguaggio simbolico - 13/10/2016 22:41:28
- Alla scoperta dei Fiori di Bach con Gerardo Chirò - 09/10/2016 08:44:23
- Sardegna: curiosità, aneddoti e misteri sardi con Gianmichele Lisai - 04/10/2016 06:59:28
- Roma per Amatrice: Concerto di Beneficenza - 25/09/2016 15:45:16
- Sulle tracce dell' archeologia dell'evanescente con Paola Di Si - 22/09/2016 15:21:18
- Sebastiano Brocchi: alchimia, esoterismo, simbologia sacra e mistero - 18/09/2016 08:55:07
- Milano: appuntamento per il World Lymphoma Awareness Day - 13/09/2016 07:41:13
- Sulla via degli sciamani del Sudamerica con Stefano Lioni - 29/08/2016 08:00:22
- Sulle orme dei Moso con l'antropologa Francesca Rosati Freeman - 16/08/2016 07:13:59
- Sui sentieri dei luoghi di culto della Grande Dea con Luisella Veroli - 11/08/2016 08:48:06
- Un Altro Mondo per i Diritti della Pachamama - 27/07/2016 07:32:44
- Alessandra Di Gesù: viaggio nelle Tradizioni Misteriche del Mediterran - 05/07/2016 08:00:50
- Abbracci gratis contro il linfoma: a Roma il V raduno dei Linfoami - 31/05/2016 23:23:59
- Out of Tibet: il foto-racconto della diaspora tibetana sbarca a Roma - 23/05/2016 00:04:09
- Il Canto delle Sirene in mostra a Bologna - 22/05/2016 10:02:01
- La cultura dei Moso arriva al Ramadù di Cisterna - 16/04/2016 21:08:59
- Donne e scienza: un binomio per troppo tempo ignorato - 24/03/2016 07:51:18
- Suffragette 2.0: approda al Peano di Roma - 14/03/2016 22:06:13
- Palazzo Visconti: Alta Moda della Sartoria Angela - 09/03/2016 08:47:43
- Il respiro profondo di una Nuova Era - 04/03/2016 14:17:21
- Festa grande per i 35 anni di attività di Erno Rossi - 01/03/2016 14:29:34
- I Sentieri della Terra: come restituire vita e dignità alla Mad - 20/02/2016 09:06:03
- Le remote origini del tatuaggio con l'antropologa Michela Zucca - 23/01/2016 09:46:08
- Mantra Madre e Il profumo della luna: libri per il risveglio dell'anim - 24/12/2015 10:37:15
- Roma: il Rito del Grembo - 12/12/2015 00:42:29
- Alla scoperta delle vere origini di Halloween con Monica - 31/10/2015 20:24:53
I COMMENTI RELATIVI ALL'ARTICOLO
Invia un commento alla Redazione
Email
Nome e Cognome
Messaggio
Gentile lettore, prima di inviare il Suo messaggio:

compilare il codice di sicurezza sottostante copiando l'immagine raffigurata;

CAPTCHA 
cambia codice

inserisci codice



Per pubblicare, in fondo all'articolo, il suo commento selezionare il pulsante sottostante.

Pubblicazione
  Si    solo nome
  Si    nome e cognome
  No


Grazie della collaborazione.

© 2014 - ftNews è una testata di libera informazione.