Redazione     Informativa     Link  

Alla scoperta dei tesori archeologici di Arzachena (SS)

sabato, 29 luglio 2023 08:39

condividi su facebook
La tomba di giganti Coddu 'Ecchju (“MiC – Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Sassari e Nuoro”)
Dal nostro inviato
Francesca Bianchi
Accompagnata dall'archeologa Silvia Ricci, il mese scorso ho visitato i siti del Parco archeologico di Arzachena: la necropoli neolitica di Li Muri, il sito più antico visitabile nel territorio di Arzachena, nonché una delle più antiche testimonianze del megalitismo europeo; le monumentali tombe di giganti di Li Lolghi e Coddu 'Ecchju, la cui grandiosità fa pensare che fossero non solo luoghi di culto in onore degli antenati, ma anche simboli di potere e di controllo del territorio; il complesso nuragico di La Prisgiona; il nuraghe Albucciu; la tomba di giganti Moru; il tempietto nuragico di Malchittu. Silvia Ricci, specializzata in Preistoria e Protostoria e consulente archeologa della Ge.se.co, la società municipalizzata che gestisce il Parco Archeologico di Arzachena, ha rilasciato a FtNews una bella e interessante intervista in cui ha ripercorso la storia millenaria del territorio, fornendo informazioni approfondite su ognuno di questi maestosi e imponenti tesori archeologici.
Un sincero ringraziamento a coloro che hanno reso possibile il mio reportage: la Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Sassari e Nuoro; Valentina Geromino, Delegata alla Cultura del Comune di Arzachena; l'avvocat Anna Maria Zedda, Direttrice della Ge.Se.Co; la coordinatrice dei siti Monica Linaldeddu.

Dott.ssa Ricci, la frequentazione del territorio di Arzachena è attestata già a partire dal Neolitico. La necropoli neolitica di Li Muri è il sito più antico visitabile nell’area e tra i più significativi della Sardegna. Qual è la particolarità di questa necropoli? Come si presentava? I reperti rinvenuti nel corso degli scavi quale immagine ci forniscono degli aspetti sociali, economici, culturali delle comunità che nel Neolitico hanno abitato il territorio?
Sì, la necropoli di Li Muri è il sito funerario più antico, risale a 6000 anni fa. La necropoli, scoperta da Michele Ruzittu nel 1939, è costituita da quattro circoli funerari, una tipologia di sepoltura attualmente conosciuta in Sardegna esclusivamente nel territorio gallurese, in particolare nell’area di Arzachena. Sepolture simili, sia dal punto di vista strutturale che degli oggetti rinvenuti, si trovano anche nella Corsica del Sud, in Catalogna e nel Midi Francese. Questo testimonia la partecipazione delle comunità neolitiche galluresi al megalitismo che, a partire dal V millennio avanti Cristo, si è diffuso nell’Europea occidentale e mediterranea. Anticamente l’area funeraria aveva l’aspetto di una serie di collinette artificiali tangenti fra loro, delimitate da piccole lastre infisse a coltello. Nel cerchio di pietre esterno erano collocati dei menhir, cippi di granito con valore sacrale, posti forse a segnalare le tombe o come simboli divini.
Al centro di ciascun circolo si trova una cassa rettangolare destinata presumibilmente, viste le dimensioni, alla deposizione di uno o al massimo due corpi in posizione rannicchiata.
All’esterno dei circoli, piccole cassette quadrangolari erano probabilmente utilizzate per deporre offerte periodiche deperibili, per esempio cibo.
All’interno vi erano lame di selce e ciottoli con tracce di ocra rossa, che possono essere stati utilizzati per predisporre la sepoltura. I corpi e la tomba erano cosparsi di ocra rossa, sostanza che simboleggiava forse la speranza in una rigenerazione.
A pochi metri di distanza, un quinto sepolcro differisce strutturalmente e concettualmente dagli altri: si tratta di una piccola tomba collettiva a corridoio dell’età del Bronzo, costruita su un circolo preesistente. I defunti della necropoli di Li Muri, di cui sono stati trovati solo esigui resti scheletrici, erano accompagnati da un ricco corredo costituito da collane con vaghi in steatite di varia forma, accette-amuleto in pietra dura levigata, lame in selce sarda e del Gargano e pomi sferoidi in granito e steatite di funzione incerta, forse elementi ornamentali da inserire in bastoni da comando.
Reperti simili sono stati trovati sia in Sardegna che in Corsica, ma anche nella Francia meridionale, nella penisola iberica e italiana, a Creta, in Egitto e in Anatolia. In uno dei circoli è stata ritrovata una coppetta in steatite con anse del tipo "a rocchetto", presenti in ceramiche della Sicilia, dell'Italia meridionale e di Malta. Vasi in pietra sono stati trovati anche in altri contesti funerari sardi dello stesso periodo. L’oggetto è confrontabile con esemplari simili presenti a Creta.
La ricchezza dei corredi della necropoli di Li Muri indica che i defunti fossero personaggi di rilievo della società e rivelano contatti culturali tra le comunità cui appartenevano, il resto della Sardegna e il Mediterraneo occidentale e orientale. L’isola nel Neolitico era coinvolta in una fitta reti di scambi basati sul commercio della selce dell’Anglona e soprattutto dell'ossidiana del Monte Arci.

Arzachena ospita una delle tombe di giganti più grandi dell'intera Sardegna: Li Lolghi. Come si spiega l'imponenza di Li Lolghi e di tutte le tombe di giganti? Le testimonianze ivi rinvenute ci dicono qualcosa del rituale funerario di quella comunità?
La tomba di giganti di Li Lolghi, monumento megalitico dell'età del Bronzo, ha una lunghezza complessiva di 27 metri. La maestosità di queste strutture è dovuta sia alla cura e alla devozione impiegate dai nuragici per costruire delle tombe per i propri cari e onorare gli antenati, ma ha anche lo scopo di segnalare la presenza nel territorio delle comunità che le hanno realizzate. Il grande tumulo di terra e pietrame che protegge il corridoio funerario contribuiva ad accrescerne l’imponenza. Le tombe di giganti sono tipici sepolcri collettivi nuragici; all'interno venivano deposte diverse decine di defunti, talvolta centinaia. Riguardo al rituale funerario e al trattamento del corpo, non essendo stati ritrovati resti scheletrici all’interno del sepolcro, ci si può basare sui risultati degli scavi effettuati in altre tombe di giganti. I defunti venivano sepolti all’interno del corridoio funerario in deposizione primaria, cioè interi e senza alcun trattamento successivo alla morte.
Il ritrovamento, in alcuni casi, di ossa disarticolate ha indotto gli studiosi a pensare che si praticasse la scarnificazione prima della deposizione. In realtà, studi successivi hanno chiarito che erano dovute al fatto che, una volta esaurito lo spazio nella tomba, ciò che restava delle sepolture precedenti veniva spinto sul fondo del corridoio per fare spazio alle nuove inumazioni. I corpi erano calati dall’alto della tomba sollevando una delle lastre di copertura destinata allo scopo.
Come nella maggior parte dei casi, non sono stati ritrovati corredi individuali all’interno della tomba e ciò fa pensare che gli abitanti delle comunità nuragiche venissero sepolti senza distinzioni di sesso, di età e ruolo sociale. All’interno del corridoio funerario sono state trovati contenitori ceramici che probabilmente contenevano cibi e bevande offerte in onore dei defunti.
La maggior parte degli oggetti proviene dall’esedra, cioè l’area cerimoniale. La grande quantità di ceramiche legate alla preparazione e alla consumazione di cibi fa pensare a rituali che prevedevano lo svolgersi di pasti comunitari in occasione della deposizione dei defunti e durante commemorazioni e cerimonie legate al culto degli antenati. I reperti hanno fornito, inoltre, indicazioni cronologiche sulla sequenza costruttiva della tomba e sul periodo di utilizzo.
Il nuraghe e il villaggio di La Prisgiona (foto di Marco Secchi) - “MiC – Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Sassari e Nuoro”
Cosa sappiamo della tomba di giganti di Coddu 'Ecchju?
Coddu Ecchju è una delle tombe di giganti meglio conservate in Sardegna. Probabilmente era un sepolcro destinato agli abitanti del villaggio di La Prisgiona, che dista circa 600 metri in linea d'aria. In base agli scavi archeologici condotti dall’archeologa Editta Castaldi nel 1966 e ai reperti, si è potuto capire che, come altre tombe di giganti del territorio, è stata realizzata nell’età del Bronzo, in due distinte fasi.
Ad una tomba a galleria, costruita tra il XXI e il XIX sec. a.C., venne aggiunta l’esedra tra il XVIII e il XVI sec. a.C. Quest’ultima, elemento tipico delle tombe di giganti, è un’area semicircolare delimitata da grandi lastre verticali infisse nel terreno, che costituiscono la facciata della tomba. La stele centinata al centro è alta 4 metri e 4 cm, e al momento è la stele integra più grande della Sardegna. Formata da due distinte lastre sovrapposte, tenute unite da un particolare incastro, è decorata da una cornice a rilievo e da un listello mediano. La stele ha un forte valore sacrale; sembrerebbe richiamare il simbolo della “falsa porta”, presente anche nelle domus de janas del Neolitico, suggerendo un legame con il passato e il perpetuarsi nel tempo di alcune simbologie in ambito funerario.
La “falsa porta” rappresenterebbe una separazione tra il mondo dei vivi, l’esedra, e quello dei morti, quindi la tomba posta dietro la stele. Il collegamento tra i due mondi potrebbe essere simboleggiato dal portello che si trova alla base, attraverso il quale si introducevano le offerte funerarie per i defunti. I vasi di ceramica di forma chiusa trovati contenevano probabilmente bevande o alimenti. Tegami, spiane, olle e ciotole per la preparazione e la consumazione di cibi, rinvenuti nell’area cerimoniale antistante la tomba, erano utilizzati durante i rituali che si svolgevano in occasione di cerimonie funebri e rituali in onore dei defunti e degli antenati.
Come in altri sepolcri del territorio, non si sono conservati i resti scheletrici; probabilmente a causa dell'acidità del suolo granitico. Non sono stati trovati neanche oggetti di corredo. Per quanto riguarda il rituale funerario, quindi, valgono le stesse considerazioni fatte per la tomba di Li Lolghi. I defunti venivano sepolti in deposizione primaria e senza distinzione di sesso, età o status sociale.

Uno dei siti più importanti del territorio di Arzachena è rappresentato dal complesso nuragico di La Prisgiona. Come era strutturato? Cosa ci dicono della civiltà nuragica i reperti che sono stati rinvenuti nel corso delle campagne di scavo? A quali attività si dedicavano i nuragici del villaggio di La Prisgiona?
L'area archeologica di La Prisgiona è di notevole interesse per la conoscenza della civiltà nuragica. Con il primo scavo archeologico diretto nel 1959 da Ercole Contu, e dopo diverse campagne di scavo dell’archeologa Angela Antona, è stata portata alla luce buona parte dell’insediamento composto dal nuraghe e dal villaggio. Gli studi hanno permesso di ricostruire le fasi di costruzione, ristrutturazione e di utilizzo dell’abitato, comprese in un lungo arco cronologico, dall’età del Bronzo all’età del Ferro. Il nuraghe La Prisgiona fa parte di un complesso sistema insediativo e costituiva un importante punto di riferimento politico ed economico per gli abitati dell’area circostante. La funzione di controllo sul territorio è indicata dalla posizione dominante, con un'ampia visuale sulla vasta piana di Arzachena compresa tra il fiume Liscia e il Rio San Giovanni
. Il nuraghe del tipo “a tholos” è stato edificato nel XIV secolo a. C. su una struttura preesistente. Si compone di una torre centrale e due torri laterali poste ai vertici di un bastione triangolare al quale si accede attraverso un corridoio curvilineo. I reperti hanno contribuito a comprendere le varie funzioni del nuraghe e le attività che si sono svolte nel tempo, come per esempio la conservazione di beni alimentari, la filatura di fibre tessili, testimoniata da fusaiole, o la deposizione rituale di un ripostiglio di bronzi custodito all’interno di una piccola anfora. Nell’ampio cortile antistante il bastione si trova la Capanna delle Riunioni, dove probabilmente si riunivano persone eminenti della comunità. Gli oggetti trovati suggeriscono che nell’ambito di questi incontri si svolgessero anche dei rituali contestualmente alla consumazione di bevande particolari. Infatti, oltre a numerose ciotole e a un attingitoio, è stato ritrovato un vaso globulare di grandi dimensioni, unico per la forma e le decorazioni. Le caratteristiche fanno ipotizzare che servisse per la preparazione di una bevanda distillata o fermentata. Sul fondo del vicino pozzo, profondo oltre sette metri e ancora attivo, giacevano delle raffinate brocche askoidi. Questi recipienti tipici della produzione ceramica nuragica, rinvenuti anche in vari contesti del Mediterraneo, sono strettamente legati al consumo del vino. La parte del villaggio portata alla luce è quella più vicina al nuraghe. Viottoli lastricati attraversano due isolati composti da capanne circolari e piccoli vani. Alcune capanne erano destinate ad attività artigianali specifiche come la fabbricazione, la cottura e la riparazione delle ceramiche, la lavorazione e lo stoccaggio dei cereali, la produzione e la cottura del pane, quest’ultima testimoniata dalla presenza di un forno.

Un altro nuraghe presente nel territorio arzachenese, il nuraghe Albucciu, è considerato dagli archeologi di notevole interesse; che cosa lo rende così particolare? Quali informazioni ci danno i ritrovamenti in merito alla vita degli abitanti e agli scambi commerciali dei nuragici con gli altri popoli del Mediterraneo?
L’insediamento di Albucciu comprendeva il nuraghe e un villaggio che si estendeva a sud e a est del nuraghe, di cui oggi restano poche tracce. Situato ai margini di una vasta piana fertile attraversata dal rio Bucchilalgu, il nuraghe Albucciu domina l'area pianeggiante e i rilievi intorno, costituendo il punto di riferimento politico ed economico per una serie di abitati minori disposti sulle alture circostanti. A renderlo così particolare, e molto diverso dal classico nuraghe a torre troncoconica, sono le caratteristiche architettoniche. Costruito sfruttando un grande affioramento granitico, l’edificio è di tipologia mista.
Questo tipo di nuraghe, molto diffuso in Gallura, unisce soluzioni architettoniche presenti nei nuraghi più arcaici, detti “a corridoio”, a espedienti tipici dei nuraghi a “tholos”, a cui appartiene anche La Prisgiona. Nel terrazzo e nei vari ambienti sono stati rinvenuti numerosi e importanti reperti, testimonianza delle varie attività quotidiane che si svolgevano nel nuraghe dal XIV al VII sec. a.C. Per esempio, sono stati trovati utensili legati alla lavorazione del latte, dei cereali, alla cottura del pane e di altri cibi, ma anche ornamenti e manufatti in bronzo di produzione locale, tra cui una statuetta di offerente. Alcuni oggetti preziosi testimoniano la partecipazione della comunità di Albucciu a scambi culturali e commerciali con l’Italia peninsulare e col Mediterraneo orientale, come suggeriscono un frammento di situla di bronzo in stile “orientalizzante”, un pendaglio bronzeo a rotella e perline di pasta vitrea.
Molto interessante a tal proposito è il ritrovamento di un ripostiglio di bronzi custodito all’interno di un’olletta di ceramica. Tra vari ritagli indefiniti e frammenti di spade votive, vi erano anche sei frammenti di lingotti di rame di un tipo particolare di produzione egea, chiamato ox-hide, cioè “a pelle di bue”, una forma particolarmente adatta al trasporto. Questi lingotti, di provenienza cretese e cipriota, sono importanti perché ci fanno capire come la comunità di Albucciu fosse inserita all'interno di reti commerciali che riguardavano l'approvvigionamento del rame, una materia prima richiesta dai nuragici in grandi quantità, vista la ricca produzione metallurgica.
Il tempietto nuragico di Malchittu (“MiC – Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Sassari e Nuoro”)
A pochi metri di distanza dal nuraghe Albucciu si trova la tomba dei giganti Moru, che pare sia stata frequentata fino all'età punica. Anche questo sito ha restituito testimonianze relative ai traffici commerciali in cui era inserita la Sardegna. Ci spieghi pure...
La tomba di giganti Moru era probabilmente l'area funeraria di pertinenza del nuraghe Albucciu. Il sepolcro è stato realizzato in due fasi costruttive ed è stato utilizzato per un lungo periodo di tempo, dal XVIII al X sec. a.C. I reperti appartenenti alla fase più antica della tomba, in particolare dei vasetti miniaturistici, sono stati ritrovati all’interno del corridoio. Numerosi oggetti attribuibili alla seconda fase di vita del monumento, soprattutto ceramiche, tra cui una coppa su piede, ma anche i frammenti di due pugnali di bronzo e un vago di collana in ambra, provengono dal corridoio e dell’esedra. Il grano d'ambra, datato tra il 1200 e il 900 a.C., ci parla dei traffici commerciali in cui era inserita la Sardegna, compresa la comunità di Albucciu. L'ambra proveniva dal mar Baltico, e probabilmente giungeva nell’isola dall'Italia tirrenica grazie ai contatti con la civiltà villanoviana. Sappiamo che la tomba è stata frequentata e riconosciuta come luogo sacro anche in età punica: sebbene non siano state ritrovate sepolture di quel periodo, è stata rinvenuta una moneta, forse un’offerta, datata fra il 300 e il 264 a.C., con rappresentata su una faccia la testa di un equino e sull'altra la dea Tanit. Un simbolo della stessa divinità punica fu inciso nella lastrina che secoli prima chiudeva il portello della stele, riutilizzata come una piccola stele e infissa all’ingresso della tomba.

Nel territorio di Arzachena è presente un particolare edificio di culto nuragico, il tempietto di Malchittu. Quando è stato realizzato? Cosa sappiamo della funzione di quest’edificio?
Nell’area di Malchittu, non lontano dal nuraghe Albucciu, si trova un tempietto nuragico posto tra due alture granitiche. L’edificio, di pianta sub-rettangolare con pareti curvilinee, è conservato quasi integralmente; manca solo la copertura che doveva essere a doppio spiovente, realizzata con travi di legno. Le caratteristiche architettoniche lo accomunano alla categoria dei templi nuragici detti “in antis”, per la presenza di un atrio formato dal prolungamento dei muri laterali davanti alla facciata. Tale particolarità richiama la struttura detta “a megaron”, tipica dell’architettura minoica e micenea.
Questi edifici si diffondono in Sardegna nella fase matura della civiltà nuragica, mentre il tempietto di Malchittu risale a diversi secoli prima: in base ai pochi frammenti ceramici trovati contestualmente allo scavo archeologico effettuato nel 1967 da Maria Luisa Ferrarese Ceruti, è stato datato al Bronzo medio, alla prima fase della civiltà nuragica, tra il XVIII e il XVII sec. a.C. All’interno sono presenti alcuni elementi presumibilmente legati allo svolgersi di rituali. Sulla parete absidata di fondo un alto bancone a ridosso del muro era forse utilizzato per poggiare delle offerte o degli oggetti di culto. Sul lato destro dell’edificio, in posizione centrale, si trovano due gradini; si ipotizza che costituissero dei sedili per ospitare i partecipanti ammessi ai rituali. Sul lato opposto un gradino isolato era forse un sedile destinato all’officiante, di fronte al quale è collocato un focolare circolare. L’assenza, tra i reperti ritrovati, di offerte e oggetti simbolici e di qualsiasi altro manufatto significativo non consente agli archeologi di risalire ai riti svolti nel tempietto né a quale divinità fossero rivolti. La presenza del focolare potrebbe suggerire l’utilizzo del fuoco nell’ambito di rituali celebrati durante momenti di incontro tra le comunità del territorio circostante. Non si esclude l’utilizzo anche dell’acqua, elemento fondamentale nella religiosità nuragica, come dimostra la diffusione di raffinati edifici di culto costituiti da fonti e pozzi sacri.

Il Museo Civico "Michele Ruzittu" di Arzachena ospiterà fino al 2026 la mostra temporanea Il Tempo Ritrovato. Patrimonio archeologico di Arzachena dal Neolitico a Roma, inaugurata lo scorso anno. L'esposizione permette al visitatore di conoscere i siti archeologici del territorio prima di scoprirli e visitarli di persona in loco. Lei ha lavorato alla realizzazione di questo progetto. Come è strutturato il percorso espositivo? Quali reperti possono ammirare i visitatori?
La mostra temporanea Il Tempo Ritrovato ospita, per la prima volta ad Arzachena, più di 200 reperti provenienti dai siti archeologici del territorio, sia da quelli fruibili che da altre aree archeologiche meno conosciute. L’esposizione, articolata in due sale, è arricchita da dispositivi interattivi e contenuti multimediali bilingui che guidano il visitatore alla scoperta del ricco patrimonio archeologico arzachenese.
Gli approfondimenti permettono di contestualizzare i reperti e di comprenderne meglio caratteristiche e funzioni. L'esposizione è suddivisa in due sale. La prima racconta la storia del territorio dal Neolitico all'età romana e le sue peculiarità. I reperti sono raggruppati secondo sei sezioni tematiche, a cominciare dalle prime tracce dell’uomo risalenti al Neolitico, che sono costituite da ornamenti e strumenti provenienti dai circoli funerari di Li Muri e La Macciunitta, dal villaggio di Pilastru e dal dolmen di Li Casacci Vecchi. Un gruppo di minerali e pietre rappresenta alcune delle materie prime utilizzate dall’uomo neolitico: ocra rossa (ematite), selce, ossidiana e steatite. Il racconto prosegue con alcuni reperti rinvenuti presso diversi tafoni del territorio. Il termine indica le cavità naturali che si creano in seguito all’erosione dei blocchi granitici; l'uomo li ha utilizzati in vario modo fin dalla preistoria. Monti Incappiddatu è un esempio emblematico di tali ripari sottoroccia. Da vari insediamenti nuragici, quali nuraghi, villaggi e alture fortificate, proviene una serie di oggetti legati alla vita quotidiana: affilatoi di pietra, lisciatoi, una lucerna e vari recipienti di ceramica, anche decorati.
Si possono osservare, inoltre, degli ornamenti in bronzo provenienti dal villaggio di La Prisgiona e un eccezionale rasoio lunato in ferro in buono stato di conservazione. È presente anche un insieme di minerali da cui venivano ricavati rame, piombo e ferro utilizzati in epoca nuragica. Una sezione è dedicata al nuraghe Albucciu, con una grande varietà di oggetti, tra cui fusaiole, vaghi di collana in bronzo, affilatoi e pestelli litici, ceramiche...
Sono di particolare interesse dei denti di falcetto in ossidiana. Per comprendere meglio l’aspetto originario di alcuni utensili, sono state inserite delle riproduzioni. Sono legati al culto dei morti i manufatti provenienti dalle tombe di giganti di Moru e Li Lolghi, per esempio una perlina in vetro blu decorata “ad occhi”. In questa sezione sono stati inclusi alcuni reperti, tra cui quella che sembra essere una lama di rame piegata intenzionalmente, trovati in circoli cultuali di epoca nuragica. L’esposizione della prima sala si conclude con una sezione sul Golfo di Arzachena in antichità.
Il mare ha rappresentato una risorsa in tutte le fasi della storia dell'uomo, come dimostrano anche i pesi da rete ritrovati nel villaggio di La Prisgiona e nel nuraghe Albucciu. Qui abbiamo potuto esporre alcune testimonianze di epoca romana: un coppo e un embrice provenienti da un relitto di 18 mt naufragato di fronte al Golfo di Arzachena. Del relitto è stato trovato il carico intatto di tegole, probabilmente fabbricate nell'area suburbana di Roma e destinate a un edificio di pregio, forse nella costa occidentale della Sardegna o in Spagna.
La seconda sala costituisce un focus sul complesso nuragico di La Prisgiona. Planimetrie e contenuti multimediali introducono alla conoscenza di questo importante insediamento e dei reperti ritrovati, che raccontano la vita quotidiana degli abitanti, gli aspetti sociali, economici e rituali. Nelle vetrine di questa sala è possibile ammirare alcuni tra i più importanti oggetti rinvenuti nel sito. Spicca, fra tutti, il famoso vaso decorato dalla Capanna nelle Riunioni, per la distillazione o la fermentazione di una bevanda speciale. Possiamo osservarne il caratteristico colletto obliquo con fori e le particolari decorazioni.
Di notevole interesse è il ripostiglio di bronzi che era adagiato lungo il pavimento della torre centrale del nuraghe, in un apposito alloggiamento: un’anforetta custodiva frammenti vari di bronzo e un tipico pugnaletto nuragico ad elsa gammata. Accanto ad altri oggetti metallici, come pugnali, fibule, un puntale di lancia decorato perfettamente conservato, si possono osservare varie tipologie di recipienti ceramici destinati a diversi utilizzi. Era probabilmente usato per la cottura del pane un grande tegame decorato sul fondo, proveniente dalla Capanna delle Riunioni. Due grandissimi vasi riparati dai nuragici con grappe di piombo servivano per conservare cospicue quantità di derrate alimentari. Una fiasca del pellegrino e una serie di brocche askoidi decorate dal villaggio sono legate al trasporto e alla consumazione del vino. Attraverso i reperti esposti, pur essendo solo una parte dell’abbondante materiale archeologico restituito dall’insediamento, è possibile immaginare come potesse svolgersi la vita della florida e dinamica comunità di La Prisgiona.
Mostra altri Articoli di questo autore
info@freetopnews.it
- Storie di Asinara in mostra a Cala Reale - 24/05/2024 14:33:09
- Inside Tunisia: alla scoperta dei tesori archeologici, - 17/05/2024 17:01:15
- Su Fari Fari: alla scoperta dei sapori della cucina tipica camp - 11/05/2024 04:03:26
- Porto Rotondo: storia di un borgo inventato - 30/04/2024 04:55:45
- Primavera in Marmilla: a Tuili (SU) la Sagra de Su Pani Arrubiu - 14/04/2024 11:37:50
- A Nuoro un incontro su sa femina accabadora - 11/04/2024 06:25:30
- Ad Amburgo la mostra fotografica itinerante ''Sander Sardinia 1927'' - 04/04/2024 17:30:45
- Da Omero alle tradizioni di Sicilia: orbi, cunto, pupi - 29/03/2024 05:40:27
- Feminas: Lino Pes in mostra ad Atzara - 24/03/2024 05:23:58
- Giuseppe Leone: Iblei, qui è un'altra Sicilia - 19/03/2024 05:43:00
- Pinnettas de Pedra: gli antichi rifugi pastorali del Meilogu-Villanova - 14/03/2024 06:07:54
- Donne nella storia: l'8 marzo un convegno a Sant'Antioco - 07/03/2024 16:38:03
- A Meana Sardo una rassegna di dialoghi sulla cultura della Sardegna - 05/03/2024 09:12:23
- La magia degli amuleti: Sardegna e Umbria unite dall'archeologia - 18/02/2024 05:38:42
- Mascheramenti animaleschi nelle tradizioni satiriche e carnevalesche e - 14/02/2024 17:59:02
- Corinne Baroni: Mia madre, donna sciamana - 08/02/2024 04:54:56
- Racconti del territorio: i contesti medievali di Loiri Porto San Paolo - 31/01/2024 17:44:17
- Leonardo Sciascia nel ricordo della figlia Anna Maria - 21/01/2024 07:20:28
- Il nuovo romanzo di Samuel Montegrande: Prima che torni Giulia - 16/01/2024 06:21:45
- La Storia: su Rai 1 la fiction ispirata al romanzo di Elsa Morante - 08/01/2024 07:07:17
- Angelo Vintaloro: La Sicilia, il Mediterraneo, l'Europa nella preisto - 03/01/2024 17:46:18
- Roma – Mostra nel nome di san Francesco - 30/12/2023 07:02:44
- Canicattini Bagni (SR): A Notti ri Natali al Museo TEMPO - 08/12/2023 06:29:30
- Taste of Vasto: viaggio nei mondi di Italo Calvino - 03/12/2023 06:22:16
- Laconi: al Menhir Museum la mostra fotografica sulla statuaria preis - 27/11/2023 05:59:23
- La filiera cerealicola nella Baronia - 21/11/2023 14:18:15
- Al MAB di Sant'Antioco la mostra Fenici, la rotta del Sud - 16/11/2023 06:30:06
- Storie di un attimo: a Olbia è iniziato il festival della fotografia - 13/11/2023 07:36:20
- A Porto Cervo un convegno sull'antica tradizione del lievito madre in - 10/11/2023 05:42:38
- ASM Onlus: a Roma torna il Concerto per Margherita - 04/11/2023 08:16:48
- Indaco in prosa e in versi, il nuovo libro di Marella Giovannelli - 04/11/2023 04:53:52
- A Villaurbana (OR) torna la Sagra del Pane - 27/10/2023 08:16:49
- Paolo Giulierini: al Mann continua il racconto dell'epopea di Alessand - 20/10/2023 09:18:24
- San Martino delle Scale: gioiello benedettino alle porte di Palermo - 09/10/2023 06:18:32
- Valle dei Templi: a Casa Barbadoro la prima festa dei grani - 05/10/2023 12:50:23
- Alla scoperta del Parco storico archeologico di Sant'Antioco (II parte - 08/09/2023 04:44:33
- Grande successo al Mann per la mostra Alessandro Magno e l'Orien - 04/09/2023 04:08:58
- Alla scoperta del Parco storico archeologico di Sant'Antioco - (I part - 01/09/2023 16:11:06
- Gianfranco Serra: una vita per la salvaguardia delle antiche tradizion - 30/08/2023 07:47:25
- Helysol Sardinia: l'elicriso, l'oro di Sardegna - 07/08/2023 07:56:18
- Su Coccoi de su Santu, il pane votivo in onore di Sant'Antioco Martire - 01/08/2023 07:56:30
- Alla scoperta dei tesori archeologici di Arzachena (SS) - 29/07/2023 08:39:34
- Arzachena: intervista al Sindaco Roberto Ragnedda - 21/07/2023 06:10:07
- Arzachena: arte, cultura e tradizioni protagoniste dell'estate 2023 - 17/07/2023 17:36:02
- Ritratti di famiglia: a Caprera una mostra in ricordo di Francesca e M - 17/07/2023 08:33:26
- Tellus: la sacralità della terra nell’antica Roma - 07/07/2023 05:27:01
- Ziteddi: a La Maddalena le generazioni si incontrano - 14/06/2023 08:57:11
- Le parole della nostra storia e il patrimonio culturale della grecità - 05/06/2023 19:20:40
- Vito Zarzana: la preistoria nella Valle del Belice - 15/05/2023 21:36:39
- Anna Maria Sechi: l'emigrazione sarda nelle miniere belghe - 08/05/2023 21:21:39
- Beatrice di Borbone: l'impegno e l'amore per il Mezzogiorno - 26/04/2023 06:44:40
- La trama di Elena: l'autobiografia della donna più bella del mondo - 17/04/2023 09:45:14
- Lorenzo Braccesi: potere e follia degli eredi di Augusto - 05/04/2023 08:42:27
- La Sardegna di Thomas Ashby in mostra a Sassari - 27/03/2023 05:47:12
- Diodoros: la Valle dei Templi tutela la sua biodiversità - 20/03/2023 07:11:10
- Il Vailati di Genzano ai Colloqui Fiorentini - 13/03/2023 08:14:24
- Giovanni Di Stefano: le città dei Greci di Sicilia - 06/03/2023 05:46:35
- Caria di Drapia (VV): Cosimo Rombolà e la passione per la preistoria - 01/03/2023 09:56:59
- Marina Pala: Arzachena, la straordinaria bellezza della natura - 23/02/2023 07:00:36
- Voilà Cesarina: i mille volti di una donna di successo - 11/02/2023 11:45:58
- Lorenzo Braccesi: Artemisia, eroica capitana di mare - 28/01/2023 12:48:07
- Transumanze: la migrazione in Toscana dei pastori sardi - 14/01/2023 21:24:51
- Stefania Germenia: nelle sue opere la bellezza dell'universo femmin - 04/01/2023 04:40:23
- La Sicilia degli Dei: il fascino senza tempo della Sicilia del mito - 22/12/2022 08:40:49
- Quel che resta del tempo: immagini di un'isola scomparsa - 17/12/2022 06:40:37
- Tradizioni e benefici della panificazione con lievito madre in Sardegn - 15/12/2022 10:35:36
- Il Supramonte di Gianluca Chiai in mostra a Nuoro - 30/11/2022 15:28:34
- Jean-Yves Frétigné: storia della Sicilia da Odisseo ai giorni nostri - 26/11/2022 14:17:32
- Floridia (SR): inaugurata la Biblioteca delle Donne - 20/11/2022 17:47:38
- Alessia Pecchioli: l'Incontro. Storia di un'adozione - 16/11/2022 10:31:46
- Cònti e Canzòni, l'omaggio di Iana De Muro alla memoria del non - 09/11/2022 06:03:27
- Piazza Armerina (EN): due giorni dedicati ai libri e alla letteratura - 05/11/2022 07:21:42
- Azienda Agricola Sparacino, sapori autentici del Val di Noto - 28/10/2022 05:15:42
- Cieli neri: con Irene Borgna alla scoperta dei cieli stellati d'Europa - 23/10/2022 05:02:28
- Apicoltura Pala, il sapore autentico del miele di Gallura - 17/10/2022 21:33:40
- LAeQUA, il laboratorio equo e solidale nel cuore di Modica - 11/10/2022 05:30:41
- Don Francesco Cossu: una vita dedicata ad Arzachena - 04/10/2022 06:06:37
- Apicoltura Milluzzo, l'eccellenza del Miele Ibleo - 28/09/2022 05:59:25
- Barbara Calanca: fari e forti di La Maddalena - 24/09/2022 06:18:31
- Sesamo d'Ispica, un'eccellenza siciliana firmata Gambuzza - 19/09/2022 17:25:47
- Fabio Presutti: una vita tra le isole dell'Arcipelago di La Maddalena - 13/09/2022 07:40:22
- Paola Marzotto: Ode alla Natura - 08/09/2022 05:27:01
- Alla scoperta della storia di La Maddalena - 05/09/2022 07:58:51
- Daniela Santonocito: Il Dialogo tra Epitteto e l'imperatore Adriano - 28/08/2022 18:31:20
- Alla scoperta dei luoghi energetici della Sardegna con Arianna Mendo - 23/08/2022 09:45:59
- Caprera: Compendio Garibaldino e vita privata di Giuseppe Garibaldi - 03/08/2022 17:45:34
- M'ammentu lu stazzu: la cultura degli stazzi nella mostra di Giuseppe - 26/07/2022 06:09:25
- Mieli Manias, la tradizione apistica più antica della Sardegna - 19/07/2022 06:47:54
- Sardo Sole, la Filiera del Grano Duro coltivato e trasformato in Sard - 12/07/2022 16:40:02
- Marella Giovannelli, Oltremare fra incontri e poesie - 03/07/2022 13:40:42
- Claudio Panaia: Caulonia, storia di una polis - 20/06/2022 06:49:06
- Silvana Cirillo: Tutto Pasolini, dalla A alla Z - 07/06/2022 10:39:03
- Francesca Saitta: Abitata dalla Fantasia - 01/06/2022 07:31:50
- Quartetto Cetra: la storia di un gruppo immortale - 24/05/2022 10:27:26
- Guido Guerrera: Franco Battiato, un mito senza tempo - 17/05/2022 09:10:25
- M’ammèntu lu stazzu: ad Arzachena una mostra fotografica sugli stazzi - 13/05/2022 07:51:08
- Adriano Teso: L’ABC per vivere bene - 09/05/2022 22:38:06
- Enzo Di Pasquale, Viaggio allo Zingaro - 02/05/2022 20:24:40
- Eric Salerno: Gerusalemme, la città culla delle grandi religioni - 24/04/2022 09:08:33
- Giovanni Zidda: Sas meres de su prantu, il rituale funerario di Orune - 13/04/2022 19:13:49
- Serri (SU): le radici agropastorali di un borgo del Sarcidano - 07/04/2022 18:01:42
- Adzovios a Luvula: a Milano una mostra su Lula - 25/03/2022 16:41:18
- Giuseppe Castellana, la Sicilia del Tardo Bronzo - 16/03/2022 10:06:27
- Dolores Turchi: Su Carrasecare, fascino e mistero di un rito ancestral - 01/03/2022 09:07:41
- Marco Peresani: Come eravamo, viaggio nell'Italia paleolitica - 24/02/2022 08:13:42
- Dora Marchese: l’Egitto nell’immaginario letterario italiano - 16/02/2022 16:56:33
- Michele Fresi: l'ultima Gallura, la storia degli stazzi narrata da un - 05/02/2022 09:51:36
- Nativi Americani, oggi: intervista a Raffaella Milandri - 03/01/2022 09:44:37
- Pasquale Pirodda, Balaiana vissuta nello stazzo - 28/12/2021 17:07:23
- Panificio Ciloche: l'arte del pane paulese - 19/12/2021 06:55:27
- Iride Peis: racconto, perché qualcosa di me resti - 08/12/2021 08:35:48
- Nabui, un'eccellenza del miele di Sardegna - 03/12/2021 08:21:25
- Petrarca, dal Secretum al regresso emotivo - 23/11/2021 08:13:54
- LabENur, il Nuragico da toccare con mano - 18/11/2021 16:25:18
- L’erba dell’oblio non cresce ad Arzachena - 04/11/2021 08:16:19
- Archeotour, da oltre trent'anni con il patrimonio culturale di Paulila - 21/10/2021 07:34:05
- Santa Cristina, simbolo millenario del culto delle acque - 13/10/2021 08:30:07
- Le vie de sos Pinnettos, alla scoperta della cultura pastorale sarda - 06/10/2021 09:22:20
- Giulio Gelardi: la manna, l'oro bianco delle Madonie - 30/09/2021 09:55:32
- Bergi, paradiso della biodiversità nel cuore delle Madonie - 22/09/2021 08:11:23
- Fondazione P.G. 5 Cuori, da Polizzi un omaggio alla Bellezza - 17/09/2021 07:46:06
- Francesca Fontanella: l'impero e la storia di Roma in Dante - 13/09/2021 08:42:45
- Tra cento miliardi di stelle: Montalbano Elicona ricorda Battiato - 09/09/2021 08:08:55
- Happy Glamping Madonie, il campeggio di lusso a 850 metri di quota - 06/09/2021 06:22:38
- La rinascita di Verbumcaudo, feudo di Polizzi sottratto alla mafia - 03/09/2021 05:57:50
- Il canto e il veleno: bucolici greci minori - 30/08/2021 07:22:33
- Angelo Merlino: le Madonie tra cultura, natura, geologia - 25/08/2021 06:18:50
- Baglio Bonsignore, vini di qualità nel territorio della Valle dei Temp - 11/08/2021 06:55:30
- Il Giardino della Kolymbetra, un gioiello nel cuore della Valle dei - 05/08/2021 06:33:00
- Archeologia, cinema, musica, teatro: l'estate della Valle dei Templi - 27/07/2021 06:44:21
- Val Paradiso: nel cuore della Sicilia, il miglior Olio IGP d'Italia - 20/07/2021 07:34:18
- Molino Ferrara: semole, farine e pasta di grani antichi siciliani - 14/07/2021 22:31:11
- La Donna e il Sacro: divinità femminili arcaiche nell'Abruzzo antico - 22/06/2021 09:03:47
- L’isola più bella: la Sicilia nella 'Biblioteca storica' di Diodoro Si - 09/06/2021 09:04:43
- Heinrich Schliemann a Napoli - 03/06/2021 07:09:16
- Rita Pirisi: l'agnello nella tradizione culinaria sarda - 27/05/2021 08:13:25
- Zungri: archeologia di un villaggio rupestre calabrese di epoca mediev - 26/04/2021 09:18:50
- Corleone, storia archeologica a fumetti - 19/04/2021 14:33:41
- Pupi Avati: il mio Dante, poeta forgiato dal dolore - 13/04/2021 10:18:09
- Massimiliano Finazzer Flory: Dante, per nostra fortuna - 26/03/2021 10:05:28
- Divina Sardegna, con il FAI alla scoperta dei luoghi legati alla Comme - 16/03/2021 09:55:54
- 8 Marzo: combattere le differenze per la parità di genere - 08/03/2021 07:24:27
- Ivano Dionigi: Segui il tuo demone - 05/03/2021 09:33:38
- La Musa Inquieta, il corto dedicato a Marta Marzotto - 23/02/2021 14:58:40
- Gabriele Gallo: ritratti alpini, racconti di un anno in montagna - 12/02/2021 16:50:51
- Giulio Guidorizzi: il mito immortale di Edipo ed Enea - 04/02/2021 08:00:35
- Laura Efrikian: tra Armenia e Africa, una vita all'insegna dell'amore - 29/01/2021 11:10:15
- Filomena Giannotti: Caproni, Il mio Enea - 20/01/2021 07:36:54
- Mamma Margherita: la mia Nadia, la forza dell'amore - 04/01/2021 17:57:43
- Anny Romand, mia nonna d'Armenia - 22/12/2020 07:09:20
- Giorgio Ieranò: I Greci e noi - 21/12/2020 07:17:10
- Pietro Pisciottu: L'Agnata, storia e memoria di uno stazzo gallurese - 14/12/2020 10:36:18
- Sopravvivere alla morte: la vita nelle iscrizioni funerarie latine - 07/12/2020 21:46:29
- Olivo: l'albero della civiltà - 05/12/2020 07:38:58
- Marida Lombardo Pijola: l'imperfezione delle madri - 25/11/2020 14:08:22
- Pietro Greco: Trotula, la prima donna medico d'Europa - 10/11/2020 08:28:11
- Gian Enrico Manzoni: la peste di Atene ai tempi del Covid - 29/10/2020 08:13:41
- Fiorenzo Caterini: ricostruzione della memoria in Sardegna - 23/10/2020 09:01:57
- Paolo Carboni: Tutt'a pedi - Alla scoperta del territorio di Aggius (S - 12/10/2020 10:44:57
- Agostino Asara, l'ultimo Patriarca degli stazzi galluresi - 06/10/2020 07:41:33
- Aggius (SS): storia, tradizioni, banditismo nel cuore della Gallura - 02/10/2020 06:54:06
- Tenuta Coda di Lupo, eccellenze sarde per un'agricoltura sostenibile - 22/09/2020 19:35:55
- Luigi Lehnus: Wilamowitz e il monte delle Muse - 15/09/2020 17:25:33
- Paola Mancini: viaggio nella storia di Loiri Porto San Paolo (SS) - 10/09/2020 18:14:11
- Alla scoperta dell'Area Marina Protetta di Tavolara (SS) con Augusto - 01/09/2020 21:32:17
- Giuseppe Festa: Ursula e Lupinella, orsi e lupi sulle montagne italian - 28/08/2020 07:59:34
- Pa punyat: con Antonio Masia alla scoperta delle eccellenze algheresi - 24/08/2020 08:51:11
- Sa Mandra, anima barbaricina nel cuore della Nurra - 19/08/2020 07:30:34
- Giuliano Dal Mas, una vita tra le Dolomiti - 13/08/2020 17:36:13
- Valle d'Aosta, presentata la XXIII edizione del Gran Paradiso Film Fe - 27/07/2020 19:42:54
- Irene Borgna: Louis Oreiller, il pastore di stambecchi - 20/07/2020 07:47:15
- Genzano, a Casa Mamre QUESTO MARE E’ PIENO DI VOCI - 16/07/2020 09:22:00
- Corrado Ruggeri, una vita in viaggio - 13/07/2020 07:30:17
- Lungo i sentieri del Cammino Ibleo con Nanni Di Falco - 06/07/2020 16:49:35
- Alla scoperta del nuraghe Majori di Tempio Pausania - 30/06/2020 07:39:09
- Lorenzo Braccesi: Olimpiade e Zenobia, quando il potere è donna - 24/06/2020 05:26:37
- Ove abitai fanciullo: a Recanati aprono le stanze private di Giacomo L - 15/06/2020 14:18:28
- I reperti assiri di Faida al premio mondiale in memoria di Khaled al-A - 08/06/2020 07:43:10
- Mauro Bonazzi: i Greci e il mistero dell'esistenza - 01/06/2020 07:22:54
- PandemicA, racconto corale per immagini - 21/05/2020 07:52:03
- Antonietta Langiu, la mia Isola - 08/05/2020 09:22:34
- Susanna Garavaglia: il risveglio della coscienza interiore - 29/04/2020 05:09:43
- Rosanna Raffaelli Ghedina: folclore, leggende e simboli delle Dolomiti - 16/04/2020 23:10:44
- Giorgio Murru: Spiriti e Dèi nella statuaria preistorica della Sardegn - 09/04/2020 13:50:32
- Una Maschera, un Volto, un Paese: il Carnevale in Sardegna - 07/03/2020 07:34:21
- Pe’ terre assaje luntane: al MANN l’emigrazione ischitana in America - 01/03/2020 19:33:00
- Thalassa: a Napoli le meraviglie sommerse dal Mediterraneo - 27/02/2020 23:09:38
- Nel segreto mare delle stelle di Marella Giovannelli - 25/02/2020 18:10:02
- Marcello Cabriolu, la Sardegna e il Mediterraneo Occidentale - 17/02/2020 21:27:55
- Erika Maderna, sulle tracce della medicina delle streghe e delle sant - 27/01/2020 06:48:31
- Federico Fellini: ironico, beffardo e centenario - 14/01/2020 07:56:24
- Pompei e Santorini, l'eternità in un giorno - 04/01/2020 08:29:04
- Andrea Icardi, un anno in Alta Valle Maira - 30/12/2019 14:15:42
- Archeologi italiani riportano alla luce i reperti assiri di Faida - 15/12/2019 09:45:07
- Augusto Mulas: l'orientamento astronomico dei nuraghi - 09/12/2019 19:01:03
- Margherita Massari: Ildegarda di Bingen, Sibilla e Dottore della Chies - 06/12/2019 09:18:37
- Il mito immortale di Cartagine in mostra a Roma - 04/12/2019 00:02:27
- Aquileia 2200. Porta di Roma verso i Balcani e l’Oriente - 29/11/2019 05:28:33
- Michele Porcaro: ASSTEAS - Storia del Vaso più bello del mondo - 19/11/2019 00:26:44
- Silvia Romani: credenze, miti e dei degli antichi - 11/11/2019 13:10:02
- All'Alba Radians di Albano (RM) il Filottete di Sofocle - 06/11/2019 16:36:58
- Mulino della Riviera di Dronero (CN), una storia firmata Cavanna - 29/10/2019 18:50:24
- Galluras, il Museo della Femina Agabbadòra - 22/10/2019 07:00:03
- Ugo Mancini: Sotto la cenere, storie di vita quotidiana durante il ven - 10/10/2019 20:51:11
- Alessandra Derriu: streghe, indovine e curatrici nella Sardegna del '7 - 04/10/2019 07:06:18
- Giuseppe Vito Internicola: Castellammare del Golfo, alle origini di un - 29/09/2019 18:15:59
- Città della Pieve (PG) si prepara ad accogliere Il Nostro Tempo - 25/09/2019 15:20:51
- Uno spazio per le Donne: alla scoperta del mondo femminile sardo e non - 23/09/2019 08:37:50
- Olmedo (SS), storia, tradizioni, folklore - 21/09/2019 09:21:49
- Silvia Giorcelli Bersani: I Romani e le Alpi - 16/09/2019 14:05:54
- Rossella Giglio: Segesta, tra teatro, musica, natura - 08/08/2019 15:56:16
- Enrico Caruso: la rinascita di Selinunte - 01/08/2019 14:29:05
- Lucina Gandolfo: alla scoperta di Monte Iato - 31/07/2019 07:33:07
- Sulle spiagge pontine tornano i Racconti di Sabaudia - 30/07/2019 08:47:45
- Tagliacozzo (AQ): XXXV Festival Internazionale di Mezza Estate - 22/07/2019 14:36:02
- Civiltà del sole: l'archeoastronomia nella Sicilia preistorica - 19/07/2019 07:30:13
- Cristina Muntoni, il potere delle parole nella storia della sacralità - 15/07/2019 18:12:54
- Francesco Bianco, un cammino tra verità nascoste - 13/07/2019 06:58:14
- Filippo Drago, mugnaio siciliano fra tradizione e modernità - 09/07/2019 07:28:20
- Con la KERNOS alla scoperta di Castellammare del Golfo - 02/07/2019 18:17:21
- Per una rinascita di Castelvetrano, città d'arte, storia, cultura - 27/06/2019 18:13:44
- Marinella Fiume: sapienza, virtù e misteri dell'universo simbolico fem - 11/06/2019 19:04:31
- Stefano Pucci: le incisioni rupestri delle Alpi Apuane - 07/06/2019 09:24:59
- Albano (RM), al via la Rassegna del Teatro Antico - 26/05/2019 18:33:37
- Max Dashu: Streghe e pagane, le donne nella cultura popolare europea - 14/05/2019 07:18:46
- Diego Maggio: profumi, aromi e sapori siculo-panteschi - 09/05/2019 08:15:34
- Regius, omaggio allo stupor mundi Federico II di Svevia - 03/05/2019 07:38:01
- Sentiero della Libertà, per tenere viva la Memoria - 01/05/2019 20:05:09
- Caccamo (PA), borgo di storia, arte, cultura - 28/04/2019 06:50:10
- C'era una volta Iato: omaggio dei ragazzi all'antica Iato - 23/04/2019 22:40:32
- U Pani ri Murriali: il pane genuino di una volta - 16/04/2019 17:20:40
- Recanati (MC): L'Infinito di Leopardi compie 200 anni - 13/04/2019 16:51:43
- A Camo (CN) torna PrimaVeraRegia - 11/04/2019 17:17:36
- Ivano Dionigi: Lucrezio, Seneca e noi - 04/04/2019 23:33:23
- Luca Mancini: Il caso dell'Ungheria di Horthy - 09/04/2019 19:14:05
- Il Foscolo di Albano (RM) trionfa al Festival Thauma - 30/03/2019 20:22:23
- Sotto il segno dei pesci: Camaiani celebra la Grecia - 28/03/2019 17:13:29
- Guido Cossard, viaggio nel mondo dell'Archeoastronomia - 25/03/2019 10:47:16
- Rosanna Oliva de Conciliis, una vita per la Parità - 17/03/2019 08:14:51
- Donna o Dea: le raffigurazioni femminili in Sardegna tra passato e pre - 02/03/2019 20:50:25
- Giorgio Ieranò: l'arcano fascino delle isole dell'Egeo - 25/02/2019 09:19:48
- Dea e Femminismo alla Roma Goddess Conference - 21/02/2019 09:10:27
- Elena Ianni: le feste e i falò del Messico - 17/02/2019 19:18:44
- Roma: l'olio d'oliva al Premio Filo della Torre - 15/02/2019 17:02:24
- I giovani attori del Foscolo alla Giornata del Greco - 06/02/2019 17:24:33
- La Penisola del Sinis (OR) tra storia, archeologia e natura - 29/01/2019 17:38:31
- King Camp Gillette: Il Turbine Umano - 19/01/2019 11:59:30
- Barumini (VS), archeologia, storia, cultura nel cuore della Sardegna - 14/01/2019 10:46:56
- Morena Luciani Russo: la ricerca della Dea e lo sciamanesimo - 09/01/2019 06:28:02
- Maurizio Bettini: Il Presepio, storia di un simbolo - 21/12/2018 08:22:38
- Venezia: Idoli, il potere dell'immagine - 12/12/2018 18:57:46
- Simona Modeo, Dioniso in Sicilia - 06/12/2018 17:48:35
- Violette Sauvage a Palazzo Colonna (RM) - 03/12/2018 07:01:13
- Pomezia (RM): Premio Donna d'Autore 2018 - 30/11/2018 06:37:50
- Massimo Blasi, l'incredibile storia degli imperatori romani - 28/11/2018 10:26:59
- Fabio Isman: 1938, l'Italia razzista - 25/11/2018 07:30:10
- Sacrum, lo Stabat Mater di Rossini all'Aracoeli di Roma - 22/11/2018 16:42:46
- Oriana Dal Bosco: il misterioso fascino del Nord Africa - 20/11/2018 17:17:03
- Natale inCHIOSTRO a Monastero di Dronero (CN) - 17/11/2018 07:53:51
- All'Alba Radians di Albano (RM): l'Ecuba di Euripide - 15/11/2018 16:59:16
- Autunno d'Autore a Ruralia, Conosci tu il paese dove... - 13/11/2018 18:40:36
- Marella Giovannelli, una vita tra giornalismo, fotografia e poesia - 09/11/2018 10:04:37
- Daniela Dao Ormena: Le radici chiamano, dolci melodie della Valle Mair - 30/10/2018 13:32:22
- Gli antichi pani di Sardegna protagonisti a Buddusò - 17/10/2018 14:23:34
- Torna a Lanuvio (RM) l'antico rituale della Maza - 04/10/2018 20:39:44
- Nonna Tommy, raccontaci ancora... - 02/10/2018 07:16:37
- A Buddusò (SS) torna Artes in Carrera - 30/09/2018 06:56:22
- Al Museo Africano di Verona la danza degli spiriti - 27/09/2018 00:12:36
- A. Cossard: Archeoastronomy, la prima app di archeoastronomia - 24/09/2018 09:21:18
- Firenze, Viaggio nell'altro e nell'altrove in ricordo di Paolo Grazios - 19/09/2018 08:31:44
- Lanuvio (RM): Buon compleanno, Antonino Pio! - 10/09/2018 06:04:22
- Raffaella De Sanctis, tra scuola e ricerca - 04/09/2018 17:45:49
- Màn. Vietnam Street Heroines in mostra al MAO (TO) - 26/08/2018 10:25:13
- Alessandra Comneno, una vita a contatto con la saggezza dei Nativi - 12/08/2018 19:38:51
- MAO (TO), ORIENTI. 7000 anni di arte asiatica dal Museo delle Civiltà - 07/08/2018 06:17:08
- Senorbì (CA), al MADN La Dea di Turriga, il mistero di un’icona senza - 01/08/2018 07:38:49
- Silvia Tenderini, una vita tra viaggi, ricerche e scrittura - 24/07/2018 19:40:34
- A Villa Giulia (Roma) la Scuola di Archeoastronomia 2018 - 19/07/2018 06:39:50
- Gabriella Mosso, I miei, i tuoi, i nostri - 17/07/2018 05:54:30
- Tagliacozzo (AQ), Festival Internazionale di Mezza Estate - 12/07/2018 06:39:05
- Franco Campus, Nuragici - un Territorio, un'Isola, il Mediterraneo - 09/07/2018 22:21:30
- Carmagnola (TO): Donne e Madonne nell’Arte dal XV secolo ad oggi - 04/07/2018 21:53:04
- Per una rinascita socio-culturale dei borghi della Valle dell'Amaseno - 25/06/2018 07:25:04
- Capalbio (GR), vacanza-laboratorio di Spiritualità Femminile con Devan - 22/06/2018 20:30:12
- Nicola Castangia, Ercole Contu e la scoperta della Tomba dei Vasi Tetr - 18/06/2018 06:44:49
- Castelfidardo (AN): gli studenti del Meucci per la valorizzazione del - 10/06/2018 17:30:57
- Papa Wojtyla in Comelico e in Cadore: il ricordo e l'emozione 30 anni - 27/05/2018 16:40:51
- Scrittori alla scoperta del mondo, una mostra sulla letteratura di via - 22/05/2018 06:00:18
- In viaggio tra le pagine di Elena Dak - 18/05/2018 09:31:20
- Convegno Internazionale contro Terrorismo, radicalizzazione e violenza - 08/05/2018 06:02:05
- Olimpia Biasi, la Viriditas di Ildegarda in mostra all'Hortu - 25/04/2018 15:09:19
- Con Marco Grippa alla scoperta del fascino segreto di Tagikistan e Kir - 18/04/2018 18:40:04
- Da Maenza a Fossanova sulle orme di San Tommaso d'Aquino - 13/04/2018 13:59:02
- Pierluigi Montalbano: l'alba della civiltà sarda - 10/04/2018 14:08:20
- Donne, Madri, Dee: la rappresentazione del femminile in mostra a Udine - 07/04/2018 07:14:26
- In mostra a Milano gli scavi di Achille Vogliano nel Fayum - 28/03/2018 18:52:37
- Sulle tracce della Dea: Viaggio nel Grembo della Storia - 17/03/2018 16:44:27
- Nadia Tarantini: Quando nascesti tu, stella lucente - 05/03/2018 21:14:35
- L'epopea dei Longobardi in mostra al MANN - 26/02/2018 10:45:11
- Verso il contratto di fiume dell'Amaseno - 22/02/2018 11:55:38
- Inside, la nuova collezione di Vittorio Camaiani - 11/02/2018 22:27:58
- Alla scoperta del matriarcato di Bali con Bruna Rotunno - 04/02/2018 13:48:05
- Giornata della Memoria, per non dimenticare - 25/01/2018 18:06:41
- Viaggio nei segreti della bellezza del corpo femminile - 21/01/2018 21:30:48
- Ildegarda di Bingen, maestra di sapienza nel suo tempo e oggi - 10/01/2018 22:22:54
- Selene Calloni: l'arte della ribellione zen per vincere la paura - 05/01/2018 22:57:08
- MANN: grande successo per la mostra sull'America precolombiana - 28/12/2017 14:29:51
- 2018 per Katike: i calendari di ...non lasciamoli soli - 19/12/2017 22:15:21
- Maenza: La rete dei cammini della Valle dell’Amaseno - 12/12/2017 22:31:25
- Al Convivium di Fiuggi i Pensieri sparsi di Daniela Gariglio - 07/12/2017 08:47:07
- Napoli: Il Natale dei 100 Alberi d’Autore - 03/12/2017 09:41:27
- Le donne dei Longobardi: urban-trekking con Michela Zucca - 28/11/2017 13:46:59
- San Martino di Stroppo: piccolo gioiello delle Valli Cuneesi - 24/11/2017 06:54:30
- Signa del Alma: per dire No alla violenza sulle donne - 19/11/2017 08:32:53
- Il nuovo romanzo di Maristella Lippolis: Raccontami tu - 07/11/2017 16:56:46
- Mama Africa: la maternità nell'arte africana - 03/11/2017 11:20:04
- Violette Sauvage: il vintage chic a Palazzo Colonna - 28/10/2017 11:28:12
- Il patrimonio archeologico del Lazio alla BMTA di Paestum - 26/10/2017 15:31:12
- Templari. Dal ducato di Puglia e Calabria, all’Italia del III Millenni - 22/10/2017 17:10:52
- Archeologia ferita: Volti di Palmira ad Aquileia - 11/10/2017 08:02:26
- Giancarlo Sani: alla scoperta delle incisioni rupestri toscane - 03/10/2017 13:36:14
- ... non lasciamoli soli: il progetto per il Nepal di Ilario Sedrani - 26/09/2017 08:24:26
- Giuliana Borghesani: La Maledizione della Liberta - 22/09/2017 14:28:02
- L'uomo, il Cancro del Pianeta - 04/09/2017 20:15:53
- Le caverne delle donne: la grotta di San Colombano - 25/08/2017 17:49:53
- Le figlie sono come le Madri: Donne lungo la Via della Seta - 30/08/2017 12:56:24
- Nemi: tornano i Nemoralia in onore della Dea Diana - 08/08/2017 17:21:44
- Donne e medicina: quale futuro per la medicina di genere? - 05/08/2017 08:48:58
- Arkeotrekking in Trentino: Sui sentieri delle Madri Antiche II - 31/07/2017 08:27:43
- Piero Verni: Tulku, viaggio nel cuore mistico della civiltà tibetana - 25/07/2017 07:11:56
- Ugo Mancini: ragioni e vicende degli antifascisti a Roma e nei Castell - 07/07/2017 18:23:52
- Festival di Tagliacozzo: conferenza stampa di presentazione a Palazzo - 05/07/2017 06:55:48
- Cuneo: Il lato nascosto delle Alpi - 04/07/2017 06:11:40
- Come con gli occhi dei bambini di Terezin - 28/06/2017 21:43:19
- Baby Giulia, storia di un'adolescenza rubata - 18/06/2017 13:18:11
- Francesca D'Amico: le donne nella tradizione contadina abruzzese - 11/06/2017 16:01:53
- Tutela e valorizzazione del patrimonio rurale nel Lazio - 07/06/2017 18:43:20
- Fiume che cammina. Transumanza dall’Adriatico al Lagorai - 03/06/2017 08:02:51
- Roma: VI raduno dei Linfoamici - 01/06/2017 14:32:42
- Atlantide, dal mito alla storia: intervista ad Alessandra Murgia - 20/05/2017 08:13:47
- Ignazio Didu: I Greci e la Sardegna. Il mito e la storia - 12/05/2017 09:18:37
- Sacra Nemora: la cultura del sacro in mostra a Lanuvio - 07/05/2017 23:09:38
- Pizzo d’Irlanda, merletto e ricamo protagonisti sul lago Trasimeno - 02/05/2017 07:59:39
- Arkeotrekking in Trexenta: Le Antiche Madri dei Monti e del Mare - 25/04/2017 19:47:13
- Le donne e il sapere medico-erboristico: un binomio da riscoprire - 07/04/2017 21:29:15
- Linfoamici a Venezia - 30/03/2017 18:13:31
- Com'è giusto che sia: il nuovo thriller di Marina Di Guardo - 29/03/2017 10:34:04
- Herbarie: le chiamavano Streghe - 24/03/2017 21:01:03
- Devana: il risveglio della spiritualità nativa dell'Antica Europa - 17/03/2017 18:33:42
- Andrea Loddo: l'archeologia sperimentale per comprendere le ancestrali - 11/02/2017 20:01:00
- Alla scoperta dell'origine genetica dei Sardi con il prof. Francala - 03/02/2017 08:01:01
- Diego Manzi: viaggio nel cuore della tradizione indiana - 28/01/2017 10:24:25
- Barbara Bonomi Romagnoli: storie di insette felici - 25/01/2017 23:15:02
- Alberto Pattini: Poesia del Trentino. La melodia della Grande Madre - 19/01/2017 21:24:29
- Rinascere dalle distruzioni. Ebla, Nimrud, Palmira - 12/01/2017 21:25:10
- Nori Corbucci: Marta Marzotto, una vita da ricordare - 05/01/2017 00:02:59
- La Sardegna antica nel cuore del Mediterraneo - 30/12/2016 01:04:16
- Sardegna nuragica e falso mistero della lingua etrusca con il linguist - 03/01/2017 07:32:46
- La Stirpe del Sole: una Medea inedita nell'ultimo romanzo di Giuliana - 23/12/2016 14:12:50
- Al Castello di Scilla i Popoli del Mare di Oreste Kessel Pace - 16/12/2016 12:53:26
- SACRUM: concerto dedicato a Papa Francesco all'Aracoeli - 08/12/2016 10:18:48
- Paola Biato: Viaggio nel mondo della Psicofiaba - 04/12/2016 19:28:59
- Il viaggio. Alchimie e Passioni: a Venezia la personale di Irene Manen - 29/11/2016 08:13:34
- Il Natale dei 100 alberi d’autore - 28/11/2016 20:22:54
- Carlo Buldrini: Pellegrinaggio buddhista - 16/11/2016 08:32:43
- A Spazio Mater l'arte digitale di Michele Grimaldi - 13/11/2016 19:50:50
- Gigantes de Perdas: alla scoperta dei nuraghi sardi - 04/11/2016 07:54:20
- Ivo Nardi: Riflessioni sul senso della vita - 24/10/2016 08:27:11
- Fabrizio Manzetti: Nascosti davanti a tutti - 18/10/2016 00:13:25
- Bambine e bambini: divino gioco di pace nel mondo - 28/10/2016 08:24:38
- La Danza degli Archetipi: alle radici del linguaggio simbolico - 13/10/2016 22:41:28
- Alla scoperta dei Fiori di Bach con Gerardo Chirò - 09/10/2016 08:44:23
- Sardegna: curiosità, aneddoti e misteri sardi con Gianmichele Lisai - 04/10/2016 06:59:28
- Roma per Amatrice: Concerto di Beneficenza - 25/09/2016 15:45:16
- Sulle tracce dell' archeologia dell'evanescente con Paola Di Si - 22/09/2016 15:21:18
- Sebastiano Brocchi: alchimia, esoterismo, simbologia sacra e mistero - 18/09/2016 08:55:07
- Milano: appuntamento per il World Lymphoma Awareness Day - 13/09/2016 07:41:13
- Sulla via degli sciamani del Sudamerica con Stefano Lioni - 29/08/2016 08:00:22
- Sulle orme dei Moso con l'antropologa Francesca Rosati Freeman - 16/08/2016 07:13:59
- Sui sentieri dei luoghi di culto della Grande Dea con Luisella Veroli - 11/08/2016 08:48:06
- Un Altro Mondo per i Diritti della Pachamama - 27/07/2016 07:32:44
- Alessandra Di Gesù: viaggio nelle Tradizioni Misteriche del Mediterran - 05/07/2016 08:00:50
- Abbracci gratis contro il linfoma: a Roma il V raduno dei Linfoami - 31/05/2016 23:23:59
- Out of Tibet: il foto-racconto della diaspora tibetana sbarca a Roma - 23/05/2016 00:04:09
- Il Canto delle Sirene in mostra a Bologna - 22/05/2016 10:02:01
- La cultura dei Moso arriva al Ramadù di Cisterna - 16/04/2016 21:08:59
- Donne e scienza: un binomio per troppo tempo ignorato - 24/03/2016 07:51:18
- Suffragette 2.0: approda al Peano di Roma - 14/03/2016 22:06:13
- Palazzo Visconti: Alta Moda della Sartoria Angela - 09/03/2016 08:47:43
- Il respiro profondo di una Nuova Era - 04/03/2016 14:17:21
- Festa grande per i 35 anni di attività di Erno Rossi - 01/03/2016 14:29:34
- I Sentieri della Terra: come restituire vita e dignità alla Mad - 20/02/2016 09:06:03
- Le remote origini del tatuaggio con l'antropologa Michela Zucca - 23/01/2016 09:46:08
- Mantra Madre e Il profumo della luna: libri per il risveglio dell'anim - 24/12/2015 10:37:15
- Roma: il Rito del Grembo - 12/12/2015 00:42:29
- Alla scoperta delle vere origini di Halloween con Monica - 31/10/2015 20:24:53
I COMMENTI RELATIVI ALL'ARTICOLO
Invia un commento alla Redazione
Email
Nome e Cognome
Messaggio
Gentile lettore, prima di inviare il Suo messaggio:

compilare il codice di sicurezza sottostante copiando l'immagine raffigurata;

CAPTCHA 
cambia codice

inserisci codice



Per pubblicare, in fondo all'articolo, il suo commento selezionare il pulsante sottostante.

Pubblicazione
  Si    solo nome
  Si    nome e cognome
  No


Grazie della collaborazione.

© 2014 - ftNews è una testata di libera informazione.