Redazione     Informativa     Link  

Tradizioni e benefici della panificazione con lievito madre in Sardegna

giovedì, 15 dicembre 2022 10:35

condividi su facebook
Galeta (pane tradizionale algherese realizzato da Antonio Masia del Panificio Cherchi di Olmedo)
Dal nostro inviato
Francesca Bianchi
FtNews ha intervistato il prof. Giovanni Antonio Farris, già docente di Microbiologia Agroalimentare e Presidente del Corso di Laurea di Tecnologie Alimentari all´Università degli Studi di Sassari, nonché attuale Presidente dell'Accademia Sarda del Lievito Madre. Per l'editore Carlo Delfino lo studioso ha curato i libri La Madre del Pane. Il lievito madre nella produzione dei pani tradizionali della Sardegna (insieme a Manuela Sanna, nel 2017) e Pani tipici della tradizione algherese (2021). Quest'ultimo lavoro accoglie i contributi dello storico Antonio Budruni, dell'agronomo Laore Antonio Demelas, del giornalista Giovanni Fancello, dell'agronomo ed esperto di analisi sensoriale Giuseppe Izza, dell'artista dei pani cerimoniali Anna Maria Lauro, del Direttore del Parco Regionale di Porto Conte Mariano Mariani, del panificatore Antonio Masia, della biologa nutrizionista Domenica Anna Obinu e della microbiologa alimentare Manuela Sanna. Nel corso della nostra bella e coinvolgente conversazione il prof. Farris ha ripercorso la storia del pane, soffermandosi sull'importanza da sempre attribuita al pane in Sardegna, terra che possiede il più alto numero di pani tipici, sia quotidiani che cerimoniali. In Sardegna la panificazione era quasi un rituale sacro, scandito da formule e preghiere, da sempre condotto e custodito dalle donne più anziane e sagge. Lo studioso ha spiegato la procedura della fermentazione del pane con l’impiego del lievito madre, facendo luce sui benefici nutrizionali e salutistici di questo tipo di fermentazione. Ha affermato che riproporre oggi l'uso di quello che in sardo viene chiamato su frammentarzu o frammentu è la missione scientifica e sociale dell'Accademia Sarda del Lievito Madre, una realtà composta da diverse figure professionali (panificatori, produttori di dolci, ricercatori, tecnici, giornalisti, editori e altri), che a diverso titolo si occupano dello studio e della diffusione della cultura della panificazione tradizionale con il lievito madre. Per diffondere questa tradizione nel mondo della ristorazione l'Accademia ha ideato la Carta dei Pani, nata sulla falsariga della Carta dei Vini, uno strumento di consapevolezza. Nelle parole di questo instancabile ambasciatore della panificazione tradizionale c'è la ferma convinzione che il crescente interesse, in Sardegna, per il recupero e il consumo dei pani tipici della tradizione, fatti di grano duro, costituisce un importante segnale di ripresa del comparto cerealicolo regionale. Tutto ciò potrebbe contribuire a rilanciare l'economia sarda.

Prof. Farris, lei oggi presiede l'Accademia Sarda del Lievito Madre. Quando ha iniziato ad interessarsi al pane e alla fermentazione con lievito madre? Come si spiegano le differenze tra lievito madre e lievito di birra?
Prima del 1996 non mi ero mai occupato del pane; nessuno fino ad allora si era mai occupato della fermentazione, visto che ormai il lievito di birra era entrato nell'uso comune. Ho iniziato a collaborare con medici nutrizionisti, fisiologi, biologi. Ci siamo accorti che le differenze tra lievito madre e lievito di birra erano enormi sia a livello nutrizionale che salutistico. Abbiamo fatto prove sulla celiachia, sull'indice glicemico, sulla digeribilità. Con il lievito di birra (che è costituito da una solo specie microbica: il Saccharomyces cerevisiae) le grosse molecole presenti nella farina rimangono praticamente tali e quali, mentre con il lievito madre tutto diventa più facilmente assimilabile. Per esempio, l'amido è una grossa molecola che difficilmente riusciamo a digerire. Con il lievito madre esso, dopo 12-24 ore, diventa quasi una fibra nobile. Parlare dei risultati che abbiamo ottenuto nel corso di questi anni per me è diventato un impegno scientifico e sociale.

Per anni lei ha custodito in casa una "collezione" di lieviti madre, che oggi è conservata presso l'Università di Sassari. Dove li ha recuperati?
Per anni ho custodito nel frigorifero di casa i lieviti madre che riuscivo a reperire (insieme ad altri amici e colleghi) in giro per la Sardegna. Erano davvero tanti, così un giorno ho deciso di metterli a disposizione della Collezione Microbica dell'Università di Sassari, sotto la responsabilità della prof.ssa Marilena Budroni. Noi dell'Accademia andiamo alla ricerca degli impasti più antichi, alcuni dei quali hanno un percorso ultracentenario. L'anno scorso, nella sezione di Microbiologia del Dipartimento dell'Università di Sassari, abbiamo istituito una collezione di lieviti madre della Sardegna, all'interno della quale vengono conservati campioni provenienti da tutta l'isola e tramandati di madre in figlia. Di ogni lievito conosciamo la storia. In diverse zone della Sardegna molte famiglie stanno riprendendo con fatica a panificare secondo la tradizione, ognuna con il suo lievito madre.

Cosa significa raccontare la storia del pane?
Di ogni lievito recuperato noi conosciamo la storia. Penso che il pane debba essere raccontato e per raccontarlo dobbiamo conoscere chi coltiva il grano, chi lo macina, chi vende lo sfarinato e chi lo trasforma in pane. Se sappiamo tutte queste cose, allora abbiamo a che fare con un pane che si può raccontare. Dobbiamo poter ricostruire il percorso che dal grano approda al pane, ripercorrendo i vari anelli della filiera. Per poter fare ciò è importante panificare con i grani nostri, innanzitutto con il grano duro.
Coca orita pintirinada (pane tradizionale algherese realizzato dal panificatore Antonio Masia)
Che differenza c'è tra i termini 'farina', 'sfarinato', 'semola rimacinata'?
Il prodotto della macinazione del grano tenero si chiama farina che, in relazione alla granulometria, ovvero alle dimensioni dei granuli, può essere di tipo 0, 00, 1 e 2. Nel grano duro il prodotto della macinazione si chiama semola: è certamente la parte più nobile della macinazione, i granuli sono a spigolo vivo e omogenei, non arrotondati come nella farina.Il semolato è uno sfarinato, che a livello di granuli, è molto più eterogeneo rispetto alla semola. Semola rimacinata, invece, quando alla semola si aggiunge una certa percentuale di farina sempre di grano duro.

Perché il pane di semola è più pregiato? In generale, si può dire che il pane ottenuto dalla semola è molto più sapido rispetto al pane ottenuto dalla farina di grano tenero. Inoltre il pane di grano duro ha una maggiore capacità di trattenere l’umidità, di conseguenza nel tempo rimane più serbevole. Se a questi fattori aggiungiamo il fatto che ai grani duri locali non viene eliminato il germe, la qualità del pane ottenuto dai nostri grani è certamente superiore. Il germe è la parte dell'embrione che normalmente, nei grani provenienti da oltreoceano, viene tolto perché contiene dei lipidi che, con la conservazione lunga, vanno incontro a irrancidimento, creando dei sapori non graditi. Con il germe, invece, la farina ha tutto un altro sapore, quindi il pane è molto più gustoso.

Qual è il vantaggio del grano locale rispetto ai grani provenienti dall'estero?
Le farine estere, normalmente, non provengono da grani d'annata. Capita spesso che i grani vengano ammassati in attesa di prezzi migliori, quindi qui arrivano farine di grani che sono stati mietuti anche 3-4 anni prima. Trasportati nelle stive delle navi, i grani vanno incontro a surriscaldamento con conseguente sviluppo di muffe, per cui, per far fronte a ciò, si utilizzano degli anticrittogamici. Questi residui, poi, li ritroviamo nelle farine. Inoltre è facile la presenza di insetti, con l’inevitabile ulteriore utilizzo di insetticidi. La soluzione ideale è utilizzare sfarinati locali, non inquinati da pesticidi. Nel 2000 in Sardegna esistevano 90-100 mila ettari coltivati a grano duro, ora sono poco più di 20 mila. Come Accademia del Lievito Madre ci proponiamo anche di promuovere la coltivazione del grano duro.

Come è nato il libro Pani tipici della tradizione algherese, pubblicato lo scorso anno dall'editore Carlo Delfino?
Tutto è nato dal desiderio di recuperare i pani tipici della Sardegna e riproporli. La Sardegna è la regione con il più alto numero di pani tipici, non solo da tavola, ma anche rituali: almeno l'80% dei pani rituali presenti in Italia si trova in Sardegna. Volevamo recuperare i pani tradizionali di ogni territorio, quindi ci siamo rivolti allo storico Antonio Budruni, che nel corso delle sue rigorose ricerche negli archivi ha trovato diversi riferimenti ai pani tradizionali di Alghero. Ho pensato di chiamare a raccolta i miei ex studenti e tanti amici panettieri. All'inizio avevamo pensato di circoscrivere il libro alla trattazione del pa punyat, letteralmente 'pane fatto con i pugni', recuperato dal panificatore Antonio Masia del Panificio Cherchi di Olmedo. Il pa punyat, che oggi è inserito nell'elenco dei PAT (Prodotti Agroalimentari Tradizionali), è il più noto tra i pani tradizionali algheresi. Quando Antonio Masia mi disse che stava iniziando a fare anche gli altri pani della tradizione algherese, abbiamo pensato di estendere il libro alla trattazione di tutti i pani tradizionali di Alghero. Siamo riusciti a recuperare almeno otto pani da tavola che erano scomparsi del tutto. Siamo intenzionati a ripetere questa esperienza per altri territori.

Come avviene la fermentazione del lievito madre? Perché il lievito madre ha rappresentato e rappresenta la qualità di un pane, soprattutto di quelli tipici e tradizionali?
Io sono nato a Ittiri, un paese tra Sassari e Alghero. Fino all'età di 18 anni ho mangiato il pane fatto in casa da mia madre, che panificava una volta alla settimana, il sabato. Il venerdì sera prendeva il lievito madre e lo scioglieva, ossia preparava la madre. In sardo esistono due momenti, il primo è quello della creazione, dal lievito madre (frammentarzu, frammentu in sardo, Llevat in algherese), della madre (in Sardegna assume diversi nomi in relazione all'area geografica: madrighe, matrica, madriga). Quando si deve panificare, si prende il lievito madre, lo si scioglie in un po' d'acqua tiepida e si lascia riposare, in modo che i microrganismi assorbano l'acqua, poi aggiungiamo nuovo sfarinato in relazione alla quantità di pane che vogliamo ottenere. Questo che noi andiamo a costituire si chiama madre, madrighe in sardo, che viene utilizzata in percentuale dal 10 al 20% (in relazione, soprattutto, alla temperatura ambiente e alla velocità di fermentazione), rispetto alla massa che si desidera panificare. Nel lievito madre ci sono fondamentalmente due gruppi microbici: lieviti e fermenti lattici. I lieviti sono importanti per la fermentazione dell'impasto: utilizzano gli zuccheri semplici per trasformarli soprattutto in anidride carbonica (un gas che fa aumentare di volume l’impasto). Questo tipo di fermentazione deve avere necessariamente dei tempi lunghi, non meno di 5-7 ore. Mentre i lieviti fanno un lavoro “molto facile”, i batteri fanno un lavoro più complesso, in quanto devono degradare le proteine, attaccare l'amido e, se c'è il germe, anche i grassi. Ecco perché con il lievito madre la fermentazione non può essere di un'ora: se vogliamo avere effetti buoni dal punto di vista salutistico, deve fermentare almeno 7 ore. Il pane così ottenuto ha un impatto minore sui livelli di glicemia, anche nelle persone con ridotta tolleranza ai carboidrati. Secondo diversi studi, l'attività proteolitica dei batteri lattici può contribuire a ridurre l'intolleranza al glutine. Il lievito madre è fermentato senza l'aggiunta di microrganismi esterni, quindi la maturazione del lievito madre avviene attraverso diversi rinfreschi che contribuiscono a selezionare batteri lattici e lieviti che nessun altro agente lievitante possiede, conferendo al pane il caratteristico sapore acidulo e una maggiore serbevolezza e digeribilità, oltre a proprietà sensoriali, nutrizionali e salutistiche che non sono riscontrabili in altri prodotti ottenuti con agenti lievitanti diversi. Il pane fatto con lievito di birra, quando è caldo, è profumato (a causa della cottura), ma una volta che si raffredda perde il profumo; nel pane fatto con lievito madre, invece, i profumi derivano dalla demolizione delle molecole proteiche, lipidiche e anche dell'amido, in seguito all’azione metabolica, soprattutto, dei fermenti lattici.

Cosa significa riproporre oggi il lievito madre?
La Sardegna deve ritornare a panificare come un tempo, usando il grano locale e il lievito madre: è un dovere etico, storico e culturale. Riproporre oggi l'uso del lievito madre è la nostra missione, è il motivo per cui è nata l'Accademia del Lievito Madre. In qualità di presidente dell'Accademia, non mi stancherò mai di divulgare l'uso del lievito madre, portando all'attenzione dell'opinione pubblica e dei consumatori tutti i benefici della fermentazione con lievito madre. Noi dell'Accademia siamo dei volontari: facciamo tutto gratuitamente, con convinzione e determinazione, e crediamo fortemente nel percorso che abbiamo intrapreso. Tornare a panificare con il lievito madre significa contribuire anche alla lotta allo spreco alimentare: un pane preparato nella maniera sopra descritta si può conservare senza problemi per una settimana.
Vorrei, poi, lanciare una proposta di tipo sociale che rivoluzionerebbe tutto il comparto: se il pane fatto con il lievito madre è più buono a partire dal giorno dopo, che senso ha obbligare i panificatori a lavorare di notte? Una rivoluzione in tal senso ci aiuterebbe a trovare gli addetti ai lavori. Con il lievito di birra, invece, si è costretti a lavorare durante la notte.

Tornando al libro Pani tipici della tradizione algherese, nel suo contributo lo storico Antonio Budruni ha ripercorso la storia antichissima del pane. Quando è nato il primo pane di cereali di cui si abbia conoscenza? In Sardegna quando e come è arrivata la panificazione? È possibile che sia stata introdotta da popoli provenienti dal Medio Oriente?
Il primo pane è nato circa 30 mila anni prima di Cristo, ma era fatto con sfarinato di radici di piante diverse dalle graminacee. Il primo pane di cereali di cui abbiamo conoscenza risale a 14 mila anni fa ed è stato trovato in Giordania, pane realizzato con i semi di cereali selvatici. In quel periodo l'agricoltura ancora non esisteva: è nata circa 10 mila anni fa e soltanto a quel punto è arrivato il pane fatto con i cereali coltivati. Gli egiziani hanno sperimentato la fermentazione del pane 4000 anni fa. La fermentazione dall'Egitto è passata in Grecia. Roma ha conquistato la Grecia, ma non conosceva la fermentazione del pane. Tra i Greci resi prigionieri dai Romani c'erano anche dei panificatori. Questi furono indotti dai Romani a panificare. A quel punto la panificazione è arrivata a Roma, che l'ha poi diffusa in tutto il mondo. Possiamo ipotizzare che la fermentazione sia arrivata in Sardegna direttamente dall'Egitto, oppure che sia stata introdotta nell'isola dai Romani, che l'avevano appresa dai Greci. I nuragici erano anche guerrieri e navigatori; potrebbero essere stati loro, nei numerosi viaggi nei paesi del Medio Oriente (e quindi anche in Egitto), a portare in Sardegna l’arte panaria e quindi anche l’uso del lievito madre, molti secoli prima della conquista della Sardegna da parte dei Romani.
Quivarjo (pane tradizionale algherese realizzato da Antonio Masia del Panificio Cherchi di Olmedo)
Si è detto che la Sardegna ha un ricchissimo patrimonio di pani quotidiani e cerimoniali. A cosa è dovuta questa g
rande varietà? In che modo la comunità isolana ha interpretato la cultura del pane?
Se andiamo a vedere tutte le varianti, dalla lavorazione all'abbellimento attraverso le decorazioni, ci rendiamo conto che le varianti sono migliaia. L'isolamento è stato fondamentale, ma bisogna considerare anche altri aspetti. Ci sono tanti lieviti madre, ognuno dei quali trasmette un gusto diverso, e di conseguenza conferisce al pane un sapore diverso. Quando si panificava a livello domestico, una determinata tipologia di pane era legata a quel paese e a volte addirittura a una specifica famiglia. Il pane rappresentava la cultura e l'identità di una comunità, raccontava la storia di quella comunità e del suo territorio. Bisogna tenere presente l'aspetto sociale: i pastori avevano i loro pani, così come i contadini e i pescatori, quindi si comprende bene come queste diverse varianti si siano, poi, moltiplicate. Il legame tra i pani e le varie tradizioni, in particolare quelle inerenti alla sfera religiosa, ha influito molto: la simbologia del pane va dal sacrificio, alla gioia, agli aspetti erotici e sessuali. In alcune realtà sarde c'era il pane dei morti: il giorno in cui un congiunto veniva a mancare, i parenti preparavano il pane e lo distribuivano alle persone che andavano a trovare il caro estinto. Mettendo insieme tutti questi aspetti, si comprende bene il motivo della presenza di così tante varietà di pani. Sono convinto ci siano anche in altre regioni, ma si sono perdute, mentre in Sardegna si sono conservate grazie all'isolamento e all’attaccamento alle tradizioni.

La panificazione in Sardegna era ed è attività tipicamente femminile.
In molti paesi ancora oggi le donne, soprattutto quelle più anziane, preparano il pane in casa. La panificazione era una attività soltanto femminile, l'uomo si fermava alla produzione del grano: la pulitura del grano, la macinazione e, soprattutto, la panificazione erano compiti delle donne. Tutte le donne sapevano panificare e preparavano il pane a livello domestico, infatti, fino ad alcuni anni fa, in certi paesi andare a comprare il pane con lievito birra era quasi una vergogna. Ognuno aveva il suo lievito madre, ma quando ci si riuniva tra famiglie, spesso il lievito era lo stesso perché se lo passavano tra di loro: è tradizione che il lievito madre si regali, non si deve comprare.

Qual legame esisteva tra il pane e la sfera religiosa?
Un legame fortissimo. Durante la preparazione del pane le persone ritenute impure non potevano partecipare. Come non parlare del rituale delle preghiere? Una decina d'anni fa decisi di approfondire il discorso del pane d'orzo, un pane nero, duro, povero, la cui tradizione si era quasi persa. Mi dissero che a Fonni c'era una signora novantenne che sapeva prepararlo bene, così decisi di andare da lei per assistere alla preparazione di questo pane. Prima di mettersi all'opera, questa donna mi chiese di recitare alcune preghiere: ad ogni passaggio c'era una preghiera diversa da recitare. Questo fa capire quanto fosse forte il legame con l'aspetto religioso: il pane era connesso ad antichi e consolidati momenti religiosi, come dicevo sopra; era considerato sacro, infatti non si buttava mai. Prova ne è il fatto che in Sardegna abbiamo tante ricette col pane raffermo. La preparazione del pane era quasi un rituale religioso che prevedeva la recita di preghiere e canti.

Perché i pani tipici vengono ancora snobbati nella ristorazione pubblica?
L'educazione alimentare ha esaltato uno o due sensi: la vista e il tatto. I pani che propongono nei ristoranti sono molto piccoli, bianchi, morbidissimi: sono considerati più facili da proporre perché non hanno particolari profumi o gusti, quindi non vanno ad incidere sul piatto. I ristoratori non hanno tempo per spiegare il pane e non vogliono neppure farlo, perché per presentare un pane devi avere le stesse competenze che occorrono per presentare una bottiglia di vino. Quando ordiniamo una bottiglia di vino, questa viene stappata davanti ai nostri occhi. Perché il pane, invece, viene portato già tagliato? Attraverso la Carta dei Pani, nata sulla falsariga della Carta dei Vini, vogliamo allargare l'uso del lievito madre anche ai ristoranti. I ristoratori devono imparare a considerare il pane uno dei principali componenti di tutto il pasto, quindi devono saper presentare i diversi tipi di pane e raccontare la loro storia. La Carta dei Pani rappresenta uno strumento di consapevolezza. Abbiamo iniziato l'attività della Carta dei Pani con il ristorante "Movida" di Daniele Sardu, ad Alghero. Prima di Natale incontreremo altri panificatori e ristoratori desiderosi di intraprendere con noi questo percorso.

Professore, come nasce una filiera corta? Cosa sappiamo della Filiera cerealicola del Parco di Porto Conte?
Questo è il meccanismo che porta alla nascita di una filiera: il molitore invita il contadino a coltivare una determinata varietà di grano per poter acquistare tutto il prodotto, macinarlo e distribuire lo sfarinato ai panificatori del territorio (o pastificatori). Spesso gli agricoltori non coltivano più determinati grani perché nessuno li acquista; il contadino che semina e vede che il suo prodotto non viene acquistato da nessuno è demotivato. Da qualche anno il Parco Regionale di Porto Conte-Alghero ha attivato una filiera corta, coinvolgendo alcuni cerealicoltori della Nurra algherese e chiedendo loro di coltivare un particolare tipo di grano, che viene acquistato interamente dal Parco. Il Parco, poi, porta il grano a macinare presso il Molino Riu, un molino algherese. Lo sfarinato ottenuto in parte va al Parco, che lo vende col proprio marchio, in parte al molitore, la gran parte ad Antonio Masia del Panificio Cherchi di Olmedo. Quest'anno, oltre al grano Karalis, è stata coltivata e prodotta anche la varietà Marco Aurelio.

Quali sono i prossimi appuntamenti che vedranno impegnata l'Accademia del Lievito Madre?
Qualche giorno fa ho incontrato l'Assessore alle Attività Produttive del Comune di Alghero e il Responsabile della FIPE di Alghero (Federazione Pubblici Esercizi) per organizzare una serie di eventi con i ristoratori al fine di promuovere l'utilizzo della Carta dei Pani nei ristoranti. Inoltre, abbiamo siglato un protocollo d'intesa con il Parco di Porto Conte per "lo studio, la valorizzazione, la promozione e la divulgazione della pratica della panificazione con l'uso del lievito madre nell'area del Parco di Porto Conte e nelle aree contermini". Stiamo facendo tutto questo per la valorizzazione della filiera corta e dei prodotti che ne derivano. La ripresa del comparto cerealicolo regionale potrebbe contribuire alla ripresa economica della Sardegna.
L'Accademia ha in programma anche un corso di panificazione, in diverse zone della Sardegna, con l’impiego di sfarinati locali e del lievito madre. Sarà un corso per persone desiderose di recuperare quest'arte. Stiamo, inoltre, collaborando sia col Comitato Promotore Pane Coccoi Dop che con l'Associazione Panificatori della Sardegna. Noi stiamo cercando di valorizzare una tradizione che, se venisse regolarmente utilizzata dai panificatori, si ripercuoterebbe su tutta la filiera. Il pane tradizionale è fatto di grano duro, quindi si incrementerebbe la coltivazione del grano (pagato naturalmente ad un prezzo dignitoso e remunerativo). Ciò significa che i giovani sardi potranno tornare a fare gli agricoltori e i cerealicoltori nella loro terra con dignità, senza essere costretti a cercare altrove un futuro dignitoso.
Mostra altri Articoli di questo autore
info@freetopnews.it
- Lorenzo Braccesi: Artemisia, eroica capitana di mare - 28/01/2023 12:48:07
- Transumanze: la migrazione in Toscana dei pastori sardi - 14/01/2023 21:24:51
- Stefania Germenia: nelle sue opere la bellezza dell'universo femmin - 04/01/2023 04:40:23
- La Sicilia degli Dei: il fascino senza tempo della Sicilia del mito - 22/12/2022 08:40:49
- Quel che resta del tempo: immagini di un'isola scomparsa - 17/12/2022 06:40:37
- Tradizioni e benefici della panificazione con lievito madre in Sardegn - 15/12/2022 10:35:36
- Il Supramonte di Gianluca Chiai in mostra a Nuoro - 30/11/2022 15:28:34
- Jean-Yves Frétigné: storia della Sicilia da Odisseo ai giorni nostri - 26/11/2022 14:17:32
- Floridia (SR): inaugurata la Biblioteca delle Donne - 20/11/2022 17:47:38
- Alessia Pecchioli: l'Incontro. Storia di un'adozione - 16/11/2022 10:31:46
- Cònti e Canzòni, l'omaggio di Iana De Muro alla memoria del non - 09/11/2022 06:03:27
- Piazza Armerina (EN): due giorni dedicati ai libri e alla letteratura - 05/11/2022 07:21:42
- Azienda Agricola Sparacino, sapori autentici del Val di Noto - 28/10/2022 05:15:42
- Cieli neri: con Irene Borgna alla scoperta dei cieli stellati d'Europa - 23/10/2022 05:02:28
- Apicoltura Pala, il sapore autentico del miele di Gallura - 17/10/2022 21:33:40
- LAeQUA, il laboratorio equo e solidale nel cuore di Modica - 11/10/2022 05:30:41
- Don Francesco Cossu: una vita dedicata ad Arzachena - 04/10/2022 06:06:37
- Apicoltura Milluzzo, l'eccellenza del Miele Ibleo - 28/09/2022 05:59:25
- Barbara Calanca: fari e forti di La Maddalena - 24/09/2022 06:18:31
- Sesamo d'Ispica, un'eccellenza siciliana firmata Gambuzza - 19/09/2022 17:25:47
- Fabio Presutti: una vita tra le isole dell'Arcipelago di La Maddalena - 13/09/2022 07:40:22
- Paola Marzotto: Ode alla Natura - 08/09/2022 05:27:01
- Alla scoperta della storia di La Maddalena - 05/09/2022 07:58:51
- Daniela Santonocito: Il Dialogo tra Epitteto e l'imperatore Adriano - 28/08/2022 18:31:20
- Alla scoperta dei luoghi energetici della Sardegna con Arianna Mendo - 23/08/2022 09:45:59
- Caprera: Compendio Garibaldino e vita privata di Giuseppe Garibaldi - 03/08/2022 17:45:34
- M'ammentu lu stazzu: la cultura degli stazzi nella mostra di Giuseppe - 26/07/2022 06:09:25
- Mieli Manias, la tradizione apistica più antica della Sardegna - 19/07/2022 06:47:54
- Sardo Sole, la Filiera del Grano Duro coltivato e trasformato in Sard - 12/07/2022 16:40:02
- Marella Giovannelli, Oltremare fra incontri e poesie - 03/07/2022 13:40:42
- Claudio Panaia: Caulonia, storia di una polis - 20/06/2022 06:49:06
- Silvana Cirillo: Tutto Pasolini, dalla A alla Z - 07/06/2022 10:39:03
- Francesca Saitta: Abitata dalla Fantasia - 01/06/2022 07:31:50
- Quartetto Cetra: la storia di un gruppo immortale - 24/05/2022 10:27:26
- Guido Guerrera: Franco Battiato, un mito senza tempo - 17/05/2022 09:10:25
- M’ammèntu lu stazzu: ad Arzachena una mostra fotografica sugli stazzi - 13/05/2022 07:51:08
- Adriano Teso: L’ABC per vivere bene - 09/05/2022 22:38:06
- Enzo Di Pasquale, Viaggio allo Zingaro - 02/05/2022 20:24:40
- Eric Salerno: Gerusalemme, la città culla delle grandi religioni - 24/04/2022 09:08:33
- Giovanni Zidda: Sas meres de su prantu, il rituale funerario di Orune - 13/04/2022 19:13:49
- Serri (SU): le radici agropastorali di un borgo del Sarcidano - 07/04/2022 18:01:42
- Adzovios a Luvula: a Milano una mostra su Lula - 25/03/2022 16:41:18
- Giuseppe Castellana, la Sicilia del Tardo Bronzo - 16/03/2022 10:06:27
- Dolores Turchi: Su Carrasecare, fascino e mistero di un rito ancestral - 01/03/2022 09:07:41
- Marco Peresani: Come eravamo, viaggio nell'Italia paleolitica - 24/02/2022 08:13:42
- Dora Marchese: l’Egitto nell’immaginario letterario italiano - 16/02/2022 16:56:33
- Michele Fresi: l'ultima Gallura, la storia degli stazzi narrata da un - 05/02/2022 09:51:36
- Nativi Americani, oggi: intervista a Raffaella Milandri - 03/01/2022 09:44:37
- Pasquale Pirodda, Balaiana vissuta nello stazzo - 28/12/2021 17:07:23
- Panificio Ciloche: l'arte del pane paulese - 19/12/2021 06:55:27
- Iride Peis: racconto, perché qualcosa di me resti - 08/12/2021 08:35:48
- Nabui, un'eccellenza del miele di Sardegna - 03/12/2021 08:21:25
- Petrarca, dal Secretum al regresso emotivo - 23/11/2021 08:13:54
- LabENur, il Nuragico da toccare con mano - 18/11/2021 16:25:18
- L’erba dell’oblio non cresce ad Arzachena - 04/11/2021 08:16:19
- Archeotour, da oltre trent'anni con il patrimonio culturale di Paulila - 21/10/2021 07:34:05
- Santa Cristina, simbolo millenario del culto delle acque - 13/10/2021 08:30:07
- Le vie de sos Pinnettos, alla scoperta della cultura pastorale sarda - 06/10/2021 09:22:20
- Giulio Gelardi: la manna, l'oro bianco delle Madonie - 30/09/2021 09:55:32
- Bergi, paradiso della biodiversità nel cuore delle Madonie - 22/09/2021 08:11:23
- Fondazione P.G. 5 Cuori, da Polizzi un omaggio alla Bellezza - 17/09/2021 07:46:06
- Francesca Fontanella: l'impero e la storia di Roma in Dante - 13/09/2021 08:42:45
- Tra cento miliardi di stelle: Montalbano Elicona ricorda Battiato - 09/09/2021 08:08:55
- Happy Glamping Madonie, il campeggio di lusso a 850 metri di quota - 06/09/2021 06:22:38
- La rinascita di Verbumcaudo, feudo di Polizzi sottratto alla mafia - 03/09/2021 05:57:50
- Il canto e il veleno: bucolici greci minori - 30/08/2021 07:22:33
- Angelo Merlino: le Madonie tra cultura, natura, geologia - 25/08/2021 06:18:50
- Baglio Bonsignore, vini di qualità nel territorio della Valle dei Temp - 11/08/2021 06:55:30
- Il Giardino della Kolymbetra, un gioiello nel cuore della Valle dei - 05/08/2021 06:33:00
- Archeologia, cinema, musica, teatro: l'estate della Valle dei Templi - 27/07/2021 06:44:21
- Val Paradiso: nel cuore della Sicilia, il miglior Olio IGP d'Italia - 20/07/2021 07:34:18
- Molino Ferrara: semole, farine e pasta di grani antichi siciliani - 14/07/2021 22:31:11
- La Donna e il Sacro: divinità femminili arcaiche nell'Abruzzo antico - 22/06/2021 09:03:47
- L’isola più bella: la Sicilia nella 'Biblioteca storica' di Diodoro Si - 09/06/2021 09:04:43
- Heinrich Schliemann a Napoli - 03/06/2021 07:09:16
- Rita Pirisi: l'agnello nella tradizione culinaria sarda - 27/05/2021 08:13:25
- Zungri: archeologia di un villaggio rupestre calabrese di epoca mediev - 26/04/2021 09:18:50
- Corleone, storia archeologica a fumetti - 19/04/2021 14:33:41
- Pupi Avati: il mio Dante, poeta forgiato dal dolore - 13/04/2021 10:18:09
- Massimiliano Finazzer Flory: Dante, per nostra fortuna - 26/03/2021 10:05:28
- Divina Sardegna, con il FAI alla scoperta dei luoghi legati alla Comme - 16/03/2021 09:55:54
- 8 Marzo: combattere le differenze per la parità di genere - 08/03/2021 07:24:27
- Ivano Dionigi: Segui il tuo demone - 05/03/2021 09:33:38
- La Musa Inquieta, il corto dedicato a Marta Marzotto - 23/02/2021 14:58:40
- Gabriele Gallo: ritratti alpini, racconti di un anno in montagna - 12/02/2021 16:50:51
- Giulio Guidorizzi: il mito immortale di Edipo ed Enea - 04/02/2021 08:00:35
- Laura Efrikian: tra Armenia e Africa, una vita all'insegna dell'amore - 29/01/2021 11:10:15
- Filomena Giannotti: Caproni, Il mio Enea - 20/01/2021 07:36:54
- Mamma Margherita: la mia Nadia, la forza dell'amore - 04/01/2021 17:57:43
- Anny Romand, mia nonna d'Armenia - 22/12/2020 07:09:20
- Giorgio Ieranò: I Greci e noi - 21/12/2020 07:17:10
- Pietro Pisciottu: L'Agnata, storia e memoria di uno stazzo gallurese - 14/12/2020 10:36:18
- Sopravvivere alla morte: la vita nelle iscrizioni funerarie latine - 07/12/2020 21:46:29
- Olivo: l'albero della civiltà - 05/12/2020 07:38:58
- Marida Lombardo Pijola: l'imperfezione delle madri - 25/11/2020 14:08:22
- Pietro Greco: Trotula, la prima donna medico d'Europa - 10/11/2020 08:28:11
- Gian Enrico Manzoni: la peste di Atene ai tempi del Covid - 29/10/2020 08:13:41
- Fiorenzo Caterini: ricostruzione della memoria in Sardegna - 23/10/2020 09:01:57
- Paolo Carboni: Tutt'a pedi - Alla scoperta del territorio di Aggius (S - 12/10/2020 10:44:57
- Agostino Asara, l'ultimo Patriarca degli stazzi galluresi - 06/10/2020 07:41:33
- Aggius (SS): storia, tradizioni, banditismo nel cuore della Gallura - 02/10/2020 06:54:06
- Tenuta Coda di Lupo, eccellenze sarde per un'agricoltura sostenibile - 22/09/2020 19:35:55
- Luigi Lehnus: Wilamowitz e il monte delle Muse - 15/09/2020 17:25:33
- Paola Mancini: viaggio nella storia di Loiri Porto San Paolo (SS) - 10/09/2020 18:14:11
- Alla scoperta dell'Area Marina Protetta di Tavolara (SS) con Augusto - 01/09/2020 21:32:17
- Giuseppe Festa: Ursula e Lupinella, orsi e lupi sulle montagne italian - 28/08/2020 07:59:34
- Pa punyat: con Antonio Masia alla scoperta delle eccellenze algheresi - 24/08/2020 08:51:11
- Sa Mandra, anima barbaricina nel cuore della Nurra - 19/08/2020 07:30:34
- Giuliano Dal Mas, una vita tra le Dolomiti - 13/08/2020 17:36:13
- Valle d'Aosta, presentata la XXIII edizione del Gran Paradiso Film Fe - 27/07/2020 19:42:54
- Irene Borgna: Louis Oreiller, il pastore di stambecchi - 20/07/2020 07:47:15
- Genzano, a Casa Mamre QUESTO MARE E’ PIENO DI VOCI - 16/07/2020 09:22:00
- Corrado Ruggeri, una vita in viaggio - 13/07/2020 07:30:17
- Lungo i sentieri del Cammino Ibleo con Nanni Di Falco - 06/07/2020 16:49:35
- Alla scoperta del nuraghe Majori di Tempio Pausania - 30/06/2020 07:39:09
- Lorenzo Braccesi: Olimpiade e Zenobia, quando il potere è donna - 24/06/2020 05:26:37
- Ove abitai fanciullo: a Recanati aprono le stanze private di Giacomo L - 15/06/2020 14:18:28
- I reperti assiri di Faida al premio mondiale in memoria di Khaled al-A - 08/06/2020 07:43:10
- Mauro Bonazzi: i Greci e il mistero dell'esistenza - 01/06/2020 07:22:54
- PandemicA, racconto corale per immagini - 21/05/2020 07:52:03
- Antonietta Langiu, la mia Isola - 08/05/2020 09:22:34
- Susanna Garavaglia: il risveglio della coscienza interiore - 29/04/2020 05:09:43
- Rosanna Raffaelli Ghedina: folclore, leggende e simboli delle Dolomiti - 16/04/2020 23:10:44
- Giorgio Murru: Spiriti e Dèi nella statuaria preistorica della Sardegn - 09/04/2020 13:50:32
- Una Maschera, un Volto, un Paese: il Carnevale in Sardegna - 07/03/2020 07:34:21
- Pe’ terre assaje luntane: al MANN l’emigrazione ischitana in America - 01/03/2020 19:33:00
- Thalassa: a Napoli le meraviglie sommerse dal Mediterraneo - 27/02/2020 23:09:38
- Nel segreto mare delle stelle di Marella Giovannelli - 25/02/2020 18:10:02
- Marcello Cabriolu, la Sardegna e il Mediterraneo Occidentale - 17/02/2020 21:27:55
- Erika Maderna, sulle tracce della medicina delle streghe e delle sant - 27/01/2020 06:48:31
- Federico Fellini: ironico, beffardo e centenario - 14/01/2020 07:56:24
- Pompei e Santorini, l'eternità in un giorno - 04/01/2020 08:29:04
- Andrea Icardi, un anno in Alta Valle Maira - 30/12/2019 14:15:42
- Archeologi italiani riportano alla luce i reperti assiri di Faida - 15/12/2019 09:45:07
- Augusto Mulas: l'orientamento astronomico dei nuraghi - 09/12/2019 19:01:03
- Margherita Massari: Ildegarda di Bingen, Sibilla e Dottore della Chies - 06/12/2019 09:18:37
- Il mito immortale di Cartagine in mostra a Roma - 04/12/2019 00:02:27
- Aquileia 2200. Porta di Roma verso i Balcani e l’Oriente - 29/11/2019 05:28:33
- Michele Porcaro: ASSTEAS - Storia del Vaso più bello del mondo - 19/11/2019 00:26:44
- Silvia Romani: credenze, miti e dei degli antichi - 11/11/2019 13:10:02
- All'Alba Radians di Albano (RM) il Filottete di Sofocle - 06/11/2019 16:36:58
- Mulino della Riviera di Dronero (CN), una storia firmata Cavanna - 29/10/2019 18:50:24
- Galluras, il Museo della Femina Agabbadòra - 22/10/2019 07:00:03
- Ugo Mancini: Sotto la cenere, storie di vita quotidiana durante il ven - 10/10/2019 20:51:11
- Alessandra Derriu: streghe, indovine e curatrici nella Sardegna del '7 - 04/10/2019 07:06:18
- Giuseppe Vito Internicola: Castellammare del Golfo, alle origini di un - 29/09/2019 18:15:59
- Città della Pieve (PG) si prepara ad accogliere Il Nostro Tempo - 25/09/2019 15:20:51
- Uno spazio per le Donne: alla scoperta del mondo femminile sardo e non - 23/09/2019 08:37:50
- Olmedo (SS), storia, tradizioni, folklore - 21/09/2019 09:21:49
- Silvia Giorcelli Bersani: I Romani e le Alpi - 16/09/2019 14:05:54
- Rossella Giglio: Segesta, tra teatro, musica, natura - 08/08/2019 15:56:16
- Enrico Caruso: la rinascita di Selinunte - 01/08/2019 14:29:05
- Lucina Gandolfo: alla scoperta di Monte Iato - 31/07/2019 07:33:07
- Sulle spiagge pontine tornano i Racconti di Sabaudia - 30/07/2019 08:47:45
- Tagliacozzo (AQ): XXXV Festival Internazionale di Mezza Estate - 22/07/2019 14:36:02
- Civiltà del sole: l'archeoastronomia nella Sicilia preistorica - 19/07/2019 07:30:13
- Cristina Muntoni, il potere delle parole nella storia della sacralità - 15/07/2019 18:12:54
- Francesco Bianco, un cammino tra verità nascoste - 13/07/2019 06:58:14
- Filippo Drago, mugnaio siciliano fra tradizione e modernità - 09/07/2019 07:28:20
- Con la KERNOS alla scoperta di Castellammare del Golfo - 02/07/2019 18:17:21
- Per una rinascita di Castelvetrano, città d'arte, storia, cultura - 27/06/2019 18:13:44
- Marinella Fiume: sapienza, virtù e misteri dell'universo simbolico fem - 11/06/2019 19:04:31
- Stefano Pucci: le incisioni rupestri delle Alpi Apuane - 07/06/2019 09:24:59
- Albano (RM), al via la Rassegna del Teatro Antico - 26/05/2019 18:33:37
- Max Dashu: Streghe e pagane, le donne nella cultura popolare europea - 14/05/2019 07:18:46
- Diego Maggio: profumi, aromi e sapori siculo-panteschi - 09/05/2019 08:15:34
- Regius, omaggio allo stupor mundi Federico II di Svevia - 03/05/2019 07:38:01
- Sentiero della Libertà, per tenere viva la Memoria - 01/05/2019 20:05:09
- Caccamo (PA), borgo di storia, arte, cultura - 28/04/2019 06:50:10
- C'era una volta Iato: omaggio dei ragazzi all'antica Iato - 23/04/2019 22:40:32
- U Pani ri Murriali: il pane genuino di una volta - 16/04/2019 17:20:40
- Recanati (MC): L'Infinito di Leopardi compie 200 anni - 13/04/2019 16:51:43
- A Camo (CN) torna PrimaVeraRegia - 11/04/2019 17:17:36
- Ivano Dionigi: Lucrezio, Seneca e noi - 04/04/2019 23:33:23
- Luca Mancini: Il caso dell'Ungheria di Horthy - 09/04/2019 19:14:05
- Il Foscolo di Albano (RM) trionfa al Festival Thauma - 30/03/2019 20:22:23
- Sotto il segno dei pesci: Camaiani celebra la Grecia - 28/03/2019 17:13:29
- Guido Cossard, viaggio nel mondo dell'Archeoastronomia - 25/03/2019 10:47:16
- Rosanna Oliva de Conciliis, una vita per la Parità - 17/03/2019 08:14:51
- Donna o Dea: le raffigurazioni femminili in Sardegna tra passato e pre - 02/03/2019 20:50:25
- Giorgio Ieranò: l'arcano fascino delle isole dell'Egeo - 25/02/2019 09:19:48
- Dea e Femminismo alla Roma Goddess Conference - 21/02/2019 09:10:27
- Elena Ianni: le feste e i falò del Messico - 17/02/2019 19:18:44
- Roma: l'olio d'oliva al Premio Filo della Torre - 15/02/2019 17:02:24
- I giovani attori del Foscolo alla Giornata del Greco - 06/02/2019 17:24:33
- La Penisola del Sinis (OR) tra storia, archeologia e natura - 29/01/2019 17:38:31
- King Camp Gillette: Il Turbine Umano - 19/01/2019 11:59:30
- Barumini (VS), archeologia, storia, cultura nel cuore della Sardegna - 14/01/2019 10:46:56
- Morena Luciani Russo: la ricerca della Dea e lo sciamanesimo - 09/01/2019 06:28:02
- Maurizio Bettini: Il Presepio, storia di un simbolo - 21/12/2018 08:22:38
- Venezia: Idoli, il potere dell'immagine - 12/12/2018 18:57:46
- Simona Modeo, Dioniso in Sicilia - 06/12/2018 17:48:35
- Violette Sauvage a Palazzo Colonna (RM) - 03/12/2018 07:01:13
- Pomezia (RM): Premio Donna d'Autore 2018 - 30/11/2018 06:37:50
- Massimo Blasi, l'incredibile storia degli imperatori romani - 28/11/2018 10:26:59
- Fabio Isman: 1938, l'Italia razzista - 25/11/2018 07:30:10
- Sacrum, lo Stabat Mater di Rossini all'Aracoeli di Roma - 22/11/2018 16:42:46
- Oriana Dal Bosco: il misterioso fascino del Nord Africa - 20/11/2018 17:17:03
- Natale inCHIOSTRO a Monastero di Dronero (CN) - 17/11/2018 07:53:51
- All'Alba Radians di Albano (RM): l'Ecuba di Euripide - 15/11/2018 16:59:16
- Autunno d'Autore a Ruralia, Conosci tu il paese dove... - 13/11/2018 18:40:36
- Marella Giovannelli, una vita tra giornalismo, fotografia e poesia - 09/11/2018 10:04:37
- Daniela Dao Ormena: Le radici chiamano, dolci melodie della Valle Mair - 30/10/2018 13:32:22
- Gli antichi pani di Sardegna protagonisti a Buddusò - 17/10/2018 14:23:34
- Torna a Lanuvio (RM) l'antico rituale della Maza - 04/10/2018 20:39:44
- Nonna Tommy, raccontaci ancora... - 02/10/2018 07:16:37
- A Buddusò (SS) torna Artes in Carrera - 30/09/2018 06:56:22
- Al Museo Africano di Verona la danza degli spiriti - 27/09/2018 00:12:36
- A. Cossard: Archeoastronomy, la prima app di archeoastronomia - 24/09/2018 09:21:18
- Firenze, Viaggio nell'altro e nell'altrove in ricordo di Paolo Grazios - 19/09/2018 08:31:44
- Lanuvio (RM): Buon compleanno, Antonino Pio! - 10/09/2018 06:04:22
- Raffaella De Sanctis, tra scuola e ricerca - 04/09/2018 17:45:49
- Màn. Vietnam Street Heroines in mostra al MAO (TO) - 26/08/2018 10:25:13
- Alessandra Comneno, una vita a contatto con la saggezza dei Nativi - 12/08/2018 19:38:51
- MAO (TO), ORIENTI. 7000 anni di arte asiatica dal Museo delle Civiltà - 07/08/2018 06:17:08
- Senorbì (CA), al MADN La Dea di Turriga, il mistero di un’icona senza - 01/08/2018 07:38:49
- Silvia Tenderini, una vita tra viaggi, ricerche e scrittura - 24/07/2018 19:40:34
- A Villa Giulia (Roma) la Scuola di Archeoastronomia 2018 - 19/07/2018 06:39:50
- Gabriella Mosso, I miei, i tuoi, i nostri - 17/07/2018 05:54:30
- Tagliacozzo (AQ), Festival Internazionale di Mezza Estate - 12/07/2018 06:39:05
- Franco Campus, Nuragici - un Territorio, un'Isola, il Mediterraneo - 09/07/2018 22:21:30
- Carmagnola (TO): Donne e Madonne nell’Arte dal XV secolo ad oggi - 04/07/2018 21:53:04
- Per una rinascita socio-culturale dei borghi della Valle dell'Amaseno - 25/06/2018 07:25:04
- Capalbio (GR), vacanza-laboratorio di Spiritualità Femminile con Devan - 22/06/2018 20:30:12
- Nicola Castangia, Ercole Contu e la scoperta della Tomba dei Vasi Tetr - 18/06/2018 06:44:49
- Castelfidardo (AN): gli studenti del Meucci per la valorizzazione del - 10/06/2018 17:30:57
- Papa Wojtyla in Comelico e in Cadore: il ricordo e l'emozione 30 anni - 27/05/2018 16:40:51
- Scrittori alla scoperta del mondo, una mostra sulla letteratura di via - 22/05/2018 06:00:18
- In viaggio tra le pagine di Elena Dak - 18/05/2018 09:31:20
- Convegno Internazionale contro Terrorismo, radicalizzazione e violenza - 08/05/2018 06:02:05
- Olimpia Biasi, la Viriditas di Ildegarda in mostra all'Hortu - 25/04/2018 15:09:19
- Con Marco Grippa alla scoperta del fascino segreto di Tagikistan e Kir - 18/04/2018 18:40:04
- Da Maenza a Fossanova sulle orme di San Tommaso d'Aquino - 13/04/2018 13:59:02
- Pierluigi Montalbano: l'alba della civiltà sarda - 10/04/2018 14:08:20
- Donne, Madri, Dee: la rappresentazione del femminile in mostra a Udine - 07/04/2018 07:14:26
- In mostra a Milano gli scavi di Achille Vogliano nel Fayum - 28/03/2018 18:52:37
- Sulle tracce della Dea: Viaggio nel Grembo della Storia - 17/03/2018 16:44:27
- Nadia Tarantini: Quando nascesti tu, stella lucente - 05/03/2018 21:14:35
- L'epopea dei Longobardi in mostra al MANN - 26/02/2018 10:45:11
- Verso il contratto di fiume dell'Amaseno - 22/02/2018 11:55:38
- Inside, la nuova collezione di Vittorio Camaiani - 11/02/2018 22:27:58
- Alla scoperta del matriarcato di Bali con Bruna Rotunno - 04/02/2018 13:48:05
- Giornata della Memoria, per non dimenticare - 25/01/2018 18:06:41
- Viaggio nei segreti della bellezza del corpo femminile - 21/01/2018 21:30:48
- Ildegarda di Bingen, maestra di sapienza nel suo tempo e oggi - 10/01/2018 22:22:54
- Selene Calloni: l'arte della ribellione zen per vincere la paura - 05/01/2018 22:57:08
- MANN: grande successo per la mostra sull'America precolombiana - 28/12/2017 14:29:51
- 2018 per Katike: i calendari di ...non lasciamoli soli - 19/12/2017 22:15:21
- Maenza: La rete dei cammini della Valle dell’Amaseno - 12/12/2017 22:31:25
- Al Convivium di Fiuggi i Pensieri sparsi di Daniela Gariglio - 07/12/2017 08:47:07
- Napoli: Il Natale dei 100 Alberi d’Autore - 03/12/2017 09:41:27
- Le donne dei Longobardi: urban-trekking con Michela Zucca - 28/11/2017 13:46:59
- San Martino di Stroppo: piccolo gioiello delle Valli Cuneesi - 24/11/2017 06:54:30
- Signa del Alma: per dire No alla violenza sulle donne - 19/11/2017 08:32:53
- Il nuovo romanzo di Maristella Lippolis: Raccontami tu - 07/11/2017 16:56:46
- Mama Africa: la maternità nell'arte africana - 03/11/2017 11:20:04
- Violette Sauvage: il vintage chic a Palazzo Colonna - 28/10/2017 11:28:12
- Il patrimonio archeologico del Lazio alla BMTA di Paestum - 26/10/2017 15:31:12
- Templari. Dal ducato di Puglia e Calabria, all’Italia del III Millenni - 22/10/2017 17:10:52
- Archeologia ferita: Volti di Palmira ad Aquileia - 11/10/2017 08:02:26
- Giancarlo Sani: alla scoperta delle incisioni rupestri toscane - 03/10/2017 13:36:14
- ... non lasciamoli soli: il progetto per il Nepal di Ilario Sedrani - 26/09/2017 08:24:26
- Giuliana Borghesani: La Maledizione della Liberta - 22/09/2017 14:28:02
- L'uomo, il Cancro del Pianeta - 04/09/2017 20:15:53
- Le caverne delle donne: la grotta di San Colombano - 25/08/2017 17:49:53
- Le figlie sono come le Madri: Donne lungo la Via della Seta - 30/08/2017 12:56:24
- Nemi: tornano i Nemoralia in onore della Dea Diana - 08/08/2017 17:21:44
- Donne e medicina: quale futuro per la medicina di genere? - 05/08/2017 08:48:58
- Arkeotrekking in Trentino: Sui sentieri delle Madri Antiche II - 31/07/2017 08:27:43
- Piero Verni: Tulku, viaggio nel cuore mistico della civiltà tibetana - 25/07/2017 07:11:56
- Ugo Mancini: ragioni e vicende degli antifascisti a Roma e nei Castell - 07/07/2017 18:23:52
- Festival di Tagliacozzo: conferenza stampa di presentazione a Palazzo - 05/07/2017 06:55:48
- Cuneo: Il lato nascosto delle Alpi - 04/07/2017 06:11:40
- Come con gli occhi dei bambini di Terezin - 28/06/2017 21:43:19
- Baby Giulia, storia di un'adolescenza rubata - 18/06/2017 13:18:11
- Francesca D'Amico: le donne nella tradizione contadina abruzzese - 11/06/2017 16:01:53
- Tutela e valorizzazione del patrimonio rurale nel Lazio - 07/06/2017 18:43:20
- Fiume che cammina. Transumanza dall’Adriatico al Lagorai - 03/06/2017 08:02:51
- Roma: VI raduno dei Linfoamici - 01/06/2017 14:32:42
- Atlantide, dal mito alla storia: intervista ad Alessandra Murgia - 20/05/2017 08:13:47
- Ignazio Didu: I Greci e la Sardegna. Il mito e la storia - 12/05/2017 09:18:37
- Sacra Nemora: la cultura del sacro in mostra a Lanuvio - 07/05/2017 23:09:38
- Pizzo d’Irlanda, merletto e ricamo protagonisti sul lago Trasimeno - 02/05/2017 07:59:39
- Arkeotrekking in Trexenta: Le Antiche Madri dei Monti e del Mare - 25/04/2017 19:47:13
- Le donne e il sapere medico-erboristico: un binomio da riscoprire - 07/04/2017 21:29:15
- Linfoamici a Venezia - 30/03/2017 18:13:31
- Com'è giusto che sia: il nuovo thriller di Marina Di Guardo - 29/03/2017 10:34:04
- Herbarie: le chiamavano Streghe - 24/03/2017 21:01:03
- Devana: il risveglio della spiritualità nativa dell'Antica Europa - 17/03/2017 18:33:42
- Andrea Loddo: l'archeologia sperimentale per comprendere le ancestrali - 11/02/2017 20:01:00
- Alla scoperta dell'origine genetica dei Sardi con il prof. Francala - 03/02/2017 08:01:01
- Diego Manzi: viaggio nel cuore della tradizione indiana - 28/01/2017 10:24:25
- Barbara Bonomi Romagnoli: storie di insette felici - 25/01/2017 23:15:02
- Alberto Pattini: Poesia del Trentino. La melodia della Grande Madre - 19/01/2017 21:24:29
- Rinascere dalle distruzioni. Ebla, Nimrud, Palmira - 12/01/2017 21:25:10
- Nori Corbucci: Marta Marzotto, una vita da ricordare - 05/01/2017 00:02:59
- La Sardegna antica nel cuore del Mediterraneo - 30/12/2016 01:04:16
- Sardegna nuragica e falso mistero della lingua etrusca con il linguist - 03/01/2017 07:32:46
- La Stirpe del Sole: una Medea inedita nell'ultimo romanzo di Giuliana - 23/12/2016 14:12:50
- Al Castello di Scilla i Popoli del Mare di Oreste Kessel Pace - 16/12/2016 12:53:26
- SACRUM: concerto dedicato a Papa Francesco all'Aracoeli - 08/12/2016 10:18:48
- Paola Biato: Viaggio nel mondo della Psicofiaba - 04/12/2016 19:28:59
- Il viaggio. Alchimie e Passioni: a Venezia la personale di Irene Manen - 29/11/2016 08:13:34
- Il Natale dei 100 alberi d’autore - 28/11/2016 20:22:54
- Carlo Buldrini: Pellegrinaggio buddhista - 16/11/2016 08:32:43
- A Spazio Mater l'arte digitale di Michele Grimaldi - 13/11/2016 19:50:50
- Gigantes de Perdas: alla scoperta dei nuraghi sardi - 04/11/2016 07:54:20
- Ivo Nardi: Riflessioni sul senso della vita - 24/10/2016 08:27:11
- Fabrizio Manzetti: Nascosti davanti a tutti - 18/10/2016 00:13:25
- Bambine e bambini: divino gioco di pace nel mondo - 28/10/2016 08:24:38
- La Danza degli Archetipi: alle radici del linguaggio simbolico - 13/10/2016 22:41:28
- Alla scoperta dei Fiori di Bach con Gerardo Chirò - 09/10/2016 08:44:23
- Sardegna: curiosità, aneddoti e misteri sardi con Gianmichele Lisai - 04/10/2016 06:59:28
- Roma per Amatrice: Concerto di Beneficenza - 25/09/2016 15:45:16
- Sulle tracce dell' archeologia dell'evanescente con Paola Di Si - 22/09/2016 15:21:18
- Sebastiano Brocchi: alchimia, esoterismo, simbologia sacra e mistero - 18/09/2016 08:55:07
- Milano: appuntamento per il World Lymphoma Awareness Day - 13/09/2016 07:41:13
- Sulla via degli sciamani del Sudamerica con Stefano Lioni - 29/08/2016 08:00:22
- Sulle orme dei Moso con l'antropologa Francesca Rosati Freeman - 16/08/2016 07:13:59
- Sui sentieri dei luoghi di culto della Grande Dea con Luisella Veroli - 11/08/2016 08:48:06
- Un Altro Mondo per i Diritti della Pachamama - 27/07/2016 07:32:44
- Alessandra Di Gesù: viaggio nelle Tradizioni Misteriche del Mediterran - 05/07/2016 08:00:50
- Abbracci gratis contro il linfoma: a Roma il V raduno dei Linfoami - 31/05/2016 23:23:59
- Out of Tibet: il foto-racconto della diaspora tibetana sbarca a Roma - 23/05/2016 00:04:09
- Il Canto delle Sirene in mostra a Bologna - 22/05/2016 10:02:01
- La cultura dei Moso arriva al Ramadù di Cisterna - 16/04/2016 21:08:59
- Donne e scienza: un binomio per troppo tempo ignorato - 24/03/2016 07:51:18
- Suffragette 2.0: approda al Peano di Roma - 14/03/2016 22:06:13
- Palazzo Visconti: Alta Moda della Sartoria Angela - 09/03/2016 08:47:43
- Il respiro profondo di una Nuova Era - 04/03/2016 14:17:21
- Festa grande per i 35 anni di attività di Erno Rossi - 01/03/2016 14:29:34
- I Sentieri della Terra: come restituire vita e dignità alla Mad - 20/02/2016 09:06:03
- Le remote origini del tatuaggio con l'antropologa Michela Zucca - 23/01/2016 09:46:08
- Mantra Madre e Il profumo della luna: libri per il risveglio dell'anim - 24/12/2015 10:37:15
- Roma: il Rito del Grembo - 12/12/2015 00:42:29
- Alla scoperta delle vere origini di Halloween con Monica - 31/10/2015 20:24:53
I COMMENTI RELATIVI ALL'ARTICOLO
Invia un commento alla Redazione
Email
Nome e Cognome
Messaggio
Gentile lettore, prima di inviare il Suo messaggio:

compilare il codice di sicurezza sottostante copiando l'immagine raffigurata;

CAPTCHA 
cambia codice

inserisci codice



Per pubblicare, in fondo all'articolo, il suo commento selezionare il pulsante sottostante.

Pubblicazione
  Si    solo nome
  Si    nome e cognome
  No


Grazie della collaborazione.

© 2014 - ftNews è una testata di libera informazione.